Archives For Microsoft Office 365

Se n’è parlato nei commenti di uno dei tanti articoli dedicati a Office 365 e alle modalità di distribuzione sulle macchine controllate. In  realtà non capisco perché non l’ho suggerito prima, forse perché tutto sommato il file XML che permette di lanciare il download (o il setup) di Office è semplice da costruire. Dato che però non è così per tutti, ecco “Office 365 ProPlus Configuration XML Editor“, un tool grafico che aiuta chi vuole creare un custom XML per distribuire Office 365 ProPlus e non vuole conoscere i riferimenti spiegati in Technet.

Office 365 / 2013 Pro Plus: reset della licenza via Powershell 2

Lo strumento è disponibile all’indirizzo officedev.github.io/Office-IT-Pro-Deployment-Scripts/XmlEditor.html ed è stato realizzato con lo stesso stile che sei abituato a vedere quando apri la tua WebMail di Office 365 oppure di Outlook.com (tanto per fare un esempio). Lo troverai molto semplice da capire e utilizzare, tutto dipenderà dalle opzioni selezionate e dagli URL specificati, i quali genereranno righe di XML che comporranno poi il tuo file finale per il download e l’installazione:

Office 365: Configuration XML Editor (grafico)

Salva ogni passaggio intermedio, così da continuare a generare l’anteprima del file XML (nel box di destra), non soffermarti su righe che trovi “di troppo“, potrai (dovrai) metterle a posto più tardi. Giusto per fare un esempio e capirci, ho voluto creare un file XML per installare un Office 2016 a 64 bit, in italiano, ramo corrente (e relativi aggiornamenti), che accettasse in autonomia la EULA e non proponesse alcunché a video, con aggiornamenti diretti da Microsoft e nessuna icona nella taskbar. Ho ottenuto questo:

<Configuration>
 <Add OfficeClientEdition="64" Channel="Current">
 <Product ID="O365ProPlusRetail">
 <Language ID="it-it"/>
 </Product>
 </Add>
 <Updates Enabled="TRUE" Channel="Current"/>
 <Display Level="None" AcceptEULA="TRUE"/>
 <Logging Level="Standard" Path="%Temp%"/>
 <Property Name="AUTOACTIVATE" Value="1"/>
 <Property Name="FORCEAPPSHUTDOWN" Value="TRUE"/>
 <Property Name="SharedComputerLicensing" Value="0"/>
 <Property Name="PinIconsToTaskbar" Value="FALSE"/>
</Configuration>

All’interno del file XML c’è una riga per me inutile, questa:

 <Property Name="SharedComputerLicensing" Value="0"/>

La quale dovrà essere eliminata manualmente, perché non è possibile dire al tool di non tradurla dalla GUI al file generato (fa parte della stessa tab di configurazione dell’attivazione prodotto e del fermo forzato di eventuali applicazioni Office lasciate aperte). Nulla di che, basta saperlo. Dallo stesso sito web è inoltre possibile scaricare la versione più aggiornata del Deploy Tool di Microsoft (c’è il pulsante Download Office Deployment Tool in alto a destra, nda), ti consiglio sempre di tenerlo d’occhio (per una migliore compatibilità con eventuali opzioni -del file XML- più nuove rispetto al tool che magari hai scaricato un anno fa!).

Mi sembra che ci sia tutto. In caso di dubbi non esitare a lasciare un commento, come al solito :-)

Che sia Domino (di IBM) o Exchange (di Microsoft), per il tuo server di posta sei una identità. A te può corrispondere un indirizzo di posta principale ma anche più alias, se impostati lato server. Per questo motivo può tornare utile intercettare (magari per inserire in diversa cartella, nda) una mail inviata a uno di quegli alias.

Anche se apparentemente impossibile (perché arrivata a destinazione, la mail sarà comunque indirizzata a te, finirà in Posta in arrivo nonostante la tua sudata regola appena creata), la possibilità di intercettare questo tipo di comunicazioni c’è.

Outlook e Shared Mailbox: Auto-Mapping o più file dati? 1

Dovrai semplicemente andare a modificare una regola di Outlook già creata (e magari non funzionante) oppure crearla da zero, se ti serve. Il “trucco” (se così si può chiamare) è basare la ricerca sul testo contenuto “nell’intestazione“, quello che tecnicamente viene meglio definito come header della mail:

Dopo averlo composto e inviato, il messaggio viene elaborato dal server di posta elettronica presso il provider di servizi Internet (ISP). Se il messaggio è destinato a qualcuno che non ha una cassetta postale nel server di posta elettronica del mittente, il server lo inoltra a un altro server. Il messaggio viene inoltrato da server a server. Può passare tra diversi server di posta elettronica finché non raggiunge quello in cui il destinatario ha una cassetta postale.
A partire dalla creazione del messaggio, le relative informazioni vengono aggiunte a una sezione nascosta del messaggio, nota come intestazione Internet. Le informazioni includono dettagli tecnici sul messaggio, ad esempio chi lo ha creato, il software usato per comporlo e i server di posta elettronica in cui è transitato prima di raggiungere il destinatario. Questi dettagli consentono di identificare i problemi relativi al messaggio o di individuare l’origine di messaggi commerciali indesiderati.

fonte: support.office.com/it-it/article/Visualizzare-le-intestazioni-dei-messaggi-di-posta-elettronica-cd039382-dc6e-4264-ac74-c048563d212c

Quindi, per andare al dunque, ti basterà selezionare il percorso RegoleCrea regolaOpzioni avanzatecon parole specifiche nell’intestazione del messaggio, e specificare l’alias come fosse testo:

Outlook: intercettare mail inviate a un proprio alias

Il resto è chiaramente a tua scelta. Potrai decidere di spostare automaticamente la mail in una specifica cartella, di segnarla come già letta o di mettere un particolare alert audio, ecc., è chiaro che dipende dalla specifica esigenza.

Non servirà fare altro. La regola è immediatamente funzionante e potresti anche scegliere di farla agire sul pregresso, per spostare ora tutte le mail precedentemente ricevute al tuo indirizzo secondario.

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Per la serie “sbagliando si impara“, anche se in realtà vale anche quella che dice che l’errore davanti ai propri occhi è anche quello che continua a sfuggire pure alla centesima rilettura, oggi prendo appunti su PowerShell e ordinamento dei risultati richiesti.

Nello specifico volevo ottenere una lista di contatti con un preciso dominio impostato nel PrimarySMTPAddress (WindowsEmailAddress), ho pensato bene quindi di lanciare un comando semplice (il Get-MailContact), filtrare in output solo ciò che mi interessava e pretendere di ordinare l’output dopo averlo già generato:

PS C:\PS1\PS1> Get-MailContact -ResultSize unlimited | where {$_.WindowsEmailAddress -like "*@contoso.com"} | ft name,Alias,WindowsEmailAddress | sort name
out-lineoutput : L'oggetto di tipo "Microsoft.PowerShell.Commands.Internal.Format.FormatEntryData" non è valido oppure non è stato specificato nella sequenza corretta. L'errore dipende probabilmente da un comando "format-*" specificato dall'utente in conflitto con la formattazione predefinita.
    + CategoryInfo          : InvalidData: (:) [out-lineoutput], InvalidOperationException
    + FullyQualifiedErrorId : ConsoleLineOutputOutOfSequencePacket,Microsoft.PowerShell.Commands.OutLineOutputCommand

Per una illogica del mio unico neurone alla ricerca di aria fresca, mi ostinavo a chiedere un sort in seguito alla formattazione della tabella in output, quando in realtà il sort va chiesto prima di preparare i risultati da mostrare a video (cosa abbastanza normale a pensarci a sangue freddo, non trovi?). Il modo giusto per chiederlo è quindi anteporlo al Format-Table:

Get-MailContact -ResultSize unlimited | where {$_.WindowsEmailAddress -like "*@contoso.com"} | sort name | ft name,Alias,WindowsEmailAddress

Che produce un risultato a video assolutamente preciso, secondo richiesta impartita:

Sbagliando si impara: PowerShell, Sort e Format-Table

Metto da parte, lezione imparata, nel frattempo mi bastono da solo.

G

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Uno di quei consigli che sono facili da ricordare e da recuperare con una ricerca nel blog, in case of emergency. Gestisci un tenant con centinaia (se non di più) persone registrate e non puoi certo ricordare uno a uno gli indirizzi di posta gestiti, soprattutto quando si parla di persone con uno o più alias a testa, shared mailbox, contatti e chissà quanto altro ancora, Exchange è un mondo infinito, nella sua soluzione cloud è poi in continua evoluzione.

Come cerchi un indirizzo di posta elettronica all’interno del tenant? Come capisci a chi o cosa è stato assegnato? Tutto sommato semplice: usi l’ennesima query.

Get-Recipient -Filter {EmailAddresses -like "*mario.rossi*"}

Powershell office 365 cercare un indirizzo di posta

In un solo colpo trovi qualsiasi cosa abbia uno specifico (o parte del) indirizzo di posta elettronica tra quelli a lui assegnati, a prescindere che si tratti di una mailbox (personal o shared non importa), un contatto mail, un mail user. Nella query che ho riportato qui sopra il *mario.rossi* cerca qualunque indirizzo contenga quel nome.cognome, a prescindere dalla sua posizione, ignorando totalmente il dominio. Funziona, è immediato, è maledettamente comodo, soprattutto quando ti ritrovi di fronte alla domanda secca di un tuo superiore oppure un errore di PowerShell quando si tenta di creare una casella di posta elettronica con lo stesso indirizzo di posta di qualcosa di già esistente.

Per ovvi motivi, il filtro può funzionare con qualsiasi parametro facente compatibile con il Get-Recipient, basterà modificare un tantinello la richiesta da far eseguire a PowerShell, per esempio:

Get-Recipient -Filter { Name -like "*alessio*"}

Ricercherà qualsiasi cosa abbia “Alessio” nel campo nome, a prescindere -ancora una volta- che si tratti di casella di posta, contatto o gruppo (e non solo).

Buon lavoro.

G

Più che un vero articolo, si tratta sul serio di appunti pubblici, riflessioni e domanda finale che completa il pacchetto. Sì perché se c’è una cosa che odio, è dover fare da tramite per operazioni anche molto banali, come seguire un feed o accedere a una pagina contenente informazioni che possono essere di dominio più o meno pubblico. Questo è il caso di Office 365 e del servizio di Health Status, diventato accessibile per i soli clienti, senza apparente possibilità di facile condivisione.

Appunti su Health Status di Office 365 e utenti non amministratori

Tu che gestisci un tenant Exchange in cloud, sai di cosa sto parlando, vero? Hai a che fare con sedi periferiche della tua azienda? Colleghi che sanno capirti quando parli e ai quali fanno capo anche altri utenti che generalmente non si interfacciano con te? Come hai superato l’ostacolo nato lo scorso giugno? In breve: Microsoft ha scelto di disabilitare il feed RSS che permetteva di rimanere informati sullo stato di salute della sua infrastruttura da qualsiasi dispositivo, browser o client di posta elettronica. Sul tenant del mio gruppo, gestiamo alcuni utenti non amministratori ma che raccolgono le richieste di supporto degli utenti per le relative sedi, trovandosi in difficoltà nel caso in cui il servizio di Office 365 abbia qualche problema.

Il risultato? Arriverà a me (o a un collega) una mail o una telefonata di richiesta informazioni e toccherà inviare una risposta basata sul semplice copia-incolla dalla Dashboard amministrativa di Microsoft.

L’azienda di Remond spiega che basterà fare uso di un ruolo amministrativo ad-hoc, o passare dalla sua Mobile App che però non accetta nessuno fuorché un amministratore (anche limitato): support.office.com/en-us/article/How-to-check-Office-365-service-health-932AD3AD-533C-418A-B938-6E44E8BC33B0?ui=en-US&rs=en-US&ad=US&fromAR=1

Office 365 Admin
Price: Free
Office 365 Admin
Price: Free

Un amministratore ad-hoc

Io a quei ruoli ho dato un’occhiata, ma non ho trovato nulla che mi portasse al documentato “Service Health Admin Role“. Mi sono dovuto “accontentare” del Service Administrator, il quale però ha anche accesso alla lista di tutti gli utenti registrati nel tenant, con relativi dettagli di licenza, alias e molto altro ancora, seppur in sola lettura. I ruoli attualmente disponibili si trovano alla pagina support.office.com/en-us/article/About-Office-365-admin-roles-da585eea-f576-4f55-a1e0-87090b6aaa9d.

La domanda è quindi …

… hai avuto la necessità di gestire questa particolarità? Se si, come hai fatto? Ho provato ad aprire una richiesta di supporto in Microsoft senza però successo. Sarà probabilmente finita in quel calderone di feedback dei clienti che ogni tanto vengono aperti, controllati e richiusi, in attesa che il team di sviluppatori possa integrare questa necessità generata da una loro decisione, da una loro limitazione imposta.

L’area commenti è aperta e disponibile a ricevere ogni possibile consiglio, ovviamente graditissimo.

Grazie a tutti!

G