Archives For Microsoft Windows 10

Uno di quei problemi che, a lanciare una ricerca nei forum di Microsoft, escono quasi più risultati di una equivalente azione mirata a conoscere le misure di una showgirl. In seguito all’aggiornamento a Office 2016 (anche se non immediato), in ufficio abbiamo iniziato a notare una quantità di richieste di login superiore al dovuto.

Ora, che ogni tanto scada l’accesso al proprio account Office 365, ci può assolutamente stare. Che questo diventi però un’abitudine a ciascuna chiusura e riapertura programma (anche a distanza di pochi secondi) non è normale.

Office 2016: prima di partire e primi passi con ...

Ho provato a fare un reset dell’installazione, ho provato a cambiare profilo, ho cercato riferimenti in merito, nulla di fatto. Nei forum Technet c’è molta confusione, troppe informazioni spesso sbagliate. Sono arrivato a qualcosa di concreto, ho trovato finalmente un articolo che riproduce l’errore e lo risolve (questo: meyermed.com/2014/02/fixing-the-error-onenote-needs-a-password-to-sync-this-notebook-click-here-to-enter-your-password) e ho risolto l’anomalia sulla mia postazione, memorizzando le credenziali di Outlook ancora una volta e lasciando che OneNote tenesse la cache dell’autenticazione nel Gestore Credenziali di Windows.

Office 365: continue richieste di login da OneNote (e non solo) 1

Per poter replicare rapidamente la soluzione su più postazioni, ho scritto qualche riga di batch così da poterla dare in pasto al Kace di Dell e lanciarla agilmente ogni volta che ne ho bisogno. Funziona su Windows 7, 8.1 e anche 10:

cmdkey.exe /list > "%TEMP%\CredMan.txt"
findstr.exe MS.Outlook* "%TEMP%\CredMan.txt" > "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
findstr.exe MicrosoftOffice15_* "%TEMP%\CredMan.txt" >> "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
findstr.exe MicrosoftOffice16_* "%TEMP%\CredMan.txt" >> "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
FOR /F "tokens=1,2 delims= " %%G IN (%TEMP%\CredMan_Tokens.txt) DO cmdkey.exe /delete:%%H
del "%TEMP%\CredMan.txt" /s /f /q
del "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt" /s /f /q

Traducendolo in soldoni, il batch esporta le credenziali attualmente presenti nel Gestore Credenziali di sistema, ricerca tutto ciò che riguarda Office 2013 (15), 2016 (16) e Outlook. Per ciascuna corrispondenza andrà a rimuovere quel riferimento in Windows. Al termine –ovviamente– cancellerà l’esportazione precedentemente eseguita.

Ho creato un pacchetto eseguibile del batch sopra riportato e l’ho caricato sul mio spazio Box, nel caso tu voglia scaricarlo direttamente: app.box.com/s/siespaz9aqi3vzowetsjnovnw15z5eoi.

Dopo aver eseguito la pulizia, come già detto, dovrai autenticarti nuovamente su Outlook ma anche su OneNote se fai uso di Notebooks salvati su OneDrive personale o business (non servirà farlo su Excel o Word, hai già attivato la suite Office, non serve fare altro). Salvo errori, se l’autenticazione andrà a buon fine, ricompariranno le voci relative alle credenziali Office 16 nel gestore Windows, queste possono (e devono) essere lasciate lì.

Cheers.

Tray di Windows: icone sparite o invisibili? Ecco il fix!Imprevedibile su due piedi e sicuramente seccante, si tratta di un problema riscontrato su un’immagine master vecchia di circa un anno. Giusto per capirci: l’immagine master è quella che viene preparata su un particolare modello di PC, quindi clonata su tutti gli altri PC dello stesso modello, così da velocizzare (e di molto) i tempi di preparazione e rilascio di una nuova macchina (qualcuno in fondo alla fila ha detto che Symantec Ghost insegna? Ecco, si).

A macchina avviata e tutto sommato scarica, in seguito all’aggiornamento delle applicazioni pre-installate e nuovi driver delle perifiche, ho notato che la RAM continuava a essere utilizzata ben sopra le righe, dal Task Manager ho potuto vedere che il processo di svchost.exe arrivava a toccare vette oltre il GB, continuamente sotto torchio e in (piccolo ma) costante aumento.

Provando a fare debug ho scoperto che si trattava del processo di ricerca aggiornamenti di Windows (Windows Update), il quale stava andando a scaricare tutto il contenuto necessario ad aggiornare la macchina a Windows 10, ovviamente senza avvisarmi o chiedere autorizzazione, nello specifico questa era la stringa incriminata (che ho potuto verificare dall’albero processi, accessibile sempre da Task Manager):

C:\Windows\System32\svchost.exe -k netsvcs

A tal proposito, pare che Microsoft ci abbia messo una pezza in maniera silente a giugno dello scorso anno, come dettagliato nel documento disponibile all’indirizzo support.microsoft.com/en-us/kb/3050265. A te basterà scaricare il fix suggerito dall’azienda di Redmond, installarlo, riavviare la macchina e goderti il rientro dell’abuso di RAM, ora non più presente all’appello:

Windows 7: svchost -k netsvcs e abuso della RAM

La patch specificata è stata distribuita automaticamente tramite Windows Update diretto dai server Microsoft e anche tramite WSUS, quasi certamente tu l’avrai già a bordo macchina e non te ne sarai accorto, puoi evitare di correre ai ripari e ricordarti di questo articolo solo nel caso in cui tu stia mettendo mano a un PC un po’ datato (per ciò che riguarda gli aggiornamenti) e magari allacciato alla rete raramente, che a farlo oggi potresti imbatterti sul serio nella mia stessa anomalia.

Buon lavoro!

Office 365 Logo IconIl passaggio a Office 2016 è importante per tutti coloro che hanno un abbonamento Office 365 e la possibilità di avere una copia della suite installata in locale. Rispetto a Office 2013 non cambia poi molto, non esteticamente almeno (escludendo la colorazione unica della barra superiore di ogni applicazione), l’eccezione c’è ma per una più alta stabilità, velocità e quella serie di novità che possono essere continuamente introdotte (correggendo eventuali problemi) da Microsoft, attraverso cicli che rispettano un po’ più gli ambienti di lavoro (era ora), così come ho avuto modo di spiegarvi in questo articolo pubblicato qualche tempo fa.

Quello che voglio affrontare oggi è un discorso che riguarda la distribuzione manuale, nel caso in cui all’utente non sia comparso a video il messaggio che gli permette di effettuare il salto verso la nuova versione del software di Redmond. Come al solito, mi baso sull’utilizzo di Dell Kace, ma è chiaro che ogni mio script può facilmente essere riadattato a un diverso ambiente o metodo di distribuzione.

Rapida analisi e svolgimento

Il caso tipo prevede un Office 2013 licenziato a nome dell’utente, che dovrà essere aggiornato a 2016. Una qualsiasi versione, sia chiaro, che poi saltare all’ultima patch è sempre semplice (e si fa in completa autonomia dal menu Account di una qualsiasi tra le applicazioni che compongono la suite). Sono partito dal presupposto che la base sia proprio Office 365 ProPlus (2013). Visio e Project, citati nel titolo, verranno in seguito, sempre in upgrade manuale se necessario, anch’essi controllati da uno script.

Prima di partire con l’upgrade vi servirà creare / appoggiarvi a una cartella che sia raggiungibile dalla rete e dai vostri client (aperta in sola lettura per tutti sarà più sufficiente, nda), all’interno della quale depositare i file di installazioni di Office 2016 sia in versione x86 che x64, scaricato tramite C2R, come spiegato in questo articolo, nel paragrafo relativo al metodo Click-to-Run. Quando ho preparato l’ambiente, la versione disponibile sui server di Microsoft era la 16.0.6568.2025, ormai abbondantemente superata nel ramo Current. Nulla cambia. La base potrà essere lei, verrà poi aggiornata in maniera automatica e notificata all’utente per l’installazione finale.

Lo script analizza il sistema, verifica una eventuale presenza di Office 2016 (facendo una query sul registro) e lancia il giusto setup in base all’architettura di sistema, questa la traduzione in soldoni:

set LogLocation=\\FILESERVER\Client_Logs
reg query HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Office\16.0\ClickToRunStore\Packages\{9AC08E99-230B-47e8-9721-4577B7F124EA}
if %errorlevel%==1 (goto SelectOS) else (goto End)

:SelectOS
if not defined ProgramFiles(x86) goto 32bit else goto 64bit

:64bit
set DeployServer="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Office-x64 16.0.6568.2025"
set ConfigFile="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Office-x64 16.0.6568.2025\configuration.xml"
goto DeployOffice

:32bit
set DeployServer="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Office-x86 16.0.6568.2025"
set ConfigFile="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Office-x86 16.0.6568.2025\configuration.xml"
goto DeployOffice

:DeployOffice
echo %date% %time% Setup started. >> %LogLocation%\%computername%.txt
%DeployServer%\setup.exe /configure %ConfigFile%
echo %date% %time% Setup ended with error code %errorlevel%. >> %LogLocation%\%computername%.txt

:End

Ho aggiunto qualche riga di codice in più per permettere allo script di tracciare la sua attività in file di testo, utilizzando una cartella di rete che per l’occasione ho reso scrivibile agli utenti. Cosa sostituire quindi all’interno dello script?

  • \\FILESERVER\Client_Logs è la cartella dove depositare i log di cui vi ho appena parlato una riga più sopra.
  • \\$SERVERK1000 è la vostra macchina DELL Kace, o la cartella di rete dove tutti devono poter avere accesso (anche in sola lettura), ciò include ovviamente anche il resto del percorso “\client\resources\eccetera“.

Una volta lanciato lo script sulla macchina interessata, tramite Kace, si noterà l’operazione di upgrade nel Task Manager, rimanendo così invisibile agli occhi dell’utente che dovrà limitarsi a non avviare alcuna applicazione Office nel frattempo (ovviamente sarà stato preventivamente avvisato, con la speranza che poi collabori!):

Kace: (RTOFC16) Road To Office 2016 (installare Office)

L’operazione (dipende molto dalla velocità della rete e da quanto il client finale è scarico in termini di lavoro) dura all’incirca 20 minuti, al termine dei quali si potrà accedere alle nuove versioni 2016 degli applicativi Office. A questo punto sarà necessario confermare la password dell’account di posta (che verrà richiesta all’apertura di Outlook, nda) e accettare nuovamente i termini di licenza, quindi dare un semplice OK a video quando vi verrà mostrato il popup con le novità della versione installata.

Potrebbe capitarvi a video un messaggio di errore per installazione danneggiata. Facendo clic su “Ripristina ora“, il programma aperto verrà terminato dopo qualche secondo. Potrete riaprirlo immediatamente, tutto dovrebbe funzionare correttamente.

Visio & Project

Kace: Upgrade a Office 2016 (dal 2013), Visio, Project Kace: Upgrade a Office 2016 (dal 2013), Visio, Project 1Contrariamente a quanto sempre accaduto (spiegato anche da Microsoft in un documento dove viene espressamente negata la possibilità di far co-esistere sulla stessa macchina un’installazione C2R con una MSI, se si parla di prodotti Office), la società di Redmond ha finalmente ampliato le possibilità offerte da Office 365 e portato a bordo cloud anche Visio e Project. In soldoni, vi sarà finalmente possibile gestire un’installazione di più prodotti sotto licenza 365 sulla stessa macchina, installati tutti con metodo C2R, un bel respiro, meglio tardi che mai.

Anche noi (in ufficio) abbiamo scelto di far convertire le nostre vecchie licenze MSI (Professional) in paritarie (o quasi) 365 ProPlus. Così facendo è possibile toglierle e metterle direttamente dal pannello di Exchange (ECP), includendole o escludendole sul singolo utente.

Lo script viene pressoché da sé, facile intuire anche il metodo per il download dato che si tratta dello stesso identico utilizzato per Office, con una ovvia modifica al configuration.xml:

<Configuration>
  <Add OfficeClientEdition="64" Branch="Current">
    <Product ID="VisioProRetail">
      <Language ID="it-it" />
    </Product>
  </Add>
  <Updates Enabled="TRUE" Branch="Current" />
  <Display Level="None" AcceptEULA="TRUE" />
  <Property Name="AUTOACTIVATE" Value="1" />
</Configuration>

Che, tradotto, permetterà di scaricare l’ultima versione a 64 bit e in italiano del programma Visio, pronto per essere affiancato a un Office 2016 già presente a bordo macchina. Modificate il 64 della OfficeClientEdition portandolo a 32 se necessario, inserite ProjectProRetail al posto di VisioProRetail per cambiare il programma da scaricare / installare. Il risultato lo si porta a casa facilmente, basta sapere cosa si intende ottenere.

L’installazione tramite Kace è un passaggio altrettanto semplice:

set LogLocation=\\FILESERVER\Client_Logs

:SelectOS
REM Termino le applicazioni di Office lasciate aperte
taskkill /IM ONENOTE.EXE /F
taskkill /IM OUTLOOK.EXE /F
taskkill /IM MSACCESS.EXE /F
taskkill /IM MSPUB.EXE /F
taskkill /IM WINWORD.EXE /F
taskkill /IM EXCEL.EXE /F
taskkill /IM POWERPNT.EXE /F

REM Verifico il SO
if not defined ProgramFiles(x86) goto 32bit
:64bit
set DeployServer="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Project-x64 16.0.6741.2021"
set ConfigFile="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Project-x64 16.0.6741.2021\configuration.xml"
goto DeployOffice
:32bit
set DeployServer="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Project-x86 16.0.6741.2021"
set ConfigFile="\\$SERVERK1000\client\resources\o365\Project-x86 16.0.6741.2021\configuration.xml"

:DeployOffice
echo %date% %time% Setup started. >> %LogLocation%\%computername%_Project16.txt
%DeployServer%\setup.exe /configure %ConfigFile%
echo %date% %time% Setup ended with error code %errorlevel%. >> %LogLocation%\%computername%_Project16.txt
goto End

:End
echo %date% %time% Project16 batch terminated. >> %LogLocation%\%computername%_Project16.txt

Rispetto allo script precedente, questo si occupa anche di terminare i programmi di Office lasciati aperti, perché in caso contrario l’installazione non potrà essere portata a termine (già provato, nulla da fare, dispiace). Anche stavolta viene prodotto un piccolo file di log per tracciare quanto fatto. Restano identiche le modifiche da eseguire rispetto a quelle che vi ho riportato nel paragrafo precedente. Stupido dirlo: modificando lo script pubblicato qui sopra, potrete ovviamente installare anche Visio (utilizzando un solo batch, oppure creandone uno nuovo e separato).

In conclusione

Più facile scriverlo che realizzarlo, un po’ come succede quasi sempre. Si tratta di batch banali, che chiunque può scrivere in mille modi diversi pur arrivando allo stesso obbiettivo. Una volta ottenuto il materiale necessario, il resto è tutto in discesa. Stiamo portando a termine una migrazione sufficientemente unattended con la collaborazione dei nostri utenti, è questo lo scopo di tutto il gioco. Ogni nuovo consiglio o confronto è ben accetto, l’area commenti è a vostra disposizione (anche senza registrazione).

Riferimenti ad altri articoli

Office 365 ProPlus (2016): modifica versione installata

Office 2013, 2016, 365 ProPlus, download diretti e C2R

Lumia 950 XL: il lato oscuro della forza Microsoft

Sei un tester Lumia 950 XL

Complimenti: sei uno dei nostri tester ufficiali. Sei pronto a vivere una grande esperienza?

Recita così l’attacco di una mail ricevuta in occasione dell’inizio del mio test. Ancora una volta Microsoft, ancora una volta Windows Phone, ne è passata di acqua sotto ai ponti da quel Windows Phone 7 che avevo avuto modo di provare in occasione della sua nascita. Da LG a produzione diretta Microsoft, un hardware potente, stabile e una fluidità di sistema che bisogna pretendere data l’esperienza maturata negli anni e la tecnologia in costante avanzamento. Non è certo questo il problema principale di Lumia 950 XL, in realtà non lo è di Windows 10, SO alla base di questo smartphone così come del PC di casa.

Alzi la mano chi ha colpa

Si perché la mia esperienza, tirando le somme, non può considerarsi del tutto positiva. Non sei tu amore, sono io. Avrei recitato questa frase fatta se solo ci fosse stata la signorina “Lumia Microsoft” davanti a me, perché per uno che ha scelto (ed è riuscito) ad abbandonare iOS per passare ad Android, ci sono tutte le carte in tavola per poter ripetere il gioco e riuscire ad andare d’accordo con un terzo sistema operativo, soprattutto considerando l’abitudine nell’utilizzo dell’OS di Redmond, che ogni giorno supporto e sopporto, con tutti i suoi pro e i suoi contro.

La forte limitazione è da imputarsi alla mancanza di applicazioni fondamentali, quelle che siamo abituati a utilizzare quotidianamente. Microsoft fa già tanto per aiutare gli sviluppatori, ci sono accordi forti con le grandi aziende, senza contare la massima collaborazione con i piccoli sviluppatori che possono imparare a sviluppare e portare software anche su telefoni che non facciano parte della diatriba che alimenta i principali blog di gossip su uno o l’altro produttore (e relativo sistema) e che ogni giorno invadono Social Network e feed RSS. Non è infatti un problema di hardware, né tanto meno di SO, funziona tutto bene, il telefono risponde a ogni colpo e può essere persino utilizzato (senza esagerare) come fosse una postazione fissa, collegato a monitor, tastiera e mouse grazie al modulo Continuum.

Proviamo a tradurla in soldoni. Mantenendo un prezzo di listino, potreste pensare di portarvi a casa un phablet che si trasforma in postazione di lavoro per un totale di 798€ (699€ per il telefono SIM-free, 99€ per il dock), senza ovviamente considerare il costo di tastiera e mouse (a voi la scelta, preferite quelli con il cavo o bluetooth?), ma anche dell’abbonamento a Office 365, che è la parte più interessante e già disponibile per chi utilizza Continuum e un Microsoft Display Dock.

Lumia 950 XL: l'evoluzione di Microsoft su mobile

Microsoft Lumia 950 XL fa belle foto, altro punto che fino a ora non ho discusso. Viene molto pubblicizzato per questo. Ha delle ottiche molto valide (Zeiss) ed effettivamente ha la velocità e la precisione di scatto che merita una buona fotografia. Un difetto? Scattare più foto e provare a tenere il passo di pubblicazione sul Social Network di turno (nel mio caso, Instagram) ha prodotto un piccolo surriscaldamento che ha trasmesso un tepore al palmo della mano tipico da gatto che viene a cercare quell’angolino dove far alzare la temperatura, fino a essere scaraventato da tutt’altra parte. Sono certo che si sia trattato di un caso, eppure. Salvo questo specifico episodio, durante l’utilizzo standard fatto di applicazioni che si aprono e chiudono, telefonate e messaggi su Telegram o Whatsapp, non ho notato altri problemi di temperatura. È sempre piuttosto controllata e assolutamente nella media, dettaglio non banale soprattutto durante l’utilizzo di software che fa uso intensivo di risorse come il GPS (che su altri telefoni tende a portare la temperatura in alto).

Anche il resto del ferro svolge bene il proprio mestiere. Altoparlante, microfono, tecnologia di pulizia dell’audio, display (con possibilità di tenerlo in modalità standby con orologio sempre in bella vista), tutto è al proprio posto, questa è la mia impressione. La batteria? Accettabile. Sono abituato a utilizzare lo smartphone per lavoro e per piacere, una buona batteria mi è necessaria per arrivare a fine giornata. Ho voluto fare un test che ho condotto anche sul mio telefono Android personale e sull’iPhone 6 aziendale: ho caricato al massimo la batteria di Lumia 950 XL al venerdì sera, ho utilizzato il telefono quanto basta, ho provato a farlo arrivare a lunedì mattina sulla scrivania dell’ufficio senza mai attaccarlo a un cavo per la ricarica. Android e iOS hanno portato a casa l’obiettivo, Windows Mobile no. Hardware più esoso o mal gestione delle risorse? Mi piacerebbe davvero saperlo, ma la sostanza non cambierebbe (a meno di futuri aggiornamenti di sistema che vadano a metterci la pezza).

Lumia 950 XL: l'evoluzione di Microsoft su mobile 3

Accessori

Di Windows Continuum ho già detto tutto, cosa aggiungere? Mi è stata concessa anche una Universal Foldable Keyboard adatta a smartphone e tablet, pieghevole, bluetooth, compatibile con iOS, Android e Windows Mobile, sottile e leggera per essere trasportata facilmente, un giocattolo che costa 119€ di listino. Comoda? Si, ma c’è da farci l’abitudine, sicuramente più bella dei prodotti terze parti generalmente più piccoli e di difficile digestione per chi è abituato a lavorare su una vera tastiera.

Insieme alla tastiera, mi è stato fornito anche un Arc Touch Mouse (Wireless) (altri 50€ circa di accessorio) che, insieme alla tastiera, compone un perfetto kit agilmente trasportabile in borsa, tutto alimentato da batteria (litio ricaricabile integrata per la tastiera, semplice coppia di stilo AA per il mouse, nda). Non è necessario scegliere accessori Microsoft, né tanto meno negarsi la possibilità di passare da una normalissima coppia tastiera e mouse con cavo USB, da attaccare al display dock, soprattutto quando la postazione di lavoro è fissa, a casa o in ufficio.

In conclusione

Prima il business, poi tutto il resto. Questa la mia personale visione, condivisa anche dai colleghi di lavoro che hanno potuto mettere mano sul Lumia 950 XL e sui relativi accessori che ho volutamente montato sulla scrivania. Il vero punto di forza di Lumia 950 XL (ma soprattutto di Continuum) è la possibilità di estendere la propria esperienza lavorativa e quotidiana. Office costituisce un ottimo punto a favore di questa piattaforma e spero possa crescere sempre più, perché l’attuale UX offerta su dispositivi mobili è molto più limitata e limitante rispetto a quella Desktop (che continuo a preferire, tramite abbonamento Office 365). Tante le applicazioni che mancano all’appello già sul sistema dello smartphone, figurarsi quelle compatibili con Continuum.

C’è molto lavoro da svolgere ancora, almeno per ciò che riguarda quello che un utilizzatore giovane / medio richiede. Sceglierei di affiancare una PDL di questo tipo a un dirigente d’azienda (o figura equivalente in fatto di compiti quotidiani)? Probabilmente si, dato che il tipo di lavoro è spesso costituito dalla gestione di grandi moli di mail, documenti da modificare e costante necessità di poter lavorare in mobilità in maniera dignitosa, con la possibilità di ottenere i dati che servono dal cloud e non più dalla memoria interna di un telefono (sempre meno importante, fortunatamente per molti produttori che scelgono piccoli tagli di memoria per i loro device).

Qualche utilizzatore di Lumia lì fuori? Volete esprimere la vostra opinione in merito o chiarire alcuni punti che probabilmente mi sono sfuggiti o che non ho analizzato con attenzione? L’area commenti è sempre a vostra totale disposizione, anche senza necessità di registrarsi.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Microsoft, tornato all'ovile.

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Ultra ISO IconVi ho parlato solo qualche giorno fa di WinSetupFromUSB e della possibilità di creare così supporti di memoria USB avviabili, utili come un coltellino svizzero quando si ha più necessità di levare “le castagne dal fuoco“, ancora di più oggi che si ha sempre più a che fare con PC che non hanno più un lettore DVD integrato.

Nella pillola di oggi vi propongo ISO2Disc, un software gratuito che permette di ottenere lo stesso scopo, ma passando per un’interfaccia decisamente più snella e semplice da comprendere. Se non volete scaricare la versione installabile, ho creato un pacchetto che è immediatamente utilizzabile una volta scaricato e scompattato, l’ho reso disponibile per tutti all’indirizzo mega.nz/#!xQkTVLbC!yGS5abSMJrEqA75Hir–7iaCDVFgawcPXbgtO6t0pSg.

La finestra principale propone già ciò che è necessario: la sorgente dalla quale prendere il file ISO, il supporto sul quale portare l’immagine da rendere avviabile e la scelta del tipo di partizione:

ISO2Disc: un'alternativa ridotta per i "non addetti"

Per far partire il processo di preparazione della chiave basterà fare clic su “Start Burn“. Il vero difetto? Un supporto, una sola immagine ISO. Non sarà possibile, al contrario di WinSetupFromUSB, inserire più immagini ISO all’interno della stessa chiave. Un grandissimo svantaggio quando si ha a che fare con chiavi USB capienti e immagini non troppo grandi. Valutate voi se valga realmente la pena facilitarvi (di molto) la vita ma rinunciare alle possibilità offerte da un programma decisamente più completo ;-)

Cheers.