Archives For Microsoft Windows 10

Durante la preparazione di un B50-50 con Windows 10 Pro, ho incontrato alcune difficoltà con una periferica apparentemente sconosciuta, che non è stata messa al suo posto da nessuno dei driver disponibili nella pagina ufficiale del prodotto sul sito di Lenovo. Il metodo per aggirare l’ostacolo è sempre lo stesso, ed è quello di andare a dare un’occhiata all’ID Hardware tramite la Gestione dei dispositivi (Esegui → devmgmt.msc). A quel punto una veloce ricerca in Google risolve sempre la maggior parte dei problemi.

Windows 10 Hero

Secondo la Knowledge base di Lenovo, più precisamente la pagina disponibile all’indirizzo support.lenovo.com/it/it/solutions/ht071645, il problema nasce dalla mancata installazione di OneKey Optimizer, uno di quei software di cui si fa volentieri a meno (ricordi quell’articolo riguardante la pulizia dei bloatware presenti di fabbrica sul B50-50?). Eppure a qualcosa serve, non fosse proprio per l’INF che andrà a colmare quel vuoto del Device Management. Puoi installarlo, attendere che il driver venga installato (e la periferica riconosciuta), quindi disinstallarlo.

Se stai cercando (inutilmente) la versione adatta al tuo serie B50, compatibile con Windows 10, smetti di cercare, sono diventato (più) scemo già io: support.lenovo.com/it/it/downloads/ds103119. Questo è quello giusto, e io sono finalmente riuscito a tappare quella falla:

Inutile dire che nella pagina driver del B50-50, ovviamente filtrata per Windows 10 x64, il software non lo si trova. Aggiungerei inoltre, se posso, che il Lenovo Bridge (piccolo software che permette download simultanei dei pacchetti driver) è pessimo (e non capita raramente di ritrovarsi un eseguibile corrotto perché scaricato a metà), ma questo è ovviamente un altro discorso.

Prima di concludere

Ti ricordo che questa macchina ha la (fastidiosa) particolarità del Novo Button, quel piccolo foro che dovrai attraversare con l’equivalente di una graffetta (vale anche quella di iPhone o iPad, nda) per poter accendere il PC e mandarlo in modalità Recovery, arrivando così al menu che ti permette di entrare nel BIOS o selezionare una diversa periferica di boot. Lo trovi qui:

E se vuoi cambiare il disco

Auguri e porta tanta pazienza. Ho sostituito il disco originale della macchina con uno nuovo a stato solido. Bisogna smontarla praticamente tutta, per poter arrivare al carrello disco. Lo stesso vale per l’unico slot di RAM, nel caso nascesse la necessità di un upgrade. Ho seguito questo video su YouTube, sono riuscito a smontare, sostituire e rimontare senza problema alcuno, fa molta attenzione:

Buon lavoro!

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Rapida pillola del giorno dedicata a Windows 10, e in particolare a Groove Musica, una delle applicazioni che sono già installate nel sistema e che apparentemente non sono eliminabili con il semplice clic destro → Disinstalla. Si tratta di ciò che resiste di Zune (te lo ricordi?) e più che altro del servizio di accesso alla musica (previo abbonamento) di Microsoft. Non sempre però l’applicazione pre-installata torna utile, quindi perché non toglierla di mezzo?

Disinstallare Groove Musica da Windows 10

immagine: ArsTechnica

ATTENZIONE: Prima di partire, il solito consiglio: occhio sempre a quello che tocchi e che rimuovi, effettua dei backup del tuo sistema per sicurezza, così potrai agilmente tornare indietro in caso di problemi.

Ancora una volta puoi centrare l’obiettivo passando da PowerShell, e nello specifico utilizzerai il comando Get-AppxPackage, cercando di filtrare ciò che riporta “Zune” nel nome (in caso contrario, otterrai una nutrita lista di pacchetti installati, di difficile consultazione immediata):

Get-AppxPackage –AllUsers | where {$_.Name -like "*zune*"}

Il risultato dovrebbe portarti a qualcosa di simile alla schermata seguente:

Rimuovere Groove Musica da Windows 10

Copia il valore in corrispondenza di PackageFullName (ti basta evidenziarlo con il mouse e poi fare un solo clic con il tasto destro, nda), quindi lancia il comando di rimozione:

remove-AppxPackage Microsoft.ZuneMusic_3.6.12711.0_x64__8wekyb3d8bbwe

Ovviamente Microsoft.ZuneMusic_3.6.12711.0_x64__8wekyb3d8bbwe dovrà essere sostituito con il valore precedentemente copiato, anche se in realtà dovrebbe risultati essere identico.

Rimuovere Groove Musica da Windows 10 1

Lo stesso identico metodo vale anche con altre applicazioni pre-installate nel sistema, “Xbox” compresa (occhio però, nel suo specifico caso ti consiglio di non andare oltre la rimozione di Microsoft.XboxApp, che dovrebbe corrispondere al pacchetto Microsoft.XboxApp_11.13.6008.0_x64__8wekyb3d8bbwe) ;-)

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Microsoft permette di scaricare Windows 10 tramite un tool proprietario che funziona molto bene e che ti permette di aggiornare il sistema locale o di preparare un supporto per un diverso PC (qui trovi maggiori informazioni). Appurato questo, io oggi ho scelto di passare da una diversa strada, giusto per non dimenticare “come si fa“, ho scaricato la ISO e preparato una chiave USB avviabile tramite Rufus, “manualmente“.

Windows 10: preparare una chiave avviabile (no-Media Tool Microsoft) 3

Naviga verso microsoft.com/en-us/software-download/windows10ISO, scegli la versione dell’ultimo sistema operativo di casa Microsoft, scegli la lingua, fai partire il download. Troppo semplice? Lo so, ma è esattamente ciò che dovrai fare:

Per preparare la chiave USB, ho scelto Rufus, alternativa a WinSetupFromUSB che uso da sempre (ne avevo parlato qui). Anche Rufus è gratuito, disponibile inoltre in versione portable (quindi comodo tanto quanto l’altro), lo trovi su rufus.akeo.ie.

Una volta avviato, ti basterà dargli in pasto una chiave USB che possa tenere i file necessari per l’installazione del sistema (4GB bastano, nda) e mantenere le impostazioni suggerite, lo “Schema partizione MBR per BIOS o UEFI-CSM” è perfetto anche per macchine nuove che non accettano chiavi USB multi-boot (quelle contenenti diverse ISO) all’avvio del sistema, il motivo principale per il quale si impazzisce e non si esce dal loop.

Windows 10: preparare una chiave avviabile (no-Media Tool Microsoft) 2

Un clic su Avvia e il gioco è fatto. Dovrai solo attendere che il programma termini di preparare il supporto. Potrai in seguito rimuoverlo dal PC, inserirlo in quello su cui vuoi installare Windows 10 e scegliere quella chiave USB come periferica di partenza, accederai così alla solita procedura di preparazione installazione del sistema operativo.

Uno di quei problemi che, a lanciare una ricerca nei forum di Microsoft, escono quasi più risultati di una equivalente azione mirata a conoscere le misure di una showgirl. In seguito all’aggiornamento a Office 2016 (anche se non immediato), in ufficio abbiamo iniziato a notare una quantità di richieste di login superiore al dovuto.

Ora, che ogni tanto scada l’accesso al proprio account Office 365, ci può assolutamente stare. Che questo diventi però un’abitudine a ciascuna chiusura e riapertura programma (anche a distanza di pochi secondi) non è normale.

Office 2016: prima di partire e primi passi con ...

Ho provato a fare un reset dell’installazione, ho provato a cambiare profilo, ho cercato riferimenti in merito, nulla di fatto. Nei forum Technet c’è molta confusione, troppe informazioni spesso sbagliate. Sono arrivato a qualcosa di concreto, ho trovato finalmente un articolo che riproduce l’errore e lo risolve (questo: meyermed.com/2014/02/fixing-the-error-onenote-needs-a-password-to-sync-this-notebook-click-here-to-enter-your-password) e ho risolto l’anomalia sulla mia postazione, memorizzando le credenziali di Outlook ancora una volta e lasciando che OneNote tenesse la cache dell’autenticazione nel Gestore Credenziali di Windows.

Office 365: continue richieste di login da OneNote (e non solo) 1

Per poter replicare rapidamente la soluzione su più postazioni, ho scritto qualche riga di batch così da poterla dare in pasto al Kace di Dell e lanciarla agilmente ogni volta che ne ho bisogno. Funziona su Windows 7, 8.1 e anche 10:

cmdkey.exe /list > "%TEMP%\CredMan.txt"
findstr.exe MS.Outlook* "%TEMP%\CredMan.txt" > "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
findstr.exe MicrosoftOffice15_* "%TEMP%\CredMan.txt" >> "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
findstr.exe MicrosoftOffice16_* "%TEMP%\CredMan.txt" >> "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt"
FOR /F "tokens=1,2 delims= " %%G IN (%TEMP%\CredMan_Tokens.txt) DO cmdkey.exe /delete:%%H
del "%TEMP%\CredMan.txt" /s /f /q
del "%TEMP%\CredMan_Tokens.txt" /s /f /q

Traducendolo in soldoni, il batch esporta le credenziali attualmente presenti nel Gestore Credenziali di sistema, ricerca tutto ciò che riguarda Office 2013 (15), 2016 (16) e Outlook. Per ciascuna corrispondenza andrà a rimuovere quel riferimento in Windows. Al termine –ovviamente– cancellerà l’esportazione precedentemente eseguita.

Ho creato un pacchetto eseguibile del batch sopra riportato e l’ho caricato sul mio spazio Box, nel caso tu voglia scaricarlo direttamente: app.box.com/s/siespaz9aqi3vzowetsjnovnw15z5eoi.

Dopo aver eseguito la pulizia, come già detto, dovrai autenticarti nuovamente su Outlook ma anche su OneNote se fai uso di Notebooks salvati su OneDrive personale o business (non servirà farlo su Excel o Word, hai già attivato la suite Office, non serve fare altro). Salvo errori, se l’autenticazione andrà a buon fine, ricompariranno le voci relative alle credenziali Office 16 nel gestore Windows, queste possono (e devono) essere lasciate lì.

Cheers.

Tray di Windows: icone sparite o invisibili? Ecco il fix!Imprevedibile su due piedi e sicuramente seccante, si tratta di un problema riscontrato su un’immagine master vecchia di circa un anno. Giusto per capirci: l’immagine master è quella che viene preparata su un particolare modello di PC, quindi clonata su tutti gli altri PC dello stesso modello, così da velocizzare (e di molto) i tempi di preparazione e rilascio di una nuova macchina (qualcuno in fondo alla fila ha detto che Symantec Ghost insegna? Ecco, si).

A macchina avviata e tutto sommato scarica, in seguito all’aggiornamento delle applicazioni pre-installate e nuovi driver delle perifiche, ho notato che la RAM continuava a essere utilizzata ben sopra le righe, dal Task Manager ho potuto vedere che il processo di svchost.exe arrivava a toccare vette oltre il GB, continuamente sotto torchio e in (piccolo ma) costante aumento.

Provando a fare debug ho scoperto che si trattava del processo di ricerca aggiornamenti di Windows (Windows Update), il quale stava andando a scaricare tutto il contenuto necessario ad aggiornare la macchina a Windows 10, ovviamente senza avvisarmi o chiedere autorizzazione, nello specifico questa era la stringa incriminata (che ho potuto verificare dall’albero processi, accessibile sempre da Task Manager):

C:\Windows\System32\svchost.exe -k netsvcs

A tal proposito, pare che Microsoft ci abbia messo una pezza in maniera silente a giugno dello scorso anno, come dettagliato nel documento disponibile all’indirizzo support.microsoft.com/en-us/kb/3050265. A te basterà scaricare il fix suggerito dall’azienda di Redmond, installarlo, riavviare la macchina e goderti il rientro dell’abuso di RAM, ora non più presente all’appello:

Windows 7: svchost -k netsvcs e abuso della RAM

La patch specificata è stata distribuita automaticamente tramite Windows Update diretto dai server Microsoft e anche tramite WSUS, quasi certamente tu l’avrai già a bordo macchina e non te ne sarai accorto, puoi evitare di correre ai ripari e ricordarti di questo articolo solo nel caso in cui tu stia mettendo mano a un PC un po’ datato (per ciò che riguarda gli aggiornamenti) e magari allacciato alla rete raramente, che a farlo oggi potresti imbatterti sul serio nella mia stessa anomalia.

Buon lavoro!