Archives For Pillole

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Per la serie “sbagliando si impara“, anche se in realtà vale anche quella che dice che l’errore davanti ai propri occhi è anche quello che continua a sfuggire pure alla centesima rilettura, oggi prendo appunti su PowerShell e ordinamento dei risultati richiesti.

Nello specifico volevo ottenere una lista di contatti con un preciso dominio impostato nel PrimarySMTPAddress (WindowsEmailAddress), ho pensato bene quindi di lanciare un comando semplice (il Get-MailContact), filtrare in output solo ciò che mi interessava e pretendere di ordinare l’output dopo averlo già generato:

PS C:\PS1\PS1> Get-MailContact -ResultSize unlimited | where {$_.WindowsEmailAddress -like "*@contoso.com"} | ft name,Alias,WindowsEmailAddress | sort name
out-lineoutput : L'oggetto di tipo "Microsoft.PowerShell.Commands.Internal.Format.FormatEntryData" non è valido oppure non è stato specificato nella sequenza corretta. L'errore dipende probabilmente da un comando "format-*" specificato dall'utente in conflitto con la formattazione predefinita.
    + CategoryInfo          : InvalidData: (:) [out-lineoutput], InvalidOperationException
    + FullyQualifiedErrorId : ConsoleLineOutputOutOfSequencePacket,Microsoft.PowerShell.Commands.OutLineOutputCommand

Per una illogica del mio unico neurone alla ricerca di aria fresca, mi ostinavo a chiedere un sort in seguito alla formattazione della tabella in output, quando in realtà il sort va chiesto prima di preparare i risultati da mostrare a video (cosa abbastanza normale a pensarci a sangue freddo, non trovi?). Il modo giusto per chiederlo è quindi anteporlo al Format-Table:

Get-MailContact -ResultSize unlimited | where {$_.WindowsEmailAddress -like "*@contoso.com"} | sort name | ft name,Alias,WindowsEmailAddress

Che produce un risultato a video assolutamente preciso, secondo richiesta impartita:

Sbagliando si impara: PowerShell, Sort e Format-Table

Metto da parte, lezione imparata, nel frattempo mi bastono da solo.

G

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Ti ho già dato qualche consiglio sul resize in batch delle immagini, sia per Windows che OS X (ora macOS). Quello di oggi riguarda proprio macOS Sierra ed è molto semplice, dedicato soprattutto a chi non è abituato a utilizzare Terminale e non vuole passare tramite applicazioni di terze parti.

macOS: cambia la dimensione delle immagini

Una volta aperto un gruppo di immagini in Anteprima (Preview), selezionale tutte dalla colonna laterale (basta un CTRL + A), quindi vai in StrumentiRegola dimensioni. A questo punto potrai modificare le opzioni disponibili e ottenere il risultato inizialmente desiderato.

Ciò non include un’ottimizzazione dell’immagine per il web (nel caso tu la volessi caricare online, magari in WordPress), ma di certo quelle sorgenti snelliranno data la dimensione più contenuta.

Cheers.

Credits: lh.com

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Uno di quei consigli che sono facili da ricordare e da recuperare con una ricerca nel blog, in case of emergency. Gestisci un tenant con centinaia (se non di più) persone registrate e non puoi certo ricordare uno a uno gli indirizzi di posta gestiti, soprattutto quando si parla di persone con uno o più alias a testa, shared mailbox, contatti e chissà quanto altro ancora, Exchange è un mondo infinito, nella sua soluzione cloud è poi in continua evoluzione.

Come cerchi un indirizzo di posta elettronica all’interno del tenant? Come capisci a chi o cosa è stato assegnato? Tutto sommato semplice: usi l’ennesima query.

Get-Recipient -Filter {EmailAddresses -like "*mario.rossi*"}

Powershell office 365 cercare un indirizzo di posta

In un solo colpo trovi qualsiasi cosa abbia uno specifico (o parte del) indirizzo di posta elettronica tra quelli a lui assegnati, a prescindere che si tratti di una mailbox (personal o shared non importa), un contatto mail, un mail user. Nella query che ho riportato qui sopra il *mario.rossi* cerca qualunque indirizzo contenga quel nome.cognome, a prescindere dalla sua posizione, ignorando totalmente il dominio. Funziona, è immediato, è maledettamente comodo, soprattutto quando ti ritrovi di fronte alla domanda secca di un tuo superiore oppure un errore di PowerShell quando si tenta di creare una casella di posta elettronica con lo stesso indirizzo di posta di qualcosa di già esistente.

Per ovvi motivi, il filtro può funzionare con qualsiasi parametro facente compatibile con il Get-Recipient, basterà modificare un tantinello la richiesta da far eseguire a PowerShell, per esempio:

Get-Recipient -Filter { Name -like "*alessio*"}

Ricercherà qualsiasi cosa abbia “Alessio” nel campo nome, a prescindere -ancora una volta- che si tratti di casella di posta, contatto o gruppo (e non solo).

Buon lavoro.

G

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Esigenza: Internet Explorer (si, lo so, procediamo), pagina web da tenere d’occhio, la quale non prevede però un refresh automatico. Non è possibile giocare con un frame nel quale includerla e farla aggiornare di tanto in tanto.

Svolgimento: si può aggirare l’ostacolo con un componente aggiuntivo vecchio ma ancora funzionante, gratuito, esteticamente schifoso per chi non usa più la barra dei menu, ma il chissenefrega parte da lontano, a noi interessa solo l’obiettivo finale.

Auto Refresher per Internet Explorer

Si chiama (con molta fantasia) Auto Refresher for IE, e lo si scarica dalla pagina ufficiale che ha indirizzo xwen.org/node/6 (ne esistono diversi mirror in giro per il web, ma propongono installer che contengono pubblicità, evitali come la peste). La sua ultima versione è la 1.2 ed è datata 2012. Funziona correttamente con Internet Explorer 11 su Windows 7.

Il componente, una volta installato e abilitato su IE, necessiterà di essere reso visibile. Fai clic con il tasto destro su una parte libera della barra superiore di Internet Explorer e seleziona la voce “YRefresher“. Il risultato è questo:

Auto Refresher per Internet Explorer 1

Un enorme pulsantone (fa molto biscottone, vero?) che comparirà e non potrà essere ridimensionato a meno di essere messo sulla stessa riga della barra dei menu, che personalmente non utilizzo. Ho già provato –senza successo– a metterlo su quella dei Segnalibri. Fatta eccezione per l’estetica alquanto discutibile, Auto Refresher for IE propone un set di intervalli già sufficientemente nutrito, pur rendendo però disponibile l’ultima voce (Custom Interval) che ti permetterà di specificare un diverso numero di secondi, a tuo piacimento. Ricorda che puoi convertire i minuti (o le ore, se preferisci) in secondi utilizzando Google (qui un esempio).

Alternative di pari livello? Lascia un commento per suggerirle! :-)

Buon fine settimana.

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Sulla falsa riga dell’articolo pubblicato lo scorso fine settimana, dedicato al download di immagini da video YouTube, stavolta tocca a Twitter. Sempre più ricco di video e GIF animate (welcome back, primi anni 2000 e siti web in HTML che levati), è fonte da sfruttare nel caso si voglia salvare qualcosa che ci ha particolarmente colpiti. Ho voluto pubblicare questa pillola in seguito a un tweet di Google Chrome, che suggeriva ai suoi utilizzatori di salvare la sessione di lavoro e riprenderla dopo aver spento il PC o semplicemente chiuso il browser, utile da far vedere agli utenti che usano il browser di Google in azienda.

Ecco quindi tornare utile Twitter-Gif-Download, sito web che si occupa gratuitamente del download semplice, senza avere alcuna conoscenza particolare o necessità di utilizzare gli strumenti di analisi contenuti in Chrome o Firefox. Il sito ha URL downloadtwittervideo.com/TwitterGif.php, si incolla il tweet che contiene ciò che ti interessa e si va:

Scaricare GIF e video da Twitter

Consiglio spassionato: difficile che su Twitter si vadano a caricare dei file Mp4 in HD, imposta quindi il formato di default in semplice Mp4, vivrai serenamente e riuscirai a scaricare tutto ciò che ti interessa. Tasto destro sul collegamento → Salva destinazione con nome, non serve null’altro (lo riconosci dalla stringa Please right click on this link ...).

 

Buon fine settimana! :-)

G