Archives For Ricerca e Sviluppo

Su segnalazione di Luca di una manciata di giorni fa ho letto un post che lascia ben poco spazio alla teoria e vi mette davanti ad un interrogativo spesso non considerato (cosa fin troppo naturale, ndr): avete mai pensato a che fine faranno i vostri dati e i vostri account quando sarà arrivata l’ora di abbandonare questa vita terrena? (non c’è bisogno di toccarsi, dai!)

Secondo Digital Beyond svariati degli strumenti di comunicazioni attuali prevedono la possibilità e –di conseguenzala necessità che la proprietà dell’account passi ad eredi e amici, come succede con gli oggetti fisici: thedigitalbeyond.com/2010/12/so-what-does-happen-to-your-digital-assets-after-you-die.

Ho voluto riprendere il post e localizzarlo parzialmente, rimandandovi alle documentazioni originali quando necessario. Buona lettura :)

GMail

Il più rapido e più semplice nello spiegare il da farsi. Google fornisce la risposta in questo documento ufficiale, in italiano: mail.google.com/support/bin/answer.py?hl=it&answer=14300

Nonostante i tempi di comunicazione possano essere non particolarmente veloci, è sicuramente necessario rispettare ciascun passaggio per riuscire ad ottenere accesso alla casella di posta del proprio defunto. Sono richiesti fino a 30 giorni per l’elaborazione della richiesta.

Twitter

E’ in grado di assistere la famiglia e i parenti più stretti affinché l’account interessato venga chiuso, fornisce inoltre un archivio di tutti i tweet pubblici della persona scomparsa, come descritto in questo documento (in inglese).

Così come per GMail anche Twitter necessiterà sicuramente di diversi giorni tra valutazione e messa in atto della modifica, anche se non specificato nella pagina pubblica.

Facebook

Facebook specifica alcuni termini di servizio (privacy) che prevedono la possibilità di scomparsa e quindi di trasformazione del proprio account in pagina commemorativa o cancellazione completa dei propri dati.

E’ inoltre possibile scaricare completamente i dati del proprio profilo attraverso uno strumento già presente su Facebook, così da poterli navigare offline sulla propria postazione (quindi chiedere -magari- la chiusura dell’account del defunto).

YouTube

Ancora una volta è Google a decidere come si risolve “il problema“, il documento ufficiale parla infatti di risoluzione di una problematica per membro di Youtube deceduto :mrgreen:, in italiano, all’indirizzo google.com/support/youtube/bin/answer.py?hl=it&answer=94458.

Inutile dirlo, vale quanto specificato per la prima casistica. Possono servire fino a 30 giorni per l’elaborazione della richiesta.

Yahoo!

Ultimo, ma non per importanza, è Yahoo!, società che possiede Flickr e –ancora per il momentoDelicious, due servizi parecchio utilizzati, in particolar modo il primo, che ci permette di tenere al sicuro gli scatti fotografici di una vita.

Nei termini di servizio della nota azienda non viene previsto alcun trasferimento di account ma è lecito inoltrare un certificato di morte per chiedere la chiusura dell’account, quindi la rimozione completa di tutti i dati salvati / caricati da quell’account:

No Right of Survivorship and Non-Transferability. You agree that your Yahoo! account is non-transferable and any rights to your Yahoo! ID or contents within your account terminate upon your death. Upon receipt of a copy of a death certificate, your account may be terminated and all contents therein permanently deleted.

Non viene specificata alcuna tempistica di evasione della pratica, tenete per buono che non può certamente essere minore di quella proposta da Google.

In conclusione

Un articolo da lasciare ai posteri molto probabilmente. Una volta si aveva a che fare “solo” con testamenti, proprietà fisiche e le eterne litigate tra parenti. Oggi vanno ad aggiungersi account di posta, di servizi e di qualunque altro accesso alla rete, dove la vita digitale prende sempre più tempo e sempre più possesso dei nostri dati. Sapere cosa fare in questi casi può sempre tornare utile.

Ora potete smettere di toccarvi! :P

Attenzione: Post a moderato contenuto nerdico, si consiglia di girare al largo nel caso in cui l’argomento non interessi! :mrgreen:

Avere un amico e collega di lavoro che non conosce cosa voglia dire “arrendersipuò tornare maledettamente utile in casi estremi dove hardware e software pensano di non poter parlare tra di loro. Riavvolgo il nastro e vi porto a qualche mese fa quando –insieme ai colleghi trasfertisti– ho chiesto all’azienda una connessione più decente della vetusta ISDN che copriva l’appartamento ad Assago dove ci appoggiamo durante i viaggi di lavoro in quel di Milano e dintorni.

La richiesta è stata accolta, così come la scelta dell’hardware: una chiavetta dati del nostro attuale carrier telefonico aziendale (Vodafone, appunto) ed una Fonera 2.0N attraverso la quale saremmo riusciti a propagare il segnale via WiFi privata e contemporaneamente configurare altre chicche che possono sempre tornare utili (ivi compreso il canale OpenVPN verso l’azienda).

Sfortunatamente la Vodafone ci ha mandato (senza prima chiedere alcunché) un nuovo dongle K4505 che –a dar retta alla Wiki di FONveniva dato come non compatibile con il loro router: wiki.fon.com/wiki/3G_compatibility.

Da oggi quel “non compatibile è cambiato“, grazie a Sergio :)

You need to flash your Fonera with the latest DEV image from download.fonosfera.org (latest is 2.3.6.1). This will allow you to access your Fonera on SSH.

Now connect via SSH to the Fonera. Username is root and password is the one you use to access web gui.

create /etc/usb-modeswitch.conf and write this inside:

########################################################
# Huawei K4505

DefaultVendor= 0x12d1
DefaultProduct=0x1521

TargetVendor= 0x12d1
TargetProduct= 0x1464

CheckSuccess=20

MessageContent="55534243123456780000000000000011060000000000000000000000000000"

edit /etc/config/umtsd

config ‘umtsd’ ‘umtsd’
option  ’_country’  ’it’
option ‘apn’  ’web.omnitel.it’
option ‘dns’ ’83.224.65.134′
option ‘_provider’ ‘it_11′
config ‘umtsdstate’  ’umtsdstate’
 config ‘umtsdevice’  ’option12D11464′
 option ‘vendor’  ’Huawei’
 option ‘device’  ’K4505′

create /etc/init.d/activatek4505 with this inside:

/usr/bin/usb_modeswitch
echo “0x12d1 0×1464″ >/sys/bus/usb-serial/drivers/option1/new_id

run:

ln -s /etc/init.d/activatek4505 /etc/rc.d/S40activatek4505

edit /Apps/umtsd.lua and change  *99***1# with *99#

finally we write changes issuing this command:

sync

reboot and it will work flawlessly.

Articolo originale: vipsnet.net/2010/fonera-2-0n-and-vodafone-k4505-key

Problematica apparentemente stupida capitata giusto stamane. Sulla stessa macchina sarà necessario attivare un doppio server FTP di cui solo uno esposto all’esterno con IP pubblico raggiungibile dalla rete. Il secondo server dovrà essere “riservato ad alcune reti LAN” e in ascolto su una porta differente da quella standard.

Riepilogo estremamente semplice: il primo sfrutterà la classica porta 21, il secondo la 2121 e sarà bloccato tramite regole di firewall, rendendolo disponibile –come richiesto– solo ad alcune sottoreti. Per gli addetti il funzionamento di modalità attiva e passiva è cosa banale, un po’ meno per chi non è abituato a mangiare di questo quotidianamente:

FTP, a differenza di altri protocolli come ad esempio HTTP, utilizza due connessioni separate per gestire comandi e dati. Un server FTP rimane tipicamente in ascolto sulla porta 21 TCP a cui si connette il client. La connessione da parte del client determinerà l’inizializzazione del canale comandi attraverso il quale client e server si scambieranno comandi e risposte. Lo scambio effettivo di dati (come ad esempio file) richiederà l’apertura del canale dati il quale può essere di due tipi.

In un canale dati di tipo attivo il client apre una porta tipicamente random, tramite il canale comandi rende noto il numero di tale porta al server e attende che esso si connetta. Una volta che il server ha attivato la connessione dati al client FTP, quest’ultimo effettua il binding della porta sorgente alla porta 20 del server FTP. A tale scopo possono venire impiegati i comandi PORT o EPRT, a seconda del protocollo di rete utilizzato (tipicamente IPv4 o IPv6).

In un canale dati di tipo passivo il server apre una porta tipicamente random (> 1023), tramite il canale comandi rende noto il numero di tale porta al client e attende che esso si connetta. A tale scopo possono venire impiegati i comandi PASV o EPSV, a seconda del protocollo di rete utilizzato (tipicamente IPv4 o IPv6).

Ergo: contrariamente al servizio FTP esposto in modalità attiva (per richiesta), quello interno configurato in modalità passiva avrebbe potuto utilizzare una qualsiasi porta casuale (oltre la 2121 stabilita in IIS) in un range che va dalla 1025 alla 5000, come dichiarato nel documento Microsoft pubblicato in Technet:

technet.microsoft.com/en-us/library/cc734964%28WS.10%29.aspx

A questo punto è stato necessario fare in modo che il range diminuisse notevolmente per poter aprire meno porte possibili e concedere lo stretto indispensabile ai PC che potranno far accesso alla 2121 in Passive Mode per scambiare dati via FTP. Lo stesso documento propone l’utilizzo di uno script già presente in una qualsiasi installazione di Microsoft IIS:

Configure PassivePortRange by using an ADSUTIL script

To configure PassivePortRange by using an ADSUTIL script:

  1. Open an elevated Command Prompt window. Click Start, point to All Programs, click Accessories, right-click Command Prompt, and then click Run as administrator.
  2. Type cd %SystemDrive%\Inetpub\AdminScripts and press ENTER.
  3. Type the following from the command prompt (this example uses a port range of 6000-7000):adsutil.vbs set /MSFTPSVC/PassivePortRange “6000-7000”

Restart the FTP Service

To restart the FTP Service:

  1. Open an elevated Command Prompt window. Click Start, point to All Programs, click Accessories, right-click Command Prompt, and then click Run as administrator.
  2. Type net stop msftpsvc.
  3. Type net start msftpsvc.

Si ottiene quindi questo risultato:

IIS: restringere il range di porte per il Passive Mode

L’ultima modifica riguarderà il firewall e si potrà ora facilmente controllare avendo limitato il range di porte a 20 comprese tra la 6000 e la 6020 (oltre la 2121 precedentemente stabilita e inserita nella configurazione di IIS). Tradotto in iptables (ho offuscato lo stretto necessario):

iptables -t filter -A FORWARD -s 192.168.1.0/24 -d IPSERVERFTP -p tcp --dport 2121 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s 192.168.2.0/24 -d IPSERVERFTP -p tcp --dport 2121 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s 192.168.3.0/24 -d IPSERVERFTP -p tcp --dport 2121 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s IPSERVERFTP -d 192.168.1.0/24 -p tcp --sport 2121 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s IPSERVERFTP -d 192.168.2.0/24 -p tcp --sport 2121 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s IPSERVERFTP -d 192.168.3.0/24 -p tcp --sport 2121 -j ACCEPT

iptables -t filter -A FORWARD -s 192.168.1.0/24 -d IPSERVERFTP -p tcp --dport 6000:6020 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s 192.168.2.0/24 -d IPSERVERFTP -p tcp --dport 6000:6020 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s 192.168.3.0/24 -d IPSERVERFTP -p tcp --dport 6000:6020 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s IPSERVERFTP -d 192.168.1.0/24 -p tcp --sport 6000:6020 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s IPSERVERFTP -d 192.168.2.0/24 -p tcp --sport 6000:6020 -j ACCEPT
iptables -t filter -A FORWARD -s IPSERVERFTP -d 192.168.3.0/24 -p tcp --sport 6000:6020 -j ACCEPT

Dato che per chi lavora costantemente su ambiente Microsoft ricordare la sintassi di iptables potrebbe essere un problema, ho fatto spudorato uso di questo post: cyberciti.biz/tips/linux-iptables-how-to-specify-a-range-of-ip-addresses-or-ports.html, il classico “articolo al posto giusto nel momento giusto” :-)

Fatto ciò basterà riapplicare le regole per poter poi effettuare un test sul primo client che vi capita a tiro, tutto dovrebbe andare liscio come l’olio.

Buon lavoro.

Ho dovuto aspettare che uscisse l’aggiornamento pubblico per poterne parlare ma –come anticipato di straforo su Twitter– ero entrato a far parte del programma di beta testing della nuova dashboard di Xbox 360, ora realtà per tutti!

Xbox 360: aggiornamento Dashboard Xbox 360: aggiornamento Dashboard

Cosa sia stato incluso e una prima impressione a caldo è stata pubblicata da Andrea giusto ieri:

contino.com/blog/2010/11/1/xbox-360-dashboard-update-autunno-2010.html

Potrei pensare di condividere buona parte di quanto è stato scritto. Spezzo però una lancia a favore dell’aggiornamento: da quando ho abbandonato la vecchia dashboard ho notato una maggiore velocità nell’esplorazione dei menu e nell’esecuzione delle operazioni (no, non c’entra la linea dati e la velocità di quest’ultima, non intendo la velocità di download di nuove demo o simili), senza considerare le opzioni aggiuntive che permettono una migliore gestione delle risorse della console e di personalizzare ulteriormente il comportamento dell’hardware e del software durante il quotidiano utilizzo, soprattutto in vista di una doverosa integrazione totale con Kinect.

Xbox 360: aggiornamento Dashboard Xbox 360: aggiornamento Dashboard

Ai possessori di Xbox 360 non resta che accendere la propria console e lasciar scaricare (e installare) l’aggiornamento della Dashboard :)

Qui trovate qualche scatto effettuato lo scorso 1 ottobre:

flickr.com/gioxxswall/tags/x360dashboardupdateautunno2010

Buon divertimento!

Un nuovo brevissimo articolo riguardante Standard Theme (il tema grafico di questo blog) e l’utilizzo di widget inclusi nell’installazione standard del tema, in particolare quello di ricerca e di pubblicazione delle ultime fotografie pubblicate sul proprio account Flickr.

In un’installazione lasciata in inglese (per scelta, senza nulla togliere al fantastico lavoro di WordPress Italia) anche i widget verranno proposti automaticamente nella stessa lingua. Dato che potreste mostrare al pubblico una sidebar in lingua nostrana, ha sicuramente senso tradurre “al volo” le due righe che regolano il titolo dei widget presi in esame ;)

Mano al file!

Entrambi i widget vengono dichiarati all’interno del file “functions.php“, a sua volta all’interno della cartella del tema.

Il listato di codice che permette la creazione del widget con il box di ricerca comincia alla riga 1153 e termina alla 1164. La stringa che determina il titolo dello stesso si trova alla riga 1156:

 <h3><?php _e('Search'); ?></h3>

Ovviamente al posto di “Search” andrà inserito un semplice “Cerca“.

Il secondo listato di codice che invece permette la creazione del widget che espone le ultime fotografie pubblicate sul proprio account Flickr, comincia alla riga 1041 e termina alla 1053 (senza considerare la parte di amministrazione). La stringa che determina il titolo dello stesso si trova alla riga 1049:

 <h3 class="widget_title"><?php _e('Photos on <span>flick<span>r</span></span>', 'stwpthemes') ?></h3>

Anche in questo caso basterà cambiare “Photos on” con un altrettanto semplice “Foto su“.

A questo punto sarà sufficiente salvare il file e caricarlo sul vostro spazio FTP confermando la sostituzione del vecchio file già presente. Un F5 sulla pagina per aggiornare e godetevi il risultato.

Buon lavoro :)

P.S. Inutile dire che lo stesso ragionamento vale per gli AdBox e gli altri widget rapidi dichiarati dal tema, vero? ;)