Tag Archive - Sincronizzazione

iTunes: quando è necessario il downgrade?

In passato ho avuto modo di parlarvi di condivisione della propria libreria / accesso ad iPod e iPhone da più postazioni e di come sia possibile clonare le applicazioni tra le proprie postazioni facendo sempre vincere l’ultima configurazione valida sul proprio dispositivo. Oggi dedico spazio ad un terzo articolo della fortunata serie per spiegarvi quando diventa necessario tornare temporaneamente ad un vecchio iTunes, applicare la modifica di condivisione e aggiornare all’ultima versione.

Come si può verificare il problema?

Nuovo lavoro, nuovo portatile, nuova installazione di iTunes. Questa è la combinazione che mi ha permesso di riprodurre un problema del quale mi avevano parlato alcuni utenti in passato (e per il quale non ero ancora riuscito a spiegarmi il perché). Partendo dal presupposto che conosco a memoria la procedura di clonazione del Library ID spiegata nel mio primo articolo, dopo aver installato l’ultima versione di iTunes sul mio DELL e aver inserito l’iPhone in culla, è comparso il solito messaggio di inizializzazione della libreria musicale del telefono, prepotente e puntuale come le tasse.

Occhio: non confermate mai il messaggio che esce a video, questo causerebbe l’immediata rimozione di tutti i contenuti del telefono / iPod con imprecazioni al seguito e necessità di rifare il lavoro di sincronizzazione (senza considerare che da quel momento in poi non dovreste riuscire a sincronizzare il dispositivo con le altre vostre postazioni).

E ora cosa faccio?

Niente panico. Riuscire a sfruttare il vecchio trucco della libreria clonata è ancora possibile, a patto di non passare per l’ultima versione di iTunes. E’ necessario modificare i dati prima di installare la versione più recente del software Apple, motivo per il sarà necessario un downgrade (ed in seguito un nuovo upgrade).

ATTENZIONE: Prima di eseguire qualsiasi modifica ai vostri file e/o dispositivi siete pregati di effettuare un backup di questi. Solo così sarete capaci di tornare indietro riparando ad eventuali errori di distrazione. L’articolo e l’autore non possono essere ritenuti responsabili di alcun danno subito dalla vostra strumentazione. Buon lavoro.

Ho volutamente inserito il solito messaggio per il backup dei dati perché -prima di ogni vostra mossa- sarebbe opportuno salvare la cartellaiTunes” (generalmente presente nella cartella Musica del proprio profilo personale) in una posizione sicura (un disco esterno o più semplicemente un taglia/incolla verso una cartella differente dello stesso disco), quindi rimuoverla per effettuare in seguito un’installazione pulita.

Occorrerà ora disinstallare (se già presenti sulla macchina) tutti i software Apple aggiornati. Questa vista sulla mia Installazione Applicazioni potrebbe tornarvi comoda:

Lista software Apple installati (clicca per ingrandire)

Dopo aver riavviato il PC, potrete scaricare ed installare iTunes 9.2.1 (qui la versione a 64 bit). Al termine della fase di setup aprite l’applicativo (così da far creare i file di libreria), chiudete l’applicativo e seguite la documentazione che già dovreste conoscere:

gioxx.org/2009/08/27/iphone-gestirlo-con-due-o-piu-pc-itunes

A questo punto (e solo ora) potrete avviare l’Apple Software Update per cercare aggiornamenti del programma, scaricarli e installarli automaticamente. Inserendo l’iPhone nella culla (o semplicemente connettendolo al cavo) dovreste ora riuscire a impostare una sincronizzazione manuale dei contenuti senza ottenere il messaggio tanto odiato :)

Uno spazio dedicato a …

La mia minuscola guida si basa su un ben più dettagliato articolo di Apple Toolbox che mi ha aiutato a capire il da farsi: http://appletoolbox.com/2010/09/how-to-downgrade-itunes-10-to-itunes-9-2-1.

Lo stesso articolo propone il da farsi nel caso in cui vogliate mantenere la vostra attuale libreria pur con l’intenzione di effettuare un downgrade. Indica anche una procedura per tutti gli utilizzatori di Mac OS X.

Buon lavoro! :-)

Addio Xmarks, benvenuto Firefox Sync

E’ ufficiale: Xmarks chiuderà i battenti il prossimo 10 gennaio 2011.

A confermarlo è il sito web ufficiale (qui una copia) al quale sono arrivato tramite la notizia pubblicata su lifehacker ieri sera:

Xmarks Sync for Firefox, Chrome, IE, Safari, and iPhone will continue to operate until January 10, 2011. Email support is no longer available, but our user support forums on GetSatisfaction will continue to be a place for users to help each other.

Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando: Xmarks (ex Foxmarks) è un componente aggiuntivo realizzato per i browser più utilizzati (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, Apple Safari) che permette la sincronizzazione dei propri dati personali (segnalibri, password, sessioni aperte, cronologia di navigazione), uno strumento che si è rivelato subito fondamentale per tutti coloro che utilizzano più postazioni per portare avanti il proprio lavoro quotidiano. Il primo servizio totalmente gratuito e perfettamente funzionante che io ricordi (ideato inizialmente per Firefox, poi reso compatibile anche con gli altri browser).

Un lungo post scritto da Todd Agulnick (Co-Founder e CTO del progetto) spiega la storia di Xmarks ed il perché della chiusura prevista per la metà di gennaio del prossimo anno (l’articolo è in inglese, qui una copia).

Allo stato attuale 2 browser offrono nativamente (o per mezzo di componenti aggiuntivi assolutamente gratuiti) la stessa funzione di Xmarks, almeno in parte. Sto parlando di Firefox Sync e Chrome Sync. Vi avevo già parlato in modo più o meno approfondito del primo in questo articolo di poco tempo fa.

Le alternative

Nella pagina dedicata allo spegnimento di Xmarks vengono riportate valide alternative al loro componente aggiuntivo:

Solo nell’ultimo caso riportato (Apple Safari) l’utente sarà costretto a sborsare una cifra annuale pari a 79€ (per 20 GB di spazio riservato sui server Apple). Le restanti opzioni riguardano componenti aggiuntivi che resteranno gratuiti ma che permetteranno la condivisione dei propri dati solo ed esclusivamente sui browser per i quali sono stati progettati, limite che invece non riguardava Xmarks.

Firefox: migrare a Sync

Gli utilizzatori di Mozilla Firefox potranno quindi migrare verso Sync, attualmente il componente aggiuntivo più completo tra quelli citati sopra, l’unico in grado di tenere salvati e sincronizzati segnalibri, sessioni, password e cronologia di navigazione.

L’installazione e la creazione di un nuovo account richiedono pochi minuti e lo si fa direttamente da Firefox una volta che il componente aggiuntivo è stato installato ed il browser riavviato. Da poco tempo è stata inoltre rilasciata l’applicazione Firefox Home per iPhone che permette di portare sempre con se i propri dati sfruttandoli anche sul telefono di casa Apple.

S.O.S.

Migrazione impossibile? Errori improbabili? Avete il dubbio di poter combinare dei danni e magari cancellare dati dei quali non potete assolutamente fare a meno? La regola generale è e rimarrà sempre la stessa: effettuate un backup dei vostri dati prima di cominciare qualunque operazione.

Firefox possiede copia dei vostri dati e nessuno riuscirà ad eliminarli. Per sicurezza potrete comunque farne copia seguendo questa semplice documentazione facente parte della KB Mozilla:

support.mozilla.com/it/kb/Recuperare+dati+personali+da+un+vecchio+profilo

Si parla di migrazione da un vecchio al nuovo profilo, apparentemente inutile per questo tipo di casistica. Potrete comunque utilizzare il documento per conoscere e salvare i dati importanti del vostro attuale profilo, fondamentale prima di intraprendere qualunque altra azione ;)

Chiudere i conti con Xmarks

Le due operazioni fondamentali consistono nella prima sincronizzazione completa dei propri dati con i server di Mozilla (tramite Firefox Sync) e la cancellazione del proprio account (e di tutti i dati ad esso collegati) dai server di Xmarks. Eseguire la prima è molto semplice. Come già detto due paragrafi fa, basterà installare il componente aggiuntivo, riavviare Firefox, seguire la procedura guidata che verrà immediatamente proposta a video e attendere che la prima sincronizzazione venga portata a termine.

Per poter cancellare i propri dati dai server di Xmarks è disponibile un collegamento diretto alla pagina che permette lo “switch-off” del proprio account: login.xmarks.com/account/delete_account. Inserendo le proprie credenziali verrà fatto presente che i dati saranno cancellati insieme al nome utente che non sarà più recuperabile e utilizzabile in seguito:

Should you delete your account, the Xmarks add-on will no longer be able to synchronize your bookmarks between computers. Once your account has been deleted, it cannot be restored.

Please note also that deleted usernames are no longer available. You will not be permitted to delete your account and create a new account with the same username.

A questo punto basterà confermare l’operazione con il pulsante “Delete Account“, il gioco è fatto, i rapporti con Foxmarks, prossimo alla chiusura, saranno conclusi.

Prima di concludere vi lascio un collegamento diretto alle FAQ riguardanti la chiusura del servizio, disponibili cliccando qui (qui invece una copia).

Il forum di Mozilla Italia è a vostra totale disposizione per qualsiasi problema legato ai prodotti Mozilla, Firefox Sync compreso. Vi aspettiamo qualora notaste delle difficoltà o delle anomalie durante il processo di transizione ;)

Grazie di tutto Xmarks, in bocca al lupo a tutto il team.

Per una più corretta informazione segnalo il commento di Engelium riguardante l’alternativa anche per il browser Opera. Dai una occhiata all’area commenti!

iPhone e iTunes da più PC: trasferimento acquisti

Qualche tempo fa ho pubblicato un articolo che spiegava come poter modificare i file di configurazione della libreria iTunes per permettere una sincronizzazione dell’iPhone da più PC:

gioxx.org/2009/08/27/iphone-gestirlo-con-due-o-piu-pc-itunes

Vorrei integrare oggi un altro piccolo pezzo d’articolo che spiega come mai ad alcuni utenti accade lo stesso evento descritto da un utente che ha lasciato un commento giusto ieri:

ciao, io sono giorni che provo ma non funziona. quando provo a sincronizzare il tutto sul secondo pc tutte le applicazioni, incluse quelle dell’applestore, vengono eliminate. potete aiutarmi. grazie.
adelmo

Se ho ben compreso la problematica di Adelmo, lanciando la sincronizzazione da due o più PC, il suo iPhone tende a perdere le applicazioni durante i “salti. Questo è un problema facilmente aggirabile direttamente dall’iTunes stesso in concomitanza con una semplice operazione da fare direttamente dal telefono.

Quando collegate iPhone al PC, bloccate la sincronizzazione semplicemente annullandola tramite il telefono stesso quando compare la schermata che tutti ormai conosciamo:

Ora, da iTunes, andare in File / Trasferisci acquisti da “iPhone di XX per poter sincronizzare il PC facendo “vincere” le modifiche presenti sul telefono. In questo modo sarà poi possibile sincronizzare nuovamente da iTunes senza alcuna perdita di dati.

Il metodo torna utile quando da un PC viene acquistato o caricato un contenuto sul telefono e lo si vuole replicare velocemente sul secondo. Di regola (spero) il problema presentato sarà così risolto in men che non si dica ;)

Cheers.

Sincronizzare contatti e calendario tra Google e telefono

Dopo il discreto successo del precedente post riguardante la sincronizzazione dei contatti tra Google (Mail) ed il proprio telefono Nokia, stavolta l’articolo riguarderà un più ampio spettro e vi permetterà di sapere come sincronizzare il calendario ed i contatti contemporaneamente. Un  solo software utilizzato (scaricabile gratuitamente), tutto costantemente sotto controllo con un paio di click! Metodo testato con successo sui telefoni del sottoscritto, il solito elenco insomma: Nokia E65, 5800 XpressMusic, N73, N70.

E’ tutto molto lineare e semplice a patto di non tralasciare nulla, tutti i dettagli sono spiegati passo passo qui di seguito con tanto di immagini prese durante l’installazione e la configurazione sull’E65. Prima di cominciare avete pensato di fare un backup?

ATTENZIONE: Prima di eseguire qualsiasi modifica ai vostri file e/o dispositivi siete pregati di effettuare un backup di questi. Solo così sarete capaci di tornare indietro riparando ad eventuali errori di distrazione. L’articolo e l’autore non possono essere ritenuti responsabili di alcun danno subito dalla vostra strumentazione. Buon lavoro.

La procedura è rimasta identica alla precedente volta, ve la ripropongo:

# backup rubrica & impostazioni

Attraverso l’apposita funzione prevista dalla Nokia PC Suite o semplicemente dal pannello “Memoria” del telefono (Strumenti / Memoria / Backup memoria tel.) procedere con il salvataggio delle impostazioni e della rubrica. Google, attraverso il profilo di che si andrà a creare, cancellerà le voci presenti nella vostra rubrica per fare spazio alla sua struttura futura, fare un backup diventa quindi necessario! Magari utilizzando l’articolo precedente potete passare i vostri contatti su Google Mail, mettere il tutto da parte esportando quella lista in formato Google CSV (se non sapete come fare chiedetelo nei commenti) e prepararvi a ripristinare il tutto dopo l’installazione di MFE (Mail for Exchange) del quale sto apprestandomi a parlare.

# scaricare ed installare MfE

Mail for Exchange è un piccolo applicativo dedicato all’utenza business Nokia (ma non solo, ndr), questa è la descrizione presa direttamente dal sito web ufficiale:

Mail for Exchange synchronizes your business’s Microsoft Exchange service so employees can use their Microsoft Exchange inbox, calendar and contacts on their Nokia mobile devices.

Reperirlo è estremamente semplice e richiede due minuti del vostro tempo. Si va sul sito di Nokia for Business, selezionando continente di provenienza e modello del telefono in vostro possesso. Una volta comparse le voci nel dettaglio si seleziona il file “SISX” da scaricare e si indicano i dati richiesti (anche fittizi, non viene fatto alcun controllo). In alternativa su GxWare.org trovate i pacchetti di installazione dei Nokia che gironzolano in azienda, subito pronti da scaricare (riconoscete il modello del telefono guardando il finale del nome!):

downloads.gxware.org/index.php?dir=apps/Nokia/mfe/

Collegate quindi il telefono al PC e lanciate l’installazione, altrimenti caricate il tutto sulla SD card ed effettuate l’installazione direttamente da telefono (dalla gestione file), proprio come nelle immagini qui di seguito:

Avviando per la prima volta il programma verrà chiesto se creare immediatamente un profilo o meno, chiaramente procedere!

# configurare MfE

Riempire i vari campi richiesti è abbastanza semplice, basta indicare l’utenza GMail assicurando di non dimenticare nulla. I dettagli? Presto pronti:

  • Nome utente: vostroutente@gmail.com
  • Password: la password dell’account
  • Dominio: google

Salvando queste impostazioni, MfE tenterà un primo accesso al server andando in errore. Questo perché nel dominio in cui si trova, “google” non viene riconosciuto correttamente. Bisognerà quindi specificare ulteriori dettagli:

MfE proporrà quindi un’ulteriore finestra di specifiche riguardanti la connessione. Questi sono i nuovi dettagli da specificare:

  • Server Exchange: m.google.com
  • Connessione protetta: Si
  • Punto di accesso: nel mio caso 3 Internet o un AP WiFi nei dintorni
  • Sinc. durante roaming: io consiglio il “NO“, soprattutto con le tariffe italiane!
  • Usa porta predefinita: Si

Già che ci siete, approfittate della finestra di configurazione per selezionare la finestra “Credenziali” (basta cliccare “destra” sul joypad del telefono), proprio come nelle immagini qui di seguito:

Il più del lavoro è terminato e siete pronti a godervi contatti e calendario sul telefono, comodi comodi! Andando ancora avanti con le schede (premendo ancora una volta “destra” sul joypad del telefono) si arriverà al dettaglio da sincronizzare. Togliete posta elettronica e tutto ciò che c’è di superfluo lasciando solo Calendario e Contatti. Selezionate quindi “Indietro” per salvare le impostazioni e tornare alla schermata principale:

# ultimo passaggio: preferisco “andare in manuale”

Quella modalità di sincronizzazione “Ore di punta: Sempre online” è una vera e propria maledizione, almeno con le attuali tariffe dati che non prevedono il “piano flat“. Le strade si separano per:

  • chi ha a disposizione un abbonamento flat dati, magari da 1 GB al mese o poco meno / più
  • chi userà un punto di accesso WiFi e non un 3G UMTS / HSDPA
  • chi userà un punto di accesso 3G UMTS / HSDPA

Nel primo e nel secondo caso potrete tranquillamente lasciare il telefono sempre connesso alla rete, ottenendo un fantastico “live!” delle modifiche tra Google Calendar e telefono (o viceversa), lo stesso vale chiaramente per i contatti.

Nel terzo caso però, per logica, sarebbe alquanto dispendioso. Ecco perché scegliere una sincronizzazione manuale può essere la soluzione ideale. Selezionando proprio quella voce “Ore di punta: …” si potrà accedere direttamente alla finestra di dettagli sulla pianificazione. Da qui sarà possibile impostare tutto in manuale, indicando al telefono ed all’applicativo che potrà sincronizzare contatti e calendario solo se l’utilizzatore lo vorrà:

Selezionare quindi “Indietro” per applicare le modifiche appena impostate e godersi il risultato sincronizzando i propri dati (Opzioni / Sincronizza). Occhio a quanto specificato prima, potreste perdere tutti i dati al “primo giro. State pronti ad importare nuovamente in Google Mail il vostro precedente backup (salvato in “Google CSV“) … ri-sincronizzando dal telefono la situazione si stabilizzerà e da ora sarete in “simbiosi” con i servizi di Mountain View.

Facile (quasi), veloce (più o meno), gratuito laddove si parli di accesso WiFi. Cosa volete di più? :mrgreen:

Grazie a Markus Lanthaler per l’articolo originale.

Sincronizzare contatti tra Google e telefono

Nell’attesa di completare un post ben più dettagliato che comprenda anche gli appuntamenti in calendario (Google Calendar, ndr), vi dò una veloce dritta per tenere costantemente sincronizzati i contatti GMail (con numero di telefono, mail, IM e tanto altro ancora) con il vostro telefono Nokia. La procedura è stata testata con successo sul Nokia E65 del sottoscritto, sul 5800 XpressMusic che ho in test, sul Nokia N70 aziendale e sul Nokia N73 della donna che mi sopporta, inutile dire che funziona “per forza” su qualsiasi altro cellulare Nokia che preveda la sincronizzazione dati ;)

E’ tutto piuttosto semplice e sono richiesti circa 5 minuti per portare a termine le attività. Come al solito occorre specificare che:

ATTENZIONE: Prima di eseguire qualsiasi modifica ai vostri file e/o dispositivi siete pregati di effettuare un backup di questi. Solo così sarete capaci di tornare indietro riparando ad eventuali errori di distrazione. L’articolo e l’autore non possono essere ritenuti responsabili di alcun danno subito dalla vostra strumentazione. Buon lavoro.

Seguono quindi i passaggi da effettuare con tanto di configurazioni adatte al corretto funzionamento della sincronizzazione!

# backup rubrica & impostazioni

Attraverso l’apposita funzione prevista dalla Nokia PC Suite o semplicemente dal pannello “Memoria” del telefono (Strumenti / Memoria / Backup memoria tel.) procedere con il salvataggio delle impostazioni e della rubrica. Google, attraverso il profilo di che si andrà a creare, non cancellerà le voci presenti nella vostra rubrica, ma prevenire è meglio che curare … sempre!

# creazione del profilo “Google”

Dal menu del vostro telefono (ora mi baserò sul Nokia N70 ma cambia poco sugli altri) selezionare in successione Connettività / Sincronizzazione / Nuovo profilo sincr., e configurare:

  • Nome profilo: Google
  • Versione del server: 1.2
  • Applicazioni: Rubrica
  • Database rubrica: contacts (tutto minuscolo)
  • Tipo di trasporto dati: Internet
  • Indirizzo host: https://m.google.com/syncml
  • ID Server: Google (occhio alla prima G maiuscola)
  • Nome utente: vostronome@gmail.com
  • Password: la vostra password

Si è arrivati al termine della procedura guidata per la creazione del nuovo profilo. Bisogna però andare a modificare ancora qualcosa. Non attivate quindi quanto creato e procedete con la modifica delle impostazioni. Bisogna assicurarsi che:

  • Porta: 443
  • Connessione di rete: vi suggerisco di impostarla subito così che non lo richieda ogni volta che si vuole sincronizzare, nel mio caso “3 Internet
  • Tipo sincronizzazione:  Entrambe le direzioni

Il profilo è ora pronto! Non vi resta che salvare le impostazioni e testare il funzionamento. Vi suggerisco di controllare bene il contenuto della rubrica ed eliminare (magari) roba non più necessaria, giusto per risparmiare qualche KB! ;) Detto ciò si seleziona il profilo “Google” appena creato ed in seguito “Sincronizza” per iniziare la comunicazione con il server e permette al telefono di caricare tutto sui server di Big G. A fine sincronizzazione basterà andare nella propria GMail, seleziona “Contatti” nel menu a sinistra e godersi lo spettacolo :)

Inutile dire che modificando i dati sul server (o viceversa) e sincronizzando nuovamente il telefono otterrete da entrambe le parti le ultime modifiche, particolarmente comodo per rimanere sempre aggiornati. Buon lavoro!

Grazie a Markus Lanthaler per l’articolo originale.