Archives For Sopravvivenza

Ricordate il lavoro che ho svolto un anno fa? Potrebbe sembrarvi un modo stupido per cominciare l’articolo ma in fondo non lo è neanche tanto :-P

Sto parlando del reperire attività aperte al pubblico durante i giorni più “caldi” (speriamo, una volta tanto) che stiamo vivendo giusto ora (10-21 agosto circa). Volendo fare un resoconto dei temi trattati si ottengono 3 soli articoli, 3 esperimenti che hanno portato a qualche commento e qualche visita da parte di sconosciuti fruitori di informazioni desiderosi di trovare risposte alla classica domanda “e ora? Dove vado a prendere il pane?” …

L’intenzione è quella di rinnovare la pubblicazione degli articoli già usciti, magari inserendone anche di nuovi che possano aiutarvi a passare nel migliore dei modi le prossime due settimane in città, soprattutto per chi non va in ferie (chi le ha già fatte, chi le farà, chi come me ha deciso di non prenderne).

Buona lettura quindi :)

Tra una manciata di ore dovrebbero entrare in vigore le nuove norme del Codice della strada nostrano, riporto e discuto l’ottimo articolo uscito su autoblog.it , magari perché non parlarne insieme nei commenti tra articolo e friendfeed? ;)

Narco-test
Introdotto in via sperimentale, poi verrà adottato su larga scala. L’esame tossicologico (“non invasivo”, si precisa) permetterà agli agenti di effettuare un esame anti-droghe senza accompagnare l’automobilista all’Asl. Inoltre, guidatori di mezzi pesanti dovranno esibire un certificato anti-droghe ed anti-alcol.

Alcol
Limite zero per neo-patentati nei primi tre anni e per gli autisti di professione. Resta il limite dello 0.5 – come in tutta Europa –, con sanzioni da 155 a 624 Euro; raddoppieranno in caso di incidente. Da 500 a 2.000 Euro di multa con tasso alcolemico compreso fra 0.5 e 0.8.

Chiesti a gran voce proprio dopo la miriade di incidenti causati dalle “magiche pasticche” e dai cocktail bevuti al bar sotto casa tanto o presso la discoteca della riviera, principali cause degli omicidi del sabato sera e –ormai, ahinoi– in qualsiasi altra sera della settimana lavorativa. Non so se “fidarmi dei media” e credere all’aumento spropositato degli extracomunitari assassini (per le stesse causa citate sopra) e –in ogni caso– dei giovani al volante, troppe volte ignari del pericolo che si corre per la propria persona e –soprattutto– per le altre in strada.

Limiti di velocità
Con presenza di Tutor, in autostrada sarà possibile raggiungere i 150 km/h. In caso di eccesso di velocità, aumentano le sanzioni pecuniarie ma diminuiscono i punti sottratti: da 500 a 2.000 Euro entro i 40 km/h, da 779 a 3.119 oltre i 60 km/h; 3 punti in meno (prima erano 5) per una velocità superiore compresa fra i 10 ed i 40 km/h, 5 in meno (prima 10) da 40 a 60 km/h, 10 in meno oltre i 60 km/h.

Inutile anche se gradita. Audi, BMW, Mercedes e macchine di grossa cilindrata continueranno a fare gare in terza corsia (ricordate questo post no?), cambia qualcosa per coloro che ci tengono a rispettare le norme. Bene quindi per i 150 Km/h (che si trasformeranno comunque in 160 perché leciti e previsti dall’errore al 5% dei velox misto tachimetri non correttamente bilanciati). Con parecchie tratte a 4 corsie il 130 / 140 Km/h era ormai diventato obsoleto, sarebbe fantastico se si potessero ritoccare anche le velocità in città, soprattutto nelle tratte a visibilità massima, corsia larga e limite ai 50 … patetico.

Foglio rosa
Disponibile a partire dai 17 anni, purché si venga accompagnati negli esercizi al volante da un patentato da almeno dieci anni. Previste “guide” in autostrada e notturne in preparazione all’esame pratico.

Controcorrente rispetto ad un qualsiasi ragionamento logico e responsabile IMHO. In strada si trovano 18enni appena patentati che non hanno neanche una mezza idea di cosa voglia dire realmente guidare un’automobile. Sono soggetti potenzialmente pericolosi con un’arma “distruttiva” sotto al fondo schiena. Figli “del papi” con un BMW M3 o anche meno, pronti a fare manovre particolarmente azzardate per “districarsi” nel traffico cittadino sono all’ordine del giorno, lo vedo già vivendo una Ravenna solitamente più tranquilla rispetto ad una Milano certamente più complessa e incasinata, ancora più propensa “all’infrazione facile“. Pienamente d’accordo nel permette il corso teorico (magari anche con esame) a quell’età, non certo il foglio rosa con il quale un pedale potrebbe sempre scappare … non basta vedere il modello americano con il 16enne alla guida per farsi un’idea di quanti danni si possano combinare sulla strada? :(

Tutela degli animali
Chi investe un animale, domestico o da lavoro, è obbligato a fermarsi e chiamare un veterinario. In caso opposto, le sanzioni sono comprese fra i 78 ed 1.559 Euro.

Si, si, si. Grassetto, sottolineato e magari a caratteri cubitali. Abbandonare un animale sulla strada è atto di assoluta inciviltà e di disprezzo per la vita di un essere sicuramente più umano di tanti umani, ucciderlo investendolo e non fermarsi per prestare soccorso è ancora peggio. E’ un dovere cercare aiuto nel caso in cui un essere così indifeso si trovi in una condizione di pericolo. Essere cafoni e menefreghisti non ha mai aiutato nessuno, tanto meno un gatto o un cane (tanto per citare i due più comuni) in serie difficoltà e con pochissime speranze di sopravvivenza. In autostrada vorrei ricordare che 113 (Polizia), 112 (Carabinieri) e 115 (Guardia di Finanza) sono sempre a vostra disposizione.

Autovelox
Dovranno essere collocati, in strade extra-urbane, oltre un chilometro dal segnale indicante il limite di velocità. I proventi andranno ai proprietari delle strade. Inoltre, gli autovelox non potranno più essere acquistati dai comuni con i ricavati della multe.

Autovelox e Comuni
Nelle strade extraurbane l’autovelox non potrà essere posizionato oltre 1 km dal segnale del limite di velocità. Ma il vero succo della riforma è altrove. «È finita l’epoca dei Comuni furbi che piazzano autovelox e macchinette ovunque per battere cassa—dice Valducci —. Per prima cosa, gli autovelox non potranno più essere comprati con le multe dei cittadini. Fino ad ora i produttori di macchinette dicevano ai Comuni: “Non dovete tirare fuori neppure un soldo, ci ripagherete con il 20-30 per cento delle multe incassate”. Tutto questo non sarà più possibile. Inoltre, le polizie locali potranno mettere gli autovelox dove vogliono ma i proventi andranno ai proprietari delle strade, se quindi sono strade extraurbane le multe non finiranno più nelle casse del Comune ma in quelle dell’Anas o della Provincia». Gli enti locali dovranno anche destinare il 50 per cento degli introiti alla sicurezza stradale secondo un rigido schema di ripartizione dei fondi che dovrà essere relazionato al ministero. Se non lo fanno lo Stato tratterrà il 3 per cento di tutti gli incassi annuali.

correzione: sicurauto.it/news.php?subaction=showfull&id=1247571686&archive=&start_from=&ucat=3&

Un pò dubbioso su questo passaggio, almeno in parte. Perfetta la decisione di chiudere la porta in faccia agli appalti di Velox taroccati come successo ultimamente, un pò meno chiara la posizione del macchinario. Si parla di oltre un Km rispetto al segnale con il limite da rispettare ma non si parla in alcun modo di cartelli che avvisino della presenza di Velox, che io sappia obbligatori in ogni caso, cosa cambia (o non cambia) per questo argomento? Le forze dell’0rdine continueranno a fare imboscate degne di criminali stile Lupin e soci nascondendosi dietro cespugli dai quali spunta giusto l’obbiettivo? La municipale continuerà a marciare sui pochi soldi dei cittadini elargendo multe onerose attraverso appostamenti assassini? Carabinieri e Polizia in autostrada continueranno a sfruttare stazioni di servizio per nascondersi subito prima dell’uscita così da non farsi vedere da chi arriva ma usare a più non posso la macchina fotografica demoniaca? Perché non si parla mai di “cosa aspettarsi sulle strade?

Targa
Sarà personale. Seguirà il proprietario, non più l’auto.

Così come per lo scooter, correggetemi se sbaglio. Non ci vedo nulla di sbagliato, tutto di guadagnato, conviene sicuramente perché a lungo andare le targhe finiscono (con la modalità doppia lettera, triplo numero, doppia lettera) ;)

Pedoni e ciclisti
Cresce la sanzione (8 punti) per chi impedisce l’attraversamento sulle strisce pedonali; non sono “risparmiati” nemmeno gli invalidi. I ciclisti, di notte e fuori da centri abitati, dovranno indossare giubbottino o bretelle retroriflettenti.

Mi sembra giusto. Avete mai provato a girare Milano da pedoni? Ora … tralasciando che serva come minimo una mascherina che protegga le vie respiratorie dallo smog eccessivo, è assolutamente impossibile riuscire ad attraversare la strada se non si aspetta il semaforo verde … o magari se si vuole approfittare di un giallo appena scattato. Gli automobilisti sono pronti sul piede di guerra, il motore grida pietà e lo scatto stile partenza di Formula 1 è assicurato. C’è un pedone in mezzo? Nulla da fare, sarà meglio per lui che si levi … no dico … stiamo scherzando?

Non che vada meglio per i ciclisti … l’occasione durante la quale la rabbia sale ed esce spontanea un’imprecazione (inutile negarlo, sarà capitato anche a voi!) è quando si operano cambi di corsia “dal nulla“, senza segnalare (bei tempi quando il braccio veniva usato come freccia), rischiando davvero la vita (loro e quella di chi guida investendoli) … o ancora quando si tende ad 0ccupare la corsia intera come se ci si trovasse su una macchina anziché su una fiammante due ruote a pedali

Giusto anche il provvedimento per chi non indossa il giubbettino riflettente, molto rischioso quando si guida di notte.

Pagamento rateale delle multe
Chi ha un reddito annuo inferiore ai 10.628 Euro, può chiedere la rateizzazione (fino a 60 rate) per le multe superiori ai 400 Euro.

Il punto che meno preferisco. Nonostante non abbia mai preso una multa da 400 o più euro, si tratta comunque di furto vero e proprio. Hai messo sotto qualcuno? Finisci in cella e ci rimani per un bel pò, magari a regime di pane e acqua senza troppi favoritismi … hai infranto un limite di velocità di molto? Perché non andare anche in questo caso nelle beghe? Quelle vere eh, niente multa da 5000 euro per risanare le casse del comune. Sarebbe davvero bello se nelle prigioni ci fossero più criminali e pirati della strada che ladri di mele …

a voi la palla signori … cosa ne pensate?

Visto che il sito dell’ATM di Milano non è poi così intuitivo come vorrebbero far credere agli utilizzatori, visto inoltre che non sono nativo di questi luoghi ma uso spesso e volentieri i mezzi “underground“, pubblico volentieri per pubblica utilità la mappa delle metro di Milano, potrebbe sempre tornarvi utile considerando che muoversi con l'auto a Milano e' sempre piu' proibitivo!

Cliccare per ingrandire

Stampatene e portatevene tutti ;-) :P

L’immagine originale è caricata su GxWare:

images.gxware.org/upload/gallery/mm_milano.jpg

Cheers!

Update: grazie ad Antonio posso aggiungere il collegamento diretto ai documenti aggiornati dal sito dell’ATM Milano, potrete trovare i PDF con lo schema della rete di servizio cittadina tra metropolitana e bus:

atm-mi.it/it/ViaggiaConNoi/Pagine/SchemaRete.aspx

giusto per farci due risate vorrei sottolineare –ancora una volta– l’errata classificazione dei loro documenti, notare l’URL prego, si va in bicicletta oggi …

andate ed aggiornatene tutti :mrgreen:

La risposta per cominciare bene questo post è: SI, è possibile ottimizzare quel tanto che basta il proprio Firefox per permettergli di “non rubare troppa RAM” alla macchina che lo ospita. Ci sono alcuni accorgimenti da non lasciarsi sfuggire che potrebbero nettamente migliorare la vostra esperienza di navigazione, provare per credere.

# la premessa

Software miracolosi che promettono mare & monti non esistono. Codici come Fasterfox o applicativi come Firetune registrano casistiche vittoriose troppe poche volte rispetto a quelle durante la quali combinano “danni” che poi gli utenti lamentano sul forum di Mozilla Italia o su altri specializzati.

Evitate di affidarvi a soluzioni pre-confezionate, peggio ancora se a codice chiuso, non saprete mai cosa andranno a toccare dopo aver selezionato “Migliora le prestazioni!“. Se proprio volete ottimizzare il vostro browser, metteteci mani e testa, magari con qualche suggerimento dato nei paragrafi successivi.

# fa come se fossi a casa tua

Ma non sporcare e non trattare male il panda, nuoce gravemente alla tua ed alla nostra salute quando cercheremo di aiutarti il giorno in cui deciderai di aprire un thread di assistenza nel forum dedicato. Firefox viene rilasciato perfettamente funzionante, provato su più configurazioni e minuziosamente controllato, riga per riga. Il fatto che sul proprio PC non parta correttamente potrebbe voler dire tante cose, ma quasi sicuramente non che l’applicativo in se abbia un bug o sia “nato male“. Cerchiamo di capire quindi come personalizzarlo senza abusare della sua bontà!

# estensioni da tenere al guinzaglio

MozillaZine è un’0ttima risorsa che contiene tanta documentazione riguardante i prodotti Mozilla. Già da tempo è disponibile in KB un elenco che raccoglie tutte le estensioni più “dannose” per il browser, quelle che a causa di uno sviluppo evidentemente non perfetto potrebbero mettere in serie difficoltà il browser:

http://kb.mozillazine.org/Problematic_extensions

In corrispondenza dell’estensione incriminata troverete la soluzione migliore da adottare nel caso in cui non possiate proprio farne a meno. Persino la tanto amata AdBlock Plus potrebbe crearvi rogne … non ci credete?

Can interfere with Flash content, most often on Mac OS.

Certo si fa riferimento a Mac OS in particolare, ma chi vi ha detto che:

Uncheck “Show Tabs on Flash and Java” in Adblock Plus options.

funzioni solo sul sistema di casa Apple? Sarebbe bene anche replicare l’azione su sistemi Windows e Linux, risparmiate quella piccola goccia che sommata a tante altre vi crea la “pozzanghera” ;)

Vi avevo già parlato di “estensioni esose” molto tempo fa, l’elenco era “spuntato fuori” proprio grazie a MozillaZine, io non avevo fatto altro che testare e scrivere in proposito. Inutile dire che il sito aggiorna costantemente quella lista con risoluzioni e alternative, vero?

Segnalo inoltre un bug aperto da diverso tempo ma non ancora risolto. Si tratta di una dispersione di risorse RAM con l’utilizzo della Google Toolbar ufficiale:

https://bugzilla.mozilla.org/show_bug.cgi?id=440090

Strumento utilizzato da tantissimi utenti che ignorano l’esistenza di valide alternative come Googlebar Lite o simili:

extenzilla.org/scheda_estensione.php?id=429

# gli alti consumi dei plugin

I plugin che si aggiungono durante l’utilizzo quotidiano del browser sono diversi, ognuno necessario all’esplorazione del web ma –talvolta– programmato male per browser non “inizialmente previsti“, magari perché si tratta di porting da altre piattaforme, o per stupide distrazioni del dipendente di turno, riportate poi nelle nuove versioni. Ecco perché MozillaZine propone 4 articoli dedicati ai 4 plugin più utilizzati in Firefox (così come in altri browser):

Le spiegazioni sono dettagliate, in inglese (se avete bisogno e non capite troppo bene basta chiedere, ne possiamo parlare sul forum) e provano a mettere “una pezza” laddove esiste la reale perdita di risorse.

# about:consumameno!!

Non è un comando da dare nella solita barra URL, è solo un modo per convincervi che Firefox può effettivamente migliorare e consumare un pò meno “del solito“. Il fenomeno Memory Leak esiste da quando il panda rosso è nato, più o meno. Versione dopo versione, promessa dopo promessa, oggettivamente parlando bisogna ammettere che non è cambiato molto (ciò farà la felicità di qualcuno a caso che continua a gridarlo a gran voce).

Tutto questo anche a causa della nostra quotidiana necessità di funzioni avanzate che non vengono incluse nativamente nel browser. Le estensioni sono la gioia di ogni navigatore, la pena di ciascun utilizzatore di PC con RAM limitata, al 99,9% delle volte corrispondono alla stessa persona.

Prima di cominciare è obbligatorio il solito avviso, meglio prevenire no? :P

ATTENZIONE: Prima di eseguire qualsiasi modifica ai vostri file e/o dispositivi siete pregati di effettuare un backup di questi. Solo così sarete capaci di tornare indietro riparando ad eventuali errori di distrazione. L’articolo e l’autore non possono essere ritenuti responsabili di alcun danno subito dalla vostra strumentazione. Buon lavoro.

Modificando alcuni valori nell’about:config si può cominciare a risparmiare qualcosina. Andiamo nel dettaglio:

Sfatiamo innanzi tutto il mito del “config.trim_on_minimize“, pubblicato su diversi blog e siti web specializzati, in quanto non libera la RAM per volere divino. Spiega MozillaZine:

On Windows operating systems, when a program is minimized and left for a period of time, Windows will swap memory the program is using from RAM onto the hard disk in anticipation that other programs might need RAM []

Ciò vuol dire che non c’è un effettivo risparmio di memoria ma c’è di sicuro un lavoro maggiore dato in pasto alla macchina nel momento in cui si decide di tornare a lavorare su Firefox “svegliandolo” dalla barra di sistema. Al contrario di questa voce, altre 3 risolvono effettivamente degli “abusi di cache” non autorizzati o non voluti dall’utente.

Rispettivamente browser.cache.memory.capacity:

When images are loaded, they can be cached so they don’t need to be decoded or uncompressed to be redisplayed. This preference controls the maximum amount of memory to use for caching decoded images and chrome (application user interface elements).

browser.cache.memory.enable:

When a page is loaded, it can be cached so it doesn’t need to be rerendered to be redisplayed. This preference controls whether to use memory to cache decoded images, chrome (application user interface elements), and secure (https) pages. browser.cache.memory.capacity controls the maximum amount of memory to use.

e browser.sessionhistory.max_total_viewers:

Pages that were recently visited are stored in memory in such a way that they don’t have to be re-parsed (this is different from the memory cache). This improves performance when pressing Back and Forward.

This preference limits the maximum number of pages stored in memory.

alleggerendo quindi la memorizzazione di pagine ed elementi in esse contenuti si potrà certamente risparmiare della memoria RAM solitamente utilizzata da una configurazione di default. Il primo ed il terzo valore corrispondono ad un intero variabile, il secondo è un booleano. Come modificarli? Semplice, basta dare una occhiata alle tabelle di corrispondenza “valore / memoria usata” nelle pagine dello stesso MozillaZine:

kb.mozillazine.org/Browser.cache.memory.capacity#Possible_values_and_their_effects

Valore consigliato? 0, così da tenere spenta la memorizzazione degli elementi (Do not cache decoded images and chrome in memory. ).

kb.mozillazine.org/Browser.sessionhistory.max_total_viewers#Possible_values_and_their_effects

Valore consigliato? Ancora una volta 0, affinché non vengano tenute pagine in memoria (Do not store any pages in memory. ).

Per quello che invece riguarda il valore “browser.cache.memory.enable” basterà portarlo a “false“.

ATTENZIONE: la configurazione appena suggerita può essere davvero vantaggiosa solo ed esclusivamente nel caso in cui si sfrutti una connessione ADSL flat o superiore. Questo perché le pagine vengono costantemente ricaricate e chi possiede un modem 56k, ISDN o una tariffa a “traffico fatto” potrebbe trovarsi in serie difficoltà.

# un riavvio al giorno leva il medico di torno …

In realtà ben più di un riavvio farebbe bene al browser. Certo parla una persona che lo tiene aperto dalla mattina alla sera, fino a quando abbandona l’ufficio sempre dritto senza chiusure (salvo per estensioni nuove installate o aggiornamenti di plugin), ma ciò non fa certo bene al software, soprattutto se parliamo di utenze che tengono aperte decine di schede contemporaneamente.

Ogni tanto si può pensare di uscire da Firefox salvando le attuali schede aperte e facendosele riaprire alla successiva sessione, è una funzione che il browser possiede già da tempo, perché non sfruttarla?

# casistiche di successo

Di casistiche ne ho quante ne volete. Il forum di Mozilla Italia è davvero pieno di thread che riguardano lentezze anomale, crash inaspettati e tanto altro, quasi sempre imputabile ad un utilizzo non troppo corretto della piattaforma. Giusto qualche giorno fa si parlava di lentezza esasperante per poi scoprire che una cronologia non tenuta sotto controllo metteva in difficoltà il software:

forum.mozillaitalia.org/index.php?topic=38245.0

Ricordate: Firefox viene fornito funzionante e testato (come già detto ad inizio post). Il problema è sempre lo stesso più volte citato nelle battute tra informatici, smanettoni o semplici interessati all’argomento: “il reale problema sta sempre tra la sedia e la tastiera“.

Se non dovesse poi bastarvi la documentazione in lingua inglese (e vi assicuro che là fuori ce n’è davvero tantissima), il progetto SUMO (la Knowledge Base di Mozilla Firefox) può vantare una vastità di documenti localizzati in italiano sempre dalla nostra squadra, qui di seguito vi lascio il collegamento diretto ad uno dei tanti, come mi ha fatto giustamente notare Simone nei commenti:

support.mozilla.com/it/kb/Utilizzo+eccessivo+della+memoria

A me non resta che augurarvi buona modifica e buon utilizzo, con la speranza che questo articolo possa aiutarvi a migliorare il vostro rapporto con il browser Mozilla :)

Basato su “Memory Leak” di MozillaZine

Torno a parlare di SKY in occasione (decisamente in ritardo ma vabé …) dell’offerta natalizia che scadrà tra qualche giorno. Si parla di 3 mesi di SKY a 45 euro tutto compreso, tutti i pacchetti, scegliendo poi cosa vedere dal quarto mese (a meno che non si voglia restituire tutto) pagando a prezzo di listino. Giusto stamane ho approfondito la questione con lo SkyCenter di Ravenna (RadioForniture, ndr) e volevo rendervi partecipi raccontandovi cosa si nasconde dietro l’offerta.

Attenzione: viste le incomprensioni varie derivate dal post qui di seguito, specifico immediatamente che si tratta di una casistica “Pacchetto 45 € con abbonamento annesso e automaticamente modificato dal quarto mese“. Nel caso in cui si voglia provare SKY per 3 mesi e poi restituirlo non c’è alcun problema, leggi qui!

La poco simpatica pubblicità di Pasquale con riferimenti subliminali alla Coca Cola (notato il camion?) e del suo regalo perfetto parla di uno SKY senza limiti. 3 mesi, tutti i pacchetti disponibili (Mondo, Cinema, Sport, Calcio & News), 45 euro (15 per tre) pagati in anticipo al momento di stipula del contratto. Due modalità di pagamento disponibili, vediamole insieme:

  1. Pagamento attraverso carta di credito / CC postale o bancario
  2. Pagamento attraverso bollettini postali

Nota: teoricamente l’offerta ha scadenza domenica 11 gennaio 2009 secondo il centro della mia città, sul sito di SKY si cita invece il primo giorno di febbraio.

#1 CC Bancario / Postale, RID, Carta di credito

Certamente il metodo più utilizzato e riconosciuto dalle aziende. Vantaggioso per coloro che non intendono passare una vita in posta a pagare i bollettini che arrivano mensilmente, inutilizzabile se non si possiede un conto.

Così facendo SKY chiederà al cliente:

  • 45 euro da pagare all’atto della stipula contratto
  • un RID / numero di Conto Corrente dove far arrivare (e prelevare) i pagamenti mensilmente
  • un anno di contratto “consigliatoper evitare di incorrere in penali

Il centro SKY della propria città consegnerà immediatamente il Decoder e la Smart Card da utilizzare pressoché immediatamente (ci vogliono circa 2 ore per l’attivazione).

La fregatura: l’anno contrattuale “consigliato” si trasforma in “obbligatorio” se si pensa che inviando disdetta prima dei 12 mesi si andrà incontro alla penale identificata con “Costi dell’Operatore” equivalenti a € 11,44 senza considerare che sarà necessario rimborsare lo sconto fruito con la promozione. Nello specifico, se consideriamo il pacchetto da 63 euro al mese (completo: mondo 4 / news / cinema / sport / calcio) il calcolo sarà 63 x 3 – 45 (63 euro mensili per 3 mensilità meno le 3 mensilità pagate in promozione) per un totale di € 144 in più. Alla modica cifra di 155,44 euro sarà possibile quindi chiudere i rapporti con SKY Italia.

#2 Bollettino Postale

Funziona un pò come la “moda che fa tendenza“. Un individuo o un’azienda che riesce a trascinare la massa verso uno standard vince sempre. E’ successo con Microsoft Windows ed il monopolio delle installazioni SO nei PC, succede con i pagamenti dei contratti come SKY, Telecom o altro ancora. Chi sceglie il bollettino postale viene classificato come fuori dalla massa” con un numero considerevoli di svantaggi.

SKY chiederà al cliente:

  • 99 euro una tantum per l’attivazione del contratto
  • un anno di contratto “consigliatoper evitare di incorrere in penali

Il centro SKY della propria città consegnerà immediatamente il Decoder ma non la Smart Card che arriverà invece via posta ordinaria direttamente da SKY (Roma? Milano?). La card sarà poi da attivare.

La fregatura: così facendo non sarà in alcun modo possibile accedere alle promozioni SKY, niente 3 mesi a 45 euro, bisogna scegliere i propri pacchetti e pagare mensilmente il bollettino in posta. L’anno contrattuale “consigliato” si trasforma in “obbligatorio” se si pensa che inviando disdetta prima dei 12 mesi si andrà incontro alla penale identificata con “Costi dell’Operatore” equivalenti a € 11,44. In ogni caso non sarà possibile recuperare i 99 euro visti come “Costi di Attivazione” e non caparra.

In conclusione

Due cose sono sicure nella vita: “La morte e le tasse“, come diceva qualcuno … l’immagine creata per la precedente inchiesta di SKY (arrivata a conclusione ieri e della quale vi parlerò tra un paio di giorni) non è mai stata così azzeccata. In ogni caso la società italiana non perderà un solo centesimo e nel 99% dei casi guadagnerà qualcosa a vostro discapito. Un solo consiglio che bisogna –IMHO– tenere sempre bene a mente: è preferibile stipulare il contratto consultando l’operatore del centro SKY della vostra città piuttosto che stipulare il contratto via internet, la presenza fisica dell’addetto “face-to-face” resta fondamentale per poter chiarire qualsiasi dubbio prima di apporre firme su carte delle quali potreste poi pentirvi successivamente ;)