Archives For Test Hw/Sw

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Che in realtà non è proprio il messaggio completo che compare a video, si tratta di qualcosa che dovrebbe assomigliare molto più a questa immagine (anche su sistemi in italiano, poiché richiamata da programmi installati probabilmente in inglese):

The program can't start because api-ms-ecc

Nel mio specifico caso si è trattato di un errore comparso in occasione dell’apertura del File Manager di 7-Zip, ho trovato una discussione in merito proprio nel forum di supporto, illuminante direi.

Try to google that error message. There are some suggestions how to fix it.
For example, from adobe site:
On Windows 7 SP1 computers with Office 2016, the following error message appears when Acrobat launches:
“The procedure entry point ucrtbase.terminate could not be located in the dynamic link library api-ms-win-crt-runtime-l1-1-0.dll.”
This issue is related to the Office 2016 installation, as it does not always install the VS2015 runtime on Windows 7 computers.
A workaround is to install the VS2015 runtime manually. Once the runtime is installed, Acrobat should launch without this error message.
To the top
Solution: Install Microsoft Visual C++ (x64) runtime
Download Microsoft Visual C++ 2015 runtime from Microsoft Download Center. Install it by double-clicking the downloaded file – vc_redist.x64.exe (on 64-bit computers) and vc_redist.x86.exe (on 32-bit computers).

La risoluzione è quindi semplicissima: installa il Microsoft Visual C++ runtime, per sistemi a 32 o 64 bit. Si trovano entrambi (dovrai solo scegliere l’architettura in base a quella di installazione del tuo sistema operativo) all’indirizzo microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=48145.

Una volta installato il pacchetto, noterai l’immediata risoluzione dell’anomalia. Ora nessun programma (che fa uso del runtime) dovrebbe dare ulteriori errori.

Oggi torno a parlarti di Telegram, niente adesivi però, stavolta l’argomento principale si sposta sui bot. Conosci già i bot? Sono stati una vera e propria rivoluzione per il client di messaggistica istantanea. Lo stesso blog ufficiale della piattaforma ne ha diffusamente parlato, focalizzando l’attenzione su due articoli in particolare: telegram.org/blog/bot-revolution e telegram.org/blog/bots-2-0 (se ti va, puoi dare anche un’occhiata a telegram.org/blog/inline-bots). Esistono centinaia di bot, tutti partono da una buona idea (alcuni proprio no, ma tendiamo a tenere esclusi proprio questi), alcuni entrano in top 10 per la loro indiscutibile utilità.

Puoi pensare ai bot come a più volti di una stessa medaglia. Un client di messaggistica, un device (o anche più, poco importa) e mille differenti utilizzi, è un po’ come portarsi dietro un coltellino svizzero, sempre utile in caso di necessità!

Telegram: caccia ai bot più utili

Che poi di bot ce ne sono davvero per tutti i gusti. Si va da quello che è in grado di ricordarti cosa devi acquistare quando vai a fare la spesa (sostituendo i sempre inutili bigliettini scritti a mano), a quello che ti dice quali sono gli ultimi contenuti caricati su Netflix, passando per quello che riesce a darti le informazioni sulla sala cinematografica più vicina alla tua posizione e dirti gli orari degli spettacoli. Se poi invece cerchi qualcosa di più complesso, puoi sempre affidarti a un traduttore che in maniera estremamente veloce saprà trasformare, in maniera comprensibile, testo in lingue differenti dalla tua.

Tanti hanno provato a stilare una lista dei migliori bot da tenere a portata di mano, io voglio provare a stilarne una mia, basata più che altro sulle quotidiane esigenze, suggerendo possibili alternative e magari tenendo aperta la porta ai vostri commenti (sempre preziosissimi) così da scoprire insieme nuovi bot interessanti da testare e tirare fuori dal cappello al momento opportuno :-)

Start Your Engine

Parti da un presupposto: esiste un concentratore per tutti i bot di Telegram, un censimento in grado di farti vedere tutto ciò che è disponibile e sfruttabile via client di messaggistica istantanea, il sito web risponde all’URL storebot.me. Al suo interno troverai anche un motore di ricerca e delle viste rapide che ti daranno massima libertà di movimento, potrai da subito scegliere ciò che più ti aggrada, ciò di cui hai veramente necessità. La classifica dei migliori bot Telegram è assolutamente soggettiva, le esigenze cambiano da persona a persona, non servo mica io per dire questa ovvietà :-)

Intrattenimento

Ho individuato un paio di bot sicuramente utili allo scopo. Ho anticipato qualcosa di entrambi in apertura articolo, servono rispettivamente a seguire le nuove uscite di Netflix e andare a colpo sicuro verso lo spettacolo che si intende andare a guardare nella sala cinematografica più vicina alla propria posizione (o anche no, non è certo necessario).

telegram.me/netflixnewsbot permette di seguire (una volta iscritti) tutte le uscite pubblicate su Netflix, in riferimento alla località del proprio abbonamento (io ho un abbonamento italiano, ma conosco diverse persone che sfruttano account Netflix esteri per una maggiore ricchezza di catalogo, tanto per dire). Il comando /region (Add a Region per aggiungere l’Italia, Remove a Region per eliminarsi dalle notifiche di default, quelle americane, Done with Regions per terminare la configurazione, nda) servirà a impostare su cosa puntare la lente di ingrandimento. Da questo momento sarai iscritto al flusso di notizie riguardante i rilasci.

telegram.me/CinemasBot permette invece di cercare sale cinematografiche, spettacoli, orari. Servirà inviare la location, toccherà quindi utilizzare un dispositivo in grado di inviarla (non potrai utilizzare il client Telegram per PC). A quel punto otterrai una lista delle sale più abbordabili e la lista dei film disponibili in questo momento. Per ciascun film selezionato, otterrai gli orari di proiezione, il gioco è fatto!

telegram.me/MuseiMibactBot è tutto un programma, permette di ottenere tutte le informazioni disponibili su musei e mostre nei diretti dintorni o presso una location da specificare manualmente al bot. Funziona bene, le ricerche fanno sempre centro e i dati sono abbastanza aggiornati (ma questo esula dallo sviluppatore, che si appoggia su basi dati disponibili pubblicamente, nda). In molti casi riuscirai a ottenere informazioni preziose quali orari di apertura e contatti dei musei che potresti voler visitare durante una tua visita turistica o nel fine settimana da passare nella tua città. Questo è solo uno di tanti bot sviluppati dalla stessa identica persona, si tratta di Francesco Piero Paolicelli (@Piersoft), evidentemente innamorato degli OpenData e pronto a rendere più accessibili informazioni già disponibili in rete, ma (troppo) spesso non conosciute o comunque non sfruttate a dovere, trovate gli altri all’indirizzo piersoft.it/?p=626.

Quotidianità

telegram.me/rifiutariobot è il classico vorrei ma non posso. Bella l’idea (fa bene all’ambiente e a noi tutti), buona la base, manca probabilmente il tempo per seguirla a dovere e ascoltare (forse) i suggerimenti degli utenti. Ho provato a dare del lavoro in pasto al bot, cercando prodotti credo semplici, come una lampadina o una busta, ottenendo però la classica risposta del “non ce l’ho ma ti prometto che lo avrò presto“. Non occorre forse perderci altro tempo, spero solo che possa (il progetto) riprendersi e arricchire sempre più il suo database di corrispondenza per un corretto riciclo dei rifiuti!

telegram.me/Grocerylistbot è ciò che probabilmente ti salverà dalle ire della moglie quando verrai spedito al supermercato con una sola missione: acquistare tutto ciò di cui c’è bisogno in casa senza dimenticare nulla. Il funzionamento è chiaramente banale: si potranno aggiungere prodotti, toglierli, visualizzare una lista completa. Nelle opzioni (del bot) potrai modificare il suo comportamento nei tuoi confronti. Il miglior utilizzo? Inserire il bot all’interno di un gruppo di amici (o della famiglia) per utilizzarlo tutti insieme e mettere così a punto una lista della spesa che non manchi di nulla per il classico pranzo della domenica o per la grigliata tra amici.

Shopping

telegram.me/PriceTrackBot è il bot di cui ti ho parlato qualche giorno fa nell’articolo dedicato ad Amazon e al suo Prime Day, quello in cui ti ho raccontato come capire se hai fatto o meno un affare (oggi, ma anche in futuro) attraverso l’utilizzo di un plugin per il browser, oppure proprio di questo bot. Ti rimando direttamente all’articolo, all’URL gioxx.org/2016/07/22/amazon-prime-day-ho-fatto-un-buon-affare. Utilizzare il bot è davvero semplice: basterà chiedergli di tenere traccia di un prodotto, notificandovi ogni variazione di prezzo. Quel prodotto rimarrà in lista fino a quando lo vorrai, potrai eliminarlo in ogni momento.

telegram.me/TrackBot è invece un po’ come il fratello maggiore. L’acquisto è fatto, stai attendendo il pacchetto e ormai fremi per mettere le mani sul nuovo giocattolo. Conosco bene questa sensazione, sono cliente Prime e puoi facilmente comprendere come qualsiasi cosa vada oltre il giorno di consegna mi riporta ai tempi di eBay e di quando facevo contrattazione, acquisto e preghiere che tutto arrivasse a destinazione, pagando magari qualcosa in più per un corriere assicurato. TrackBot, dato un numero di spedizione, ti permetterà di seguirne il percorso, fatta eccezione per quelle entry che lo stesso corriere non ha ancora inserito a sistema. Un esempio? Bartolini lo fa un giorno si e l’altro pure, o quasi. Ti basterà mettere sotto osservazione in ogni caso il numero di spedizione, compariranno le informazioni non appena disponibili.

Ok, basta stickers e bot!

All’indirizzo inten.to/?q=&p=true&lng=it&t=c potrai trovare una lista dei canali italiani più frequentati su Telegram. Spesso avrai a che fare con piazze parecchio frequentate dove Youtubers famosi distribuiscono saggezza popolare ai loro fan (si nota l’ironia?), in altri casi potrai effettivamente conoscere canali realmente utili (anche se meno invasi), in linea generale un maggiore numero di persone iscritte a un canale non vuol dire necessariamente che da quelle parti la qualità sia poi così eccelsa (e non ci vuole certo una laurea per dirlo!).

Tu hai per caso ulteriori suggerimenti in merito? Sentiti libero di parlarne nell’area commenti! :-)

Il periodo (teoricamente) più caldo dell’anno si avvicina, qui si inizia a calare la quantità di articoli in pubblicazione e ci si prepara a qualche giorno di riposo (anche se manca ancora un po’). Volendola considerare la classica annualità di lavoro, posso dire di essere soddisfatto, ho fatto un buon lavoro e tu lì fuori ci sei sempre stato, hai letto un articolo interessante e sei rimasto, o magari sei andato via ma un domani magari tornerai per leggere ancora qualcosa. Gioxx’s Wall è cresciuto, molto del merito è proprio del lettore.

Primi passi con Google Local Guides 3

Vorrei cominciare la nuova settimana dedicando questo articolo a uno degli strumenti di Google più giovani, attraverso il quale sta attraendo l’attenzione di volontari che sono pronti a dire la propria e che magari non vogliono più lasciare il proprio contributo su piattaforme come TripAdvisor e simili. Io? Io TripAdvisor l’ho sempre usato poco. Ho creduto e dato fiducia a FourSquare, sin dalla sua nascita. Ho mal digerito la scissione dell’applicazione e relativa creazione di Swarm (fatico a sopportarla ancora oggi) perché mi è sempre piaciuto quell’essere mezzo gioco e mezzo catalogo delle attività sul territorio che FourSquare ci ha abituato ad avere nel palmo della mano.

Ho provato Google Local Guides. Big G. ha scelto di arricchire le funzioni di modifica di Google Maps e permettere all’utente finale di dire la propria, di contribuire modificando o aggiungendo informazioni ai luoghi quasi sempre presenti sulla mappa (dal mio primo contributo, due mesi fa circa, ho già trovato alcune attività non schedate nei database del grande fratello, nda). Tutto comincia con un singolo contributo, basta un parere, una fotografia, ecco quindi che si viene catturati nel vortice e si arriva facilmente al livello 2, una scalata verso piccoli riconoscimenti virtuali, talvolta anche molto graditi (come lo spazio aggiuntivo Google Drive che si ottiene a livello 4, tanto per dire).

Primi passi con Google Local Guides

Google Local Guides si basa sulla cronologia dei propri spostamenti, ma anche su contributi che puoi scegliere di dare semplicemente cercando un posto su Maps e aggiungendo un parere, un numero di telefono, qualsiasi altro dettaglio mancante o errato. Se non sai ancora cos’è la cronologia degli spostamenti e magari possiedi uno smartphone con piano dati attivo (Android in particolare), forse è il caso che tu dia un’occhiata al sito web google.com/maps/timeline. Fatto? Tutto bene? Hai appena scoperto che Google è in grado con precisione quasi millimetrica di ricostruire gli spostamenti principali della tua giornata? Puoi scegliere se continuare a tracciare questi spostamenti o disattivarli e chiedere a Google di non invadere ulteriormente la tua privacy, gestisci la cosa direttamente tramite le istruzioni presenti nella pagina web che hai da poco aperto.

Tutti possono contribuire alla crescita di Google Maps tramite Local Guide, io ho caricato qualche scatto catturato durante le mie mangiate con i colleghi o con gli amici, e ho visto crescere rapidamente le statistiche di visualizzazione poiché molti degli utenti che cercano un particolare luogo vogliono anche vedere cosa c’è di buono lì, cosa devono potersi aspettare. E se l’immagine qui di seguito ti mostra un ringraziamento da parte di Google che parla di 1000 visualizzazioni, sappi che a oggi (mentre sto scrivendo l’articolo) il numero di visualizzazioni ha superato quota 100.000.

Primi passi con Google Local Guides 1

Il tempo da dedicare alla piattaforma lo scegli tu. Pochi minuti? Una mezza giornata per clonare i pareri già dati tramite altri Social Network? Una volta ogni 3 mesi? Poco importa, non è un dovere, è e deve rimanere un piacere che possa permetterti di aiutare gli altri utenti a fare una scelta. Google Local Guides ti farà (se lo vuoi) delle domande per avere quanti più dettagli possibili riguardo un luogo che hai già frequentato, anche questa operazione porta a dei punti che permettono di far crescere le tue statistiche. Più punti corrispondono a maggiore autorevolezza sulla piattaforma (con la speranza che le tue recensioni non vengano scritte solo per crescere in classifica, creando quindi più garbage che altro), quindi a traguardi da raggiungere per ottenere bonus che vengono dichiarati nella pagina della piattaforma.

In Google Local Guides ho rivisto quella voglia di crescere e condividere informazioni tra utenti che più mi era piaciuta in FourSquare. Spero possa migliorare sempre più e permettere agli utenti di fornire maggiori contributi con più libertà e velocità nell’approvazione delle modifiche (cosa che oggi è parecchio lenta e che non sempre rema nella giusta direzione). Il vantaggio sta (tra la tante cose) nel fatto che non serve scaricare alcunché, chi ha l’applicazione di Google Maps installata sul proprio smartphone, ha già accesso a Local Guides, nella sezione “I tuoi contributi” raggiungibile tramite menu di sinistra. Sarà la stessa applicazione a rilevare la tua posizione e chiedere di effettuare l’upload delle fotografie che scatti quando vai in giro, ammesso che queste vengano realizzate all’interno di un luogo presente nella cartografia di Google. La facilità d’uso è uno dei punti a favore di Google, forse inutile da dire, a Big G. piace vincere facile.

Primi passi con Google Local Guides 2

Sei pronto alla scalata? Collegati e contribuisci anche tu! :-)

Non so se ti è mai capitato di dover sostituire in un solo colpo tutti i riferimenti a un testo o un link ben preciso all’interno degli articoli del tuo blog. A me si, è arrivata la richiesta (non molto tempo fa a dirla tutta) di modificare i puntamenti verso un sito web che ha cambiato dominio, e che avevo citato in diverse occasioni qui nel mio blog. Si è trattata di una domanda lecita alla quale ho dato risposta portando a termine la modifica. Ho eseguito una semplice query MySQL via phpMyAdmin, ma ho voluto cercare un’alternativa nel caso in cui di fronte al monitor ci sia una persona che non si fida delle operazioni a cuore aperto sul database.

WordPress: suggerimenti sulla gestione delle immagini 2

L’alternativa che ho trovato e provato si chiama Better Search Replace, è gratuita e si trova nel repository ufficiale dei plugin di WordPress:

Better Search Replace
Developer: various
Price: Free

È un plugin molto utilizzato, perfettamente compatibile anche con le ultime versioni di WordPress e non fa altro che simulare il tuo intervento sul database MySQL, facilitando (e di molto) la costruzione di ciò che si vuole ritoccare, lasciando al codice sorgente ciò che potrebbe esserti più ostico da imparare e saper maneggiare. L’utilizzo è banale e può simulare l’operazione prima di lanciarla sul serio, così da permetterti di capire cosa il programma andrà a ritoccare nel tuo database dove le tabelle di WordPress potrebbero contenere il testo o i collegamenti da modificare.

Dalla dashboard del blog, ti basterà accedere a ToolsBetter Search Replace, da qui potrai vedere le tabelle contenute all’interno del database (box Select Tables), le quali saranno selezionabili proprio per permettere al plugin di effettuare la ricerca al loro interno, con eventuale successiva sostituzione testo. Nel box Search for andrà inserito il testo da ricercare all’interno delle tabelle, mentre in Replace with ciò che prenderà il suo posto. Se vuoi assicurarti che nulla andrà storto, seleziona l’opzione in corrispondenza di Run as dry run? (If checked, no changes will be made to the database, allowing you to check the results beforehand), ti permetterà di ottenere comunque un risultato a video (potrai anche leggerne il dettaglio come da seconda schermata nella galleria di seguito), ma senza effettuare realmente la modifica al database.

Tutto pronto? Sei tranquillo? Ok, lancia la modifica allora, non impiegherà poi tanto (a meno di voler sostituire mezzo contenuto dei database). Al termine ti verrà notificato e potrai -se vorrai- disattivare o disinstallare il plugin se non lo ritieni più utile.

Questo tipo di modifiche le ho operate in passato anche tramite Redirection, il plugin ben più complesso e ideato per altri motivi, ma che può tornare utile anche per questo mestiere. Se lo utilizzi già, sappi che ti basterà cercare parte dell’URL che vuoi sostituire e farlo anche tramite lui, è solo un pelo più macchinoso e forse lento.

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Ne ho avuto bisogno in ufficio, avevo la necessità di confrontare il contenuto di due colonne in uno stesso foglio Excel, possibilmente in maniera agile e immediatamente gestibile. Il metodo ovviamente esiste ed è semplice da replicare in pochi passaggi.

Evidenzia le colonne che ti interessa mettere a confronto, seleziona il pulsante di Formattazione condizionale (in Excel 2016 si trova nella ribbon Home), quindi Regole evidenziazione celle ed infine Altre regole

Excel: confrontare il contenuto di due colonne

A questo punto dovrai selezionare l’opzione Formatta solo i valori univoci o duplicati e fare clic su Formato. Nella finestra appena aperta spostati su Riempimento e seleziona un colore che ti permetterà immediatamente di riconoscere le celle che si ripetono nelle colonne selezionate (io ti suggerisco di usare un colore di riempimento, ma in realtà puoi modificare qualsiasi altro dettaglio del formato della singola cella, l’importante è che tu possa avere un impatto visivo immediato). Scelto il colore? Bene. Fai clic su Ok per confermare, tornerai così alla schermata riepilogativa precedente.

Non appena confermerai con un ulteriore clic su Ok, gli elementi nelle colonne verranno formattati come da te richiesto, permettendoti così di individuare i duplicati.

Excel: confrontare il contenuto di due colonne 4

La funzione può essere adattata all’esigenza e magari formattare diversamente i valori univoci anziché i duplicati, così come (già detto qualche riga più sopra) mostrare un diverso output estetico a video, la scelta è tutta tua, l’importante è arrivare al traguardo in maniera rapida e pulita :-)