Archives For Windows

Qualcuno forse si ricorderà di quell’appello lanciato sui social network poco tempo fa: volevo far saltare fuori un modello di netbook papabile per l’acquisto e l’affiancamento alle già numerose macchine del parco personale. Qualche risposta da Facebook, zero da Friendfeed (mi aspettavo più risposte da quest’ultimo), una da Twitter e diverse da amici nella vita reale. Alla fine ho voluto mettere le mani sul Samsung NC10, proprio come quello in foto. Scelto da due colleghi di lavoro per la quotidiana guerra in helpdesk, l’ho acquistato per poter gironzolare in completa libertà e avere sempre i miei dati a disposizione.

In questo post vorrei descrivere il passaggio da Zero a Seven: l’acquisto di un NC10 (o modello superiore) pulito ed un’installazione manuale di Windows 7 da chiave USB (la chiave dovrà avere almeno 4 GB di spazio libero, il netbook non è provvisto di drive ottico).

Serviranno giusto un paio di utility azzeccate e una copia di Windows 7 dalla quale estrarre tutti i file di cui avete necessità. Chiaramente questa prima parte di operazione andrà fatta da un PC provvisto di drive ottico –se utilizzate il DVD di Windows 7– altrimenti ci si potrà arrangiare utilizzando l’ISO dello stesso disco, magari scaricata da Technet (per chi possiede l’abbonamento).

# preparare la chiave USB

Inserite la chiavetta USB nel vostro PC, scaricate l’utility “HP USB Disk Format Tool” e avviatela selezionando l’unità appena caricata. Formattazione in NTFS, nome “Windows 7” (o qualunque altra cosa voi vogliate, sia chiaro!) e modalità veloce, basterà per preparare il dispositivo.

Dopo aver ricevuto conferma dell’avvenuta formattazione scaricate “MBRWizard” e scompattatelo, servirà per rendere avviabile la chiave. Aprite un prompt di MS-DOS (Start / Esegui / CMD), navigate fino alla cartella che contiene l’applicativo e lanciate il comando “MBRWiz.exe /list“, individuate il numero di dispositivo assegnato alla chiave USB e lanciate il comando “MBRWiz.exe /disk=NUMERODISCO /active=1” dove NUMERODISCO sarà chiaramente sostituito dal numero assegnato al drive (occorrerà confermare l’operazione semplicemente premendo Y quando richiesto), proprio come in figura:

MBR Wizard - Lista dispositivi e rendere avviabile la chiave USB

Nell’immagine potete notare che alla chiave USB (da 8 GB anziché da 4, poco importa) corrisponde il numero 1, la sintassi utilizzata è quindi “MBRWiz /disk=1 /active=1“.

Fatto ciò bisognerà copiare le informazioni di boot dal DVD (o dalla ISO) di Windows 7. Per poterlo fare basterà lanciare (sempre da prompt di MS-DOS) la stringa “D:bootbootsect /nt60 F:” dove D: è la lettera del drive ottico e F: quella assegnata alla chiave USB (da cambiare quindi all’occorrenza), come in figura:

NTFS Filesystem Bootcode da Windows 7 (DVD) a chiave USB

Fatto questo si può passare alla copia dei file dal DVD (o immagine ISO) alla chiave USB.

# copia dei file di Windows 7

Copiare i file da un lato all’altro è cosa facile. Ancora una volta il prompt di MS-DOS risolve elegantemente la grana con una sola stringa. Partendo dal presupposto che le lettere rimangono le medesime del paragrafo precedente, un XCopy è più che sufficiente, “xcopy d: f: /e /f“, come in figura:

XCopy - I file dal DVD di Windows 7 alla chiave USB

Inutile dire che D: è la lettera assegnata al drive ottico mentre F: è la lettera assegnata alla chiave USB. I parametri aggiuntivi servono rispettivamente a copiare directory e sottodirectory, comprese quelle vuote (/e) e mostrare i nomi dei file di origine e destinazione durante la copia (/f).

L’operazione durerà qualche minuto, staccate e andate a prendere un caffè, vi farà solo bene :-)

# la chiave è pronta

Terminata la copia, il procedimento di preparazione è terminato. Rimuovete il dispositivo e inseritelo in una porta libera del netbook, quindi avviatelo. Se tutto è filato liscio vedrete comparire la schermata di caricamento installazione di Windows 7! Non resta quindi che procedere con il wizard ed avere un Windows 7 nuovo fiammante in 20 minuti circa ;-)

Samsung NC10 e Windows 7

# risorse aggiuntive

Volete qualche utile link per Samsung NC10 e Windows 7? Una pagina wiki riassume quanto c’è da sapere:

sammywiki.com/wiki/NC10_Windows_7

Io sono partito con un Samsung NC10 completamente pulito (no sistema operativo, no cd / dvd di ripristino). Per coloro che possiedono già questo stupendo oggetto e volessero mantenere l’attuale installazione di Windows dando però a Seven una partizione, suggerisco di fare visita al blog di Nick Rich per scoprire la procedura corretta che vi permetterà di avere un “dual-boot“:

techiejottings.blogspot.com/2009/05/windows-7-installation-on-samsung-nc10.html

Prima di chiudere aggiungo un “flash“: giusto un’ora fa (circa) IntelliAdmin ha pubblicato un ottimo post che cattura il succo di questo mio articolo e lo facilita di gran lunga poggiandosi su una utility che rende automatici i passaggi sopra citati:

intelliadmin.com/index.php/2010/03/install-windows-7-from-a-flash-drive-free-tool

A voi la scelta della via da percorrere :-)

Buon lavoro!

Ufficio, il vostro PC portatile costantemente sballottato tra svariate reti differenti (clienti, casa, amici) smette di aggiornarsi tramite Microsoft Update in modo automatico (proprio come avete impostato da Pannello di Controllo), tutto però funziona se si punta Internet Explorer verso il sito web degli aggiornamenti (update.microsoft.com). Volete una spiegazione razionale di tutto questo?

Con buona probabilità c’è un server proxy di mezzo che –se non correttamente riconosciuto dal sistema– può creare scompigli e bloccare gli aggiornamenti automatici di Windows. Lo stesso vale in forma contraria ovviamente: se avete precedentemente avuto la necessità di lavorare dietro proxy e tornare per poi tornare a casa vostra dove sfruttate una connessione diretta alla rete, il risultato potrebbe essere il medesimo.

Generalmente l’errore viene riportato nel Visualizzatore Eventi di sistema, il messaggio potrebbe essere simile al seguente:

Tipo evento:    Errore
Origine evento:    Windows Update Agent
Categoria evento:    Sincronizzazione software
ID evento:    16
Data:        10/03/2010
Ora:        10.14.39
Utente:        N/D
Computer:    URANUS
Descrizione:
Impossibile stabilire la connessione. Impossibile connettersi al servizio Aggiornamenti automatici e quindi scaricare e installare gli aggiornamenti in base alla pianificazione impostata. Verranno effettuati altri tentativi di stabilire una connessione.

Risolvere questo problema richiede due semplici passaggi.

Prima di procedere bisogna capire se allo stato attuale il sistema operativo pensa (o meno) e cerca di sfruttare un server proxy. Si può effettuare un primo controllo da Pannello di Controllo, Opzioni Internet, scheda Connessioni, pulsante Impostazioni LAN, come in figura:

Connessione ad internet tramite server proxy

Se ciò che compare nel box è valido, occorrerà fare un ulteriore passaggio per essere sicuri che il sistema si stia basando su ciò che gli abbiamo indicato in quel box. Da Start, Esegui, digitare cmd e premere invio, quindi lanciare la stringa proxycfg, come in figura:

CMD-proxycfg: nessun proxy riconosciuto dal sistema

# far riconoscere il proxy

Ciò che vedete era la condizione del mio sistema fino a qualche minuto fa. Nonostante l’indicazione (corretta) di un server proxy nell’apposito box in Opzioni Internet, Windows non ha salvato quei dati all’interno del registro, motivo per il quale Windows Update non funzionava correttamente. Talvolta (molto più raramente) capita che anche altri software (Skype, Last.fm, per citarne un paio) si basino sullo stesso dato per potersi connettere all’esterno.

A questo punto basterà indicare un semplice parametro dopo il comando proxycfg per far ereditare le giuste informazioni al registro: proxycfg -u (come in figura):

CMD-proxycfg: impostare il proxy corretto anche nel registro di sistema

Dopo qualche minuto noterete lo scudo del Windows Update comparire nella tray di sistema, basterà cliccarci sopra per poter procedere con l’installazione degli aggiornamenti :-)

# eliminare il proxy

Come detto due paragrafi fa, il tutto potrebbe capitare anche in maniera inversa. Tornati a casa probabilmente sfrutterete una connessione diretta ad internet, motivo per il quale non c’è bisogno di mantenere le informazioni del proxy all’interno del registro di sistema. Per poterle rimuovere basterà semplicemente lanciare dalla finestra di dos il comando proxycfg -d (come in figura):

CMD-proxycfg: rimuovere le informazioni relative al proxy dal registro di sistema

A questo punto il risultato dovrebbe essere sempre lo stesso: la capacità di tornare a fare aggiornamenti automatici senza muovere un dito :-)

Nel caso in cui riscontrare problemi potete lasciare un commento.

Buon lavoro!

Non so voi ma a me vedere video direttamente dall’iPhone mi piace, torna parecchio utile in giro per la città o quando in macchina montate un sintomonitor che permette il collegamento al dispositivo Apple (così da riuscire a mandare in diffusione audio & video), durante i lunghi viaggi può tenere compagnia al passeggero (di certo non al conducente, non fate i criminali e state attenti a dove mettete le gomme! :P).

Generalmente si tende a caricare nel dispositivo video musicali ma nessuno vi vieta di mettere serie televisive o film interi. Personalmente preferisco i primi citati e YouTube torna parecchio utile in questi casi. Perché? Semplice. Avete mai provato a cercare i canali ufficiali delle case discografiche o dei cantanti / gruppi stessi? Quasi sempre si possono trovare al primo colpo video di alta qualità, dall’ottima traccia audio e dal video perfetto. Occupazione su disco irrisoria una volta scaricati, ben differente dal cercare su reti ed2k o DVD originali video in alta risoluzione che nello specifico caso dell’iPhone / iPod Touch o un monitor da 7″ non servono affatto.

Il vostro dispositivo ne guadagnerà in memoria libera e voi avrete più spazio a disposizione per musica o applicazioni, male di certo non fa! C’è un particolare software gratuito che ci viene incontro per ottenere il migliore dei risultati, scaricabile liberamente dalla pagina:

dvdvideosoft.com/products/dvd/free-youtube-to-iphone-converter.htm

Free YouTube to iPhone Converter (questo il suo lungo nome) viene sviluppato dalla DVDVideoSoft Limited e viene rilasciato (come già specificato) gratuitamente. Occupa meno di 3 MB su disco e una volta avviato richiederà solo ed esclusivamente dei link presi dalla barra URL del vostro browser, da scaricare e convertire in formato compatibile iPhone / iPod Touch, con la qualità decisa direttamente da voi!

Il gioco è talmente semplice che spiegarlo sembra superfluo, ma tant’è. Prendo ad esempio l’ultimo singolo di Rihanna tanto passato nelle radio nazionali: Russian Roulette. Da una veloce ricerca su YouTube ho facilmente individuato il video papabile:

A questo punto vi basterà copiare l’URL del video senza preoccuparsi troppo di ulteriori parametri contenuti in quest’ultimo (facendo riferimento alla figura di seguito, “&feature=related”) …

andandolo poi ad incollare nel box dell’applicativo che dopo qualche secondo scaricherà il titolo del video a conferma che tutto sia filato liscio:

Brevemente:

  1. premendo il tasto incolla (come già detto precedentemente) verrà aggiunto il video alla coda dei download
  2. dopo qualche secondo comparirà il titolo di ciò che ci si appresta a scaricare
  3. dare una veloce occhiata (e modificare se necessario) la cartella di destinazione dei video convertiti
  4. selezionare chiaramente il proprio dispositivo, se si desidera scaricare solo la traccia audio nel menu a tendina è presente “Solo audio MP3
  5. scegliere la qualità con la quale il video verrà codificato, consigliata “Alta qualità
  6. far partire il processo con il tasto Download

Ora non resterà che attendere che il processo termini. I video compariranno man mano che la codifica sarà completata. A voi toccherà semplicemente selezionare i video e trascinarli (Drag’n’Drop) nella tab “Filmati” di iTunes, nella sezione del vostro iPhone, tanto per capirci:

Godetevi i vostri video :-)

Post veloce veloce stile promemoria e utilità per qualche collega in difficoltà. Capita sporadicamente di trovare qualche utente che ha a disposizione un PC portatile, solitamente utilizzato per girare in lungo e largo per le varie sedi del –rispettivamente– mio cliente e quindi suo datore di lavoro. Quel PC non è in dominio e l’utenza utilizzata è anche amministratore della macchina locale. Un unico problema: ignoranza totale dall’altro lato della cornetta (e non lo dico in modo dispregiativo una volta tanto) ed il firewall di Windows XP attivo!

Il risultato è presto detto: spiegare all’utente i passaggi per andare a togliere il firewall diventa una mission impossible, in compenso sa usare benissimo la posta elettronica e sa fare un maledetto doppio clic. Ecco quindi come aggirare l’ostacolo con eleganza e tanta prepotenza sui servizi di Windows!

Il batch qui di seguito non fa altro che disattivare i servizi necessari al funzionamento del firewall, creare una chiave di registro che blocchi gli aggiornamenti di sistema (che potrebbero far riattivare il software) e aggiungere le informazioni automaticamente.

Testato su un Windows XP Sp2 altrui, funzionante al secondo colpo dopo una piccola correzione! ;)

@echo off
echo Fermo i servizi Firewall di Windows ... attendere.
echo.
net stop "Centro Sicurezza PC"
net stop SharedAccess
> "C:\nofirewall.reg" echo REGEDIT4
>>"C:\nofirewall.reg" echo.
>>"C:\nofirewall.reg" echo [HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\SharedAccess]
>>"C:\nofirewall.reg" echo "Start"=dword:00000004
>>"C:\nofirewall.reg" echo.
>>"C:\nofirewall.reg" echo [HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\wuauserv]
>>"C:\nofirewall.reg" echo "Start"=dword:00000004
>>"C:\nofirewall.reg" echo.
>>"C:\nofirewall.reg" echo [HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\ControlSet001\Services\wscsvc]
>>"C:\nofirewall.reg" echo "Start"=dword:00000004
>>"C:\nofirewall.reg" echo.
start /wait regedit /s "C:\nofirewall.reg"
del "C:\nofirewall.reg"

Se il batch può essere mandato via posta elettronica basterà chiedere all’utente di salvarlo sul Desktop e fare doppio clic. In 5 secondi netti (salvo complicazioni) il PC sarà raggiungibile remotamente così da poter operare in assistenza tramite VNC o Remote Desktop.

Attenzione a chi possiede Sophos o antivirus di pari valore: lo script viene visto come potenzialmente pericoloso e distrutto senza pensarci su troppo, son soddisfazioni :P

Cheers.

Il fatto che il sottoscritto sia ormai passato al “lato oscuro della forza” da qualche anno lo sanno proprio tutti. Sapete altrettanto bene che “squadra che vince non si cambia” … per questo motivo sono ancora qui a parlarvi del titolo di calcio Konami ad un anno di distanza dall’ultima recensione.

Consegnato con un giorno di anticipo rispetto al dovuto (uscita prevista 22 ottobre, consegnato nelle mie mani con tanto di pallone da calcio regolare in regalo il 21) è costato tanto quanto l’anno scorso: 39 euro e 90 centesimi (si, la solita presa per i fondelli dei 10 centesimi di resto).

Nonostante quest’anno sia stata presentata un’ottima realizzazione da parte di EA Sports con il suo Fifa 10 pressoché irraggiungibile su console (determinato dai numerosi pareri sul web, tra gli amici e da una veloce prova su strada del sottoscritto), Pro Evolution Soccer continua ad essere la migliore scelta almeno su Personal Computer.

Come 365 giorni fa qui si continua a giocare con una scheda grafica tutto sommato accettabile (la mia GeForce 8600GT da 256 MB dedicati) e Windows 7 del quale presto vi parlerò, da poco sovrano della mia macchina casalinga. Tutto è cominciato da “quel twit” e da quella fotografia:

Io lo installo, è finita :p http://twitpic.com/mdmfy11:40 AM Oct 21st from TweetDeck

E’ gradita la conferma …

Licenze nuovamente concesse, continuano fortunatamente ad aumentare anno dopo anno, riusciremo quindi a soddisfare il fabbisogno quotidiano di far bene virtualmente in UEFA Champions League e nella nuova UEFA Europa League, accompagnati chiaramente dalla nostra squadra del cuore.

Sono stati licenziati 15 stadi, ne rimangono fuori 6. Tra questi ultimi compare anche il Konami Stadium, ormai intramontabile :)

Squadre & Calcio Mercato

Contrariamente all’anno scorso sembra che tutte le mosse di calcio mercato siano state incluse nel titolo prima della sua pubblicazione e della comparsa sugli scaffali. E’ comunque importante ricordare che scambi e acquisti sono ancora possibili da qui fino a novembre 2010, ciò vorrà dire che Konami (come sempre) rilascerà svariate patch nei prossimi mesi, la prima delle quali già disponibile dal 22 ottobre scorso (scaricabile direttamente da qui). Perché quindi non tenere d’occhio il blog italiano non ufficiale dedicato al gioco, rinnovatosi con l’occasione?

http://pes2010.it/

GamePlay

Odio questi rallentamenti dei giocatori introdotti nella release 2010 ma a mente fredda mi rendo conto che sono diventati più umani. Nessun cambio di direzione immediato alla “Flash Gordon“. Ci vuole un attimo più di attenzione, di strategia, di passaggi ben mirati ad un compagno di squadra che possa aiutarci ad arrivare verso la porta avversaria. Si ottiene maggiore soddisfazione e gioco di squadra, male non fa certamente. Nuovi trucchi, nuovi modi di dribblare, più attenzione alla cura dei dettagli dentro e fuori il campo.

Valori di stanchezza, infortuni e umore del giocatore sono rimasti praticamente invariati.

Decisamente migliorata l’intelligenza artificiale dei nostri avversari durante le partite giocate contro il PC, niente a che fare con gli episodi precedenti dove era tutto sommato semplice selezionare un eroe” da mandare in avanscoperta per bucare la difesa e tentare di andare in porta compiendo la “mission possible“. Lo stesso “ritardo” nell’esecuzione di un comando precedentemente imposto da tastiera o da gamepad ad un nostro giocatore, fa si che l’esperienza diventi più realistica e ci sia la concreta possibilità di essere fermati da un giocatore “nemico” per un soffio ;)

Attenzione a calci piazzati e calci di rigore, sono stati ritoccati tutti i valori di caricamento del tiro. Troppa potenza? La palla viene sparata in orbita, com’è giusto che sia! :)

Telecronaca

Confermata la coppia Pierluigi Pardo e Josè Altafini nonostante quest’ultimo possa star simpatico come un pugno nello stomaco alle 7 di mattina, proprio mentre stiamo riaprendo gli occhi dopo una buona dormita. Durante le prime partite (ho portato già a termine la UEFA Champions League, un paio di esibizioni e le prime due partite del campionato italiano tutt’ora in corso) ho potuto notare diversi errori sul risultato della partita (esempio: sul 4-0 veniva dichiarato uno “splendido 2-0 della squadra!”), lo stesso vale per calci di punizione passati come calci di rigore e ammonizioni inesistenti. Un numero certamente superiore alla prima esperienza di gioco con PES 2009, si spera quindi in una patch …

Controller

Ricordate il post riguardo il controller dell’Xbox 360?

gioxx.org/2008/10/23/xbox-360-controller-for-windows

Devo ancora provare ad installarlo su Windows 7. I driver aggiornati sono stati rilasciati direttamente sul sito della Microsoft, da testare quanto prima:

microsoft.com/hardware/download/DownloadResult.aspx?category=Gaming&type=Gaming&name=C8G-00004&os=Win7_32&lang=ita

Vi tengo aggiornati ;)

Rete, lag, cerco casa!

Sony ospiterà sui suoi server le partite giocate tra possessori di PlayStation 3, Microsoft quelle giocate tramite XBox Live. Per PC ancora è un’incognita. Ho già il mio Konami ID, devo provare ad andare “on air” quanto prima. Anche questa questione è aperta, vi terrò aggiornati :)

In conclusione

Un titolo da avere, vale come sempre il denaro speso. Il difetto è sempre lo stesso: occhio a chiudervi dentro casa e organizzare tornei con i colleghi di lavoro (tanto per dire: il prossimo è previsto per il 4 novembre, me medesimo e soci d’ufficio), potreste ritrovarvi senza moglie / fidanzata senza neanche accorgervene! :P