L’arte dello SLURP

| |

E’ un’arte millenaria, a volte serve … altre no, c’è chi la sa fare e chi invece si rifiuta categoricamente di farla per non scendere nel ridicolo, insomma … l’arte del lecchinaggio gratuito riesce quasi sempre a salvare tutte quelle persone che non riescono a farsi apprezzare per quello che sono e per quello che riescono a fare.

Il perchè di questo post è semplice. Inutile specificare che il tutto si ambienta nel mio attuale posto di lavoro dove, in mezzo a tanta gente che si fa “il culo” (bonjour finesse), c’è sempre quell’esemplare di dipendente che, con arti abili ed esperienza pluriennale, si getta a capofitto nelle migliori leccate che il mercato della gerarchia aziendale possa offrire!

La cosa bella è che, probabilmente, l’esemplare (lo chiamiamo così proprio per evitare casuali riferimenti a cose e/o persone), non si rende minimamente conto che con il suo comportamento non viene comunque visto “più in alto” rispetto agli altri, e che la sua qualifica non lieviterà comunque, nonostante tutta la buona volontà che ci può mettere nell’esprimere il suo squallore da perfetto lecchino.

Parole troppo pesanti? Può darsi … ma potreste ridere anche voi delle mirabolanti avventure di “Capitan Lecca-Lecca” se vi trovaste al mio posto.

Stop. Non voglio approfondire più di tanto l’argomento ne tantomeno raccontarvi qualcuna delle sue avventure e/o mille-facce disponibili nel fornitissimo catalogo 2006/2007 :-P

Vi lascio al week-end appena cominciato. Che possa essere per voi riposante e divertente. Spero lo sia anche per me, ne ho bisogno!

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

L'arte dello SLURP 1

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato.
Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: