Cinema – Tron: Legacy

| |

Impossibile perdere la prima rigorosamente in 3D, un piacere e un dovere portare la consorte per avere un secondo parere e per non sprecare la visione del primo episodio del 1982 che le ho fatto vedere giusto qualche sera fa (anche per dare una rispolverata alla mia memoria).

Cinema - Tron: Legacy 1

Sono passati 28 anni da quel primo, timido e azzardato tentativo di computer grafica “ultra-pixelosa” che ha comunque fatto la storia. Kevin Flynn (Jeff Bridges) e Alan Bradley (Garrett Hedlund) tornano sul grande schermo nelle rispettive posizioni “iniziali“. Del tutto nuovo è invece Sam Flynn (Garrett Hedlund), figlio del leggendario “creatore della rete” e della Encom, diventata ormai un impero grazie alle vendite di giochi e di software più in generale.

La nuova avventura ricalca tutto ciò che è stato il primo episodio, con una leggera modifica (per ovvi motivi) alla trama originale ma non alla sostanza che sta alla base della pellicola. Chi si aspetta ragionamenti e colpi di scena particolarmente complessi rimarrà deluso, al contrario chi partirà con la mente libera e pronta a comprendere una tipica successione di eventi in stile “favola della buonanotte” uscirà dalla sala particolarmente soddisfatto per un prodotto che nella sua totalità può essere riconosciuto come una degna chiusura cinematografica del 2010.

Chi –nerd o geek nel sangue– si è esaltato 20 e più anni fa nel vedere così stranamente rappresentata una rete informatica, non resterà certo deluso. Con le attuali tecnologie tutto ciò che è stato tirato fuori in Tron: Legacy vi appagherà e vi esalterà nel caso in cui abbiate desiderato rivedere in particolare le Light Cycle che –guarda caso– vengono sfruttate a man bassa per girare una delle primissime scene della nuova pellicola, in un’arena degna del miglior Destruction Derby in stile PlayStation.

Non voglio anticipare nulla riguardo la storia vera e propria del film. Come anticipato, la trama è abbastanza semplice ed a tratti intuitiva, difficilmente stupisce o riserva cambi di direzione e colpi di scena. Questo non mi permette di raccontarvi alcunché per evitare spoiler che potrebbero rovinarvi la “sorpresa“.

Cinema - Tron: Legacy 2

Il mio consiglio –oltre quello di andare a vedere il film appena le sale non saranno strapiene– è quello di investire qualche euro in più (non c’è uno standard italiano, ciascuna sala applica i propri prezzi come meglio crede) pur di godere appieno dell’esperienza 3D che in film di questo tipo danno quel qualcosa in più, quelle sensazioni e quel coinvolgimento che il 2D non è in grado di dare (dal 5 gennaio nelle sale italiane, ndr). La colonna sonora –tanto per concludere in bellezzaè stata curata dai Daft Punk che –nonostante non abbiano tirato fuori il meglio del duo– sono sempre e comunque al posto giusto nel momento giusto. Ho sorriso e particolarmente apprezzato quei pochi minuti in cui è possibile vederli in console anche nella pellicola, ovviamente travestiti con gli immancabili caschi e lo stile adatto all’universo di Tron :)

A questo punto non resta che augurarvi buona visione.

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: