Messaggistica istantanea: le 5 app più sicure alternative a WhatsApp

Ospite  —  16/07/2019 — Leave a comment

Gioxx’s Wall ospita oggi un piccolo confronto tra applicazioni di messaggistica istantanea alternative a WhatsApp e Telegram, scritto in collaborazione con Stefania Grosso di TechWarn, portale di informatica e tecnologia generalista.
Al contrario del sottoscritto Stefania utilizzerà il “voi“, io non lo faccio ormai da tempo ma posso comprendere che “per parlare alla folla” possa essere ancora lecito.
Buona lettura :-)

Cosa usate per comunicare con i vostri amici? La risposta sarà all’unisono: WhatsApp! Qualcuno dirà Messenger? O forse Telegram, con un passo in più verso la sicurezza delle nostre comunicazioni. E per quanto queste applicazioni siano comode, facili da usare e istantanee, non sono altrettanto efficaci in termini di sicurezza. E vista la grande attenzione posta sulla questione della privacy ultimamente, ecco a voi cinque applicazioni per comunicare in totale sicurezza.

Signal

Signal - Messaggero Privato
Signal - Messaggero Privato

Signal è un’app di messaggistica istantanea open source creata nel 2014. Come tutte le app di comunicazione potete inviare sticker, immagini, video, GIF e audio. Ma il suo punto di forza è la funzione dei messaggi ‘a scadenza’, quelli che si cancellano automaticamente dopo un determinato lasso di tempo impostato dall’utente. Inoltre il suo livello di sicurezza, dato dalla crittografia, è molto più elevato rispetto a WhatsApp.

Threema

Threema
Threema
Developer: Threema GmbH
Price: 2,99 €
Threema
Threema
Developer: Threema GmbH
Price: 3,49 €

Fondata nel 2012, Threema è una della app più utilizzate per comunicare in sicurezza grazie a una crittografia end-to-end imperscrutabile. Inizialmente diffusasi solo in Germania, dopo i problemi di sicurezza di WhatsApp e Facebook ha preso piede in tutto il mondo. Unico punto a sfavore: non è gratuita, se usata però in combinazione con una connessione VPN diventa davvero infallibile a livello di anonimato e sicurezza.

Silence

Silence
Silence
Developer: Silence
Price: Free

Non è disponibile una versione per sistemi iOS.

Di nuovo un’app open source. Silence è diventata famosa per avere una delle migliori crittografie, progettata accuratamente per proteggere messaggi in entrata e in uscita. Il punto di forza è che i messaggi vengono criptati in locale, sul dispositivo, in modo che nessuno oltre a voi vi possa accedere. E il codice con cui è scritta è completamente disponibile online, da consultare liberamente.

Wickr Me

Wickr Me – Private Messenger
Wickr Me – Private Messenger
Developer: Wickr Inc
Price: Free
Wickr Me - Private Messenger
Wickr Me - Private Messenger
Developer: Wickr, LLC
Price: Free

Grafica minimal e comunicazioni come abbiamo visto solo nei film: questa è Wickr, un’app di messaggistica istantanea ultra sicura. Wickr, oltre a disporre di una crittografia completa, consente anche di inviare messaggi a scadenza e avere il pieno controllo sulle chat, rendendovi anonimi mentre comunicate anche le più importanti e delicate informazioni.

Dust

Dust Messaggistica
Dust Messaggistica
Developer: Radical App LLC
Price: Free+
Dust - a safer place to text
Dust - a safer place to text

Dust oltre ad avere tutto ciò che un’app di comunicazione deve possedere e offrire, ha dalla sua un sistema che rende l’invio di qualunque file molto più veloce. Non mancano poi le feature di sicurezza, con crittografia end-to-end, una modalità di ricerca stealth e la possibilità di sapere, grazie agli avvisi del watchdog, se la nostra sicurezza è stata compromessa.

Cosa ne penso?

Un articolo rapido e poco ricco di dettagli ma che ti introduce alle possibili alternative delle più blasonate applicazioni di messaggistica istantanea già disponibili sul mercato. Non conoscevo personalmente né Silence, né Wickr e neanche Dust. Signal e Threema li ho installati in passato e il primo citato lo uso ancora nonostante la rubrica contatti sia davvero troppo striminzita. Di certo mi incuriosisce Silence e il suo essere completamente accessibile grazie alla pubblicazione del codice sorgente su GitHub, forse sono un po’ meno attratto dalle altre due proposte. Una piccola precisazione: la crittografia end-to-end è assolutamente consona e funzionante anche per ciò che riguarda WhatsApp, semplicemente ci si fida di meno poiché questo fa parte della grande famiglia di Zuckerberg ed è ospitato sui server di Facebook. Questi di certo tracciano una moltitudine di dati nettamente superiore a Signal o qualsiasi altro software citato.


immagine di copertina: unsplash.com / author: Rachit Tank
×

Sponsored

La regia si prende un piccolo break e vi lascia ai consigli per gli acquisti, articoli scritti sempre e comunque dal proprietario della baracca (o da ospiti di vecchia data) ma -contrariamente al solito- sponsorizzati.
Il giudizio è e sarà sempre imparziale come il resto delle pubblicazioni. D'accordo pagare le spese di questo blog, ma mai vendere giudizi positivi se non meritati.

Gioxx's Wall Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: