Estasiato credo possa essere il termine più adatto da cucire al petto di quella che è la serie automobilistica che regna sovrana nella mia personale classifica di gradimento, da anni ormai, in maniera grosso modo incontrastata. Playground Games e Microsoft tornano a far parlare di sé grazie all’arrivo di Forza Horizon 4, l’ultimo nato dalle sapienti mani dello studio di sviluppo britannico che dopo così tanti anni decide finalmente di farci approdare nella propria terra natia. Horizon 4 ci lascia sfrecciare sulle strade inglesi, attraversando sterrato, asfalto, laghi ghiacciati e chi più ne ha più ne metta, lasciandoci alle spalle il correre del tempo e il susseguirsi delle 4 stagioni che compongono il periodo freddo e caldo, con in mezzo le burrascose situazioni impreviste e la caduta delle foglie con quei colori spettacolari e accattivanti.

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi

Forza Horizon 4

Benvenuto in Gran Bretagna

Tutto comincia dalla novità principale del gioco: le Stagioni. Potrai (in realtà dovrai) metterti immediatamente alla guida di alcuni modelli di quattro ruote che incontrerai nel corso del festival, iniziando a prenderci la mano, cercando di capire e carpire tecniche di guida che cambiano in base alle condizioni climatiche e il tipo di strada. Sarai protagonista di cambi repentini tra primavera, estate, autunno e inverno, assaggerai il sapore della strada libera e dritta in grado di farti scaricare a terra tutti i cavalli che hai sotto quel cofano motore, ti ritroverai a derapare nel momento in cui la pioggia decide di rendersi inopportunamente ospite della prossima curva, darai tutto te stesso quando la neve cadrà e metterà a dura prova la tua capacità di controllo del mezzo, cercando di non colpire nulla di ciò che ti circonda, tutto ti può rallentare e tu non vuoi certo farlo, ma tranquillo, è solo una dimostrazione di cosa è capace di trasmettere Forza Horizon 4, il festival non è ancora cominciato e tu non hai certo scelto la tua prossima compagna di viaggio, lo farai tra un po’.

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 2

Metti a posto il tuo look, scegli il tuo avatar, personalizzalo per renderlo quanto più somigliante al tuo vero io, o per lo meno a colui che vestirà i panni di pilota durante l’intero arco del festival, in ogni tappa, gara regolare o non (si fa riferimento alle corse clandestine che scoprirai quasi subito), sfida di mezzi di trasporto che difficilmente potrebbero essere realmente comparati all’automobile (anche se Top Gear prima, e Grand Tour dopo, ha insegnato per anni che questa cosa è possibile). Parti dal basso, profilo entry-level, dovrai farti notare, mettere in mostra le tue capacità e dimostrare che meriti un posto alla festa, guadagna notorietà e influenza, un concetto ormai adottato da molti giochi (vedi la stessa serie Forza o The Crew 2, anche se quest’ultimo calca un pelo troppo la mano), solo così potrai sbloccare nuove gare e round, ma soprattutto nuove sfide esibizione che ti permetteranno di mettere la parola fine a una stagione, per poterti mettere alla prova con quella successiva.

Insieme è più bello (?)

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 1

Che non è né una domanda, né una affermazione. Forza Horizon 4 porta all’interno della serie Horizon quello che viene definito Mondo Condiviso, una simbiosi tra esperienza di gioco single-mode e multiplayer, andando a inserire all’interno di uno stesso mondo giocatori collegati nel tuo stesso momento al Live di Xbox, che stanno anch’essi giocando a Forza Horizon 4, esplorando magari le tu stesse strade, intraprendendo sfide o carovane che possono essere sfruttate per affrontare insieme il gioco. Nulla di tutto questo è però obbligatorio, una notizia che può rassicurare quelli che -come me- preferiscono guidare da soli, alla ricerca della prossima sfida senza una precisa meta, vagando anche un po’ per la sconfinata mappa messa a disposizione dagli sviluppatori che -aggiungo- hanno realizzato un fantastico lavoro riguardante l’interazione con gli oggetti all’interno della stessa. Potrai abbattere muretti e tronchi di piccolo taglio (quelli più grandi ti metteranno ancora una volta alle strette portando da 100 a 0 la tua velocità, in un solo bruttissimo colpo che però non danneggerà la vettura più dell’estetica esteriore).

Ogni giocatore collegato alla nostra sessione non interagisce direttamente con noi a meno che non lo vogliamo, accentando per esempio di partecipare a una gara organizzata sul momento (tutti con lo stesso mezzo, per non creare disparità), o lanciandogli un guanto di sfida da consumare su una parte di mappa decisa nello specifico momento dalla IA; sì insomma, meno Drivatar (che hanno sempre e comunque caratterizzato in maniera molto positiva il gioco) e più umani a giocare sul medesimo server, il tutto senza notare rallentamento alcuno, anche durante le gare lanciate sul momento, cosa che costituisce chiaramente punto a favore del team di sviluppo e di Microsoft che mantiene la struttura tecnologica su cui appoggia Forza Horizon 4.

Anche le gare comprese nella storia della mappa (quindi le tappe del Festival) possono essere giocate contro altri utenti reali, o magari in collaborazione con loro. La scelta ti viene proposta ogni volta che ne avvii una, puoi quindi combinare più modi di vivere Forza Horizon 4 secondo il tuo umore del momento.

Un’occhiata agli eventi Live

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 4

Live che tornano a essere protagonisti della tua storia solo nel momento in cui, dopo qualche ora di gioco, andrai a chiudere il primo ciclo stagionale. Questo ti permetterà di far prendere vita al tuo mondo Horizon, un susseguirsi rinnovato delle stagioni, che ora saranno sincronizzate con gli altri giocatori della tua sessione, permettendoti di partecipare ai nuovi Forzathon e guadagnare crediti che potranno essere spesi in uno shop di nuova concezione, presso il quale potrai sbloccare nuove auto, accessori, potenziamenti. Ti accorgerai di tutto questo grazie al comparire di alcuni messaggi sul tuo schermo, potrai accettare di entrare a far parte di un evento e raggiungere il luogo stabilito entro un tempo limite, accodandoti poi a una serie di altri giocatori (fino a un massimo di 11) con i quali dovrai collaborare per ottenere il risultato sperato.

Ogni evento live è suddiviso in tre stage uno in fila all’altro, con una durata massima di 15 minuti in totale, le regole verranno dettate dal gioco e tu dovrai solo cercare di rispettarle e portare a termine il compito richiesto. Preparati a sfrecciare davanti a un autovelox o concatenare una serie di spettacolari derapate (senza perdere il controllo dell’auto o distruggere i punteggi sbattendo dove non devi), ma non solo.

Tutti i tuoi risultati andranno a comporre uno schema “Vita Horizon” che riepilogherà i risultati raggiunti nelle varie categorie, costruendo così una tua personalità all’interno del gioco (tutto concorre al miglioramento del tuo Drivatar, che continuerà comunque a esistere e farsi vedere all’interno delle sessioni di gioco dei tuoi amici di Live). Più punti guadagni in ogni categoria, più potrai ambire a diventarne il re, portando progressivamente a casa crediti, ruote della fortuna (in questo capitolo del gioco anche in versione “Super” con 3 premi per ciascun giro) e novità da dedicare alle tue vetture o al tuo personaggio.

Casa è dove puoi avere il tuo garage a portata di mano

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 3

Altra novità del gioco, in Forza Horizon 4 potrai “mettere radici” in svariati punti della mappa, grazie all’acquisto di case (dalla più modesta a quella più assurda e costosa) che ti permetteranno così di accedere al tuo garage e mettere a punto facilmente le vetture, ma anche di avanzare nelle stagioni (inizialmente) a sfide esibizione concluse, come se ci si spostasse in auto verso il Festival Horizon che però spesso si troverà più lontano rispetto a queste abitazioni.

Ogni casa porta con sé un bonus, il quale potrà essere sbloccato portando lì la propria residenza (c’è infatti la possibilità di scegliere dove trasferirsi in pianta più stabile, condizione che sfrutta il bonus e non cambia null’altro ai fini della propria storia e dell’avanzare del Festival). La casa, così come l’epicentro del Festival Horizon, costituisce un punto di spostamento rapido, che però andrà sbloccato in ogni caso con qualche credito (in media i soliti 8000 se ben ricordo, non lo uso praticamente mai). Sia la propria casa che il Festival Horizon permettono l’accesso, oltre che al proprio garage, al salone d’auto (per comprarne di nuove) e alla casa d’asta, per provare ad aggiudicarci qualche pezzo raro (ammesso che i crediti offerti bastino) oppure vendere i propri gioielli inutilizzati, metodo certamente utile per fare una robusta base crediti da utilizzare per migliorare ciò che si è soliti guidare di più.

C’è altro?

C’è tanto, tantissimo, come sempre. Ci sono i gioielli dimenticati che potrai scoprire e recuperare in posti della mappa generalmente ben nascosti, c’è la modalità Drone che può aiutarti a scoprirne di nuovi e che permette ancora una volta di scattare splendide fotografie da salvare e condividere nella galleria personale, c’è la possibilità di personalizzare ogni vettura del proprio garage grazie all’utilizzo di design splendidi già realizzati e messi a disposizione dalla community o di partire da zero creandone uno proprio, c’è la messa a punto delle vetture che ti consentirà di migliorarne le prestazioni (o anche solo l’estetica esteriore fatta di paraurti, spoiler, cerchi e molto altro ancora). C’è un mondo intero racchiuso in circa 60 GB di gioco (non considerando i pacchetti auto extra, i nuovi contenuti che arriveranno, le espansioni, ecc.) che ho potuto cominciare ad apprezzare un pelo prima del dovuto grazie all’edizione Ultimate che ho comprato (con un buono sconto, che non si scherza mica considerando il prezzo di listino!).

Ho catturato circa tre di ore di gioco (le prime), senza tagli, con una marea di errori e con alcune perdite di tempo dovute alla scoperta dei menu e delle funzionalità. Le ho mandate in streaming come sempre sul mio account Mixer e caricate successivamente sul mio canale YouTube, il risultato è questo:

In conclusione

Forza Horizon 4 è un capolavoro della tecnica e del divertimento, è un risultato sotto al quale Playground Games non è ormai capace di abbassarsi, e il giocatore finale solo sa quanto questa sia cosa buona e giusta. La contemporaneità dei giocatori connessi e degli elementi caricati, le sfide, le mille sfaccettature dovute al cambio stagionale e ai panorami che questo porta con sé, i paesaggi sempre in movimento e “distruttibili” con i quali interagire, gli animali (ai quali non potrai fare del male, fortunatamente), le vetture dell’intelligenza artificiale che aggiungo quel tocco di piccantezza alla guida spericolata con la quale vuoi portare a casa alti punteggi.

Tutto di Forza Horizon 4 racconta una storia, si vive ciascuna rotonda o taglio netto come fosse l’ultimo, freno a mano tirato e giù con una derapata quanto più spettacolare possibile (ma la figura becera con incidente annesso è sempre dietro l’angolo, ne so qualcosa), poi giù tutto il piede a chiedere gas, fino alla prossima sfida. Questo gioco rappresenta il meglio che l’azienda videoludica ha offrire, non me ne vogliano i puristi di GT e simili, per me il racing game per eccellenza è Forza, Horizon è l’espressione più scanzonata e libertina, ma è probabilmente questo (in concomitanza con la mancanza di errori tecnici) a renderla assolutamente perfetta, con quel 99,9% di risultato raggiunto, perché lo 0,01% voglio tenermelo (e ci tengo particolarmente) da parte, per quando decideranno -se mai lo faranno- di reintegrare la lingua italiana nei dialoghi, dato che tutto il resto del gioco è perfettamente localizzato.

Dal canto mio non posso quindi fare altro che consigliarti l’acquisto del titolo, a prescindere dalla versione che sceglierai ti divertirai comunque come un pazzo.

Novità, proprio a partire da questa recensione, è il nuovo sistema di Rating interno, che darà finalmente un voto (da 1 a 5) ai prodotti provati :-)

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: comprato di tasca mia, non potevo non averlo, possiedo tutti i capitoli di Forza nonostante Microsoft abbia deciso di interrompere la collaborazione con il sottoscritto.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Che si tratti di testo e non, talvolta ti può capitare di dover o voler mettere in evidenza un particolare all’interno di un’immagine che stai caricando sul blog, o magari inserendo all’interno di un documento che intendi condividere con qualcuno a cui spiegare una determinata cosa. Per fare ciò utilizzando GIMP, c’è un metodo abbastanza rapido che richiede solo qualche passaggio e un nuovo livello da applicare all’immagine che stai lavorando. Ti spiego rapidamente come fare.

macOS: Gimp 2.10 (non ufficiale)

Le immagini e il video che vedrai fanno riferimento a McGimp su macOS (che ho usato durante la stesura dell’articolo e la registrazione del monitor), ma nulla cambia rispetto alla versione ufficiale che utilizzi abitualmente sulla tua macchina Windows.

Evidenziare un particolare

Do per scontato che tu abbia già scelto il colore che utilizzerai per evidenziare il particolare che ti interessa sull’immagine in lavorazione (in caso contrario fai clic sul colore primario nella colonna di sinistra, e modifica la tua scelta puntando il colore con il mouse o inserendo manualmente il codice HEX che desideri), io ho scelto molto banalmente un giallo pieno, non in stile evidenziatore (#ffff00).

Fatto ciò, utilizza lo strumento di selezione dell’area e raccogli al suo interno ciò che vuoi mettere in evidenza. Fai ora clic con il tasto destro su quest’area e applica un nuovo livello all’immagine, quindi trascina il colore primario al suo interno; questa operazione applicherà un colore all’area che coprirà anche il testo posto sotto. Ora, assicurandoti che il livello sia ancora selezionato, fai clic sul menu Modalità (nella colonna di destra, in alto) e scegli la voce Moltiplica. Questo ti permetterà di riportare nuovamente in primo piano il testo che avevi precedentemente coperto, lasciando però che quell’area rimanga evidenziata, che poi è esattamente (spero) ciò che volevi ottenere come risultato.

Per rendere la spiegazione più semplice, ho catturato il mio monitor durante l’operazione di preparazione di un’immagine che mi serviva inserire all’interno di un articolo del blog (quello dedicato al Mi Band 3, che ti consiglio di leggere se non lo hai ancora fatto!), realizzando così un video che ho caricato sul mio canale YouTube, te lo mostro qui di seguito:

L’operazione è davvero molto semplice e veloce, inutile dire che allo stesso nuovo livello immagine potrai aggiungere ulteriori aree da mettere in evidenza (non serve assolutamente creare più livelli) all’interno della stessa immagine in lavorazione. In caso di dubbi puoi sempre usare l’area commenti qui di seguito, io ringrazio a mia volta chi il metodo l’ha spiegato pubblicamente (in lingua originale, inglese), dal quale ho tratto la versione localizzata sul mio blog.


fonte: gimplearn.net/viewtopic.php/Highlighting-an-image-text-in-GIMP?t=49

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Un dominio contenente più unità organizzative, può avere necessità di creare gruppi di sicurezza con all’interno tutti gli utenti di una specifica OU. Per farlo, esiste il classico metodo manuale della ricerca * all’interno della OU → Seleziona tutti → Aggiungi a un gruppo, in alternativa torna utile la PowerShell e qualche riga di codice che ho recuperato da una vecchia discussione su ServerFault.

Creare un gruppo di Active Directory partendo da una OU

Si tratta infatti di un codice molto banale da comprendere e modificare per le proprie esigenze, utile anche per eliminare persone (avviandolo altre volte nel corso del tempo, non necessariamente in maniera manuale) che in quella OU non esistono più, ma che essendoci state in passato erano state precedentemente inserite all’interno del gruppo di sicurezza.

Spiego rapidamente cosa c’è da ritoccare:

  • $groupname (riga 2): dovrai dichiarare il nome del gruppo al quale aggiungere gli utenti della OU mantenendo gli apici e inserendo al loro interno il percorso completo del gruppo (CN/OU/DC).
  • $users (riga 3): modifica anche stavolta ciò che c’è tra gli apici posti dopo il -SearchBase, dichiarando il nome della OU dalla quale prelevare tutti gli utenti presenti nel momento in cui lanci lo script di PowerShell (OU/DC).
  • riga 11: copia dalla riga 3 ciò che hai appena modificato e incollalo tra gli apici che trovi subito dopo il -notlike. Questa condizione servirà a confrontare gli utenti presenti nel gruppo con quelli nella OU. Nel caso in cui un utente non faccia più parte della OU, verrà rimosso anche dal gruppo.

Lo script, che dovrà essere eseguito con diritti amministrativi sul Domain Controller di interesse, non fornisce alcun output di conferma a video. Una volta lanciato svolge il suo mestiere e tu potrai verificare l’effettiva buona riuscita andando ad aprire il gruppo che dovrà essere popolato partendo dalla OU.

Escludere gli utenti disabilitati

Se vuoi, puoi modificare il primo filtro di ricerca (quello relativo a $users) affinché vengano lasciati fuori gli utenti disabilitati. Si va quindi ad agire sulla riga 3:

$users = Get-ADUser -Filter * -SearchBase "OU=Contoso,OU=Utenti,DC=contoso,DC=local"

mettendo al posto dell’asterisco la specifica che permette di catturare solo gli utenti abilitati in dominio, ottenendo così:

$users = Get-ADUser -Filter {Enabled -eq $true} -SearchBase "OU=Contoso,OU=Utenti,DC=contoso,DC=local"

Schedulazione della modifica del gruppo

Rimane sempre valida la possibilità di richiamare uno script di PowerShell passando per le Operazioni Schedulate di Windows, così da mantenere il gruppo di sicurezza sempre aggiornato, in base a chi si trova all’interno della OU interessata. Per farlo, ti basterà creare una nuova attività di base e specificare il minimo indispensabile (riporto le voci in inglese qui di seguito, utilizzo la medesima lingua che generalmente si usa per i Windows Server installati in azienda):

  • Action: Start a program
  • Program/script: C:\Windows\system32\windowspowershell\v1.0\powershell.exe
  • Add arguments (optional): -command C:\scripts\Gruppo_dipendenti.ps1

(dove C:\scripts\Gruppo_dipendenti.ps1 dovrà essere modificato con la reale posizione e nome file assegnato allo script di PowerShell).

Il tutto è stato testato con successo su Windows Server 2012 R2. Per dubbi o suggerimenti, l’area commenti è a tua totale disposizione :-)

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non di solo Telepass sembra essere fatta la sosta comoda della propria vettura, eppure io ci ho fatto l’abitudine, penso che il servizio possa contare su alcune killer-features e apprezzo in maniera netta la possibilità di pagare ciò che devo in fattura trimestrale senza preoccuparmi di null’altro (stessa cosa dicasi per Area C a Milano), eppure. L’eppure è diventato d’obbligo nel momento in cui ho lasciato la mia comfort-zone cittadina per godermi qualche giorno di sacrosanto riposo in Romagna, dove ho trascorso le ferie d’agosto e dove Telepass Pay non c’è (senza voler scendere nei dettagli).

È per questo motivo che ho approfondito nuovamente l’argomento e mi sono rivolto a due competitor che mi hanno offerto grosso modo la stessa possibilità di pagamento delle soste, con alcuni pro e contro che provo a raccogliere e raccontarti di seguito.

Un'occhiata ai sistemi di pagamento della sosta 1

myCicero

Non è bella, per certi specifici versi neanche intuitiva per chi magari si ritrova alle “prime armi” (non pensare a me, pensa a tuo babbo o tua mamma!), eppure funziona a dovere. myCicero è l’applicazione che senza troppe scuse ti garantisce la possibilità di pagare le soste della tua vettura nelle strisce blu, di prendere i biglietti dell’autobus, della metropolitana o del treno, navette per raggiungere centri commerciali, aeroporti e imbarcazioni, è indubbiamente un coltellino svizzero del trasporto, e include anche ulteriori informazioni come luoghi di interesse ed eventi che si trovano nei paraggi della tua posizione (rilevata via GPS).

Un'occhiata ai sistemi di pagamento della sosta 2

myCicero-Sosta Treno Bus Metro
myCicero-Sosta Treno Bus Metro

Più una WebApp correttamente riadattata al monitor che un qualcosa di costruito ad-hoc per il tuo smartphone, myCicero prevede la registrazione di un account personale, il quale avrà a sua disposizione un borsellino all’interno del quale caricare un credito che verrà usato per pagare i servizi che si intende usufruire. Questo è secondo me un punto a sfavore del software, perché costringe a tenere sempre da parte qualcosa. Sì, è molto comoda la ricarica tramite Satispay o PayPal, eppure è fastidioso non poter pagare esclusivamente quello che si usufruisce.

Tornando all’argomento principale dell’articolo e a myCicero, posso confermare con piacere che troverai molto facilmente i cartelli contenenti il codice dell’area di sosta, posti generalmente sotto quelli generici e informativi riguardo orari e giorni durante i quali è necessario pagarla, informazione che troverai inoltre sul parchimetro più vicino, per evitare qualsiasi tipo di errore dovuto –per esempio– a un rilevamento GPS errato, dato che talvolta una differenze di pochi metri può determinare due tariffe differenti applicate (e la possibile multa che bene certo non fa).

Un'occhiata ai sistemi di pagamento della sosta 7

Non ci sono costi ulteriori da sostenere, l’applicazione svolge quindi il suo compito avvisandoti per tempo di soste che stanno per terminare (così da poterle prolungare in caso di necessità), mantenendo un pieno controllo così come offerto dal competitor Telepass Pay, con la relativa tranquillità di passare indenne controlli da parte delle autorità (o poter fare contestazione in opportuna sede dimostrando date e orari del pagamento della sosta). Messa alla prova sul lungomare di Punta Marina Terme (RA), myCicero è tornata utile e mi ha permesso di rilassarmi, correggendo una sola volta il tiro (ho prolungato la sosta quasi all’ultimo minuto, quando ci siamo decisi a rimanere ancora un po’ in spiaggia anziché tornare in città).

La medesima applicazione usata invece a Rimini per pagare il trasporto pubblico ha superato brillantemente la prova relativa all’acquisto del ticket, forse un pelo meno quella relativa all’obliterazione che –sostituendo la tradizionale macchina appositamente montata sugli autobus con un QR Code stampato su carta adesivanon è sempre operazione semplice da portare a termine: riflessi, calca all’interno del mezzo di trasporto e guida dell’autista che non attende certo te per ripartire possono rendere complicato confermare l’inizio del tuo viaggio e metterti al riparo da possibili multe da parte dei controllori di bordo. Promossa, seppur con qualche riserva.

EasyPark

Ultima non certo per importanza, EasyPark è la terza opzione se consideriamo Telepass Pay e myCicero. Anch’essa ben presente sul territorio (per lo meno quello da me visitato e a cui sono abituato, da verificare un pelo più a sud se queste tecnologie sono disponibili, dimmelo pure nei commenti!), EasyPark propone lo stesso modello di myCicero per ciò che riguarda la sosta del tuo veicolo nelle aree di parcheggio della città.

Un'occhiata ai sistemi di pagamento della sosta 8

EasyPark
EasyPark
Developer: EasyPark AS
Price: Free
EasyPark
EasyPark
Developer: EasyPark
Price: Free

Non ci sono mezzi pubblici, non ci sono eventi, non c’è nulla oltre la sosta del tuo mezzo di trasporto personale. EasyPark è immediata, facile da capire e utilizzare, fastidiosa tanto quanto myCicero per ciò che riguarda il portafogli personale che dovrai in qualche maniera riempire per usufruire del servizio in aree coperte, senza possibilità di scalare i soldi direttamente da un tuo conto PayPal / Satispay o carta di credito. Un’idea di business ben precisa, che tenta di trovare riparo economico anche in altre voci di servizio definite extra, ma che in un’epoca come la nostra hanno tanto il sapore di anomalo (forse non tanto il messaggio SMS quanto la mail, vedi immagine 3 di seguito):

Intelligente e certamente comoda l’idea e possibilità di aggiungere un conto aziendale all’interno delle forme di pagamento accettate dall’applicazione, permettendo così a realtà con personale assunto (immagino agenti di commercio e professionisti che macinano chilometri ogni settimana) di pagare le soste e tenerle d’occhio, evitando note spese e possibili raggiri, con un’immediata visibilità da parte di un ufficio amministrativo pronto a tenere tutto in ordine.

Apri EasyPark, individua il codice di zona (funziona alla stessa identica maniera di myCicero, troverai nel 90% dei casi un’indicazione bene in vista sul parchimetro più vicino o direttamente sotto le targhe informative piantate a terra nelle dirette adiacenze del parcheggio), regola i tempi della tua sosta e falla partire, potrai interromperla in qualsiasi momento (se arrivi prima del previsto all’automobile), potrai prolungarla chiedendo all’applicazione di avvisarti prima della scadenza (troverai la possibilità di modificare il tempo di avviso all’interno delle Impostazioni del programma):

In conclusione

Due ottime alternative che pareggiano i conti in quelle zone non coperte dal servizio offerto da Autostrade per l’Italia attraverso la soluzione Telepass Pay, che in ogni caso continuo a preferire per i tanti motivi sopra riportati (e non solo). Hanno entrambe (myCicero e EasyPark) il medesimo punto a sfavore che le accomuna: un credito da ricaricare e che rischia di rimanere lì a far la muffa fino a oltranza, senza possibilità di riscattarlo per poterlo rimettere in un diverso borsellino rispetto a quello dell’applicazione: il proprio. Non ci sono altre osservazioni negative a loro carico, ma restano per me una seconda scelta (a pari merito) con alcuni margini di miglioramento, ancore di salvataggio –anyway– quando ci si deve arrendere alla non-presenza del servizio principale.

Se hai qualche dubbio o commento da fare, qualche alternativa da proporre, qualche ulteriore suggerimento, l’area commenti è a tua totale disposizione, sono certo che ci siano altre soluzioni per pagare la sosta della vettura, magari qualcuna di queste addirittura migliore di Telepass Pay e le ulteriori due sopra riportate, fatti avanti!

Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Xiaomi Mi Band 3

Gioxx  —  01/10/2018 — Leave a comment

Raccogliere l’eredità pesante del predecessore non è mai cosa semplice, capiamoci: per me Mi Band 2 è stato il prodotto che ha cambiato il personale punto di vista sui dispositivi indossabili di fascia bassa, quelli che portano a casa il risultato, la sostanza, senza metterci di mezzo la leggenda popolare che narra: “il buon prodotto deve costare per forza caro“. Mi Band 3 è quindi un approdo dovuto ma mai certo, che deve poter dimostrare di saper fare di meglio rispetto a prima, convincere chi si è affezionato e non vuole staccarsi da Mi Band 2 o l’alternativa più elegante costituita da Amazfit.

Xiaomi Mi Band 3

Xiaomi Mi Band 3

È la forma dell’evoluzione quella che vedi: un monitor più grande e più tondo, caratteri più grandi e più chiari, maggiori informazioni mostrate, cinturino indubbiamente migliorato rispetto al passato seppur non cambi la forma mentis e la realizzazione tecnica di base, una culla di ricarica di poco modificata, la vecchia ancora utilizzabile (ma che va per forza di cose sotto sforzo), costringendoti a comprarne un’altra di scorta se sei solito averne almeno un paio in giro. Mi Band 3 non cambia il prezzo sul mercato ma arriva ufficialmente in Italia, tra store fisici e virtuali, in attesa di poter mettere le mani sulla sua variante completa di chip NFC.

Pilastri fondamentali di una generazione solida, Mi Band 3 continua a pesare circa una ventina di grammi (praticamente inesistente) e nonostante la grandezza del sensore sia cresciuta, continua a non dare fastidio alcuno sul polso, merito anche del cinturino e del nuovo sistema di blocco, il salto in avanti c’è ma non si vede, e non è necessariamente un male, il passaggio al nuovo prodotto è del tutto trasparente. Risponde all’appello anche la batteria da 110mAh, durata dichiarata da laboratorio 20 giorni circa (un pelo più capiente per supportare il nuovo hardware, nda); nonostante io ci sia abituato con Mi Band 2, Mi Band 3 non supera la prova alla prima ricarica completa, arrivando a un 9% residuo dopo soli 14 giorni di utilizzo, ma è certamente un risultato figlio della novità e della voglia di mettere alla prova il bracciale, sono certo che andrà meglio con il prossimo ciclo (sto aspettando che si scarichi completamente per provare a fare una carica completa partendo dallo zero):

Xiaomi Mi Band 3 1

Cambia invece la resistenza all’acqua, che migliora e arriva a sopportare 50mt di profondità (contro la resistenza agli spruzzi IP67 di prima, che concedeva comunque l’ingresso in piscina senza troppi problemi, bastava non andarci giù pesante con le profondità), un dettaglio affatto trascurabile è inoltre la scelta di non tagliare il pulsante per attivare il monitor (quello del Mi Band 2 era separato rispetto al resto del display), bensì ricavarlo dal pezzo unico che copre il display (è sagomato e spancia verso il basso), permettendo finalmente di controllare orario e ulteriori informazioni anche quando si sta in piscina, senza necessità di aspettare che quel paio di gocce d’acqua infilatesi nel pulsante del Mi Band 2 smettessero di mettere i bastoni tra le ruote.

Un monitor più grande e tante informazioni in più

Che poi è questo il reale cambiamento rispetto al passato. Mi Band 2 permetteva di ottenere notifiche con pochissime informazioni annesse, ho dovuto / voluto modificare quel comportamento appoggiandomi a un’applicazione di terza parte che ne aumentava (e parecchio) le capacità (te ne parlo tra un po’), cosa che su Mi Band 3 non è praticamente più necessaria (ma io il test l’ho rifatto, trovando una giusta via di mezzo che ho preferito mantenere).

Il monitor permette di contenere 24 caratteri all’interno della schermata, propone non solo la sorgente di notifica, ma anche il contenuto del testo (parlo di messaggi WhatsApp o Telegram, giusto per fare un paio di esempi), ti consente di scorrere tra più schermate per arrivare a leggere fino in fondo, è comodo, fuori da ogni dubbio, potrai addirittura andare a recuperare le notifiche “perse” (quelle che non hai fatto in tempo a leggere quando ti sono arrivate in diretta) semplicemente facendo swipe verso il basso un paio di volte (fino alla schermata dedicata alle notifiche) e spostandoti verso destra, perché Mi Band 3 è full touchscreen, curiosa tra i menu, troverai diverse novità (previsioni meteo, possibilità di mettere in modalità Non disturbare il bracciale, cercare il tuo smartphone facendolo vibrare, ecc.).

È sempre il pulsante centrale ricavato sul monitor a poterti riportare indietro rapidamente (un po’ come succede da sempre con il pulsante Home di Android, quello centrale, se sai di cosa sto parlando), così come la capacità di cancellare tutte le notifiche o confermare operazioni che necessitano di un tuo assenso esplicito (rifiuto di una telefonata, avvio del cronometro o misurazione precisa del battito del cuore, per farti qualche esempio). A proposito di battito: puoi ancora una volta tenerlo disattivato completamente, tracciarlo ogni tanto (magari impostandolo per funzionare puntualmente solo durante la fase di sonno, come ho scelto di fare io) o costante nell’arco delle 24 ore, tutti comportamenti che influenzano chiaramente i consumi batteria del prodotto, sta a te valutare qual è la strada da intraprendere e quanto sei disposto a ricaricare Mi Band 3 nel corso del mese (una volta ogni 10, 15 o 20 giorni circa).

Dato che però non di soli giudizi positivi si può comporre un articolo (o almeno, non così semplicemente), tocca arrendersi ancora una volta davanti al peggiore tallone d’Achille di Mi Band, a prescindere dalla sua versione (3 compresa): non riuscirai a leggere nulla sul monitor sotto la luce diretta del sole. Questo è un difetto che ci si trascina dalla precedente generazione, e che continua a caratterizzare –male– un prodotto che diversamente sarebbe quasi del tutto inattaccabile nel suo rapporto tra qualità e prezzo, dove comunque vince a mani basse rispetto a tanti altri competitor diretti.

Mi Fit

Nulla cambia (o quasi) quando si parla dell’applicazione per tracciare risultati e pilotare Mi Band 3: Mi Fit, un costante miglioramento in usabilità e ricchezza di contenuti che ti permetterà di configurare ogni dettaglio del tuo nuovo amico di polso, del quale ti avevo già parlato nella recensione dedicata al Mi Band 2.

Ciò che troverai oggi, dedicato a Mi Band 3, è la voce relativa alla Modalità notte (che abbassa automaticamente la luminosità della band in base agli orari di tramonto e alba, o pianificabile in base a tue specifiche esigenze), l’ordine delle voci da visualizzare su Mi Band 3 (che puoi finalmente ritoccare), le impostazioni del Meteo (che puoi modificare manualmente, impostandole su una diversa città rispetto a quella rilevata dal tuo GPS), ma non solo.

Xiaomi Mi Band 3 15

La modifica: Tools & Mi Band

Tools & Mi Band
Tools & Mi Band
Price: 3,39 €

Acquistato circa 3 mesi dopo aver torturato Mi Band 2 e aver già apprezzato l’ottima base di partenza, ho configurato ad-hoc Tools & Mi Band per rispondere alle mie esigenze e necessità di avere maggiori informazioni rispetto a quelle mostrate dal bracciale Xiaomi di precedente generazione, rimanendo più che soddisfatto del risultato. Tools & Mi Band è volutamente rimasto disattivo per i primi 10 giorni di test del nuovo Mi Band 3, per poi essere tirato nuovamente fuori dal cilindro, puntato al nuovo MAC Address e riconfigurato per incontrare e abbracciare le novità costituite dal nuovo display più capiente, che ora mi permette di leggere agilmente il contenuto del testo di un messaggio, di una mail, di un appuntamento di calendario.

Xiaomi Mi Band 3 18

Ho disattivato le notifiche native di Mi Fit, lasciando solo le notifiche di chiamata (e relativo chiamante) e le sveglie attive e insostituibili, passando alla configurazione pilotata dall’applicazione terza parte, la quale trasmette al mio bracciale gli appuntamenti della mia agenda, i messaggi SMS e le chat di WhatsApp e Telegram, il tutto condito di personalizzazione per vibrazione, ripetizioni, disabilitazione delle stesse a schermo acceso (cosa oggi possibile anche attraverso l’applicazione nativa Mi Fit, per la cronaca), icona personalizzata e corretta (rispetto a quella proposta da Mi Fit, con il suo generico “App”):

Questo mi permette di risparmiare alcuni caratteri che l’applicazione nativa inserisce, concedendomi inoltre un pieno controllo delle informazioni che trasmetto a bracciale, seguendo le mie esigenze anziché quelle generiche dettate dal comunque ottimo lavoro della società cinese. Ti condividerei più che volentieri il file di configurazione usato per Mi Band 3, ma non sapendo se all’interno del file d’esportazione vengano immessi dati personali o di licenza (è tutto criptato aprendolo con un normale editor di testo), passo e mi scuso per la “non completezza del gesto“.

In conclusione

Un salto generazionale certamente importante per ciò che riguarda il monitor, un pelo meno per tutto il resto dei dettagli. Si continua in ogni caso a portare freschezza e calma ragionata in un mercato dove altri tentennano o tentano di gridare alla terra promessa con funzionalità spesso superflue o che calcolano male dettagli fondamentali come possono essere passi semplici e attività fisiche da palestra o aria aperta. Xiaomi immette quindi sul mercato una novità con il sapore del vecchio, quello a cui personalmente sono affezionato e che speravo di non dover abbandonare del tutto. Non stupisce, conferma, e spesso, per ciò che mi riguarda, credo possa essere un risultato soddisfacente e più che sufficiente.

Per qualsiasi dubbio o ulteriore informazione, l’area commenti è ora pronta ad accoglierti :-)

 

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Xiaomi, tornerà all'ovile al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: