Impossibile non notarlo, è l’inevitabilità di quel web fatto di continui collegamenti, richiami, login facili. Amazon ti propone sempre il prodotto più giusto per quello specifico periodo in cui ti serve qualcosa “della quale non potrai più fare a meno“, te lo ricorda anche Facebook, così come molti altri siti web che utilizzano in qualche maniera banner o API di questi due grandi player, e la storia non finisce certo con loro, è un po’ come il vaso di Pandora. Sei un numero, tracciarti è relativamente semplice, può essere utile qualcosa che contrasti tutto questo senza però intralciare la tua navigazione e le tue comodità, Facebook Container fa un po’ questo mestiere.

Wordpress: niente immagine di anteprima su Facebook? Risolvere il problema

Facebook Container

Un accenno di storia

Facciamo insieme un passo indietro e parliamo genericamente di Containers. Un tempo Panorama e integrata nel browser stabile, poi abbandonata definitivamente per scarso utilizzo circa 2 anni fa (io l’adoravo), forse alcuni potrebbero ricordarla come Tab Groups. Non so tu, ma questo desiderio di avere una sola finestra del browser aperta e più “ambienti di lavoro” da richiamare all’occorrenza a me è sempre piaciuta, un po’ per separare la vita privata da quella lavorativa, un po’ per lavorare su ordini di idee e necessità senza star lì a impazzire per trovare una determinata scheda aperta qualche tempo prima.

Quella funzione oggi si chiama Containers, è un’estensione, un componente aggiuntivo figlio della nuova epoca Quantum, che ti permette grosso modo di fare la stessa cosa che facevi due anni fa sul Firefox di vecchia generazione, e puoi installarla in qualsiasi momento da AMO.

Vite separate, un solo browser, nessun impedimento tecnico nell’apertura di più finestre dello stesso servizio con diverse coppie di credenziali (GMail, tanto per fare un esempio facile da capire), visitate come tu stessi arrivando da differenti sessioni (o profili aperti) ma che in realtà così non è, grazie all’isolamento dello spazio riservato da Firefox (website storage, nda), dei cookie e di tutto ciò che serve a quel sito web per fare il suo lavoro lato tuo PC, puoi provare a vederla come una rivisitazione avanzata della modalità di navigazione in incognito, senza però la limitazione dovuta alla singola finestra anonima per profilo di Firefox aperto.

Under the hood, it separates website storage into tab-specific Containers. Cookies downloaded by one Container are not available to other Containers ()

Il tutto è stato sperimentato, monitorato e costantemente migliorato nel corso di questi ultimi due anni, da chi -come me- ha scelto di affidarsi alle versioni Nightly di Firefox (quelle più instabili, nda), che integravano già nel 2016 questo esperimento poi approdato anche in Test Pilot (se ne parlava qui), con possibilità di gestione dei contenitori tramite pannello delle Preferenze del browser (about:preferences#containers).

Perché allora Facebook Container?

Perché Containers presa così di petto può confondere e in alcuni casi spaventare i meno esperti, che potrebbero non capire più come gestire i loro ambienti di lavoro.

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web

Facebook Container non necessita di configurazione, è già pronta per funzionare come nel più classico degli scenari Plug&Play, annunciata in un momento storico che migliore non si sarebbe potuto aspettare per fare da cassa di risonanza, Cambridge Analytica può solo insegnare (ammesso che là fuori altri come me e te abbiano capito più o meno bene cosa sia realmente successo e che conseguenze ci sono state nel momento zero, così come oggi e ancora in futuro). Facebook Container è stata presentata al grande pubblico del web lo scorso 27 marzo, descritta all’interno di un articolo comparso nel blog ufficiale di Mozilla (blog.mozilla.org/firefox/facebook-container-extension), il quale non manca di dettagliare di cosa si tratta pur non dovendo approfondire più di tanto (vista la facilità di fruizione di questa misura di sicurezza sviluppata da Mozilla).

Facebook Container
Facebook Container
Developer: Mozilla
Price: Free

Scopo del gioco messo in chiaro da subito: fermare il tracciamento che Facebook opera in giro per il web, lasciando che il Social Network possa funzionare esclusivamente nel suo orticello, che non vada a fare danni altrove e che ci lasci in pace quando non utilizzato. Per fare ciò è stata usata la base e il concetto fatto proprio da Containers, riadattato per l’occasione all’auto-riconoscimento del sito web creatura di Mark Zuckerberg, caricato in un’apposita sandbox oltre la quale non può ficcare il naso. In un solo colpo vivrai (e navigherai) qualsiasi altro sito web come se tu non fossi collegato a Facebook, come riportato da Mozilla stessa, la quale specifica quindi possibili malfunzionamenti legati all’isolamento:

If you use your Facebook credentials to create an account or log in using your Facebook credentials, it may not work properly and you may not be able to login. Also, because you’re logged into Facebook in the container tab, embedded Facebook comments and Like buttons in tabs outside the Facebook container tab will not work. This prevents Facebook from associating information about your activity on websites outside of Facebook to your Facebook identity. So it may look different than what you are used to seeing.

Una seccatura apparentemente molto pesante da sopportare, ma che protegge la tua privacy più di quanto tu possa pensare. Considera che, nel caso tu faccia clic su pulsanti di Like o Share via Facebook, questi funzioneranno aprendo nuovamente il container (quindi nessun problema di funzionamento, ma solo una scheda in più aperta quando necessario, immediatamente richiudibile al termine dell’operazione).

Sotto al cofano

When you install this extension it will delete your Facebook cookies and log you out of Facebook. The next time you visit Facebook it will open in a new blue-colored browser tab (aka “container tab”). In that tab you can login to Facebook and use it like you normally would. If you click on a non-Facebook link or navigate to a non-Facebook website in the URL bar, these pages will load outside of the container.

Una volta installata, Facebook Container cancellerà ogni cookie legato al Social Network, costringendoti a effettuare un nuovo login. Noterai che –visitando Facebook– ti si caricherà una scheda diversa rispetto alle altre, sottolineata di blu e con il logo da “Container” nella barra dell’URL (te li ho messi in rilievo nell’immagine di seguito):

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web 1

Ogni volta che farai clic su un collegamento che ti porterà fuori da Facebook, la scheda tornerà a comportarsi normalmente, vedrai sparire sottolineatura e richiamo nella barra dell’URL. Lo stesso succederà anche se riutilizzerai la scheda per navigare su un diverso sito, specificandolo manualmente nella barra dell’URL.

E dallo scorso 5 aprile …

… sono state annunciate alcune novità riguardanti il componente aggiuntivo, che ora mantiene attivo il container di isolamento anche nel caso in cui tu vada a visitare Instagram o Facebook Messenger, legati allo stesso cordone ombelicale del Social Network statunitense.

Firefox: Facebook Container impedisce il tracciamento sul web 2

Se come me stai ora pensando a WhatsApp, probabilmente la risposta è che questo non sembra raccogliere (allo stato attuale) informazioni che vengono poi utilizzate dal sito web principale di Facebook, ma potrebbe certamente entrare a far parte degli URL intercettati automaticamente di un futuro aggiornamento di Facebook Container: blog.mozilla.org/firefox/facebook-container-extension-now-includes-instagram-and-facebook-messenger.

In conclusione

Un compromesso che, una volta installato, dovrai in qualche maniera digerire. Questo potrebbe essere il giudizio finale per un componente aggiuntivo che per me finisce di diritto nei Must Have, perché non sempre ci si può nascondere dietro la frase fatta che “non si ha niente da nascondere“, la privacy è un diritto che devi poter esercitare e un dovere per chi ha quel grande potere e privilegio di poter maneggiare i nostri gusti, orientamenti, dati che possono essere facilmente rivenduti e sui quali costruire il proprio business, che non sempre combacia con i reali desideri dell’utente finale.

Io l’ho installato su ogni mia postazione e quasi ogni profilo (ne tengo alcuni esclusivamente per sperimentare, dove neanche mi collego a Facebook), i login sono stati separati dall’account Facebook già tempo fa (dovresti farlo anche tu, prima o poi ci scrivo un pezzo in merito), e dove i commenti sono veicolati in maniera forzata verso il Social Network, evito di dire la mia, che male non può certo fare :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)

Ho voluto fare una scommessa, un azzardo calcolato, una botta di fiducia nei confronti di un’azienda che mi piace e che realizza molti prodotti ai quali sono affezionato, Mi Band 2 in primis: ho acquistato uno Xiaomi Mi A1, uno smartphone di fascia medio-bassa (che di bassa ha poco e nulla), dal costo estremamente contenuto, che propone un buon hardware di base e un’esperienza assolutamente pulita grazie ad Android One, creatura Google che viene costantemente tenuta aggiornata e in sicurezza, via OTA, senza nessun componente di troppo, con tutto ciò che ti serve realmente e nulla piùt.

Xiaomi Mi A1: Android in purezza nella fascia media-bassa

Xiaomi Mi A1

Approdato nelle nostre coste negli ultimi mesi del 2017, ho pensato che Xiaomi Mi A1 potesse essere il regalo perfetto per Ilaria, per sostituire il suo precedente Motorola Moto G4 dopo anni di onorato servizio. Si tratta di un 5,5 pollici con risoluzione FullHD e un peso che si aggira intorno ai 165 grammi, quindi molto leggero e compatto, di buona maneggevolezza e con il giusto grip. Rapida lettura d’impronta posta dietro in posizione centrale (sotto al comparto fotografico) e tasti di gestione Android in “ordine Samsung” (quindi il menu sulla sinistra, centrale invariato e indietro sulla destra), con retroilluminazione che non può essere forzata a rimanere viva mentre si usa lo smartphone, che quindi si mostra alla vista solo quando interpellata (devi imparare rapidamente il posizionamento dei tasti, tutto qui, un pelo difficile per chi arriva dalla configurazione standard Android).

Prezzo di listino da vero best-buy: pagato 182€ circa un mese fa, disponibile oggi anche a 154€ in alcuni intervalli temporali d’offerta GearBest / GeekBuying di cui approfittare spudoratamente per portarsi a casa la configurazione 4 GB di RAM e 32 GB di spazio disco integrato oppure 4 GB di RAM e 64 GB di spazio disco integrato, in ambo i casi espandibile grazie a microSD (fino a 256 GB, nda) e secondo slot che dovrai però sacrificare tenendo una sola scheda SIM (diversamente, lo smartphone nasce dual-SIM). Quello che ho acquistato per Ilaria è in configurazione 4/32.

Sotto al cofano

Un modesto ma rispettabilissimo Qualcomm Snapdragon 625 da otto core a 2 GHz che scalda poco e rende più del giusto per poterci lavorare, navigare, gestire applicazioni e la posta elettronica, non certo pensato e sviluppato per il gioco più esoso, perché l’Adreno 506 non brilla certo per le sue prestazioni (e mi ripeto: è giusto così), il tutto condito dai 4 GB di RAM di cui ti avevo già parlato prima, che ti permettono di usare il navigatore insieme ad altro di aperto in contemporanea, senza rallentamenti sensibili (ho usato Waze in maniera molto soddisfacente in auto, mentre andava avanti Spotify e altri servizi di base del telefono, tutto molto fluido).

Nato con Android Nougat (7.1.2), passa immediatamente a Oreo 8.0 (aggiornamento patch di marzo, a oggi che sto scrivendo l’articolo), semplicemente andando a cercare gli aggiornamenti dalle informazioni di sistema (ti toccherà farlo più e più volte, fino ad allinearti alle ultime patch e sistema di base). Nessuna notizia in merito a Oreo 8.1, ma ti ricordo che stiamo parlando di Android One e di Google diretto, quindi mi preoccupo ben poco.

Batteria assolutamente sufficiente per questo tipo di hardware, si parla infatti di una 3080 mAh che arriva a fine giornata senza troppi sacrifici o saving da impostare tramite sistema e applicazioni di terze parti (tipo Greenify che ho adottato su S8, di cui spero di riuscire a parlarti presto, nda).

Come completamento del pacchetto ci sono anche gli infrarossi, ma li usi ancora? Cosa fai? Ci giochi con il televisore? :-)

Multimedia

Jack per le cuffie, attacco di ricarica / OTG di tipo USB-C (quindi standard con i tempi attuali), altoparlante posto subito sulla destra di quest’ultimo, si tratta di un mono dalla buona qualità e che in riproduzione musicale si fa sentire piuttosto bene (non me l’aspettavo), grosso modo si replica anche in viva voce durante una telefonata, quasi non si sente la necessità dell’ormai inevitabile “mano a conca” anche in ambiente parzialmente rumoroso. In cuffia la resa è piena e corposa, assolutamente promossa (anche in collegamento bluetooth con l’auto).

Monitor con risoluzione FullHD 1080×1920 più classico rispetto a chi oggi sceglie il borderless, cornice nera che va ad abbracciare i tre pulsanti di comando Android, Gorilla Glass e corpo metallico non impermeabile. Pulsanti tutti sulla destra della scocca, ti serviranno ad accendere o spegnere lo smartphone, alzare e abbassare il volume. Sensore delle impronte di cui ti ho già parlato e che quindi mi limito a ripetere: giusta la posizione e la reattività in analisi del dito, lo si incrocia con l’indice molto facilmente e non c’è rischio alcuno di incontrare la fotocamera dal doppio obiettivo (di cui ti parlo dopo).

Chip WiFi 802.11 a, b, g, n, ac, dual-band e Bluetooth 4.2. Non c’è NFC, non c’è VoLTE e le bande di frequenza sono le classiche: LTE, HSPA, HSUPA. Reparto GPS con A-GPS, Glonass, BeiDou assolutamente reattivo e corretto nella triangolazione.

Software e usabilità

Difficile pensare a un paragrafo intero da dedicare al software e alle eventuali personalizzazioni che in realtà non esistono! Qui l’eterna lotta è combattuta esclusivamente tra chi apprezza l’essere purista dell’esperienza Android voluta e sviluppata da Google e le personalizzazioni delle ROM proposte dai vari vendor. Lo Xiaomi Mi A1 dato in mano a un cultore Samsung (non sono io, tranquillo) ha dato libero sfogo al giudizio a metà tra l’inorridito e lo schifato, un po’ come la faccia di un bambino al quale fai assaggiare i broccoli per la prima volta (e no, non ho ancora trovato un bambino che abbia apprezzato i broccoli al primo assaggio). Io, che non disdegno il minimalismo e apprezzo la possibilità di tenere aggiornato un dispositivo senza lunghe attese, lo trovo assolutamente adeguato e per certi versi anche migliore di alcune personalizzazioni “estreme“.

La MIUI l’ho già usata in passato, non mi è dispiaciuta (ha i suoi pro e contro, come ogni cosa), qui la ritrovo esclusivamente nell’applicazione dedicata ai feedback da spedire al vendor (appunto) e in quella della fotocamera, che prende il posto della nativa Google (fortunatamente, aggiungerei). C’è anche l’applicazione per controllare la parte infrarossi dello smartphone. Per cercare di addolcire il tutto e permettere a Ilaria di avere continuità nell’esperienza d’uso, ho scelto di installare e rendere predefinito il sempre troppo poco osannato Nova Launcher.

Fotografia

Fotocamera posteriore dual da 12 MP (f/2.2, 26mm, 1.25 µm la prima, f/2.6, 50mm, 1 µm la seconda), autofocus, zoom ottico 2x, flash dual-LED dual-tone, permette di ottenere buoni scatti con un angolo leggermente più grande rispetto a quello a cui siamo generalmente abituati. Funzioni di Geo-tagging, touch focus, face detection (e questa può arrivare a metterti l’ansia quando mette in funzione il riconoscimento del volto e della possibile età del soggetto, cosa che vedrai anche negli scatti di test che ti propongo di seguito), HDR, panorama. I video vengono registrati a 2160p@30fps, 720p@120fps.

Ricorda per certi versi il comparto fotografico posteriore di iPhone 7 Plus, come riportato nel tweet di Xiaomi stessa:

Messa a fuoco non particolarmente immediata ma buona una volta puntata, tutto sommato giusti i colori e abilitazione controllata per il comparto HDR. Quando si cerca di raggiungere i soggetti un po’ più distanti, la qualità cala e molto, un limite tutto sommato prevedibile.

Fotocamera frontale da 5 MP, 1080p. Giusta per gli autoscatti e gli irresistibili (?) selfie. In comune (le due fotocamere) hanno la buona luminosità.

In conclusione

Se devo necessariamente segnalare una pecca in riferimento alla confezione del prodotto, cito la mancanza ingiustificata degli auricolari, che oggi trovi anche nel pacchetto delle patatine ma non in Xiaomi Mi A1.

Ci aggiungo il caricabatterie, che non è di tipo Quick Charge perché è lo smartphone a non esserlo per primo, quindi dovrai attendere pazientemente che Xiaomi Mi A1 si carichi completamente, cosa che puoi lasciargli fare durante la notte, o le ore di lavoro in ufficio, difficilmente la batteria ti abbandonerà durante la giornata a meno di un uso particolarmente intenso e violento.

A completare il quadro dei difetti c’è la luminosità del monitor che sotto al sole è assolutamente adeguata, ma fa da lampada abbronzante durante la notte quando cala completamente il buio, costringendoti a intervenire manualmente sulla regolazione per evitare di perdere diottrie e il sonno per le successive 24 ore.

Si tratta però di pecche su cui è possibile passare sopra, arrangiarsi per adeguarsi a un buon prodotto dal rapporto qualità / prezzo promosso a pieni voti e che certamente ricomprerei se tornassi indietro.

Puoi trovare Xiaomi Mi A1 sullo store italiano, oppure su Amazon, i prezzi oscillano molto e puoi non spendere ormai più di 180€ per portartelo a casa (basta avere pazienza o approfittare di qualche occasione a tempo):

Ilaria è molto contenta dell’acquisto e lo stesso vale per me, Xiaomi ripaga la fiducia ancora una volta, con la speranza che –una volta arrivata in Italia ufficialmente– non decida di adeguarsi alla parte peggiore del commercio fatto di cifre sempre più pompate, a pieno discapito del cliente finale.

Credo di aver detto tutto, in caso di dubbi o necessità di ulteriori informazioni sono qui a disposizione :-)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi le mie opinioni. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato su GearBest approfittando di uno sconto temporaneo.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Una manciata di giorni fa un collega di lavoro mi ha chiesto una mano per cercare qualcosa in grado di facilitargli la vita e accorciare i tempi necessari alla digitazione di testo ripetitivo. Dopo alcune rapide ricerche di base, mi sono imbattuto in Texter, un’applicazione sviluppata anni fa ma che ancora oggi svolge un ottimo lavoro (che quindi merita un piccolo posto nel blog, soprattutto in caso di futura necessità :-)).

Utility: Texter (Windows)

Il codice è di Adam Pash (Lifehacker) e di vecchiaia sulle spalle ne ha abbastanza (l’applicazione è stata pubblicata nel 2007), trovi i sorgenti su GitHub. Puoi scegliere di installare Texter o scaricarlo e iniziare a utilizzarlo al pari di una qualsiasi applicazione portable, si comporta bene anche su Windows 10 (nonostante all’epoca ci fosse Windows XP, tanto per dire). Utilizzare l’applicazione è talmente banale che non credo sia necessario spiegarlo, ma se necessario puoi fare riferimento all’articolo originale, disponibile su Lifehacker all’indirizzo lifehacker.com/238306/lifehacker-code-texter-windows.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Di come creare un bot di Telegram per poterlo utilizzare come ponte tra il tuo blog e il gruppo / canale che preferisci, te ne avevo già parlato qualche tempo fa. Quello di cui ti parlo oggi è un modo diverso per consegnare le ultime novità del blog (o qualsiasi altro sito web fornito di feed RSS) a Telegram, e va un po’ in contrasto con quanto ammesso nel 2016, perché nel frattempo le cose su IFTTT sono cambiate (e si sono stabilizzate e velocizzate).

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT

In funzione ormai da diversi mesi (quasi un anno, a dirla tutta), il bot di Gioxx’s Wall consegna –in un gruppo di amici “non aperto al pubblico”– le ultime pubblicazioni che compaiono qui dove tu stesso stai leggendo adesso l’articolo, prendendo URL e immagini di copertina dal feed RSS pubblico. Questo genera un’anteprima immediatamente selezionabile su Telegram, che i frequentatori del gruppo possono utilizzare per puntare il browser alla pagina dell’articolo, in attesa dell’approvazione del template di apertura rapida che ho finalizzato e sottoposto lo scorso gennaio.

L’applet

L’applet di IFTTT si basa su Webhook, e ricostruisce quindi un’azione scatenata da una nuova voce disponibile nel feed di cui ti parlavo prima, per poi catturarla e trasformarla in un URL da richiamare (e in quel caso, passo dalle API di Telegram).

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 1

Cosa ti serve conoscere:

  • il token HTTP API che ti viene rilasciato da @BotFather (fai riferimento sempre a questo articolo se non hai ancora creato il tuo bot, paragrafo “Creazione del bot“),
  • l’ID del gruppo o del canale (chat_id), di cui ti parlo adesso.

Ricavare il chat_id

Fino a qualche tempo fa era il dato più ostico da ricercare per chi non è abituato a giocare con API e output JSON, oggi è facilmente ricavabile grazie all’utilizzo di un bot (giusto per rimanere in tema) :-) Io ti parlo di entrambi i metodi utilizzabili, scegli tu la via preferita. La prima è più manuale, la seconda è immediata ed evidentemente più comoda per tutti.

Manualmente

Invita il tuo bot all’interno del canale o gruppo che ti interessa “servire“, quindi collegati all’indirizzo https://api.telegram.org/bot<Token del bot>/getUpdates dove <Token del bot> andrà sostituito con il token HTTP API di cui si parlava poco fa. Un esempio pratico potrebbe essere questo: https://api.telegram.org/botjbd78sadvbdy63d37gda37bd8/getUpdates (quel token non esiste e otterrai un output di errore, è solo per fare un esempio). Accedendo alla pagina, ammesso che il token sia giusto, ti ritroverai davanti a una serie di dettagli in JSON che mostreranno i dettagli di ciò che il bot ha visto negli ultimi minuti, compreso l’ingresso nel gruppo / canale che hai portato tu a termine:

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 2

Quell’ID evidenziato in rosso è proprio quello che identifica il gruppo / canale, dettaglio che a te serve per completare il lavoro, compreso di quel “” davanti, come fosse un numero negativo. Copialo negli appunti.

Automaticamente

Inserisci il bot @RawDataBot all’interno del tuo gruppo / canale. Appena entrato, questo risponderà fornendoti proprio quei dettagli JSON che tu avresti potuto vedere manualmente (spiegato sopra). Ti basterà individuare la riga id in corrispondenza di chat, quindi copiare il numero negativo riportato.

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 3

IFTTT: completare la configurazione

Hai i due dettagli fondamentali che servono per completare la configurazione dell’Applet su IFTTT. Attiva (su IFTTT, se non lo hai già fatto) il servizio di RSS e anche quello di web request, quindi crea la nuova Applet con questi dettagli:

  • New feed item: indica l’URL del tuo feed (es. https://gioxx.org/feed)
  • Make a web request: inserisci all’interno dell’URL il richiamo alle API di Telegram (un po’ come fatto prima se hai scelto il metodo manuale per ricavare il chat_id) ma stavolta citando l’azione di invio nuovo messaggio, https://api.telegram.org/botjbd78sadvbdy63d-37gda37bd8/sendMessage.
    Il Method dovrà essere di tipo POST e il Content Type di tipo application/json.
    All’interno del Body potrai finalmente specificare il contenuto di ciò che il bot dovrà inviare all’interno del gruppo / canale, io ho inserito questo contenuto:
{"chat_id":"-123456789","text":"{{EntryTitle}} - {{EntryUrl}}/?utm_source=telegram&utm_medium=group"}

Dovrai chiaramente sostituire -123456789 con il vero chat_id ricavato precedentemente, mentre il resto potrebbe anche rimanere identico. L’articolo verrà infatti servito nella modalità “Titolo – URL“, quest’ultimo seguito da alcuni parametri per me utili a fini statistici (e monitorati da Google Analytics, nda).

Ti propongo alcuni ritagli della schermata di IFTTT per permetterti di capire meglio i vari passaggi (in realtà si tratta di un grande blocco in pagina unica):

Salva ora la tua configurazione e attiva l’Applet (se IFTTT non lo ha già fatto autonomamente), quindi attendi che il tutto cominci a funzionare (dovrai pubblicare un nuovo articolo sul tuo blog).

Se vuoi effettuare un test

Ho messo insieme qualche riga di PHP per permetterti di effettuare dei test prima di andare “in produzione“, trovi il risultato all’indirizzo mobile.gfsolone.com/tgram_public.php:

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 7

Compila il form con i veri dettagli del tuo bot (Token) e del canale / gruppo che vuoi raggiungere (ChatID), quindi inserisci il testo che vuoi inviare e fai clic su “Invia messaggio“. Salvo errori, vedrai comparire il tuo messaggio su Telegram.

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 8

Lo so, il messaggio è stupido, era per dire che ho migrato mobile.gfsolone.com a HTTPS :-p

Ora dovresti praticamente avere tutto a tua disposizione per replicare una configurazione funzionante, non ti resta che iniziare a sperimentare.

Buon inizio settimana breve! :-)


credits: stackoverflow.com/questions/32423837/telegram-bot-how-to-get-a-group-chat-id

Un doveroso ringraziamento anche a Napolux che tempo addietro mi aveva suggerito di adottare questo metodo passando da IFTTT.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Ciao. Ti sei ritrovato davanti all’errore “psql: FATAL: no pg_hba.conf entry for host “::1”, user “postgres”, database “servicedesk”,SSL off” mentre cercavi di collegarti via prompt al database del tuo ServiceDesk Plus? Anche io. Poi ho scoperto che si tratta di un errore riconosciuto da documentazione ufficiale, e che ti basta modificare un file di configurazione per poter tornare sulla retta via.

ServiceDesk: Error While connecting postgresDB

Di come collegarti via prompt al database del tuo software di supporto te ne avevo già parlato qui:

ServiceDesk: jespa.log sempre più grande?

Per risolvere il problema che ho riportato in apertura “pillola” devi invece ritoccare il file pg_hba.conf che trovi sotto ManageEngine\ServiceDesk\pgsql\data, andando a togliere il cancelletto di commento in corrispondenza dei valori specificati sotto la riga # IPv6 local connections.

La situazione che dovresti trovare è teoricamente questa:

# IPv6 local connections:
#host all all ::1/128 trust

Tu dovrai trasformarla in questa:

# IPv6 local connections:
host all all ::1/128 trust

Salva il file e riprova a connetterti al database, non dovresti ora riscontrare ostacoli.

È tutto spiegato qui: kbase.servicedeskplusmsp.com/troubleshooting/2014/02/28/error-while-connecting-postgresdb.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: