Se sei arrivato a questo articolo, probabilmente tu o un tuo utente ha lamentato problemi nella ricerca di Outlook. Problemi mai avuti prima, di quelli che ti hanno (forse) temporaneamente costretto ad aumentare l’intervallo di download della posta in cache ma che in realtà ti va proprio giù, perché preferisci tenere vivo solo l’ultimo anno e lasciare che il resto venga demandato al server Exchange.

Nonostante il collegamento “Fare clic qui per visualizzare informazioni aggiuntive su Microsoft Exchange” venga contemplato da Microsoft (che ne parla anche in una documentazione sul sito di supporto, nda), una ricerca su Google ti farà capire quanto il problema sia stato diffuso negli scorsi mesi, e quanto ancora lo è tutt’oggi sulle installazioni non aggiornate o fuori dal ramo Current di Office 365.

Office 365 e Outlook: Fare clic qui per visualizzare informazioni aggiuntive su Microsoft Exchange

Questo articolo nasce per darti qualche riferimento “parlante“, ma sappi già che lanciando un aggiornamento del tuo Office dovresti poter risolvere agilmente l’anomalia, saltando a piè parti l’ostacolo. Più che altro puoi condividere il collegamento per facilitare il lavoro di un tuo collega che si trova nella stessa difficoltà, il quale probabilmente avrà già trovato buoni spunti di risoluzione in queste discussioni online:

ma che poi sarà inevitabilmente arrivato al documento in cui è Microsoft stessa ad ammettere l’errore e suggerire il da farsi:

To fix this issue, make sure that your Office 2016 Click-to-Run installation is at version 16.0.6965.2053 or later. If it’s not at this version or a later version, update your Office 2016 installation. To do this, follow these steps…

Leggi l’intero articolo all’indirizzo support.microsoft.com/en-us/kb/3154417

Si tratta di un bug già corretto che l’utente Office 365 ProPlus (proveniente da installazione Click2Run ma anche MSI) dovrebbe aver visto passare, dare fastidio e fortunatamente abbandonare la postazione. In caso contrario ti consiglio caldamente di verificare il ramo di aggiornamento scelto per la tua installazione, ed eventualmente spostarti su quello Current, come già spiegato in un mio vecchio articolo:

Office 365 ProPlus (2016): modifica versione installata

Buon lavoro!

Sicurezza: la 2-step verification di PayPal 3Un tempo limitata e non accessibile dall’Italia, da un po’ a questa parte è finalmente stata sbloccata e resa disponibile per tutti. Ora anche noi possiamo proteggere con un accesso a “doppia mandata il nostro account PayPal, estremamente delicato a prezioso perché spesso gateway verso la nostra carta di credito o conto corrente bancario e si sa, con i soldi non si scherza.

Anche questo articolo va così ad aggiungersi alla già importante lista di quelli che ti parlano di sicurezza e 2-Step Authentication, ormai dovrei essere diventato per te insopportabile e quasi monotematico, ma ribadisco sempre e comunque che si tratta di un argomento importante e da non sottovalutare, soprattutto quando si tratta di dati riservati che non vogliamo finiscano in mano a sconosciuti.

Per abilitare l’autenticazione a due fattori di PayPal ti basterà visitare l’URL paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_security-token, autenticarti e specificare ora il tuo numero di telefono principale, sul quale PayPal potrà spedire un SMS contenente il codice da inserire quando avrai superato correttamente l’autenticazione con password.

sshot-1

Una volta registrato, PayPal invierà un codice di verifica che servirà a completare l’operazione. Solo così potrai vedere quel numero come correttamente registrato all’interno del profilo di sicurezza PayPal:

sshot-2

Da ora in poi ricorda che senza quel codice, non potrai accedere al profilo PayPal da una nuova postazione non precedentemente autenticata (o sulla quale hai effettuato manualmente un log-off). Come ulteriore verifica, riceverai una segnalazione a mezzo posta elettronica per ricordarti di aver richiesto di effettuato un nuovo accesso al sito web, il quale ovviamente richiederà anche il secondo codice di sicurezza, generato randomicamente nello specifico momento dell’accesso, così da evitare possibili attacchi dall’esterno.

Sicurezza: la 2-step verification di PayPal 2

Cosa stai aspettando? Vai ad abilitarlo!

Il periodo (teoricamente) più caldo dell’anno si avvicina, qui si inizia a calare la quantità di articoli in pubblicazione e ci si prepara a qualche giorno di riposo (anche se manca ancora un po’). Volendola considerare la classica annualità di lavoro, posso dire di essere soddisfatto, ho fatto un buon lavoro e tu lì fuori ci sei sempre stato, hai letto un articolo interessante e sei rimasto, o magari sei andato via ma un domani magari tornerai per leggere ancora qualcosa. Gioxx’s Wall è cresciuto, molto del merito è proprio del lettore.

Primi passi con Google Local Guides 3

Vorrei cominciare la nuova settimana dedicando questo articolo a uno degli strumenti di Google più giovani, attraverso il quale sta attraendo l’attenzione di volontari che sono pronti a dire la propria e che magari non vogliono più lasciare il proprio contributo su piattaforme come TripAdvisor e simili. Io? Io TripAdvisor l’ho sempre usato poco. Ho creduto e dato fiducia a FourSquare, sin dalla sua nascita. Ho mal digerito la scissione dell’applicazione e relativa creazione di Swarm (fatico a sopportarla ancora oggi) perché mi è sempre piaciuto quell’essere mezzo gioco e mezzo catalogo delle attività sul territorio che FourSquare ci ha abituato ad avere nel palmo della mano.

Ho provato Google Local Guides. Big G. ha scelto di arricchire le funzioni di modifica di Google Maps e permettere all’utente finale di dire la propria, di contribuire modificando o aggiungendo informazioni ai luoghi quasi sempre presenti sulla mappa (dal mio primo contributo, due mesi fa circa, ho già trovato alcune attività non schedate nei database del grande fratello, nda). Tutto comincia con un singolo contributo, basta un parere, una fotografia, ecco quindi che si viene catturati nel vortice e si arriva facilmente al livello 2, una scalata verso piccoli riconoscimenti virtuali, talvolta anche molto graditi (come lo spazio aggiuntivo Google Drive che si ottiene a livello 4, tanto per dire).

Primi passi con Google Local Guides

Google Local Guides si basa sulla cronologia dei propri spostamenti, ma anche su contributi che puoi scegliere di dare semplicemente cercando un posto su Maps e aggiungendo un parere, un numero di telefono, qualsiasi altro dettaglio mancante o errato. Se non sai ancora cos’è la cronologia degli spostamenti e magari possiedi uno smartphone con piano dati attivo (Android in particolare), forse è il caso che tu dia un’occhiata al sito web google.com/maps/timeline. Fatto? Tutto bene? Hai appena scoperto che Google è in grado con precisione quasi millimetrica di ricostruire gli spostamenti principali della tua giornata? Puoi scegliere se continuare a tracciare questi spostamenti o disattivarli e chiedere a Google di non invadere ulteriormente la tua privacy, gestisci la cosa direttamente tramite le istruzioni presenti nella pagina web che hai da poco aperto.

Tutti possono contribuire alla crescita di Google Maps tramite Local Guide, io ho caricato qualche scatto catturato durante le mie mangiate con i colleghi o con gli amici, e ho visto crescere rapidamente le statistiche di visualizzazione poiché molti degli utenti che cercano un particolare luogo vogliono anche vedere cosa c’è di buono lì, cosa devono potersi aspettare. E se l’immagine qui di seguito ti mostra un ringraziamento da parte di Google che parla di 1000 visualizzazioni, sappi che a oggi (mentre sto scrivendo l’articolo) il numero di visualizzazioni ha superato quota 100.000.

Primi passi con Google Local Guides 1

Il tempo da dedicare alla piattaforma lo scegli tu. Pochi minuti? Una mezza giornata per clonare i pareri già dati tramite altri Social Network? Una volta ogni 3 mesi? Poco importa, non è un dovere, è e deve rimanere un piacere che possa permetterti di aiutare gli altri utenti a fare una scelta. Google Local Guides ti farà (se lo vuoi) delle domande per avere quanti più dettagli possibili riguardo un luogo che hai già frequentato, anche questa operazione porta a dei punti che permettono di far crescere le tue statistiche. Più punti corrispondono a maggiore autorevolezza sulla piattaforma (con la speranza che le tue recensioni non vengano scritte solo per crescere in classifica, creando quindi più garbage che altro), quindi a traguardi da raggiungere per ottenere bonus che vengono dichiarati nella pagina della piattaforma.

In Google Local Guides ho rivisto quella voglia di crescere e condividere informazioni tra utenti che più mi era piaciuta in FourSquare. Spero possa migliorare sempre più e permettere agli utenti di fornire maggiori contributi con più libertà e velocità nell’approvazione delle modifiche (cosa che oggi è parecchio lenta e che non sempre rema nella giusta direzione). Il vantaggio sta (tra la tante cose) nel fatto che non serve scaricare alcunché, chi ha l’applicazione di Google Maps installata sul proprio smartphone, ha già accesso a Local Guides, nella sezione “I tuoi contributi” raggiungibile tramite menu di sinistra. Sarà la stessa applicazione a rilevare la tua posizione e chiedere di effettuare l’upload delle fotografie che scatti quando vai in giro, ammesso che queste vengano realizzate all’interno di un luogo presente nella cartografia di Google. La facilità d’uso è uno dei punti a favore di Google, forse inutile da dire, a Big G. piace vincere facile.

Primi passi con Google Local Guides 2

Sei pronto alla scalata? Collegati e contribuisci anche tu! :-)

Succedeva lo scorso anno, si è ripetuto e concluso da poco anche in questo. C’è un giorno in cui Amazon decide (in collaborazione con chi i prodotti li mette sul mercato) di fare sconti molto superiori al normale (non per tutto, sia chiaro) per un tempo e per uno stock limitato, rispettando il più classico dei “chi prima arriva, meglio alloggia“. Il Prime Day, dedicato ai clienti Amazon Prime, si è concluso con cifre che hanno battuto persino il Black Friday, considerato il giorno di vendite per eccellenza per Amazon e per molti altri player dell’e-Commerce (e non solo).

Amazon Prime ti costa troppo? Rinuncia all'abbonamento!

Inutile forse dirlo, ma puntuali come le tasse o l’invito della compagna ad andare all’Ikea quando meno te lo aspetti, anche quest’anno ci si è presi la solita ondata di polemiche gratuite, radical chic e semplici troll che hanno pensato di andare contro corrente, magari comprare qualcosa ma continuare a raccontare che “non c’era nulla di buono“, “tutta roba da garage, quella che volevano togliersi di mezzo“. Io ho personalmente trovato qualche sconto appetibile sia lo scorso anno che questo, ho partecipato come cliente al Prime Day e portato a casa qualcosa che tenevo d’occhio da tempo ma che non avevo ancora acquistato, proprio in attesa di uno sconto maggiore.

Come si può rispondere però a questo tipo di polemiche? Come si può realmente capire se hai acquistato qualcosa facendo un buon affare o se sei semplicemente caduto nella trappola del prezzo fintamente ribassato rispetto al listino di mercato o allo stesso prezzo impostato però qualche mese prima? Funziona un po’ come con i saldi in città, quando un cartellino viene appositamente modificato tirando un pelo più su il prezzo “di listino” e mostrando uno sconto superiore a quello che in realtà viene applicato al cliente finale. Il metodo per proteggersi esiste ed è facile da utilizzare.

Add-on per i browser

Si chiama Keepa ed è il componente aggiuntivo di cui vi parlo oggi. Ricordi il sito web CamelCamelCamel di cui ti ho parlato lo scorso anno? Grosso modo non ci si allontana da quell’idea, anzi, la si migliora integrando qualcosa in più all’interno della pagina web del prodotto che stai tenendo d’occhio su Amazon. Keepa è disponibile per Firefox e per Chrome, puoi recuperare l’estensione direttamente da qui:

Keepa.com - Amazon Price Tracker
Keepa - Amazon Price Tracker
Developer: keepa.com
Price: Free

Facciamo un esempio pratico. Durante l’ultimo Prime Day ho acquistato un pacco convenienza di capsule per la lavastoviglie. Solitamente lo trovo al centro commerciale, nelle catene specializzate o comunque su Amazon, ma a prezzo di poco superiore a quello che ho trovato durante la giornata di sconti. Facile ricordare (o quasi) il prezzo applicato dai negozianti, forse meno quello di Amazon, per questo Keepa propone un grafico di variazione dei prezzi iniettato direttamente nella pagina del prodotto, subito sotto al blocco principale, proprio come puoi vedere nella figura qui di seguito:

Amazon Prime Day: ho fatto un buon affare?

Nelle sue impostazioni è possibile modificare l’intervallo di date da analizzare, ma anche visualizzare (o no) il prezzo di mercato, quello nelle giornate speciali su Amazon, quello nell’usato (ovviamente non vale con le capsule della lavastoviglie!). Insomma, puoi capire da solo e in maniera estremamente semplice se stai per fare (o se hai fatto, post-acquisto) un buon affare, oppure se ti sei fatto ingannare da quello sconto apparentemente “pazzo“. Durante il Prime Day questo specifico prodotto ha raggiunto un ottimo prezzo, che poche altre volte ho trovato facendo la spesa al supermercato, per questo motivo ho deciso di procedere con l’acquisto :-)

Cosa cambia quando c’è di mezzo il mercato del nuovo e dell’usato? Poco, nel senso che potrai vedere una diversa linea e un ulteriore prezzo che ti permetterà di farti un’idea della convenienza dell’acquisto tramite Amazon, è un dettaglio in più da non trascurare.

Amazon Prime Day: ho fatto un buon affare? 1

L’alternativa firmata Telegram

Si chiama PriceTrackBot e ne parlerò anche in un prossimo articolo dedicato ai migliori bot per Telegram, che sto cercando di ultimare. Funziona allo stesso modo di CamelCamelCamel ma anche di Keepa. Traccia infatti le modifiche di prezzo di uno o più prodotti da te sottoposti al bot. Li tiene d’occhio, ti avvisa ogni volta che c’è una variazione così che tu possa valutare se procedere o meno con un acquisto. I comandi sono sempre disponibili nell’interfaccia di Telegram, non serve impararli, dovrai solo aggiungere il bot alle tue chat e iniziare a interagire con lui. Sviluppato da un team italiano, puoi dare inizio alle danze andando all’URL telegram.me/PriceTrackBot.

Price Trackbot su Telegram

In conclusione

Questi sono solo due metodi possibili per seguire l’andamento del prezzo di un prodotto a cui sei interessato e che segui già su Amazon, il terzo è certamente CamelCamelCamel del quale ho già parlato lo scorso anno. In realtà ne esistono molti altri e variano di poco, bisogna solo che tu capisca quale può fare al caso tuo e perché, che vantaggi e svantaggi porta nell’utilizzo, quali sono i possibili miglioramenti e (se puoi) segnalarli allo sviluppatore. Il web fortunatamente offre sempre una moltitudine di strumenti che possono tornare utili ai clienti per evitare di incorrere in incauti acquisti a prezzi superiori al dovuto.

Tu conosci altri tool che vuoi suggerire? Approfitta dell’area commenti per partecipare alla discussione!

Da quando esiste Microsoft Office, esiste anche la possibilità di rimuoverlo dalla macchina in maniera più efficace, forzata, nel caso in cui i file necessari a una disinstallazione regolare da Pannello di Controllo vengano a mancare o risultino danneggiati per qualsivoglia motivo. Sai dove mettere mano o come muoverti in caso di emergenza? No? Poco male, posso suggerirti che tool scaricare, senza la necessità di prodotti di terze parti, perché Microsoft mette già a disposizione di amministratori di sistemi e semplici utenti casalinghi script sempre aggiornati e che difficilmente falliscono anche nelle situazioni peggiori.

Disinstallazione Office 365 (2016): OffScrub16 e OffScrubc2r

Per evitare errori, Microsoft propone da tempo delle soluzioni eseguibili che, una volta avviate, lanciano autonomamente operazioni ben precise sulla macchina, consegnando poi il risultato finale a video, così che tu possa verificarlo e accertarti che tutto sia andato liscio. Quegli eseguibili in realtà, nascondono dei file VBScript molto complessi che possono essere facilmente recuperati. Ancora oggi il metodo è perfettamente funzionante e ho imparato a capire come muovermi semplicemente leggendo qualche articolo online, uno tra tanti (ben realizzato) è ancora disponibile all’indirizzo blogs.technet.microsoft.com/odsupport/2011/04/08/how-to-obtain-and-use-offscrub-to-automate-the-uninstallation-of-office-products.

Sulla base di questo, è facile crearsi una piccola cartella da tenere su chiave USB (o altrove) per recuperare al momento opportuno ciò che più ti è utile. Ho caricato ogni VBS online, così che tu possa scaricarli facilmente, li trovi (aggiornati alle release Click2Run e Office 2016 anche con abbonamento 365) all’indirizzo app.box.com/s/lufdy9nqb7ebr8j53asbn9rkdrbd9smr. Utilizzarli è semplice, puoi fare riferimento al primo blog Technet che ti ho riportato qualche riga fa, gli script permettono di lavorare su Office dalla sua versione 2003 alla più recente 2016 (come già detto).

Se sei solo curioso e non vuoi scaricare alcunché, puoi trovare una copia di OffScrub16.vbs su Gist. Sempre lì trovi anche una copia di OffScrubc2r.vbs, per la pulizia dei prodotti Click2Run (più generico, in grado di spazzare via anche le ultime versioni dei prodotti Microsoft per l’ufficio, compresi Project o Visio, tanto per dire).

Vecchia scuola

Se vuoi provare a disinstallare un prodotto in maniera regolare (o manualmente), devi sapere che Microsoft propone un documento estremamente chiaro all’indirizzo support.office.com/en-us/article/Uninstall-Office-2013-Office-2016-or-Office-365-from-a-PC-9dd49b83-264a-477a-8fcc-2fdf5dbf61d8, all’interno del quale potrai specificare il sistema operativo utilizzato (così da ottenere le istruzioni da seguire passo-passo), e in alternativa scaricare quello che viene chiamato “Easy Fix Tool” che andrà a effettuare in maniera completamente autonoma le operazioni sulla tua macchina, così da permetterti di pulire ogni file, ogni chiave di registro, preparando così il sistema a ricevere da zero una nuova installazione di Office. Ti stai chiedendo se si tratta del VBS più recente di cui ho parlato poco fa? Si, è lui, semplicemente conservato all’interno dell’eseguibile e depositato in maniera temporanea nella cartella C:\Users\administrator\AppData\Local\Temp\msdtadmin\_1AD76E40-C8F2-4381-82D3-781C693A6746_\cabpkg, a meno di diversa versione da te scaricata. Cambia poco in realtà (può variare la stringa esadecimale, il resto rimane generalmente invariato).

Se neanche il tool può nulla, ricordati che hai la possibilità di intervenire manualmente su Office 2016 o Office 2013, tanto per citare i due più recenti.

Integrazione

Manco a dirlo, gli script VBS di Microsoft sono perfetti per essere integrati all’interno di script più complessi o batch che possano richiamarli in caso di necessità. Ovviamente anche Dell Kace ne può fare uso in base a ciò che trova sul sistema. Uno script utilizzato per lavoro prevede il rilevamento delle versioni antecedenti all’ultima 2016 con conseguente pulizia eseguita lanciando il VBS adatto, per capirci:

:findoffice
set ofc2k3=No
set ofc2k7=No
set ofc2k10=No
set ofc2k13=No
set visio2k13=No
set prj2k13=No

if "%processor_architecture%" == "AMD64" GOTO AMD64
if "%PROCESSOR_ARCHITEW6432%" == "AMD64" GOTO AMD64
if "%processor_architecture%" == "x86" GOTO x86
GOTO exitcleaner

:AMD64
echo Sistema a 64 bit
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office11\WINWORD.exe" set ofc2k3="Si (Versione x64)"
if exist "%ProgramFiles(x86)%\Microsoft Office\Office11\WINWORD.exe" set ofc2k3="Si (Versione x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office12\WINWORD.exe" set ofc2k7="Si (Versione x64)"
if exist "%ProgramFiles(x86)%\Microsoft Office\Office12\WINWORD.exe" set ofc2k7="Si (Versione x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office14\WINWORD.exe" set ofc2k10="Si (Versione x64)"
if exist "%ProgramFiles(x86)%\Microsoft Office\Office14\WINWORD.exe" set ofc2k10="Si (Versione x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office 15\root\office15\WINWORD.exe" set ofc2k13="Si (Versione O365 x64)"
if exist "%ProgramFiles(x86)%\Microsoft Office 15\root\office15\WINWORD.exe" set ofc2k13="Si (Versione O365 x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office15\VISIO.exe" set visio2k13="Si (Versione O365 x64)"
if exist "%ProgramFiles(x86)%\Microsoft Office 15\root\office15\WINWORD.exe" set visio2k13="Si (Versione O365 x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office15\WINPROJ.exe" set prj2k13="Si (Versione O365 x64)"
if exist "%ProgramFiles(x86)%\Microsoft Office 15\root\office15\WINPROJ.exe" set prj2k13="Si (Versione O365 x86)"
GOTO execute

:x86
echo Sistema a 32 bit
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office11\WINWORD.exe" set ofc2k3="Si (Versione x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office12\WINWORD.exe" set ofc2k7="Si (Versione x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office14\WINWORD.exe" set ofc2k10="Si (Versione x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office 15\root\office15\WINWORD.exe" set ofc2k13="Si (Versione O365 x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office15\VISIO.exe" set visio2k13="Si (Versione O365 x86)"
if exist "%ProgramFiles%\Microsoft Office\Office15\WINPROJ.exe" set prj2k13="Si (Versione O365 x86)"
GOTO execute

:execute
cscript //nologo \\TUOSERVERKACE\cleanofc\ofc_start.vbs %ofc2k3% %ofc2k7% %ofc2k10% %ofc2k13% %visio2k13% %prj2k13%

:ofc2003
if %ofc2k3%=="Si (Versione x86)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub03.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
if %ofc2k3%=="Si (Versione x64)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub03.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
:ofc2007
if %ofc2k7%=="Si (Versione x86)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub07.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
if %ofc2k7%=="Si (Versione x64)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub07.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
:ofc2010
if %ofc2k10%=="Si (Versione x86)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub10.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
if %ofc2k10%=="Si (Versione x64)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub10.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
:ofc2013
REM Utilizzo lo stesso script per rimuovere anche Visio e Project 2013 (sempre in versione C2R 365)
if %ofc2k13%=="Si (Versione O365 x86)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub13.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
if %ofc2k13%=="Si (Versione O365 x64)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub13.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
if %visio2k13%=="Si (Versione O365 x86)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub13.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
if %visio2k13%=="Si (Versione O365 x64)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub13.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
if %prj2k13%=="Si (Versione O365 x86)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub13.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1
if %prj2k13%=="Si (Versione O365 x64)" cscript \\TUOSERVERKACE\cleanofc\OffScrub13.vbs ALL /Q /NoCancel /BYPASS 1

:exitcleaner

Dove ofc_start.vbs viene utilizzato per mostrare un popup all’utente (indicando quali prodotti sono stati rilevati sulla macchina) e chiedendo se può procedere o meno con la rimozione. Se dovesse servirti, posso metterlo a disposizione, chiedilo pure nell’area commenti. Lo script poco sopra è chiaramente modificabile secondo tue esigenze, il mio è un esempio (comunque utilizzato in produzione) per farti capire come sia possibile utilizzare l’ottimo lavoro svolto da Microsoft all’interno del proprio ambiente di lavoro.

Al termine dell’operazione non è necessario effettuare il riavvio della macchina, puoi integrare un ulteriore VBS (o equivalente) per notificare li termine del lavoro.

Ho dimenticato nulla? :-)