Archives For Tech & Coding

Xiaomi Redmi Note 7 ufficiale anche in Italia

Xiaomi presenta Redmi Note 7

[TL;DR] Un buon terminale dal costo molto contenuto, farà sicuramente felici molti dei vecchi sostenitori della serie e catturerà l’attenzione di possibili nuovi clienti. Xiaomi ha presentato ufficialmente in Italia Redmi Note 7 (qui il comunicato stampa) e io sono andato a seguire la conferenza di lancio per conto di StartupItalia, ho scritto qualche riga nell’articolo che puoi trovare all’indirizzo thenexttech.startupitalia.eu/71379-20190313-xiaomi-porta-anche-italia-redmi-note-7.

Non so se e quanto durerà, ma sono molto felice di essere approdato sui loro lidi :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

YOURLS in installazione self-hosted propone un proprio logo in alto a destra con relativo titolo (H1) bene in evidenza e, contrariamente per esempio a DokuWiki, non permette nativamente di modificarlo o eliminarlo (né il logo, né il titolo); avevo per questo motivo modificato manualmente il file PHP che inserisce il titolo e richiama l’immagine / logo, inserendo la mia icona e nulla più, “una roba un pelo più pulita“, inutile dire che questa soluzione è sconsigliata e da non percorrere (per svariati motivi che ti spiego tra un attimo), ecco perché alla fine ho deciso di scrivere un plugin per YOURLS che ti permette di fare tutto questo senza sporcarti le mani.

YOURLS: cambiare il logo con un plugin (GWallChangeLogo) YOURLS: cambiare il logo con un plugin (GWallChangeLogo) 1

GWallChangeLogo

Perché non modificare manualmente la pagina PHP?

Per svariati motivi, te ne cito un paio fondamentali (il secondo più del primo):

  • se non hai ben presente cosa stai facendo e dove stai mettendo le mani, potresti fare danni anche solo modificando una virgola;
  • ogni modifica operata manualmente verrà certamente sovrascritta al prossimo aggiornamento del software che installerai per questioni di sicurezza (vero che lo farai?), vuoi davvero andare a modificare ogni volta quel richiamo logo e titolo? Suggerimento: No.

È per questo che ho scritto un plugin: gratuito, codice pubblicamente disponibile (puoi lavorarci anche tu, che schifo non mi farebbe), facile da installare e configurare, puoi disattivarlo quando ti pare e decidere di tornare al logo originale di YOURLS, come nulla fosse mai accaduto, pillola azzurra.

Scarica il file PHP del plugin dallo spazio GitHub che gli ho dedicato (questo: github.com/gioxx/YOURLS-GWallChangeLogo), quindi caricalo nella cartella user/plugins del tuo YOURLS così ritrovarlo nella console amministrativa (contoso.com/admin/plugins.php dove contoso.com dovrà essere sostituito con l’URL della tua installazione YOURLS, ovviamente) e attivalo.

A questo punto spostati nella voce di menu GWall Change Logo Plugin Config e specifica i 3 parametri richiesti: URL dell’immagine da utilizzare al posto del logo originale, tag Alt e Title:

YOURLS: cambiare il logo con un plugin (GWallChangeLogo) 2

Non c’è limitazione sull’Image URL, il plugin proverà in ogni caso a fare l’img src dell’indirizzo che gli darai in pasto, occhio quindi a cosa gli riporti all’interno. I tag Alt e Title possono non essere specificati, ma per una questione di standard ti consiglio di farlo inserendo un testo alternativo all’immagine nel caso in cui questa non venisse trovata all’indirizzo specificato. Quando hai terminato, fai clic su Update values per confermare e permettere al plugin di terminare il suo lavoro.

Questo è quanto. Per qualsiasi dubbio l’area commenti è a tua disposizione così come l’area supporto / Issue di GitHub dove potrai segnalare malfunzionamenti o richiedere modifiche al plugin. Crediti e fonti utilizzate sono riportate all’interno del file PHP del plugin, grazie a chi mi ha permesso di imparare qualcosa in più su questo aspetto di YOURLS.


immagine di copertina: rawpixel.com from Pexels
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

#LoSapeviChe: creare un indirizzo email di gruppo su cPanelGoogle conosce ogni movimento portato a termine tramite uno dei “tuoi-suoi” account, questo è un dato di fatto scolpito nella pietra che tutti grosso modo conosciamo. Browser, smartphone Android (realizzati da Google o anche terze parti, poco importa), hardware che abbiamo in casa (Google Home, router, ecc.), tutto genera uno storico d’azioni che ci riguarda, che può in qualsiasi momento ricostruire la nostra giornata con dovizia di dettagli. Ti sei mai chiesto dove vada a finire questa cronologia? Se sia consultabile o modificabile in qualche maniera? La risposta è , lo è (almeno in parte).

Questione di voce

Google Assistant è l’assistente vocale del gigante di Mountain View, è installato sugli smartphone Android e può essere utilizzato anche (principalmente) tramite i dispositivi hardware che da qualche tempo si possono facilmente trovare nelle nostre case, i Google Home. Ti ho parlato di questo hardware qualche tempo fa: L’assistente in casa: Google Home (Mini, nel mio caso).

La cronologia delle registrazioni audio analizzate dall’intelligenza artificiale di Google è disponibile all’indirizzo myactivity.google.com/myactivity?restrict=vaa&hl=it, ti basterà autenticarti alla pagina con lo stesso account Google che utilizzi per configurare i tuoi Google Home alla prima accensione.

#LoSapeviChe: verificare lo storico delle tue attività Google voce

Se tu volessi invece accedere alla cronologia di ogni tua attività legata in qualche maniera a Google, potrai sempre puntare il browser all’indirizzo principale dello strumento, ovvero myactivity.google.com/myactivity?hl=it.

Buon tuffo nel passato.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Se non conosci YOURLS, è perché evidentemente non ti è mai servito e forse mai ti servirà, questo è il classico post tecnico dedicato a coloro che invece hanno già avuto a che fare con questo software e la sua necessità di aggiornamento old-school: “Scarica, scompatta, carica su FTP e sovrascrivi“. Un po’ sulla falsa riga di quanto fatto in passato con DokuWiki (DokuWiki: upgrade dell’installazione, poi non più necessario grazie all’implementazione nativa e alla disponibilità del file diff sul sito web dello sviluppatore), oggi torno sull’argomento e ti parlo del file diff di YOURLS.

YOURLS: upgrade dell’installazione (file diff) 1

YOURLS stands for Your Own URL Shortener. It is a small set of PHP scripts that will allow you to run your own URL shortening service (a la TinyURL or Bitly).

Running your own URL shortener is fun, geeky and useful: you own your data and don’t depend on third-party services. It’s also a great way to add branding to your short URLs, instead of using the same public URL shortener everyone uses.

Due file ZIP (quello contenente la vecchia versione, quello con all’interno la nuova) che si scaricano direttamente dallo spazio GitHub del progetto, un terminale di Linux (qualsiasi). Si scompattano entrambi i file ZIP (ex.: unzip 1.7.3.zip) nella stessa cartella, quindi il comando per il confronto tra le due directory rimane quasi lo stesso di quello usato per l’articolo del DokuWiki (non fosse che stavolta il mio Terminale è in lingua italiana):

diff -rs $1 $2 | awk '/sono identici/{print $5}' | xargs rm -v

Uso $1 e $2 perché sono variabili che posso dare in pasto a uno script di bash molto semplice, questo:

Il risultato è già pronto, si trova infatti all’interno del repository SomePublicStuff che tengo su GitHub, trovi la release più aggiornata all’indirizzo github.com/gioxx/SomePublicStuff/releases/tag/YOURLS-diff. Scarica il file ZIP, scompattalo e caricane il contenuto all’interno del tuo spazio FTP, dove tieni l’installazione di YOURLS.

Buon lavoro.


immagine di copertina: unsplash.com / author: Thomas Jensen
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Cosa ti serve sapere? Tutto quello che ho scritto nell’articolo dedicato a eufyCam, progetto nato e finanziato tramite KickStarter e al quale ho partecipato anche io, ottenendo così un prodotto non ancora completo, ma dalle belle promesse e speranze, in attesa che queste vengano tutte portate a termine dopo essere state messe in cantiere.

eufyCam è quel progetto più bello da vedere che buono da mangiare (Aggiornato)

Aggiornamenti software

Intorno alla chiusura del mese di gennaio (28/1) gli sviluppatori eufyCam hanno rilasciato nuovi aggiornamenti software per i loro dispositivi di sicurezza, portando quindi la versione di HomeBase alla 1.0.7.2 e il firmware di eufyCam alla versione 1.7.6. Questo aggiornamento ha introdotto la skill Alexa (anche se le recensioni non sono certo delle migliori), il miglioramento del riconoscimento facciale e diverse altre novità:

  1. Launched Alexa Skill. Now user who has Alexa Echo Show/Spot can say “Alexa, show me the front door.” to activate the camera and live-stream to Echo Show/Spot. Please go to Side Menu – Settings – Smart Integration for instructions. Currently the Alexa Skill supports English only and we will add multi-language support in the future.
  2. Improved the accuracy of Facial Recognition.
  3. Improved the delay when streaming to Alexa Echo Show/Spot.
  4. Improved the wireless performance by optimizing video transmission protocol.
  5. Fixed the bug where the camera would stream all the time and drain the battery faster when streaming to Alexa Echo Show/Spot.
  6. Fixed the bug where the camera displays 12PM as 00AM.
  7. Fixed the bug where the system may not send notification for Entry Sensor occasionally.

È seguito così l’aggiornamento dell’applicazione alla versione 1.1.6, attualmente disponibile per Android e iOS:

Eufy Security
Eufy Security
Developer: Anker
Price: Free
Eufy Security
Eufy Security
Developer: fanghao zhu
Price: Free

All’interno della quale troverai:

  1. Added Custom Working Mode for eufyCam. Now the user can customize the recording length and retriggering interval for specific camera. This will let user finetune the parameters for specific camera if they think some recordings start too late or end too early.
  2. Extended the Motion Detection sensitivity range. User can set the sensitivity higher or lower than before. This is to avoid excessive false alarms or short motion- detection range. We highly recommend users use the Test Mode to set the proper sensitivity.
  3. Added Notification Settings for eufyCam, which includes All Events, Human Only and Best Effort Facial Alert.
    1. All Events: user will receive “Motion Detected” notification on all events, including humans, cars and animals. Notification is prompt but could be too frequent.
    2. Human Only: user will receive “Someone has been spotted” notification on human events exclusively.  Notification is more specific and less frequent, but could be slightly delayed because of the extra time required for Human Detection.
    3. Best Effort Facial Alert: user will receive notification with face thumbnail or Facial Recognition result exclusively. Notification may take up to 5s to send, as the AI engine needs more time to detect and screen faces. The delay varies on environment lighting condition, the angle of the face and the distance.
  4. Added Check for HomeBase Firmware on iOS App. Now both Android and iOS App support manual firmware upgrade (Side Menu – My Devices – HomeBase – Device Info – Check for HomeBase Firmware).
  5. Added Device Display Order. User can adjust the device display order on Side Menu – Settings – Device Display Order.

La mappa dei rilasci è stata così aggiornata, in attesa che arrivi marzo (ormai alle porte) per ciò che da più tempo continuo a segnalare come una mancanza importante, la funzione di Geofence (e non è che l’integrazione con l’assistente Google sia esattamente da scartare):

eufyCam: nuovi aggiornamenti e prossimi passi

Un diverso dispositivo

Si chiama eufyCam E ed è una sorta di telecamera economica comparsa qualche tempo fa su Amazon, disponibile tra l’altro anche sullo store italiano. Economica in senso assoluto non lo è di certo, ma sta di fatto che è un po’ meno costosa rispetto al prezzo di “listino” (KickStarter) della sorella maggiore ben più carrozzata rispetto a essa:

eufyCam: nuovi aggiornamenti e prossimi passi 2

Pur rimanendo invariati i capi saldi di un prodotto fatto per ottenere una ottima qualità video e una durata della batteria molto estesa, cambia la certificazione contro acqua e polvere (IP67 contro IP65), la batteria tampone che permette al sistema di funzionare in caso di mancanza di corrente e tutto ciò che è legato all’intelligenza artificiale che il prodotto sfrutta per il suo funzionamento.

eufyCam E, contrariamente all’eufyCam del progetto KickStarter, può essere più facilmente acquistata, e forse questo è il suo attuale maggiore pregio, contrariamente a telecamere e sensori aggiuntivi che a oggi non possono essere comprati da chi si trova bene con il prodotto e desidera in qualche maniera allargare la propria rete di sicurezza, come riportato in una nota pubblicata proprio su KickStarter lo scorso 31 gennaio, riguardante la vendita delle espansioni tramite sito web US di eufyLife, senza possibilità di spedizione in Europa:

As for backers in other region, we’re sorry that at this current time, we don’t have a local warehouse to provide direct sales channel from eufy. But there are some local retailers that are selling eufyCam now, so you can contact them or visit their stores for more information.

Tra gli store disponibili, quello che più si avvicina a noi è il gruppo tedesco Mediamarkt, a capo di Saturn e MediaWorld tra le altre cose. A questo punto non resta che sperare che dalla Germania si faccia tappa anche in Italia tramite la rete vendita già esistente.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: