Archives For Ricerca e Sviluppo

C’è un vecchio ma sempre funzionante Windows 7 con Microsoft Office 365 ProPlus a bordo (quindi in versione 2016/2019 in base al ramo d’aggiornamento scelto, NdR) che dallo scorso agosto mostra di tanto in tanto un errore relativo a Microsoft Office SDX Helper, un processo che parte dall’applicazione sdxhelper.exe e che smette di funzionare rompendo le scatole all’utilizzatore che se lo ritrova davanti ripetutamente, con la sola possibilità di cercare una soluzione o chiudere quel messaggio.

Microsoft sdx helper stopped working

Microsoft Office SDX Helper

The Microsoft Office SDXHelper is connected to a secure download manager, which is used to download/update Microsoft Office (fonte). La verità è che per scaricare o aggiornare Microsoft Office basta e avanza il Click2Run e seppur questo non dovesse svegliarsi quando necessario, basterà andare manualmente nelle opzioni Account di una qualsiasi applicazione di Office installata su Windows per far partire il controllo degli aggiornamenti e scaricarli se presenti.

Il processo di SDX Helper ha cominciato ad andare in crash in seguito agli aggiornamenti di Windows 7 lo scorso agosto e – chi prima, chi dopo – una marea di utenti hanno cominciato a lamentare lo stesso identico problema di crash che si risolve esclusivamente riparando in maniera completa l’installazione di Microsoft Office (da Pannello di controllo). Nel caso in cui però tu non possa fare questa operazione nel momento in cui l’utente lamenta l’anomalia dovrai necessariamente metterci una pezza in attesa di definitiva risoluzione. Per farlo ti basterà bloccare due operazioni pianificate che Office crea autonomamente su Windows.

Due i comandi necessari da eseguire da Prompt e un invio, null’altro:

Attento però: entrambe le operazioni verranno riattivate da Microsoft Office quando questo si accorgerà che saranno disabilitate (fa un check di tanto in tanto), è per questo motivo che ti invito a salvare quelle due righe di codice poco sopra in un file batch (.bat) che potrai far eseguire alle operazioni pianificate di Windows ogni 6 ore. Se invece hai tempo e modo di intervenire subito sul problema ti basterà riparare completamente l’installazione di Microsoft Office (non la riparazione in locale rapida, ti servirà quella completa da far eseguire scaricando il necessario dai server Microsoft, quindi la online).

Buon lavoro 😉


Ringraziamenti vari:
social.technet.microsoft.com/Forums/office/en-US/742ac3af-c1dc-4c72-ae4c-46864fef3160/quotsdx-helper-stopped-workingquot-on-all-win7office365-clients?forum=Office2016ITPro
superuser.com/questions/1492414/microsoft-sdx-helper-stopped-working-with-office-365-and-windows-7
× Le pillole del Dr.Mario

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Recita così la comunicazione inviata a mezzo posta elettronica a chi nel tempo ha creato dei plugin di ricerca con la tecnologia OpenSearch che Mozilla ha sfruttato a man bassa per il suo browser:

You are receiving this email because you are listed as the developer of a Search Engine add-on for Firefox on addons.mozilla.org (AMO).

For the last eleven years, Firefox Search Engine add-ons have been powered by OpenSearch. With the recent implementation of the search overrides API, a WebExtensions API that offers users more controls for opting into changes, Mozilla intends to deprecate OpenSearch and eventually remove it from Firefox. Search Engine add-ons will be removed from AMO on December 5, 2019.

For your search add-on to continue working, you must convert it to an extension using the WebExtensions API by December 3, 2019.

e poi:

Unfortunately, it is not possible to automatically migrate users of your Search Engine add-on to your extension. We recommend linking to your new extension’s listing page from your search add-on’s listing page so your users know where to install the update.

Il tutto viene anche riportato in un articolo sul blog ufficiale di Mozilla che puoi leggere tu stesso all’indirizzo blog.mozilla.org/addons/2019/10/15/search-engine-add-ons-to-be-removed-from-addons-mozilla-org. Rimbocchiamoci le maniche allora, si parte!

Da OpenSearch a WebExtensions: evoluzione dei miei plugin di ricerca 1

Da OpenSearch a WebExtensions

In tutta onestà in passato ho localizzato una grande quantità di componenti aggiuntivi per i prodotti Mozilla ma non sono mai sceso nel dettaglio puro del codice sorgente se non in rarissimi casi, tipicamente i primi e più vecchi quando di localizzazione non se ne sentiva ancora parlare e tu cercavi le stringhe da trasformare in italiano direttamente in mezzo al codice sorgente del software, poi tutto si è evoluto, è arrivato AMO, i servizi di localizzazione comodamente raggiungibili e utilizzabili tramite browser, è stato chiuso il nostro splendido progetto eXtenZilla e via fino ai giorni nostri. Ecco, la trasformazione inevitabile dei miei componenti di ricerca OpenSearch mi ha spronato a informarmi riguardo la tecnologia WebExtension nella sua forma credo più semplice, quella che intercetta un comando stabilito dal sottoscritto (in questo caso) e ti riporta a un risultato in maniera semplice e veloce, tutto rimane come in passato pur trasformando la tecnologia nascosta sotto al cofano motore.

Nessuno (almeno in teoria) andrà a cancellare i tuoi componenti di ricerca con tecnologia OpenSearch ma dal prossimo dicembre questi spariranno da AMO e probabilmente non saranno più installabili su nuovi profili di Firefox (tutto ancora da verificare e dimostrare), dato che non voglio perdere il mio lavoro l’ho fatto evolvere, gli permetto così di saltare a piè pari la scadenza imposta e permetto a te di continuare a utilizzare ciò che reputo comodo e semplice da installare.

A partire da oggi i miei componenti di ricerca OpenSearch non sono più supportati (seppur restino disponibili su AMO) e vengono ufficialmente sostituiti dai nuovi che sfruttano la chrome_settings_overrides per aggiungere funzionalità rapide di ricerca a Firefox. Ti presento quindi i nuovi Amazon-IT, GoogleImages-IT, GoogleMaps-IT, GooglePlay-IT, GoogleTranslate-IT, IBS-IT, TraktTV-IT, Wikipedia-EN, Wikipedia-IT e YouTube-IT, tutti raccolti in ordine alfabetico all’indirizzo go.gioxx.org/strumenti-di-ricerca-addons e qui di seguito per tua comodità:

Amazon-IT
Amazon-IT
Developer: Gioxx
Price: Free
GoogleImages-IT
GoogleImages-IT
Developer: Gioxx
Price: Free
GoogleMaps-IT
GoogleMaps-IT
Developer: Gioxx
Price: Free
GooglePlay-IT
GooglePlay-IT
Developer: Gioxx
Price: Free
GoogleTranslate-IT
GoogleTranslate-IT
Developer: Gioxx
Price: Free
IBS-IT
IBS-IT
Developer: Gioxx
Price: Free
TraktTV-IT
TraktTV-IT
Developer: Gioxx
Price: Free
Wikipedia-EN
Wikipedia-EN
Developer: Gioxx
Price: Free
Wikipedia-IT
Wikipedia-IT
Developer: Gioxx
Price: Free
YouTube-IT
YouTube-IT
Developer: Gioxx
Price: Free

Rimuovi i motori di ricerca aggiuntivi che hai aggiunto in passato al tuo Firefox e installa i componenti aggiuntivi di cui necessiti, riportati qui sopra oltre che nella nuova pagina Firefox Addons di questo blog.

Come funzionano

Lascia che ti mostri come far funzionare alcuni dei componenti aggiuntivi rinnovati attraverso questo video che ho girato catturando un mio profilo di Firefox all’opera:

In pratica ho solo velocizzato quanto raccontato nei miei vecchi articoli sugli strumenti di ricerca per Firefox quando ti suggerivo di assegnare loro un termine di ricerca breve che ti permettesse di richiamarli in maniera semplice. Per fare una ricerca in Google Immagini ti basterà inserire nella barra dell’URL gimg seguito da ciò che vuoi cercare, per YouTube ti servirà ytube, per Wikipedia in italiano wit e così via. Se oltre al termine di ricerca non indicherai alcunché (per capirci ytube e null’altro) verrai portato sulla homepage del servizio, una sorta di doppia utilità per arrivare anche sui siti web che ti interessano senza cercarli nei Segnalibri o senza digitare tutto l’URL.

Tutto sotto gli occhi di tutti

Tutti i nuovi componenti aggiuntivi sono disponibili su GitHub all’indirizzo github.com/gioxx/fxaddons così che tu possa segnalare eventuali problemi, anomalie, possibili miglioramenti. Sentiti libero di clonare il mio lavoro e creare il tuo partendo da una base assolutamente funzionante che potenzialmente può essere adattata a qualsiasi sito web abbia un motore di ricerca interno. Sto per crearne e pubblicarne una nuova dedicata proprio a Gioxx’s Wall, sarà disponibile a breve e te ne parlerò sicuramente.

Riepilogando

I nuovi componenti aggiuntivi sono tutti pubblicati e a tua totale disposizione. Scaricali, installali, provali, lascia una buona recensione su AMO. Puoi raggiungere la pagina riepilogativa in qualsiasi momento puntando il tuo browser all’indirizzo gioxx.org/fxaddons per averli tutti a portata di mano e scoprire il termine di ricerca da utilizzare, puoi in alternativa vederli su AMO tramite la scorciatoia go.gioxx.org/strumenti-di-ricerca-addons.

L’area commenti è a tua totale disposizione per ogni dubbio in merito o richiesta – perché no – di un componente aggiuntivo di ricerca personalizzato, ci sono sicuramente siti web che vengono molto utilizzati e che tornerebbe comodo poter avere a portata di scorciatoia su Firefox sfruttando questa modalità, non esitare a parlarne.

Buona navigazione! 😉

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Fare feste di compleanno a sorpresa a casa del sottoscritto può diventare scusa per sviluppare qualcosa che aiuti tutti a ottenere rapidamente un risultato diversamente più ostico da raggiungere. Non è una stupidata, non più di quanto io non sia abituato a dirne quando si è davanti a birra e buon cibo almeno, si tratta di un progetto molto banale nato dalle menti e mani malate mie e di Francesco. Simple Alexa per WordPress ti permette di approdare sul market Amazon per le Skill di Alexa in maniera semplice, dandoti la possibilità di entrare a far parte della rassegna stampa quotidiana che ascolti tramite la voce del tuo assistente digitale.

Simple Alexa per WordPress

Ti ricordi del mio articolo su Amazon Echo Dot di terza generazione (L’assistente in casa: Amazon Echo Dot (terza generazione))? Ti avevo parlato di una Skill che stavo sviluppando per permetterti di conoscere gli ultimi titoli pubblicati sul mio blog:

[…] È su Alexa che ho trovato la possibilità di dialogare con la mia Xbox, sempre con Alexa ho creato la mia prima skill attualmente al vaglio, in grado di leggere gli ultimi titoli degli articoli pubblicati su questo blog. È solo un piccolo primo passo, ma potenzialmente espandibile in mille modi diversi. […]

Ecco, se inizialmente ho avuto problemi nel far digerire alla console di sviluppo Alexa il codice HTML formattato derivante dal mio feed RSS, in seguito con Francesco abbiamo deciso di estrapolare esclusivamente i titoli degli articoli pubblicati generando un file JSON che è nettamente più digeribile e ben visto dall’assistente vocale di Amazon. Il risultato non ha tardato ad arrivare comodamente consegnato nella mia casella di posta, Amazon ha approvato la Skill e l’ha resa pubblica sul suo store:

Simple Alexa per WordPress 1

Vuoi farlo anche tu? Ti spiego come procedere cercando di fartela semplice.

Pubblicare la tua prima Skill con Simple Alexa

Se hai già un account Amazon tanto meglio (in caso contrario ti verrà richiesto di crearne uno, è gratuito), inserisci utente e password quando proverai ad accedere alla console di sviluppo Skill di Alexa all’indirizzo developer.amazon.com/alexa/console/ask. Una volta dentro dovrai creare una nuova Skill facendo clic su Create Skill, scegli poi Flash Briefing come categoria.

Compila quanto richiesto, questo è l’esempio preso direttamente dalla mia Skill:

 

Nel campo dell’indirizzo comincia già a inserire l’URL del tuo blog seguito da /simplealexa, stai solo anticipando i tempi. Salva quanto inserito e passa alla scheda Distribution, dove dovrai inserire ulteriori informazioni sulla tua nuova Skill, dichiarandone contenuti e ulteriori informazioni che l’utente potrà facilmente rintracciare sullo store di Amazon:

Salva e continua, procedendo così spedito verso la Certification, con la quale potrai validare dapprima in maniera automatica la tua Skill, poi passando alla fase successiva in cui Amazon dovrà verificarla e approvarla manualmente. Prima di certificare quanto fatto vai a scaricare Simple Alexa da GitHub (github.com/napolux/wp-alexa) o facendo un clic qui per risparmiare tempo.

Collegati alla tua Dashboard amministrativa di WordPress, vai in Plugins e installane uno manualmente dandogli in pasto il file ZIP scaricato da GitHub. Attiva il plugin e il gioco è fatto, visitando l’URL del tuo blog seguito da /simplealexa dovresti poter accedere al file JSON contenente gli ultimi articoli pubblicati (questo è il mio se vuoi dargli un’occhiata). Allo stato attuale i titoli che vengono catturati sono gli ultimi 5, puoi modificare questa cifra all’interno del codice PHP del plugin ma in una nuova versione dello stesso credo che introdurremo la possibilità di modificarlo tramite voce apposita in area amministrativa di WordPress.

Sei ormai pronto. Torna sulla scheda lasciata aperta nella Certification di Amazon, procedi e attendi che il controllo automatico termini il suo lavoro, salvo errori vedrai che potrai accedere così al prossimo passaggio, l’approvazione ufficiale da parte dello staff di Amazon con conseguente inserimento nello store pubblico delle Skill di Alexa. Attendi qualche giorno, dovresti ricevere conferma a mezzo posta elettronica.

Ora i tuoi amici e conoscenti (ma anche i lettori) potranno scegliere di inserirti nella rassegna stampa quotidiana!

Simple Alexa: dal blog all'assistente vocale in pochi clic 2

Dubbi? Commenti? Suggerimenti? Utilizza l’apposita area a fondo articolo, ogni critica costruttiva è sempre ben accetta, sempre pronti a migliorare 🙂


immagine di copertina: HeikoAL / Pixabay
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ti riporto qui di seguito una piccola modifica al codice del functions.php di WordPress che puoi utilizzare per escludere dalla creazione del feed RSS una particolare categoria di articoli che non vuoi compaiano nei lettori feed dei tuoi lettori. Si tratta di una modifica semplice e che non si limita a una sola categoria nel caso tu te lo stessi chiedendo.

WordPress e sicurezza: alcune best practices 2

Forse inutile che te lo dica ma sai bene che in questi casi è meglio prevenire che curare:

ATTENZIONE: Prima di eseguire qualsiasi modifica ai tuoi file e/o dispositivi sei pregato di effettuare un backup di questi (o lavorare in ambiente di test e mai di produzione). Solo così sarai capace di tornare indietro ponendo rimedio a eventuali errori di distrazione.

Ciò detto, apri il file functions.php del tuo tema e copia / incolla il codice PHP qui di seguito, non salvare le modifiche prima che io ti abbia spiegato cosa c’è da ritoccare:

function exclude_category( $query ) {
    if ( $query->is_feed ) {
        $query->set('cat', '-000');
    }
return $query;
}
add_filter('pre_get_posts', 'exclude_category');

Come forse avrai capito quel -000 fa riferimento alla categoria da escludere dal feed RSS del tuo blog. Per individuare il giusto ID da escludere portati nella pagina Categories (Categorie in italiano) del tuo pannello amministrativo (dovresti arrivare all’URL TUOBLOG.COM/wp-admin/edit-tags.php?taxonomy=category per capirci), punta il cursore del mouse sul nome della categoria che intendi escludere (non fare clic) e leggi in basso a sinistra (o destra, dipende dal browser) l’URL al quale quel collegamento punta:

Lo vedi quel tag_ID? È proprio quello l’ID che ti serve. Per capirci, se dovessimo basarci sull’esempio nell’immagine dovresti sostituire il -000 con il -2415. Tutto chiaro? Bene, salva le modifiche al file e sovrascrivilo sul server, l’operazione è così terminata. Se hai bisogno di escludere più categorie contemporaneamente poco male, puoi aggiungerle in coda alla prima dichiarata separandole con la virgola, per capirci $query->set('cat', '-000, -001, -003');.

In caso di problemi utilizza pure l’area commenti qui di seguito.

Buon lavoro!

× Le pillole del Dr.Mario

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ciao! Era da qualche tempo ormai che non rimettevo più mano ai miei plugin di ricerca Firefox. Qualche giorno fa ho avuto la necessità di dare un’occhiata ad alcuni titoli presenti nel database di Trakt e mi sono accorto che mi sarebbe tornato più comodo avere un tag di ricerca rapido al quale ormai sono abituato. Ho risolto il problema e scritto quelle poche righe necessarie a creare lo strumento di ricerca dedicato al servizio.

Cerca rapidamente su Trakt con Firefox

Trakt non è localizzato in italiano, per questo motivo la ricerca viene effettuata sì tenendo conto del titolo di una serie o di un film anche nella nostra lingua, ma restituendo pur sempre una pagina di risultati in inglese, non c’è differenza questa volta. La ricerca è sempre utilizzabile dal campo dedicato (ammesso tu lo stia ancora utilizzando) o direttamente passando dalla barra dell’URL nel caso in cui – come me – utilizzi le parole chiave che ti permettono di saltare il passaggio intermedio e arrivare direttamente a destinazione.

L’addon di ricerca è disponibile come sempre su AMO:

TraktTV-IT (OpenSearch)
TraktTV-IT (OpenSearch)
Developer: Gioxx
Price: Free

e questo di seguito è il suo codice sorgente:

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<OpenSearchDescription xmlns="http://a9.com/-/spec/opensearch/1.1/">
     <ShortName>TraktTV-IT</ShortName>
     <Description>Cerca tutto quello che ti serve su TRAKT.tv</Description>
     <InputEncoding>UTF-8</InputEncoding>
     <Url type="text/html" template="https://trakt.tv/search?query={searchTerms}"/>
</OpenSearchDescription>

All’appello del codice qui sopra manca solo l’immagine che viene usata come icona del plugin di ricerca, occupa diverse righe perché codificata in base64 (data:image/x-icon;base64), non penso sia fondamentale, puoi sempre dare una sbirciata al codice XML anche tramite il tuo browser.

Sfruttare la ricerca rapida

Per aggiungerlo alle ricerche rapide di Firefox tramite barra dell’URL vai nelle Preferenze di Firefox, quindi in Ricerca, fai doppio clic in corrispondenza di TraktTV-IT e aggiungi la parola chiave che intendi utilizzare da ora in poi, come in immagine:

Cerca rapidamente su Trakt con Firefox 1

In pratica, nel caso dell’immagine sopra, digitando nella barra dell’URL “trakt termine-di-ricerca” partirà in automatico una ricerca su Trakt per qualsiasi voce (serie televisiva, show, film) contenga la parola “termine-di-ricerca”, da sostituire con ciò che intendi cercare sul serio 🙂

Buon divertimento!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: