Archives For Ricerca e Sviluppo

2009 e 2011, questi gli anni in cui ti ho parlato del Random Password Generator, un piccolo strumento web che permette di ottenere una password alfanumerica da 9 caratteri (senza segni di punteggiatura) e che in questi anni ha continuato a svolgere il suo lavoro per chiunque ne avesse la necessità, lì in attesa al solito posto, con quel pelo di manutenzione e nulla più. Ora però è arrivato il momento di dare una svecchiata a lui e al fratello minore “Random PIN Generator“, nato in seguito per differente esigenza.

Firefox Monitor ti avvisa in caso di furto credenziali

Un template più pulito e chiaro, lo stretto indispensabile per ciò che riguarda le informazioni, la funzione principale in bella vista. Il campo Password o PIN è seguito (subito sotto) da due pulsanti che ti permettono rispettivamente di copiare il codice negli appunti o generarne uno nuovo, così da renderti la vita decisamente più semplice.

L’ultimo restyling è di dicembre dello scorso anno, lo annuncio oggi (non che se ne sentisse il bisogno) così che tu possa approfittarne per darci un’occhiata e salvare nei tuoi preferiti i due indirizzi rapidi che possono tornarti utili: go.gioxx.org/password e go.gioxx.org/pin :-)

Buon fine settimana!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Quello nel titolo è un errore che potresti ritrovarti di fronte se lanci lo script di aggiornamento di ServiceDesk manualmente. Spiego meglio: lanciando con il classico doppio clic l’Update Manager potresti ritrovarti davanti al nulla più completo, una finestra che si apre solo per un secondo e che si richiude subito dopo. Per questo motivo apri un prompt dei comandi, ti sposti nella cartella di Manage Engine e quindi nella relativa scripts in bin, lanciando il UpdMgr.bat per arrivare a questo:

Error occurred during initialization of VM
Could not reserve enough space for object heap
Could not create the Java virtual machine.

ServiceDesk: Could not reserve enough space for object heap

Non sei tu il problema, sono io!” (cit.). Sì perché è proprio così, apparentemente la macchina non ha sufficienti risorse da riservare all’Update Manager per le sue operazioni. Per questo motivo rimani fermo al palo a meno di andare a mettere mano a quella richiesta di risorse che si trova all’interno dello script batch (C:\ManageEngine\ServiceDesk\bin\scripts\UpdMgr.bat), e più precisamente in questa istruzioni che occupa (a oggi) la penultima riga del file:

"%JAVA_HOME%\bin\java" -Xmx2512m %JAVA_OPTS% -Dtier-type=BE -Djava.library.path=.\lib\native -Dtier-id=BE1 com.adventnet.tools.update.installer.UpdateManager -u conf %*

Da quanto imparato e provato sul campo, ti basterà andare a variare la memoria richiesta per l’ambiente virtuale (JVM), portando quel -Xmx2512m a –Xmx512m, trasformando quindi l’istruzione in qualcosa di molto simile (se non identico) a questo:

"%JAVA_HOME%\bin\java" -Xmx512m %JAVA_OPTS% -Dtier-type=BE -Djava.library.path=.\lib\native -Dtier-id=BE1 com.adventnet.tools.update.installer.UpdateManager -u conf %*

Come discusso su stackoverflow.com/questions/4401396/could-not-reserve-enough-space-for-object-heap, il parametro -XX:MaxHeapSize=512m può essere accorciato nel più conciso -Xmx512m, all’interno del quale tu puoi tranquillamente variare il valore dei megabyte messi a disposizione della JVM, per evitare di ottenere l’errore riportato in apertura articolo. Io mi sono fermato a 512 MB messi a disposizione del processo, e sono più che sufficienti per eseguire l’Update Manager, ho poi modificato nuovamente il batch e riportato il valore al suo stato originale (nel frattempo ci sarà modo di riavviare la macchina e scaricarla un po’).

Buon lavoro.

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

ServiceDesk Plus è solito forzare un backup completo dei dati dell’applicazione (database e allegati delle mail ricevute) ogni volta che si installa una major-version del software. Nonostante questa sia un’operazione assolutamente lecita e ragionevole (nonché caldamente consigliata anche dal sottoscritto), in alcuni casi potrebbe rivelarsi deleteria e ripetitiva, soprattutto se l’applicazione è ospitata su macchina virtuale (con snapshot appena eseguita) o nel caso in cui tu abbia deciso di lanciare un backup manuale subito prima dell’upgrade.

HDD - Hard Disk, Spazio disco

Per questo motivo esiste un piccolo trucco, previsto dagli sviluppatori, che ti permette di saltare questo passaggio obbligatorio. Ti basterà andare a ritoccare il file UpdateManager.bat che trovi nella cartella C:\ManageEngine\ServiceDesk\bin (ammesso che tu abbia scelto la root di C: per ospitare il software) con un editor di testo qualsiasi (il mio consiglio è sempre quello: Notepad++ o Atom) e riportare in coda il parametro -DSkipBackUp=true, ottenendo così un risultato molto simile (se non identico) al seguente:

@echo off
call RunAsAdmin.exe scripts\UpdMgr.bat -DSkipBackUp=true

Salva il file batch e lancia ora l’Update Manager, dandogli in pasto il Service Pack che ti permetterà di aggiornare il tuo software. Dovresti arrivare a una schermata come questa, che ti permetterà di proseguire ignorando il backup precedentemente obbligatorio:

ServiceDesk: bloccare il backup forzato durante un aggiornamento 1

Fatto ciò, puoi in qualsiasi momento andare a eliminare quel parametro dal file batch, per evitare che in futuro tu vada a saltare a piè pari una fase importante di qualsivoglia upgrade, il backup dei tuoi preziosi –e mai troppo messi al sicuro– dati.

Buon lavoro!


fonte: pitstop.manageengine.com/portal/community/topic/upgrade-to-9400-without-no-backup

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

ServiceDesk Plus, come tanti altri software (Microsoft Windows ne è un esempio comune e pratico), permette di effettuare rollback di versione nel caso in cui qualcosa vada storto o non convinca gli utilizzatori post-upgrade. L’operazione viene permessa tramite la finestra dell’Update Manager, la medesima che utilizzi per installare un Service Pack di programma, basta dare un’occhiata alla parte bassa della finestra, solitamente “lasciata lì e ignorata”:

ServiceDesk: recuperare lo spazio disco occupato dagli aggiornamenti

Selezionando un SP e facendo clic su Uninstall… potrai tornare indietro alla versione interessata, e fin qui tutto bene (dirai). Se la tua intenzione è invece quella di fare pulizia perché gli aggiornamenti funzionano correttamente, sappi che puoi recuperare lo spazio occupato da quelle patch in qualsiasi momento, semplicemente andando a cancellare i file che si trovano nella cartella ManageEngine\ServiceDesk\Patch (all’interno del disco fisso di installazione del programma). Puoi fare pulizia completa, ciò non impatterà ServiceDesk Plus, che non dovrà neanche essere fermato:

ServiceDesk: recuperare lo spazio disco occupato dagli aggiornamenti 1

La questione è stata discussa più volte all’interno del forum della Community, ti basta una ricerca per arrivare a molteplici risultati simili a questo (vecchissimo, ma ancora valido): pitstop.manageengine.com/portal/community/topic/safe-to-delete-servicedesk-patch-folder-18-10-2012.

Buon lavoro.

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Una domanda apparentemente complessa che merita una risposta semplice, per cercare di incontrare quanto più pubblico alle prime armi possibile. Ho risposto in separata sede, mi piace però condividere pubblicamente quella che secondo me può essere una buona scaletta per far muovere i primi passi al tuo nuovo sito web basato su WordPress (a prescindere che si tratti di blog personale o altro tipo di idea). Ti invito a dire la tua nell’area commenti, inserendo nuovi punti esclusi dalla mia personale lista, ma evidentemente non per questo non meritevoli di menzione. Cominciamo?

WordPress: ShortPixel Image Optimizer 8

#1: Creare un account amministrativo diverso

In realtà di questo argomento ne abbiamo già parlato, forse lo ricorderai. Mi cito copiando e incollando un passaggio fondamentale di questo diverso articolo:

Ciò che intendo è, per esempio, non utilizzare l’account amministrativo di default (che va quanto prima degradato a semplice utente, se non addirittura eliminato), in favore di un nuovo account da te appositamente realizzato, amministrativo, con username non facilmente indovinabile e con una password complessa (parleremo anche di password robuste quanto prima, ma ti porto a questa vignetta, che tanto spiega in merito). Non utilizzare la stessa password che hai già usato in passato per altri servizi. Fatti aiutare da un buon password manager se ti serve.

Il consiglio rimane lo stesso identico: elimina quanto prima l’account “admin” creato automaticamente da WordPress, non prima di averne creato uno diverso con gli stessi poteri, il quale dovrà avere username differente, più complesso, così come la password, che dovrà inoltre essere dedicata e non condivisa con altri servizi che sfrutti su internet. Posso comprendere che questa sia per te una scocciatura, ma ringrazierai quel giorno in cui qualcuno scoprirà (per errore altrui) qualche tua coppia di credenziali (ne parlo nell’articolo Firefox Monitor ti avvisa in caso di furto credenziali) e le userà anche per appropriarsi del tuo sito web.

Fondamentale e oggi ormai dato per scontato è il doppio passaggio di autenticazione. In passato ti ho parlato di Authy, ho poi virato verso un diverso metodo di verifica autenticazione, te ne ho parlato nell’articolo WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo.

#2: Creare gli account aggiuntivi per editor e collaboratori

Che, a voler essere puntigliosi, potrebbero bastare anche alla tua quotidianità. Le operazioni da eseguire tramite l’account amministrativo sono relativamente poche se hai ormai configurato al meglio il tuo sito WordPress, per questo motivo potresti pensare di creare per te un account “Editor” in grado di scrivere, modificare o cancellare qualsivoglia contenuto pubblicato (o in attesa di pubblicazione), lasciando all’amministratore il compito della manutenzione del software, l’installazione di qualche plugin e poco più. Occhio a ciò che permetti ai tuoi collaboratori, i ruoli di WordPress sono pochi e ben spiegati nel documento Roles and Capabilities sul Codex.

Per aggiungerne di nuovi, io ho utilizzato (e utilizzo tutt’oggi) il plugin Members, fantastico per poter creare nuovi ruoli e modificarne i permessi scendendo molto nel dettaglio (puoi permettere o negare singole azioni, la granularità è davvero ottima):

Members
Members
Developer: Justin Tadlock
Price: Free

#3: Occhio al fuso orario

Sembra una banalità ma non lo è, il fuso orario di WordPress (Timezone nelle installazioni in inglese, come la mia) è fondamentale quando programmi la pubblicazione di un articolo, non vorrai mica rischiare di tirare fuori dei pezzi a orari tutt’altro che in accordo con la tua linea editoriale, vero? :-)

SettingsGeneral (Impostazioni → Generali in italiano) nella tua dashboard amministrativa, quindi seleziona Roma (immagino) nel menu a tendina in corrispondenza del fuso orario:

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 1

#4: Permetti la Visibilità ai motori di ricerca

Altro parametro che può passare inosservato ma che è fondamentale se vuoi iniziare a macinare qualche visita oltre quelle che sei solito fare tu per amministrare il sito web o scrivere e pubblicare contenuti. All’interno delle Impostazioni di lettura troverai un’opzione relativa alla Visibilità ai motori di ricerca, ciò che permette a Google e soci di indicizzare i tuoi contenuti e renderli fruibili da chi lancia query tramite i siti web più utilizzati al mondo (i motori di ricerca, per l’appunto).

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 2

Assicurati che questa non sia impostata per scoraggiare tale comportamento, configurazione che solitamente si usa durante la preparazione del sito web, che va assolutamente modificata quando questo andrà in produzione e farà il suo debutto sul web.

#5: Configura una corretta struttura Permalink

In breve: Un permalink o collegamento permanente è un tipo di URL che si riferisce ad una specifica informazione, implementato in modo da non cambiare o almeno da rimanere lo stesso per lunghi periodi di tempo. Il termine è spesso impiegato nell’ambito dei blog per indicare il link ad un determinato post.

Continua su it.wikipedia.org/wiki/Permalink

È ciò che condurrà il lettore al tuo articolo negli anni, a prescindere da ciò che succederà, dando stabilità ai risultati di un motore di ricerca, rendendolo ben felice di continuare a servirti e portare al tuo porto nuove visite. È una struttura molto importante, critica per certi versi, è giusto deciderla all’avvio di un tuo nuovo progetto, la puoi configurare da ImpostazioniPermalink. Per questo blog ho scelto ormai tanti anni fa quella basata su anno/mese/giorno e nome dell’articolo, se potessi tornare indietro (cosa che comunque puoi pilotare abbastanza agilmente, con tanta pazienza e qualche giusto aiuto) sceglierei quella basata solo sul nome dell’articolo.

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 3

#6: I soli Permalink non risolvono tutto, genera una Sitemap

La Sitemap permette a Google di venire a conoscenza di tutti i collegamenti che un lettore può fruire all’interno del tuo nuovo sito web, generarla e darla in pasto al motore di ricerca toglie carico di lavoro a quest’ultimo, il quale -salvo errori- digerirà immediatamente quanto dato in pasto, generando immediatamente visite a tuo favore (ammesso che l’utente stia cercando ciò che tu metti a disposizione). Per farlo puoi farti dare una mano da uno dei tantissimi (pure troppi) plugin disponibili sul repository ufficiale di WordPress. Io, come tanti altri, utilizzo la funzione integrata all’interno di Yoast, quella che trovi all’interno di SEOFeatures → XML Sitemaps:

Yoast SEO
Yoast SEO
Developer: Team Yoast
Price: Free

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 4

#7: Hai attivato Google Analytics?

Restiamo sull’argomento statistiche e corretta gestione da parte dei motori di ricerca. Analytics è lo strumento realizzato da Google per tenere d’occhio le proprie “performance” (che detta così suona un po’ come un film di Rocco, ma non è ciò su cui si fonda il pezzo!), per cercare di costruire una strada di costante miglioramento, seguire i gusti dei lettori (senza dimenticarsi però che l’opera è prima di tutto tua, deve piacere a te), sfoderare l’asso quando serve tirarlo fuori dalla manica.

A tal proposito, ThemeTrust aveva pubblicato un articolo molto ricco e ben realizzato (in inglese) che puoi trovare all’indirizzo themetrust.com/google-analytics-in-wordpress (se vuoi proporre un’alternativa altrettanto valida in italiano sei il benvenuto, lascia un commento a fondo articolo!).

#8: Il backup ragazzo, il backup.

Ripeti con me: creerò e manterrò un backup aggiornato del mio sito web, di ogni suo contenuto e del database. Ora continua a ripeterlo, ma nel frattempo metti in piedi una soluzione di backup del tuo WordPress. Ci sono mille metodi validi, io continuo a operare su due piani diversi, facendo più backup al giorno del database MySQL e un backup quotidiano dei file. Te ne ho già parlato qui, ma ti ripropongo lo specifico passaggio:

Avere una copia di backup aggiornata è fondamentale per evitare di incorrere in possibili disastri (causati da te, dal tuo provider o da qualcuno di completamente estraneo).
Per portare a termine questa operazione esistono decine di plugin, sia gratuiti che a pagamento. Io ho scelto di affidarmi a BackUpWordPress della Human Made.

BackUpWordPress

In conclusione

Di punti ce ne potrebbero essere molti altri, ci si ferma qui per convenienza e per non mettere ulteriore carne sul fuoco, ma sei libero di suggerirne di nuovi, per poterli integrare all’interno di questa lista o per giustificare una nuova pubblicazione dedicata, libero sfogo ai tuoi consigli quindi. Resto a disposizione anche per correggere qualche svista o migliorare qualche punto sopra riportato, un po’ come sempre capita :-)

Buon divertimento!


liberamente ispirato a themetrust.com/do-after-launching-a-wordpress-site

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: