Archives For Cloud

Mi sono ritrovato ad affrontare un “non problema“, costituito dalla migrazione di posta elettronica accumulata per anni, da portare su un account Office 365. Il tutto però non potendo passare da un Outlook sulla macchina interessata, rendendo di fatto più interessante la richiesta. Migrare la tua posta elettronica senza perdere niente di quanto ricevuto e spedito in tanti anni di attività, credo sia un passaggio importante e delicato, che però è possibile affrontare in maniera semplice con lo strumento giusto, io ho dato un’occhiata a MailStore Home.

Migrare la posta dal tuo client Home a Office 365 (Exchange Online) 6

Nella sua versione casalinga e gratuita, MailStore offre un programma completo, che aiuta chiunque a spostare materiale così tanto delicato e al quale possiamo difficilmente rinunciare. Io ho avuto a che fare con un ambiente basato su Thunderbird e un account che per anni ha scaricato posta in POP3, non lasciando quindi alcunché sul server a distanza di qualche giorno (il solito intervallo del “cancella tutto dopo 15 giorni di permanenza sul server di posta“), men che meno la posta spedita (conservata direttamente in locale). Dall’altro lato, un account WebMail di Office 365, senza quindi la possibilità di installare in locale un Microsoft Outlook con il quale catturare rapidamente tutta la corrispondenza salvata.

MailStore Home è stata la mia ancora di salvezza che, configurata opportunamente, mi ha permesso di caricare tutto il materiale online, portando pazienza, mettendo poi mano all’account di Office 365 giusto per riorganizzare le mail (perché l’esportazione viene eseguita in una cartella con un nome dato dal programma). Lo avevo già utilizzato in passato (per tenere sotto backup il mio account di GMail, preferendogli poi però Gmvault), stavolta è servito eccome :-)

Configurazione da “pronti, via

Scarica MailStore Home dalla pagina ufficiale e, una volta avviato, scegli se installarlo sulla tua macchina o avviarlo in modalità portable (creerà una cartella ad-hoc), io ho preferito quest’ultima. A questo punto l’interfaccia del programma è sufficientemente parlante e logica. Ho caricato una piccola galleria immagini per spiegarti

Ti riporto qui di seguito le istruzioni, nel caso in cui tu abbia problemi nel leggerle direttamente dalla galleria:

  • Spostati in Archivia e-mail, fai clic sul programma di posta che intendi portare su Exchange Online (nel mio caso Thunderbird) e permetti al programma di conservare copia del suo intero archivio di posta (impiegherà diverso tempo, sulla base di quanta posta hai accumulato, porta pazienza).
  • Fai clic su Esporta e-mail. Crea un nuovo profilo in base alla tua “destinazione” (nel mio caso, Cassetta postale di Exchange, valida per Office 365). Inserisci i dettagli richiesti a video, quindi tenta una connessione per verificare che tutto vada bene.
  • Tutto corretto? Bene, salva il profilo, sei pronto a procedere.
  • Fai doppio clic sul profilo appena creato.
  • Ti si presenterà la schermata che ti chiederà che tipo di mail migrare. A te basterà dargli in pasto quelle precedentemente salvate da Thunderbird, ora memorizzate all’interno di MailStore Home. Seleziona tutto ciò che ti interessa portare sul server Exchange.
  • Il processo di migrazione è cominciato. Vai a fare merenda, impiegherà diverso tempo. Puoi comunque continuare a lavorare, a patto di non aprire Thunderbird nel frattempo, così che non ci sia posta elettronica che sfugga alla migrazione. Utilizza poi solo la WebMail (o client alternativo) che punti al tuo nuovo account Office 365.

Salvo errori o problemi nel processo, tutta la tua posta elettronica è ora sul tuo nuovo account, al sicuro. Potrai finalmente pensionare il vecchio metodo di salvataggio della tua corrispondenza.

Ok l’ho fatto. Dopo anni di giochi e modifiche varie tra firmware dei router e hard disk portatili, ho detto basta. L’ho detto per la scarsa velocità di trasferimento dei dati, l’ho detto perché mi secca dovermi ricordare di collegare un disco USB al mio MacBook per mettere al sicuro i miei dati, l’ho detto perché avevo creato alcuni “single point of failure” difficili da sopportare ormai, soprattutto perché in alcuni casi non avevo alcuna copia di sicurezza in Dropbox. L’obiettivo era diventato ormai unico: centralizzare. Per questo motivo sono tornato a far parte della schiera di clienti Synology, ho acquistato un Synology DS216j.

Un NAS per casa: Synology DS216j

La soluzione ideale sarebbe stata quella in grado di accentrare i miei dati in un unico posto, raggiungibile anche dall’esterno (adottando opportuni accorgimenti di sicurezza), che mi permettesse di recuperare file anche da postazioni remote (come i PC di casa dei miei genitori a Ravenna, tanto per dire, o magari uno smartphone). L’acquisto del Synology DS216j è stato dettato dal rapporto tra qualità e prezzo, le sue caratteristiche mi hanno soddisfatto inizialmente sulla carta, in seguito anche sul campo da battaglia. L’acquisto è stato fatto in combinazione con un doppio disco Western Digital Red da 2 TB, specifico per NAS:

Primo approccio e avvio

Il NAS è molto bello, elegante, leggero. Il suo peso maggiore deriva in realtà dalla somma del peso dei dischi che ospita, nel mio caso meccanici e “non troppo snelli“, devi però pensare che potresti utilizzare dei dischi SSD da 2,5″ (con slitta per poterli alloggiare e bloccare negli slot da 3,5”), anche se non consigliato (considera che i dischi SSD ai quali siamo abituati noi oggi, a meno di acquistarli specificatamente per questo mestiere, non sono fatti per sopportare carichi di lavoro molto pesanti, h24, per chissà quanto tempo). Nonostante quello che dice la mia dolce metà, un oggetto simile non sfigura in salotto, di fianco al televisore o in altra posizione, purché (consiglio molto spassionato) sia a portata di un cavo di rete che lo collegherà al tuo router (meglio se Gigabit). Pensare di collegarlo alla rete di casa affidandosi magari a dei rilanci WiFi è veramente un azzardo (e in alcuni casi rende inutile l’investimento).

Nella scatola c’è tutto il necessario per procedere con il montaggio dei due dischi previsti dal NAS (affinché tu possa sfruttare così il RAID 1 che nascerà senza chiederti alcunché, parte vantaggiosa anche per chi non è proprio abituato a giocare con questo tipo di strumenti) e, una volta fatto tutto, chiuso e avvitato, potrai collegarlo alla rete elettrica e quella dati, quindi accenderlo. Da ora in poi, ci vorranno circa 5 minuti prima di sentire un “bip” audio che ti permetterà di capire che il NAS è pronto a farti fare il primo accesso. Se hai confidenza con la console del tuo router, troverai facilmente l’IP che il prodotto si è preso dal DHCP (e potrai puntarci il browser sin da subito). In caso contrario, potrai (dovrai) scaricare l’applicazione “Synology Assistant” dalla pagina synology.com/it-it/support/download/DS216j, che cercherà al posto tuo il dispositivo.

Verrai così guidato verso l’interfaccia di accesso al sistema operativo montato a bordo di questi NAS (nel caso di Synology, il DiskStation Manager, DSM per comodità), che ti guiderà nel corso di una prima configurazione e preparazione dei dischi, così come all’aggiornamento del sistema operativo. Il tutto, considerando i tempi di comprensione di una persona media, occuperà circa mezz’ora di tempo (ammesso che tu abbia anche una decente connessione dati).

Un NAS per casa: Synology DS216j 1

Applicazioni

Il Synology DS216j, così come gli altri prodotti di più basso, pari o maggiore livello, propongono un collegamento a uno store (il “Centro pacchetti“) che permette di installare applicazioni a bordo dell’apparato. Tali applicazioni ti permetteranno di ampliare il bouquet di servizi a tua disposizione, che esulano dal mero spazio disco che puoi “mappare” sul tuo PC, ma che comunque riportano all’utilizzo di quei dischi che pulsano al suo interno. È così facendo che potrai –per esempio– creare un mirror dei contenuti che ospiti sul tuo Dropbox, mettere in piedi un Media Center o un punto unico che concentri tutte le fotografie scattate, tue e dei tuoi familiari, anche da cellulare.

Un NAS per casa: Synology DS216j 2

Ogni applicazione è descritta anche in italiano, tutto viene spiegato in maniera chiara, difficile sbagliarsi, tuttalpiù si farà qualche test, ci si accorgerà di non aver messo in piedi l’applicazione necessaria per la propria esigenza e la si disinstallerà, passando al successivo test, diventa anche un modo come un altro per conoscere meglio lo strumento che si ha a disposizione, le sue possibilità e le proprie capacità nel configurarlo al meglio.

Il Centro pacchetti però, come prevedibile, è limitato, il numero di applicazioni è importante ma non infinito, per questo motivo esistono fonti esterne che permettono di espandere quel catalogo proponendo nuovi software, tutti in grado di girare su DSM (appositamente pacchettizzati). Uno dei possibili assi della manica è synocommunity.com, che darà accesso in maniera semplice a un bel bouquet (qui potrai farti un’idea: synocommunity.com/packages). Una volta aggiunta la fonte al proprio Synology, si potrà aggiungere una qualsiasi tra le applicazioni disponibili passando direttamente dal Centro pacchetti, al quale nel frattempo ti sarai abituato.

Un NAS per casa: Synology DS216j 3

Personalizzazione e risorse

Personalizzare il proprio Sinology è semplice, devi soltanto curiosare tra le sue opzioni, perdi il giusto tempo per capirle e provarle, possibilmente senza spingerti oltre quello che a primo colpo non comprendi, perché si tratta di dispositivi molto venduti e quindi molto discussi e supportati dalla comunità. Se non vuoi perderti nelle decine di alternative in lingua inglese (anche se personalmente te le consiglio), puoi sempre fare riferimento a qualcosa di nostrano, come synologyitalia.com. Il forum affronta le varie tematiche legate a questo mondo, ai modelli di Synology sul mercato (e non solo), pacchetti da installare e metodi alternativi a quello previsto di fabbrica, firmware.

Un NAS per casa: Synology DS216j 4

Se vuoi evitare di configurare il tuo router (oppure non puoi perché dietro NAT) in modo da raggiungere il NAS anche quando sei fuori casa, utilizza il servizio messo a disposizione da Synology. Si chiama QuickConnect e lo trovi facilmente nelle impostazioni di connettività del prodotto. Dovrai registrare un account di posta elettronica attraverso il quale gestire il tuo ID (quindi l’URL da raggiungere) e le impostazioni di accesso alle applicazioni e ai servizi, ma per effettuare il login sul NAS continuerai a utilizzare l’utente che hai creato in fase di primo avvio (oppure un diverso utente creato successivamente, magari per essere passato alla tua compagna o a un tuo amico). Funziona un po’ come con TeamViewer o prodotti simili. A prescindere dalla tua rete di casa, farai ponte sui server Synology per raggiungere il tuo NAS, un po’ come fosse un proxy ;-)

Nella mia attuale configurazione

Avere un NAS in casa risolve molti problemi legati alla centralizzazione dei dati e alla loro sicurezza (data dal RAID), ma questo credo che tu l’abbia capito dopo così tante righe di articolo. Ciò che -forse- ti interessa di più, è capire come mettere in pratica il tutto, un suggerimento di configurazione. Provo a descriverti sommariamente la mia, magari ti può tornare utile anche per specifiche tue esigenze.

Dropbox anche per Windows Xp

Lo so benissimo, Windows Xp non dovrebbe più esistere sulla faccia della terra, hai ragione. Ho una vecchia macchina, un Netbook (te li ricordi ancora?), montava Windows Xp Sp 3 in origine, lo avevo formattato e ci avevo installato Windows 7, cercando di ottimizzarlo quanto più possibile, ma sono dovuto tornare indietro dopo circa un anno, le prestazioni sono calate (parecchio).

Lo utilizza ancora la consorte, ci tiene in ordine le ricette di cucina, le spese, ci naviga e controlla la posta, nulla più. Fino a quando vivrà, avrà bisogno di Dropbox, perché è lì sopra che tiene in backup tutto. Dropbox però non supporta più Windows Xp, dall’agosto dello scorso anno.

Utilizzo già Cloud Sync sul Synology DS216j, ho solo dovuto creare un utente ad-hoc per quel PC, aggiungere una voce all’elenco attività del connettore Dropbox (è facile, ti basterà seguire una procedura guidata molto banale) tenendo l’attività in sincronizzazione bidirezionale ed ecco fatto, una semplice mappatura di rete su quel Netbook permetterà di tenere vivo il collegamento con Dropbox, il resto è stato solo un junction su Windows Xp (roba del 2010 eh, nulla di nuovo sotto al sole).

Manca un client FTP

Davvero, una cosa stupida, che attualmente non esiste ma che spero possa essere integrata in una prossima versione del DSM. C’è il work-around, per motivi abbastanza ovvi, e si basa su un semplice script e sul sempreverde wget. Riassumo: un processo schedulato, un collegamento FTP e una cartella nella quale depositare i dati.

Il codice è abbastanza banale, e non servirà null’altro per portare a termine l’operazione:

wget -m ftp://<username>:<password>@<server_ip>/* -P /volume1/CARTELLABACKUP

Ovviamente al posto di <username> e <password> andranno indicati i relativi dati di collegamento al tuo spazio FTP, così come al posto di <server_ip> il giusto server. Dovrai modificare anche /volume1/CARTELLABACKUP con la destinazione corretta, quella scelta sul tuo NAS, per ospitare i dati che vuoi scaricare per tenere da parte un backup.

Cosa c’è di sbagliato in tutto questo? Nulla, sulla carta, nella pratica non riuscirai a controllare un avanzamento di quanto appena lanciato (puoi verificare l’occupazione cartella di destinazione e il numero di file che compariranno al suo interno, è vero), così come non riuscirai a bloccare il processo da interfaccia grafica (dovrai abilitare il collegamento SSH al tuo NAS e fare tutto da terminale), al massimo potrai monitorarlo.

Mi spiace, niente Google Photos

Un’altra mancanza. Niente work-around stavolta, a meno di far passare l’archivio fotografico da Google Drive, ma in quel caso viene a meno quella caratteristica così comoda messa a disposizione da big G, lo spazio non limitato sui server di Mountain View a patto di tenere la risoluzione non originale (ma comunque di buona qualità), ideale per le fotografie scattate da cellulare.

Avrei voluto mettere in piedi un ponte per tenere sotto backup le fotografie dei miei smartphone e di Ilaria, ma non solo. Ho provato a dare un’occhiata a Photo Station (applicazione consigliata per chi possiede un Synology) ma non mi ha soddisfatto. Resteremo su Google Photos, con la speranza che venga integrato in una delle applicazioni del DSM in futuro.

Un Plex sempre Ready to go, quasi

Ho installato Plex sul Synology DS216j, funziona bene, sono soddisfatto e ho ovviamente aggiornato il tutto secondo documentazione ufficiale, odio quando un pacchetto è troppo indietro rispetto alla release ufficiale dello sviluppatore, e quelli di terze parti su Synology non vengono proprio aggiornati tempestivamente (ho notato che la versione 0.99 è rimasta quella “più aggiornata” secondo il NAS per diverso tempo, quando in realtà eravamo arrivati ben oltre da diversi mesi). Ho scritto prima di questo rispetto al pezzo dedicato all’oggetto intero, speravo di chiuderlo un po’ prima ma evidentemente non è andata così.

Un NAS per casa: Synology DS216j 9

La pecca? Non tutti i file video vengono correttamente processati e mandati in onda sul televisore (tramite Chromecast), per alcuni serve un po’ più potenza di fuoco (CPU e RAM) per poter essere correttamente encodati e mandati in streaming. Per questo motivo sono stato costretto a riaccendere il Plex della macchina Windows sempre viva in casa, è lei che si occupa di fare quel mestiere con i file più ostici, pur prendendoli da NAS.

In conclusione

Un buon prodotto, modulabile (considerando le applicazioni disponibili ufficialmente ma anche quelle provenienti da altre repository), che si adatta abbastanza facilmente alle esigenze ma che ancora ha qualche piccola lacuna che -credo- non sarà difficile da colmare, e il tempo potrà dire se questo mio “vecchio articolo” (quando lo sarà) ci aveva visto giusto o no.

Synology non tradisce e riesce anche a mettersi al livello di quel consumatore che probabilmente non conosce poi così bene l’argomento, che non è abituato a parlare di mirroring o script da terminale, è un po’ a portata di chiunque (l’importante è volersi applicare). Non ho volutamente parlato di specifiche prettamente tecniche, non sono voluto scendere in quel dettaglio che potresti non riuscire a seguire dopo qualche riga, per i puristi c’è sempre la pagina dedicata (e qui trovi anche le prestazioni misurate).

Il costo dell’apparato è sufficientemente bilanciato a ciò che si ottiene. Rimane una spesa tutto sommato contenuta se si possiedono già i dischi fissi, tutto aumenta se devi mettere in piedi da zero il tuo concentratore di dati, come nel mio caso, e ti consiglio personalmente di investire qualche soldino in più ma fare le cose per benino, non comprare a occhi chiusi se non sei sicuro di quello che stai per fare. Già che ci sei, utilizza il sito web di Synology per verificare la compatibilità del Synology DS216j con prodotti di terze parti (hard disk compresi): synology.com/it-it/compatibility?search_by=products&product_bays=2&product_name=DS216j.

Mi sembra –e credo– di aver scritto tutto quello che mi sembrava giusto riportare, ovviamente l’area commenti è a totale disposizione, per ogni dubbio in merito al prodotto e al suo sistema operativo, nei limiti delle capacità del sottoscritto :-)

fonti utilizzate: evotec.xyz/how-to-backup-ftp-to-synology

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: tutto pagato di tasca mia (sono circa 300€ di spesa). È un bell'investimento ma risolve tante beghe.

Seeweb: una panoramica sui servizi più richiestiPiù che una vera novità, questo vuole essere un riepilogo sui servizi più importanti e richiesti di Seeweb, società della quale vi ho già parlato in passato e che continua a collaborare con il sottoscritto per promuovere prodotti e servizi che altri competitor non offrono (o lo fanno a diverso prezzo e magari con un’assistenza tecnica non sempre puntuale, pro-attiva e disponibile).

Seeweb è stata tra i primi fornitori di cloud computing in Italia (nel 2009 presentarono i primi prodotti in cloud), con quattro Data Center di proprietà (due a Milano e altrettanti a Frosinone), per un totale di 2500 mq di spazio dedicato a servizi di cololocation e cloud computing. A luglio dello scorso anno, hanno inoltre costituito una holding atta a testare un nuovo mercato, quello sud-est europeo.

Seeweb: al via Dominion Hosting Holding – DHH

Tra i vari prodotti e servizi su cui l’azienda punta, tre in particolare vengono costantemente spinti e proposti poiché considerati fiori all’occhiello del gruppo laziale, ve ne ho anche parlato in passato. “Cloud Server” (ne parlavo qui),  il programma “System Assurance” e lo “SLA Seeweb” (ne parlavo in un articolo, che racchiude anche il Pre-Sales, unico che vi propongo qui di seguito):

Seeweb: necessità di aiuto? Ecco i sistemi di Pre-Sales, System Assurance e la garanzia sull’uptime (SLA)

Non è (solo) il ferro a fare di un servizio il giusto partner tecnologico, bisogna soprattutto poter fare affidamento a una squadra di persone capaci, informate, che sappiano fare il loro mestiere e che possano quindi supportare (e sopportare, in alcuni momenti critici) le richieste di un cliente spesso non preparato, che ignora come tutto il suo palcoscenico possa stare in piedi senza perdere un colpo. Un palcoscenico dove ogni attore porta a casa la sua pagnotta, facendo allontanare soddisfatti gli spettatori a fine spettacolo. Il mestiere del provider non è mai semplice.

Provate ad immaginare migliaia (e più) di clienti, i più disparati casi di supporto, problemi legati ad aggiornamenti che spesso non vengono eseguiti nella giusta maniera, possibili falle che possono essere sfruttate da chi ha intenzioni ben poco amichevoli nei confronti del vostro sito web, e di conseguenza verso il server che vi ospita (spesso mettendo in pericolo altri clienti, se non opportunamente isolati e protetti). Chi vive il web da anni dovrebbe saperne qualcosa (me per primo).

Seeweb: una panoramica sui servizi più richiesti 1

Ma perché va così di moda parlare di Cloud, SLA & co.?

Perché l’innovazione tecnologica che stiamo vivendo ormai da qualche anno a questa parte, consente ad aziende come Seeweb (e non solo, ovviamente) di fornire un supporto più puntuale, preciso, rapido. Risorse costantemente scalabili secondo le esigenze del cliente finale, mai banale quando si tratta di tenere a bada siti web particolarmente impegnativi, che potrebbero crescere fino a superare quel pacchetto inizialmente pensato, valutato e acquistato presso il provider scelto. E se domani doveste avere necessità di più GB su disco? E se crescete a tal punto da giustificare un aumento di banda mensile che non avreste mai pensato di raggiungere? Essere online significa poter contare su un partner che assicuri una raggiungibilità pressoché eterna, sempre disponibili, h24, 365gg / anno e 366 nei bisestili. Essere offline vuol dire perdere visibilità, forse clienti, sicuramente visitatori.

Ecco perché è importante valutare provider che offrano servizi di uptime garantito, dietro condizioni di SLA che possano rimborsare una giusta cifra nel caso in cui un servizio non funzioni a dovere.

Perché mi deve interessare lo SLA?

E se proprio i tecnicismi non fanno per voi, che per tirare a campare sviluppate un sito web affidabile e bello da vivere, ricordate che ci sono persone decisamente più capaci nella valutazione di una buona struttura hardware in grado di rispondere correttamente a ogni richiesta della vostra creatura:

Seeweb: una panoramica sui servizi più richiesti 2

System Assurance: 9 motivi per sceglierla

Lo avrete capito: il partner scelto è importantissimo per la buona salute del vostro progetto. Voi chi avete scelto? Avete già avuto esperienze con Seeweb? Se si, come vi siete trovati? L’area commenti è sempre a vostra totale disposizione, anche senza obbligo di registrazione.

Copy è morto. Migrazione dati in cloud (da Copy a Dropbox) 7

As such, we have made the difficult decision to discontinue our Copy and CudaDrive services. We certainly do not take this lightly, and we appreciate the millions of customers who have used the service, as well as the hard work and dedication of our product team over the past 4+ years.

Comincia tutto così. Siamo fighi, siamo belli, abbiamo grandi progetti di conquista del mondo e quindi, già che ci siamo, chiudiamo un servizio di cloud storage che magari avete scelto di utilizzare come ancora di salvezza per tutti i vostri file che siete soliti tenere su un solo disco esterno, single point of failure da evitare come la peste bubbonica. Fortunatamente non è il mio caso (sono utente Dropbox Pro dalla notte dei tempi e spero di rimanere tale ancora per molto, nda), ma immagino tutti coloro che avevano provato e apprezzato Copy (di cui vi avevo parlato in questo articolo), scegliendolo come compagno di viaggio.

Copy è morto, lunga vita a Copy, ma adesso cosa si fa? Si trasferiscono i dati, se di questi non avete più un backup locale sulla vostra macchina. Si chiede al client di copiare tutto in un vostro disco fisso, o magari si sceglie di traslocare il materiale da Copy a Dropbox (o altro servizio di cloud storage) come nel mio caso. Su Copy ho conservato per molto tempo le ISO dei miei CD e DVD di installazione software. Da Windows a Office, passando per Acronis e molto altro ancora. Tutti file sacrificabili, che potrei ricostruire in poco tempo, ma che ovviamente vorrei poter migrare senza perdite ancora oggi che sono in tempo.

Mover

Semplice, pulito, gratuito. Mover è un’applicazione web che permette di eseguire un’operazione molto semplice e fondamentale in questi casi: copiare o spostare dati da un servizio all’altro. Sfrutta le API di Copy, di Dropbox, di molti altri servizi di cloud storage che siamo abituati a utilizzare quotidianamente, per account casalinghi o per quelli professionali (offerte business quindi, non le pro che vengono comunque riconosciute come fossero casalinghe in molti casi).

Copy è morto. Migrazione dati in cloud (da Copy a Dropbox) 3

Dalla sorgente alla destinazione, senza la necessità di utilizzare il proprio PC, la propria connessione, tempo e risorse che chiaramente diventerebbero troppo aleatorie e costose. Non occorrerà quindi installare alcunché, né tanto meno veder crollare la RAM a causa delle finestre del browser sempre aperte sui due servizi di storage che intendete mettere in trasfusione. Create un account gratuito su Mover.io e iniziate a selezionare la sorgente dati dalla quale copiare i file (Source). Date un nome alla prima connessione, autenticatevi e permettere a Mover di ottenere diritti di lettura e scrittura:

Fate lo stesso con la destinazione, arriverete così a poter mettere a confronto le due e scegliere quindi dove posizionare i vostri file:

Copy è morto. Migrazione dati in cloud (da Copy a Dropbox) 2

L’operazione di setup è talmente semplice che ho stentato a credere che bastassero così pochi clic, manco fosse un comando lanciato in un prompt di DOS. Una volta fatto attivato il pulsante Start Copy, si accederà alla schermata di attività (Activity Logs) che mostrerà l’operazione in corso, l’ora e la data di avvio, la sorgente, la destinazione e il progresso (comprensivo di quantità di MB o GB scaricati e caricati). Questa potrà essere aggiornata manualmente per verificare l’andamento della stessa, oppure potrete scegliere di chiudere la tab e attendere un risultato a mezzo posta elettronica.

Copy è morto. Migrazione dati in cloud (da Copy a Dropbox)

Già, a mezzo posta elettronica. Perché Mover, al termine dell’operazione richiesta, vi invierà un report sulla vostra casella e-mail includendo le informazioni di base della copia del file e l’esito, allegando eventualmente un log più dettagliato riguardo errori di copia (e possibilità quindi di individuare i file incriminati e rilanciarne lo spostamento), un po’ come successo a me:

Copy è morto. Migrazione dati in cloud (da Copy a Dropbox) 6

Ho lanciato l’operazione di copia dei file alle 14:42 del 2 febbraio, è arrivata la mail di conferma alle 02:59 del 3 febbraio. 11254 file portati su Dropbox, per un totale di 56,6GB. Non sono poi molti (i GB) ma si trattava per lo più di piccoli file (infatti il conteggio è abbastanza corposo), per questo motivo la copia è certamente durata più di quanto avessi previsto, ma volete mettere la comodità di lanciare un job da eseguire e dimenticarsene? La possibilità di lasciarlo andare a prescindere che ci sia o meno una macchina con i client di entrambi i servizi installati da lasciare accesa a scaricare per poi ricaricare online tutto? Una risposta presa dalla Knowledge Base del servizio calza a pennello:

That being said, by the time you’ve read this article, you could’ve moved more than a few gigabytes.

It can be difficult to predict how long a given transfer will take.  Depending on the number of directories, the number of files, and the size of those files, and the source/destination it can sometimes take longer than expected to move your data.

What may be surprising is how large of an impact factors other than the size of the data you are moving can have. For example, it is not uncommon for there to be 0.5-1 second of overhead per file being moved.  If you are trying to move 200,000 files, this would be 100,000 – 200,000 seconds, or up to two and a half days of overhead alone!

Regardless, Mover is going to be consistently faster than dragging and dropping or doing a transfer manually from your home. You also won’t need to keep the app or your browser open, or remain online for the transfers.

In grassetto ho voluto evidenziare il passaggio fondamentale. Non ha importanza quanto tempo impiegherà per voi Mover, è tutto tempo che voi non perderete.

Al termine dell’operazione, nel caso non vogliate lasciare aperta la porta del vostro servizio di cloud storage, potrete sempre rimuovere l’accesso a Mover (nell’immagine di seguito, l’esempio catturato nella scheda sicurezza del mio profilo Dropbox):

Copy è morto. Migrazione dati in cloud (a Dropbox o altro servizio)

Addio Copy, e grazie per tutto il pesce.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Pogoplug è un piccolo prodotto attraverso il quale potrete creare e gestire uno spazio cloud completamente personale (i file sono fisicamente presenti sui vostri dischi, ndr) con il vantaggio dell’avere un software già ben avviato (e abbastanza aggiornato), sempre disponibile sul web e raggiungibile tramite applicazione o interfaccia navigabile da browser. Uno spazio potenzialmente “infinito” (con le dovute pinze, ovviamente) grazie alle porte USB ed eSata presenti sul Pogoplug stesso al quale potrete ovviamente collegare dischi esterni. Questo articolo è dedicato alla quarta versione del prodotto acquistata a un prezzo decisamente inferiore al suo listino grazie ad un’offerta su Amazon (US), pacco consegnato in pochissimi giorni e con un ricarico minimo di tasse per un totale di spesa inferiore ai 40 € (impossibile non essere soddisfatti delle performance del big del commercio elettronico), considerando che il prezzo di listino si aggira ufficialmente intorno al centinaio di euro.

Pogoplug-series4-hero_Fotor

Il Pogoplug diventa ancora più interessante se si pensa che con un minimo di lavoro si riesce a modificare il comportamento di default previsto dalla casa madre poiché basato su una distribuzione essenziale di Linux chiamata Busybox:

/etc # uname -a
Linux Pogoplug 2.6.31.8 #5 Wed Sep 28 12:09:12 PDT 2011 armv5tel GNU/Linux

Di risorse ne esistono davvero tante e nel corso del tempo sono saltati fuori articoli in grado di spiegare passo-passo tutte le possibili modifiche o aggiunte al sistema; dall’installazione di Samba per la condivisione dei file in rete LAN su Windows al client Torrent da poter controllare anche da remoto con il minimo sforzo. Stavolta si affronta la prima citata con una piccola parentesi dedicata a OS X, ne ho raccolte diverse su delicious.com/gioxx/pogoplug.

Per partire

Procuratevi una scheda SD (anche da 1 GB, basta e avanza), un client che possa collegarsi in SSH al Pogoplug (terminale di OS X o Linux o PuTTY su Windows) e un cavo di rete direttamente connesso al vostro router (il Pogoplug non integra un chip WiFi e il cavo resta in ogni caso più stabile e affidabile, ndr). Se sapete di cosa sto parlando consiglio una reservation sul DHCP basata sul Mac Address del Pogoplug che trovate direttamente sulla sua etichetta.

A corredo suggerisco le applicazioni per iOS e Android se prevedete di effettuare il backup dei vostri dispositivi sul disco fisso connesso al prodotto (o nei 5GB messi a disposizione dall’account gratuito online).

Pogoplug
Pogoplug
Price: Free+

Da ora in poi (e per alcuni vale già quanto scritto fino a qui) occhio a ciò che fate. Se non vi sentite sicuri utilizzate l’area commenti per chiedere lumi o rinunciate, nessuno ve ne farà una colpa ;-)

SD: formattazione su OS X

Questo è quel paragrafo che potete saltare a piè pari nel caso in cui stiate lavorando sotto Microsoft Windows. Tasto destro sulla lettera che identifica la vostra scheda SD, Formatta, scegliete FAT32 tra le voci disponibili in File System ed è fatta (occhio alla formattazione veloce, basta e avanza per quello che andremo a fare). Su OS X la storia cambia, non si traduce con un paio di clic, aiuta decisamente più il Terminale. A SD inserita lanciatelo e cercate la scheda tra le memorie disponibili con il comando:

diskutil list

Una volta identificata (date un’occhiata allo spazio totale, così la facciamo più semplice) si parte con la formattazione in FAT32:

sudo diskutil eraseDisk FAT32 POGO MBRFormat /dev/disk4

dove “POGO” è il nome che ho scelto per la scheda SD (quindi potete usarne un altro) e disk4 è la scheda individuata tramite il “list“, questo il risultato:

Neptune:~ gioxx$ sudo diskutil eraseDisk FAT32 POGO MBRFormat /dev/disk4
Password:
Started erase on disk4
Unmounting disk
Creating the partition map
Waiting for the disks to reappear
Formatting disk4s1 as MS-DOS (FAT32) with name POGO
512 bytes per physical sector
/dev/rdisk4s1: 15485368 sectors in 1935671 FAT32 clusters (4096 bytes/cluster)
bps=512 spc=8 res=32 nft=2 mid=0xf8 spt=32 hds=255 hid=8192 drv=0x80 bsec=15515648 bspf=15123 rdcl=2 infs=1 bkbs=6
Mounting disk
Finished erase on disk4
Neptune:~ gioxx$

Potete quindi smontare la scheda SD e inserirla nel Pogoplug, che accenderete subito dopo collegandolo alla rete elettrica.

Installazione di Samba

Il mio articolo si basa sull’ottimo originale pubblicato da Razvan Rosca e disponibile su razva.ro/how-to-install-samba-on-pogoplug-4 (lo stesso ha scritto come installare Arch Linux pur mantenendo le caratteristiche del salvataggio in cloud di My Pogoplug: razva.ro/install-arch-linux-pogoplug-samba-pogoplug-4). Qui voglio raccogliere il da farsi localizzato in italiano basandomi sulla mia personale esperienza (nel mio caso ho utilizzato una scheda SD e un disco USB attaccato a una delle porte USB 3.0), suggerendovi altre fonti che ho avuto modo di scoprire e leggere durante le svariate ricerche fatte.

La scheda SD è formattata e dentro al Pogoplug, abilitate il prodotto a farvi accedere via SSH dalla pagina web del servizio (my.pogoplug.com, Settings, Security):

Schermata 2015-01-27 alle 22.09.14

Scegliete una password che potrete ricordare semplicemente ma che non sia banale (soprattutto se il vostro Pogoplug sarà accessibile dall’esterno della vostra rete casalinga tramite IP pubblico!). Usate ora un Terminale (OS X o Linux) o PuTTY su Windows (ne avevamo già parlato, ricordate?) e puntate all’IP del Pogoplug, entrate come root e con la password che avete stabilito sull’interfaccia web. Da ora in poi è tutto un comando o un file di configurazione, procedete con ordine, non fate confusione, nel caso aveste dei dubbi utilizzate l’area commenti!

Montate la “/” in lettura e scrittura e create la cartella /opt

mount -o remount,rw /
mkdir /opt

prima di poter montare la scheda SD nella /opt sarà necessario capire chi è la SD e chi il disco fisso collegato alla porta USB, per farlo basterà andare in /tmp/.cemnt e lanciare un ls della cartella:

cd /tmp/.cemnt/ls | grep mnt

questo il mio risultato:

/tmp/.cemnt # ls -la | grep mnt_
drwxr-xr-x    6 root     root   4096 Jan  1  1970 mnt_mmcblk0p1
drwxr-xr-x    1 root     root   8192 Jan 14 02:18 mnt_sda1
/tmp/.cemnt #

e si scopre che mnt_mmcblk0p1 è la scheda SD (basta entrare nella cartella e lanciare un ulteriore ls per controllare che file contiene, riconoscerete cosa avete messo dove, no? :-)). A questo punto si potrà procedere con il montare in lettura e scrittura la SD nella /opt:

mount -o exec,remount /tmp/.cemnt/mnt_mmcblk0p1/ /opt

Sostituiamo il wget originale del Pogoplug con quello ufficiale che siamo abituati a vedere sulle macchine Linux più comuni (ma anche su Windows, usato in diversi miei script):

cd /opt
mkdir work
cd work
wget http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/wget_1.12-2_arm.ipk
tar xf wget_1.12-2_arm.ipk
tar xf data.tar.gz
mv /usr/bin/wget /usr/bin/wget.bak
mv /opt/work/opt/bin/wget /usr/bin/

a questo punto procediamo con un po’ di pulizia per poter lavorare meglio, basta un semplice

rm -rf /opt/work/*

Ora si passa all’installazione di IPKG che permetterà in seguito di installare pacchetti binari tra cui Samba, da spostare subito dopo nella /opt:

cd /opt/work
wget http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/ipkg-opt_0.99.163-10_arm.ipk
tar xf ipkg-opt_0.99.163-10_arm.ipk
tar xf data.tar.gz
cd /opt/work/opt
mv * /opt

pulizia, ancora una volta:

rm -rf /opt/work/*

A questo punto occorrerà preparare la directory all’interno della quale far lavorare IPKG e aggiungere i repository ai quali “bussare” per cercare e scaricare i pacchetti:

mkdir -p /opt/etc/ipkg
echo "src cross http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable" > /opt/etc/ipkg/armel-feed.conf
echo "src native http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/native/unstable" >> /opt/etc/ipkg/armel-feed.c

e coprire i file delle dipendenze per poi lanciare l’aggiornamento di IPKG:

cp /opt/lib/libipkg.so.0.0.0 /opt/lib/libipkg.so.0
/opt/bin/ipkg update

Siamo pronti per installare libnsl ed in seguito Samba:

/opt/bin/ipkg install libnsl
cp /opt/lib/libnsl-2.5.so /opt/lib/libnsl.so
cp /opt/lib/libnsl-2.5.so /opt/lib/libnsl.so.1
/opt/bin/ipkg install samba2

A questo punto bisognerà mettere da parte il file di configurazione di default di Samba per poterne creare uno nuovo che andremo a personalizzare in seguito:

mv /opt/etc/samba/smb.conf /opt/etc/samba/smb.conf.bak
touch /opt/etc/samba/smb.conf
vi /opt/etc/samba/smb.conf

premendo “i” sulla tastiera si entrerà in modalità di inserimento e potrete copiare e incollare ogni singola riga (qui di seguito), una alla volta, occhio a non fare copia e incolla totale perché non vi riuscirà e dovrete ricominciare (consiglio per i più temerari: tasto ESC e poi scrivete q! per uscire da vi senza salvare ciò che avete combinato):

[global]
        workgroup = workgroup
        server string = Pogoplug
        hosts allow = 192. 127. 10.
        null passwords = yes
        guest account = root
        log file = /opt/var/log/samba/log.%m
        max log size = 50
        security = share
        encrypt passwords = yes
        smb passwd file = /opt/etc/samba/smbpasswd
        dns proxy = no
        preserve case = yes

[sda1]
        comment = USB1
        path = /tmp/.cemnt/mnt_sda1/
        available = yes
        public = yes
        writable = yes
        printable = no
        create mask = 0777
        guest ok = yes
        browseable = yes

Il file (tradotto in soldoni) permetterà il collegamento al disco gestito da Samba dalle reti 192. e 10. (oltre il classico localhost 127.(0.0.1)). Al posto del path sotto sda1 mettete il puntamento al vostro disco collegato alla porta USB 3 (vi ricordate quanto verificato qualche paragrafo più su? mnt_sda1 corrispondeva al mio disco esterno, lo richiamo adesso). Al posto di sda1 nelle parentesi quadre inserite il nome da dare alla cartella condivisa sotto Samba.

Se tutto vi sembra in ordine premete il tasto ESC e scrivete “wq” (write and quit) per salvare e uscire da vi. A questo punto potrete testare la validità della configurazione del vostro Samba:

/opt/bin/testparm

questo è grosso modo il risultato che dovrebbe spuntare fuori:

/opt/etc/samba # /opt/bin/testparm 
Load smb config files from /opt/etc/samba/smb.conf
Processing section "[DiscoDatiUSB3]"
Loaded services file OK.
Press enter to see a dump of your service definition

in caso contrario c’è un problema. Niente panico, potete buttare via il file di configurazione Samba (rm -rf /opt/etc/samba/smb.conf) e rifarlo (tornate al vi /opt/etc/samba/smb.conf). Se tutto è filato liscio potrete lanciare Samba:

/opt/etc/init.d/S80samba start

Godetevi il risultato esplorando l’unità da una qualsiasi macchina Windows nella rete, avviate un esplora risorse e puntate a \\IPPogoplug, dovreste trovare la cartella condivisa (corrispondente al disco USB) pronta per essere utilizzata:

Schermata 2015-01-27 alle 22.53.43

Ho dimenticato qualcosa? Pensate che ci sia qualcosa che non quadra? L’area commenti è a vostra totale disposizione!

OS X 10.10.1 e smb://, Support deprecated

Andate nel Finder e quindi nelle applicazioni, entrate nella cartella delle Utility e avviate Console. Da questo spostatevi sulla voce “system.log” sotto FILE (colonna di sx, ndr) per leggere gli ultimi errori di sistema tracciati nel file di log, dovreste trovare qualcosa di molto simile a questo:

Jan 21 22:10:05 Neptune kernel[0]: smb1_smb_negotiate: Support for the server POGOPLUG has been deprecated (PreXP), disconnecting

Come avrete capito il supporto per il Samba installato sul Pogoplug non è più affare di Apple in quanto considerato vecchio e abbondantemente superato. Cercando nel web si arriva a diversi risultati che spesso però non aiutano (come questo vecchio consiglio per Lion: support.apple.com/en-us/HT200158). Ho provato a sbatterci la testa per diverso tempo ma nessuno dei test eseguiti ha portato al risultato sperato. Poco male, l’applicazione di backup ufficiale per OS X integra ancora la funzione di mappatura dinamica dei dischi collegati al Pogoplug, questo vi permetterà di vederli e amministrarli come se fossero collegati direttamente al vostro Macbook (e famiglia).

La si scarica dal sito ufficiale ma potete trovarne una copia qui (in caso di necessità): app.box.com/s/gi3s3wiilgkdkr4ob9w26v5twmant6mi (anche se dovesse diventare obsoleta, al primo avvio richiederà l’aggiornamento). La modifica va operata da “Settings” e funzionerà solo ad applicazione avviata sul sistema:

Schermata 2015-01-26 alle 20.42.19

Chiaramente all’interno delle unità montate nel sistema troverete anche la stessa SD sulla quale avrete installato i pacchetti aggiuntivi tramite IPKG, potete espellere l’unità così da evitare ogni possibile errore ;-)

Riavviare il Pogoplug ed il Samba installato

Questa è forse la pecca più fastidiosa del prodotto. Se viene riavviato sarà necessario ricordarsi di dare un “giro di chiave” anche alla modifica operata: occorrerà montare l’unità SD e avviare Samba. Poco male, si può sempre creare uno script ad-hoc (che nell’esempio ho chiamato startengine.sh) da tenere a portata di mano nella /etc e far fare a lui il lavoro sporco:

touch /etc/startengine.sh
vi /etc/startengine.sh

e includere al suo interno:

mount -o remount,rw /
mount /tmp/.cemnt/mnt_mmcblk0p1 /opt
/opt/etc/init.d/S80samba

Dove (ve lo ricordo ancora una volta) mnt_mmcblk0p1 corrisponde alla mia scheda SD e va sostituita con il nome assegnato alla vostra. Salvate il file e lanciate un chmod 0755 startengine.sh per renderlo eseguibile ed il gioco è fatto, basterà ovviamente collegarsi in SSH al Pogoplug e lanciare lo script con /etc/startengine.sh.

In conclusione

Una spesa tutto sommato affrontabile per riutilizzare i propri dischi USB esterni permettendo ai client di una stessa rete di accedervi facilmente in qualsiasi momento, copiare / spostare dati e fare backup dei propri dispositivi iOS, Android, OS X o Windows. Una soluzione che seppur modificata manterrà le funzionalità previste dalla fabbrica permettendovi di avere un punto unico di accesso ai vostri file e -se volete- un server DLNA accessibile anche da console (non ve ne ho parlato perché generalmente utilizzo Plex, lo stesso accede ai file contenuti sul disco collegato al Pogoplug, ndr). L’unico limite è dettato dall’hardware del prodotto e dalla vostra fantasia ma anche dalla vostra pazienza.

Buon divertimento! ;-)