Archives For Cloud Security

Ormai ci siamo. Dal 2016 a oggi i ragazzi di Cubbit hanno percorso quella strada che gli ha permesso di prendere l’importante decisione di esporsi in pubblica piazza, su KickStarter, per dare via alla loro campagna di crowdfunding necessaria alla realizzazione in serie del prodotto che intendono lanciare per permettere a ogni utente di costruirsi un proprio spazio Cloud sicuro e protetto, ma soprattutto distribuito e non dipendente da quello che in gergo tecnico chiamiamo “Single Point of Failure“: la Cubbit Cell.

Cubbit è pronto a lanciare la campagna di Crowdfunding

Ti ho parlato del progetto una manciata di giorni fa in un articolo dedicato (Cubbit è il Cloud distribuito e sicuro che parla italiano), nel frattempo ho personalmente investito (e sto continuando a farlo) ore del mio tempo (e una piccola spesa per l’hardware necessario) per cercare di provare la soluzione quanto più possibile, identificando bug e segnalandoli tempestivamente, affinché un prodotto finito e pronto per il mercato non contenga grossolane anomalie che potrebbero inficiarne il giudizio finale e la semplicità d’uso da parte di chiunque.

Quello di oggi è un articolo più da birra e chiacchiere con chi in Cubbit ci ha messo anima, competenze e cuore (oltre che tempo e denaro). Ho chiesto ad Alessandro, uno dei fondatori, di raccontarmi com’è nato tutto questo, questo è un po’ il risultato della nostra chiacchierata virtuale:

Cubbit è nata nel marzo 2016 con l’ambiziosa idea di costruire il primo cloud senza data center proprietari. Siamo quattro soci con differenti background ma accomunati dalla passione per le novità e da tanta voglia di fare.

Potremmo dire che all’interno di Cubbit convivono due anime, quella tecnologica – rappresentata da Marco e Lorenzo che lavorano instancabilmente al software e all’architettura di rete – e l’anima più business oriented – rappresentata da me e Stefano, appassionati di innovazione e da tempo conoscitori del mondo startup.

Dopo aver avuto l’idea iniziale eravamo consci che il lavoro da fare sarebbe stato lungo e che la complessità del progetto avrebbe richiesto un impegno full time. Per questo motivo abbiamo aspettato la fine degli studi di tutti e quattro: a marzo 2016 dopo la laurea abbiamo concretamente iniziato a lavorare al progetto, investendo inizialmente 15.000 euro che ci avrebbero garantito la possibilità di avvalerci delle competenze di altri collaboratori necessarie per effettuare una fase esplorativa durata 4 mesi.

Essendo quattro giovani ragazzi appena usciti dal percorso universitario le difficoltà non sono mancate. All’inizio, ci siamo dovuti appoggiare ad una casa che era il nostro ufficio durante il giorno e un Airbnb di notte (dovevamo pur sempre pagare le bollette!). Non è stato facile, anzi, sono stati mesi duri ma il nostro progetto ha cominciato a prendere forma.

Mentre, lato tech, si scriveva notte e giorno il codice sorgente, io e Stefano, lato business, partecipavamo a numerosi bandi. Le soddisfazioni sono arrivate presto a ripagare gli sforzi di tutti noi. Prima abbiamo vinto il bando di Aster, poi il Myllennium Award, ottenendo 10.000 euro di premio e un viaggio al Boston Innovation Gateway che ci ha permesso di entrare in contatto con lo stimolante ambiente hi-tech statunitense. A dicembre 2016 è poi arrivata la “consacrazione” del progetto con la vittoria del Premio Nazionale Innovazione.

Da lì non ci siamo più fermati, e anzi abbiamo continuato a presentare il nostro progetto anche in ambienti internazionali. Siamo stati finanziati dall’Unione Europea tramite il programma Horizon2020 e subito dopo siamo stati i primi italiani ad essere investiti e accelerati da Barclays, banca UK, e Techstars a Tel Aviv in Israele, un ecosistema straordinario per le startup tecnologiche nascenti e che cerca sempre di premiare tecnologie che siano veramente “​distruptive​”.

Negli anni abbiamo ricevuto diverse proposte di trasferire la nostra sede all’estero (es. Tel Aviv) ci hanno detto spesso che spostandoci dall’Italia le nostre chance di successo sarebbero aumentate ma noi vogliamo dare il nostro contributo al nostro Paese. Siamo profondamente legati a questo: ci ha offerto un’ottima formazione e tante opportunità di crescita. Siamo convinti che il futuro del cloud possa essere made in Italy, e per questo abbiamo scelto di gettare le nostre basi a Bologna.

Ci piace pensare che il futuro del cloud possa essere made in Italy.

A inizio articolo ti parlavo del 2006 perché è proprio da lì che parte il team, volendo infatti riassumere le tappe più importanti della crescita del progetto Cubbit si potrebbe determinare una timeline di questo tipo:

  • Marzo 2016 – Cubbitnasce da quattro founders: Marco Moschettini, Lorenzo Posani, Alessandro Cillario e Stefano Onofri.
  • Dic 2016 Cubbit vince il premio nazionale italiano per l’innovazione (PNI), la ricompensa più significativa per le startup hi-tech del paese. Il mondo inizia a conoscere la nostra tecnologia, anche se è ancora scritta in C ++ e questo cambierà presto.
  • Febbraio 2017​– Cubbit va a Boston. Come parte del Myllennium Award vinto un paio di mesi prima, seguiti da un team internazionale di esperti in innovazione entriamo in contatto con lo stimolante ambiente hi-tech statunitense.
  • Giugno 2017​– Il software Cubbit è pronto per essere testato: viene lanciato un primo alpha test! Il primo neonato swarm di Cubbit è composto da 50 Raspberry Pi 3 sparsi per l’Italia.
  • Dicembre 2017 ​– Alla European MakerFaire di Roma comunichiamo pubblicamente il nostro alpha test e raccogliamo adesioni di appassionati di informatica e tecnologia che vogliono aiutarci a rimodellare il futuro del cloud. Il nostro stand è sopraffatto dalla folla e l’ultimo giorno di fiera ci viene assegnato il premio ​Maker of Merit​.
  • Gennaio 2018​– Più di 250 persone provenienti da 8 paesi si uniscono allo sciame degli Alpha tester. Grazie alla loro disponibilità e collaborazione i nostri programmatori riescono a testare il servizio e a migliorare l’user experience del software.
  • Apr 2018 L’Unione Europea riconosce l’innovazione e l’eco-sostenibilità del nostro cloud distribuito: Cubbit vince la prima fase del prestigioso programma Horizon2020.
  • Maggio 2018 Una grande notizia!. Dopo un lungo processo di selezione, Cubbit è stata scelta come innovazione all’avanguardia su cybersecurity da Techstars, uno dei 3 migliori acceleratori di startup al mondo, e Barclays, banca UK che sceglie di investire sul progetto. Il team vola a Tel Aviv per 4 mesi di un programma di altissimo livello condotto da mentor globali.
  • Ottobre 2018​– Un anno dopo, scegliamo ancora la Maker Faire Rome come luogo per annunciare il prossimo grande passo: la campagna di crowdfunding di Cubbit prevista per fine febbraio 2019.
  • Febbraio 2019 Lancio della campagna di crowdfunding su Kickstarter

In attesa della campagna

In attesa che la campagna abbia inizio (sarà mia cura aggiornare questo articolo e rilanciarlo su Twitter, LinkedIn e Reddit), quello che io posso fare è invitare uno dei lettori a provare la versione Alpha del software, a patto che questa persona abbia già a sua disposizione un Raspberry Pi 3 e un disco USB esterno, o almeno una chiave (sempre USB) con qualche GB di spazio da utilizzare esclusivamente per Cubbit (non meno di 16 ti direi, capirai in seguito il perché).

Ti inviterò all’interno di un forum attualmente privato dove troverai tutte le istruzioni per installare Cubbit sul Raspberry, così da poter cominciare da subito a giocare con il software e creare il tuo spazio sicuro in Cloud. Credo fermamente che i contributi possano aiutare a migliorare qualsiasi tipo di esperienza o prodotto, un paio di occhi e mani in più non possono certamente fare male. Ho un solo invito disponibile, dimmi perché dovrei scegliere proprio te, lascia un commento a questo articolo 😉 (mi rendo conto che il tempo è poco e che alcuni lettori vedranno questo articolo in seguito, mi spiace davvero, ma presto Cubbit sarà disponibile per tutti!).

A questo punto non mi resta che augurare a tutti un buon inizio di settimana.

26/2/19

L’ora della campagna KickStarter è stata annunciata!

Il tempo è terminato, non ti resta che partecipare alla campagna KickStarter che verrà lanciata ufficialmente oggi, alle 17:30! Se anche tu come me ti sei mosso “prima del dovuto” registrandoti sul sito di Cubbit per ottenere novità e promozioni in questa fase della campagna, allora potrai accedere a un particolare vantaggio sicuramente graidito. Copio e incollo riportando dalla mail originale (ovviamente evitando di fornire ulteriori dettagli per non sminuire ciò che è stato fatto dai “precursori“:

Siamo felici di annunciarti un vantaggio esclusivo, riservato solo a coloro che come te hanno deciso di entrare in contatto con Cubbit ancora prima di Kickstarter.

Scegli il pledge della tua Cubbit Cell su Kickstarter entro le prime 24h dal lancio e otterrai 50GB di spazio cloud extra sul tuo account!

Cubbit è pronto a lanciare la campagna di Crowdfunding 2

Per non arrivare tardi all’ora di lancio puoi tenere d’occhio il canale Telegram ufficiale del progetto (go.gioxx.org/cubbit-telegram) o decidere di farti recapitare i messaggi all’interno del tuo Facebook Messenger (go.gioxx.org/cubbit-messenger).

26/2/19

La campagna è Live!

Ci siamo, la campagna KickStarter è partita ufficialmente e le offerte per i Super Early Bee sono davvero molto allettanti (€199 per la Cubbit Cell con 512 GB di spazio disco a tua disposizione, €279 per quella da 1 TB). Puoi consultare tutti i dettagli all’indirizzo kickstarter.com/projects/cubbit/cubbit-reinventing-the-cloud.

In bocca al lupo ragazzi :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

La prima volta che ho sentito parlare di Cubbit ho pensato si trattasse dell’ennesima soluzione di Cloud Storage fedele a una formula tanto vincente quanto vecchia, quella strettamente legata alla citazione There is No Cloud: It’s just someone else’s computer (e lo stesso dicasi per Babbo Natale o il coniglietto di Pasqua, mi spiace). Nonostante io affidi al Cloud molti dei miei dati ai quali tengo particolarmente (e che mantengo in backup anche su un NAS locale), sono sufficientemente consapevole che un attacco ben congegnato ai danni degli utilizzatori di uno o più servizi molto conosciuti possa fare reali e importanti danni (come già dimostrato e parzialmente successo in passato).

Cubbit è il Cloud distribuito che parla italiano

In cosa differisce quindi questo progetto nato in Italia? Nel fatto che quell’else’s computer si trasforma in una moltitudine di nodi distribuiti all’interno dei quali nessuno può sbirciare secondo quanto dichiarato, Cubbit viene presentato come un cloud peer-to-peer: zero necessità di conoscenze tecniche, zero abbonamenti ed ecocompatibile, da un team che ha sede a Bologna e Tel Aviv (in Israele) e che si ritrova a collaborare anche con il CERN. La compagnia è finanziata da Techstars, Barclays e dalla Commissione Europea tramite il programma H2020, così come dal progetto europeo “Climate Kic” dedicato all’ecosostenibilità.

Cubbit è il Cloud distribuito che parla italiano 3

Decentralizzazione

Cubbit è il Cloud distribuito e sicuro che parla italiano

È questa la parola chiave di un progetto che mira a eliminare quell’intermediario costituito oggi da una miriade di Data Center sparsi per il globo, all’interno dei quali trovano spazio i server che contengono i dati di ciascun utente che utilizza servizi competitor come Dropbox, Box o OneDrive di Microsoft (ma non solo, la lista è ormai lunga). La privacy è generalmente garantita da chi il servizio lo rende disponibile e si accerta che rimanga al riparo da ogni possibile abuso, accertandosi così che i dati di ciascun utente non vadano a finire in mano a degli sconosciuti non autorizzati, ma allo stato attuale nessuno può realmente garantire che questo accada (con la GDPR qualcosa si muove, almeno in Europa).

Ciò che Cubbit afferma di voler raggiungere è un rimescolamento delle carte, una decentralizzazione dei Data Center grazie a un hardware che chiunque può ospitare tra le mura di casa propria, risparmiando risorse inutilizzate (CPU, banda e storage) e garantendo una privacy dei dati che sta a cuore ormai a noi tutti.

Cubbit a oggi è poco più di un sito web e una sperimentazione software nell’attesa che la campagna KickStarter parta nel corso di questo mese e permetta di raccogliere i fondi necessari per la preparazione dell’hardware che consentirà a tutti di costruirsi il proprio Cloud in maniera alternativa, tramite le Cubbit Cell; è grazie a questa che – una volta collegata alla rete – si potrà iniziare a utilizzare il servizio in maniera completamente gratuita (sì, per sempre).

La Cubbit Cell

Cubbit è il Cloud distribuito che parla italiano 2

La cella permette di entrare a far parte della rete p2p di Cubbit e necessita di alimentazione e connessione di rete stabile (LAN) per funzionare. Premesso ciò, si avrà così accesso a:

  • (fino a) 4 account: all’utente vengono garantiti fino a 4 account (l’esigenza media di una famiglia). Nell’eventualità tu non avessi necessità di tutti gli account potrai sempre pensare di acquistare in gruppo la Cubbit Cell e dividere le spese, che male non fa.
  • Espandibilità: la Cubbit Cell è espandibile fino a 4 TB di spazio cloud semplicemente collegando un altro Hard Disk via USB. Per ogni GB di spazio fisico che l’utente aggiunge alla Cubbit Cell, metà di quello viene trasformato in cloud e reso disponibile all’utente. Occhio, è un passaggio importante per fare il giusto calcolo, ottenere 4 TB di spazio in Cloud ti costerà 8 TB di disco fisicamente attaccato alla cella. Questo è un passaggio attualmente obbligato che in futuro prossimo potrebbe però cambiare.
  • Zero-knowledge: la Cubbit Cell non salva i file dell’utente nella loro interezza, ma solo pezzi criptati dei dati che sono stati caricati (secondo un ragionamento che ti viene spiegato meglio qualche riga più in basso). Per completezza occorre specificare che la Cubbit Cell non salva neanche la tua password, da nessuna parte, il tutto per garantire un più alto livello di sicurezza.

Cubbit è il Cloud distribuito che parla italiano 4

Allo stato attuale Cubbit garantisce l’uso della sua soluzione tramite un’applicazione web che è chiaramente compatibile con Desktop e Mobile (lo stretto indispensabile per poter operare a oggi). Seppur non esista ancora nulla di pubblicamente accessibile, un video su YouTube ti permette di dare una sbirciata a ciò che c’è in cantiere (già funzionante).

Privacy

Leggo e riporto qui di seguito:

Con Cubbit, la privacy è un diritto fondamentale, non un optional a pagamento. Ogni file caricato sulla Cubbit Cell è criptato con AES-256, un protocollo di sicurezza militare, e poi spezzettato e distribuito in modo sicuro attraverso la rete p2p attraverso canali criptati end-to-end. Solo l’utente la chiave per decifrare e accedere ai suoi file. Inoltre, Cubbit rende i dati dell’utente indistruttibili, dal momento che essi risiedono su una rete distribuita, non in una banca dati centralizzata. Infine, l’architettura è 10 volte più ecocompatibile di un servizio di cloud storage tradizionale, con profonde implicazioni sull’inquinamento globale: per ogni 1000 terabyte di dati salvati su Cubbit, il mondo risparmia 100 tonnellate di CO2 ogni anno. In altre parole, ogni 4 terabyte Cubbit risparmia l’energia consumata da un frigo.

“È ora di alzare l’asticella del cloud – dice Stefano Onofri, CEO di Cubbit – con Hotmail abbiamo smesso di pagare per le email, con WhatsApp abbiamo smesso di pagare per gli sms. Con Cubbit smetteremo di pagare per il cloud storage.” Una visione realizzabile grazie alla tecnologia di Cubbit. “L’architettura dell’intero sistema è zero-knowledge – dice Marco Moschettini, CTO – perché è progettato per non avere accesso alla password dell’utente. Grazie a questo, i dati dentro Cubbit non possono essere rubati dal momento che sono distribuiti e protetti dai più avanzati strumenti crittografici.”

“Cubbit cambia l’infrastruttura del cloud” aggiunge Alessandro Cillario, COO. “Il nostro data center distribuito schiaccia le piattaforme cloud tradizionali in termini di costi, sicurezza ed efficienza energetica. Questa è la ragione per cui il nostro servizio cloud può contare su grandi vantaggi competitivi rispetto a giganti come Dropbox. “Grazie al nostro algoritmo di machine learning” commenta Lorenzo Posani, CSO, “evitiamo trasferimenti di dati sulle lunghe distanza che, in molti casi, consumano tanto quanto lo stesso storage. Paragonati con le piattaforme cloud centralizzate, Cubbit ha un impatto ambientale estremamente ridotto: -90% (dieci volte meno) sul mantenimento dati e – 50% (due volte meno) sul loro trasferimento. Fornisce dunque un esempio di come un cambio radicale di paradigma può beneficiare sia il consumatore finale che la società nel suo insieme.”

TL;DR per chi non vuole perdersi in quanto scritto nel comunicato stampa: Cubbit utilizza il protocollo AES-256 per proteggere i dati caricati online, i quali potranno essere decodificati esclusivamente tramite una chiave in possesso del solo proprietario dei dati stessi. Quei dati, per evitare il più classico dei Single Point of Failure, saranno spezzettati e caricati nella rete p2p creata dalle varie Cubbit Cell collegate a Internet e sparse per il globo, assicurandoti così che non si possano distruggere a causa di una rottura disco (cosa assai comune ai tempi d’oggi).

In conclusione

Tante domande e voglia di mettere alla prova questa tecnologia e la relativa applicazione, ancora poco a disposizione se non la speranza di avere tra le mani una Cubbit Cell appena possibile. Dopo aver preso contatto con il team di Cubbit dovrei avere presto accesso alla WebApp e a qualche GB a mia disposizione per iniziare a operare sulla piattaforma, così da capire pregi e difetti di un prodotto che vuole davvero rivoluzionare il modo di intendere il Personal Cloud, offrendo la possibilità a tutti di entrare in famiglia e rispettando la privacy dei dati.

A questo punto non mi resta che rimandarti al sito web ufficiale dove potrai – ancora per poco – iscriverti alla newsletter e ricevere un codice sconto che ti permetterà di risparmiare 100€ sull’acquisto della tua cella su Kickstarter (199€ anziché 299€). Sempre sul sito web della società troverai anche una serie di domande e risposte che potrebbero già oggi darti qualche informazione in più sul funzionamento di Cubbit e sulla sopravvivenza della rete p2p dedicata alla distribuzione, conservazione e protezione dei tuoi dati.

Se fai parte di coloro che sono già pronti ad acquistare la Cubbit Cell su KickStarter fammelo sapere con un commento a questo articolo, io dal canto mio tenterò di riportare aggiornamenti e novità sul progetto appena queste saranno disponibili! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Conosco e sfrutto da moltissimi anni ormai le soluzioni di Cloud Storage più famose al mondo, per scopi personali (Dropbox Plus da 1 TB circa e Box free con 50 GB di spazio lifetime) e anche lavorativi (Dropbox for Business, spazio illimitato), ognuna di queste con i propri punti di forza e debolezza, con un occhio di riguardo alla tecnologia, alle novità e alla sicurezza dei dati (chi più, chi meno), e poi arriva lui, pCloud, un terzo player che sembra farsi spazio tra i grandi e che nell’ultimo anno ha anche guadagnato una menzione d’onore tra i migliori servizi di Cloud Storage al mondo. Ma di che si tratta esattamente?

pCloud salta fuori studiando alternative a Dropbox o Box

pCloud

Si tratta dell’ennesimo spazio disco sul PC di qualcun altro, che poi è il concetto alla base del Cloud Storage. Ora, tolto di mezzo il tipico modo di dire che tutti noi ormai conosciamo (e che alla lunga stufa, davvero), posso affermare che pCloud è una soluzione pensata per aggiungere spazio a quelle macchine che non ne hanno più, andando a offrire soluzioni e tagli / abbonamenti a prezzi molto ragionevoli (soprattutto se comparati a quelli di Drobox che sono solito pagare ogni anno), condendo il tutto con ulteriori proposte che possono far la differenza sul piatto della bilancia, ma andiamo con ordine.

Da cosa si parte?

Dalla base che ormai è giusto dare per scontato: un sito web, un client PC disponibile per ogni sistema operativo (e anche un paio di plugin per browser e software di terze parti), applicazioni per Android (qui l’APK diretto) e iOS. Manca all’appello un WebDav funzionante (almeno nel mio caso, con autenticazione a due fattori attiva) e un’integrazione con QNap e Synology, e questo è davvero un peccato.

pCloud salta fuori studiando alternative a Dropbox o Box 1

C’è la creazione dei collegamenti pubblici ai file, c’è la cartella Public (da qualche tempo abbandonata da Dropbox) con la possibilità di ospitare siti web HTML semplici, c’è una visualizzazione apposita per le tracce audio che si caricano nel proprio spazio (come fosse una sorta di libreria / player meglio organizzato rispetto a una cartella semplice). Manca (assurdo ma vero) il Drag and Drop tra file e cartelle nell’interfaccia web, sostituito da una selezione multipla che poi lascia il passo alle voci di menu specifico che si caricheranno (tra cui quella relativa allo spostamento di ciò che è stato selezionato, appunto).

C’è la funzione di “Rewind“, per il recupero delle versioni precedenti dei tuoi file ma non solo:

pCloud Rewind ti permette di ripristinare tutto il contenuto del tuo account a una precedente versione fino a 180 giorni. Puoi navigare liberamente attraverso tutti i tuoi file non criptati, ripristinarli o scaricarli.
Se decidi di ripristinare i tuoi file, saranno copianti nella cartella Rewind nella principale directory della struttura delle cartelle. Per esempio, se ripristini 5 file da 01/02/2017 alle 1 e 30 p.m, troverai una sottocartelle nella cartella “Rewind” nominata “5 file ripristinati dal 1 Febbraio 2017 13:30”. Puoi quindi spostare i i file dove desideri nel tuo account.

vedi: pcloud.com/it/help/general-help-center/what-is-pcloud-rewind

pCloud salta fuori studiando alternative a Dropbox o Box 2

Tale funzione è però limitata a 15 giorni di profondità se si utilizza un account gratuito, su Dropbox ti ricordo che è pari a quella offerta a un account Plus (non Pro, quella è già più alta), quindi 30 giorni.

Offre da subito, e in più rispetto ad altri competitor, il montaggio di un drive che ufficialmente non risiede (e quindi non occupa spazio) sul tuo PC e simula così la funzione Smart Sync di Dropbox, disponibile -quest’ultima- solo per i clienti Pro e Business (uno dei grandissimi punti a sfavore del gigante californiano). Oltre questa funzione di “Smart Sync” nativa, offre la possibilità di aggiungere la tecnologia pCloud Crypto che permette di criptare e decriptare automaticamente ogni file caricato in una specifica cartella del proprio account (crittografia lato client, nda), con un costo aggiuntivo ma con il vantaggio del non dover conoscere assolutamente nulla in merito all’argomento, una soluzione chiavi in mano.

Risponde all’appello, come per Dropbox e non solo, la creazione di un collegamento di upload file (dal mondo internet verso di te, scegliendo una specifica cartella del tuo account pCloud) che potrai pilotare impostando una data di scadenza e un limite di caricamento:

Lo stesso dicasi per la condivisione verso internet, che propone qualche opzione in più anche all’account gratuito (cosa che invece non è possibile fruire sul suo maggiore competitor, neanche con un account Plus!):

Pensando a una possibile migrazione dati da altro Cloud Storage, pCloud permette di connettersi agli account dei servizi che hai già sottoscritto, facilitando così il passaggio da uno all’altro, evitando l’uso di uno strumento di terza parte o un tuo lavoro più manuale e certamente seccante. Questo è certamente un gesto gradito. A questa particolare schermata si aggiungono anche Facebook e Instagram, facendo così diventare pCloud il tuo spazio di backup ufficiale per la “vita Social” costruita sui prodotti di Zuckerberg.

Quel ragionamento “al contrario”

È forse ciò che più mi piace di pCloud, quel ragionare al contrario in merito al caricamento dei file sul Cloud, senza necessariamente tenerne una copia sulla propria macchina. È stata un po’ l’idea vincente di Dropbox e del suo Smart Sync, anche se a oggi questa caratteristica funziona non senza qualche difficoltà (non ne ho mai parlato pubblicamente, ma qualche tempo fa in azienda abbiamo individuato un bug e lo abbiamo fatto correggere, eppure questo oggi esiste ancora e lo si può far attivare in maniera differente, cosa già discussa con Dropbox privatamente e in fase di correzione, nuovamente). pCloud ti fa da disco fisso finto, come fosse una mappatura di rete diretta, come un Virtual Drive al pari di VeraCrypt & Co., funziona, è di immediato utilizzo eppure quei file non risiedono sul tuo PC, è facile da capire e da fartelo entrare nell’ottica della quotidianità, la cache che pCloud crea sul tuo PC serve un po’ a fare da tampone a eventuali problemi di lentezza di scaricamento dati dalla loro rete (cosa che io in tutto il periodo di test non ho notato, nda).

Potrai sempre decidere in un secondo momento di creare un collegamento che scatenerà invece la copia costante della cartella all’interno del tuo PC, una cartella sorgente e una di destinazione che vivranno in simbiosi e che -per forza- saranno soggette al medesimo destino scelto dall’utilizzatore. Se si cancella un file nella cartella sorgente, questo sparisce anche dalla destinazione, e viceversa, come fosse una copia speculare (a quel punto potrai effettuare un recupero tramite la funzione di Rewind di pCloud).

In conclusione

Un prodotto che ha chiaramente dei vantaggi e qualche svantaggio forse dovuto alla sua gioventù, forse a un’altra visione del mondo degli utilizzatori di Cloud Storage rispetto ad altri giocatori della stessa scacchiera. pCloud è certamente un’alternativa da tenere in conto quando di sceglie un possibile sbocco e posto dove conservare copie dei propri file. L’account gratuito (se correttamente sbloccato) offre 10 GB di spazio per cominciare, oltre i quali sarà necessario valutare l’upgrade verso le offerte a pagamento. Nota di merito per la Lifetime che permette un pagamento one-shot di una quota certamente importante, ma che non toccherà rinnovare negli anni.

La mancata comunicazione -a oggi- con il mio NAS ne costituisce grave pecca per la quale dubito molto fortemente di abbandonare Dropbox, ma è chiaro che il prezzo pagato per quest’ultimo è ormai fuori mercato quando i competitor iniziano a giocare duro sullo stesso terreno, senza considerare che l’arrivo ormai annunciato delle soluzioni One di Google potrebbero rimescolare ancora una volta le carte e dare linfa nuova alla sfida. Io per il momento rimango sul mio account gratuito, con il quale continuerò a sperimentare e tenere d’occhio la crescita del pargolo svizzero. Per me si va con una votazione di 3.5 punti su un massimo di 5, il margine di miglioramento c’è sicuramente ed è abbastanza largo.


C’è un extra ulteriore in conclusione di questo mio articolo, che va a porsi subito sullo stesso piano di un competitor ben più conosciuto e importante, WeTransfer, nel caso di pCloud questo si chiama semplicemente Transfer, e permette di inviare file (anche di grandi dimensioni, fino a 5 GB) senza necessità di registrazione e con possibilità di proteggere i file con una password, lo trovi all’indirizzo transfer.pcloud.com (ci sono capitato per caso e certamente lo userò prossimamente).

Tu hai già utilizzato pCloud o è la prima volta che ne senti parlare? Pensi di registrarti gratuitamente al servizio? Fammelo sapere tramite l’area commenti sotto questo articolo e parliamo insieme di questo diverso competitor in una terra già “proprietà” di alcuni mostri sacri difficilmente attaccabili.

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: ho provato pCloud di mia sponte, sto usando un account gratuito. L'articolo non è in alcun modo sponsorizzato.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Xiaomi è fatta così: la ami, la odi, puoi scegliere di appartenere a un gruppo che preferisce la via di mezzo e che si diverte a modificare quanto realizzato da questa splendida squadra cinese che ha deciso di scendere in campo per fare la differenza rispetto ai grandi giocatori. La Mi Home Security Camera 360° è un altro degli esempi disponibili sul mercato, piccolo occhio vigile con la capacità di tenere d’occhio un intero ambiente casalingo.

Mi Home Security Camera 360°

Mi Home Security Camera 360°

Un prodotto dalle giuste pretese, a un prezzo contenuto (stiamo pur sempre parlando di circa 50€ considerando l’altalenarsi di prezzi che Keepa ha osservato tenendo d’occhio Amazon), che si spaccia per IPCam ma che poi nella realtà dei fatti si propone come soluzione chiusa e apparentemente accessibile solo tramite programma e servizio di Xiaomi / Miija, rendendo di fatto difficile (attualmente pressoché impossibile) un interfacciamento con soluzioni di controllo centralizzate come possono essere DSCam o IP Cam Viewer su Android.

Mi Home Security Camera 360° 3

La Mi Home Security Camera 360° ti viene consegnata nella sua scatola completa di cavo microUSB, alimentatore da muro e l’attacco necessario se vuoi montarla su una parete anziché tenerla appoggiata su un piano differente (tipo il mobile del televisore in sala, per fare un esempio). È poco pesante (si parla di circa 250 grammi), essenziale nell’aspetto e tutto sommato bella da vedere, con quel suo led che ti permette di capire quando è in funzione (ma che puoi scegliere di spegnere nelle opzioni dell’applicazione di controllo) e con l’alloggiamento della microSD (non inclusa nella confezione, nda) che si trova sotto all’obiettivo principale del prodotto, per arrivarci ti toccherà far sollevare l’inquadratura quanto più possibile e infine inserire la scheda di memoria. Occhio a ciò che acquisti, la Mi Home Security Camera 360° supporta al massimo una scheda da 32 GB.

Mi Home Security Camera 360° 1

Risoluzione di ripresa che puoi spingere fino al full HD da 1920×1080px, con apertura focale f1.8 e uno zoom digitale 4x (che può sgranare progressivamente e che ti consiglio quindi di non mettere troppo alla prova). Il suo corpo a forma di palla che può spaziare nei 360° di osservazione dell’ambiente è dotato anche di Night Vision, Sound e Motion Detection, con microfono e altoparlante che puoi usare sia per ascoltare cosa accade nell’ambiente, sia per far arrivare la tua voce dall’altro lato ed essere ascoltato. Connettività esclusivamente WiFi 802.11 b/g/n a 2,4GHz, scordati la banda 5, che ancora sembra costituire uno dei più grandi tallone d’Achille di queste soluzioni che ci arrivano dal paese della bandiera rossa a cinque stelle. Questa tecnologia è certamente più affidabile sulla lunga distanza, ma soffre ormai troppo la saturazione dei canali dovuta alla molteplicità di segnali e SSID trasmessi dai vicini di casa (e forse anche da te, che se mi faccio un esame di coscienza mi rendo conto che solo io spingo 3 SSID diversi dai router di casa!).

Un’occhiata alla configurazione e all’utilizzo

Di facile configurazione, la Mi Home Security Camera 360° ti costringerà a scaricare e utilizzare l’applicazione Mi Home, disponibile sia per iOS che Android:

Mi Home
Mi Home
Developer: Xiaomi Inc.
Price: Free

Si tratta dell’applicazione che il produttore cinese sviluppa per tenere sotto controllo tutti i dispositivi Xiaomi che possono trovarsi all’interno di casa tua, un minimo comune denominatore attraverso il quale tu puoi pilotare la “domotica” che scegli di installare tra le mura che ospitano le tue ore di meritato riposo e condivisione del tempo con la famiglia. Ti verrà chiesto di creare un account (nel caso tu non lo avessi) e di avvicinare all’obiettivo della telecamera di sicurezza un codice QR che questa potrà leggere, per far partire poi una configurazione automatica durante la quale non ti verrà richiesto di fare assolutamente nulla (le informazioni sulla WiFi da usare, la relativa password e altro ancora verranno passate proprio da quel QR code). Non sempre infallibile e veloce, è comunque ben sviluppata e pensata per dare un senso agli ambienti, alle possibili configurazioni, alle tue esigenze, può inoltre gestire una serie di comandi d’automazione che puoi imporre con la formula dell’If, Then (un po’ come sei forse già abituato a fare con il servizio di terza parte IFTTT, giocatore che però non si interfaccia con il prodotto in questo caso).

Nello specifico caso della Mi Home Security Camera 360°, hai a disposizione tutti quei controlli che servono chiaramente a muovere l’obiettivo, ma anche a modificare la risoluzione del video in streaming (che non necessita di configurazione alcuna sul tuo router, poggiando completamente sulla struttura Cloud di Xiaomi), a catturare una singola fotografia o registrare un video (solo se hai una microSD montata al suo interno), a parlare con chi c’è dall’altro lato della telecamera e molto altro ancora.

Mi Home Security Camera 360° 2

Tra le opzioni disponibili nell’applicazione, troverai anche la possibilità di verificare l’indirizzo IP (rete locale) del prodotto, l’impostazione della modalità Sleep (una sorta di modalità Privacy durante la quale la Mi Home Security Camera 360° non terrà conto dei movimenti o rumori rilevati, girandosi dall’altro lato rispetto al puntamento dell’obiettivo, “non vedo, non sento“), quella della Night Vision (visione notturna) e del relativo comportamento (se entrare in funzione automaticamente o forzatamente, o magari non entrarci affatto), la sensibilità dell’allarme (riguardo movimenti e rumori rilevati), attivare una password (ma anche l’impronta, se lo smartphone lo permette) per accedere al flusso video che sta catturando Mi Home Security Camera 360°.

Di Storage e NAS

E a proposito di flusso video, ecco che una delle funzioni comprese nell’applicazione (e quindi compatibili con Mi Home Security Camera 360°) si presenta e rende disponibile solo nel caso in cui tu scelga di inserire una microSD nel dispositivo: la registrazione h24 su NAS, la quale sposta dalla scheda di memoria a quelli del tuo NAS, permettendo così di salvare più dati e magari andare indietro nel tempo molto più di quanto non sia possibile fare con soli 32 GB di memoria massima (quelli della microSD). Nonostante sia tutto stato configurato ad-hoc e l’account del NAS venga accettato, non viene vista alcuna cartella SMB da poter utilizzare per effettuare la copia dati, un problema che rilevo esclusivamente con l’applicazione Mi Home e che non sono riuscito a superare, bocciato (e non intendo me medesimo).

Appunti sparsi su DSCam e Xiaomi / Miija

È per questo motivo che ho voluto quindi provare a cambiare direzione e approfondire l’argomento flusso video e DSCam / Video Surveillance di Synology, che utilizzo già quotidianamente con altri tipi di prodotti (D-Link, per la cronaca), sbattendo però ancora una volta contro un muro difficile da sorpassare, perché pieno di dubbi e soluzioni che non trovano reale risposta alle mie esigenze. Ti lascio più che volentieri il materiale reperito e le fonti consultate, dalle quali però non sono riuscito a estrarre una chiave di volta realmente funzionante e ideale per i miei scopi (ben vengano quindi i consigli nell’area commenti, se sei a conoscenza di work-around e metodi per far dialogare le due soluzioni tra di loro):

In conclusione

Come avrai forse capito, non è la qualità video o audio a preoccuparmi, quella è accettabile e posso lasciarla passare indenne da giudizio se rapportata al prezzo di una soluzione chiaramente casalinga e realizzata per chi non ha grosse pretese. Ciò che più mi delude è questa chiusura mentale che non appartiene solitamente a Xiaomi, questo mancato dialogo con altre soluzioni, piattaforme, protocolli più che rodati e stabili, al limite della stupidità e dell’incapacità di guardare oltre il proprio naso, forse il primo prodotto che realmente delude le aspettative.

Mi Home Security Camera 360° va bene per essere acquistata, configurata e posizionata dove più ti interessa, poi controllata esclusivamente dalla sua applicazione che tra l’altro non offre (almeno su Android) neanche un widget per poter avere un flusso streaming continuo (o fotografie a intervalli precedentemente stabiliti, come accade per esempio con IP Cam Viewer Pro) e buttare un occhio su cosa accade tra le proprie mura. Quella che altri come me definirebbero una “black-box” che potrà funzionare fino a quando Xiaomi manterrà in vita la propria struttura Cloud. È davvero questo il compromesso a cui si vuole scendere con il cliente finale?

A te la parola per dubbi, domande o semplici chiacchierate a proposito del sempre più ampio argomento della sicurezza in casa, sorveglianza e prodotti “intelligenti“.

Update

Magari può tornarti utile, ho trovato e scaricato il manuale PDF del prodotto. Ne ho caricato una copia sul mio spazio Box, ti lascio qui il collegamento diretto per il download.

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato di tasca mia all'inaugurazione del primo Mi Store milanese, più per sfizio che reale necessità, a dirla tutta.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non è un errore, è voluto. Io alla storia di TrueCrypt che tutto a un tratto è diventato insicuro non ci ho mai veramente creduto, non fino in fondo almeno, ed è un po’ il motivo per il quale qualche tempo dopo è nato il progetto VeraCrypt (perché evidentemente non ero il solo a pensarla in quella maniera), per il quale ho nutrito immediato affetto e sul quale mi sono poggiato per poter continuare ad aprire “in sicurezza” i volumi precedentemente creati da TrueCrypt. All’epoca non esistevano alternative più dinamiche od orientate verso il Cloud, si parla degli anni di Windows Xp, giusto per capirci. Poi però qualcosa è cambiato, e tra le varie novità è saltato fuori anche Cryptomator.

Cryptomator come possibile erede di TrueCrypt

Ciò che è sempre mancato a questo tipo di software è il saper creare un oggetto “thin“, in grado quindi di crescere con l’aumento costante dei file contenuti nei box protetti (generalmente grandi quanto specificato in fase di creazione, quindi di tipo thick), cosa che viene a meno quando si discute dell’intero volume / disco (in quel caso lo spazio è tutto quello che hai tu a disposizione). Per questo motivo in passato creavo più container protetti, cercando nel frattempo una possibile soluzione che colmasse quella lacuna. È per questo motivo che qualche tempo fa ho scaricato a sto provando a usare Cryptomator, software open source disponibile per ogni piattaforma (anche in versione Jar, tanto per dire!).

Cryptomator

Progetto tedesco (la società alle spalle è la startup Skymatic), nasce e vince il CeBIT Innovation Award 2016 grazie al suo essere multipiattaforma e all’aver pensato al futuro della protezione dati su Cloud. Cryptomator infatti permette di creare container di file inaccessibili senza la giusta chiave, scelta dall’utente e impostata esclusivamente Client Side, senza quindi che avvenga comunicazione alcuna con server della società o terze entità ulteriori. Cryptomator si installa e si utilizza da subito, con possibilità di arrivare a proteggere anche dati che si trovano sui propri smartphone e tablet (iOS / Android), sempre più centro nevralgico dell’attività online del singolo individuo.

Cryptomator
Cryptomator
Price: 5,99 €
Cryptomator
Cryptomator
Price: 5,99 €

Plug and Play

È ciò che mi viene in mente pensando a Cryptomator e a ciò che ho fatto io dopo aver scaricato il DMG sul mio MacBook. Allo stato attuale delle cose, il software è disponibile in versione 1.3.2 stabile (da sito web ufficiale), la quale poggia ancora su WebDAV per montare il disco contenente i file protetti. Questa cosa, contrariamente a Windows, funziona male sul sistema operativo di Cupertino e –da quanto ho capito– anche su Linux. File di grosse dimensioni o spostamenti importanti (quelli che ho evidentemente dovuto fare per migrare i dati da TrueCrypt / VeraCrypt a Cryptomator) mettono in difficoltà seria il software, il quale smonta in maniera forzata il volume criptato e non ne permette un nuovo mount. Per aggirare l’ostacolo, ho dovuto più volte bloccare il volume e riaccederlo tramite la schermata principale di Cryptomator, un’azione che -se ripetuta per più di due volte- fa immediatamente decadere ogni interesse provato per il programma in test.

Per questo motivo ho fatto qualche ricerca e sono approdato su svariate issue aperte su GitHub (qui ne trovi una, tanto per fare un esempio), le quali hanno generato grandi discussioni e un’accelerata inaspettata per l’integrazione di FUSE, alternativa ideale per aggirare questo grande ostacolo. Per questo motivo il team ha pubblicato lo scorso 6 aprile una versione beta (occhio quindi a ciò che fai, perché si tratta pur sempre di software potenzialmente instabile!) disponibile all’indirizzo github.com/cryptomator/cryptomator/releases/tag/1.4.0-beta1 che -come VeraCrypt- si appoggia a FUSE per macOS (il quale dovrà essere quindi installato sulla tua macchina).

Spartano quanto basta

Non c’è evidentemente bisogno di molti abbellimenti estetici quando si tratta di proteggere i propri dati. Cryptomator propone infatti una finestra principale del programma con molte poche informazioni e impostazioni, dalla quale potrai montare / smontare volumi di dati protetti e dare un’occhiata al grafico aggiornato in tempo reale che ti mostra quanto di quel traffico dati è criptato e quanto decriptato (rispettivamente scrittura e lettura, nda).

Cryptomator come possibile erede di TrueCrypt 1

L’interfaccia non servirà ad altro, perché in realtà ciò che a te interessa di più è certamente il contenuto di quel disco (o ciò che andrai ad aggiungere in futuro), e lo gestirai dal Finder (se si parla di macOS) o dall’Esplora Risorse su Windows, come se avessi attaccato al PC una qualsiasi chiavetta USB o un disco fisso esterno, o ancora un’unità di rete montata da NAS, nulla –insomma– di così tanto diverso rispetto a ciò che sei abituato a vedere quotidianamente e, se vogliamo tornare a parlare di TrueCrypt / VeraCrypt, per certi versi più immediato e semplice, senza quella preoccupazione di stare sotto il tetto massimo di disponibilità spazio disco che ti sei imposto all’atto della creazione (qui lo spazio su disco viene occupato man mano che i dati aumentano all’interno del container protetto con Cryptomator).

La lettura e la scrittura di dati sfrutta la velocità (quasi) massima che hai a disposizione. Ciò vuol dire che un volume di dati protetto e salvato sul disco locale del tuo PC (magari con SSD) sarà nettamente più veloce rispetto a quello lavorato da NAS (via LAN), e la stessa cosa vale per i Cloud Storage (i quali salvano copia locale dei dati che conservi sui loro server). Cryptomator ha dalla sua la piena compatibilità (ulteriore punto a vantaggio, nda) per le tecnologie On Demand dei provider di storage in Cloud. Per capirci: Dropbox Smart Sync oppure OneDrive Files On-Demand, andando ovviamente a scrivere o leggere solo ciò che è necessario, senza portare su disco locale l’intero volume criptato (e facendo la medesima cosa verso i server di Dropbox o Microsoft in fase di scrittura, volendo fare riferimento agli esempi riportati poco fa).

Trattandosi di procedure assolutamente trasparenti per te che sei l’utente finale, potrai continuare a lavorare sui tuoi file come nulla fosse, sarà compito di Cryptomator fornirti ciò che desideri senza lasciare che tu ti accorga di qualche rallentamento o simili.

Uno sguardo all’azienda

Cryptomator nasce per l’utente finale casalingo, ma basta una rapida visita alla sezione Enterprise del sito web ufficiale per scoprire che le tecnologie utilizzate per dare vita a questa utility, permettono di proteggere potenzialmente anche un team di lavoro o un’azienda ben più strutturata, offrendo un layer contro malware e sicurezza nella sincronizzazione tra NAS e client, ma anche verso una terza parte in Cloud. Sorvolerò su questo aspetto perché richiederebbe di mettere in gioco un diverso strumento (Defendor), da provare e valutare in un ambiente reale, mi sembrava però giusto dargli visibilità.

In conclusione

Un software non senza difetti e con qualche rallentamento in alcune occasioni, ma che dalla sua ha quel grande vantaggio dato dalla possibilità di far crescere progressivamente l’archivio dei file che conservi sotto la sua campana di vetro, proteggendola il più possibile da occhi indiscreti e tentativi di accesso non autorizzati.

L’accoppiata con FUSE su macOS è praticamente fondamentale, e per questo spero che esca quanto prima dalla fase Beta (così da poterlo dichiarare un pelo più affidabile, almeno in via ufficiale). La stessa Beta, nonostante mi sembri che fili abbastanza liscia, ha ancora qualcosa che non gira proprio nel verso giusto, ma gli sviluppatori ci stanno ancora lavorando e voglio essere fiducioso a riguardo (incontro puntualmente un errore molto stupido che non riesco a risolvere perché non accedo ai log del programma, tanto per dire, anche se ho trovato come aggirarlo facilmente).

Cryptomator merita certamente una prova, magari con dati non esattamente critici per evitare brutti scherzi, ma in prospettiva può sicuramente sostituire l’affidabile VeraCrypt.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: