Archives For Comune di Milano

Comunicazione di servizio: il riepilogo dei collegamenti più interessanti della settimana, appuntamento più o meno fisso del weekend, si prende un periodo di pausa e tornerà disponibile su questi lidi intorno alla fine di agosto. Riposa, goditi un po’ di relax, il caldo e l’acqua del mare non possono che farti (e farmi bene), buon tuffo anche a te (a meno che tu non preferisca la montagna!). In generale la pubblicazione degli articoli sul blog rallenta per permettermi di staccare un po’ la spina (non sparisco se è quello che ti stai augurando o temendo ??). A presto!

Letture per il weekend: 7

Ultime novità

  • L’app per i cittadini progettata con i cittadini: (ITA) un articolo che racconta l’evoluzione di IO, l’app dei servizi pubblici. Leggi, curiosa in tutto quello che può già fare, io faccio parte della fase beta che aiuta il team Digitale a identificare possibili bug e miglioramenti. Se sei residente in una delle città che sono già servite da IO puoi certamente iscriverti anche tu.
  • 5G: Tim e Vodafone, accordo per condividere la rete mobile: (ITA) ampiamente preannunciato, l’accordo tra TIM e Vodafone per lo sviluppo della rete 5G italiana diventa realtà. Una joint-venture che permetterà di condividere le torri radio e dare così maggiore copertura ai clienti di entrambi gli operatori. Un articolo che cerca di riassumere tutto quello che c’è da sapere.
  • Apple acquisisce i modem per smartphone di Intel: (ITA) si rimane nell’ambito della connettività mobile e del 5G. La divisione modem per smartphone del grande marchio americano confluisce nella scuderia Apple, la quale sta sempre più andando a ritagliarsi una completa autonomia che le permetterà in futuro di non dipendere da nessuna terza parte per la produzione dell’hardware utilizzato all’interno dei propri dispositivi.
  • Firefox 70: tutte le pagine HTTP diventano non sicure. Novità per la gestione delle credenziali: (ITA) alla scoperta delle ultime novità di Firefox 70 e Firefox Lockwise, il nuovo gestore di credenziali più intelligente sviluppato e integrato all’interno del browser Mozilla. Insieme a questa novità arriva anche l’alert che ti segnala quando navighi su pagine HTTP anziché HTTPS, segnalandoti che si tratta di siti web non sicuri.
  • L’hacker che ha fermato WannaCry non andrà in carcere: (ITA) la storia di Marcus Hutchins è assai curiosa. Chi ha “salvato il mondo” dall’infezione di WannaCry grazie a quel Kill Switch nascosto in un dominio internet brillantemente individuato e acquistato per fermare la pestilenza è stato arrestato per suoi trascorsi non esattamente puliti e lindi. La corte ha però deciso che le capacità tecniche del ragazzo e la sua crescita mentale meritano fiducia, riducendo (e tanto) la sua pena, senza passare dal via e ritirare le duemila lire.

Privacy e Sicurezza

  • As Authoritarian Governments Surveil the Internet, Open Source Projects Decide How to Respond: (ENG) a dirla tutta forse un po’ me lo aspettavo e in realtà speravo che sul carrozzone a difesa del popolo kazako ci salissero anche gli altri player che giocano nel mercato dei browser. Allo stato attuale c’è una discussione in corso su quello che Mozilla (con Firefox) può fare per scavalcare quanto imposto riguardo il certificato di inspection HTTPS che il governo pretende che venga installato da ogni cittadino, la notizia è stata ripresa anche da Wired Italia (qui: wired.it/internet/web/2019/07/25/kazakhstan-internet-mozilla).
  • Sky worries users with phishy-looking password reset email: (ENG) una campagna email di Sky invita alcuni dei suoi clienti UK a cambiare la password di accesso al proprio account per mantenere un “alto standard di sicurezza“. Se inizialmente questo puzzava di data breach neanche tanto ben mascherato, si è scoperto essere in seguito uno strascico di un precedente attacco alle caselle di posta Yahoo! di qualche tempo fa. Davvero utilizzi ancora quella casella di posta elettronica? È la variante straniera delle nostrane libero.it, peggio di una gruviera.
  • Viral App FaceApp Now Owns Access To More Than 150 Million People’s Faces And Names: (ENG) inutile girarci ancora attorno, si è detto tanto (forse troppo) riguardo FaceApp. Tra policy e protezione dei tuoi dati il dato (scusa il gioco di parole) salta immediatamente all’occhio. L’aver fatto parlare così tanto di sé ha portato l’applicazione a raccogliere più di 150 milioni di volti e nomi. Ti stai preoccupando?
  • Why you should switch to Signal or Telegram from WhatsApp, Today: (ENG) un punto di vista, un’analisi, perché abbandonare WhatsApp e scegliere un’applicazione alternativa, pur mantenendo lo scopo principe e principale di questo tipo di applicazioni, la possibilità di inviare rapidamente messaggi di testo, voce, video e allegati tra contatti. Allego cattura completa dell’articolo per chi non la potesse leggere integralmente.
  • Diritto all’oblio, il Garante privacy estende il campo di applicazione: (ITA) il Garante della Privacy ha creato un precedente per ciò che riguarda il diritto all’oblio e alla sua applicazione anche in assenza di nome e cognome esplicito della persona. Ciò che determina il diritto all’oblio può essere qualsiasi tipo di dato che può identificare univocamente la persona che sta facendo richiesta di “sparire dai radar“.
  • Dietro le false pec dell’Inps c’è una lunga campagna di attacchi hacker: (ITA) c’è un attacco di phishing in corso che sembra fare uso di indirizzi di posta elettronica certificata del tutto leciti, si fa riferimento a “dettaglio degli addebiti e degli importi dovuti”, nota falsa alla quale non credere, che porta con sé un file zip contenente un virus facente parte (a oggi) dei 4 più diffusi in Italia. Occhi sempre ben aperti.
  • How to Dump 1Password, KeePassX & LastPass Passwords in Plaintext: (ENG) quando le tue password transitano dall’area appunti di macOS sono potenzialmente vulnerabili, è il motivo per il quale è sempre consigliato affidarsi ai componenti aggiuntivi ufficiali che gli stessi sviluppatori delle applicazioni di conservazione password realizzano e mettono a disposizione. Questi fanno dialogare browser e applicazione senza che venga lasciato scoperto un nervo molto sensibile. Una bella e completa analisi con esempi di attacco.
  • Il bug Bluekeep rischia di scatenare un’altra Wannacry: (ITA) quello che fino a oggi era solo stato discusso e tenuto “su carta” è disponibile invece all’uso da parte di chiunque sia disposto a pagare. C’è un nuovo exploit in grado di colpire Windows, basato su un veicolo d’infezione già scoperto in passato.

Dai un’occhiata anche a …

  • How to Obtain Valuable Data from Images Using Exif Extractors: (ENG) le fotografie che carichi online portano con sé una miriade di dati utilizzabili per scoprire maggiori dettagli su chi l’ha scattata, con quale prodotto, in che posizione nel mondo. Si chiamano EXIF, possono essere letti facilmente, questo è un articolo che ti spiega bene di cosa si tratta e come gli EXIF possono essere sfruttati facendo uso di strumenti liberamente accessibili su web.
  • Avengers: Endgame è il film con il maggior incasso di sempre!: (ITA) alla fine ce l’ha fatta, Avengers: Endgame batte Avatar ai botteghini e diventa l’opera cinematografica con il maggiore incasso mai realizzato. Inutile nasconderlo: proporre una “nuova visione” con scene tagliate e ringraziamento finale ha aiutato (e parecchio), pur non includendo nulla di imperdibile (nulla che manchi all’appello del disco BluRay che verrà messo entro breve in commercio).
  • Dal Signore degli Anelli a Jack Ryan, le novità delle serie tv Amazon: (ITA) ci sono alcune serie televisive Amazon che mi piacciono particolarmente, Wired ha pubblicato una lista di quello che arriverà su Prime Video nella prossima stagione autunnale.

immagine di copertina: unsplash.com / author: Sai Kiran Anagani
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non sono sparito, in realtà ho dovuto portare a termine un progetto importante del quale ti racconterò qualcosa nei prossimi giorni (sperando di riuscire a buttare giù qualche riga proprio in questo fine settimana). Ore di sonno da recuperare, stress accumulato ma tanta gioia e belle cose da ricordare per gli anni a venire. Queste sono le letture alle quali ho dato un’occhiata e che penso (spero) possano interessarti, è quasi tempo di vacanza e mi auguro che tu abbia già in programma qualcosa per ricaricare le batterie per affrontare al meglio il nuovo anno lavorativo. Buongiorno!

Letture per il weekend: 1

Ultime novità

  • ATM Milano, il nuovo Sistema Tariffario Integrato del Bacino di Mobilità, lo STIBM: (ITA) chiaramente dedicato agli amici di Milano, la città che ha adottato me e Ilaria, un collegamento diretto al nuovo sito web sviluppato e pubblicato per spiegare al meglio ciò che cambia con il nuovo sistema tariffario ATM (per mezzi di superficie e non), questo entra in vigore da lunedì 15 luglio e i biglietti precedentemente acquistati possono essere consumati nel giro di 90gg a partire dal 15/7, occhio quindi a non perdere di vista la data.
  • Bollette luce e gas online dal 1° luglio: tutti i consumi consultabili sul web: (ITA) liberamente accessibile da chiunque abbia uno SPID, il portale dei consumi permette di tenere d’occhio – scusa la ripetizione – i consumi che vengono generati dalle proprie abitazioni per ciò che riguarda elettricità e gas. Io ho avuto modo di darci un’occhiata la scorsa settimana, il portale funziona ma è molto lento e di strada da fare ce n’è ancora tanta evidentemente, eppure è un primo passo in avanti per una digitalizzazione dei dati che ci appartengono, per una più semplice e immediata consultazione.

Privacy e Sicurezza

Dai un’occhiata anche a …

  • iThemes Security Setup Guide 2019: (ENG) una guida aggiornata in formato PDF che ti spiega come configurare al meglio il noto plugin di sicurezza per WordPress, con opzioni dedicate a tutti e quelle specificatamente pensate e disponibili solo per i clienti paganti (PRO). Ti ho già parlato di iThemes Security in passato (Proteggere WordPress da login non autorizzati), continuo a utilizzarlo e sono soddisfatto del suo operato.
  • Child Theme Generator: (ENG) uno strumento facile da utilizzare anche per coloro che non masticano particolarmente l’argomento. Modificare il tema del proprio sito web creato con WordPress è pratica assai sconsigliata, creare un tema figlio è invece la strada più corretta. Per farlo puoi cercare il tema che ti interessa all’interno del catalogo messo a disposizione, ottenendo i file di partenza che dovrai utilizzare per la tua installazione.

immagine di copertina: unsplash.com / author: Heather Ford
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Il problema non è certo pagare, quello lo si deve fare spesso entro un limite di giorni che può mettere in difficoltà un nucleo familiare. Il problema vero è recuperare; recuperare quei soldi che qualcuno ha evidentemente fatto capire che non sarebbero mai dovuti uscire dalle tasche di quelle famiglie (ma non solo), soldi che oggi di certo non torneranno più, basta esserne consapevoli e metterci una fantastica croce sopra.

Nelle puntate precedenti:

TARI 2018: recupero dei pagamenti in eccesso degli anni scorsi

TARI 2018: le novità sul recupero dei pagamenti in eccesso

Sull’argomento TARI ed eccesso dei pagamenti hanno progressivamente terminato di parlarne un po’ tutti, l’attenzione è scemata parecchio, così facendo c’è stato modo – evidentemente – di far passare il tutto in sordina, nessuno (o quasi) si lamenta più, quei soldi sono stati dati in beneficenza al Comune. Partecipami è una comunità fatta di cittadini alla quale mi sono iscritto solo una manciata di giorni fa ma che seguo da lurker da un po’ più di tempo, è in quello spazio web che ho posto la semplice domanda per capire se ci fossero aggiornamenti sull’argomento, credo di poterti rimandare direttamente alle discussioni pubblicamente accessibili: partecipami.it/infodiscs/view/34552 e partecipami.it/infodiscs/view/33658, quest’ultima è quella dove trovi la risposta più aggiornata …

Tutto archiviato. Alcuni volenterosi hanno fatto ricorso alla Commissione Tributaria la quale ha avuto la faccia tosta di dare ragione al Comune di Milano, in base al detto secondo cui “cane non mangia cane”.
Tutto questo con buona pace delle promesse di rimborso del sindaco Sala, le cui parole valgono meno di quelle del mentitore più incallito, e con grande soddisfazione dell’Assessore Tasca che ha condotto la vicenda con molta classe, nell’interesse delle casse comunali, certamente non nell’interesse dei cittadini milanesi.
Dopo ben due sentenze a favore del Comune tutta la vicenda è stata archiviata e cara grazia che almeno dal 2018 in poi il calcolo sia stato riveduto e corretto.

La Commissione Tributaria era la via ufficiale da intraprendere e percorrere per cercare di ottenere un rimborso passati i 90 giorni senza risposta alcuna da parte del Comune di Milano (a mezzo PEC o equivalente, come descritto in un mio vecchio articolo), la stessa suggerita dall’ADUC all’indirizzo sosonline.aduc.it/lettera/ricorso+tari+box_292831.php. C’è chi ha provato ad andare ancora più avanti in udienza pubblica (amicicomit.it/images/2018/TARIBozzaricorsoversoComunediMilano.pdf), non conosco però l’esito della storia (mi piacerebbe).

Finisce così?

(Potrei conoscere la risposta)

immagine di copertina: unsplash.com / author: Alex Vasey
× MRL: Milano Real Life

Milano Real Life (MRL)

È il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Se ti sei perso la “precedente puntata” ti invito a dare un’occhiata al mio vecchio articolo datato 10 luglio scorso, all’interno del quale ti parlo del recupero pagamenti in eccesso per le TARI del Comune di Milano (in particolare, nel mio caso), ma non solo (perché di Comuni che hanno commesso qualche “errore” ce ne sono stati altri):

TARI 2018: recupero dei pagamenti in eccesso degli anni scorsi

Mi scrive Alessandro, un lettore del blog che saluto e ringrazio per lo scambio di mail e che invito anche a commentare questo nuovo articolo nel caso lo ritenesse opportuno (e lo stesso vale per qualsiasi altro lettore del blog, te compreso!), il quale mi ha segnalato alcune novità riguardanti il provvedimento, non esattamente allegre per coloro che hanno già versato più del dovuto:

Sono solo due delle svariate altre fonti che hanno sì parlato del problema e delle poco gradevoli novità, ma passando in sordina senza dare troppo risalto a quanto accaduto, un po’ a voler evitare di fare troppo baccano. Ti propongo un estratto del secondo articolo segnalato:

Secondo la sentenza infatti «per gli anni in esame», appunto quelli compresi fra il 2014 e il 2017, «era dovuta anche per i box di pertinenza la quota variabile, come applicata dal Comune».
Secondo la Commissione tributaria l’amministrazione comunale «ha correttamente proceduto – come si legge nella sentenza – visto anche che il legislatore non ha mai precisato il concetto di pertinenzialità». Di conseguenza la circolare del ministero dell’Economia e delle Finanze del novembre 2017, che puntava il dito contro un errore di calcolo della tassa, «è ininfluente».

Alessandro mi scrive a tal proposito che:

Altroconsumo mi ha anche spiegato il motivo di questo ritardo, ma grazie alla mia fantastica memoria ora le esatte parole non le ricordo, se ho capito bene loro sono in contatto con la ragioneria (se si chiama così) del Comune, che deve dare l’ok e ha accennato che dovrebbero avere risposta a breve, comunque al più tardi entro fine dicembre.
[…]

Quello che mi lascia un po’ dubbioso è che ha accennato ad una eventuale class action in caso di rifiuto, su cui non ho voluto approfondire, ma ripensandoci ora, spero non si arrivi a tanto.

Ciò a cui lui fa riferimento è un intervento che evidentemente Altroconsumo vuole avviare nel caso in cui le porte chiuse inizino a diventare più del dovuto, cosa non ancora accaduta se si fa riferimento a quanto riportato nel loro articolo (quello che puoi trovare al medesimo indirizzo segnalato nel mio primo pezzo: altroconsumo.it/soldi/imposte-e-tasse/news/errore-calcolo-tari):

Errore calcolo Tari: primo round al Comune di Milano. Ma la battaglia continua

[…] Tuttavia sono da poco uscite le prime sentenze di primo grado della Commissione tributaria provinciale, presentate da acluni cittadini milanesi: l’esito è purtroppo favorevole al Comune di Milano. Noi comunque continuiamo a chiedere che venga fatta giustizia e ci batteremo in tutti gli altri gradi di giudizio: la battaglia infatti non è affatto conclusa perché l’iter è ancora lungo.

Ho aspettato a pubblicare l’articolo per capire quali sviluppi ci potessero essere in merito ma, come anche tu stesso puoi vedere, dicembre volge ormai al suo giro di boa, i giorni che ci separano dal Natale sono sempre meno e lo saranno anche quelli da qui alla fine del 2018. Stapperemo quasi certamente lo spumante senza sapere alcunché in merito ai rimborsi che –forse?– non ci spettano più, dipende chiaramente da chi riuscirà a uscirne vincitore dall’ennesimo errore che si trasforma per magia in azione intrapresa lecita e conseguente svista del consumatore che pretende ciò che non gli spetta.

Nel caso in cui ci fossero novità non esiterò ad aggiornare questo nuovo articolo. Nel frattempo tocca pazientare, come sempre (lo diceva mio nonno, lo ripete sempre mia madre e non posso fare altro che pensarlo anche io: a chiedere e prendere i soldi si fa sempre tanto in fretta, è a restituirli che ci si mette sempre un sacco di tempo!).

× MRL: Milano Real Life

Milano Real Life (MRL)

È il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: