Archives For Comune di Milano

Se ti sei perso la “precedente puntata” ti invito a dare un’occhiata al mio vecchio articolo datato 10 luglio scorso, all’interno del quale ti parlo del recupero pagamenti in eccesso per le TARI del Comune di Milano (in particolare, nel mio caso), ma non solo (perché di Comuni che hanno commesso qualche “errore” ce ne sono stati altri):

TARI 2018: recupero dei pagamenti in eccesso degli anni scorsi

Mi scrive Alessandro, un lettore del blog che saluto e ringrazio per lo scambio di mail e che invito anche a commentare questo nuovo articolo nel caso lo ritenesse opportuno (e lo stesso vale per qualsiasi altro lettore del blog, te compreso!), il quale mi ha segnalato alcune novità riguardanti il provvedimento, non esattamente allegre per coloro che hanno già versato più del dovuto:

Sono solo due delle svariate altre fonti che hanno sì parlato del problema e delle poco gradevoli novità, ma passando in sordina senza dare troppo risalto a quanto accaduto, un po’ a voler evitare di fare troppo baccano. Ti propongo un estratto del secondo articolo segnalato:

Secondo la sentenza infatti «per gli anni in esame», appunto quelli compresi fra il 2014 e il 2017, «era dovuta anche per i box di pertinenza la quota variabile, come applicata dal Comune».
Secondo la Commissione tributaria l’amministrazione comunale «ha correttamente proceduto – come si legge nella sentenza – visto anche che il legislatore non ha mai precisato il concetto di pertinenzialità». Di conseguenza la circolare del ministero dell’Economia e delle Finanze del novembre 2017, che puntava il dito contro un errore di calcolo della tassa, «è ininfluente».

Alessandro mi scrive a tal proposito che:

Altroconsumo mi ha anche spiegato il motivo di questo ritardo, ma grazie alla mia fantastica memoria ora le esatte parole non le ricordo, se ho capito bene loro sono in contatto con la ragioneria (se si chiama così) del Comune, che deve dare l’ok e ha accennato che dovrebbero avere risposta a breve, comunque al più tardi entro fine dicembre.
[…]

Quello che mi lascia un po’ dubbioso è che ha accennato ad una eventuale class action in caso di rifiuto, su cui non ho voluto approfondire, ma ripensandoci ora, spero non si arrivi a tanto.

Ciò a cui lui fa riferimento è un intervento che evidentemente Altroconsumo vuole avviare nel caso in cui le porte chiuse inizino a diventare più del dovuto, cosa non ancora accaduta se si fa riferimento a quanto riportato nel loro articolo (quello che puoi trovare al medesimo indirizzo segnalato nel mio primo pezzo: altroconsumo.it/soldi/imposte-e-tasse/news/errore-calcolo-tari):

Errore calcolo Tari: primo round al Comune di Milano. Ma la battaglia continua

[…] Tuttavia sono da poco uscite le prime sentenze di primo grado della Commissione tributaria provinciale, presentate da acluni cittadini milanesi: l’esito è purtroppo favorevole al Comune di Milano. Noi comunque continuiamo a chiedere che venga fatta giustizia e ci batteremo in tutti gli altri gradi di giudizio: la battaglia infatti non è affatto conclusa perché l’iter è ancora lungo.

Ho aspettato a pubblicare l’articolo per capire quali sviluppi ci potessero essere in merito ma, come anche tu stesso puoi vedere, dicembre volge ormai al suo giro di boa, i giorni che ci separano dal Natale sono sempre meno e lo saranno anche quelli da qui alla fine del 2018. Stapperemo quasi certamente lo spumante senza sapere alcunché in merito ai rimborsi che –forse?– non ci spettano più, dipende chiaramente da chi riuscirà a uscirne vincitore dall’ennesimo errore che si trasforma per magia in azione intrapresa lecita e conseguente svista del consumatore che pretende ciò che non gli spetta.

Nel caso in cui ci fossero novità non esiterò ad aggiornare questo nuovo articolo. Nel frattempo tocca pazientare, come sempre (lo diceva mio nonno, lo ripete sempre mia madre e non posso fare altro che pensarlo anche io: a chiedere e prendere i soldi si fa sempre tanto in fretta, è a restituirli che ci si mette sempre un sacco di tempo!).

× MRL: Milano Real Life

Milano Real Life (MRL)

È il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ci sono poche certezze nella vita di un milanese medio, l’Esselunga è certamente una di queste. Tutti pensati e realizzati con una logica ormai consolidata, buone offerte, qualche modifica non proprio gradevole nel post-Caprotti (che continua a mancarci tantissimo), il Presto Spesa, la cassiera che ti sorride quando è in buona, i suoi banchi del fresco.

Dall’altro lato Satispay, nata da cuore e menti italiane, con investimenti internazionali che stanno permettendole di crescere rapidamente e catturare l’attenzione di ulteriori commercianti (e gruppi) che decidono di accettare i pagamenti portati a termine tramite l’applicazione disponibile sulle piattaforme mobile più diffuse (Android, iOS, Windows Phone). Si dice che l’unione faccia la forza, giusto?

Ho fatto la spesa all'Esselunga con Satispay (un sacco bello)

Da un paio di settimane circa, l’Esselunga dove io e Ilaria siamo soliti fare la spesa, ha aggiornato i propri terminali includendo la possibilità di pagare con Satispay, e noi ne abbiamo approfittato immediatamente. Utilizzavo già Satispay, più sporadicamente, perché non propriamente circondato da esercizi commerciali che si appoggiavano a lui per il pagamento elettronico, ma con l’arrivo di Esselunga mi è toccato pure aumentare il budget settimanale da tenere sempre sotto ricarica!

Regole del gioco: quelle che durano ormai da qualche tempo. Il pagamento è sempre erogabile, ma per alcuni esercizi commerciali c’è in più quel cashback che ti permette di recuperare parte della spesa, subito dopo aver pagato. Esempio pratico? Pagamento di 100€ con cashback al 20%, 20€ tornano immediatamente nel budget di Satispay. Un modo come un altro per invogliare gli utilizzatori a passare dall’applicazione anziché dai contanti o dalle carte di pagamento.

Ho fatto la spesa all'Esselunga con Satispay (un sacco bello) 1

Ma perché Satispay?

Perché è comodo, funziona su iPhone ma anche sul mio Galaxy S8, su entrambi condivido l’account e non importa quale telefono sto utilizzando nello specifico momento. Un amico dice che Apple Pay è più comodo, in realtà credo e sostengo che si tratti di due metodi di pagamento molto differenti, dove il primo citato è dedicato esclusivamente ai clienti della mela, escludendo tutto il resto del mondo. Apple Pay si appoggia sulla propria carta di credito (ammesso questa sia compatibile), Satispay sul conto corrente bancario (o una carta con IBAN).

Satispay, una volta sbloccato con la propria impronta digitale o il PIN scelto in fase di installazione e prima configurazione, permetterà di inviare denaro al negozio preferito o all’amico che l’altra sera ha anticipato per tutti pagando il conto in pizzeria. È molto veloce (pressoché immediato, giusto il tempo della preparazione del pagamento) e preciso, tutto fila liscio e spero che continuerà a evolvere nel corso del tempo.

L’iscrizione al servizio è gratuita, così come ogni operazione eseguita. Se utilizzi il codice GIOVANNISOLO ottieni anche 5€ come “bonus di benvenuto” al completamento delle operazioni di riconoscimento e invio delle fotografie del tuo documento di identità. Il processo porterà via qualche giorno, potrai poi impostare il budget da tenere sempre a portata di clic e ricaricare ogni settimana (solo quando necessario).

Satispay
Satispay
Developer: Satispay S.p.A
Price: Free
Satispay
Satispay
Developer: SATISPAY S.P.A.
Price: Free

Ti iscriverai? :-)

× MRL: Milano Real Life

Milano Real Life (MRL)

È il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: