Archives For LaSettimanaDi

Non tutte le letture che ti suggerisco oggi fanno parte di quest’ultima settimana di avvenimenti, in realtà sono andato a recuperare letture più vecchie che avevo lasciato da parte e non affrontato, voglio condividerle con te pensando (spero) di far cosa gradita (altrimenti sarei una brutta persona più di quanto non lo sia già dandoti in pasto qualcosa di sgradevole 🤪).

Ultime novità

  • WhatsApp voice calls used to inject Israeli spyware on phones: sì, è tutto confermato (vedi advisory ufficiale di Facebook: facebook.com/security/advisories/cve-2019-3568). Una società israeliana ha sfruttato un bug del celeberrimo client di messaggistica istantanea per installare spyware all’insaputa dell’utente, con tanto di cancellazione delle tracce per concludere un lavoro fatto bene. L’articolo proposto è in inglese, puoi trovare la controparte italiana sul Sole 24 Ore o Sky TG24.
  • Hands Off My Data! 15 Default Privacy Settings You Should Change Right Now: non è una novità nel suo campo, è forse l’ennesimo articolo che promette di farti scoprire trucchi e segreti nascosti ma che in realtà sono davanti agli occhi di tutti, tuoi compresi, parametri che agiscono alla luce del giorno per tracciare abitudini e dati personali. Un contributo in inglese ospitato su Medium, teoricamente libero per la lettura ma allego il solito screenshot in chiusura articolo per tua comodità, si sa mai.

Vecchie letture


immagine di copertina: unsplash.com / author: Osman Rana
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
  • Looking inside the box: interessantissimo articolo in inglese che parla di un reverse engineering operato sulla versione Linux del client di Dropbox, l’autore ne ha carpito meccanismi di funzionamento e curiosità che si è poi evidentemente divertito a raccogliere sotto lo stesso tetto (il suo articolo sul blog dell’azienda) disponibile per noi lettori.
  • WordPress 5.2, una panoramica su alcune delle nuove funzionalità: articolo di Paolo, in italiano, spiega le novità di WordPress 5.2. Il sistema di health check io l’avevo installato manualmente come plugin aggiuntivo, oggi entra a far parte di un’installazione standard di WordPress e la cosa non può che farmi piacere (trova il suo nuovo posto sotto Tools → Site Health). Con l’occasione è stato ulteriormente migliorato e il consiglio è quello di dargli un’occhiata quando hai qualche minuto di tempo, sii curioso. Ancora più interessante la nuova funzione di recovery del blog in caso di Fatal Error.

E buon fine settimana a te (sperando che tu viva fuori Milano e che ci sia quindi un po’ di sole per poter stare all’aria aperta con i tuoi cari o anche da soli, che qui se qualcuno dall’alto non ce lo rovina con matematica puntualità non è contento 🙄).


immagine di copertina: unsplash.com / author: Robert Bye
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Le vuoi due o tre letture interessanti per questo fine settimana di Pasqua (ah già, auguri)? Te le butto qui di seguito, secondo me vale la pena dargli un’occhiata.

  • The ultimate guide on online anonymity and safety: articolo in inglese, rivela qualche trucco e una serie di buoni consigli da tenere a mente quando si valuta di aver assoluta necessità di riservatezza non solo nella navigazione quotidiana, ma anche in quella serie di servizi che si utilizzano quotidianamente e ai quali forse si presta poca attenzione.
  • Regex tutorial — A quick cheatsheet by examples: articolo in inglese, adatto per chi ancora deve imparare a utilizzare al meglio le query RegEx (me compreso) e sfruttarle al massimo delle potenzialità per cercare qualsiasi tipo di testo all’interno di un cumulo di stringhe magari più complesse, lavoro spesso fondamentale quando si realizzano script o quando si opera con Notepad++ (come già successo in passato).
  • How to See Who’s On Your Wi-Fi: articolo in inglese, ti racconta che applicazioni e che metodi utilizzare per sapere se sulla tua rete WiFi (ma vale anche con quella cablata, sia chiaro) c’è qualche apparato sconosciuto e non di tuo possesso, così che tu possa prendere provvedimenti in merito.

Se per qualsivoglia motivo non riesci a leggere gli articoli su Medium puoi comunque farlo passando dagli screenshot catturati (dalla galleria puoi scaricare i file originali e consultarli a grandezza naturale):

E ora goditi un po’ di meritato riposo 😉👍

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Weekend: tra password WiFi da recuperare e letture consigliate 2Lo so, non è certo la classica formula, ma d’altronde è quasi il fine settimana, prendiamocela leggera. Nel corso dei giorni passati ho dato un’occhiata a diverse notizie e approfondimenti potenzialmente interessanti anche per te (se mi segui e ti piacciono gli argomenti che tratto, ovviamente; altrimenti boh, potremmo parlare del meteo e delle ferie estive che sono quasi alle porte, o almeno così ci piace pensare). Generalmente gli articoli in lingua originale sono quelli che vengono rilavorati da me e messi a disposizione in italiano, ma quelli che ti proporrò sono facili da leggere e mettere in pratica (mal che vada, usa l’area commenti per chiedere delucidazioni in merito, sarò felice di discuterne insieme).

Sei quindi pronto a leggere qualche spunto interessante? Ho deciso di togliere la polvere dal mio account personale TinyLetter che avevo registrato secoli fa, senza mai usarlo, provo a buttarci dentro qualche riflessione e qualche rilancio verso articoli (e non solo) di terze parti, come fosse un elenco di letture consigliate dalle quali partire per qualche ragionamento comune che andrò analizzando in successive mail insieme a te. Magari potrei approfittarne per dare un tetto comune e storicizzato di quelle pubblicazioni che sono solito lanciare via Twitter e Facebook.

L’archivio sarà pubblicamente accessibile e la newsletter non seguirà un modello ben preciso, parteciperò anche io (pop corn alla mano) per capire in cosa evolverà. Se ti va, iscriviti! :-)

p.s. La cadenza della newsletter non sarà settimanale, scriverò (e tu riceverai) quando riuscirò a farlo o quando avrò qualcosa di interessante da proporti, vale un po’ come con il blog. Se non ho modo di starci dietro o nulla di realmente interessante di cui parlarti, preferisco sempre lasciarti in pace! ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: