Archives For macOS

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Da quando Sierra è stato reso pubblico, di problemi noi utilizzatori ne abbiamo visti passare davanti agli occhi un po’ in maniera randomica e neanche tanto di rado. Con una botta al cerchio e uno alla botte, aggiustare il tiro è sempre stato abbastanza semplice e alla portata di chiunque. Questo problema però mi si è riproposto come la peperonata mangiata a tarda ora, almeno fino a quando non ho scoperto un metodo alternativo che sembra aver messo la parola fine all’anomalia.

Uso un Magic Mouse di Apple (la prima serie) che con Sierra ha dato qualche volta l’errore che ti ho riportato nel titolo dell’articolo, questo nell’immagine per essere fiscali:

macOS e il "Bluetooth: non Disponibile", come risolvere

In pratica da un momento all’altro (nella maggior parte dei casi al risveglio del portatile) si perde la possibilità di utilizzare il mouse esterno. Tocca riavviare la macchina, perché non c’è modo di riavviare solo la parte bluetooth e far riconnettere il Magic Mouse (o equivalente). Ho quindi dato un’occhiata a vecchi thread nel forum di Apple, ho provato a cancellare file plist, pulire dispositivi precedentemente associati e altro ancora, ma nulla da fare.

Ho trovato un metodo che però sembra funzionare, (molto) facile da riprodurre. Tieni premuto il tasto Alt () e fai clic (con il tasto sinistro) sull’icona del bluetooth. Accederai a un menu decisamente più popolato rispetto a quello che sei abituato a vedere:

macOS e il "Bluetooth: non Disponibile", come risolvere 1

Fai clic sulla voce Debug, accederai così a un ulteriore tendina del menu che ti permetterà di ripristinare completamente il modulo bluetooth:

macOS e il "Bluetooth: non Disponibile", come risolvere 2

Questo rimuoverà in un solo colpo tutti i dispositivi precedentemente associati (dovrai riassociarli al successivo riavvio della macchina), ma dovrebbe finalmente risolvere ogni anomalia legata al modulo, permettendoti così di ricominciare a utilizzare il tuo mouse, possibilmente senza ulteriori scherzi in futuro.

Enjoy.

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

È strano, è una cosa che faccio abitualmente (e che consiglio) ma senza averne mai parlato qui sul blog. Si tratta di un trucco semplice da mettere in pratica e che -oggi- può tranquillamente sostituire il salvataggio automatico dei dati di Desktop e Documenti su iCloud, soprattutto se hai già un account su Dropbox, giusto per fare un esempio.

macOS: salvare una cartella su Dropbox automaticamente 1

Lo scopo è semplice: voglio che qualsiasi file passi dal Desktop o dalla cartella Documenti del mio MacBook, vada automaticamente a finire su Dropbox, così da poter recuperare quei file da qualsiasi altro dispositivo e dall’interfaccia web, quello che già succede su Windows (avevo parlato del junction per Windows Xp e il mklink per Windows 7 e superiori, già nel 2010). Per poter collegare una cartella all’equivalente su Dropbox, funziona praticamente alla stessa maniera, ti basterà infatti una riga di codice lanciata da Terminale.

Crea e spostati nella cartella di destinazione (es: cd Dropbox/CARTELLABACKUPDESKTOP), quindi lancia un ln -s ~/Desktop/ (nel caso in cui tu voglia clonare la cartella Desktop del tuo sistema operativo, altrimenti ~/Documents/ per la Documenti):

macOS: salvare una cartella su Dropbox automaticamente

La modifica è immediata e partirà così la sincronizzazione dei file già presenti nella cartella sorgente, sulla sua equivalente in Dropbox. Inutile dire che vale per qualsiasi sorgente e quindi destinazione, a prescindere che si tratti di Dropbox o un altro servizio (NAS compreso).

Se hai ancora dubbi in merito, lascia pure un commento in fondo all’articolo! :-)

Con Android spesso è tutto più semplice, non ha particolari restrizioni nei confronti dell’utente finale e si riescono a fare cose che su iOS attualmente non sono consentite (mi viene subito in mente il controllo remoto, tanto per fare un esempio). L’articolo di oggi parla di un prodotto utile per aggirare l’ostacolo della registrazione del monitor, per realizzare tutorial video o catturare sessioni di gioco da poter poi pubblicare su YouTube (argomento che spesso interessa i più giovani).

Si chiama –senza troppa fantasiaiPhone Screen Recorder, e lo sviluppa la AceThinker.

iPhone Screen Recorder di AceThinker

iPhone Screen Recorder sfrutta la tecnologia AirPlay di Apple per farsi trovare da iOS, e ne cattura l’output. Questo vuol dire che, sul monitor del PC, potrai vedere e registrare qualsiasi cosa accada su iPhone o iPad, audio compreso. Al termine della registrazione, otterrai un video con la qualità e il formato precedentemente stabilito. Il programma nasce evidentemente per Windows, ma è disponibile anche per il più recente macOS, quest’ultimo propone però meno opzioni rispetto a quelle disponibili su sistema Microsoft, ed è la versione che ho provato per scrivere l’articolo.

La configurazione del programma è davvero semplice (e già pronto per funzionare subito dopo l’installazione, senza necessità di particolari impostazioni). Ti basterà cercare dispositivi disponibili per la trasmissione AirPlay dal menu basso di iOS e il gioco è fatto, noterai subito l’applicazione in esecuzione:

Fai clic per trasmettere verso il dispositivo di duplicazione, partirà il mirroring del monitor all’interno dell’applicazione lanciata su PC. Potrai mostrare “la diretta” durante una proiezione, registrare un video o catturare facilmente screenshot, tutto a portata di clic, puoi anche scegliere di mettere a tutto schermo ciò che in quel momento stai facendo sul dispositivo. Ho voluto fare un paio di test con due giochi, dato che la società di sviluppo punta molto su questo aspetto.

Ti lascio vedere il risultato finale mettendo a confronto Super Mario Run e Fallout Shelter, due titoli molto diversi tra di loro, anche per lo sfruttamento delle risorse del dispositivo (un iPhone 6 con a bordo iOS aggiornato). A te la (per forza piccola) playlist:

Avrai certamente notato una mancata sincronizzazione (fluida) tra video e audio del primo e sì, non è colpa della conversione YouTube, e dubito possa essere colpa del mio MacBook (perché ho fatto un altro test passando per QuickTime). Quella mancata simbiosi si nota molto meno nella registrazione di Fallout Shelter, eseguita con l’identico hardware e software. Il programma in realtà dà il meglio di sé quando si chiede di registrare la normale attività del sistema, o magari un passo-passo di una qualche applicazione che non sia ludica, lo ritengo un utilissimo braccio destro per realizzare dei tutorial da mettere a disposizione degli utenti (anche in azienda), meno per pensare di mettermi a fare lo Youtuber imprecando e urlando sull’ultimo titolo disponibile in AppStore.

Giusto per completezza, ho registrato e caricato un terzo video, registrato con la versione per Windows che, come anticipato, integra alcune altre opzioni riguardo il formato video (e non solo). Ho selezionato prima un diverso livello del gioco, per poi tornare sul livello 1-1 per replicare la registrazione fatta nel primo video catturato dal MacBook.

iPhone Screen Recorder di AceThinker 3

Se ingrandisci l’immagine (ti basterà selezionarla con un clic), noterai una bassa qualità dell’anteprima, cosa che per fortuna sparisce nella registrazione video ad alta qualità.

La licenza (a oggi, che sto pubblicando l’articolo) costa l’equivalente di poco meno di 30€, e permette di sbloccare completamente l’applicazione che stai già provando (magari) sul tuo PC, permettendoti di registrare video lunghi e senza alcun logo all’interno. Una possibile alternativa di fascia alta è AirServer, che avevo provato con risultati molto soddisfacenti in passato, e che propone una licenza meno costosa (meno della metà di quella di iPhone Screen Recorder, nda), con diversi punti a favore e qualche piccola pecca (baso però il mio giudizio su una versione di qualche tempo fa, che potrebbe quindi essere ulteriormente migliorata), e in realtà corrisponderebbe alla mia scelta se dovesse servirmi un software di cattura monitor di iOS.

Esistono ulteriori alternative? Certamente. Con alcuni altri del “settore” bisogna però scendere a compromessi, quelli che a un cliente pagante non piacciono mai (è un po’ più facile mandare giù la pillola amara quando si sfrutta qualcosa gratuitamente, e neanche in tutti i casi).

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Ti ho già dato qualche consiglio sul resize in batch delle immagini, sia per Windows che OS X (ora macOS). Quello di oggi riguarda proprio macOS Sierra ed è molto semplice, dedicato soprattutto a chi non è abituato a utilizzare Terminale e non vuole passare tramite applicazioni di terze parti.

macOS: cambia la dimensione delle immagini

Una volta aperto un gruppo di immagini in Anteprima (Preview), selezionale tutte dalla colonna laterale (basta un CTRL + A), quindi vai in StrumentiRegola dimensioni. A questo punto potrai modificare le opzioni disponibili e ottenere il risultato inizialmente desiderato.

Ciò non include un’ottimizzazione dell’immagine per il web (nel caso tu la volessi caricare online, magari in WordPress), ma di certo quelle sorgenti snelliranno data la dimensione più contenuta.

Cheers.

Credits: lh.com

Sono solito visitare spesso, per lavoro o curiosità personale, le community di discussione Microsoft, dove trovo colleghi (e non solo) che magari hanno riscontrato problemi simili ai miei, o dove posso inserirne di nuovi da discutere e –possibilmente– risolvere. Talvolta però ho notato che in maniera completamente randomica, mi becco un errore ben preciso: Bad Request – Request Too Long.

Firefox: risolvere il problema del Bad Request - Request Too Long

Non sono riuscito a riprodurlo, non c’è una condizione ben precisa che lo scatena, mi sono imbattuto in lui tre o quattro volte al massimo, a buona distanza l’una dall’altra volta, sempre tentando di visitare (con Firefox) proprio l’area di Social Technet Microsoft. A voler pensare male (si fa peccato) si può pensare che il big di Redmond non nutra tutta questa grande simpatia per il browser Mozilla, ma ovviamente si scherza :-)

Ho trovato a tal proposito una soluzione che ti potrebbe portare decisamente lontano dalla meta, te la segnalo affinché tu non la segua (occhio, ribadisco, ho detto che non devi seguirla): social.technet.microsoft.com/Forums/office/en-US/f164d006-61c7-46de-86ea-2003937b8b11/bad-request-request-too-long?forum=sharepointgeneralprevious.

Per ciò che riguarda Firefox, si tratta di un problema di Cache, al massimo di Cookie di sessione.

Pulisci prima la Cache

Lancia la combinazione CTRL + SHIFT + Canc da tastiera, dovrebbe comparirti una finestra simile a quella qui di seguito, nella quale dovrai selezionare solo la Cache (togli i segni di spunta a tutto il resto) e modificare l’intervallo di tempo da cancellare portandolo a “tutto“, seguito ovviamente da un clic su “Cancella adesso“:

Firefox: risolvere il problema del Bad Request - Request Too Long 1

Prova a visitare nuovamente il sito web che prima ti ha dato errore. Il problema è stato risolto? No? Ok, passiamo a cancellare i Cookie relativi al sito incriminato.

Pulizia dei Cookie

Accedi alla finestra riguardante le informazioni della pagina che stai provando a visitare. Per farlo, rimani sulla pagina di errore e fai clic sulla piccola icona “i” (di informazioni) nella barra dell’URL, aprirai così il blocco di informazioni su connessione e permessi del sito web (come da prima immagine, qui di seguito). Ora fai clic su sulla prima voce (quella relativa al certificato) e poi su “Ulteriori informazioni” (vedi seconda immagine, qui di seguito).

Puoi sostituire la procedura appena descritta andando nel menu StrumentiInformazioni sulla pagina su Windows (su macOS puoi invece lanciare un ⌘ + i). Nella finestra che ti è appena comparsa, spostati nella parte relativa alla Sicurezza, quindi fai clic su Mostra cookie:

Firefox: risolvere il problema del Bad Request - Request Too Long 4

Senza pensarci poi troppo, fai clic ora su Rimuovi tutto:

Firefox: risolvere il problema del Bad Request - Request Too Long 5

Visita ancora una volta il sito web che ti continuava ad andare in errore di Bad Request. Riesci a visualizzarlo correttamente? Bene così. Non riesci ancora ad aprirlo? Il problema risiede altrove, magari possiamo analizzarlo insieme, ti aspettiamo sul forum di Mozilla Italia.

G