Archives For Logitech

Te la ricordi la UE Roll 2 di cui ti avevo parlato circa un anno fa? No, bene, ottima scusa per tornare sull’argomento Ultimate Ears e rinfrescarti un attimo le idee, il gioco di parole non era voluto, ma ci sta piuttosto bene relativamente a questa occasione, perché si torna a parlare di speaker bluetooth da portare in acqua, ti presento Wonderboom :-)

UE Wonderboom: la musica nuota con te :-) 3

UE Wonderboom

Presentato lo scorso aprile, Wonderboom è il nuovo speaker della sussidiaria di Logitech, studiato e realizzato per coloro che la musica devono necessariamente portarsela ovunque, piscina compresa. Come per il suo ormai più anziano fratello (il Roll 2 che avevo provato, nda), anche Wonderboom può nuotare in acqua, perché è certificato IPX7, permettendoti di portarlo fino a un metro di profondità in acqua dolce, continuando ad ascoltare la musica trasmessa da una sorgente bluetooth che sta entro i 30 metri di distanza dal dispositivo (salvo poi avere in mezzo impedimenti fisici che mettono in difficoltà il segnale, ma quello vale un po’ per tutti).

Dall’occupazione che lo rende estremamente portatile (largo 14 centimetri, alto 10, per un peso totale di 425 grammi), regala un suono potente e avvolgente (relativamente alla capacità di questo tipo di hardware, nda) che viene trasmesso in maniera omnidirezionale grazie ai due woofer da 40mm con doppio radiatore passivo (per darti quel basso pieno con qualsiasi tipo di canzone), il tutto condito da una caratteristica particolarmente importante quando si parla di giornata fuori di casa e festa in acqua: la batteria, garantita dalla casa per una durata di 10 ore (si ricarica totalmente in meno di 3 utilizzando lo stesso caricabatterie del tuo smartphone, il cavo microUSB è presente nella confezione del prodotto, nda).

Io, per i motivi che sei solito conoscere se mi leggi da tempo, ti spengo l’entusiasmo perché ti ricordo che tutto dipende da una serie di fattori che impattano quel monte ore, quelli che vanno dalla pulizia del segnale bluetooth al volume tenuto per tutto il tempo dell’ascolto, dettagli che possono chiaramente modificare il risultato finale. Dai test che ho personalmente eseguito, le ore sono davvero quelle, ma mantenendo la sorgente abbastanza vicina e non esagerando con il volume (che non vuol comunque dire che sei costretto a tenerlo a livello “nonno“).

Se per ricaricarlo hai a disposizione un attacco microUSB (nella tasca dietro, ben protetto per evitare infiltrazioni di acqua), stavolta –e contrariamente al Roll 2– non hai un attacco AUX da sfruttare quando si trova fuori dall’acqua, per evitare il collegamento bluetooth, che rimane così l’unico modo per amplificare le tue note preferite. Stesso destino poi del Roll 2 per quanto riguarda il vivavoce bluetooth: assente. Peccato, sarebbe davvero stupido integrarlo, favorirebbe chi non ha uno smartphone waterproof.

Soliti collegamenti posti invece sulla “scocca” (se così possiamo chiamarla), potrai modificare il volume, accendere / spegnere il dispositivo, metterlo in modalità di accoppiamento bluetooth, mettere in pausa o saltare la traccia (premi una volta il logo UE per mettere in pausa, due volte per andare alla traccia successiva).

UE Wonderboom: la musica nuota con te :-) 6

La scheda prodotto è disponibile sul sito ufficiale, risponde all’indirizzo di ultimateears.com/it-it/wonderboom, il prezzo di listino si attesta sul più classico dei prezzi “,99 finale“, ma in realtà ti serviranno un centinaio di euro per portarti a casa il tuo Wonderboom preferito (sono disponibili diversi colori, chiaramente). Stavolta, contrariamente al solito, neanche Amazon può andare poi molto in controtendenza rispetto al listino (puoi risparmiare al massimo 5 euro nel migliore dei casi):

Si tratta certamente di un bel prodotto che può tornare utile nei mesi che ci accingiamo ad affrontare, le vacanze sono ormai qualcosa di ben diverso da un miraggio, pronti alla prova costume? (io in quello di Gabibbo entro perfettamente) :-)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Logitech, ho potuto tenerlo al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ultimate Ears (UE) non è solo un capriccio di shopping della Logitech (che l’ha acquisita nel 2008, nda) ma una vera e propria sfida nel mercato degli speaker portatili (molto gettonati e nati come funghi in tutte le salse negli ultimi anni) dove già competitor anche molto più grandi la fanno da padrone. Ho avuto modo di mettere le mani sull’ultima loro creazione, UE Roll 2, un prodotto capace di unire una buona resa audio a un’estetica fuori dal comune, con qualche caratteristica sicuramente degna di nota.

UE Roll 2: l'audio esteticamente fuori dal comune

Partiamo subito senza troppi giri di parole.

Mi è piaciuto perché è esteticamente diverso dagli altri, perché è impermeabile, perché se la sa cavare nel reparto audio che tutto sommato ho trovato accettabile ma inferiore rispetto ad altri speaker della stessa fascia di mercato (occhio: fascia, non con le stesse identiche caratteristiche, nda).

Mi è piaciuta la scelta di mettere i controlli del volume talmente grandi da essere quasi ignorati a una prima occhiata, perfettamente integrati in quella trama così particolare da sembrare anche fuori luogo, poi in realtà ci si convince che può rispecchiare il carattere della persona che lo acquista. Funziona alla stessa maniera con il cavo microUSB che puoi utilizzare per collegare lo speaker al PC o al caricabatterie da muro, rigorosamente caratterizzato da un colore sgargiante (la mia fotografia è qui sopra, lo vedi quel giallo che dice “levati“?) ;-)

UE è talmente fuori dai gangheri che include una piccola ciambella all’interno del pacchetto di Roll 2, così da poterla far accomodare in piscina come vorresti fare tu con il cocktail nel materassino di chissà quale fantasia da trasposizione cinematografica, ce l’hai un amico con una piscina in casa? Potresti approfittarne, potresti dare un senso alla “Ciambella Roll“. Se non hai nessun amico di questo tipo, accontentati della doccia o della vasca da bagno, quella dovremmo avercela tutti.

Ha un attacco AUX, ma questo è comune a tutti questi prodotti. La batteria viene garantita per 9h di riproduzione (più o meno), siamo sulle stesse riportate dagli altri competitor, ci arriva quasi, a volume moderatamente alto ho potuto godere di circa 8h di riproduzione prima di essere stato costretto alla ricarica, la quale è durata quasi 6 ore (ho usato volutamente la notte). La sua tecnologia Bluetooth consente di spostarsi agilmente dallo speaker di qualche metro, ma anche di collegare più dispositivi contemporaneamente (fino a due) e diversi da conservare nella “cronologia” (fino a 8 associazioni che possono partire rapidamente richiamate quando ne hai bisogno).

UE Roll 2: l'audio esteticamente fuori dal comune 1

Mi è persino piaciuto il modo che UE ha trovato per integrare un semplice gancio che può essere utilizzato per appendere lo speaker, oppure per portarlo manualmente in maniera più semplice di quanto si possa tenere nel palmo della mano. Pulsante di accensione (con led) e pairing Bluetooth si trovano sul retro del prodotto.

Ciò che meno mi ha convinto è stata la profondità dei bassi, per certi punti di vista quasi mancante, troppo poco incisiva. Mi ha convinto poco il design, strano, difficilmente può trovare un giusto spazio all’interno del proprio salotto (tanto per fare un esempio stupido), sicuramente è dovuto al fatto che il prodotto sia stato pensato per essere portato in giro, utilizzato tra amici, nelle scampagnate e anche in quei casi in cui non ci si aspetterebbe di avere a disposizione uno speaker per la propria musica, lecito, probabilmente preferirei le varianti meno sgargianti ed esteticamente più “banali” dello stesso identico prodotto. Mi ha stupito persino la mancanza di poterlo sfruttare come vivavoce per il proprio smartphone, niente microfono, niente party.

Il prezzo è l’ultimo dettaglio che non ho potuto ignorare. Il listino riporta 134,99€, UE Roll 2 si trova però anche su Amazon fortunatamente, a poco meno di 100€. In questo caso sono disposto a dare un diverso peso al tutto.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Logitech, sto ancora cercando di capire se deve o meno rientrare all'ovile!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Sorvolando su tutto ciò che conosco dell’usabilità ma anche ciò che non conosco e che nasce semplicemente dal “secondo me è scomodo, perché mai dovrei usarlo?“, il Logitech Ultrathin Touch Mouse T630 è un piccolo mouse bluetooth nato per essere facilmente trasportabile. Integra una batteria al litio e una porta microUSB per ricaricarla (un piccolo cavo USB piatto è incluso nella sua scatola, piccino anche lui così da non sfigurare in rapporto al prodotto). Tutto molto bello (forse escludendo il prezzo) ma un difetto ha finito per tediare una marea di persone che lo hanno scelto come compagno di vita del proprio portatile: la connessione altalenante.

logitech-ultrathin-touch-mouse-t630-8

Si perché pare che questo mouse decida autonomamente di scollegarsi dalla vostra macchina di tanto in tanto, senza preavviso alcuno, magari ogni 10 minuti oppure dopo una fase di standby. Pare che il problema sia imputabile non tanto al mouse quanto al chip bluetooth integrato nella vostra macchina che viene spento per rispettare ciò che il risparmio energetico impone. Ho personalmente usato tanti mouse bluetooth in vita mia, ciascuno dei quali di tanto in tanto “bussa” alle porte del PC per notificare la sua presenza, una sorta di Keep Alive che non ha mai fatto verificare la stessa anomalia riscontrata con questo prodotto Logitech. Andando a disattivare l’opzione all’interno della vostra scheda bluetooth tutto dovrebbe tornare a funzionare correttamente:

bluetooth-risparmioenergetico

Il suggerimento è partito direttamente da una discussione del forum di supporto e pare essere valido, almeno fino ad oggi dopo giorni di utilizzo del mouse (da parte di un mio utente) che dice che il problema pare finalmente essere sparito :-)

Cheers.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Oggi ve ne dico una che basta a farmi prendere per i fondelli almeno fino al prossimo mese: ricordate il Kit Logitech MX 3200 acquistato l’anno scorso? A causa dell’intensivo utilizzo del piccolo Microsoft W.N.O.M. 3000 sono diventato “incapace di tenere a bada” il mouse dell’MX 3200 :( E’ diventato scomodo, troppo grande, e per le rare volte che lavoro a casa iniziava a diventare fastidioso. Ho trovato il rimedio scegliendo una via di mezzo, non rinunciando alla multimedialità ed alla comodità dei tasti aggiuntivi Logitech: Cordless Desktop LX 710 Laser.

Acquistato circa un mese fa a prezzo inferiore (per chiusura del punto vendita) presso il PC City di Savignano sul Rubicone, ho avuto modo di testarne affidabilità, precisione e comodità, anche del mouse ora più piccolo e maneggevole rispetto al fratello di serie certamente più alta.

Solito ricevitore (ho lasciato quello del vecchio kit), solita durata delle batterie garantita (si dice che gli ultimi kit Logitech abbiano un particolare modo di gestire la carica tale per cui questa duri parecchi mesi), tasti multimediali aggiuntivi parecchio simili al suo predecessore, ancora una volta la suite del produttore per poter gestire tutto ed eventualmente modificare le funzionalità secondo le proprie esigenze.

uberOptions

Così come per il kit MX 3200, anche LX 710 è perfettamente compatibile con uberOptions, variante della suite di gestione Logitech che permette di modificare comportamenti generalmente “invariabili” e gestire al meglio il proprio hardware. Basterà semplicemente riavviare la macchina (o disconnettere l’utente corrente e riconnettersi) per far si che il nuovo hardware venga riconosciuto da uber e lo si possa quindi amministrare.

uberOptions si scarica gratuitamente dal sito ufficiale:

mstar.net/users/rlowens

o facendo clic direttamente qui per ottenere la versione attuale (per SetPoint 2.22-4.60)! Ricordate di tenere aggiornati i driver proprietari Logitech (magari con la funzione integrata nella suite) ed installare in seguito il mod per ripristinare “l’amministrazione avanzata“.

Buon lavoro! :)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: