Archives For Microsoft Windows 10

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Un problema tanto banale quanto fastidioso che ho avuto migrando i contenuti del vecchio al nuovo portatile lavorativo: uso il Remote Desktop Connection Manager (più facilmente: RDCMan) per collegarmi rapidamente ad alcune delle macchine dell’azienda (quelli più d’uso comune), e aprendo il file RDG per la prima volta sul nuovo PC, mi ritrovo davanti a una nutrita serie di errori riguardanti tutti lo stesso argomento, il mancato decrypt delle password d’accesso precedentemente salvate (Failed to decrypt using $$ credential).

RDCMan: risolvere il problema del decrypt password

Il file RDG altro non è che un XML modificabile con Notepad++, il quale con un’espressione regolare può cercare ed eliminare i campi logonCredentials che contengono –tra le altre cose– anche le password custom precedentemente salvate. Così facendo non otterrai più errori in apertura di RDCMan, tuttalpiù ti toccherà inserire nuovamente quelle password non decriptate.

Apri il file RDG con Notepad++, lancia un “Cerca e sostituisci” (CTRL+H), quindi inserisci nel campo “Trova” l’espressione <logonCredentials[\s\S]*?<\/logonCredentials>, lasciando invece vuoto il campo “Sostituisci con“. Assicurati di selezionare “Espressione regolare” nel tipo di ricerca e fai partire la sostituzione:

RDCMan: risolvere il problema del decrypt password 1

Salvo errori, la sostituzione produrrà un numero di risultati che varia in base a quante password personalizzate hai salvato nel tuo file. Puoi ora chiudere Notepad++ e riaprire RDCMan, per verificare che questo non ti dia più errori a video. Se così non fosse, assicurati che non ci siano ulteriori tag password dichiarati (se così fosse, ti basta cancellarli lasciando solo <password></password> dove presenti).

Buon lavoro.


crediti: community.spiceworks.com/how_to/116471-fix-remote-desktop-connection-manager-rdcman-failed-to-decrypt-error

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Seppur rientrato da qualche giorno ormai, le ferie ti portano ad avere quegli strascichi difficili da scrollarsi di dosso, e la medesima carica di un lombrico che deve scalare l’Everest, senza considerare la gran quantità di posta elettronica e questioni da riprendere in mano dopo l’assenza. Per questo motivo le trasmissioni ufficiali sono rimandate alla prossima settimana, e nell’attesa non posso fare altro che proporti qualche piccola pillola, più semplice da digerire :-)

Quella di oggi in realtà è una nota di Chrome, il browser di Google, il quale si integra ancora più con le notifiche di sistema (nel mio caso Windows 10, ma potrei dirti lo stesso per Linux e macOS) grazie all’utilizzo –oggi– di un flag sperimentale, il quale passerà prossimamente a essere comportamento predefinito di questo software.

Chrome: passare alle notifiche native di sistema (Windows 10)

Per poter abilitare la nuova funzione aggiorna il tuo Chrome all’ultima versione, quindi “visita” l’URL chrome://flags/#enable-native-notifications e modifica la voce del menu a tendina portandola su Enabled.

Chrome: passare alle notifiche native di sistema (Windows 10) 2

La modifica è immediatamente operativa, le notifiche compariranno ora in basso a destra come qualsiasi altra legata al sistema operativo e alle altre applicazioni di terze parti precedentemente integrate. Potrai controllarle direttamente dal gestore notifiche di Windows 10 (e la medesima cosa, come già detto in apertura articolo) potrai farla da Linux o macOS.

Buon proseguimento di giornata! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Tu intervieni mettendo a posto un problema davvero molto banale ma che –se lasciato irrisolto– risulta essere alquanto fastidioso. Il problema sembra dipendere da una chiave di registro che in alcuni casi viene toccata e modificata da prodotti di terze parti, intervento che di per sé non è catastrofico, più che altro sgradito ed evitabile.

Se Windows decide di aprire una finestra di Esplora Risorse all'avvio 1

Ho trovato diversi thread in merito nel forum della Community di Microsoft, uno in particolare è quello che ha acceso la lampadina risolvendo poi “l’arcano mistero“, lo trovi anche tu all’indirizzo answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-files-winpc/file-explorer-opening-on-startup-in-win10/0abb4e16-747f-4f2d-ab2a-81c2e88d76f9, è quello di Fernando Valdivia (9/7/2017 3:19:54 AM, in pagina 2):

Se Windows decide di aprire una finestra di Esplora Risorse all'avvio

Si tratta in pratica di andare a controllare la chiave di registro HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Winlogon accertandosi che il valore Userinit corrisponda al classico C:\Windows\system32\userinit.exe o, se si tratta di un client sul quale è installato l’agente Quest Kace (come nel mio caso), che contenga allora C:\Windows\system32\KUsrInit.exe. Se all’interno del valore tu dovessi trovare la somma dei due casi, uno dei due ospiti diventa automaticamente sgradito e colpevole dell’apertura della finestra Esplora Risorse (senza che tu l’abbia chiesta) dopo l’accesso al sistema. Ti basterà ripristinare il corretto valore di chiave per tornare a vivere sereno (e senza la seccatura di dover chiudere finestre non desiderate).

Buon lavoro.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Sì, ricordi bene (nel caso tu avessi un Déjà vu), avevamo già parlato di questo argomento e della possibilità di mettere a tacere il Lenovo System Update, ottimo programma creato dall’omonimo vendor cinese che però in alcuni casi potrebbe andare a mettere i bastoni tra le ruote al lavoro quotidiano di utenti e amministratori di sistema, e che quindi va usato con attenzione e sotto manutenzione programmata dei client. Torno sull’argomento per parlarti di possibile modifiche meno invasive rispetto alla disattivazione delle sue schedulazioni, che potrebbero andare più incontro al tuo business.

Disabilitare (o modificare) la schedulazione di Lenovo System Update 1

Ti ripropongo parte di un articolo pubblicato in passato, all’interno del quale facevo esplicito riferimento all’abbattimento della schedulazione del software, per poi sfociare in riferimenti a una eventuale modifica della stessa e al relativo manuale Lenovo che puoi usare per gestire al meglio questa utility.

Regedit, XML, GPO

La chiave di registro da modificare è la HKLM\SOFTWARE\Wow6432Node\Lenovo\System Update\Preferences\UserSettings\Scheduler (su un sistema a 32 bit dovrai escludere la chiave che va a toccare la \Wow6432Node\), il valore è lo SchedulerAbility, che cambierà da YES a NO.

Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Wow6432Node\Lenovo\System Update\Preferences\UserSettings\Scheduler]
"SchedulerAbility"="NO"
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Lenovo\System Update\Preferences\UserSettings\Scheduler]
"SchedulerAbility"="NO"

A questo punto dovrai essere tu a decidere se trasformare la chiave di registro in GPO (ti rimando qui) o se farla girare manualmente quando ne hai bisogno (qui trovi la chiave già pronta: app.box.com/s/v4xhf99dx8lxjbi5c0qir2l4gzhtgvpo).

Schedulazione

Se al posto della strada della disabilitazione tu volessi percorrere quella della modifica, ti basterà sapere che all’interno della stessa chiave di registro troverai altri valori modificabili secondo indicazioni già previste e dichiarate da Lenovo. Per muovere i primi passi, ti propongo un elenco di opzioni:

  • Frequency: WEEKLY oppure MONTHLY.
  • NotifyOptions: DOWNLOADANDINSTALLDOWNLOADNOTIFY oppure DOWNLOADANDINSTALL -INCLUDEREBOOT.
  • RunAt: puoi indicare qualsiasi numero compreso tra 0 e 23. Puoi anche scegliere di specificare il formato completo in modalità HH:MM:SS.
  • RunOn: se scegli la modalità MONTHLY, il valore da specificare dovrà essere compreso tra 1 e 28. Per il WEEKLY usa SUNDAY, MONDAY e così via.
  • SchedulerAbility: YES per abilitare gli aggiornamenti automatici.
  • SchedulerLock: SHOW, HIDE, DISABLE oppure LOCK.
  • SearchMode: CRITICAL, RECOMMENDED oppure ALL.

Si tratta di opzioni facilmente intuibili anche senza scendere nello specifico, ma comunque spiegate in maniera più dettagliata (se vuoi approfondire) all’interno del manuale di programma che puoi reperire tramite il sito web ufficiale di Lenovo all’indirizzo download.lenovo.com/ibmdl/pub/pc/pccbbs/mobiles_pdf/tvsu5_mst_en.pdf (di cui ho salvato una copia sul mio spazio box: app.box.com/s/lf4r58grm6igdkxosx5x16zqnbr91dsb), parti con la lettura intorno alla pagina 23.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

HP OMEN 17-w102nl

Gioxx  —  18/06/2018 — Leave a comment

Dopo aver avuto a che fare con un portatile estremamente orientato al business o all’appassionato che vuole avere un prodotto dai molteplici comportamenti e facilmente trasportabile senza troppe rinunce (hardware), oggi ti parlo nuovamente di HP, ma mi sposto nel reparto Gaming, per dare nuova linfa a questa sezione da poco tornata ufficialmente sul mio blog, ti presento HP OMEN 17-w102nl.

HP OMEN 17-w102nl

HP OMEN 17-w102nl

Laptop di fascia alta dedicato al videogiocatore che non vuole vincolarsi al più classico degli spazi in casa (generalmente nella propria camera), HP OMEN 17-w102nl è definibile come postazione “portabile” (dato il suo peso e le generose dimensioni) che può tranquillamente prendere il posto del PC fisso più volte modificato per stare al passo con tempi dettati da chi i giochi li sviluppa, sfruttando ogni tecnologia disponibile di ultima generazione.

Quello dei portatili da gioco è un mercato che ha attratto molto l’attenzione negli ultimi anni, che convince sempre più coloro che non vogliono perdere tempo nella scelta e costruzione del proprio asset videoludico e che hanno la possibilità di investire diversi soldini a ripetizione nell’arco di qualche anno (questo portatile, per fare un esempio, ha più di un anno di vita sulle spalle, con un ottimo processore però fermo alla sesta generazione, con l’ottava già sugli scaffali).

Costruzione

Con una scocca estremamente solida e in grado certamente di sopportare qualche colpo (anche se non è un esperimento che intendo eseguire su questo sample fornitomi), HP OMEN 17-w102nl si contraddistingue per il logo della omonima serie realizzata da HP, pensata appositamente per i videogiocatori fedeli ancora al sistema operativo di casa Microsoft (che poi è lo stesso alla base di Xbox One X, sapientemente modificato e snellito) e alle potenzialità che Windows 10 può esprimere con hardware di alto livello. Monitor da 17,3 pollici con una risoluzione di 1920×1080 pixel a 127 PPI in 16:9 (non è lucido, per la felicità mia e di molti altri utilizzatori). Monta un Intel Core i7-6700HQ (sesta generazione dell’era moderna, Skylake, 12esima se consideriamo la storia complessiva di Intel), con 16 GB di RAM DDR4-2133 (due banchi da 8 GB cadauno) e un’ancora fantastica NVIDIA GeForce GTX 1070 (Laptop) con a bordo 8 GB di RAM dedicati in GDDR5, hardware di elevata qualità che permette di avviare e settare i titoli installati a bordo disco tenendo pressoché tutto al massimo (e non preoccupandosene poi troppo).

Insieme alla dotazione base cito anche il doppio disco (1 TB meccanico, con una memoria PCIe NVMe M.2 SSD da 256 GB).

HP OMEN 17-w102nl 9

Connettività completa di attacco RJ45 LAN (10/1000/1000), WiFi 802.11 a/b/g/n/ac (a/b/g/n/ac) e Bluetooth 4.2, con 3 porte USB 3.1 di seconda generazione, 1 porta HDMI e 1 DisplayPort. C’è anche un lettore di card microSD sulla destra, dove trovi anche l’attacco dell’alimentazione. Jack microfono e cuffie separati (come non ero più abituato a vederli da un po’ di tempo ormai).

La tastiera è estesa, con tastierino numerico e alcuni posizionamenti di HP che non mi hanno mai convinto (e non parlo della serie OMEN, parlo più in generale), retroilluminazione rossa che è possibile disattivare ma non regolare (c’è o non c’è, a risposta secca), certamente accattivante e che forse stona con quel led bianco del pulsante di accensione, un po’ fuori dal coro. Touchpad con giusto affondo ma al quale mancano i due pulsanti di selezione tipici (sinistro / destro, chiaramente) che va un po’ in contrasto con la mia idea di comodità durante l’utilizzo (soprattutto durante un trascinamento).

Audio Bang & Olufsen, con tecnologia HP Audio Boost e ben quattro altoparlanti, posso assicurarti che la resa è davvero ottima considerando che non si ha a che fare con altoparlanti esterni o sistemi ben più complessi.

Gioco

Ho messo alla prova HP OMEN 17-w102nl con alcuni titoli a cui tengo parecchio (Forza Horizon 3 e Forza Motorsport 7) ma anche con una novità che ho iniziato a giocare proprio in questi giorni e che ancora deve entrarmi nelle corde: Fortnite.

In ogni caso ho sempre usato qualità massima del dettaglio e nessun compromesso, mettendo sotto stress la macchina e il relativo sistema di raffreddamento che va a fare da colonna sonora un po’ di tutta la sessione di gioco e registrazione Clip. A tal proposito, ti propongo qui di seguito un paio di video catturati in gioco, avrei voluto caricare anche il terzo ma durante l’esecuzione di Forza Horizon 3 ho avuto diversi problemi di stabilità e non mi è mai riuscita, un dettaglio assolutamente seccante che non mi sarei aspettato. In tutti i casi ho sempre usato Windows 10 aggiornato all’ultima versione stabile (1803) e i controlli integrati di Xbox Layer richiamabili tramite la combinazione tasto Windows + G. Ah già, a proposito di Xbox: ho collegato e usato sempre uno dei miei controller Xbox One (che Windows 10 ha immediatamente riconosciuto e installato).

In conclusione

Una macchina dalle prestazioni ancora oggi molto più che accettabili (il livello è ancora più elevato di tante altre macchine presenti lì fuori sul mercato), e con un prezzo che rispecchia il tipo di hardware che ci si sta portando a casa, pagando pegno anche per il fatto di scegliere una macchina più facilmente trasportabile rispetto all’impacchettare tutta la propria “strumentazione fissa“. HP OMEN 17-w102nl balla intorno ai 2000€ “chiavi in mano ed è ancora disponibile in tante catene di commercio della grande distribuzione ma anche online (Amazon in primis).

Scheda tecnica completa disponibile sul sito web ufficiale di HP all’indirizzo support.hp.com/it-it/product/omen-by-hp-17-w100-laptop-pc/12499486/document/c05346014, io mi ritengo abbastanza soddisfatto (salvo quelle piccole pecche di cui ti ho già parlato, alle quali forse aggiungerei la configurazione ibrida con un SSD oggi ormai piccolo) e sono pronto a farlo tornare all’ovile, dopo essermi divertito a rimettere in pista quella modalità di gioco che ormai da tanti anni ho abbandonato (diciamo che la valvola di sfogo predefinita è Xbox, che trova spazio sotto al televisore della sala) :-)

Alla prossima!

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da HP, torna all'ovile al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: