Archives For Microsoft Windows 10

Ho avuto la necessità di spostare numerosi file (10 GB / circa 100.000 file) da una cartella di Dropbox a una di Box.com. Un tempo avrei utilizzato Mover (te ne avevo già parlato), ma il servizio è diventato a pagamento, e non si trattava di materiale che meritava un investimento in denaro, nonostante non avrei voluto comunque perderlo. Poi ho scoperto rclone, e ho fatto centro con qualche riga lanciata in un prompt dei comandi di Windows, sulla macchina che mi fa da Media Center a casa (con una connessione in fibra di Fastweb che non mi ha fatto neanche accorgere del passaggio).

Copia dati in bulk tra servizi Cloud

Te la faccio semplice (anche perché in realtà questo tool permette un’infinità di operazioni, tutte minuziosamente documentate) e ti spiego cosa ho fatto io, così che tu possa replicarlo, ma niente e nessuno ti limita rispetto a ciò che potresti fare utilizzando rclone e i tuoi account di Cloud Storage (anche schedulando le operazioni e automatizzandole completamente).

Scarica rclone da rclone.org/downloads (x86 o x64 in base al tuo sistema operativo), scompatta il file ZIP, non necessita di installazione alcuna, è subito utilizzabile.

Collegamento ai servizi

Apri un prompt dei comandi e spostati nella cartella di rclone, quindi lancia un rclone config per entrare in modalità di configurazione. Quando richiesto, aggiungi un nuovo servizio di Cloud Storage (n):

Scegli un nome “parlante” (che ti permetta immediatamente di capire di che account si tratta) ma che non contenga spazi al suo interno (fidati, è per tua comodità, ma se proprio devi utilizza un “_“), per esempio “googledrive“. Ti verrà ora presentata la lista degli storage compatibili, inserisci manualmente il nome di quello che ti interessa (per esempio, per Google Drive dovrai scrivere “drive“):

Copia dati in bulk tra servizi Cloud con rclone

Ti verranno richiesti dei dati che quasi certamente non possiedi già (client_id e client_secret per poter accedere al tuo account di Google Drive), premi invio in corrispondenza di entrambi e arriva alla fatidica domanda che ti chiederà di utilizzare la configurazione automatica, quindi procedi in questa modalità (rispondi “y” quando richiesto), così verrà aperta una scheda del browser in cui potrai autenticarti e confermare l’accesso alle tue risorse, chiudi pure la scheda:

Storage> drive
Google Application Client Id - leave blank normally.
client_id>
Google Application Client Secret - leave blank normally.
client_secret>
Remote config
Use auto config?
 * Say Y if not sure
 * Say N if you are working on a remote or headless machine or Y didn't work
y) Yes
n) No
y/n>y

Il codice verrà catturato in autonomia da rclone, tu dovrai solo rispondere alle ulteriori domande a video (se si tratta di un account di Team, nel caso di Google Drive), poi ti verrà mostrato il token di accesso recuperato, è ciò che serve per “parlare” con quel Cloud Storage, dai un’ultima conferma con “y” quando richiesto.

Hai terminato la configurazione. Puoi / devi replicarla per gli altri servizi di Cloud Storage, o almeno con un altro se la tua intenzione è quella di copiare dati tra due di quelli su cui sei registrato.

Move dei dati

Fai riferimento a questo documento: rclone.org/commands/rclone_move. Io ti riepilogo ancora una volta i passaggi.

Dato per scontato che tu abbia aggiunto almeno un altro account di Cloud Storage, puoi fare un “dir” delle cartelle che hai su un account Cloud lanciando un rclone lsd dbox: (dove dbox è il nome che io ho dato al mio account Dropbox configurato, dovrai sostituirlo con quello scelto da te!), mantieni i due punti finali (:), altrimenti otterrai errore.

Io, che la cartella da spostare l’ho salvata in una sotto-cartella di un’altra sotto-cartella, arrivo a ottenere una cosa simile:

C:\temp\rclone-v1.38-windows-amd64>rclone lsd "dbox:laboratorio\temp\Test rclone"
 -1 2017-12-02 17:05:33 -1 spostami

Se devi esplorare cartelle che nel nome contengono degli spazi, ti basterà racchiudere il tutto tra apici. Per ottenere una lista completa dei file oltre che delle cartelle, sostituisci lsd con ls, per capirci:

C:\temp\rclone-v1.38-windows-amd64>rclone ls "dbox:laboratorio\temp\Test rclone"
 0 spostami/Nuovo Documento di Microsoft Word.docx
 6559 spostami/Nuovo Foglio di lavoro di Microsoft Excel.xlsx
 59904 spostami/Nuovo Microsoft Publisher Document.pub
 0 spostami/Nuovo Presentazione di Microsoft PowerPoint.pptx
 0 spostami/Nuovo documento di testo.txt

Veloce giro anche su Google Drive per capire dove spostare la cartella:

C:\temp\rclone-v1.38-windows-amd64>rclone lsd googledrive:
 -1 2013-08-27 14:31:01 -1 ABPXFiles
 -1 2015-10-06 19:23:15 -1 Apps
 -1 2012-11-13 14:47:41 -1 Archivio
 -1 2013-11-12 14:56:02 -1 Mozilla Italia
 -1 2012-11-13 14:48:37 -1 Personali
 -1 2017-12-02 15:59:13 -1 Test rclone

È fatta. La cartella “spostami” che si trova nella sorgente (Test rclone su Dropbox) dovrà finire nella medesima sulla destinazione (Test rclone su Google Drive). Il comando Move di rclone viene quindi in soccorso:

rclone move "dbox:laboratorio\temp\Test rclone" "googledrive:Test rclone"

Salvo errori, il risultato è quello aspettato:

C:\temp\rclone-v1.38-windows-amd64>rclone ls "googledrive:Test rclone"
 0 spostami/Nuovo Documento di Microsoft Word.docx
 6559 spostami/Nuovo Foglio di lavoro di Microsoft Excel.xlsx
 59904 spostami/Nuovo Microsoft Publisher Document.pub
 0 spostami/Nuovo Presentazione di Microsoft PowerPoint.pptx
 0 spostami/Nuovo documento di testo.txt

rclone ricreerà –se necessario– anche l’albero cartelle che nella sorgente c’è ma che non trova corrispondenza nella destinazione, così da mantenere lo stesso identico ordine per tutti i file che andrai a copiare / muovere / sincronizzare i tuoi dati.

Cosa conviene ricordarsi

Nel caso in cui ti dovesse servire ficcare il naso nel file di configurazione (lo sconsiglio, ma può tornare utile, io l’ho fatto per operare una modifica manualmente e per replicare la medesima configurazione su una diversa postazione), ricordati che potrai trovarlo nella tua cartella utente (%UserProfile%), quindi in .config\rclone.

Qui –salvo modifiche future del programma– troverai un file chiamato rclone.conf. è lui a contenere i nomi delle tue connessioni e relativi token di accesso.

Potrai sempre (da prompt dei comandi) leggerlo anche dalla riga di comando di rclone, semplicemente lanciando il comando rclone config show.

That’s all folks!

Probabilmente hai trovato il metodo giusto per spostare i tuoi file, o magari per tenerli sincronizzati costantemente tra più servizi Cloud :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Fastidioso come un dito nell’occhio alle 7 del mattino (ma probabilmente anche a qualsiasi altra ora), il bloccarsi di una funzione affatto fondamentale ma esteticamente molto gradita come Windows Spotlight è un’anomalia che può facilmente essere risolta rapidamente.

Windows Spotlight bloccato? Come risolvere

Per chi non lo sapesse, Windows Spotlight è quello che in italiano troverai localizzato e riportato come “Contenuti in evidenza di Windows” nelle opzioni della Schermata di blocco (qui maggiori informazioni sulla funzione e sulla sua configurazione):

Windows Spotlight bloccato? Come risolvere 1

A me è già capitato un paio di volte, ma noto con (poco) piacere che è un problema comune a molti, soprattutto in seguito all’aggiornamento alla nuova versione di Windows 10. Lo scenario tipo è costituito da un’immagine di sfondo sulla quale non vengono più caricati i dettagli (i soliti: luogo raffigurato, i suoi dettagli storici, se la fotografia piace o meno) e che non è possibile più far modificare a Windows.

Ci sono diverse soluzioni suggerite, ma nel mio specifico caso solo una di queste ha funzionato, ed è quella che ti propongo io.

Reset Windows Spotlight

Nelle impostazioni della Schermata di blocco spostati da “Contenuti in evidenza di Windows” a “Immagine“. Non chiudere la finestra, ti serve tra poco e questa impostazione serve solo a sbloccare il file di configurazione di Windows Spotlight, che diversamente sarebbe intoccabile perché bloccato dal sistema.

Dall’Esegui (tasto Windows + R diretto, oppure tasto destro del mouse sullo start in basso a sinistra → Esegui) copia e incolla questa stringa, poi premi invio:

%LocalAppData%\Packages\Microsoft.Windows.ContentDeliveryManager_cw5n1h2txyewy\Settings

Salvo particolari condizioni della tua versione di Windows 10, dovresti poter arrivare alla cartella in cui Windows Spotlight salva la sua configurazione. Nel caso in cui tu ottenga errore, torna sull’Esegui e digita solo %LocalAppData%\Packages, poi premi invio, quindi scorri le cartelle in ordine alfabetico fino a trovare un Microsoft.Windows.ContentDeliveryManager_XX (dove XX corrisponde a una sequenza alfanumerica), entra in quella cartella, poi in Settings.

Teoricamente dovresti ora poter vedere qualcosa di simile a questa:

Windows Spotlight bloccato? Come risolvere 2

Cancella il file settings.dat, quindi torna sulla finestra Impostazioni della schermata di blocco e sostituisci “Immagine” con “Contenuti in evidenza di Windows“. Lascia al sistema qualche secondo (meno di un paio), dovrebbe finalmente caricare una nuova immagine di sfondo. Blocca il sistema (tasto Windows + L oppure CTRL + ALT + CANC → Blocca) e verifica che tutto abbia funzionato :-)


Fonti utilizzate:
answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-start/windows-spotlight-lock-screen-is-stuck-on-the-same/354224ea-203c-4b27-9ec9-0343bd100258?page=16
windowsbeast.com/fix-windows-spotlight-not-working
answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-start-winpc/windows-spotlight-wallpaper-doesnt-change/51ca1a85-f1e4-4ab0-936b-5df6f8b41645

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Se stai vivendo un attimo di Déjà vu, non preoccuparti, è del tutto normale. Abbiamo toccato insieme questo argomento tante volte, è vero, ognuna di queste facendo riferimento a uno strumento differente, che poi è proprio la forza del libero mercato software (gratuito e non). Ancora una volta si parla di installazione di Windows da chiave USB, ancora una volta si fa riferimento a un tool (gratuito per una specifica versione), e pure stavolta ti consiglio caldamente di tenerlo a portata di mano nella tua solita “cassetta degli attrezzi“. Ti parlo di WinToFlash della NoviCorp.

Installare Windows da chiave USB (WinToFlash)

Se vuoi leggere gli articoli relativi alle varie alternative a tua disposizione, puoi dare un’occhiata a questi mie precedenti pubblicazioni:

Ciò che andiamo a fare oggi rimane in sostanza la stessa cosa di sempre. Scaricheremo quindi una ISO di Windows (o utilizzeremo un CD / DVD in nostro possesso), WinToFlash penserà a formattare la chiave USB e fare in modo che questa diventi avviabile, copiandoci sopra tutto il necessario e permettendo in seguito di utilizzarla come supporto di installazione del Sistema Operativo.

Procurarsi una copia di Windows

Hai il CD o il DVD originale di Windows? Bene, puoi saltare a piè pari questo paragrafo, limitati solo a inserirlo nel tuo lettore ottico, poi passa oltre. Nel caso invece tu non avessi un supporto ottico originale, puoi andare a rispolverare questo mio articolo di poco tempo fa, nel quale ti spiego –nel paragrafo “Ottenere un file ISO di Windows”– che software scaricare e che passaggi eseguire per scaricare un file ISO di Microsoft Windows, versione che più preferisci:

Reinstallare Windows OEM quando il supporto di Recovery non c’è

Mettere in pista WinToFlash

Di WinToFlash ne esistono diverse versioni, molte delle quali a pagamento. La Lite, invece, è disponibile per tutti, gratuitamente seppur limitata in alcune delle funzionalità: no NTFS, exFAT, USB-FDD, GRUB4DOS e file che superino i 4 GB di occupazione, solo un assaggio di di creazione chiavi USB multi-boot (en.wiki.wintoflash.com/index.php?title=Full_WinToFlash_features_list#Create_Multiboot_USB). Potrai infatti ospitare al massimo due sistemi all’interno dello stesso supporto, giusto per capire “cosa ti permetterebbe di fare” una versione professionale del programma.

Le due versioni più carrozzate sono ovviamente la Professional e la Enterprise, ma qui i prezzi lievitano in base alle esigenze. Esiste una versione Home leggermente più ricca della Lite, se ti interessa.

Per ciò che dobbiamo fare noi, basta e avanza la Lite, e pure in versione Portable, che puoi scaricare anche tu dalla pagina del Wiki ufficiale all’indirizzo en.wiki.wintoflash.com/index.php?title=Latest_WinToFlash_portable_editions_download. Scompatta il file ZIP dove preferisci e avvia l’eseguibile principale:

Installare Windows da chiave USB (WinToFlash) 3

Procurati una chiave USB capiente quanto basta (per installare Windows 10, giusto per fare un esempio attuale, ti bastano 4 GB), inseriscila, quindi lancia il trasferimento guidato che ti chiederà di specificare pochi dettagli, al resto ci pensa WinToFlash. Se hai inserito il DVD di installazione di Windows, seleziona la prima sorgente tra quelle possibili, altrimenti seleziona la seconda se vuoi passare da un file ISO:

Installare Windows da chiave USB (WinToFlash) 1

Non devi fare altro. La formattazione della chiave verrà eseguita automaticamente, così come la selezione dei file necessari che verranno poi caricati sul dispositivo di memorizzazione esterno, all’incirca servono 15 / 20 minuti per preparare il supporto (non ha vitale importanza la velocità di scrittura di quest’ultimo, c’è bisogno di tempo per fare tutto, in ogni caso).

Installare Windows da chiave USB (WinToFlash) 2

Prendi la chiave USB, inseriscila nel PC dove hai bisogno di installare il Sistema Operativo, falla partire al boot (generalmente lo si fa con un ESC sui PC Lenovo o F12 sui Dell, e qui ne trovi molti altri), il resto è tutto in discesa (e la velocità ne gioverà di molto in questo passaggio).

Anche WinToFlash in versione Portable può (e secondo me deve) finire nella tua cassetta degli attrezzi da tenere a portata di mano.

Buon lavoro :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Sono partito da un’esigenza segnalata da uno degli utenti in ufficio, il quale aveva bisogno di scaricare un grande numero di documenti PDF in un solo colpo, “catturandoli” da più mail già ricevute e messe da parte nel suo Outlook (una mail, un allegato PDF, questa la proporzione). Outlook non prevede questa necessità, e permette esclusivamente di scaricare tutti gli allegati –di una singola mail– in un solo colpo. Aggirare l’ostacolo però è possibile, lo si fa tramite una porzione di codice VBA da andare a inserire nella finestra del Microsoft Visual Basic, richiamabile da ogni singolo programma di Office.

Outlook 2016: scaricare insieme gli allegati da diverse mail (PDF)

Inizialmente pensato come un comportamento da adottare in seguito alla ricezione di una nuova mail (con una regola ad-hoc, per ingaggiare uno script), si è trasformato in un pulsante da andare a inserire nella barra multifunzione di Outlook, un “tool” da tenere a portata di mano in caso di necessità, che a oggi permettono di individuare e scaricare file PDF, ma che con una piccola modifica potrebbe intercettare qualsiasi altra cosa.

Il funzionamento, spiegato in maniera semplice, è questo:

  • si seleziona una o più mail tra quelle del proprio Outlook,
  • si fa clic su un pulsante messo appositamente nella barra multifunzione del client di posta elettronica,
  • si attende che lo script verifichi l’esistenza di file PDF negli allegati delle mail selezionate, quindi li estragga e li vada a inserire in una apposita cartella sul Desktop (che verrà utilizzata se già esistente, creata se invece non presente). Il tutto dura qualche secondo (minuto, se le mail da analizzare sono davvero tante).

Tradotto in passaggi da riprodurre sul proprio Outlook, la cosa cambia, ed è chiaramente più tecnica. Te la faccio il più semplice possibile.

Procedure in comune: notifica per le macro non firmate

Prima di partire, dovrai andare a modificare il comportamento del Centro di sicurezza del tuo Outlook affinché ti faccia comparire degli avvisi a video nel caso in cui venga tentata l’esecuzione di una Macro non firmata. Questo permetterà allo script aggiunto (ne parliamo dopo) di funzionare correttamente, in quanto “home made” (fatto in casa, dai).

Per farlo, dovrai andare in FileOpzioniCentro protezioneImpostazioni Centro protezioneImpostazioni macro e selezionare la voce “Visualizza notifiche per tutte le macro”:

Outlook 2016: scaricare insieme gli allegati da diverse mail (PDF) 1

Un clic su OK per confermare la modifica e chiudere la finestra, sei a posto.

Procedure in comune: VBA

Per entrambi i tipi di comportamento che puoi scatenare in Outlook (salvataggio dei PDF tramite pulsante nella barra multifunzione, oppure tramite regola che lancia lo script), dovrai sempre andare ad aprire la finestra di Microsoft Visual Basic che richiami tramite la combinazione di tasti ALT + F11.

Per facilitarti le cose, ho già impacchettato ciò che ti serve per ottenere il risultato desiderato. Ho scritto due file BAS (codici importabili in VBA) che ho pubblicato su Gist. Il primo è quello relativo al salvataggio scatenato da una regola, il secondo per quello tramite pulsante (quindi manualmente). Scarica ciò che ti serve (fai clic in alto a destra sul pulsante Download ZIP, quindi estrai il contenuto e recupera il file con estensione bas):

Torna nella finestra di Microsoft Visual Basic, fai clic con il tasto destro su Progetto1 e seleziona Importa file, seleziona quindi il file che il file relativo al codice che ti interessa utilizzare per terminare l’importazione, poi fai clic su Salva (nella barra superiore degli strumenti, altrimenti c’è la combinazione da tastiera CTRL + S).

Outlook 2016: scaricare insieme gli allegati da diverse mail (PDF) 2

Nel caso in cui tu volessi entrambi le funzioni (quindi tutto il codice sorgente) fai riferimento a questo ulteriore collegamento a Gist.

Salvare PDF con una regola

Prima di procedere, apri un prompt dei comandi, copia e incolla questa stringa:

REG ADD "HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\16.0\Outlook\Security" /v EnableUnsafeClientMailRules /t REG_DWORD /d 1 /f

Ciò permetterà di sbloccare la possibilità di utilizzare / richiamare uno script all’interno di una regola di Outlook, opzione disabilitata di default da Microsoft (già da qualche tempo).

Fatto ciò, se hai già caricato il mio script tra i moduli VBA, dovrai solo creare una nuova regola e –nella seconda schermata di avanzamento– chiedergli di eseguire uno script, troverai quello precedentemente caricato tra i disponibili (forse sarà l’unico), utilizzalo e vai avanti con la sua costruzione:

Outlook 2016: scaricare insieme gli allegati da diverse mail (PDF) 3

Troverai (nel caso in cui la regola entri in funzione) i file PDF all’interno della cartella Attachments sul tuo Desktop.

Salvare PDF con un pulsante

Dando per scontato che tu abbia già importato il codice VBA (come già descritto un paio di paragrafi fa),fai clic con il tasto destro sulla barra multifunzione di Outlook e seleziona la voce Personalizza barra multifunzione. Fai clic sul pulsante “Nuovo gruppo” (in basso a destra nel popup comparso), posizionalo dove lo preferisci spostandolo con le frecce su / giù disponibili lateralmente nella finestra a video, quindi rinominalo (suggerisco “Tools“).

Seleziona ora la voce “Macro” nella colonna sinistra “Scegli comandi da:” e aggiungi Progetto1.ExportAttachments, quindi rinominalo in (per esempio) “Estrai PDF”:

Outlook 2016: scaricare insieme gli allegati da diverse mail (PDF) 4

Un clic su OK per salvare e chiudere la finestra, il risultato dovrebbe assomigliare a questo:

Outlook 2016: scaricare insieme gli allegati da diverse mail (PDF) 5

Puoi verificare il funzionamento della modifica selezionando manualmente delle mail e facendo clic sul pulsante. Troverai (se ne esistono, e quindi se vengono estratti) i file PDF all’interno della cartella Attachments sul tuo Desktop.

In conclusione

Attento: ricordati che, allo stato attuale delle cose, due allegati con lo stesso nome non possono coesistere nella stessa cartella Attachments (andrebbe modificato lo script), l’ultimo estratto sovrascrive sempre quello estratto precedentemente.

Salvo errori nel processo di “installazione” (se così posso chiamarlo), tutto dovrebbe funzionarti alla perfezione, permettendoti di catturare i file PDF che vengono allegati alle mail che ricevi e portarli nella cartella Attachments sul tuo Desktop. Nessuno però ti impedisce di modificare lo script e fargli verificare l’esistenza di altre estensioni, come doc, docx, xlsx e chi più ne ha più ne metta. Trovi diversi riferimenti in merito nel sito web che più mi ha aiutato a plasmare il risultato di cui avevo necessità (slipstick.com/developer/save-attachments-to-the-hard-drive).

Tutto il set di script e modifiche da operare vengono rilasciate –come sempre– “as is“, con nessuna garanzia o responsabilità. Tutto è stato provato decine di volte, installato su più PC, fatto funzionare senza battere ciglio, ma sappiamo tutti benissimo che ogni configurazione differisce dall’altra per delle “virgole“. Quella certamente testata si è basata su Outlook 2016 x64 (1708 build 8431.2079). Ne ho caricato una copia completa sul mio spazio box, nel caso in cui ti serva scaricare tutto in un colpo: app.box.com/s/5ksruqc3pi74fumkbt4wg3avb1f6tmzf

L’area commenti, come al solito, resta a disposizione per eventuali suggerimenti e domande inerenti questo articolo.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)

Un articolo da tenermi stretto per il futuro, come un blocco appunti, che potrà tornare utile anche ad altri, insomma la solita storia. Ho avuto tra le mani uno Xiaomi Mi Pad 3, gran bel tablet che potrebbe facilmente prendere il posto del mio iPad Mini in futuro (chissà), ma che per una questione evidentemente legata alla sua gioventù, non propone un firmware Global, riducendosi così a un originale Xiaomi con solo la lingua inglese e cinese a bordo. Per ottenere l’italiano, non c’è altra alternativa che passare dal sostituire il firmware a bordo, un’operazione delicata ma che provo a documentarti tutta nel dettaglio, per evitarti di impazzire e trovare il da fare “a pezzi”, saltando di community in community.

Xiaomi Mi Pad 3: cambiare il firmware per ottenere la lingua italiana

Prima di partire, la solita raccomandazione, fondamentale per casi come questi dove si deve lavorare “a cuore aperto“:

ATTENZIONE: Prima di partire, il solito consiglio: occhio sempre a quello che tocchi e che rimuovi, effettua dei backup del tuo sistema per sicurezza, così potrai agilmente tornare indietro in caso di problemi. Io ti ho avvisato, non puoi dopo venire qui disperato a dire che è tutta colpa mia (che poi in realtà puoi, ma questo non cambierà le cose, e io non sarò certo lì per poterti consolare e aiutare!).

Se sei già esperto di modding Android e vuoi saltare tutta la parte relativa alla spiegazione dettagliata –con immagini– per l’installazione della nuova ROM, vai direttamente al paragrafo “L’angolo dello Sburone“, lì ti riepilogo tutti i passaggi da fare per installare la custom ROM europea su Mi Pad 3.

Xiaomi Mi Pad 3

Partiamo dal principio: Xiaomi Mi Pad 3 è un buon tablet per un uso quotidiano da ufficio o divano. Caratteristiche non eccellenti ma un carattere forte, con qualche pecca nella scelta stilistica (vedi il posizionamento delle casse stereo giusto dove solitamente mettiamo la mano per impugnare questo tipo di oggetti) ma con delle belle risorse a disposizione (buono il processore, la RAM e la batteria).

Avere il firmware con la lingua italiana non è obbligatorio, ma torna parecchio comodo per chi preferisce l’idioma nostrano. Fortunatamente, a tal proposito, la community di Miui.it fa un gran bel lavoro, e a noi tocca solo portarlo sul dispositivo.

Attrezzi del mestiere

Per portare a termine l’intero processo, io ho utilizzato un PC Windows 10 Pro x64, ma va bene anche una macchina con Windows 7. Se fai parte di quel gruppo che non vuole saperne nulla di perdere tempo, ho creato una cartella condivisa sul mio spazio MEGA dove ho caricato tutti i file utilizzati nell’articolo: mega.nz/#F!QEdkBRoJ

Cosa ti serve per partire:

Xiaomi Mi Pad 3: cambiare il firmware per ottenere la lingua italiana 1

Non manca altro. Il cavo USB-C lo hai già nella scatola del dispositivo, tu dovrai solo accenderlo e collegarlo al PC per permettere l’installazione dei driver e cominciare a mettere le mani nel cofano. Nel caso in cui qualcosa vada storto e i driver non si installino correttamente, puoi scaricare e installare l’utility ufficiale di Xiaomi per flashare il firmware (la trovi qui).

Si parte con Fastboot

Spegni il tablet (se lo avevi lasciato acceso) e riaccendilo in modalità Fastboot. Per farlo, dovrai tenere premuto contemporaneamente il tasto volume – e il tasto di accensione, fino ad arrivare a questa schermata:

Xiaomi Mi Pad 3: cambiare il firmware per ottenere la lingua italiana 3

A questo punto apri un prompt dei comandi come Amministratore, spostati nella cartella di installazione del Minimal ADB and Fastboot Tool (C:\Program Files (x86)\Minimal ADB and Fastboot) e lancia un fastboot devices per verificare che il tuo dispositivo venga riconosciuto correttamente. Puoi anche verificare che il bootloader di Mi Pad 3 sia nativamente sbloccato lanciando un fastboot getvar all (la risposta dovrebbe essere ):

Ora ti tocca di andare a scompattare il file d’archivio con la ROM Developer cinese originale che dovresti aver già scaricato. Una volta terminata l’opera, dovresti notare una cartella images contenente diversi file, tra cui boot.img, cache.img o ancora recovery.img. Trovata? Molto bene. Torna sul prompt dei comandi e lancia questa serie di comandi, attendendo sempre che ti venga data una conferma a video:

  • fastboot flash system C:\images\system.img
  • fastboot flash boot C:\images\boot.img
  • fastboot flash recovery C:\images\recovery.img
  • fastboot flash cache C:\images\cache.img
  • fastboot flash userdata C:\images\userdata.img

Al posto di C:\images, inserisci la posizione esatta delle immagini scompattate! Nel mio caso, erano tutte in una cartella temporanea (C:\temp\eccetera), dai un’occhiata alle mie schermate catturate durante il processo per capire meglio cosa intendo:

Al termine spegni il Mi Pad 3, quindi avvialo nuovamente in modalità Fastboot. A questo punto potrai fare un wipe completo (fastboot -w) e infine caricare l’immagine custom di Recovery che hai precedentemente scaricato, la TWRP (fastboot flash recovery C:\images\twrp.img). Occhio, anche in questo caso, il comando di flash della recovery deve puntare a un file esistente, nel mio caso in cartella temporanea (guarda lo screenshot di seguito) e rinominato più semplicemente in twrp.img:

TWRP, installazione nuova ROM

Non hai più bisogno di Fastboot, ormai hai terminato quello che dovevi fare. Puoi quindi spegnere il dispositivo e riaccenderlo mandandolo in Recovery. Per farlo, dovrai tenere premuto contemporaneamente il tasto volume + e il tasto di accensione, togliendo poi il dito da quello di accensione quando sarà comparsa la schermata iniziale di avvio tablet (quella con il logo Mi in centro). Salvo problemi, ti ritroverai davanti alla schermata principale di TWRP (dovrai far scorrere la barra inferiore per accedere al menu principale, nda).

Carica nel frattempo la ROM europea nella chiavetta USB OTG di cui ti ho parlato prima. Ti interessa spostare solo quel file ZIP, non scompattarlo. Fatto questo, da TWRP dovrai prima lanciare una pulizia della partizione di Cache e Dalvik, seleziona quindi la voce Wipe (dal menu principale) e scorri la barra inferiore per lanciare il comando:

Ora si passa al caricamento della ROM europea. Torna quindi al menu principale di TWRP, spostati in Install, inserisci la chiavetta USB con a bordo il file ZIP del nuovo sistema e quindi scegli il diverso Storage all’interno del quale leggere i dati (USB OTG), fai quindi clic su Ok. Dovresti ora riuscire a vedere il file ZIP precedentemente caricato, selezionalo e fai clic su Install Image, quindi effettua il solito Swipe nella schermata successiva per procedere (se ci sono i segni di spunta sulle due opzioni “Zip signature verification” e “Reboot after installation to complete“, toglili), al termine lancia nuovamente il Wipe di Dalvik e Cache:

Riavvia ora Mi Pad 3 manualmente.

Prima configurazione

Attendi che parta il nuovo sistema con la MIUI ancora calda :-), quindi configura il tuo account di Google e anche quello di Xiaomi. Fai tutto ciò che devi fare ma al termine dei passaggi iniziali, spegni il tablet, c’è ancora un ultimo step da fare. Avvia ora il tablet in modalità Recovery (ti ho già detto come fare, dai un’occhiata qualche riga più sopra) e in TWRP spostati in WipeAdvanced Wipe → seleziona la voce Data → fai clic su Repair or Change File System → scegli infine Resize File System.

Avvia ora il tuo tablet ancora una volta, sei pronto a utilizzarlo, completamente in italiano :-)

L’angolo dello Sburone

Che è quell’angolo dedicato a chi non sopporta le immagini, quello che parla solo in codice binario e conosce esattamente dove mettere le mani. In pratica ti ripeto i passaggi spiegati nel dettaglio sopra, senza troppi fronzoli.

  • Scarica la ROM ufficiale cinese per Developer da update.miui.com/updates/v1/fullromdownload.php?d=cappu&b=X&r=cn&n=
  • Scompatta il file scaricato e tieni da parte solo la cartella images.
  • Scarica la TWRP da eu.dl.twrp.me/mocha/twrp-3.1.1-0-mocha.img
  • Avvia il Mi Pad 3 in modalità Fastboot (tasto volume – e tasto accensione contemporaneamente) e verifica che sia connesso con il PC (fastboot devices), già che ci sei, assicurati che il bootloader sia sbloccato (fastboot getvar all).
  • Carica le immagini della ROM cinese:
    • fastboot flash system system.img
    • fastboot flash boot boot.img
    • fastboot flash recovery recovery.img
    • fastboot flash cache cache.img
    • fastboot flash userdata userdata.img
  • Riavvia il dispositivo (fastboot reboot) e torna in modalità Fastboot.
  • Fai Wipe completo con fastboot -w
  • Carica la TWRP di Recovery con fastboot flash recovery twrp.img
  • Scarica la ROM europea per Mi Pad 3 da androidfilehost.com/?fid=889764386195928251 e copiala su memoria USB OTG, senza scompattarla.
  • Riavvia il tablet in Recovery (tasto volume + e tasto accensione contemporaneamente, poi solo tasto volume + quando compare il logo Mi al centro del display) e fai Wipe di Dalvik e Cache.
  • Installa la ROM di Xiaomi.eu selezionando come storage la chiave USB OTG.
  • Rifai Wipe di Dalvik e Cache.
  • Avvia normalmente Mi Pad 3, effettua la prima configurazione e NON installare alcunché. Riavvia il dispositivo in modalità Recovery (si rientra in TWRP).
  • Naviga nel menu WipeAdvanced Wipe → seleziona la voce Data → fai clic su Repair or Change File System → scegli Resize File System.
  • Riavvia Mi Pad 3.

Xiaomi Mi Pad 3: cambiare il firmware per ottenere la lingua italiana 24

Benvenuto a bordo :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: