Archives For Links

Una domanda apparentemente complessa che merita una risposta semplice, per cercare di incontrare quanto più pubblico alle prime armi possibile. Ho risposto in separata sede, mi piace però condividere pubblicamente quella che secondo me può essere una buona scaletta per far muovere i primi passi al tuo nuovo sito web basato su WordPress (a prescindere che si tratti di blog personale o altro tipo di idea). Ti invito a dire la tua nell’area commenti, inserendo nuovi punti esclusi dalla mia personale lista, ma evidentemente non per questo non meritevoli di menzione. Cominciamo?

WordPress: ShortPixel Image Optimizer 8

#1: Creare un account amministrativo diverso

In realtà di questo argomento ne abbiamo già parlato, forse lo ricorderai. Mi cito copiando e incollando un passaggio fondamentale di questo diverso articolo:

Ciò che intendo è, per esempio, non utilizzare l’account amministrativo di default (che va quanto prima degradato a semplice utente, se non addirittura eliminato), in favore di un nuovo account da te appositamente realizzato, amministrativo, con username non facilmente indovinabile e con una password complessa (parleremo anche di password robuste quanto prima, ma ti porto a questa vignetta, che tanto spiega in merito). Non utilizzare la stessa password che hai già usato in passato per altri servizi. Fatti aiutare da un buon password manager se ti serve.

Il consiglio rimane lo stesso identico: elimina quanto prima l’account “admin” creato automaticamente da WordPress, non prima di averne creato uno diverso con gli stessi poteri, il quale dovrà avere username differente, più complesso, così come la password, che dovrà inoltre essere dedicata e non condivisa con altri servizi che sfrutti su internet. Posso comprendere che questa sia per te una scocciatura, ma ringrazierai quel giorno in cui qualcuno scoprirà (per errore altrui) qualche tua coppia di credenziali (ne parlo nell’articolo Firefox Monitor ti avvisa in caso di furto credenziali) e le userà anche per appropriarsi del tuo sito web.

Fondamentale e oggi ormai dato per scontato è il doppio passaggio di autenticazione. In passato ti ho parlato di Authy, ho poi virato verso un diverso metodo di verifica autenticazione, te ne ho parlato nell’articolo WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo.

#2: Creare gli account aggiuntivi per editor e collaboratori

Che, a voler essere puntigliosi, potrebbero bastare anche alla tua quotidianità. Le operazioni da eseguire tramite l’account amministrativo sono relativamente poche se hai ormai configurato al meglio il tuo sito WordPress, per questo motivo potresti pensare di creare per te un account “Editor” in grado di scrivere, modificare o cancellare qualsivoglia contenuto pubblicato (o in attesa di pubblicazione), lasciando all’amministratore il compito della manutenzione del software, l’installazione di qualche plugin e poco più. Occhio a ciò che permetti ai tuoi collaboratori, i ruoli di WordPress sono pochi e ben spiegati nel documento Roles and Capabilities sul Codex.

Per aggiungerne di nuovi, io ho utilizzato (e utilizzo tutt’oggi) il plugin Members, fantastico per poter creare nuovi ruoli e modificarne i permessi scendendo molto nel dettaglio (puoi permettere o negare singole azioni, la granularità è davvero ottima):

Members
Members
Developer: Justin Tadlock
Price: Free

#3: Occhio al fuso orario

Sembra una banalità ma non lo è, il fuso orario di WordPress (Timezone nelle installazioni in inglese, come la mia) è fondamentale quando programmi la pubblicazione di un articolo, non vorrai mica rischiare di tirare fuori dei pezzi a orari tutt’altro che in accordo con la tua linea editoriale, vero? :-)

SettingsGeneral (Impostazioni → Generali in italiano) nella tua dashboard amministrativa, quindi seleziona Roma (immagino) nel menu a tendina in corrispondenza del fuso orario:

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 1

#4: Permetti la Visibilità ai motori di ricerca

Altro parametro che può passare inosservato ma che è fondamentale se vuoi iniziare a macinare qualche visita oltre quelle che sei solito fare tu per amministrare il sito web o scrivere e pubblicare contenuti. All’interno delle Impostazioni di lettura troverai un’opzione relativa alla Visibilità ai motori di ricerca, ciò che permette a Google e soci di indicizzare i tuoi contenuti e renderli fruibili da chi lancia query tramite i siti web più utilizzati al mondo (i motori di ricerca, per l’appunto).

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 2

Assicurati che questa non sia impostata per scoraggiare tale comportamento, configurazione che solitamente si usa durante la preparazione del sito web, che va assolutamente modificata quando questo andrà in produzione e farà il suo debutto sul web.

#5: Configura una corretta struttura Permalink

In breve: Un permalink o collegamento permanente è un tipo di URL che si riferisce ad una specifica informazione, implementato in modo da non cambiare o almeno da rimanere lo stesso per lunghi periodi di tempo. Il termine è spesso impiegato nell’ambito dei blog per indicare il link ad un determinato post.

Continua su it.wikipedia.org/wiki/Permalink

È ciò che condurrà il lettore al tuo articolo negli anni, a prescindere da ciò che succederà, dando stabilità ai risultati di un motore di ricerca, rendendolo ben felice di continuare a servirti e portare al tuo porto nuove visite. È una struttura molto importante, critica per certi versi, è giusto deciderla all’avvio di un tuo nuovo progetto, la puoi configurare da ImpostazioniPermalink. Per questo blog ho scelto ormai tanti anni fa quella basata su anno/mese/giorno e nome dell’articolo, se potessi tornare indietro (cosa che comunque puoi pilotare abbastanza agilmente, con tanta pazienza e qualche giusto aiuto) sceglierei quella basata solo sul nome dell’articolo.

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 3

#6: I soli Permalink non risolvono tutto, genera una Sitemap

La Sitemap permette a Google di venire a conoscenza di tutti i collegamenti che un lettore può fruire all’interno del tuo nuovo sito web, generarla e darla in pasto al motore di ricerca toglie carico di lavoro a quest’ultimo, il quale -salvo errori- digerirà immediatamente quanto dato in pasto, generando immediatamente visite a tuo favore (ammesso che l’utente stia cercando ciò che tu metti a disposizione). Per farlo puoi farti dare una mano da uno dei tantissimi (pure troppi) plugin disponibili sul repository ufficiale di WordPress. Io, come tanti altri, utilizzo la funzione integrata all’interno di Yoast, quella che trovi all’interno di SEOFeatures → XML Sitemaps:

Yoast SEO
Yoast SEO
Developer: Team Yoast
Price: Free

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 4

#7: Hai attivato Google Analytics?

Restiamo sull’argomento statistiche e corretta gestione da parte dei motori di ricerca. Analytics è lo strumento realizzato da Google per tenere d’occhio le proprie “performance” (che detta così suona un po’ come un film di Rocco, ma non è ciò su cui si fonda il pezzo!), per cercare di costruire una strada di costante miglioramento, seguire i gusti dei lettori (senza dimenticarsi però che l’opera è prima di tutto tua, deve piacere a te), sfoderare l’asso quando serve tirarlo fuori dalla manica.

A tal proposito, ThemeTrust aveva pubblicato un articolo molto ricco e ben realizzato (in inglese) che puoi trovare all’indirizzo themetrust.com/google-analytics-in-wordpress (se vuoi proporre un’alternativa altrettanto valida in italiano sei il benvenuto, lascia un commento a fondo articolo!).

#8: Il backup ragazzo, il backup.

Ripeti con me: creerò e manterrò un backup aggiornato del mio sito web, di ogni suo contenuto e del database. Ora continua a ripeterlo, ma nel frattempo metti in piedi una soluzione di backup del tuo WordPress. Ci sono mille metodi validi, io continuo a operare su due piani diversi, facendo più backup al giorno del database MySQL e un backup quotidiano dei file. Te ne ho già parlato qui, ma ti ripropongo lo specifico passaggio:

Avere una copia di backup aggiornata è fondamentale per evitare di incorrere in possibili disastri (causati da te, dal tuo provider o da qualcuno di completamente estraneo).
Per portare a termine questa operazione esistono decine di plugin, sia gratuiti che a pagamento. Io ho scelto di affidarmi a BackUpWordPress della Human Made.

BackUpWordPress

In conclusione

Di punti ce ne potrebbero essere molti altri, ci si ferma qui per convenienza e per non mettere ulteriore carne sul fuoco, ma sei libero di suggerirne di nuovi, per poterli integrare all’interno di questa lista o per giustificare una nuova pubblicazione dedicata, libero sfogo ai tuoi consigli quindi. Resto a disposizione anche per correggere qualche svista o migliorare qualche punto sopra riportato, un po’ come sempre capita :-)

Buon divertimento!


liberamente ispirato a themetrust.com/do-after-launching-a-wordpress-site

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Che si tratti di testo e non, talvolta ti può capitare di dover o voler mettere in evidenza un particolare all’interno di un’immagine che stai caricando sul blog, o magari inserendo all’interno di un documento che intendi condividere con qualcuno a cui spiegare una determinata cosa. Per fare ciò utilizzando GIMP, c’è un metodo abbastanza rapido che richiede solo qualche passaggio e un nuovo livello da applicare all’immagine che stai lavorando. Ti spiego rapidamente come fare.

macOS: Gimp 2.10 (non ufficiale)

Le immagini e il video che vedrai fanno riferimento a McGimp su macOS (che ho usato durante la stesura dell’articolo e la registrazione del monitor), ma nulla cambia rispetto alla versione ufficiale che utilizzi abitualmente sulla tua macchina Windows.

Evidenziare un particolare

Do per scontato che tu abbia già scelto il colore che utilizzerai per evidenziare il particolare che ti interessa sull’immagine in lavorazione (in caso contrario fai clic sul colore primario nella colonna di sinistra, e modifica la tua scelta puntando il colore con il mouse o inserendo manualmente il codice HEX che desideri), io ho scelto molto banalmente un giallo pieno, non in stile evidenziatore (#ffff00).

Fatto ciò, utilizza lo strumento di selezione dell’area e raccogli al suo interno ciò che vuoi mettere in evidenza. Fai ora clic con il tasto destro su quest’area e applica un nuovo livello all’immagine, quindi trascina il colore primario al suo interno; questa operazione applicherà un colore all’area che coprirà anche il testo posto sotto. Ora, assicurandoti che il livello sia ancora selezionato, fai clic sul menu Modalità (nella colonna di destra, in alto) e scegli la voce Moltiplica. Questo ti permetterà di riportare nuovamente in primo piano il testo che avevi precedentemente coperto, lasciando però che quell’area rimanga evidenziata, che poi è esattamente (spero) ciò che volevi ottenere come risultato.

Per rendere la spiegazione più semplice, ho catturato il mio monitor durante l’operazione di preparazione di un’immagine che mi serviva inserire all’interno di un articolo del blog (quello dedicato al Mi Band 3, che ti consiglio di leggere se non lo hai ancora fatto!), realizzando così un video che ho caricato sul mio canale YouTube, te lo mostro qui di seguito:

L’operazione è davvero molto semplice e veloce, inutile dire che allo stesso nuovo livello immagine potrai aggiungere ulteriori aree da mettere in evidenza (non serve assolutamente creare più livelli) all’interno della stessa immagine in lavorazione. In caso di dubbi puoi sempre usare l’area commenti qui di seguito, io ringrazio a mia volta chi il metodo l’ha spiegato pubblicamente (in lingua originale, inglese), dal quale ho tratto la versione localizzata sul mio blog.


fonte: gimplearn.net/viewtopic.php/Highlighting-an-image-text-in-GIMP?t=49

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Che poi tanto nuova non è, ma questo dipende esclusivamente dal mio tempo libero e dalla possibilità di scrivere qui sul blog. Instagram ha finalmente abbandonato (anche se non in via esclusiva, bensì solo a richiesta dell’utente finale) la verifica in due fattori con il messaggio (SMS) post-autenticazione. Dalla notte dei tempi (in realtà da sempre), il messaggio di testo recapitato sullo smartphone non garantisce affatto la sicurezza che questo venga letto esclusivamente dal proprietario del dispositivo (e quindi proprietario anche dell’account Instagram), progressivamente questa forma di verifica sta andando –meglio tardi che mai– in pensione, lasciando spazio a soluzioni alternative più robuste.

Sicurezza: la nuova 2-step verification di Instagram

Bando alle ciance, è ora di togliere di mezzo il vecchio SMS, procediamo insieme all’abilitazione dell’autenticazione a due fattori tramite codice generato randomicamente o autorizzazione tramite diversa applicazione (nel mio caso ho usato Duo, della quale ti ho parlato in questo articolo).

  • Apri Instagram e spostati nelle Impostazioni del tuo account.
  • Sotto alla voce Privacy e sicurezza seleziona Autenticazione a due fattori.
  • Abilita la voce “App di autenticazione” quindi segui le istruzioni a video. Io, senza doverlo specificare, ho potuto procedere con “Duo Security“, in quanto l’applicazione è già installata sul mio Android per fare da tramite verso l’area amministrativa di WordPress, mi è quindi bastato confermare il tutto (e farmi riconoscere da Duo) per completare l’operazione. Tu, in alternativa, puoi selezionare la voce “Configura manualmente” (in basso nella schermata), accederai così alla configurazione che già certamente conosci per la verifica a due fattori, quella composta dal solito QR code da dare in pasto a Google Authenticator o Authy per ottenere il codice generato randomicamente.
  • Non dimenticare, in fase di termine attivazione, di accedere ai tuoi codici di backup, prendendone nota (o catturando uno screenshot), ti serviranno per eludere il controllo via 2FA nel caso in cui il tuo telefono (o applicazione di creazione codici) non sia disponibile.

Un consiglio in chiusura articolo: se vuoi, disattiva la verifica in due passaggi tramite SMS, così facendo l’unico metodo utilizzabile sarà quello basato sull’applicazione che genera i codici random, quello che generalmente bisognerebbe adottare nella totalità dei casi.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

La comunicazione sta ormai raggiungendo tutti coloro che utilizzano WhatsApp su Android, e riguarda lo spazio di backup che il noto programma di messaggistica istantanea va a utilizzare, facendolo venire a meno di quei piani gratuiti Google (15 GB di spazio condiviso tra GMail, Foto e Drive) che fino a oggi hanno probabilmente “accusato il colpo” (cosa successa parzialmente o proprio per nulla a chi ha scelto un diverso piano storage a pagamento). Ebbene ci siamo: un accordo tra big G e la società di Zuckerberg permetterà a tutti di recuperare quello spazio diversamente inutilizzabile:

Cambiamento che interessa i backup di WhatsApp su Google Drive

Il backup di WhatsApp ha sempre trovato posto (per chi lo ha abilitato) nella medesima cartella Drive dei backup del proprio smartphone, quella che tu stesso puoi esplorare punto il browser verso drive.google.com/drive e selezionando la voce “Copie di backup“:

Cambiamento che interessa i backup di WhatsApp su Google Drive 1

Lo spazio occupato da quel backup è visualizzabile invece andando nelle impostazioni di Drive (l’icona a forma di ingranaggio in alto a destra, nda), selezionando “Gestisci applicazioni” e scorrendo fino a trovare la voce relativa a WhatsApp:

Cambiamento che interessa i backup di WhatsApp su Google Drive 2

Cosa fare adesso?

Tutti i backup più vecchi di un anno verranno eliminati, in seguito alla novità, a partire dal prossimo 12 novembre. Per questo motivo è importante verificare che il proprio backup sia correttamente impostato, e può essere vantaggioso lanciarne uno manualmente già oggi per poter usufruire della nuova formula d’occupazione. Per poterlo fare accedi alle Impostazioni del tuo WhatsApp su Android, quindi seleziona ChatBackup delle chat. Qui potrai notare l’ultima data di esecuzione del salvataggio dati e le dimensioni del backup. Approfittane –già che ci sei– per modificare il comportamento dello stesso e fai in modo che venga eseguito una volta al giorno, solo sotto rete WiFi (fondamentale se non hai sufficienti GB di traffico dati compresi nella tua offerta), includendo anche i video, ti basta dare un’occhiata all’immagine qui di seguito, catturata dalla mia attuale condizione (occhio però, io ho scelto anche di usare il traffico dati!):

Cambiamento che interessa i backup di WhatsApp su Google Drive 4

Nulla di tutto ciò cambia invece la condizione di backup di iOS, sul quale lo spazio occupato da chat, immagini e video WhatsApp continuerà a intaccare i GB a tua disposizione sull’account iCloud (gratuito o con estensione a pagamento, poco importa), almeno fino a future comunicazioni ufficiali.

Buon proseguimento! :-)

Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Durante la stesura dell’articolo dedicato a Iliad (pubblicato ormai circa un mese fa), ho avuto la necessità di controllare da dove passasse il mio traffico dati per poter confermare quanto scritto in giro (ovvero che nel primo periodo di vita di Iliad si passasse tutti dai suoi IP francesi anziché da quelli italiani). Ci sono tanti siti web che offrono la possibilità di controllare questi dati catturandoli direttamente da browser, ma tra pubblicità, controlli di sicurezza e altre menate varie diventa davvero seccante navigarli, è per questo motivo che ho creato “My Information“, una semplice pagina riepilogativa che potesse mostrarti le informazioni che cerchi e nulla più.

Iliad è arrivata in Italia, non senza problemi 17

My Information

No, non è ottimizzato al 100% per i dispositivi mobili (anche se si mostra correttamente ai tuoi occhi) e no, non è perfetto neanche nello stile presentato (perché si potrebbe fare molto di meglio), probabilmente ha anche un nome banale e poco attraente, eppure è esattamente ciò di cui forse necessiti anche tu. Il tuo browser trasmette dei dati a ogni sito web che visiti, per questo motivo ho potuto approfittare di qualche funzione PHP nativa e delle API messe a disposizione dal sito IPStack.com per elaborare quanto catturato, in diretta, senza salvare alcunché sul server (in pratica i tuoi dati li vedi solo tu), così siamo tutti più contenti e la Privacy ringrazia.

My Information è disponibile per tutti all’indirizzo public.gfsolone.com/tools/ip, e puoi raggiungerlo anche tramite l’alias go.gioxx.org/ip. Va ad aggiungersi agli altri tool pubblici che ho messo a disposizione tramite il mio sito web personale (li trovi tutti raccolti sul Wiki).

Un’occhiata dietro le quinte

È tutto molto semplice. Di suo PHP permette già di catturare alcune informazioni provenienti dal tuo browser, per questo motivo è necessario esclusivamente fargliele scrivere in pagina per potertele mostrare, questo vale certamente per il tuo IP ($_SERVER['REMOTE_ADDR']) o lo User-Agent del browser che stai utilizzando nel momento in cui visiti My Information ($_SERVER['HTTP_USER_AGENT']). Il resto, seppur in qualche maniera anch’esso recuperabile (non tutto), ho deciso di darlo in pasto a IPStack; questo mi restituisce una serie di dettagli interessanti che posso ulteriormente lavorare (o mostrare direttamente) per arricchire ancor più quanto messo a tua disposizione, come per esempio una mappa (libera, di OpenStreeMap, ma richiamata tramite Leaflet), l’hostname assegnato al tuo IP (se pubblico), il CAP, latitudine e longitudine rilevate, ecc.

Ti lascio dare un’occhiata al codice (semplicissimo) che racchiude buona parte delle informazioni mostrate poi a video:

Il puntatore su mappa è assolutamente migliorabile, non sempre latitudine e longitudine producono il risultato sperato, potrei certamente impostarlo sul CAP rilevato, ma si tratta di finezze che in fin dei conti poco servono probabilmente a te che hai bisogno di catturare un altro tipo di dati.

Il tool è online ormai dallo scorso giugno, ed è stato già visitato un buon numero di volte (strano, non l’ho neanche sponsorizzato), non ti resta che metterlo alla prova (nei limiti del concesso, sfrutto le API gratuite di IPStack che offrono un massimo di 10.000 richieste / mese, dovrebbero bastare, giusto? :-)).

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: