Archives For Google Android

Mi scrive Marika, di CopyTrans (ho parlato del loro software qualche tempo fa), introducendomi un nuovo prodotto, qualcosa di relativo alla sicurezza e che continua a rimanere nel perimetro Apple. Si chiama CopyTrans Cloudly:

A while ago you wrote about CopyTrans, so we thought you might be interested in our latest app, CopyTrans Cloudly. It can delete and download photos from iCloud to PC all at once. This is as opposed to icloud.com, which requires you to go one-by-one.

We also have a unique feature developed by our programmers that allows us to recover permanently deleted photos. It actually helped us discover some serious Apple privacy breach. You can read about it here: copytrans.net/blog/like-the-titanic-icloud-photos-are-easy-to-sync-but-might-stay-there-forever

CopyTrans Cloudly: cancellare definitivamente le foto di iCloud

Riepilogando: le fotografie, seppur cancellate dai propri dispositivi, vengono spostate nel cestino di iOS, una sorta di soft-delete dei file, che possono così essere facilmente recuperati già dal proprio smartphone, tablet o PC. Questo però lo si sapeva già da tempo.

Il problema nasce nel momento in cui la fotografia viene cancellata definitivamente, anche dal cestino, ordinando così ad Apple di distruggerla dai loro server, cosa che secondo CopyTrans non accade per almeno un anno (circa). Per questo motivo, un’applicazione rilasciata gratuitamente (CopyTrans Cloudly, chiaramente), permette di metterci una pezza e fare quello che andava fatto sin da subito, cancellando definitivamente i file precedentemente eliminati, o permettendone il recupero nel caso in cui torni utile questa “svista” (?) di Apple.

Ho provato a utilizzare l’applicazione ma, nel mio caso, ha ben poca utilità. Io ho disabilitato (su ambo gli account che utilizzo) l’upload delle fotografie nel Cloud. Non l’ho fatto per paranoia o perché non sia comodo. Sono un utente Google e spesso cerco di utilizzare suite di prodotti di uno stesso sviluppatore, e nello specifico credo che Google Photo sia un ottimo prodotto che si sta evolvendo parecchio nel corso dei mesi, e che ha superato già da tempo la iCloud Photo Library. Le fotografie scattate da iOS o Android finiscono nel mio account Google, fine dei giochi.

CopyTrans Cloudly: cancellare definitivamente le foto di iCloud 1

Ho quindi riabilitato il servizio sul mio iPad e fatto qualche prova, e in effetti va esattamente come dice CopyTrans. Ho catturato qualche screenshot di test, dagli un’occhiata (fai clic sulla prima fotografia per aprire la galleria e leggere la descrizione completa dei passaggi):

L’applicazione funziona su sistemi Windows, si scarica gratuitamente da copytrans.net/copytranscloudly e non necessita di installazione, funziona da subito ed è perfettamente compatibile con l’autenticazione a due fattori. Le credenziali non vengono (credo volutamente) memorizzate: se chiudi l’applicazione e la riapri, sei costretto ad autenticarti ancora. È un tool che puoi tenere sicuramente a portata di mano, utile a chi necessita di disintossicarsi da iCloud e non vuole aspettare i tempi di pulizia di Apple.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Milano Real Life (MRL) è il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!

Ci sono poche certezze nella vita di un milanese medio, l’Esselunga è certamente una di queste. Tutti pensati e realizzati con una logica ormai consolidata, buone offerte, qualche modifica non proprio gradevole nel post-Caprotti (che continua a mancarci tantissimo), il Presto Spesa, la cassiera che ti sorride quando è in buona, i suoi banchi del fresco.

Dall’altro lato Satispay, nata da cuore e menti italiane, con investimenti internazionali che stanno permettendole di crescere rapidamente e catturare l’attenzione di ulteriori commercianti (e gruppi) che decidono di accettare i pagamenti portati a termine tramite l’applicazione disponibile sulle piattaforme mobile più diffuse (Android, iOS, Windows Phone). Si dice che l’unione faccia la forza, giusto?

Ho fatto la spesa all'Esselunga con Satispay (un sacco bello)

Da un paio di settimane circa, l’Esselunga dove io e Ilaria siamo soliti fare la spesa, ha aggiornato i propri terminali includendo la possibilità di pagare con Satispay, e noi ne abbiamo approfittato immediatamente. Utilizzavo già Satispay, più sporadicamente, perché non propriamente circondato da esercizi commerciali che si appoggiavano a lui per il pagamento elettronico, ma con l’arrivo di Esselunga mi è toccato pure aumentare il budget settimanale da tenere sempre sotto ricarica!

Regole del gioco: quelle che durano ormai da qualche tempo. Il pagamento è sempre erogabile, ma per alcuni esercizi commerciali c’è in più quel cashback che ti permette di recuperare parte della spesa, subito dopo aver pagato. Esempio pratico? Pagamento di 100€ con cashback al 20%, 20€ tornano immediatamente nel budget di Satispay. Un modo come un altro per invogliare gli utilizzatori a passare dall’applicazione anziché dai contanti o dalle carte di pagamento.

Ho fatto la spesa all'Esselunga con Satispay (un sacco bello) 1

Ma perché Satispay?

Perché è comodo, funziona su iPhone ma anche sul mio Galaxy S8, su entrambi condivido l’account e non importa quale telefono sto utilizzando nello specifico momento. Un amico dice che Apple Pay è più comodo, in realtà credo e sostengo che si tratti di due metodi di pagamento molto differenti, dove il primo citato è dedicato esclusivamente ai clienti della mela, escludendo tutto il resto del mondo. Apple Pay si appoggia sulla propria carta di credito (ammesso questa sia compatibile), Satispay sul conto corrente bancario (o una carta con IBAN).

Satispay, una volta sbloccato con la propria impronta digitale o il PIN scelto in fase di installazione e prima configurazione, permetterà di inviare denaro al negozio preferito o all’amico che l’altra sera ha anticipato per tutti pagando il conto in pizzeria. È molto veloce (pressoché immediato, giusto il tempo della preparazione del pagamento) e preciso, tutto fila liscio e spero che continuerà a evolvere nel corso del tempo.

L’iscrizione al servizio è gratuita, così come ogni operazione eseguita. Se utilizzi il codice GIOVANNISOLO ottieni anche 5€ come “bonus di benvenuto” al completamento delle operazioni di riconoscimento e invio delle fotografie del tuo documento di identità. Il processo porterà via qualche giorno, potrai poi impostare il budget da tenere sempre a portata di clic e ricaricare ogni settimana (solo quando necessario).

Satispay
Satispay
Developer: Satispay S.p.A
Price: Free
Satispay
Satispay
Developer: SATISPAY S.P.A.
Price: Free

Ti iscriverai? :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Lo scorso 30 giugno Authy (fai clic qui se non sai di cosa sto parlando) ha annunciato la disponibilità di una prima versione beta del suo client per PC Windows e macOS:

View story at Medium.com

Dopo anni passati tra smartphone (o tablet) e la sola estensione per Google Chrome, sembra che finalmente si sia arrivati a un’intenzione concreta, per portare l’autenticazione a due fattori più vicino a ciò che spesso la richiede, un PC. Ci si autentica al servizio desiderato e si ottiene il codice direttamente con un ALT + TAB (Windows, ovviamente, su macOS ⌘⇥), il tutto risparmiando preziosi secondi ed escludendo l’ingaggio di uno smartphone che spesso si vorrebbe lasciare in tasca, o nel cassetto della scrivania.

Il pacchetto di installazione si scarica dal sito web ufficiale e Authy invita gli utilizzatori a inviare ogni feedback all’indirizzo di posta elettronica beta@authy.com, per permettere agli sviluppatori di correggere rapidamente errori e sviste, ma anche di introdurre quanto prima tutte le funzioni già disponibili sul ben più stabile e ricco client per Android e iOS.

La funzione di OneTouch Authentication, che è una tra le cose più interessanti e comode dell’applicazione Mobile, arriverà anche su questa beta PC / macOS di Authy, insieme alla versione del programma per i sistemi Linux. Ciò che nel frattempo puoi già fare e che consiglio caldamente, è proteggere (ulteriormente) i tuoi accessi 2-Step tramite codice di sblocco del nuovo software beta (la Master Password, stesso concetto messo in atto sul software mobile).

In attesa che vengano rilasciate nuove versioni di Authy PC (da capire se riuscirà questa ad aggiornarsi in autonomia o se sarà necessario scaricare e installare manualmente un nuovo pacchetto prendendolo dal sito web dell’azienda), a te non resta che tenerti una copia installata sul tuo smartphone e mettere in funzione anche la versione PC, così da avere sempre a portata di mano i tuoi codici di autenticazione randomici.

Authy
Authy
Developer: Authy Inc.
Price: Free
Authy 2-Factor Authentication
Authy 2-Factor Authentication
Developer: Authy
Price: Free

esc.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Tra un WannaCry e l’ulteriore novità dello scorso 13 giugno (di cui non ho parlato in maniera più approfondita, ma sappi che si tratta dell’ulteriore giro di fix che coinvolge anche tutte le macchine con OS non più supportato), con il contorno di ulteriori impegni privati e il rientro in palestra, di tempo da investire per curare le pubblicazioni del blog inizio ad averne sempre meno, nonostante ci tenga tantissimo.

ABP X Files, noads.it e “cosa vi siete persi negli ultimi tempi” 2

Quindi, giusto per recuperare un attimo ciò che ho lasciato indietro, ti riepilogo brevemente cos’è successo circa un mese fa, in merito al nuovo trasferimento di NoAds.it e la definitiva (spero) sistemazione delle liste, ospitate da GitHub.

Ho scelto di migrare NoAds.it portandolo su ServerPlan, casa di questo blog, che venerdì scorso è stato a sua volta spostato su un nuovo server che permette di avere le versioni più aggiornate di PHP, guadagnandone in velocità e stabilità (si spera a lungo). NoAds.it è diventato un ulteriore alias di questo spazio web, e riporta in maniera del tutto automatica al sottodominio xfiles.noads.it.

Da qui riuscirai a sottoscrivere le liste (puntando direttamente a GitHub) e fare esattamente ciò che facevi prima. I vecchi URL sono stati disattivati (e rimandati ai nuovi), non ti permetteranno però di riallacciarti in maniera trasparente a GitHub, dovrai quindi eliminare le vecchie sottoscrizioni e abbonarti nuovamente tramite NoAds.it (oppure farlo manualmente, se lo preferisci, ma ritengo sia più scomodo). Come già detto, puoi scoprire i passaggi da eseguire facendo riferimento a quanto già scritto nel vecchio articolo (il primo della serie):

ABP X Files migra su GitHub

Se vuoi dare un’occhiata alle liste, qui di seguito ti elenco gli URL diretti (è tutto pubblico, trovi ogni dettaglio nel progetto su GitHub, dove ho spostato anche la documentazione e le FAQ):

Se ti dovesse capitare di notare delle anomalie o qualche malfunzionamento, dimmelo quanto prima così che io possa correggerlo, l’area commenti qui di seguito è a tua totale disposizione, vale anche il sistema di assistenza sempre utilizzabile tramite NoAds.it, o il forum di Mozilla Italia.

Bentornati a bordo :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Forse più dedicato ai fissati dell’argomento e per chi mette seriamente in difficoltà la batteria del proprio smartphone (ma anche del proprio tablet), EasyAcc propone un’ulteriore Power Bank con una capacità di 20.000mAh (si, è tanto), 2 ingressi di ricarica (per accelerare i tempi) e ben 4 uscite USB, di cui una Quick Charge di tipo 3.0, con l’immancabile led ad alta luminosità nel caso in cui ci sia bisogno di una torcia, cosa che spesso manca in borsa ;-)

EasyAcc 20000mAh Power Bank con Quick Charge 3.0

Le caratteristiche della serie di batterie d’emergenza EasyAcc che ti ho un po’ abituato a conoscere in queste mie pagine vengono tutte rispettate. La scatola propone infatti la batteria (elemento principale, per forza di cose) ben protetta da eventuali graffi, corredata di due cavi microUSB e il solito striminzito manuale con le informazioni sul prodotto.

Ho quasi sempre portato con me la Power Bank di seconda generazione di EasyAcc, da 10.000mAh, quindi sostituirla con quest’ultimo arrivo (in particolare per la presenza della porta con Quick Charge, interessante per ogni dispositivo compatibile) è stata la prima idea, senza considerare però un dettaglio non trascurabile: peso e dimensioni. Ho scattato qualche fotografia per farti capire la differenza tra vecchia e nuova (che poi vecchia, è ancora in perfetta forma!):

Sono circa 400 i grammi che bisognerà trascinarsi dietro per avere a disposizione quelle porte di output (compresa la Quick Charge 3.0 di Qualcomm) e quella capienza massima. Sono tanti, ma davvero, li senti tutti quando lo metti nel marsupio o nel borsello, si sente certamente meno nello zaino da lavoro, ma così viene meno quella comodità dell’avere una Power Bank a portata di mano quando più è utile, cioè in quelle emergenze tipiche da lontano da casa, lontano da tutto.

Capiamoci: la batteria del mio Samsung Galaxy S8 ha una capienza di 3000mAh. Grazie alla Power Bank da 20.000mAh di EasyAcc posso ricaricare agilmente lo smartphone fino a sei volte, senza necessità di doverla riattaccare a una presa di corrente. Una volta riattaccata però, necessiterà di molto tempo per arrivare a completamento e tornare disponibile, porta pazienza e utilizza il corso di una notte per farlo (utilizzando entrambe le porte di input, puoi anche sfruttare lo stesso caricabatterie, ammesso che lui abbia due porte in uscita).

Vale quindi la pena acquistare un prodotto simile? La risposta è , ammesso che tu abbia spazio e spalle larghe a disposizione per poterlo scorrazzare in giro, perché di certo non potrai tenerla in tasca così comodamente. La risposta è no, se hai bisogno di qualcosa di molto più pratico (e a quel punto, pensa a un’alternativa con porta Quick Charge, anche se ha una capienza di mAh inferiore).

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da EasyAcc, mi è stato lasciato al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: