Archives For Reddit

Lo so, ti mancano le tue 150 estensioni, i 30 temi dai quali mai avresti voluto essere separato e chissà quanta altra roba presente sulla versione precedente di Firefox. Mozilla fa schifo, Mozilla ci ha traditi e altre frasi fatte. Ora che abbiamo lasciato ben 30 parole (circa) agli inutili sfoghi, prendiamo atto delle novità e delle relative limitazioni che in futuro certamente saranno meno limitanti (io continuo a dire che questo profondo restyling di Firefox è qualcosa di splendido rispetto agli ultimi anni passati insieme a questo browser, ma è chiaramente un parere soggettivo), parliamo di modifiche di base molto in voga tra le discussioni degli ultimi giorni sul forum.

Oggi ti propongo qualche rapido riferimento che ti permetterà di ritoccare lo sfondo di una nuova scheda in Firefox (volendo anche della home page principale), così come ulteriori modifiche che è possibile eseguire tramite userChrome.css o userContent.css, con relativo progetto GitHub (e sito web) per chi ama modificare il proprio browser.

Firefox 57: modifica dell'aspetto (di base)

Prima di cominciare, un consiglio spassionato. Sto per indicarti alcune modifiche che andrai a fare all’interno del tuo profilo, posso suggerirti di effettuare prima un backup dei dati? Trovi tutto quello che c’è da sapere qui: support.mozilla.org/it/kb/Effettuare%20il%20backup%20dei%20dati%20personali

Possiamo dare inizio alle danze.

about:newtab

Gioie e dolori di una scheda che evidentemente non è simpatica poi a molte persone. Un po’ forse troppo minimalista, difficilmente (anzi, per il momento affatto) personalizzabile tramite componenti aggiuntivi, nasce da un’idea di base Mozilla e ha scatenato un putiferio tra tutti coloro che proprio non sopportano di avere qualcosa che non può essere plasmata secondo una logica soggettiva.

Le alternative sono due: tornare a un qualcosa di più sobrio e generico (la vecchia pagina principale di Firefox con il logo e la casella di ricerca in mezzo), oppure ritoccare manualmente quanto si ha a disposizione, magari con uno sfondo che possa essere facilmente cambiato di tanto in tanto. Io ho scelto la seconda opzione (un esempio è qui di seguito, nell’immagine catturata da una mia installazione stabile di Quantum):

modifica aspetto firefox 57

Tornare al passato,

Se ciò che vuoi è proprio quella scheda con casella di ricerca in centro, è cosa assai facile. Entra in about:config e cerca le chiavi browser.newtabpage.activity-stream.aboutHome.enabled e browser.newtabpage.activity-stream.enabled, portando entrambe a false (doppio clic su ciascuna quando le trovi impostate a true).

Il risultato? Questo (se non funziona immediatamente, riavvia il browser):

Firefox 57: modifica dell'aspetto (di base) 1

o giocare con il presente?

Hai scelto la pillola rossa? Bene, sono contento e ti porto subito al dunque. Supponendo che tu stia utilizzando il tema chiaro di Firefox, uno sfondo che permetta alla nuova scheda di continuare a darti una rapida panoramica di siti web visitati e “pinnati” dovrà avere un paio di caratteristiche chiave: essere anch’esso tendente verso colori chiari (che non creino contrasti sbagliati con il testo) e che –se possibile– vada a occupare la parte sinistra (o destra, in base alle modifiche CSS) rispetto ai contenuti.

Ti mostro il mio risultato (modificando il medesimo Firefox 57 Quantum di laboratorio che ho sul Mac, il tutto resta valido anche per Windows):

Firefox 57: modifica dell'aspetto (di base) 2

Il trucco? Sta nello userContent.css, un file che dovrà trovarsi nella cartella “chrome” (creata appositamente, da zero) all’interno del tuo profilo di Firefox.

Tutto nasce da un tanto banale quanto fantastico suggerimento nato nella community Reddit:

Please add addons.mozilla.org/firefox/newtabpages section like themes from firefox

Riepilogo quello che dovrai fare:

  • scegli uno sfondo che ti piaccia. Una delle fonti che utilizzo dalla notte dei tempi è Unsplash.com. Un esempio? unsplash.com/photos/b18TRXc8UPQ. È solo uno dei migliaia di sfondi che puoi trovare, devi solo capire quello che potrebbe fare al caso tuo e del tuo Firefox. Scaricalo sul tuo PC e inseriscilo nella cartella “chrome” contenuta a sua volta nella cartella del tuo profilo in uso. Se non sai di cosa sto parlando, dai un’occhiata qui.
  • Dai un nome decisamente più corto e semplice al file appena salvato. Nel mio caso, lo sfondo della tazza di caffellatte e relativi dolci è stata rinominata in coffee.jpg, giusto per rendere l’idea.
  • Con un editor di testo (io consiglio sempre Notepad++), crea un nuovo file all’interno del quale inserirai questo codice:
  • Noterai tu stesso che all’interno del codice CSS si trova il nome dell’immagine (coffee.jpg). Dovrai modificare quello e assicurarti che corrisponda al nome del tuo file. Una volta fatto, salva il file con il nome userContent.css (assicurati che la C di Content sia in maiuscolo, e che l’estensione del file sia realmente .css e non .css.txt!). A questo punto, sposta quel file all’interno della cartella chrome, dove hai già posizionato lo sfondo che tu hai scelto.
  • Riavvia il browser e goditi il risultato.

Inutile dire che le modifiche operabili via CSS sono molte, e che potrai operare in completa autonomia sperimentando posizionamenti differenti rispetto a quello suggerito. Altra piccola nota è quella relativa alla home page (il codice sopra modifica solo l’aspetto di una nuova scheda, quella che apri con un CTRL + T su Windows, per capirci), che potrà essere modificata alla stessa maniera, semplicemente duplicando il codice sopra riportato (sempre utilizzando lo stesso file, ovviamente) e andando a modificare (nel duplicato) il @-moz-document url(about:newtab) con @-moz-document url(about:home), il resto potrà rimanere invariato (o magari puoi pensare di cambiare sfondo per la home page, differenziandolo da quello della nuova scheda).

Un esempio di file userContent.css che integri entrambe le modifiche, potrebbe essere questo:

Interfaccia principale

Altro tasto evidentemente delicato, perché ho scoperto che in tantissimi utilizzavano componenti aggiuntivi che andavano a modificare profondamente l’aspetto del browser, riportandolo ulteriormente indietro nel tempo e mostrando icone diverse da quelle scelte da Mozilla, così come posizioni di tasti differenti rispetto allo standard. È un altro grande argomento di discussione del forum, alcuni dei riferimenti che puoi consultare li trovi qui:

Ciò che voglio segnalarti è una nuova risorsa, che basa se stessa sull’utilizzo dello userChrome.css, ciò che ti permetterà di modificare parte di posizionamenti e aspetto grafico del nuovo Quantum. All’indirizzo userchrome.org/what-is-userchrome-css.html troverai infatti diverse risorse e codici già pronti, che integrati all’interno di un file userChrome.css (da salvare sempre nella cartella chrome di cui ti ho parlato prima, nda), ti permetteranno di fare l’occhiolino ad alcune delle modifiche proposte in passato da gloriosi componenti aggiuntivi di cui oggi si sente la mancanza.

Uno tra tanti, potrebbe essere quel tocco di colore da dare alle icone e alle cartelle contenute nei propri segnalibri (userchrome.org/what-is-userchrome-css.html#colorbookmarkfolder):

Firefox 57: modifica dell'aspetto (di base) 3

Oppure lo spostamento delle schede aperte da mettere sotto alla barra dell’URL (userchrome.org/what-is-userchrome-css.html#movetabbar):

Firefox 57: modifica dell'aspetto (di base) 4

Sono solo due dei possibili esempi di personalizzazione dell’interfaccia. Troverai codici già pronti e materiale da utilizzare presso diverse fonti (qui alcuni esempi), ma sono proprio le discussioni e le richieste nel forum ad alimentare una continua ricerca e proposta di “novità nostalgiche“, è solo questione di feeling con quello che –ribadisco– è “il miglior Firefox di sempre“, un po’ a voler fare il verso alla scuola Apple.

Buon divertimento :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

La primavera è già passata da qualche tempo, ma il mio evidente ritardo nel percepirla ha fatto slittare in avanti dei lavori di pulizia che rimandavo da troppo tempo. Il mio profilo principale di Firefox (costantemente replicato e sotto backup) conteneva dati davvero troppo vecchi, facendo arrivare alcuni dei database SQLite dell’applicativo a occupazioni disco fuori (e di molto) dallo standard al quale si è abituati nelle nuove installazioni (o nei profili più puliti). Per questo motivo ho scelto di prendere scopa, paletta e smacchiatore per dare un po’ più di piglio energico al browser di casa Mozilla, il predefinito sulle mie macchine.

Firefox: ottimizzazione dei DB SQLite 6

Ti spiego in poche parole (e diversi dati) ciò che ho fatto. Ti mando subito a leggere qualche riga riguardo SQLite nel caso in cui non sapessi di cosa si sta parlando, male non può certamente fare. I file incriminati e importanti sono sostanzialmente due: places.sqlite e webappsstore.sqlite. Prima di partire, una giusta cultura di base: il primo file (database, in realtà) contiene tutta la cronologia di navigazione in base ai criteri da te impostati all’interno delle opzioni di Firefox, non contiene i Segnalibri contiene i Segnalibri nella tabella moz_bookmarks, che viene toccata durante la pulizia solo per rimuovere spazi lasciati vuoti dall’utilizzatore (qui la pagina di KB su mozillaZine). Il secondo file invece conserva i dati che generalmente si vanno a compilare nelle form dei siti web che visitiamo, si tratta di un database molto delicato che non andrebbe mai modificato manualmente e che puoi permetterti di perdere solo se non ti secca ricominciare a creare una cronistoria dei dati che dovrai inserire a mano (per esempio) durante la registrazione di un modulo, una nuova iscrizione a chissà quale forum o così via (qui la pagina KB su mozillaZine).

Sia chiaro: Firefox continuerà a funzionare sulla tua postazione anche se cancelli completamente i due file, poi però non lamentarti se vai a perdere la cronologia di navigazione o i dati precedentemente immessi nei moduli (e non solo), di sicuro ci guadagni in velocità :-)

Io ho voluto clonare il profilo e mettere alla prova un’estensione che promette di andare ad alleggerire questi due file a patto di trovare delle voci orfane, quindi eliminabili in via definitiva, ricostruendo il database e popolandolo solo con le voci effettivamente vive e vegete (vedi: vacuum SQLite). L’estensione è Places Maintenance e la puoi trovare ovviamente su AMO:

Places Maintenance
Places Maintenance
Developer: Mak
Price: Free

Perché proprio lei in un mare di altre estensioni dedicate alla manutenzione dei database SQLite di Firefox? Perché è sviluppata da un amico connazionale e profondo conoscitore di Firefox, Mak, Firefox Team Engineering Consultant.

A installazione terminata (non richiede riavvio, nda) ho lanciato immediatamente una scansione della situazione sul profilo clonato, questo il risultato:

Statistics
 Database size is 81920 KiB
 user_version is 32
 page_size is 32768
 cache_size is -2048
 journal_mode is wal
 synchronous is 1
 History can store a maximum of 104858 unique pages
 Table moz_places has 104024 records
 Table moz_historyvisits has 281408 records
 Table moz_inputhistory has 469 records
 Table moz_bookmarks has 641 records
 Table moz_keywords has 0 records
 Table sqlite_sequence has 1 records
 Table moz_favicons has 4080 records
 Table moz_annos has 2192 records
 Table moz_anno_attributes has 13 records
 Table moz_items_annos has 172 records
 Table sqlite_stat1 has 15 records
 Table moz_hosts has 6291 records
 Index sqlite_autoindex_moz_inputhistory_1
 Index sqlite_autoindex_moz_keywords_1
 Index sqlite_autoindex_moz_favicons_1
 Index sqlite_autoindex_moz_anno_attributes_1
 Index sqlite_autoindex_moz_hosts_1
 Index moz_places_faviconindex
 Index moz_places_hostindex
 Index moz_places_visitcount
 Index moz_places_frecencyindex
 Index moz_places_lastvisitdateindex
 Index moz_historyvisits_placedateindex
 Index moz_historyvisits_fromindex
 Index moz_historyvisits_dateindex
 Index moz_bookmarks_itemindex
 Index moz_bookmarks_parentindex
 Index moz_bookmarks_itemlastmodifiedindex
 Index moz_places_url_uniqueindex
 Index moz_places_guid_uniqueindex
 Index moz_bookmarks_guid_uniqueindex
 Index moz_annos_placeattributeindex
 Index moz_items_annos_itemattributeindex
 Index moz_keywords_placepostdata_uniqueindex

Occhio a:

  • Database size is 81920 KiB
  • History can store a maximum of 104858 unique pages
  • Table moz_places has 104024 records
  • Table moz_historyvisits has 281408 records

Ho volutamente evidenziato i valori più importanti a livello di onerosità su database, ciò che più occupava il file SQLite era chiaramente il contenuto della mia cronologia, praticamente quasi mai resettata. Il valore massimo delle pagine uniche memorizzate nella cronolgia è fisso a 104858 poiché dettato da una configurazione di about:config, per l’esattezza si tratta di places.history.expiration.transient_current_max_pages.

Firefox: ottimizzazione dei DB SQLite 2

Ho lanciato un’ottimizzazione senza toccare alcunché, provando a lasciare invariato il contenuto della navigazione passata e ho dato un’occhiata ai risultati:

Statistics
 Database size is 71680 KiB
 user_version is 32
 page_size is 32768
 cache_size is -2048
 journal_mode is wal
 synchronous is 1
 History can store a maximum of 104858 unique pages
 Table moz_places has 104026 records
 Table moz_historyvisits has 281412 records
 Table moz_inputhistory has 469 records
 Table moz_bookmarks has 641 records
 Table moz_keywords has 0 records
 Table sqlite_sequence has 1 records
 Table moz_favicons has 4080 records
 Table moz_annos has 2192 records
 Table moz_anno_attributes has 13 records
 Table moz_items_annos has 172 records
 Table sqlite_stat1 has 15 records
 Table moz_hosts has 6291 records
 Index sqlite_autoindex_moz_inputhistory_1
 Index sqlite_autoindex_moz_keywords_1
 Index sqlite_autoindex_moz_favicons_1
 Index sqlite_autoindex_moz_anno_attributes_1
 Index sqlite_autoindex_moz_hosts_1
 Index moz_places_faviconindex
 Index moz_places_hostindex
 Index moz_places_visitcount
 Index moz_places_frecencyindex
 Index moz_places_lastvisitdateindex
 Index moz_historyvisits_placedateindex
 Index moz_historyvisits_fromindex
 Index moz_historyvisits_dateindex
 Index moz_bookmarks_itemindex
 Index moz_bookmarks_parentindex
 Index moz_bookmarks_itemlastmodifiedindex
 Index moz_places_url_uniqueindex
 Index moz_places_guid_uniqueindex
 Index moz_bookmarks_guid_uniqueindex
 Index moz_annos_placeattributeindex
 Index moz_items_annos_itemattributeindex
 Index moz_keywords_placepostdata_uniqueindex
  • Database size is 71680 KiB
  • History can store a maximum of 104858 unique pages
  • Table moz_places has 104026 records
  • Table moz_historyvisits has 281412 records

Un risparmio sicuramente interessante, ma sceso appena di –circa– 10 MB, ancora poco in confronto a un file che superava gli 80MB. Ho quindi scelto di mantenere esclusivamente gli ultimi 6 mesi di cronolgia di navigazione del browser, ottenendo (tramite lo stesso procedimento) un risultato nettamente più significativo:

Orphans expiration
 + Database cleaned up
 > Coherence check
 + The database is coherent
 > Vacuum
 Initial database size is 71680 KiB
 + The database has been vacuumed
 Final database size is 30720 KiB
  • Initial database size is 71680 KiB
  • Final database size is 30720 KiB

Un risparmio di circa 50MB rispetto al file originale, un sacrificio più che accettabile considerando che in 6 mesi ho certamente visitato siti web ai quali sono solito passare a fare un saluto, perdendo chi probabilmente non utilizzo così frequentemente (o non utilizzo più, tanto per farla più drastica). Il nuovo report fatto girare subito dopo il vacuum parla chiaro:

Statistics
 Database size is 30720 KiB
 user_version is 32
 page_size is 32768
 cache_size is -2048
 journal_mode is wal
 synchronous is 1
 History can store a maximum of 104858 unique pages
 Table moz_places has 40051 records
 Table moz_historyvisits has 55735 records
 Table moz_inputhistory has 165 records
 Table moz_bookmarks has 641 records
 Table moz_keywords has 0 records
 Table sqlite_sequence has 1 records
 Table moz_favicons has 2036 records
 Table moz_annos has 819 records
 Table moz_anno_attributes has 12 records
 Table moz_items_annos has 172 records
 Table sqlite_stat1 has 15 records
 Table moz_hosts has 3313 records
 Index sqlite_autoindex_moz_inputhistory_1
 Index sqlite_autoindex_moz_keywords_1
 Index sqlite_autoindex_moz_favicons_1
 Index sqlite_autoindex_moz_anno_attributes_1
 Index sqlite_autoindex_moz_hosts_1
 Index moz_places_faviconindex
 Index moz_places_hostindex
 Index moz_places_visitcount
 Index moz_places_frecencyindex
 Index moz_places_lastvisitdateindex
 Index moz_historyvisits_placedateindex
 Index moz_historyvisits_fromindex
 Index moz_historyvisits_dateindex
 Index moz_bookmarks_itemindex
 Index moz_bookmarks_parentindex
 Index moz_bookmarks_itemlastmodifiedindex
 Index moz_places_url_uniqueindex
 Index moz_places_guid_uniqueindex
 Index moz_bookmarks_guid_uniqueindex
 Index moz_annos_placeattributeindex
 Index moz_items_annos_itemattributeindex
 Index moz_keywords_placepostdata_uniqueindex
  • Database size is 30720 KiB
  • History can store a maximum of 104858 unique pages
  • Table moz_places has 40051 records
  • Table moz_historyvisits has 55735 records

Partito con un places.sqlite da più di 80MB e un webappsstore.sqlite da circa 101MB, mi ritrovo con 30MB circa di database cronologico ma un webappstore.sqlite ancora particolarmente obeso.

Ho cercato altri casi simili e mi sono imbattuto su una segnalazione di BugZilla: bugzilla.mozilla.org/show_bug.cgi?id=857888. È partita da un problema relativo a Firefox sul mondo Mobile, ma pare soffrirne anche la versione PC, come confermato anche da una discussione su Reddit (r/firefox)

PSA: Large webappsstore.sqlite file in your profile will heavily affect the responsiveness of Firefox’s UI from firefox

La scelta drastica? Rinominare il database webappsstore.sqlite per non farlo più trovare a Firefox (ovviamente chiuso) il quale lo ha creato da zero una volta riaperto, ho provato così a perdere la cronologia dei moduli e delle applicazioni utilizzate fino a quel momento:

Firefox: ottimizzazione dei DB SQLite 1

Il risultato? Ho utilizzato il profilo sul quale ho effettuato manutenzione per una settimana, ritenendolo adatto a diventare il principale perché la “perdita” non giustificava (secondo me) i rallentamenti sporadici del browser. Oggi sono fermamente convinto di aver fatto la scelta migliore, anche se fino a quando ci saranno siti web contenenti schifezze in Flash e simili, si continuerà ad avere un’occupazione importante del plugin-container.exe che permette a plugin (come quello Adobe) di girare in background, nonostante il Click-2-Play.

Occhio sempre a ciò che fai e dove metti le mani, ma mai abbandonare il tuo fido strumento di navigazione, potrebbe risentirne pesantemente la tua pazienza! ;-)

Ultimo aggiornamento: 5/7/16 10:20
Corretto dettaglio sui Segnalibri in places.sqlite (https://twitter.com/Gioxx/status/750243831132585985)
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Togliamoci il dente subito: non si può. Non è così semplice (semplice poi, tecnicamente forse, non burocraticamente) come collegarsi al proprio server Exchange on-premise e fare un reset di IIS. Con Office 365 questa via non si può percorrere, e a nulla servono i mille accorgimenti e blocchi che si può ritoccare tramite ECP o PowerShell.

Office 365 (Exchange in Cloud): disabilitare l'Autodiscover (HTTPS)

Se ne parla anche su Reddit, in una discussione molto articolata e fatta di mille risposte che partono da un ironico “The glory of multi-tenant cloud services!“. Che poi è vero: se su Google Apps questa è un’operazione che si riesce a portare a termine in due clic, su Office manca. Grave, davvero. Pensate a chi ha una quantità abbastanza ingente di utenti da gestire, con tutti i problemi che questi possono avere. Si va dal furto di credenziali al furto di un dispositivo che scarica (e invia, ovviamente) la posta elettronica, in mezzo c’è solo Dio sa cosa.

Potete (dovete, nda) cambiare la password e negare l’accesso alle risorse per il dispositivo rubato, certo, ma come fate a buttare fuori la sessione ancora viva? Tutto ciò che andrete a modificare sull’utente avverrà per le successive configurazioni, non per quelle già portate a termine e vive in cache (non serve a nulla quindi un Set-CASMailbox username -OWAEnabled $False o un Set-CASMailbox username -ActiveSyncEnabled $False, né tanto meno un Set-CASMailbox -identity username -imapenabled $false -popenabled $false per andare a bloccare futuri accessi IMAP e POP3).

Office 365: terminare una sessione attiva su Exchange

Forse avete già capito ma sarò più chiaro: dovete cancellare la casella di posta elettronica da Exchange. Tutte le sessioni attive vengono infatti terminate nel momento in cui la casella di posta viene cancellata su server.

Niente panico. Lasciate passare 15 minuti (o poco più, a vostra scelta), e spostatevi negli utenti rimossi di ECP (Exchange Control Panel, per chi ancora non conoscesse la sigla), quindi recuperate l’account interessato. La licenza verrà ripristinata, così come tutti i contenuti della casella. Dovete ora cambiare password di accesso e consegnare all’utilizzatore quanto preso precedentemente in ostaggio, con la speranza che non si tuffi di testa (nuovamente) nei problemi!

Se Reddit è una delle fonti disponibili (già citata, reddit.com/r/sysadmin/comments/24vywl/in_office_365_how_do_you_kick_a_terminated/), potete trovare spunti di discussione anche sul forum della community di Office 365 (community.office365.com/en-us/f/148/t/78234) e non solo, una banale ricerca Google vi aprirà un vaso di Pandora che spero Microsoft possa richiudere un giorno o l’altro, questa è una pecca di sistema sicuramente importante.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Personalmente non perdo occasione per raccomandare Telegram. La sua qualità non può essere messa in dubbio e nonostante la popolazione della rete (e non) abbia scelto Whatsapp, io continuo a considerarla la mia applicazione di messaggistica istantanea preferita per mille buoni motivi, uno tra tutti il suo essere disponibile su qualsiasi device, anche contemporaneamente, con una costante sincronizzazione cloud dei miei dati. Da qualche tempo gli aggiornamenti si susseguono numerosi e incessanti, vengono introdotte novità, risolti problemi di stabilità e reso il tutto ancora più veloce e leggero. Ultima tra gli arrivi la possibilità di aggiungere ulteriori stickers a quelli che già tutti conosciamo, vediamo insieme quali sono quelli disponibili attualmente e i migliori da installare, in attesa di immagini sempre nuove! :-)

Telegram: i migliori Stickers da aggiungere alla vostra collezione

Sia chiaro: non faccio parte del club “Chat di solo stickers“, lo avevo già detto in un vecchio articolo di comparativa tra le applicazioni di messaggistica, quando Line e WeChat basavano buona parte della loro pubblicità e forza proprio su questo dettaglio (con tanto di pacchetti di stickers anche a pagamento). Quei pochi inclusi nelle ultime versioni di Telegram erano già belli, gli altri da poco arrivati lo sono ancora di più ma c’è un limite (da imporsi più che imposto dagli sviluppatori), a voi la scelta.

Una volta dato il “” a chi si diletta nella creazione di questi pacchetti era facile capire che sarebbero arrivate decine di proposte diverse, dedicate alle più disparate cose che ci circondano ogni giorno. Ho cercato di fare una rassegna delle migliori raccolte che -vi ricordo- si aggiornano automaticamente nel caso in cui chi le realizza decide di rilasciare nuove immagini all’interno dello stesso pacchetto. Ce ne sono di “Unofficial” talvolta migliori delle “Official”, ce ne sono di preso insopportabili (come i Pokémon, la terra promessa per una generazione di bambini neanche tanto bambini ormai) e così via.

Sono certo che Telegram provvederà quanto prima a realizzare una galleria navigabile direttamente tramite il loro sito web, nel frattempo sono nate piccole comunità che stanno facendo il lavoro sporco e nelle quali ci si passa suggerimenti, set e tanto altro ancora. Nell’attesa che quindi molte delle novità grafiche vengano introdotte (anche se non capisci il russo credo tu possa intuire cosa sta succedendo qui: fl.ru/projects/2181060/stikeryi-dlya-telegram—100-za-kajdyiy-trebuetsya-100-sht.html) ecco qualche riferimento utile:

Vi ricordo che per installare nuovi set di stickers su Telegram basta fare clic su uno di questi nelle gallerie che vi ho proposto o semplicemente lanciare l’URL del set su un browser e farla poi aprire al client di Telegram su PC (funziona anche sul telefono, ndr). Per rimuovere un set potrete (sempre dal client PC) posizionarvi in corrispondenza del titolo del set, comparirà sulla destra una piccola “X” grigia che vi permetterà di effettuare l’eliminazione. Entrambe le operazioni, manco a dirlo, varranno su tutti i dispositivi connessi al vostro account. Sia il telefono, che il tablet, che il PC e chissà cos’altro vedranno ciò che voi avete scelto di installare o rimuovere.

Dubbi? Perplessità? Risorse da condividere con gli altri lettori? L’area commenti è a vostra totale disposizione :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: