Archives For Adblock Plus

Bentornato Michele! Ospite gradito di Gioxx’s Wall dapprima come lettore, poi come autore sporadico di articoli di sicuro interesse, soprattutto per una generazione più appartenente a quella dei miei genitori, un punto di vista diverso dal mio che non può assolutamente far male.
Quello che leggerai, più che articolo classico, è al pari di un tutorial passo-passo da seguire, non ne scrivevo o leggevo da tempo. Ah, non prendertela per l’abuso della parola “anziano“, si tratta di un argomento importante e senza discriminazione alcuna, lo ritengo davvero interessante per tutti coloro che hanno a che fare con le esigenze di un padre avanti con l’età o (per chi ha ancora la fortuna di averli) un nonno.
Buona lettura :-)

Lo sbaglio per eccellenza di quando si prepara uno smartphone da far utilizzare a un parente anziano (ma qui per anziano dobbiamo intendere persone con problemi alla vista, problemi all’udito, problemi motori o persone con difficoltà a usare la tecnologia moderna) è quello di riciclare un prodotto usato, visto che molto spesso si tratta di un oggetto ormai giunto alla fine della sua vita pratica: batteria esaurita, display piccolo, accessori troppo sfruttati.

Caratteristiche tecniche fondamentali

A un anziano serve principalmente un telefono con un display grande (più è grande, meglio è; un anziano non si fa problemi di miniaturizzazione, anzi!), molto robusto, con una batteria quanto più capiente possibile e molto facile da caricare, con dei tasti virtuali grandi visto il disagio che trova nel non poter utilizzare tasti fisici, con menu semplici e grandi che rappresentano per lui la vera differenza rispetto ai menu da navigare dei tradizionali telefoni non smartphone, quelli cioè dotati di tasti fisici.

Il secondo sbaglio è quello di installare tutte quelle applicazioni alle quali si potrebbe benissimo rinunciare, ma in nome dell’onnipresente pensiero “io lo installo, un domani potrebbe tornarmi utile” ecco che si va a complicare incredibilmente la fruibilità del telefono stesso. A un anziano servono davvero Facebook o Whatsapp? Utilizza realmente gli SMS? Fa spesso fotografie con la fotocamera incorporata? Ha voglia di utilizzare la galleria multimediale per vedere i video girati dai suoi parenti? Occorre installare, quindi, le applicazioni strettamente indispensabili.

Ultimo sbaglio, e qui entra in ballo questo articolo, è quello di dotare lo smartphone per anziano di un’interfaccia sbagliata, sì insomma di quella che si chiama Graphical User Interface (GUI) sui PC Windows, Desktop Environment (DE) su Linux o Launcher su Android.

Quindi, dopo questa lunga premessa, veniamo al sodo: quale Launcher occorre installare per interfacciarsi con la persona anziana?

Preparazione dello smartphone

Considero Big Launcher il migliore in assoluto (al quale va associato il Big Launcher  ABC Icon Pack). Finito qui l’articolo: Big Launcher fa la differenza, sovrasta tutti e basta! Ma non è proprio così.

BIG Launcher
BIG Launcher
Developer: BIG Launcher
Price: 9,99 €
BL ABC Icon Pack
BL ABC Icon Pack
Developer: BIG Launcher
Price: Free

La versione free di Big Launcher soffre di un paio di limitazioni che a mio avviso rendono questa applicazione poco funzionale: i tasti personalizzabili sono davvero pochi e inoltre vi è una oggettiva difficoltà nell’impostare determinate funzioni sui tasti (per tacere che ad ogni riavvio richiede di essere il launcher predefinito, ma questa è più una limitazione del sistema operativo…), visto che tra le altre cose la funzione di personalizzazione a un certo punto sembra letteralmente sparire e costringe a personalizzare nuovamente il tutto.

Se però si acquista la versione Pro a 9,99€, Big Launcher rimane l’app preferita per gli anziani. Tuttavia, un’alternativa gratis valida c’è e si chiama Large Launcher. È di questa app che voglio trattare e poiché un’immagine vale più di mille parole, ecco che lo screenshot dello smartphone sotto riprodotto dice tutto: informazioni essenziali e grandi, semplici e ben distinguibili.

Large Launcher

Smartphone per anziani: che tipo acquistare e quali app installare

In alto abbiamo le informazioni essenziali di Android (tipo e intensità segnale, carica residua batteria, orario), sotto segue l’orologio con datario e purtroppo un’annessa pubblicità animata abbastanza fastidiosa, ma questo è l’unico neo dell’applicazione, al centro dello schermo dei grandi pulsanti per chiamare istantaneamente i propri contatti più frequenti, infine sotto i tre classici pulsanti fissi personalizzati con credito residuo (se l’utilizzatore ha un contratto a consumo, altrimenti si accederà alle informazioni dei dati del proprio gestore telefonico), lista delle applicazioni installate e per concludere la tastiera telefonica per le altre chiamate. Tutto qui, semplice e chiaro!

Quella vista sopra è quindi la home page che si può impostare per un anziano, ma insegnandogli a scorrere lo schermo si può replicarla sulle altre pagine, con lievi differenze tipo l’accesso a diversi contatti oppure l’accesso a ulteriori pulsanti verso funzionalità come quella del soccorso o delle impostazioni globali. Infatti, con questo launcher è possibile inserire un pulsante per le emergenze grazie alle sue facili impostazioni. Quando si preme il pulsante corrispondente a un contatto (vedi nelle immagini sotto), ecco che questo appare bene in evidenza, con possibilità di visualizzare il suo numero di telefono, di inviargli un messaggio o di chiamarlo direttamente. Facile, no?

Con questo launcher l’anziano deve solo apprendere il funzionamento di pochi pulsanti e soprattutto il funzionamento dei tre pulsanti fissi inferiori di Android (indietro, home e lista app aperte)! Sotto vengono riportati gli screenshot di ciò che appare all’avvio di una chiamata e alla ricezione della stessa, mentre, per ciò che riguarda la tastiera telefonica, i numeri non sono grandi e colorati come quelli proposti da Big Launcher, ma si vedono ugualmente molto bene:

Altre applicazioni

Dalle impostazioni, sezione “Tools” è possibile personalizzare le applicazioni che presumibilmente verranno più utilizzate da una persona anziana. La sezione “App” gestisce invece in maniera classica tutte le applicazioni installate sullo smartphone. In giallo sono evidenziate quelle che si presumono essere utili per un anziano: “Advanced Protection per AppLock” e “AppLock” (servono a impedire che l’anziano possa mettere mano a determinate applicazioni o impostazioni), “ClevCalc” (una formidabile, completa e funzionale calcolatrice utile anche a chi non è anziano, molto più funzionale di quella che Android ha di serie), “Colors” (semplice e piccola applicazione che consente di scegliere un colore uniforme per lo sfondo, cosa che Android non propone di serie).

Abbiamo poi un “File Manager” per gestire i file sul dispositivo e “Firefox”, da me preferito per molti buoni motivi, cito il riordino delle schede in sequenza, la possibilità di immediata connessione alla nuova scheda aperta dal link, Firefox Sync per sincronizzare le attività  – schede, segnalibri, password, eccetera –  con il browser installato sul PC, schede in incognito gestite in maniera molto più efficiente su diversi terminali, possibilità immediata di riaprire la scheda erroneamente chiusa, traduzione dell’interfaccia molto più accurata, privacy nettamente migliore, AdBlock che funziona mille volte meglio, e molto altro ancora.

Advanced Protection ☞ AppLock
Advanced Protection ☞ AppLock
Serratura(AppLock)
Serratura(AppLock)
Developer: DoMobile Lab
Price: Free+
ClevCalc - Calcolatrice
ClevCalc - Calcolatrice
Developer: Cleveni Inc.
Price: Free+
Firefox, il browser riservato
Firefox, il browser riservato
Developer: Mozilla
Price: Free

Seguono “Large Launcher” stesso, ovviamente, poi l’immancabile tastiera “SwiftKey Keyboard” che nelle sue personalizzazioni consente facilmente di adottare layout più evidenti e tasti più grandi, infine un’applicazione indispensabile per gestire il volume del dispositivo, e infine l’unico tocco di superfluo costituito dall’applicazione “Zoom Cloud Meetings”, per stupire il nostro utente anziano con un videomeeting in contemporanea con i suoi cari (assieme a Firefox, per me questa è un’altra applicazione che dà un senso all’utilizzo di uno smartphone!).

SwiftKey Keyboard
SwiftKey Keyboard
Developer: SwiftKey
Price: Free
ZOOM Cloud Meetings
ZOOM Cloud Meetings
Developer: zoom.us
Price: Free

Nelle impostazioni di Large Launcher, sezione “Widget”, vanno utilizzate le funzioni “Contatti 1×1” per far partire immediatamente una chiamata, poi altri widget se l’anziano li utilizza. Nel menu a tendina di Android è invece consigliabile lasciare la visualizzazione del segnale WiFi e togliere la connessione ai dispositivi Bluetooth se l’anziano non li utilizza (risparmiando così anche qualcosa sulla carica della batteria). È bene ricordarsi di attivare sempre la modalità di visualizzazione verticale per non fare impazzire il povero anziano con improvvise e sgradite rotazioni involontarie dello schermo.

Comparto audio e video

Superfluo specificare (seppur lo abbia già fatto in apertura articolo) che per le persone anziane occorre comprare uno smartphone con un audio abbastanza potente e impostare i volumi delle suonerie al massimo. Considerate inoltre che queste impostazioni dei volumi vanno bloccate. Ovviamente anche le impostazioni del display sono importantissime e sotto sono riportati i settaggi a mio parere migliori. A questi si aggiungono poi le impostazioni migliori (evidenziate in giallo) per sveglie, suonerie, vibrazione, batteria.

Si conclude il tutto con l’attivazione della geolocalizzazione dell’anziano (tralascio volutamente di parlare di applicazioni per rintracciare le persone come “GeoZilla” perché meriterebbero un articolo a parte).

Ulteriori impostazioni

Nelle immagini sotto, altre impostazioni suggerite per l’utilizzo dello smartphone da parte di un anziano: nessun blocco schermo, backup dati e launcher, accessibilità, impostazioni specifiche del launcher.

In conclusione: anche se non si utilizza il launcher suggerito, penso che questo articolo possa ritenersi molto utile per configurare uno smarphone Android per l’utilizzo specifico da parte di una persona anziana.

Alla prossima!

Aggiungo: alcuni dei suggerimenti dati possono essere certamente messi in pratica anche per limitare l’uso di uno smartphone Android a persone che dovrebbero toccarlo o averci a che fare il meno possibile, stai pensando anche tu ai bambini? :-)

Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Di tempo dal lancio di NoCoin e di molte altre alternative (sotto varie forme, siano esse estensioni, liste filtri o prodotti eseguibili di terze parti) ne è passato davvero poco, eppure l’argomento più in generale è trattato e documentato oggi più che mai, perché al centro dell’attenzione di molte testate, blog indipendenti, comunità di discussione. CoinHive è solo il giocatore forse più conosciuto in campo, ma le fonti di mining aumentano così come i siti web che ne fanno uso, senza la benché minima considerazione della sopravvivenza dell’hardware di coloro che non scelgono volontariamente di far parte del vortice criptomonete.

NoCoin: il cryptojacking è ormai argomento comune

Ciò che oggi puoi fare è proteggerti. Esistono molti prodotti che sono in grado di tutelare le risorse del tuo PC, gratuiti o a pagamento (nel caso di alcuni antivirus premium, nda), alcuni li utilizzi già. Io –come già sai– mantengo la lista NoCoin per Adblock Plus (e compatibili), della quale ti ho parlato in maniera approfondita in questo articolo:

Ti presento NoCoin, l’ultimo arrivato nella famiglia ABP X Files

Se vuoi utilizzare un metodo di protezione alternativo sei assolutamente il benvenuto (e ti dirò di più, sei caldamente invitato a lasciare un tuo commento al post per suggerirne anche a me e agli altri lettori, potrei parlarne in futuro o integrarli in questo articolo), puoi poi decidere di verificare la bontà del metodo passando da un sito web che Opera (sì, il noto browser) ha realizzato e messo online per verificare se la tua postazione è protetta da questo tipo di attacchi. Lo trovi all’indirizzo (con molta fantasia) cryptojackingtest.com. Io ho già eseguito più verifiche con NoCoin nel corso del tempo, superandole ogni volta:

NoCoin: il cryptojacking è ormai argomento comune 1

La nota genericamente positiva è che lo screenshot qui sopra l’ho catturato qualche tempo fa (in occasione del primo test eseguito con NoCoin a bordo, quando ne aveva parlato anche lifehacker), e oggi la percentuale di postazioni protette è aumentata arrivando a quota 77% circa (un 3% in più nel giro di un mese circa, affatto male direi), contro un restante 26% di non protetti a causa –probabilmente– della poca informazione o della sfiducia nei confronti dei metodi e tool difensivi a disposizione. La trappola è sempre dietro l’angolo, non ignorarla pensando che a te non possa capitare di finirci dentro, è giusto di qualche giorno fa un articolo molto interessante su ilSoftware.it e un attacco verso 4000 siti web ignari di veicolare un attacco.

Poi, perché chiaramente c’è anche l’eccezione che conferma la regola, esiste comunque una porzione di fruitori del web che permette agli script di mining di lavorare sfruttando la potenza di calcolo “in standby” dei propri processori, ma lo fa consapevolmente, ed è giusto quindi che continui a poterlo fare, operazione generalmente consentita dai componenti aggiuntivi come No Coin di Keraf, oppure con una disabilitazione della lista sottoscritta (NoCoin compresa) o whitelisting del singolo filtro / sito web interessato (maggiormente prioritario rispetto a quanto dettato dalla lista sottoscritta). Di questo ne ha parlato per esempio DDay, in merito al caso Salon e sostentamento delle spese di quest’ultimo.

Per saperne di più

Dato che, nonostante se ne parli quanto più possibile, non tutti possono / devono conoscere di cosa sto blaterando, ti rimando a un interessante quanto semplice articolo riepilogativo di hackerbits.com (in lingua inglese, nda), che ti descrive in maniera semplice –seppur approfondita– l’argomento cryptojacking e i relativi metodi di mining, facendo ulteriore riferimento alle criptovalute attualmente disponibili: hackerbits.com/programming/what-is-cryptojacking.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non è una novità, se ne parla già da tempo e credo che lo “scandalo” (se così lo si può definire) legato alla baia dei pirati (ne parlava Diletta su Wired il 20 settembre scorso) sia stato solo la punta dell’iceberg, che abbia in qualche maniera sdoganato una pratica sempre più crescente, adottata ogni giorno da siti web che tendenzialmente potrebbero essere raccolti sotto il tetto unico della pirateria informatica e la violazione dei diritti d’autore. Ne parla Hardware Upgrade in maniera più approfondita ma comunque accessibile per tutti. Io oggi voglio parlarti di NoCoin, ma parto da “un po’ più lontano“, dal perché dovresti difenderti dal mining delle criptovalute via browser.

ABP X Files: ti presento NoCoin, l'ultimo arrivato in famiglia!

Cosa sta succedendo

Se ti parlo di Coinhive probabilmente non capirai di cosa sto blaterando, ma in realtà te l’ho già parzialmente introdotto nel cappello di questo articolo, è lui il protagonista dell’esperimento e relativa “sommossa popolare” legata a Pirate Bay, poiché propone un diverso modo di recuperare le spese di sostentamento di un sito web (ma non solo), inserendo javascript che possono minare criptovalute sfruttando il browser (ma non solo, ribadisco). Il tutto ha avuto inizio nel settembre del 2017 (intorno alla metà del mese), come riportato in un ottimo articolo di BleepingComputer (bleepingcomputer.com/news/security/coinhive-is-rapidly-becoming-a-favorite-tool-among-malware-devs):

Coinhive is quickly becoming the talk of the Internet, going from an innovative tool that lets you mine Monero with your browser, to a technology abused by hoards of malware authors.
Coinhive, as a tool, is a JavaScript library that website owners can load on their site. When users access the site, the Coinhive JavaScript code library executes and mines for Monero for the site owner, but using the user’s CPU resources.
Original idea! We’ll give it that. Coinhive launched on September 14, and its authors advertise it as an alternative to classic advertising.
Coinhive claims that webmasters can remove ads from their sites, and load the Coinhive library and mine for Monero using a small portion of the user’s CPU while the user is navigating the site. Site owners can make money and support their business, but without peppering their visitors with annoying ads.

Dato che di notizie riguardanti malware e falle enormi ne abbiamo già ricevute abbastanza nel corso dell’anno passato e anche in concomitanza con l’inizio di questo 2018 (Meltdown e Spectre ormai sono due nomi sulla bocca di tutti, o quasi), direi che forse possiamo fare un pelo più di attenzione a questi siti web che ormai proliferano incontrollati (anche se alimentati grosso modo dagli stessi player), prendendo contromisure che possano tutelare i browser utilizzati e le CPU dei nostri PC.

In attesa che Mozilla, Google e soci lavorino proponendo una soluzione possibilmente definitiva (dai un’occhiata a questo ormai chilometrico thread riguardante Chrome), tu puoi già fare qualcosa.

Come proteggersi

In alcuni casi, prodotti di sicurezza di terze parti (un caso abbastanza importante è quello di Malwarebytes) sono già pronti a reagire alla novità, proponendosi come scudo tra il browser e quei siti web che provano a fare ciò che non è stato preventivamente approvato dall’utente, ma non tutti possono dirsi alla pari e allo stesso livello.

Ancora una volta Adblock Plus e soci possono darci una grande mano, e di questo te ne parlo nello specifico nel successivo paragrafo dedicato a liste ben specifiche. Se vuoi utilizzare qualcosa di creato ad-hoc e disponibile su più browser, posso suggerirti “No Coin“. Si tratta di un progetto open source pubblicato su GitHub, lo trovi all’indirizzo github.com/keraf/NoCoin, il quale ha dato origine all’estensione attualmente disponibile per Firefox (WebExtension, perfettamente compatibile con Quantum), Chrome e Opera:

No Coin
No Coin
Price: Free
No Coin - Block miners on the web!
No Coin - Block miners on the web!
Developer: Keraf
Price: Free
No Coin
No Coin
Developer:
Price: Free

Il funzionamento è parecchio banale ma efficace. Come per un adblocker, No Coin sfrutta una blacklist (aggiornata) che permette al componente aggiuntivo di avvisarti nel caso in cui il sito web visitato stia facendo uso di un miner di criptovaluta, così che tu possa bloccare l’esecuzione del codice arbitrario o decidere di tenerlo in una whitelist (magari ti fa piacere partecipare al mining, ognuno fa ciò che vuole con il proprio hardware).

Allo stato attuale No Coin non è disponibile per i browser di casa Microsoft (Internet Explorer / Edge) e neanche per Safari (Apple). Per questo motivo, ho pensato di riutilizzare quanto fatto da Keraf per dare origine a “NoCoin“.

Hello, I’m NoCoin!

ABP X Files: NoCoinAdblock Plus (ma anche gli equivalenti) sono disponibili ormai per ogni browser, per questo motivo ho verificato i limiti di licenza dettati per il progetto “No Coin e ho lavorato a una modifica dello script VBS che genera la lista HWS (te ne parlavo qui), per catturare la blacklist di Keraf e trasformarla in un modulo di X Files, un’ulteriore sottoscrizione che puoi utilizzare gratuitamente sul tuo PC, la “NoCoin List“.

NoCoin si basa su una logica simile a quella HWS, per questo motivo impedisce il caricamento di qualsiasi file facente parte dei domini che vengono utilizzati per distribuire javascript (e affini) di mining di criptovaluta, quando caricati come “terza parte” (cioè utilizzati da altri siti web puliti). Ho volutamente scelto di non integrare quei domini in HWS perché si tratta di due scopi ben differenti, e chiunque può aggiungere un’ulteriore sottoscrizione al proprio Adblock Plus (o altro componente aggiuntivo), poiché costa poca fatica.

Con l’occasione, ho dato una svecchiata ai contenuti della home page di progetto, includendo il nuovo blocco per la lista attualmente in fase Beta:

Ti presento NoCoin, l'ultimo arrivato nella famiglia ABP X Files

Ora tocca a te. Scegli come proteggere ulteriormente la tua navigazione, ma fallo quanto prima, per evitare spiacevoli inconvenienti. Nel caso in cui tu non voglia utilizzare il nuovo modulo NoCoin, tu suggerisco di dare un’occhiata a un progetto alternativo anch’esso presente su GitHub e già ben nutrito, curato da Hosh.

L’area commenti qui di seguito è –come sempre– a disposizione per ulteriori informazioni o chiarimenti in merito all’argomento trattato e alle novità introdotte. Per aprire una richiesta di supporto riguardante NoCoin ti rimando invece a uno dei possibili metodi riportati nel sito web ufficiale (ti consiglio comunque GitHub).


Immagine di copertina: techporn.ph

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Tra un WannaCry e l’ulteriore novità dello scorso 13 giugno (di cui non ho parlato in maniera più approfondita, ma sappi che si tratta dell’ulteriore giro di fix che coinvolge anche tutte le macchine con OS non più supportato), con il contorno di ulteriori impegni privati e il rientro in palestra, di tempo da investire per curare le pubblicazioni del blog inizio ad averne sempre meno, nonostante ci tenga tantissimo.

ABP X Files, noads.it e “cosa vi siete persi negli ultimi tempi” 2

Quindi, giusto per recuperare un attimo ciò che ho lasciato indietro, ti riepilogo brevemente cos’è successo circa un mese fa, in merito al nuovo trasferimento di NoAds.it e la definitiva (spero) sistemazione delle liste, ospitate da GitHub.

Ho scelto di migrare NoAds.it portandolo su ServerPlan, casa di questo blog, che venerdì scorso è stato a sua volta spostato su un nuovo server che permette di avere le versioni più aggiornate di PHP, guadagnandone in velocità e stabilità (si spera a lungo). NoAds.it è diventato un ulteriore alias di questo spazio web, e riporta in maniera del tutto automatica al sottodominio xfiles.noads.it.

Da qui riuscirai a sottoscrivere le liste (puntando direttamente a GitHub) e fare esattamente ciò che facevi prima. I vecchi URL sono stati disattivati (e rimandati ai nuovi), non ti permetteranno però di riallacciarti in maniera trasparente a GitHub, dovrai quindi eliminare le vecchie sottoscrizioni e abbonarti nuovamente tramite NoAds.it (oppure farlo manualmente, se lo preferisci, ma ritengo sia più scomodo). Come già detto, puoi scoprire i passaggi da eseguire facendo riferimento a quanto già scritto nel vecchio articolo (il primo della serie):

ABP X Files migra su GitHub

Se vuoi dare un’occhiata alle liste, qui di seguito ti elenco gli URL diretti (è tutto pubblico, trovi ogni dettaglio nel progetto su GitHub, dove ho spostato anche la documentazione e le FAQ):

Se ti dovesse capitare di notare delle anomalie o qualche malfunzionamento, dimmelo quanto prima così che io possa correggerlo, l’area commenti qui di seguito è a tua totale disposizione, vale anche il sistema di assistenza sempre utilizzabile tramite NoAds.it, o il forum di Mozilla Italia.

Bentornati a bordo :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Te lo ricordi l’articolo pubblicato all’inizio di quest’anno? Parlava della migrazione prossima di X Files su GitHub, dovuta al termine del supporto della cartella Public di Dropbox. La scadenza ultima dei collegamenti Dropbox pubblici è fissata per settembre di quest’anno (per gli utenti Pro), ma come già specificato nel precedente articolo, vorrei che tutti gli utilizzatori di X Files migrassero prima al nuovo spazio dedicato. Nel caso tu te lo fossi dimenticato, qui trovi l’articolo pubblicato due mesi fa:

ABP X Files migra su GitHub

Quale lista sto utilizzando?

Seguendo un giusto suggerimento arrivato dal forum di Mozilla Italia, ho inserito una piccola nota che ti permetterà di capire se hai già aggiornato (o no) le tue sottoscrizioni. Questa piccola galleria immagine disponibile di seguito ti dovrebbe chiarire le idee (fai clic sulla prima immagine per partire):

Se ancora non hai aggiornato la tua sottoscrizione, sappi che già da gennaio scorso non stai ricevendo nuovi filtri di blocco pubblicitario, e che a settembre di quest’anno non esisteranno più i file a cui puntare nella cartella Public dell’account Dropbox che per anni ha ospitato i filtri del modulo principale e di quelli secondari.

Ti consiglio caldamente di seguire le istruzioni contenute nell’articolo dedicato alla migrazione, così che tu possa avere filtri costantemente aggiornati, supporto e nessun’altra preoccupazione per il futuro prossimo ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: