Archives For Script

Mi è già capitato in passato, TeamViewer è un ottimo programma ma può capitare che lasci dello “sporco in giro” (a cavallo tra cartelle sul disco e chiavi di Registro di Sistema), il quale andrebbe sempre invece pulito per permettere al software di funzionare al meglio e non avere problemi nella comunicazione con i server dell’azienda. A partire dalla versione 14 (quella a oggi “corrente“), nelle installazioni aziendali tramite pacchetto MSI, si perde l’uso di quello che un tempo era il TeamViewer Wrapper, concentrando tutto all’interno dell’installazione unica e completa chiamate “TeamViewer” (nel Pannello di Controllo di Windows).

Kace: TeamViewer Remote Host Switch 2

Ecco quindi che per poter operare al meglio sarà necessario pensare a:

  • disinstallazione dei Wrapper ancora in giro sulla rete aziendale (disinstallando il Wrapper, verrà disinstallato anche il prodotto principale, comodo per essere più rapidi nel rilascio);
  • disinstallazione di eventuali versioni di TeamViewer rimaste vive nonostante la cancellazione dei Wrapper;
  • rimozione delle chiavi di registro del programma;
  • installare la nuova versione di TeamViewer (sempre partendo dal pacchetto MSI) e caricare un eventuale file di impostazioni (TeamViewer_Settings.reg) precedentemente preparato.

Una base di partenza giusta la si può ereditare da questo thread sul forum di LANSweeper: lansweeper.com/forum/yaf_postsm51333findlastpost_TeamViewer-Silent-Remote-Uninstall.aspx#post56304, al resto ci pensa il solito prompt dei comandi e un file batch costruito ad-hoc.

:Disinstallazione
sc stop TeamViewer
taskkill /IM TeamViewer.exe /F
del /F /Q %TEMP%\TeamViewerSetup.log
wmic product where "name = 'Teamviewer 12 (MSI Wrapper)'" call uninstall /nointeractive
wmic product where "name = 'Teamviewer 13 (MSI Wrapper)'" call uninstall /nointeractive

:PuliziaRegistro
reg delete HKLM\SOFTWARE\TeamViewer /f
reg delete HKLM\SOFTWARE\WOW6432Node\TeamViewer /f
reg delete HKU\.DEFAULT\Software\Wow6432Node\TeamViewer /f
reg delete HKU\.DEFAULT\Software\TeamViewer /f
reg delete HKU\S-1-5-18\Software\TeamViewer /f
reg delete HKU\S-1-5-18\Software\Wow6432Node\TeamViewer /f
reg delete HKU\S-1-5-18\Software\TeamViewer /f

:NuovaInstallazione
start /wait msiexec.exe /i TeamViewer_Full.msi /qn IMPORTREGFILE=1 /l*v %TEMP%\TeamViewerSetup.log
ping 127.0.0.1 -n 5 > NUL
sc start teamviewer

Se nella tua rete esistono ancora dei TeamViewer 12 o 13, ti conviene integrare anche queste righe all’interno del blocco di disinstallazione:

wmic product where "name = 'Teamviewer 12'" call uninstall /nointeractive
wmic product where "name = 'Teamviewer 13'" call uninstall /nointeractive
wmic product where "name like '%TeamViewer%'" call uninstall /nointeractive

Senza di queste ho notato che talvolta il Wrapper (seppur apparentemente disinstallato in maniera corretta) tralascia qualcosa e manda in errore l’installazione del nuovo pacchetto. Se la macchina ha invece a bordo una versione antecedente di TeamViewer 14, questa verrà direttamente allineata all’ultima disponibile (quella del pacchetto MSI, chiaro).

Buon lavoro.


immagine di copertina: unsplash.com / author: Anas Alshanti

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ho voluto sperimentare un metodo alternativo di pubblicazione automatica su Twitter passando dal mio NAS anziché da IFTTT (che a dirla tutta non mi dava la possibilità di controllare una delle condizioni da me desiderate) o alternative già presenti sul mercato. Ho messo mano a PHP e Bash ancora una volta, lasciando che sia il NAS a fare il lavoro sporco programmato quotidianamente tramite utilità di pianificazione. Io ti racconto la mia esigenza e relativa esperienza, sta a te vederci un possibile utilizzo per qualcosa che ti riguarda.

Pubblicare su Twitter: farlo da Synology (e non solo)

L’esigenza

Dato un numero di giorni mancanti a una certa data (quindi in aggiornamento almeno una volta ogni 24h), ho bisogno di pubblicare un tweet quotidiano, come si trattasse di un conto alla rovescia. Scopro il servizio gratuito offerto da timercheck.io di Eric Hammond e decido di richiamarlo tramite PHP e l’aiuto della libreria twitteroauth di Abraham Williams, perché a vedere ciò che offre IFTTT e i trigger data/ora, Twitter e Webhooks non riesco a fare esattamente ciò che cerco.

Di cosa c’è bisogno

In realtà qualcosa è stato già dichiarato, ma ecco l’elenco della spesa:

  • Un NAS Synology o una qualsiasi macchina Linux-based (penso a un Raspberry, per dire), io comunque farò riferimento al primo citato.
  • PHP 7 (disponibile nel Synology Package Manager) con estensione openssl.
  • Te la ricordi l’utenza limitata che ho creato nell’articolo dedicato alla Surveillance Station? Ecco, ho riutilizzato la cartella del suo profilo (nell’esempio: /var/services/homes/api_user). Qui ho creato una cartella chiamata twitter-php-master all’interno della quale ho inserito gli script di cui ti parlerò dopo.
  • La libreria twitteroauth di Abraham Williams disponibile su GitHub.
  • Un account Twitter e relativa autorizzazione alla creazione / uso di applicazioni tramite apps.twitter.com (devi essere riconosciuto come sviluppatore).

Provo a dare per assodato che tu sappia ciò di cui stiamo parlando e salto a piè pari la creazione di un account Twitter e del profilo da sviluppatore, così come il modulo PHP 7 (ma ti parlerò dell’estensione relativa all’OpenSSL, tranquillo). Se qualcosa non ti è chiara o se non conosci un particolare passaggio non esitare a lasciare un commento in fondo all’articolo, proverò a darti una mano per quanto mi è possibile :-)

Detto ciò, partiamo.

Abilita il modulo OpenSSL su PHP 7

Collegati via SSH al tuo NAS (non sai come fare? Guarda qui), quindi passa all’utenza di root tramite un sudo -i seguito da invio, inserisci la password della tua utenza amministrativa e premi invio (non sai di cosa sto parlando? Guarda qui). Spostati ora in /usr/local/etc/php70 e modifica il file php.ini (esempio: vi php.ini). Ora:

  • cerca la stringa extension_dir = "/usr/local/lib/php70/modules"
  • Aggiungi subito sotto l’abilitazione di openssl:
    extension=openssl.so
  • Salva il file e chiudilo (tasto ESC, poi :wq seguito da invio).
  • Crea una copia del modulo openssl.so tramite un
cp /volume1/@appstore/PHP7.0/usr/local/lib/php70/modules/openssl.so /usr/local/lib/php70/modules/
  • Torna ora nel Gestore Pacchetti di Synology e riavvia PHP 7.

Tutto questo ti permetterà di evitare di incorrere nell’errore che qui di seguito ti mostro (da me ottenuto quando ho lanciato lo script di bash per la prima volta, dopo essermi dimenticato di abilitare SSL sul PHP del mio NAS):

Pubblicare su Twitter: farlo da Synology (e non solo) 1

Crea il conto alla rovescia tramite timercheck.io

Il funzionamento di questo semplicissimo servizio web è spiegato abbondantemente nell’articolo del suo stesso autore. Io sarò più breve: una giornata da 24 ore è composta da 86400 secondi (Google semplifica le cose), qui trovi un tool per il calcolo dei giorni tra due date, il gioco è praticamente fatto.

Trasforma il numero di giorni in secondi, quindi crea un URL univoco tramite timercheck.io che possa restituirti un output json contenente ciò che a te serve (il tempo che rimane) ogni volta che intendi visitare quell’URL tramite browser e non solo (nel mio caso lo richiamo proprio dallo script PHP di cui ti parlerò tra breve). Un esempio? timercheck.io/Test-Gioxx.org/60 crea un conto alla rovescia che dura un minuto, visitando semplicemente timercheck.io/Test-Gioxx.org e aggiornando la pagina noterai che il conto alla rovescia avanzerà portandosi sempre più verso lo zero (nel campo seconds_remaining), tutti i dati in json resteranno disponibili fino allo scadere di quel timer, e questo è proprio ciò che ti serve.

È caldamente consigliato creare un URL quanto più difficile da indovinare o replicare, questo perché in caso contrario chiunque potrà modificarlo o resettarlo al posto tuo, è un servizio totalmente aperto a tutti, senza gerarchie o complicati sistemi di autorizzazione. Accetti un’idea che credo possa tornarti utile? Genera un contatore nuovo con un nome qualsiasi e una durata di 10 secondi, copia il suo request_id e crea un nuovo contatore con il nome che ti interessa al quale farai seguire l’ID copiato (esempio: timercheck.io/Test-Gioxx.org-dc8a395c-10d7-11e9-b585-175833651ae5/60), questo è certamente un URL molto più univoco di quello da te precedentemente pensato.

Il tuo contatore è pronto, puoi procedere verso lo script PHP che si occuperà di lanciare il tuo tweet in rete.

post-tweets.php

Uno script PHP che troverà posto all’interno della cartella /var/services/homes/api_user/twitter-php-master e che conterrà le istruzioni necessarie per inviare il cinguettio sulla piattaforma. Prima però di dedicare la giusta attenzione a questo specifico script, devi scaricare una copia aggiornata della libreria twitteroauth di Abraham Williams, puoi farlo con un semplice clic qui. Scompatta il contenuto del file ZIP all’interno della cartella twitter-php-master (non ripeto la solita posizione completa, dai!), non toccare null’altro, non serve.

Torniamo a quello che per comodità chiamerò post-tweets.php, lo script che si occuperà di pubblicare il tweet. Ti mostro il contenuto del mio, rimuovendo i dettagli personali ma mantenendo l’esempio testuale:

Ciò che dovrai ritoccare riguarderà ovviamente i parametri personali e il testo da inviare online. Dovrai specificare CONSUMER_KEY, CONSUMER_SECRET, ACCESS_TOKEN e ACCESS_TOKEN_SECRET dell’applicazione che potrà scrivere impersonando il tuo utente, aggiungere il timer da tenere d’occhio (nell’esempio ho mantenuto https://timercheck.io/Test-Gioxx.org/60, a te toccherà specificare qui il tuo timer) e modificare il testo da pubblicare in base alla condizione del countdown: se questo è attivo o se è terminato (lo posso fare monitorando uno dei valori output del json, in questo caso lo status).

Piccola nota di finezza è il round() applicato al calcolo dei giorni (numero dei secondi residui diviso 86400), così da evitare di far comparire dei decimali nel tweet.

Il risultato dovrebbe assomigliare a questo:

Programmare l’operazione

Hai terminato tutta la preparazione, non ti resta che automatizzare il processo tramite Utilità di pianificazione e un banalissimo script bash per rendere tutto più immediato:

Salva il file bash nella solita cartella (twitter-php-master), avvia l’utilità di pianificazione Synology e crea una nuova operazione programmata da far girare ogni giorno all’ora che preferisci (io ho scelto le 8:00):

Pubblicare su Twitter: farlo da NAS Synology (e non solo)

Ce l’hai fatta, salvo errori sei appena riuscito a programmare la pubblicazione di un tweet tramite il tuo account. Il mio è un esperimento per imparare qualcosa di nuovo, utile per arrivare a una data per me molto importante, e nel tuo caso qual è la giustificazione per aver avviato un nuovo contatore con pubblicazione su Twitter automatizzata? :-)

Buona giornata!


Credits: artisansweb.net/tweet-twitter-php

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ovvero: come sopperire a una mancanza banale del software che a oggi non permette di fare pulizia di quei software non più in giro, ma ancora presenti nel database, un po’ in barba a ciò che è invece possibile fare attraverso il MIA nella schermata relativa ai dispositivi registrati.

NotifyKace.vbs: nuova versione per gli agenti 8

Ammettilo: lo hai fatto almeno una volta nella tua vita, sei andato nella schermata software, li hai messi in ordine per numero di installazioni e hai cominciato a selezionare i checkbox lateralmente per poi andare a cancellarli dal database della tua appliance. L’ho fatto anche io, la cosa ha funzionato così per un paio di volte, poi mi ha stancato perché, nonostante le prime pagine fossero tutte a quantità 0, le altre contenevano un misto dal quale non volevo eliminare le voci con qualche installazione ancora presente nella rete controllata. Per questo motivo ho cercato una soluzione ufficiale che a quanto pare non c’è, passeggiando poi per un viale work-around che funziona egregiamente.

Per filtrare i software con zero installazioni in rete client gestita ti basterà andare in InventorySoftware, fare clic su Advanced Search e inserire questi parametri di ricerca:

  • File Size → = → 0
  • Devices → does not contain → (lascia vuoto l’ultimo box)
  • (opzionale) Publisher → does not contain → (compila con ciò che ti interessa)

Prima ti mostro la schermata catturata dal Kace che gestisco, poi ti spiego il perché dell’opzionale e del valore “GSolone” che ho assegnato nella mia ricerca:

Kace: filtrare facilmente i software con 0 installazioni

L’opzionale è presto detto, ci sono alcuni software “Home Made” che mi permettono di generare delle Custom Inventory Rules o di prevedere comportamenti di Kace che rispettano alcune procedure stabilite dal nostro team IT, talvolta potrebbe capitare di avere 0 dispositivi associati a quei Custom Software, vorrei evitare di perderli in qualche pulizia manuale alla quale non si pone sufficiente attenzione. Questo per dire che anche nel tuo caso puoi fare delle eccezioni da non far finire nel calderone, basando una parte di ricerca avanzata su un parametro ben preciso.

Scopo del gioco è quello di salvare la ricerca avanzata per poterla ripescare facilmente in seguito, per passare lì di tanto in tanto e fare piazza pulita di ciò che non ti interessa realmente più.

Buon lavoro!


Credits: itninja.com/question/k1000-kace-cleaning-up-software-inventory

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Mi rendo conto che il titolo è molto poco preciso ma provare a buttarci dentro “Come abilitare o disabilitare l’Home Mode di Synology Surveillance Station appoggiandosi a Fritz!Box e agli smartphone collegati alla WiFi di casa” sarebbe stato un pelo esagerato. La sostanza però è proprio questa: il Geofence integrato nell’applicazione DS cam fa oggettivamente schifo, non è assolutamente affidabile e si finisce per non riuscire mai a sfruttare la modalità Home dell’ottimo software di controllo telecamere disponibile per i NAS Synology. L’ostacolo si può aggirare tramite un router Fritz!Box (nella soluzione proposta da questo articolo, chiaro) e un paio di script da tenere sul NAS.

Synology Surveillance Station: automatizzare l'Home Mode tramite WiFi

AVM FRITZ!Box Synology Surveillance Home Mode Automation

Mark Schipper è lo sviluppatore che ha in origine pubblicato tutto il necessario in un repository GitHub qui disponibile. Le sue indicazioni sono già valide per poterle sfruttare in un ambiente casalingo dalle pari disponibilità, e dopo una mia segnalazione di possibile bug ha anche integrato una serie di novità e riscritto parte del codice che si occupa di:

  • verificare tramite query SOAP al router Fritz!Box di casa (uno o più) se un dispositivo è connesso alla rete WiFi (bisognerà dichiarare il MAC address del dispositivo, nda);
  • contattare la Surveillance Station tramite API e chiedere di abilitare o disabilitare la modalità Home nel caso in cui il dispositivo sia dentro o fuori casa.

In parole estremamente povere la modalità Home di Synology Surveillance Station si attiva se un tuo smartphone (o altro dispositivo a tua scelta) entra nella rete WiFi di casa, si disattiva invece quando esci da quel perimetro, il tutto lanciando controlli ripetuti a distanza di una quantità di minuti da te stabilita.

Tutto questo si è reso “necessario” perché la funzione di Geofence integrata nell’applicazione DS cam per Android e iOS non è esattamente questo gran mostro di precisione. Un esempio virtuoso che potrei farti in questo caso è tado° che difficilmente perde un colpo. Per questo motivo ho preferito mettere in campo e sperimentare quanto scritto da Mark, apportando poi delle piccole modifiche per rendere ancora migliore il risultato e colmando un gap che manca all’appello del README dello sviluppatore originale, che invita a installare il modulo PHP 7 di Synology senza però specificare che occorrerà ricordarsi di attivare l’estensione soap se precedentemente mai attivata.

DS cam
DS cam
Developer: Synology Inc.
Price: Free
DS cam
DS cam
Developer: Synology Inc.
Price: Free

Il fork

Synology Surveillance Station: automatizzare l'Home Mode tramite WiFi 1

Il mio fork nasce per integrare alcuni riferimenti in più rispetto al progetto originale e per proporre una modifica allo script di bash che ti permette di ottenere un aggiornamento di stato di Home Mode via Telegram. Quest’ultima funzione è chiaramente opzionale e può essere disabilitata facilmente.

Cosa ti serve

  • Un router Fritz!Box (non obbligatoriamente un 7490 come nel caso di Mark o un 7590 nel mio) e un NAS Synology (ma va?).
  • PHP 7 (disponibile nel Synology Package Manager) con estensioni soap e curl.
  • Utenza limitata per permettere di disabilitare o abilitare Home Mode della Surveillance Station (sconsigliato utilizzarne una già esistente con maggiori autorizzazioni).
  • Pacchetto file contenuti nel repository GitHub.
  • Opzionale: bot Telegram tramite il quale ricevere i cambi di stato.

Affrontiamo per passaggi ogni necessità sopra riportata

#1: PHP 7, soap & curl

Apri il Centro Pacchetti del tuo NAS Synology e cerca PHP 7, quindi installalo:

Synology Surveillance Station: Home Mode automatico tramite WiFi

Una volta terminata l’installazione, collegati via SSH al tuo NAS (non sai come fare? Guarda qui), quindi spostati in /usr/local/etc/php70 e modifica il file php.ini (esempio: vi php.ini). Per salvare le modifiche che apporterai ti sarò richiesto quasi sicuramente di essere utenza root, lancia un sudo -i seguito da invio, quindi inserisci la password della tua utenza amministrativa e premi invio (non sai di cosa sto parlando? Guarda qui). Ora:

  • cerca la stringa extension_dir = "/usr/local/lib/php70/modules"
  • Aggiungi subito sotto l’abilitazione delle due estensioni per soap e curl:
    extension=soap.so
    extension=curl.so
  • Salva il file e chiudilo (tasto ESC, poi :wq seguito da invio).
  • Torna ora nel Gestore Pacchetti di Synology e riavvia PHP 7.

Il php.ini modificato dovrebbe assomigliare a questo:

Synology Surveillance Station: Home Mode automatico tramite WiFi 1

#2: api_user

Un’utenza limitata che possa solo disabilitare o abilitare Home Mode in Synology Surveillance Station, è ciò di cui hai bisogno in questo momento. Avvia Surveillance Station e apri il menu in alto a sinistra con un clic, quindi seleziona Utente. Aggiungi un nuovo utente seguendo la procedura guidata, ti riepilogo i passaggi e ti propongo poi qualche screenshot:

  • nome utente: api_user (uso questo perché richiamato dagli script, tu puoi decidere di cambiarlo ma ti invito poi a leggere il paragrafo Troubleshooting nella parte finale dell’articolo);
  • descrizione: inserisci una descrizione che possa ricordarti un domani a cosa serve l’utente che stai creando;
  • password: scegline una sufficientemente robusta, puoi crearne una random qui;
  • fai clic su Avanti e crea un nuovo profilo privilegio;
  • dai un nome e una descrizione al profilo privilegio (scegli un nome che possa un domani ricordarti a cosa serve quel privilegio), mantenendo Gestore come tipo;
  • NON aggiungere autorizzazioni nella schermata Videocamere, E-Map e Layout. Arrivato alla schermata dei Privilegi avanzati, spunta l’opzione in corrispondenza di Passa manualmente alla modalità Home.

#3 scarica e modifica gli script

Scarica il contenuto del repository da GitHub, scompatta il file ZIP e ottieni così i file fritz_activemac.php e switch_homemode.sh (puoi buttare via il README). Prima di caricare i file sul NAS ti suggerisco di modificarli in base a ciò che è stato fatto fino a ora (utenza generica, eventuale bot Telegram, ecc.).

Il primo file citato (fritz_activemac.php) non dovrebbe necessitare di modifica alcuna (tranne se hai scelto di creare un utente limitato diverso da quello da me suggerito, quindi non “api_user“, ti rimando a questa nota nel Wiki), contrariamente allo script bash switch_homemode.sh. Aprilo con un buon editor di testo (Notepad++ o Atom) quindi segui queste indicazioni:

  • SYNO_SS_USER: inserisci qui l’utenza limitata che hai precedentemente creato. Se hai seguito scrupolosamente le indicazioni, lascerai probabilmente api_user;
  • SYNO_SS_PASS: inserisci la password che hai scelto e inserito quando hai creato l’utenza limitata;
  • SYNO_URL: inserisci l’IP e la porta utilizzata per collegarsi al tuo NAS;
  • FRITZ_URL: inserisci l’IP (o gli IP se più d’uno, intervallati dai due punti, esempio: 192.168.1.2:192.168.1.3);
  • TELEGRAM: può avere solo due valori, 0 e 1. 0 disabilita le funzionalità legate al bot di Telegram, 1 le attiva;
  • BOT_TOKEN: inserisci qui il token che ti ha rilasciato BotFather quando hai creato il tuo nuovo bot;
  • CHAT_ID: l’ID della chat in cui il bot dovrà riportare i messaggi riguardanti il cambio di stato di Home Mode;
  • MSG_SS_ACTIVE: riporta qui il messaggio che il bot ti invierà quando la modalità Home sarà attiva;
  • MSG_SS_INACTIVE: riporta qui il messaggio che il bot ti invierà quando la modalità Home sarà disattiva.

Fai attenzione: modifica esclusivamente ciò che ho riportato qui sopra, facendo attenzione a mantenere le virgolette dove specificate. Lascia tutto il resto invariato per scongiurare possibili malfunzionamenti. Se non sai come creare un bot Telegram fammi un cenno, sto valutando se scrivere qualche riga di testo nel Wiki su GitHub o meno.

Salva il file, questo lavoro è terminato. Carica ora i due script all’interno della cartella /var/services/homes/api_user del tuo NAS, dove “api_user” ovviamente dovrà essere modificato se hai scelto di creare un utente dallo username differente. A questo punto sei pronto a verificare il funzionamento.

#4 test e programmazione

Salvo errori, gli script sono ora pronti a lavorare. Puoi provare tu stesso lanciando da terminale

./switch_homemode.sh MAC1 MAC2

dove MAC1 e MAC2 dovranno essere sostituiti con due MAC Address appartenenti a dispositivi che sono collegati alla rete casalinga. Sia chiaro, puoi specificare anche solo un MAC Address, non c’è bisogno di metterne due o più (ma puoi farlo). A questo punto verrà lanciata la query SOAP al router e il risultato (un semplice true o false) verrà salvato all’interno del file synohomemode.state (che verrà creato sul momento se non esistente).

Se il dispositivo non è collegato alla WiFi casalinga, Home Mode verrà disattivato, diversamente verrà attivato.

Manca l’ultimo passaggio, programmare l’esecuzione dello script tramite Utilità di pianificazione di Synology. Accedi all’utilità tramite Pannello di controllo, quindi crea una nuova operazione e compila i dati richiesti:

  • Attività: dai un nome all’attività, uno “parlante” (che ti ricordi immediatamente di cosa si tratta).
  • Utente: lascia che sia root a eseguire l’attività.
  • Programmazione: l’esecuzione dovrà essere giornaliera, a partire dalla mezzanotte, ogni 5 minuti fino alle 23:55. I 5 minuti possono anche essere diminuiti o aumentati, dipende dalla tua esigenza.
  • Impostazioni attività: dovrai semplicemente inserire nel box di testo la stringa che ti permetterà di avviare il controllo, quindi
bash /var/services/homes/api_user/switch_homemode.sh MAC1 MAC2

Sostituisci chiaramente MAC1 e MAC2 con i veri MAC Address dei dispositivi che vuoi tenere sotto controllo, puoi specificarne solo uno o anche più di due.

Il gioco è ormai fatto :-)

Se ci sono dubbi o problemi l’area commenti è a tua disposizione, io qui di seguito inserisco già un paio di risposte ad altrettante domande che potresti avere, ma sentiti libero di chiedere altro se dovesse servire.

Synology Surveillance Station: Home Mode automatico tramite WiFi 9

Buon Natale!

Troubleshooting

Cambiare lo username dell’utente generico

Puoi chiaramente scegliere di utilizzare un nome utente che non corrisponda ad api_user come riportato nell’articolo, dovrai però ricordarti di modificare quel SYNO_SS_USER="api_user"; in switch_homemode.sh, oltre che eventuali operazioni programmate nell’Utilità di pianificazione del NAS. Modifica poi, sempre in switch_homemode.sh, tutto il blocco relativo ai file di stato e il richiamo dello script PHP:

## State file configuration (don't touch anything if not necessary)
STATEFILE='/var/services/homes/api_user/synohomemode.state';
RETRYFILE='/var/services/homes/api_user/synohomemode.retry';
CHECKFRITZ='/usr/local/bin/php70 /var/services/homes/api_user/fritz_activemac.php';

dove al posto di api_user dovrai chiaramente inserire il nome utente da te scelto.

Wiki: github.com/gioxx/AVM-FRITZ-Box-Synology-Surveillance-Home-Mode-Automation/wiki/Cambiare-lo-username-dell%E2%80%99utente-generico

Errore nella query SOAP

Qualcosa non torna e lanciando lo script di bash manualmente ottieni errori sulla query SOAP? Forse è necessario copiare i moduli delle due estensioni, prova a dare un’occhiata al documento che ho salvato nel Wiki del repository GitHub: github.com/gioxx/AVM-FRITZ-Box-Synology-Surveillance-Home-Mode-Automation/wiki/PHP-7:-abilitare-CURL-e-SOAP-su-Synology-DSM.


credits:

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

sourcecode-vbscriptAvevo parlato di cambio Description PC da remoto nell’ormai lontano 2016, l’ho sempre fatto con un VBS che tenevo a portata di mano nei miei strumenti. Ma se quegli strumenti non dovessero essere disponibili su una macchina diversa dalla mia? Diciamo che è più semplice trovare (o scaricare) un PSExec e collegarsi al prompt remoto, per poi lanciare un comando molto semplice che modifica -come il VBS- il medesimo parametro.

Hai già effettuato il collegamento via PSExec al prompt remoto? D’accordo, procediamo. Per verificare l’attuale descrizione impostata sulla macchina, ti basterà lanciare il comando net config server, e osservare ciò che compare in corrispondenza della voce “Commento server” (come nell’immagine qui di seguito).

Modificare la descrizione di un PC da Command

A questo punto, per modificare la descrizione, dovrai eseguire un net config server /srvcomment:"Nuova descrizione". Modifica Nuova descrizione con il testo che ti interessa, mantieni gli apici e assicurati che non ci siano spazi tra i due punti e l’apertura degli stessi (:"). Salvo errori, riceverai conferma della modifica a video e potrai ora verificare tu stesso il buon esito dell’intervento lanciando ancora una volta il comando net config server.

Se al posto di questo metodo alternativo vuoi mantenere quello basato su VBScript accomodati, ti rimando al vecchio ma ancora valido articolo che avevo scritto e pubblicato due anni fa :-)

VBS: cambiare la descrizione di un PC da remoto

Buon lavoro!


fonte: lifeofageekadmin.com/changing-windows-computer-description-from-a-command-prompt

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: