Archives For Test Hw/Sw

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Lavorando su una cartella di Excel, ho spostato al suo interno alcuni contenuti provenienti da un diverso file. Una volta rimossi, pur perdendo ogni collegamento con quel file precedentemente utilizzato, continuava a mostrarmelo all’interno dei “collegamenti“, impossibile da terminare. Anche dando un’occhiata a ogni cella, non trovavo più formule o collegamenti al file esterno, per questo motivo ho dovuto cercare una soluzione per tamponare il problema del popup di aggiornamento dati a ogni apertura del file:

Excel: eliminare collegamenti ad altre cartelle quando non funziona l'interruzione

Si può parlare di GUI (che non ha funzionato), macro (che preferivo non implementare manualmente all’interno del mio foglio) e componenti aggiuntivi di terze parti a pagamento (fuori discussione per un lavoro singolo). Poi ho trovato una soluzione davvero niente male, gratuita e che può essere utilizzata secondo esigenza. Si chiama FindLink.

Cosa tu puoi fare manualmente

Ciò che puoi fare manualmente su Excel, è andare nella scheda Dati, quindi fare clic sul pulsante “Modifica collegamenti“. Per ciascun collegamento a un file esterno, potrai selezionare la riga corrispondente e fare clic sul pulsante Interrompi collegamento, confermando poi il messaggio di attenzione che comparirà a video (vedi immagini qui di seguito):

Salvando poi il file, dovresti automaticamente aver perso i collegamenti verso fogli esterni, anche se –come detto già a inizio articolo– potrebbe non essere sufficiente.

Cosa tu puoi fare con FindLink

FindLink è un componente aggiuntivo per Microsoft Excel, compatibile anche con la versione 2016, che può essere installato o semplicemente utilizzato “one-shot“. Io ho preferito l’utilizzo singolo, che puoi ingaggiare scaricando gratuitamente il componente dal sito web ufficiale (manville.org.uk/software/findlink.htm), scompattando il file ZIP e facendo doppio clic su findlink.xla (ho caricato una copia del componente anche nel mio spazio box, sia mai dovesse tornare utile).

Una volta accettata l’esecuzione di Macro (fallo solo per la sessione corrente, facendo clic sul pulsante Abilita macro), ti si caricherà una nuova scheda pulsanti chiamata Componenti aggiuntivi. In questa troverai “Find Links“, che servirà a far entrare in azione il componente aggiuntivo, il quale ti chiederà cosa analizzare e come avvisarti (puoi lasciare tutto di default, con avvisi a video tramite popup per ogni collegamento trovato).

A questo punto ti basterà rispondere “Yes” alla domanda “Shall I delete it?” quando il componente rileverà un collegamento ancora vivo verso l’altra cartella Excel non più utilizzata:

Excel: eliminare collegamenti ad altre cartelle quando non funziona l'interruzione 7

Salva il file al termine delle rimozioni. Questa azione ti permetterà di portare a casa il risultato, finalmente.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Di privacy e software che possono tornare utili in pillole. Si chiama Oversight, e si occupa di portare a termine un compito abbastanza banale ma certamente utile per chi tiene in maniera un pelo più particolare all’argomento sicurezza dei dispositivi di cattura audio e video, rispettivamente microfono e webcam che si trovano generalmente sulle macchine Apple (sia fisse che portatili).

OverSight monitora microfono e webcam su macOS

Lo sto usando ormai da diversi mesi, è discreto e rimane nella barra dei Menu, avvisandomi ogni volta che un programma fa uso di almeno uno dei due dispositivi (alla luce del sole o meno), permettendomi così di intervenire bloccandolo o permettendogli di procedere. Comode sono anche le regole che –se lo desideri– ti consentono di dichiarare una lista di programmi che potranno sempre far uso di microfono e webcam senza richiedere ulteriormente il permesso.

Oversight è un tool gratuito (puoi sostenere lo sviluppatore tramite Patreon) che puoi scaricare dalla pagina web ufficiale all’indirizzo objective-see.com/products/oversight.html. Nella stessa pagina troverai moltissime informazioni e domande / risposte che potrebbero fugare ogni tuo dubbio.

Se sei spinto da curiosità, puoi anche dare un’occhiata agli altri tool disponibili nello stesso sito che, tra l’altro, si occupa anche di sicurezza di macOS, io ho iniziato a seguirlo per quel motivo (ho poi scoperto le applicazioni), qui trovi il blog.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Un passo indietro: nei primi giorni di novembre ho pubblicato un articolo dedicato a un nuovo VBScript sviluppato per tenere d’occhio le installazioni degli agenti Kace nella rete aziendale, così da ricevere delle notifiche (mail) in caso di mancate installazioni o inventari non aggiornati. Trovi tutto qui:

Kace: un alert in caso di client mancante o inventario troppo vecchio

Cosa è cambiato rispetto al mese scorso? Quest (società separatasi da Dell nel 2016) ha rilasciato l’aggiornamento di Kace 8.0.318, il quale porta con sé anche il bundle di agenti 8.0.152. Questi ultimi, contrariamente al passato, si installeranno nella cartella %ProgramFiles%\Quest (%ProgramFiles(x86)%\Quest sui sistemi a 64 bit) anziché %ProgramFiles%\Dell. Il mio script, se distribuito sul tuo dominio, inizierà a inviarti delle notifiche per mancata installazione client, poiché anche il percorso nella %ProgramData% è variato (da %ProgramData%\Dell\KACE a %ProgramData%\Quest\KACE).

NotifyKace.vbs: nuova versione per gli agenti 8

Nello script pubblicato tra i miei Gist, avevo già previsto una banale variabile contenente la directory da monitorare, basterà variare quella per tornare a far funzionare il meccanismo, senza ulteriori falsi positivi (ne avrai ancora, di falsi positivi, se il client non avrà ancora ricevuto l’aggiornamento dell’agent alla versione 8.0.152, mettiti il cuore in pace). Ho lasciato stare il vecchio script (che si ferma così alla versione 0.2rev1) e ne ho salvato un altro (la 0.3), che trovi qui:

Per tutto il resto c’è MasterCard puoi consultare il vecchio articolo, tenendo presente che tutto resta identico ad eccezione delle cartelle del software (modifica Dell con Quest e il gioco è sempre fatto).

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Disponibile per macOS e Windows, Acethinker Video Master è la versione offline e più completa di quel Video Converter disponibile gratuitamente online, all’indirizzo acethinker.com/online-converter, la quale permette di ritoccare i video, scaricarne da piattaforme online (come YouTube) e molto altro. Io ho avuto l’occasione di provarlo su PC Windows, ti racconto brevemente com’è andata.

Acethinker Video Master 6

Sufficientemente intuitivo e accessibile anche a chi non ha esperienza alcuna con questo tipo di lavori, permette di lavorare (su più passaggi) un video da modificare, da modellare secondo proprie esigenze, da convertire in diverso formato o più semplicemente da integrare con diversi altri spezzoni scaricati o ottenuti separatamente. Io ho approfittato di questo test per mettere le mani su una registrazione di SuperQuark che ha fatto uno splendido approfondimento sui Mosaici di Ravenna.

Ho potuto quindi passare da una puntata intera (ottenuta dal sito della RAI) a un semplice spezzone tagliato e modellato a regola d’arte, senza perdere un secondo del servizio desiderato. La codifica del video finale è molto rapida (anche se questa dipende in realtà molto dalla tua dotazione hardware e dalla quantità di processi già attivi sul PC) e il risultato è ottimale.

Oltre alla modifica dei file video, Acethinker Video Master permette di scaricare video di YouTube (e altri siti web noti che svolgono lo stesso mestiere) così da poterli tenere conservati sul disco fisso del proprio PC (o su un qualsiasi altro dispositivo di memorizzazione), anche se ovviamente non tutti i siti web che probabilmente utilizzi saranno compatibili con il suo downloader (io l’ho messo alla prova proprio con il sito di RAI).

O, se non è il download a interessarti, potrai pensare di convertire una discreta quantità di formati video (MP4, MKV, AVI, WMV, HEVC, H.264, MKV, 3GP, FLV, SWF, HTML5, M4V, MOV, ASF, DV, VOB, OGV, YouTube, ASF, RM, MTS/M2TS/TS/TP/TRP, MOD, TOD, secondo il sito web ufficiale) in quello che più ti si confà (o di cui hai necessità), potendo inoltre sfruttare alcuni preset di impostazioni dedicate all’ottimizzazione dei video per le marche di smartphone e più in generale di dispositivi / supporti smart più conosciute (Apple, Samsung, HTC, Blackberry, Sony, Nokia, Motorola, Game, LG, TVS, DVD, Android, Archos).

Infine, per chi è alla ricerca di qualcosa di completo che possa anche registrare video da zero, Acethinker Video Master propone una funzione dedicata alla cattura del video (anche in HD) dalla propria WebCam o altra sorgente di input, così da permetterti poi di sfruttare le altre funzioni integrate nel programma per poter completare la tua opera. Questo può tornare molto comodo anche nel caso in cui tu voglia creare dei tutorial video riprendendo il tuo Desktop, con possibilità di caricare poi il risultato direttamente su YouTube (ma non solo).

Il software ha un costo di circa 30$, ma puoi provarlo gratuitamente scaricandolo direttamente dal sito web ufficiale.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi le mie opinioni. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: licenza fornita da Acethinker, che ringrazio. Ho potuto tenerla al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

EaseUS ha rilasciato un nuovo programma dedicato a tutti i possessori di sistemi Windows e dispositivi della Mela (iPhone e iPad, per capirci). Si tratta di EaseUS MobiMover, applicazione che promette di eseguire facili salvataggi e ripristini dei tuoi dati nel momento in cui ti toccherà cambiare il tuo smartphone o tablet.

EaseUS MobiMover: backup e ripristino degli "iDevice"

Stranamente disponibile solo per Windows, questa è completamente gratuita ma priva di supporto tecnico (quello è compreso nella sua versione Pro a pagamento, la licenza ha un costo di circa 40$ e promette anche aggiornamenti gratuiti a vita), puoi scaricarla tu stesso all’indirizzo easeus.com/phone-transfer/mobimover-free.html.

EaseUS MobiMover

Nonostante la localizzazione italiana non molto precisa, l’applicazione è immediatamente intuibile e semplice da utilizzare, anche perché le funzioni a disposizione sono 4, due delle quali permettono proprio il backup e il restore dei dati appoggiandosi al PC in uso (quello dove stai eseguendo MobiMover).

EaseUS MobiMover: backup e ripristino degli "iDevice" 1

Se devo pensare a un suo possibile utilizzo oltre quello del singolo utente che deve effettuare backup all’infuori di iCloud o iTunes (e in quest’ultimo caso lo capirei moltissimo, considerando la parchidermicità del prodotto Apple portato sui sistemi Microsoft!), tornerebbe molto comodo anche a chi deve –per lavoro o per mantenere rapporti familiari– effettuare più migrazioni di contenuti senza sporcare il proprio profilo o senza prendersi assegnazioni non corrette di dispositivi altrui (cosa che succede utilizzando iPhone / iPad non tuoi ma collegati al tuo iTunes).

Le operazioni sono tutte molto veloci ma non tutte funzionano come dovrebbero. Spostandoti infatti nell’ultima opzione disponibile nella schermata principale (quella chiamata “Costume“, nda), potrai esplorare e lavorare sulle singole voci che il programma è in grado di gestire, alcune delle quali inaccessibili perché bloccate dal fatto che tu faccia passare quei dati da iCloud (il programma chiede di disattivarlo temporaneamente o permanentemente se lo desideri, io lo sconsiglio caldamente se non sai quello che stai facendo), altre invece apparentemente senza spiegazione, come i messaggi SMS ricevuti / inviati e la cronologia di Safari, dati che non passano da iCloud:

Funzionano invece bene le voci relative a immagini (anch’esse solo se non soggette a Libreria iCloud sotto costante backup) e video, che potrai facilmente esportare sul PC o re-importare più comodamente rispetto alla classica cartella condivisa (ma in sola lettura) tramite iTunes, in questo caso è un nulla da eccepire.

Lanciando il backup dello smartphone (ho provato con il mio iPhone 6 aziendale) è stato ribadito il messaggio riguardante l’impossibilità di accedere ai contatti (e non solo) perché facenti parte del pacchetto in gestione a iCloud, ma è comunque potuto andare avanti (e a buon fine) portando fuori tutti gli altri dati, certo, a eccezione –confermata– di quelli che non mi spiego perché manchino all’appello:

EaseUS MobiMover è una soluzione ancora acerba per molti versi, che si basa su una buona idea seppur non ancora del tutto chiara e –soprattutto– non nuova rispetto al mercato dei numerosi competitor che mettono a disposizione prodotti di pari valore economico (quindi gratuiti, con magari un’offerta a pagamento che offre qualcosa in più) e già disponibili su più sistemi (penso a macOS, nda). La semplicità di EaseUS MobiMover è certamente un punto a suo completo favore, ma si può (e si deve) fare di meglio con la localizzazione (sarebbe carino) ma soprattutto con il corretto funzionamento di ogni singola voce dedicata ai dispositivi della mela morsicata.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: