Archives For Test Hw/Sw

In un file di testo vuoi trovare ed estrarre solo ciò che ti interessa, delle righe di testo che contengono un termine ben preciso. Io ne avevo bisogno mentre lavoravo sul mio MacBook. Ho quindi aperto Atom e ho cercato una via sufficientemente semplice per arrivare a destinazione, esiste, ti racconto come replicarla.

Atom: cercare e copiare tutte le stringhe che contengono un termine

Apri il tuo file di testo in Atom, stavolta niente Regex come per Notepad++ ma solo funzioni native di programma che puoi sfruttare in qualsiasi momento senza avere nessun’altra conoscenza:

  • fai partire una normale ricerca della parte di testo che ti interessa (esempio https://) tramite tastiera (⌘+F su macOS o CTRL+F su Windows) o FindFind in Buffer da menu, quindi seleziona Find All per trovare tutte le occorrenze.
  • A questo punto torna nel corpo del file di testo (dovresti essere rimasto nel box di ricerca, ecco perché te lo dico) e lancia un CTRL+⌘+G da tastiera (su macOS, in alternativa Alt+F3 su Windows) per selezionare tutte le occorrenze trovate, quindi un ⌘+L (su macOS, in alternativa CTRL+L su Windows) per selezionare le intere righe e non solo il testo interessato.
  • A questo punto il gioco è fatto, copia il testo evidenziato e incollalo dove ti serve :-)

Un metodo tutto sommato rapido e semplice da utilizzare, lo pubblico sul blog perché non è immediato da ricordare, soprattutto se non si effettua questa operazione tutti i giorni.

Buon fine settimana!


crediti: discuss.atom.io/t/delete-line-containing-string-equivalent-of-notepad-delete-bookmarked-lines/12366/7

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

All’anagrafe “Launchpad Manager“, è il programma che ho utilizzato con somma soddisfazione, gaudio e forse anche una mezza imprecazione riguardante il tempo perso precedentemente per mettere un po’ d’ordine nel mio Launchpad, risorsa spesso tralasciata sui sistemi macOS ma che talvolta può tornare utile per tenere d’occhio l’avanzamento di un download, o per lasciare a portata di clic icone di programmi che spesso si usano e che si vuole recuperare da lì anziché con un richiamo da Spotlight.

macOS: modificare facilmente l'aspetto del LaunchPad

A ogni nuova installazione software il Launchpad si arricchisce della sua icona per permetterti di poterlo immediatamente trovare e usare, ciò non vuol dire necessariamente ordine (anzi, quasi mai) e neanche che sia fondamentale tenere lì quel richiamo, è per questo motivo che nasce l’esigenza di fare ordine, di mettere in cartella, un po’ come sei già abituato a fare con il tuo iOS o Android (anche se il primo esempio è chiaramente più azzeccato in ambito Apple).

È qui che per me è entrato in gioco Launchpad Manager, perché mettere a posto le icone, spostarle in cartella o semplicemente eliminarle può diventare un lavoro oneroso e seccante, l’ho capito un pelo troppo tardi. Il programma si scarica gratuitamente da launchpadmanager.com, sito web sul quale puoi anche trovare la licenza per la versione a pagamento che sblocca ogni ulteriore funzionalità del software, ma che nel nostro specifico caso non serve.

Launchpad Manager

Con quel sito web un po’ anni ’90 da poco tempo aggiornato per comprendere anche Mojave e High Sierra (che prima non comparivano in dicitura), Launchpad Manager è di immediato utilizzo. Una volta copiato nella cartella Applicazioni e avviato, ti proporrà direttamente il tuo Launchpad attuale, permettendoti di sfruttare le sue rapide funzioni per spostare icone in blocco, saltare da una pagina all’altra in maniera più immediata, cancellare icone che non ti interessano più e altro ancora.

macOS: modificare facilmente l'aspetto del Launchpad 1

Ti troverai immediatamente bene, comincerai a inserire icone in gruppo più facilmente rispetto al metodo originale di Apple ed eviterai di doverti confrontare con il Terminale e la riga di comando (attraverso la quale puoi fare lo stesso mestiere, ma anche dei danni se non sai dove mettere le mani). A quel punto potrai semplicemente salvare il lavoro fatto, il programma penserà al resto, proponendoti infine il risultato a video, subito fruibile.

macOS: modificare facilmente l'aspetto del Launchpad 2

Non fare caso all’icona di Firefox “danneggiata“, problema di aggiornamento risoltosi dopo un riavvio del mio MacBook. CleanMyMac X e Transmission sono stati spostati subito dopo. È giusto per rendere l’idea e farti capire che è possibile snellire rapidamente quello con cui combatti oggi.

Buon lavoro! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Acquisto fatto ormai mesi fa, articolo di quelli costruiti nel corso del tempo e che solo ora può prendere davvero forma e iniziare a macinare risultati. L’argomento riscaldamento intelligente richiamava la mia attenzione da un paio di anni circa, ma lo avevo rimandato a “data da destinarsi”, in attesa di fare chiarezza e capire in che direzione andare, a che “partner” rivolgermi. Io e Ilaria viviamo in condominio, il riscaldamento è centralizzato, questo non ci permette di avere un termostato collegato a caldaia personale, ci dobbiamo arrangiare agendo sui singoli termosifoni e relative valvole, farlo singolarmente è sempre stato seccante, senza ombra di dubbio. tado°, e in particolare le sue teste termostatiche intelligenti, è sembra essere stata la risposta al nostro quesito.

Il riscaldamento intelligente di tado°

Ho fatto le mie ricerche, valutazioni, ho coinvolto amici e più semplici conoscenti per capire le loro impressioni, pro e contro di soluzioni che si trovano sul mercato a prezzo più o meno altalenante ma che comunque occupano una determinata fascia medio-alta di listino, vendor blasonati e altri meno, opzioni alternative che arrivano dalla Cina con furore. Approdare su tado° ha costituito l’uscita da uno scontro finale con Netatmo. Ciò non vuol dire che sia arrivato a scalare la piramide fino ai due contendenti “assoluti“, ma che per le specifiche esigenze del sottoscritto avevo posto per queste due opzioni.

tado°: Teste Termostatiche Intelligenti

Starter Kit, applicazione e montaggio

Ho acquistato lo Starter Kit (l’internet bridge per la comunicazione tra rete di casa e server di tado° e due teste termostatiche intelligenti) approfittando di una buona offerta su Amazon. Packaging essenziale (pratico, elegante e con possibilità di conservare le precedenti valvole termostatiche che andrai chiaramente a sostituire) e montaggio assolutamente a prova di impedito (mi ero fatto un film su chissà quale grande difficoltà), il tutto comodamente spiegato anche tramite immagini e testo proposti dall’applicazione ufficiale del vendor, scaricabile sia per iOS che Android, così come dal sito web di tado° vistato via PC (soluzione che io ho preferito).

tado°
tado°
Developer: tado°
Price: Free+
tado°
tado°
Developer: tado
Price: Free+

Registrato il mio account sul sito web del produttore ho semplicemente seguito le istruzioni a video, montato l’Internet Bridge (associandolo al mio account) e quindi la prima delle due teste termostatiche intelligenti, che occorrerà inserire in pairing con il bridge, attendendo poi che questa si calibri in maniera del tutto automatica. L’operazione potrà essere ripetuta con qualsiasi altra testa termostatica o ulteriore accessorio da includere all’interno della famiglia tado°. Noterai che i cavi di alimentazione e rete inclusi nella scatola dell’Internet Bridge sono assolutamente perfetti per essere utilizzati con il modem di casa tua, il quale però dovrà avere una porta USB libera (che verrà usata per alimentare il bridge); in alternativa dovrai attaccare al prodotto un cavo microUSB più lungo, che finisca in un caricabatterie da muro (stile quello del tuo smartphone).

Configurazione

A questo punto il più del lavoro è fatto. Le teste termostatiche collegate al bridge cominceranno a comunicare con il tuo account sul Cloud tado°, e tu potrai iniziare a configurare la temperatura da tenere in ogni ambiente coperto dal servizio, magari affidandoti ai consigli del produttore per muovere i primi passi al meglio. Potrai inoltre accedere alla schedulazione della giornata (giorni / fasce orarie / temperature), alla localizzazione dei tuoi dispositivi (smartphone, ma non solo) e conseguente variazione di temperatura da mantenere in casa, l’avvio anticipato (un pre-riscaldamento) e altro ancora.

L’esperienza con questo tipo di prodotto va certamente costruendosi nel corso del tempo, dalle condizioni climatiche fuori da casa tua alla soggettiva sensazione di caldo o freddo (motivo di discussione in qualsiasi ambiente, dal lavorativo al privato). Pensare oggi di configurare al “primo colpo” un profilo ideale spalmato sull’intera settimana è un pelo pretenzioso, è giusto che ci si bilanci nel tempo ottenendo la condizione ideale da quasi ogni membro del nucleo familiare.

Apri ora l’applicazione (o il sito web, è sviluppato in maniera tale da riproporti l’esperienza mobile) e accedi alle sue funzioni di Programmazione intelligente (Home / Away) con selezione dello scherma giorni (Lun-Dom, Lun-Ven / Sab / Dom, Lun/Mar/Mer/Gio/Ven/Sab/Dom), Avvio anticipato e reportistica contenente le temperature misurate nell’arco della giornata, l’umidità, temperatura esterna (condizioni meteo costantemente aggiornate) e rilevamento del riscaldamento naturale dovuto al sole. Puoi tenere sotto controllo ogni dettaglio, in qualsiasi momento, il sistema ti aiuterà a tirare le somme a fine mese con un rapporto di risparmio energetico basato sulle temperature da te impostate e da quelle raggiunte durante la tua assenza (momento in cui le teste termostatiche tado° interrompono l’erogazione fino al raggiungimento di un tetto minimo da te impostato precedentemente).

Il riscaldamento intelligente di tado° 1

Controllo vocale e automatizzato

Works with the Google Assistant

L’integrazione con IFTTT e Google Assistant (ma anche Alexa di Amazon) è cosa nota e disponibile già da tempo, le possibili integrazioni sono differenti, così come i comandi vocali a tua disposizione. Puoi certamente conoscere la temperatura rilevata in un ambiente servito da una testa termostatica intelligente (ehi Google, che temperatura c’è in sala?), puoi anche aumentarne la temperatura o scegliere di spegnere completamente il riscaldamento (support.tado.com/hc/it/articles/115005867823-Quali-comandi-e-lingue-sono-disponibili-su-Google-Home-). La sezione più in generale dedicata a Google Assistant (e relative funzioni disponibili) la trovi all’indirizzo support.tado.com/hc/it/sections/115001614203, e non si limita al riscaldamento.

IFTTT

Alla stessa maniera puoi pensare di interagire con il sistema e IFTTT che forse già userai e conoscerai (e che di certo ho già citato in altri miei articoli in passato), attraverso il quale puoi puntare all’uso di combinazioni che riguardano i sistemi tado° e le funzioni che già usi tramite applicazione o sito web del vendor. Facciamo un esempio pratico. Ho creato tre applet che mi permettono di essere avvisato in caso di attivazione della modalità Home, disattivazione della stessa e aumento della temperatura basato su un mio comando vocale impartito tramite assistente Google:

Il riscaldamento intelligente di tado° 18

La modalità Home attivata o disattivata in automatico dalla localizzazione dello smartphone di un membro della famiglia è un ottimo metodo (abbastanza spartano e immediato) per sapere se c’è qualcuno di fidato in casa o se tutti si trovano fuori dal raggio d’azione (che puoi impostare tu in qualsiasi momento). In tal caso ho pensato di farmi inviare un messaggio privato su Telegram, direttamente dal bot di IFTTT. In aggiunta a queste due applet, ne ho creata una terza per far aumentare la temperatura (da raggiungere) negli ambienti serviti, portandola quanto prima a 25° (ehi Google, fa freddo!). Ho trasportato tutte e 3 le applet in ambiente Platform così da poterle rendere pubbliche, le puoi trovare a questi indirizzi:

Se noti delle anomalie, mancanze o volessi segnalarmi delle papabili modifiche, lascia un commento nell’area sotto all’articolo, sarà mia premura rimettere le mani nel cofano e cercare di rendere possibili le tue richieste (limitatamente ai comandi che si possono gestire tramite IFTTT, chiaramente) :-)

In conclusione

Un sistema che per il momento convince e rispetta le mie aspettative, con un costo non troppo contenuto ma neanche impossibile da affrontare. La facilità del montaggio dei dispositivi hardware e la validità del software e delle sue possibili integrazioni costituisce certamente buona parte di un voto indubbiamente positivo, che non raggiunge la sua totale perfezione per quel prezzo che potrebbe essere un pelo inferiore a quanto attualmente richiesto, eppure sono certo che approfitterò di una prossima offerta per acquistare altre due teste termostatiche e completare così il controllo degli ambienti di casa.


Già anticipato ma lo ribadisco: l’area commenti è lì per te, lascia un commento se anche tu hai provato questa soluzione (o una sua alternativa) e vuoi parlarne analizzando punti forti e deboli. Commenta se hai bisogno di ulteriori informazioni in merito al sistema intelligente di tado° o se hai dubbi in merito all’articolo :-)

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: comprato di tasca mia, volevo poter controllare i termosifoni di casa, regolarli in base alla stanza e poterli pilotare da remoto. tado° è stata la mia scelta (dopo più valutazioni effettuate).
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Di NotifyKace ne abbiamo già parlato un paio di volte in passato. Tutto è nato da una migrazione dell’appliance e relativa necessità di verificare che gli agent fossero correttamente installati e comunicanti con essa. Nel frattempo NotifyKace è cresciuto, si è evoluto e ha dato maggiori informazioni, permettendomi anche di richiamarlo facilmente in fase di login al dominio (inizialmente) o GPO (oggi). Ti racconto le ultime novità introdotte, così che anche tu possa sostituirlo a quello che forse hai in uso attualmente, ammesso che calzi a pennello la nuova soluzione adottata.

Kace: una rispolverata a NotifyKace.vbs (0.5) e uso delle GPO

Parti dalle basi

Se non hai idea di cosa sto parlando, ti invito a leggere l’articolo originale scritto un anno fa circa, è ancora valido e ti insegna alcuni trucchi per gestire i tuoi agenti Quest Kace, tutto sommato è ciò su cui baso lo sviluppo di NotifyKace:

Kace: un alert in caso di client mancante o inventario troppo vecchio

Ciò detto

Si può passare alla nuova versione dello script VBS, arrivata alla 0.5, che integra una funzione per l’invio della mail di allerta, un nuovo controllo riguardo l’esistenza del database di inventario e la rimozione delle esclusioni hostname perché oggi, a differenza di ieri, uso una GPO per arrivare direttamente sulle macchine interessate, lo script non viene quindi eseguito su endpoint che non devono avere l’agente Quest a bordo.

Il tutto si traduce con questo:

Della GPO per l’esecuzione programmata ne parliamo tra poco, nel frattempo i passaggi che più possono interessarti sono quelli relativi all’invio della comunicazione (a mezzo a posta elettronica), ora eseguito tramite funzione dedicata Call MailtoKacelog(Destination, DestinationCC, DestinationBCC, MailBody, Subject) e la verifica dell’esistenza del file di inventario (che puoi rinominare temporaneamente per verificare che lo script funzioni in maniera corretta):

'Test esistenza %ProgramData%\Quest\Kace\kinventory.db
If (oFSO.FileExists(sDirectoryPath & "\kinventory.db")) Then
'MsgBox("Debug: kinventory.db found " & strComputerName)

Il MsgBox commentato è lasciato lì volutamente nel caso in cui tu volessi vedere a video un popup di debug a conferma dell’esistenza del file; in uno script di produzione non ha invece senso lasciarlo senza commento. Ciò detto, null’altro cambia ma rimane più snello e pulito, con il rilevamento di indirizzo IP e ulteriori dettagli integrati nella funzione di MailtoKacelog.

Esecuzione programmata

Che poi è un po’ il succo del discorso che più cambia rispetto al passato. L’evoluzione della verifica consiste nella sua “rimozione” dalla fase di login, portandola invece all’interno dell’Utilità di pianificazione di Windows. L’operazione è costituita da due passaggi: il primo ti permetterà di copiare il file dello script all’interno dei tuoi PC, il secondo consisterà nell’inserimento dell’operazione programmata, che potrà essere poi eseguita secondo tue esigenze.

Copia del file

Crea una nuova GPO (o modificane una esistente che riguarda Kace) e naviga in Computer ConfigurationPreferences Windows SettingsFiles → Aggiungi un file da copiare sulla destinazione (che equivale al PC raggiunto dalla GPO), è qui che dovrai dirgli dove andare a recuperare il file VBS e in che cartella finale copiarlo. Ti propongo il riassunto catturato dalla GPO che stiamo attualmente utilizzando:

Kace: una rispolverata a NotifyKace.vbs (0.5) e uso delle GPO 1

Il file NotifyKace.vbs si trova in una share di rete raggiungibile da ogni nostro PC, verrà quindi copiato all’interno della cartella %ProgramData%\Quest, destinazione già presente sulle macchine proprio perché creata e quotidianamente utilizzata dall’agente Quest. Da qui si potrà certamente eseguire manualmente il controllo, oppure procedere con la seconda parte, quella della programmazione dell’operazione automatica.

Operazione programmata tramite Utilità di pianificazione

La seconda parte della GPO è quella che puoi creare e mettere in funzione navigando Computer ConfigurationPreferences Windows SettingsControl Panel SettingsScheduled Tasks → Crea un nuovo Scheduled Task (At least Windows 7) chiamato come meglio credi (nel mio caso è KACE check) e fagli eseguire un programma, puntandolo ovviamente a %ProgramData%\Quest\NotifyKace.vbs con i privilegi elevati e l’attivazione quotidiana all’orario che preferisci (nel mio caso le 12:00):

Kace: una rispolverata a NotifyKace.vbs (0.5) e uso delle GPO 2

In conclusione

Salvo errori, la configurazione del tuo nuovo controllo è terminata. Applica la GPO alle unità organizzative che contengono i PC del tuo dominio, attendi quindi che questa si propaghi e che inizi a svolgere il suo mestiere. Fai qualche test su macchine non in produzione, accertati che tutto funzioni correttamente, gioca con il file di inventario (magari rinominandolo in modo da non farlo rilevare al VBS e farti inviare così la mail di allerta per database non trovato), poi procedi con tutto il resto del parco macchine.

In caso di dubbi o anomalie, l’area commenti è a tua totale disposizione.

Buon lavoro :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Una domanda apparentemente complessa che merita una risposta semplice, per cercare di incontrare quanto più pubblico alle prime armi possibile. Ho risposto in separata sede, mi piace però condividere pubblicamente quella che secondo me può essere una buona scaletta per far muovere i primi passi al tuo nuovo sito web basato su WordPress (a prescindere che si tratti di blog personale o altro tipo di idea). Ti invito a dire la tua nell’area commenti, inserendo nuovi punti esclusi dalla mia personale lista, ma evidentemente non per questo non meritevoli di menzione. Cominciamo?

WordPress: ShortPixel Image Optimizer 8

#1: Creare un account amministrativo diverso

In realtà di questo argomento ne abbiamo già parlato, forse lo ricorderai. Mi cito copiando e incollando un passaggio fondamentale di questo diverso articolo:

Ciò che intendo è, per esempio, non utilizzare l’account amministrativo di default (che va quanto prima degradato a semplice utente, se non addirittura eliminato), in favore di un nuovo account da te appositamente realizzato, amministrativo, con username non facilmente indovinabile e con una password complessa (parleremo anche di password robuste quanto prima, ma ti porto a questa vignetta, che tanto spiega in merito). Non utilizzare la stessa password che hai già usato in passato per altri servizi. Fatti aiutare da un buon password manager se ti serve.

Il consiglio rimane lo stesso identico: elimina quanto prima l’account “admin” creato automaticamente da WordPress, non prima di averne creato uno diverso con gli stessi poteri, il quale dovrà avere username differente, più complesso, così come la password, che dovrà inoltre essere dedicata e non condivisa con altri servizi che sfrutti su internet. Posso comprendere che questa sia per te una scocciatura, ma ringrazierai quel giorno in cui qualcuno scoprirà (per errore altrui) qualche tua coppia di credenziali (ne parlo nell’articolo Firefox Monitor ti avvisa in caso di furto credenziali) e le userà anche per appropriarsi del tuo sito web.

Fondamentale e oggi ormai dato per scontato è il doppio passaggio di autenticazione. In passato ti ho parlato di Authy, ho poi virato verso un diverso metodo di verifica autenticazione, te ne ho parlato nell’articolo WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo.

#2: Creare gli account aggiuntivi per editor e collaboratori

Che, a voler essere puntigliosi, potrebbero bastare anche alla tua quotidianità. Le operazioni da eseguire tramite l’account amministrativo sono relativamente poche se hai ormai configurato al meglio il tuo sito WordPress, per questo motivo potresti pensare di creare per te un account “Editor” in grado di scrivere, modificare o cancellare qualsivoglia contenuto pubblicato (o in attesa di pubblicazione), lasciando all’amministratore il compito della manutenzione del software, l’installazione di qualche plugin e poco più. Occhio a ciò che permetti ai tuoi collaboratori, i ruoli di WordPress sono pochi e ben spiegati nel documento Roles and Capabilities sul Codex.

Per aggiungerne di nuovi, io ho utilizzato (e utilizzo tutt’oggi) il plugin Members, fantastico per poter creare nuovi ruoli e modificarne i permessi scendendo molto nel dettaglio (puoi permettere o negare singole azioni, la granularità è davvero ottima):

Members
Members
Developer: Justin Tadlock
Price: Free

#3: Occhio al fuso orario

Sembra una banalità ma non lo è, il fuso orario di WordPress (Timezone nelle installazioni in inglese, come la mia) è fondamentale quando programmi la pubblicazione di un articolo, non vorrai mica rischiare di tirare fuori dei pezzi a orari tutt’altro che in accordo con la tua linea editoriale, vero? :-)

SettingsGeneral (Impostazioni → Generali in italiano) nella tua dashboard amministrativa, quindi seleziona Roma (immagino) nel menu a tendina in corrispondenza del fuso orario:

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 1

#4: Permetti la Visibilità ai motori di ricerca

Altro parametro che può passare inosservato ma che è fondamentale se vuoi iniziare a macinare qualche visita oltre quelle che sei solito fare tu per amministrare il sito web o scrivere e pubblicare contenuti. All’interno delle Impostazioni di lettura troverai un’opzione relativa alla Visibilità ai motori di ricerca, ciò che permette a Google e soci di indicizzare i tuoi contenuti e renderli fruibili da chi lancia query tramite i siti web più utilizzati al mondo (i motori di ricerca, per l’appunto).

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 2

Assicurati che questa non sia impostata per scoraggiare tale comportamento, configurazione che solitamente si usa durante la preparazione del sito web, che va assolutamente modificata quando questo andrà in produzione e farà il suo debutto sul web.

#5: Configura una corretta struttura Permalink

In breve: Un permalink o collegamento permanente è un tipo di URL che si riferisce ad una specifica informazione, implementato in modo da non cambiare o almeno da rimanere lo stesso per lunghi periodi di tempo. Il termine è spesso impiegato nell’ambito dei blog per indicare il link ad un determinato post.

Continua su it.wikipedia.org/wiki/Permalink

È ciò che condurrà il lettore al tuo articolo negli anni, a prescindere da ciò che succederà, dando stabilità ai risultati di un motore di ricerca, rendendolo ben felice di continuare a servirti e portare al tuo porto nuove visite. È una struttura molto importante, critica per certi versi, è giusto deciderla all’avvio di un tuo nuovo progetto, la puoi configurare da ImpostazioniPermalink. Per questo blog ho scelto ormai tanti anni fa quella basata su anno/mese/giorno e nome dell’articolo, se potessi tornare indietro (cosa che comunque puoi pilotare abbastanza agilmente, con tanta pazienza e qualche giusto aiuto) sceglierei quella basata solo sul nome dell’articolo.

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 3

#6: I soli Permalink non risolvono tutto, genera una Sitemap

La Sitemap permette a Google di venire a conoscenza di tutti i collegamenti che un lettore può fruire all’interno del tuo nuovo sito web, generarla e darla in pasto al motore di ricerca toglie carico di lavoro a quest’ultimo, il quale -salvo errori- digerirà immediatamente quanto dato in pasto, generando immediatamente visite a tuo favore (ammesso che l’utente stia cercando ciò che tu metti a disposizione). Per farlo puoi farti dare una mano da uno dei tantissimi (pure troppi) plugin disponibili sul repository ufficiale di WordPress. Io, come tanti altri, utilizzo la funzione integrata all’interno di Yoast, quella che trovi all’interno di SEOFeatures → XML Sitemaps:

Yoast SEO
Yoast SEO
Developer: Team Yoast
Price: Free

WordPress: muovere i primi passi post-installazione 4

#7: Hai attivato Google Analytics?

Restiamo sull’argomento statistiche e corretta gestione da parte dei motori di ricerca. Analytics è lo strumento realizzato da Google per tenere d’occhio le proprie “performance” (che detta così suona un po’ come un film di Rocco, ma non è ciò su cui si fonda il pezzo!), per cercare di costruire una strada di costante miglioramento, seguire i gusti dei lettori (senza dimenticarsi però che l’opera è prima di tutto tua, deve piacere a te), sfoderare l’asso quando serve tirarlo fuori dalla manica.

A tal proposito, ThemeTrust aveva pubblicato un articolo molto ricco e ben realizzato (in inglese) che puoi trovare all’indirizzo themetrust.com/google-analytics-in-wordpress (se vuoi proporre un’alternativa altrettanto valida in italiano sei il benvenuto, lascia un commento a fondo articolo!).

#8: Il backup ragazzo, il backup.

Ripeti con me: creerò e manterrò un backup aggiornato del mio sito web, di ogni suo contenuto e del database. Ora continua a ripeterlo, ma nel frattempo metti in piedi una soluzione di backup del tuo WordPress. Ci sono mille metodi validi, io continuo a operare su due piani diversi, facendo più backup al giorno del database MySQL e un backup quotidiano dei file. Te ne ho già parlato qui, ma ti ripropongo lo specifico passaggio:

Avere una copia di backup aggiornata è fondamentale per evitare di incorrere in possibili disastri (causati da te, dal tuo provider o da qualcuno di completamente estraneo).
Per portare a termine questa operazione esistono decine di plugin, sia gratuiti che a pagamento. Io ho scelto di affidarmi a BackUpWordPress della Human Made.

BackUpWordPress

In conclusione

Di punti ce ne potrebbero essere molti altri, ci si ferma qui per convenienza e per non mettere ulteriore carne sul fuoco, ma sei libero di suggerirne di nuovi, per poterli integrare all’interno di questa lista o per giustificare una nuova pubblicazione dedicata, libero sfogo ai tuoi consigli quindi. Resto a disposizione anche per correggere qualche svista o migliorare qualche punto sopra riportato, un po’ come sempre capita :-)

Buon divertimento!


liberamente ispirato a themetrust.com/do-after-launching-a-wordpress-site

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: