Archives For gioxx

Seppur esistente da tempo passando per metodi di terze parti (come IFTTT), da qualche tempo un componente aggiuntivo ufficiale per GMail ti permette di allegare (o salvare gli stessi) nel tuo spazio Dropbox. Si chiama –con molta poca fantasiaDropbox for GMail e si installa gratuitamente da gsuite.google.com/marketplace/app/dropbox_for_gmail/33761876029.

GMail e Dropbox: salvare (o inserire) facilmente gli allegati

La procedura di installazione richiede i diritti di accesso alla tua casella di posta e non necessita di ulteriori modifiche da parte tua. Entrerà in funzione non appena avrai a che fare con una mail contenente allegati (tradizionali, ma anche immagini inserite nel corpo mail, tanto per dire), che potrai decidere di salvare direttamente in una cartella di Dropbox, con un necessario ultimo passaggio di mezzo: dovrai infatti completare l’accesso al tuo account Dropbox, effettuando il login su quest’ultimo e dando i permessi al componente aggiuntivo per fare da tramite tra le due piattaforme.

Da questo momento in poi ti sarà più facile gestire i tuoi file, senza la necessità di passare da cartelle d’appoggio (banalmente potremmo parlare della Download su Windows o macOS), sfruttando appieno lo spazio messo a disposizione dal servizio in Cloud, rendendo il tutto più semplice anche dai dispositivi mobili (sì, se hai aggiornato l’applicazione di GMail su Android / iOS, questa sarà compatibile con il medesimo componente aggiuntivo).

Gmail
Gmail
Developer: Google LLC
Price: Free
Gmail - l'email di Google
Gmail - l'email di Google
Developer: Google, Inc.
Price: Free

Non farti ingannare dalla dicitura riguardante GSuite (la versione dedicata alle organizzazioni no-profit o al business), il componente funzionerà anche con il tuo account di GMail personale. Non ti resta quindi che installarlo e provarlo, magari puoi dirmi cosa ne pensi, sfrutta l’area commenti che trovi in fondo all’articolo :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non è certo argomento nuovo quello del DNS hijacking, pratica quanto più perpetrata da coloro che scrivono software malevolo in grado di attaccare i router casalinghi, o magari quelli ben più complessi alla base di una rete aziendale che può diventare inconsapevole vittima di un redirect non voluto e non certo giusto ai fini di una navigazione pulita e fatta di siti web leciti. Il funzionamento di tale tecnica è tanto semplice quanto pericoloso: l’ignaro utente effettua una normale richiesta a un DNS che non si aspetta, il quale redirige quella richiesta verso un sito web infetto e potenzialmente molto pericoloso.

Firefox: DNS over HTTPS (di Cloudflare ma non solo)

La tecnica ha maggiore effetto con coloro che sono poco informati, o comunque poco (o per nulla) in grado di accorgersi di questo tipo di redirezione (pensa ai tuoi genitori in età avanzata, i nonni, ma anche parenti ben più giovani ma completamente a digiuno di questo tipo di argomenti), sfociando così in furti di credenziali o –ben peggio– di codici di protezione per conti correnti bancari e carte di credito. I maggiori produttori di browser lavorano da tempo a tecnologie che vadano oltre la configurazione DNS del proprio Sistema Operativo, e sono mesi che nelle versioni Nightly di Firefox mi trovo dietro una configurazione di DNS over HTTPS per proteggere le mie richieste verso i DNS utilizzati, così da ottenere risposte corrette e che tengano al sicuro la navigazione quotidiana.

Firefox: DNS over HTTPS (di Cloudflare ma non solo) 1

Di Cloudflare e dei suoi nuovi DNS ti avevo già parlato in passato, in questo articolo.

Gli “studi” di cui parla Nightly sono quelli che –ammesso tu stia usando questa versione del browser Mozilla– puoi trovare digitando about:studies nella barra dell’URL. Questa è una (ormai non più) novità di Nightly introdotta lo scorso marzo, così come la stessa cosa è accaduta per Google e il suo Chrome arrivato a introdurre anch’esso uno studio nel rilascio dello stesso mese (e -sempre Google- ne parlava già nel 2016: developers.google.com/speed/public-dns/docs/dns-over-https).

Firefox: DNS over HTTPS (di Cloudflare, ma non solo)

Effettuare richieste DNS passando per HTTPS ha anche un duplice scopo, ed è quello relativo alla privacy dei dati scambiati tra il client (da te utilizzato) e il server che sta portandoti verso il sito web richiesto. Chi si trova in mezzo, passando per una connessione cifrata (HTTPS, appunto), non potrà ottenere statistiche dettagliate e abitudini del client che fino a oggi sono state più trasparenti dell’aria.

Sperimentazione dei DNS over HTTPS

Forzare il browser di casa Mozilla a utilizzare dei DNS over HTTPS è oggi possibile con qualsivoglia versione pari o superiore alla 60, a prescindere dal ramo di aggiornamento scelto per le proprie postazioni. Un articolo di Ghacks lo spiegava lo scorso aprile, io te lo riepilogo in breve.

  • Portati nell’about:config del browser (e conferma che vuoi procedere garantendo che non combinerai danni, perché tu non lo farai, giusto?)
  • Cerca la voce network.trr.mode e portala a valore 2, questo ti consentirà di scegliere DNS over HTTPS come principale metodo di risoluzione nomi, ma di passare in fallback sui DNS di sistema nel caso il metodo principale fallisse (così da non rimanere senza meta durante la navigazione). Il valore 1 permetterebbe a Firefox di scegliere il più veloce tra i due metodi, il 3 di usare esclusivamente DNS over HTTPS e 0 -che poi è il default- di usare solo i DNS di sistema, come hai sempre fatto.

Firefox: DNS over HTTPS (di Cloudflare ma non solo) 2

  • Cerca ora la voce network.trr.uri e valorizza il contenuto scegliendo (e riportando la stringa adatta) uno dei due servizi sperimentali attualmente già pubblicamente accessibili, Mozilla / Cloudflare (https://mozilla.cloudflare-dns.com/dns-query) o Google (https://dns.google.com/experimental).

Firefox: DNS over HTTPS (di Cloudflare ma non solo) 3

  • Se -contrariamente a me- hai precedentemente scelto di usare il servizio di Mozilla / Cloudflare, devi ora cercare la voce network.trr.bootstrapAddress e valorizzarla con il DNS primario del servizio (1.1.1.1). Se hai scelto Google, quel valore dovrà corrispondere invece al più che conosciuto 8.8.8.8.

Firefox: DNS over HTTPS (di Cloudflare ma non solo) 4

La modifica è immediata, e tu navigherai sin da subito passando per una risoluzione nomi basata ora su DNS over HTTPS.

Ulteriori riferimenti

Ho trovato su GitHub una lista di altri servizi di DoH (DNS over HTTPS) alla quale puoi fare riferimento, puoi consultarla anche tu puntando il browser all’indirizzo github.com/curl/curl/wiki/DNS-over-HTTPS (con la speranza che venga aggiornata in futuro).

Ghacks aveva inoltre pubblicato, precedentemente all’articolo dedicato alla configurazione DoH di Firefox, un approfondimento su tutte le voci di about:config dedicate a questo metodo di risoluzione nomi, lo trovi all’indirizzo ghacks.net/2018/03/20/firefox-dns-over-https-and-a-worrying-shield-study.

Se a te sorge qualche dubbio in merito a quanto spiegato nell’articolo beh, sai già cosa fare: l’area commenti è a tua totale disposizione :-)

Buona giornata!


immagine di copertina: unsplash.com / author: Liam Tucker

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)

Non è certo una novità, ne avrai per forza già sentito parlare, avevo in canna l’articolo da qualche tempo ma non l’avevo mai terminato corredandolo di screenshot, ho recuperato durante il fine settimana: i Messaggi di Android (SMS) sono finalmente diventati gestibili anche da web. Il metodo sfrutta quanto già sperimentato e visto con WhatsApp, necessita quindi che il telefono sia collegato a internet e che si trovi nella stessa rete dalla quale stai tentando di utilizzare il servizio via PC. Se le premesse ci sono tutte, il gioco è già praticamente fatto.

La WhatsApp-mania contagia anche gli SMS: Messaggi Web per Android

Android Messaggi
Android Messaggi
Developer: Google LLC
Price: Free

Appartiene ormai a diversi aggiornamenti di applicazione fa, la funzione che puoi tu stesso trovare e usare dal menu a panino (in alto a destra) di “Messaggi” → Messaggi per il Web. Necessita della scansione di un codice QR che viene creato sul momento visitando (da PC) il sito web messages.android.com. Una volta fatto questo passaggio, approderai sull’interfaccia web corrispondente ai messaggi che hai già sul tuo smartphone. Potrai quindi mandarne di nuovi o rispondere a quelli ricevuti, inoltre potrai ricevere notifiche (del browser) ogni volta che te ne arriverà uno nuovo.

Qui di seguito qualche screenshot catturato durante il test:

Quanto hai fatto permette già di gestire al meglio i tuoi messaggi. Se vuoi ritoccare le impostazioni dell’interfaccia, ti basta fare clic sul pulsante a panino (quello composto dai 3 pallini, in alto a destra nella colonna di sinistra) e modificare ciò che ti interessa:

La WhatsApp-mania contagia anche gli SMS: Messaggi Web per Android 4

Il gioco è fatto, non serve null’altro. Un ultimo (comodo) colpo di coda per quegli SMS definiti ormai morti? :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Funziona così: se fai qualcosa di buono, la prossima volta –da cliente– mi aspetterò qualcosa di meglio, e onestamente non per quanto altro tempo ancora AVM possa continuare a migliorarsi nelle soluzioni messe a disposizione di una clientela -evidentemente- sempre più esigente. Qualcuno crede che io sia tutto scemo (a ragion veduta, aggiungerei io), eppure a me questi giochini al rialzo mi piacciono assai, il FRITZ!Box 6890 LTE viene incontro persino all’esigenza ultima di cui parlavo con chi con il brand ci lavora quotidianamente: il fallback su SIM senza ulteriori dispositivi attaccati in cascata.

AVM FRITZ!Box 6890 LTE: quel 7590 col tocco in più 11

La poesia è però presto rotta, nonostante il mio entusiasmo per un prodotto simile non scemi per questo –non tanto piccolo– dettaglio: il fallback su SIM automatico può avvenire solo se si sfrutta il 6890 LTE come modem ADSL e non come router in cascata (passando quindi per la porta WAN). Poco male mi ripeto, è comunque un prodotto fenomenale, ed è facile capire il perché di questa mia affermazione.

FRITZ!Box 6890 LTE

Impossibile non chiamarlo 7590 con qualcosa in più, perché in fondo si tratta della stessa ottima macchina pensata e realizzata dall’azienda tedesca leader di mercato, quella sulla quale sai già di poter fare affidamento mettendoci la mano sul fuoco. Il 6890 LTE propone le tecnologie che hanno fatto del 7590 un top di gamma infallibile (ne sono felicissimo proprietario), aggiungendo e togliendo punti in lista in base all’esigenza di poter stare fisicamente nello stesso tipo di chassis, modificando però la parte posteriore dedicata agli attacchi, all’interno della quale ora dovranno trovare spazio i due connettori per le antenne radio esterne montabili opzionalmente (che vanno quindi ad aggiungersi a quelle interne ben nascoste, le quali erogano il segnale WiFi del router) e l’alloggiamento della scheda SIM con molla (impossibile quindi bloccarla dentro o impazzire per tirarla fuori in caso di necessità / sostituzione), lasciando fuori dai giochi una delle due porte USB 3 (il 6890 LTE, a differenza del 7590, mette a disposizione una sola porta USB ad alta velocità).

La differenza in un solo colpo d’occhio è alquanto chiara:

Eppure, lascia che te lo dica, non ti peserà affatto l’assenza della seconda porta USB (ammesso che anche tu abbia preferito una diversa gestione di dispositivi terzi come NAS o stampanti di casa).

Packaging

Manco a dirlo, il FRITZ!Box 6890 LTE non differisce in maniera alcuna da quello che è il packaging del 7590, comprensivo quindi di un’abbondante dose di cavi e adattatori che in alcuni casi mai userai. Di sicuro troverai le antenne in più ad aspettarti nella parte superiore della scatola che tiene fermo lo chassis del prodotto, per il resto conosci già la storia:

Sotto al cofano

Ne sono consapevole, mi ripeto:

Un processore dual-core di ultima generazione per un routing ottimale di tutti i dati. FRITZ!Box 7590 permette di creare e propagare una rete senza fili a velocità Gigabit, sfruttando la tecnologia 4×4 MIMO multiutente, con punte di 1700 Mbit/s circa sulla frequenza a 5 GHz (non sai di cosa sto parlando? Dai un’occhiata qui). Si passa poi a ulteriori 800 Mbit/s che vanno ad aggiungersi sulla frequenza da 2,4 GHz. Otto (!) è il numero totale di antenne che permettono band steering, così da veicolare la trasmissione dei dati dei dispositivi connessi al FRITZ!Box permettendo loro di usare la migliore frequenza disponibile al momento (saltando dalla WiFi 2,4 GHz a quella a 5 GHz senza che tu debba fare alcunché).

Eppure è proprio così, continuerai a poter sfruttare l’ottima tecnologia di AVM già disponibile per il FRITZ!Box 7590, ora allargata e “spalmata” sui nuovi arrivati in famiglia, 6890 LTE compreso.

La differenza è chiaramente quella costituita dal collegamento via SIM, che in questo caso sfrutta un lettore che si aspetta un taglio di dimensione tradizionale (e non mini SIM come dichiarato in scheda tecnica, tieni a portata di mano eventuali adattatori come capitato al sottoscritto e come tu stesso puoi vedere dalle fotografie scattate e pubblicate poco sopra), il tutto per poter sfruttare un collegamento LTE (4G) con velocità fino a 300 Mbit/s e via UMTS/HSPA+ (3G) fino a 42 Mbit/s in supporto multibanda (5 frequenze LTE e 2 frequenze UMTS, LTE: banda 1, 3, 7, 8 e 20; UMTS: banda 1 e 8). A questa va aggiunta anche l’altra differenza, quella relativa alla porta modem DSL integrato per tutte le porte VDSL o DSL fino a 300 Mbit/s (adatta quindi anche a chi oggi sceglie un collegamento con TIM fino a 100 Mbit/s FTTC o FTTS).

A proposito di FRITZ!OS

Ultimo arrivato è il FRITZ!OS 6.84 (da poco approdato anche su 7590) che migliora e corregge lacune e bug del precedente OS (se di lacune possiamo poi parlare), arricchendo ulteriormente l’esperienza dell’amministratore che sceglie di configurare e personalizzare in maniera puntigliosa la rete di casa, non lasciando nulla al caso. È qui che noterai –chiaramente– le differenze anche per ciò che riguarda la configurazione e gestione del collegamento LTE / 3G:

Durante il mio test su strada ho sì provato il collegamento classico in cascata al FASTGate utilizzando la porta WAN, ma poi ho deciso di staccarmi dalla tetta materna per provare a viaggiare esclusivamente dietro SIM, sfruttando la rete messa a disposizione da Iliad (prima) e ho. mobile (dopo), e nessun dispositivo si è accorto di nulla fino a quando il tappo vero e proprio lo ha costituito la potenza di fuoco delle antenne (e relativo carico utenti serviti) o dei limiti imposti da operatore (nel caso di ho. mobile ci sono tetti massimi per velocità di download e upload). In ogni caso tutto ha funzionato a meraviglia e il FRITZ!Box 6890 LTE era semplicemente collegato a una presa di corrente e nulla più, soluzione quindi ideale e certamente molto robusta anche per coloro che non sono ancora raggiunti da collegamenti ADSL / fibra ad alta velocità (spero ormai pochi su territorio italiano, anche se la speranza in questi casi è la prima a morire, contrariamente a quanto affermato dal modo comune di dire).

In conclusione

Un prodotto per chi non accetta compromessi e per chi non può accontentarsi di avere tra le mani un 6820 LTE di cui ti avevo parlato poco tempo fa, studiato appositamente per soddisfare ogni esigenza (anche se manca ancora quel piccolo pizzico di malizia necessaria a tenere d’occhio il collegamento internet via porta WAN per far intervenire in fallback la SIM) e per permetterti di tenere sempre vivi e raggiungibili i dispositivi che hai collegato a esso (che si tratti di casa tua o del tuo ufficio, poco importa). Il costo è elevato per tanti, non lo metto in dubbio, ma sono abituato a macchine da guerra che sembrano davvero valere ogni singolo euro richiesto dal produttore, si parla stavolta di circa 330€, altalenanti le offerte che ho trovato nei vari store online, Amazon compreso:

Mi sembra non manchi null’altro, buon inizio settimana! :-)

 

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da AVM, tornerà all'ovile al termine dei test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

L’apertura mentale e pratica di Apple da qualche tempo a questa parte, prevede che ci possa iscrivere a programmi di beta testing pubblici relativi ai nuovi firmware realizzati per i vari dispositivi della mela.

Questi, contrariamente a quelli riservati agli sviluppatori, seguono un filone ovviamente più lento e sicuro, per evitare di incorrere in brutti scherzi generalmente addossati agli “early-adopters“, persone disposte a sopportare il disservizio pur di mettere mano immediatamente alle novità che il marchio di Cupertino ci riserva per il futuro (con -generalmente- segnalazione e log dell’anomalia riscontrata così da permetterne la correzione). Essere sviluppatori ha però un costo annuale e non tutti sono disposti a coprire quelle spese. Per questo esistono alternative come thuthuatios.com e il suo portale dedicato all’installazione delle beta non pubbliche.

Provare le nuove versioni di iOS (e non solo) con un clic

È tutto molto semplice: tramite l’installazione di un certificato generalmente riservato agli sviluppatori, Apple permette al dispositivo che stai usando (iPhone, Mac, AppleTV, ecc.) di accorgersi della presenza di un nuovo firmware (quello beta, non pubblico), lasciandoti così procedere con l’installazione. Il sito web è di origine vietnamita, ed è l’equivalente nostrano delle community più conosciute che parlano del mondo Apple (tipo melamorsicata.it, tanto per citarne una); lo stesso ha messo online la pagina protagonista del mio screenshot pubblicato poco sopra, raggiungibile all’indirizzo beta.thuthuatios.com/en (o, più semplicemente, go.gioxx.org/ios-beta).

Visita il collegamento con Safari installato sul dispositivo interessato, così da poter immediatamente scaricare e installare il profilo che desideri, ti verrà richiesto un riavvio non appena portata a termine questa operazione (che non funziona con altri browser, giusto per completezza).

La pagina è in continua evoluzione (puoi vederlo tu stesso dando un’occhiata al changelog), seguendo l’onda dei rilasci Apple per i suoi dispositivi. Il metodo è testato e funzionante al 100%, ma come al solito il mio consiglio è quello di evitare di abusarne se non hai la benché minima idea di cosa tu stia facendo, peggio ancora se credi di poter ottenere subito le nuove caratteristiche di sistemi non ancora ufficialmente rilasciati, quindi potenzialmente instabili.

Giusto giocare e dare in pasto quanta più esperienza possibile alla propria curiosità, ma sempre con l’ancora di salvataggio e l’esser pronti a tornare sui propri passi ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: