Archives For iOS

Ti ho già parlato di Smart Wi-Fi Plug, più semplicemente descritte in precedenza come prese intelligenti, alleati di un’attivazione assolutamente soggetta a esigenza del momento (accensione / spegnimento manuale) o schedulazione stabilita e messa in atto. Ho acquistato su Amazon un nuovo prodotto da poter mettere alla prova, si tratta del TP-Link Smart Wi-Fi Plug HS100.

TP-Link Smart Wi-Fi Plug HS100

Partiamo dalle basi

Come anticipato nel cappello introduttivo dell’articolo, si è già parlato di prese intelligenti, necessità che è nata con la scusa del Natale dello scorso anno, durante il quale ho scelto di acquistare due differenti prodotti per pilotare da remoto (e poi schedulare) le luminarie (rete led sul balcone, albero in casa, nda):

Prese intelligenti: cosa acquistare?

Il succo del discorso è che –con una spesa intorno ai 30€– ti porti a casa qualcosa che nulla ha a che fare con i vecchi temporizzatori, né con le prese telecomandate che in alcuni casi deludono anche più. Il prezzo è altalenante e puoi trovare un equivalente cinese anche a meno (molto), ma non c’è supporto alcuno e le applicazioni spesso sono da installare all’infuori degli store ufficiali.

Parliamo di HS100

La TP-Link Smart Wi-Fi Plug HS100 non ha nulla di particolarmente differente rispetto a molti altri prodotti sul mercato. Corpo unico con attacco tedesco (Schuko), estetica minimale molto gradevole, aspetto tondeggiante dai bordi morbidi (diverso rispetto agli altri prodotti che ho già in casa) ma con la solita occupazione abbastanza importante che bisogna sempre calcolare quando si va a prendere le misure per ciò che si vuole mettere “sotto comando“.

Il prodotto è disponibile in pronta consegna Prime su Amazon, il costo si aggira intorno ai 30€ di cui ti parlavo poco fa, io ho approfittato di un’offerta (non che abbia tolto molto) per pagarlo 29€. Tu, se vuoi, puoi partire dal badge qui di seguito per effettuare l’acquisto:

Collegato alla presa di corrente, HS100 rimarrà in attesa di tuo intervento per poter procedere con il collegamento alla WiFi di casa e cominciare così il suo lavoro. Se vuoi puoi sfruttare il pulsante WPS che trovi nella parte superiore dell’accessorio ma, nel caso tu fossi paranoico come me e il WPS fosse disabilitato, puoi scaricare sin da subito l’applicazione “Kasa” che ti permetterà –ancora prima di controllare la presa intelligente– di configurarla e farla autenticare alla tua rete tramite smartphone:

Kasa for Mobile
Kasa for Mobile
Price: Free
Kasa for Mobile
Kasa for Mobile
Price: Free

Segui le istruzioni a video, dai un nome alla tua nuova HS100, collocala dove ti serve, pianifica accensioni e spegnimenti secondo la tua esigenza. L’applicazione, contrariamente a quella cinese di Yongse, è fatta decisamente meglio e –come per quella di D-Link– supporta più prodotti dello stesso vendor, così da centralizzare quanto più possibile gli accessori smart della casa.

In conclusione

Né più, né meno di quanto già visto, e mi meraviglierei del contrario. La lancia a favore la si spezza più che volentieri per la completezza dell’applicazione che però, rispetto per esempio a D-Link Home (già citata prima), non si integra con IFTTT (che per alcuni è strumento fondamentale per pilotare più condizioni contemporaneamente). Se non fosse per questo, potresti preferire di gran lunga il prodotto TP-Link (e io lo preferisco, perché sono completamente disinteressato all’integrazione tra D-Link e IFTTT che non sfrutto per nulla).

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi le mie opinioni. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: l'ho acquistato direttamente io su Amazon.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Nel 2016 ti avevo parlato di come potessi rendere molto più semplice e comoda l’autenticazione in due fattori del tuo WordPress appoggiandoti al plugin ufficiale di Authy. Oggi, a distanza di meno di due anni da quel mio articolo, sono costretto a mettere tutto da parte perché Authy ha dichiarato (alcuni giorni fa) di aver abbandonato lo sviluppo del plugin, chiedendo ai suoi utilizzatori di smettere di utilizzarlo e passare a qualcosa di diverso, supportato e aggiornato.

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a 2FAS

Il mea culpa è d’obbligo perché solo qualche fa ho rispolverato (solo proponendo la lettura) quel vecchio articolo, perché non mi ero accorto dell’annuncio ufficiale di Authy comparso su Medium, loro piattaforma di pubblicazione degli articoli che li riguardano.

View story at Medium.com

Mi sono messo quindi alla ricerca di una valida alternativa, ponendo il cuore in pace riguardo l’autenticazione con tocco singolo e l’icona personalizzata nell’applicazione per smartphone / tablet / PC che Authy ha sempre proposto. Per la prima c’è rimedio (anche se si tratta nuovamente di appoggiarsi a qualcosa di custom che un bel giorno potrebbe cessare di funzionare), per la seconda sembra meno, “echissefrega” dirai tu, cosa che vale anche per me, perché l’importante è ripristinare il secondo layer di sicurezza post-inserimento e conferma password dell’account.

Quali alternative esistono?

Una pagina del Codex di WordPress parla proprio di autenticazione a due fattori e, tra le varie, suggerisce anche alcune alternative disponibili tra i plugin che si possono cercare e installare sul proprio blog fuori da WordPress.com: codex.wordpress.org/Two_Step_Authentication#Plugins_for_Two-Step_Authentication. Mi preme segnalarti che anche Jetpack (il famoso plugin di Automattic) propone una sua autenticazione in due fattori, ma ti costringe a passare dal sistema di login di WordPress.com che io ho personalmente evitato (preferisco tenere i mondi separati).

Cosa resta quindi? Beh, di plugin fortunatamente ce ne sono davvero tantissimi, e le regole sono sempre le stesse. Ti posso consigliare in linea di massima tutto ciò che viene ancora mantenuto (quindi aggiornato costantemente), supportato (basta dare un’occhiata alle richieste di assistenza, anche sul repository di WordPress.org) e con molte installazioni all’attivo. Nonostante ci siano plugin assolutamente robusti e non più aggiornati, non posso mettere la mano sul fuoco e dirti che ci sia certezza piena che oggi questi siano ancora in linea con le misure di sicurezza necessarie per la tua tranquillità.

Questo è l’elenco proposto a oggi dal Codex, trovi il mio commento messo subito di fianco:

  • Authy: che ha dichiarato disfatta e termine dello sviluppo lo scorso 12 gennaio.
  • Duo: quello che sto attualmente utilizzando e che meglio ti spiegherò nella seconda parte di questo articolo.
  • Google Authenticator: ciò che ho utilizzato prima di passare al plugin di Authy, che però non riceve aggiornamento alcuno da circa un anno.
  • Rublon: ancora aggiornato, ma con recensioni ben poco lusinghiere in merito a malfunzionamenti e possibili punti di debolezza, considerando inoltre che si tratta di un plugin che permette di impostare il 2FA per un solo utente per installazione (stesso blog ma due autori? Puoi usarlo solo pagando), forse non la migliore opzione per un blog amatoriale senza fini di lucro.
  • WordFence: sicuramente aggiornato e supportato, ma fa ben più di ciò che serve a me e te in questo momento.

A questo elenco potrei aggiungere le due varianti di 2FAS che ho avuto occasione di mettere alla prova, plugin in versione Lite e Pro che offre alcune intelligenti possibilità e che permette l’autenticazione a due fattori basata su codice randomico (si continua quindi a usare Authy, nda). 2FAS permette inoltre di aggiungere una macchina fidata all’elenco di quelle che possono evitare la 2FA al login (Trusted), oppure utilizzare un codice di backup offline precedentemente generato, in caso di emergenza. Buona velocità di login post-riconoscimento e una possibile alternativa che però non ha moltissime installazioni, aggiornate (entrambe) nell’arco degli ultimi 10 mesi.

La mia scelta: DUO

Voce della lista Codex, Duo è un prodotto evidentemente dedicato al business che però strizza l’occhio anche alle installazioni più piccole, casalinghe, un po’ come questa che stai leggendo. Contrariamente ad altri prodotti, “tiene in casa” il mezzo di autenticazione, quindi si va oltre l’applicazione di Authy che hai già su iOS o Android, ma in cambio ti dà il clic singolo per autorizzare un login via notifica push (ciò che sostituisce il OneTouch di Authy, nda) e un più snello sistema di associazione al tuo account poiché con uno solo di questo (connesso alla tua casella di posta elettronica e al tuo device preferito), potrai confermare il collegamento a più prodotti, senza necessità di creare un QR per ciascun nuovo sito web / WordPress.

Setup

Installa il plugin all’interno del tuo WordPress e intanto vai a creare un nuovo account sul sito web ufficiale partendo da questo documento: duosecurity.com/docs/wordpress.

Duo Two-Factor Authentication
Duo Two-Factor Authentication

La creazione di un account nuovo sul sito di Duo richiederà che tu abbia a bordo del tuo smartphone l’applicazione dedicata (puoi anche farne a meno se decidi di utilizzare SMS o chiamata, ma sconsiglio entrambe le alternative, nda), puoi scaricarla partendo da questi badge (o cercarla manualmente nel tuo store di riferimento):

Duo Mobile
Duo Mobile
Price: Free
Duo Mobile
Duo Mobile
Developer: Duo Security
Price: Free

Una volta inserito il tuo numero di telefono e pochi altri dettagli che ti riguardano, avrai accesso alla console di amministrazione del servizio, dalla quale si potrà cominciare a iniziare la fase vera e propria di configurazione dell’autenticazione a due fattori. Naviga in Applications, quindi fai clic su Protect an Application. Inizia a scrivere WordPress, poi fai clic su Protect this Application in sua corrispondenza:

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo

Nella schermata che ti si caricherà, avrai già a disposizione i 3 dati fondamentali per collegare Duo al tuo blog (e relativo plugin): Integration key, Secret key e API hostname. Copia e riporta nella pagina del plugin sul tuo blog i 3 dettagli, imposta i livelli che dovranno sottostare all’autenticazione a due fattori (Enable for roles) e infine scegli se disabilitare il protocollo XML-RPC di WordPress (occhio, serve a Jetpack). Conferma il tutto con Save Changes.

A questo punto partirà la configurazione dell’account utente associato a quel blog (e ai successivi che faranno uso del plugin e saranno associati alla stessa console di amministrazione, nda). Inserisci i dettagli richiesti (non dovresti aver necessità di specificare null’altro rispetto a quanto già inserito precedentemente) e scansiona il nuovo codice QR generato per l’applicazione Duo, quindi conferma l’accesso tramite notifica push.

Salvo errori, sarai ora connesso al tuo blog e ti troverai in Dashboard, con possibilità di gestire nuovamente la tua creatura, nuovamente protetta dall’autenticazione a due fattori.

Cos’altro c’è da dire

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo 5

Duo è uno di quei prodotti parecchio strutturati, ricco di funzioni che probabilmente mai avrai necessità di utilizzare, ma è certamente interessante scoprire la console e ogni sua voce, esplorare, modificare, sperimentare. Io non mi voglio addentrare in alcuna di queste perché la maggior parte sono legate a un abbonamento di tipo Premium dal costo di 6$/mese/utente che ti viene dato in prova per 30 giorni, oltre i quali l’account verrà scalato a gratuito (perdendo quelle caratteristiche extra), utile per gestire l’autenticazione a due fattori di WordPress ma anche di altre applicazioni (ecco, di quelle possiamo anche parlarne in futuro, in un altro articolo magari).

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo 6

Una chicca però che rimarrà c’è ed è subito sfruttabile, è quella relativa all’access log, una panoramica su chi ha fatto accesso, da dove / quando / perché / “un fiorino” (irresistibile, dovevo scriverla). Puoi darci un’occhiata anche tu andando in ReportsAuthentication Log:

WordPress: migrazione da Authy OneTouch a Duo 7

Ricordati che una rapida panoramica (contenente inoltre una mappa del mondo per mostrare graficamente i punti di accesso) è sempre disponibile nella pagina principale della Dashboard (di Duo, nda).

In conclusione

Credo di aver detto praticamente tutto e averti trattenuto più del dovuto sull’articolo (grazie per essere arrivato a leggere fino a qui), ma ci tenevo a pubblicare ogni dettaglio utile per la tua migrazione a un nuovo alleato per la 2FA su WordPress. Probabilmente in futuro proverò altre soluzioni ma, almeno per il momento, questa è quella che ho reputato essere la migliore nel rapporto tra pro e contro, di certo –per quanto riguarda questi ultimi– mi mancherà il non poter approvare l’accesso direttamente dall’applicazione installata sul mio PC, ma poco male, il telefono è quasi sempre a portata di mano.

Fammi sapere nei commenti se tu hai usato altre alternative, sai bene che mi piace sempre confrontare ogni possibile soluzione.

Cheers.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Che è un po’ un titolo “tirato per il collo“, me ne rendo conto, perché in realtà la porta OBD comunica allo smartphone ciò che la nuova versione del gadget automobilistico Vodafone, il V-Auto, rileva. Esso permette, tra le altre cose, di non perdere mai d’occhio la tua automobile, dandoti la possibilità di ritrovarla in un grande parcheggio oppure di seguirla in caso di furto (facendo i dovuti scongiuri), ma anche di lanciare un segnale SOS in caso di incidente. Il costo del prodotto è di 79€ e può essere sfruttato pagando un abbonamento di 5€ (ogni 4 settimane) che puoi disattivare quando desideri.

V-Auto by Vodafone: la porta OBD comunica con lo smartphone

Magari non te lo ricordi, ma qualcosa di simile esisteva già, e parlo sempre di un prodotto Vodafone, anche se i tempi erano quelli del “lab” e il gadget si chiamava “Driverxone” (si trova ancora qualcosa in giro, come questo vecchio thread sul forum della community). Avevo anche provato (nel 2014) a chiederne un sample, ma trattandosi di un prodotto in beta chiusa veniva venduto agli interessati e non c’è stato un vero e proprio lancio stampa, quindi ho dovuto rimandare il tutto e arrivare –finalmente!– oggi ad avere tra le mani la versione rivista e perfezionata, ufficialmente lanciata sul mercato.

V-Auto

V-Auto è un accessorio che si attacca alla porta OBD dell’automobile (cos’è la porta OBD?) e ne cattura alcune informazioni che possono tornare utili durante un’ispezione di officina, ma anche all’applicazione ufficiale del prodotto che è possibile scaricare dagli store di riferimento:

V-Auto by Vodafone
V-Auto by Vodafone
Developer: Vodafone
Price: Free
V-Auto by Vodafone
V-Auto by Vodafone
Developer: Vodafone
Price: Free

L’installazione si fa tutta tramite procedura guidata e richiede che si utilizzi una SIM ricaricabile Vodafone, limitazione importante che nel mio caso non avrei potuto superare senza l’aiuto di una SIM di test fornita dall’operatore stesso (ho una SIM business Vodafone, attualmente non compatibile con il servizio).

V-Auto by Vodafone: la porta OBD comunica con lo smartphone 4

C’è un nutrito elenco di marche e modelli selezionabili dall’elenco compatibilità di V-Auto, anche se ho notato che in alcuni casi mancano all’appello vetture certamente compatibili ma tenute fuori per altri motivi (per esempio, un restyling che manca all’appello, come nel mio caso):

Cosa fare in questi casi? Seppur non si tratti di qualcosa di certificato e sicuramente compatibile, puoi provare a selezionare un modello successivo al tuo, verificando in seguito (entro qualche giorno) che l’applicazione faccia correttamente il suo lavoro, per evitare di pagare a vuoto il servizio. Generalmente il work-around funziona se si tratta di modelli vicini tra di loro (data di produzione), perché i dati rilevati dal V-Auto sono “pochi” e facili da recuperare da quella porta nella tua vettura, non dovresti incontrare grandi difficoltà.

Procedi quindi con la compilazione dei dati richiesti a video (una volta superata la fase della scelta veicolo, nda) e dai la conferma a procedere con il pagamento dei primi 5€ (fatturazione ogni 4 settimane, te lo ricordo!) che verranno scalati direttamente dal credito residuo della SIM. Una volta ricevuta la conferma, dovrai spostarti verso l’automobile, si procede con l’installazione vera e propria.

Questa richiede:

  • che tu conosca dove si trova la porta OBD della tua vettura (non ti preoccupare, l’applicazione propone fotografie e istruzioni dettagliate per ogni modello compatibile!).
  • Che la tua automobile si trovi fuori dal garage (se sotterraneo), perché in caso contrario non ci sarebbe rilevazione della posizione via GPS (quello di V-Auto, nda), né tanto meno sarebbe possibile agganciarsi a una cella Vodafone.

Ciò che devi fare è parcheggiare l’automobile in una piazzola di sosta scoperta e NON accendere il motore.

V-Auto possiede infatti una batteria tampone al litio che può durare anche diverse settimane in assenza di energia (presa dalla batteria auto quando quest’ultima è accesa e in movimento), così da garantire il pieno funzionamento dell’alloggiamento SIM e del suo GPS integrato. Ciò sarà fondamentale in caso di incidente o di fermi prolungati della vettura (e inserirei anche i casi di furto).

Uso dell’applicazione

C’è ancora poco, ed è tutto sommato intuitivo, sicuramente ci sarà spazio in futuro per aggiungere nuovi dati e funzionalità a un oggetto che potrebbe per esempio dirci il livello di carburante nel serbatoio, o magari se c’è qualche altro errore o avviso che ci siamo persi quando abbiamo guardato l’ultima volta il cruscotto. Vodafone ha esperienza in questo settore, la sua tecnologia è già a bordo di vetture di tipo premium (come BMW o Porsche), ma anche in qualche modo connessa a qualcosa di più “terra“, come le FIAT 500 del servizio Enjoy, il potenziale c’è quindi tutto, si tratta solo di capire quanto spingersi in là e quanto questo servizio faccia reale breccia nei cuori dei suoi utilizzatori.

Ciò che certamente non mi è piaciuto è l’insistenza e lo scadere rapido delle sessioni di login che richiedono un’autenticazione a due fattori che passa necessariamente da un SMS inviato sul numero che paga l’abbonamento (lo considero ormai superato, e preferirei un’applicazione 2FA più rapida per confermare la mia identità, come Authy e soci), ma anche la scarsità di dettagli della schermata di Guida Sicura (un livello calcolato sulla base del proprio stile di guida, velocità media, chilometri percorsi), c’è certamente ampio margine per arricchire il tutto, ma ci vuole tempo.

Essenziale invece, ma già corretta, la schermata riepilogativa che propone i percorsi fatti con relativo giorno, velocità media, tempo impiegato e tappe toccate. Ti propongo qualche schermata catturata dall’applicazione di V-Auto:

In conclusione

V-Auto è un bell’accessorio, lo ammetto, ero curioso già della sua prima versione nel 2014, questa nuova progettazione basata su 3 anni di feedback e ulteriore sviluppo è stata pensata e realizzata per un pubblico certamente più ampio, rimodulando anche il prezzo del servizio (i 3€ dell’epoca sono diventati oggi 5, con fatturazione ogni quattro settimane anziché mensile), che diventa parte importante di un monte spesa annuale che va a sommarsi con qualsiasi altro costo a rinnovo (Spotify, Netflix, ecc.).

Può essere il giusto alleato per accompagnare la vettura che compri per tuo figlio, ma anche una finestra sui tuoi spostamenti con possibilità di tracciare facilmente tempi e chilometraggi (comodissimo soprattutto per i rimborsi spese), con un occhio di riguardo alla sicurezza costituita dal plus del servizio SOS di Vodafone che viene gestito da sede, che interviene autonomamente in caso di incidente grave, mandando soccorsi nel più breve tempo possibile (cosa della quale io mi devo fidare rispetto a quanto mi ha detto Vodafone, perché di certo non ho intenzione di provarla volontariamente!).

Il gioco può valere la candela? Ciascun caso va analizzato a compartimenti stagni, non ho un parere secco che possa calzare in maniera universale. L’applicazione può e deve migliorare, credo che già a livello firmware (aggiornando il V-Auto connesso alla porta OBD) si possa fare più di quanto a disposizione oggi, ma sono certo che le carte verranno scoperte con il tempo.

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi le mie opinioni. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Vodafone, ho potuto tenerlo al termine dei test. Anche la SIM di test è stata fornita da Vodafone, viste le attuali limitazioni legate all'operatore (questa torna all'ovile).
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

EaseUS ha rilasciato un nuovo programma dedicato a tutti i possessori di sistemi Windows e dispositivi della Mela (iPhone e iPad, per capirci). Si tratta di EaseUS MobiMover, applicazione che promette di eseguire facili salvataggi e ripristini dei tuoi dati nel momento in cui ti toccherà cambiare il tuo smartphone o tablet.

EaseUS MobiMover: backup e ripristino degli "iDevice"

Stranamente disponibile solo per Windows, questa è completamente gratuita ma priva di supporto tecnico (quello è compreso nella sua versione Pro a pagamento, la licenza ha un costo di circa 40$ e promette anche aggiornamenti gratuiti a vita), puoi scaricarla tu stesso all’indirizzo easeus.com/phone-transfer/mobimover-free.html.

EaseUS MobiMover

Nonostante la localizzazione italiana non molto precisa, l’applicazione è immediatamente intuibile e semplice da utilizzare, anche perché le funzioni a disposizione sono 4, due delle quali permettono proprio il backup e il restore dei dati appoggiandosi al PC in uso (quello dove stai eseguendo MobiMover).

EaseUS MobiMover: backup e ripristino degli "iDevice" 1

Se devo pensare a un suo possibile utilizzo oltre quello del singolo utente che deve effettuare backup all’infuori di iCloud o iTunes (e in quest’ultimo caso lo capirei moltissimo, considerando la parchidermicità del prodotto Apple portato sui sistemi Microsoft!), tornerebbe molto comodo anche a chi deve –per lavoro o per mantenere rapporti familiari– effettuare più migrazioni di contenuti senza sporcare il proprio profilo o senza prendersi assegnazioni non corrette di dispositivi altrui (cosa che succede utilizzando iPhone / iPad non tuoi ma collegati al tuo iTunes).

Le operazioni sono tutte molto veloci ma non tutte funzionano come dovrebbero. Spostandoti infatti nell’ultima opzione disponibile nella schermata principale (quella chiamata “Costume“, nda), potrai esplorare e lavorare sulle singole voci che il programma è in grado di gestire, alcune delle quali inaccessibili perché bloccate dal fatto che tu faccia passare quei dati da iCloud (il programma chiede di disattivarlo temporaneamente o permanentemente se lo desideri, io lo sconsiglio caldamente se non sai quello che stai facendo), altre invece apparentemente senza spiegazione, come i messaggi SMS ricevuti / inviati e la cronologia di Safari, dati che non passano da iCloud:

Funzionano invece bene le voci relative a immagini (anch’esse solo se non soggette a Libreria iCloud sotto costante backup) e video, che potrai facilmente esportare sul PC o re-importare più comodamente rispetto alla classica cartella condivisa (ma in sola lettura) tramite iTunes, in questo caso è un nulla da eccepire.

Lanciando il backup dello smartphone (ho provato con il mio iPhone 6 aziendale) è stato ribadito il messaggio riguardante l’impossibilità di accedere ai contatti (e non solo) perché facenti parte del pacchetto in gestione a iCloud, ma è comunque potuto andare avanti (e a buon fine) portando fuori tutti gli altri dati, certo, a eccezione –confermata– di quelli che non mi spiego perché manchino all’appello:

EaseUS MobiMover è una soluzione ancora acerba per molti versi, che si basa su una buona idea seppur non ancora del tutto chiara e –soprattutto– non nuova rispetto al mercato dei numerosi competitor che mettono a disposizione prodotti di pari valore economico (quindi gratuiti, con magari un’offerta a pagamento che offre qualcosa in più) e già disponibili su più sistemi (penso a macOS, nda). La semplicità di EaseUS MobiMover è certamente un punto a suo completo favore, ma si può (e si deve) fare di meglio con la localizzazione (sarebbe carino) ma soprattutto con il corretto funzionamento di ogni singola voce dedicata ai dispositivi della mela morsicata.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Oggi voglio proporti un articolo già scritto, rivisto e pubblicato su IF Magazine (piattaforma di BNP Paribas Cardif), con la quale collaboro. Quella che leggerai qui di seguito è la versione originale, quella che ricalca fedelmente le mie idee, senza tagli, ma che -soprattutto- si rivolge a te, come se ci stessimo facendo una chiacchierata alla macchina del caffè, proprio come piace a me :-)

Il tuo corpo è unico, o per lo meno è raro trovare in giro quella combinazione di tratti somatici, voce e impronte che, messi insieme, restituiscono un risultato che possa essere confuso anche dall’occhio più attento.

Dapprima il PIN (storico, sempre esistito anche sulle prime carte SIM degli anni ’90), poi le password più complesse, e così le combinazioni, le impronte, la voce, il volto e molto altro ancora. Un solo scopo: sbloccare nel minor tempo possibile l’accesso lecito al nostro smartphone, lasciando fuori le persone indesiderate.

Dal fingerprint al riconoscimento facciale, com’è cambiata la nostra interazione con i device tecnologici?

Torna indietro un attimo

Contrariamente agli anni ’90 e i primi Motorola approdati qui da noi, sui quali le schede del monopolista italiano cercavano di non farsi infastidire poi troppo da un nuovo competitor rappresentato da una splendida modella australiana (te lo ricordi, vero? Gli anni passano anche per te, fattene una ragione), il trascorrere del tempo ha cominciato a far sentire la crescente necessità di proteggere quei contenuti sensibili che oggi, su smartphone ben più evoluti, costituiscono buona parte della nostra base dati, conoscenze, appuntamenti, quotidianità.

Il PIN della SIM (quest’ultima costituiva l’unico spazio di memoria occupabile, te lo ricordo) era assolutamente sufficiente a tenere lontano coloro che non dovevano poter accedere alla nostra rubrica e a quei primi “short message” (SMS); bastava semplicemente riavviare il telefono per attivare la protezione. La prima vera evoluzione porta il nome di Nokia, pioniere e autorità in un campo dove oggi viene ricordato più per quanto fatto in passato, che per quanto in cantiere in ottica contemporanea e futura.

iPhone, seguito poi a ruota da Android, costituisce l’ulteriore passo in avanti, stavolta gigantesco, che impone la fine della memoria disponibile nella carta SIM. Quello che può essere volgarmente chiamato ferro è in realtà qualcosa che è possibile cambiare in qualsiasi momento, perché il proprio numero di telefono segue la scheda SIM (non necessariamente la stessa di 10 anni fa, tanto per aggiungere carne al fuoco), e tutto ciò che costituisce il nostro mondo digitale trova spazio su programmi installati nel PC, quelli che ti hanno permesso di fare backup anni prima dell’avvento del Cloud.

E quindi?

E quindi oggi tutto ciò che ti rappresenta trova spazio –prima di tutto– nel tuo smartphone. La tua mail, i tuoi contatti, i tuoi ricordi. Proteggere questi dati diventa fondamentale e sono quindi nate nuove tecniche che provano a impedire accessi non autorizzati ai nostri quotidiani compagni di viaggio (tendo ormai a considerare così smartphone, tablet, PC).

Dico “provano” perché ogni medaglia ha una seconda faccia, e ogni tecnologia nasce insicura per definizione, o per lo meno ci sarà sempre qualcuno che farà di tutto per aggirare l’ostacolo, legalmente o meno.

Affidiamo tutto ai metodi di sblocco dei nostri gadget, un PIN numerico o una combinazione alfanumerica più complessa, una sequenza di trascinamento, un’impronta digitale, un volto, un occhio, la voce. Ognuno di questi ha potenzialmente una falla, spesso causata da noi utilizzatori. Perché se è vero che un’impronta digitale è di più difficile riproduzione, sembra lo sia molto meno una fotografia che inganna un controllo approssimativo del volto, o magari una lente a contatto che va a sorpassare il controllo dell’iride, una voce registrata il microfono. Il PIN, possibilmente complesso da indovinare ma facile per te da ricordare, continua a rimanere la tecnica di protezione migliore, quella spiaggia che –tanto per voler andare “off topic”– in America nessuno ti potrà chiedere di inserire per sbloccare forzatamente il tuo smartphone (contrariamente invece all’impronta digitale o all’iride) :-)

In attesa quindi che un futuro prossimo ci permetta di utilizzare il cuore per sbloccare il nostro dispositivo (sto parlando di questa notizia relativamente nuova), e con la speranza che questo sia il più sicuro dei metodi, non ti resta che scegliere un codice di sblocco alfanumerico complesso, non mettendoti in scacco da solo, ovvero:

  • il codice deve essere sì complesso, ma ricorda che dovrai utilizzarlo ogni volta che avrai bisogno del tuo dispositivo, non esagerare, potresti arrivare facilmente all’esaurimento nervoso e tirarlo dalla finestra;
  • evita di utilizzare dati che è possibile scoprire con estrema facilità nell’era di Facebook e dell’homo social, la tua data di nascita (così come quella di tua moglie o di tuo figlio) è da evitare come il maglione d’estate in spiaggia, giusto per rendere l’idea, e la stessa cosa vale per numeri di telefono, civici di casa o targhe automobilistiche, e per qualsiasi altro dato così alla portata di chiunque;
  • ti devi basare sul principio universale secondo il quale una password robusta è qualcosa di molto distante dall’associazione randomica di lettere e numeri che non hanno connessione alcuna. Te la faccio semplice: “Il cavallo bianco di Napoleone” è più sicura che “Eq2187.!_saju%$” (per i feticisti: 122 bits contro 91, eppure la prima è decisamente più semplice da ricordare);
  • l’impronta è e resta una buonissima alternativa in terra nostrana, perché è immediata e trova il suo backup nel codice di cui sopra;

Tutto chiaro?

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: