Archives For BitTorrent

Ormai ci siamo. Dal 2016 a oggi i ragazzi di Cubbit hanno percorso quella strada che gli ha permesso di prendere l’importante decisione di esporsi in pubblica piazza, su KickStarter, per dare via alla loro campagna di crowdfunding necessaria alla realizzazione in serie del prodotto che intendono lanciare per permettere a ogni utente di costruirsi un proprio spazio Cloud sicuro e protetto, ma soprattutto distribuito e non dipendente da quello che in gergo tecnico chiamiamo “Single Point of Failure“: la Cubbit Cell.

Cubbit è pronto a lanciare la campagna di Crowdfunding

Ti ho parlato del progetto una manciata di giorni fa in un articolo dedicato (Cubbit è il Cloud distribuito e sicuro che parla italiano), nel frattempo ho personalmente investito (e sto continuando a farlo) ore del mio tempo (e una piccola spesa per l’hardware necessario) per cercare di provare la soluzione quanto più possibile, identificando bug e segnalandoli tempestivamente, affinché un prodotto finito e pronto per il mercato non contenga grossolane anomalie che potrebbero inficiarne il giudizio finale e la semplicità d’uso da parte di chiunque.

Quello di oggi è un articolo più da birra e chiacchiere con chi in Cubbit ci ha messo anima, competenze e cuore (oltre che tempo e denaro). Ho chiesto ad Alessandro, uno dei fondatori, di raccontarmi com’è nato tutto questo, questo è un po’ il risultato della nostra chiacchierata virtuale:

Cubbit è nata nel marzo 2016 con l’ambiziosa idea di costruire il primo cloud senza data center proprietari. Siamo quattro soci con differenti background ma accomunati dalla passione per le novità e da tanta voglia di fare.

Potremmo dire che all’interno di Cubbit convivono due anime, quella tecnologica – rappresentata da Marco e Lorenzo che lavorano instancabilmente al software e all’architettura di rete – e l’anima più business oriented – rappresentata da me e Stefano, appassionati di innovazione e da tempo conoscitori del mondo startup.

Dopo aver avuto l’idea iniziale eravamo consci che il lavoro da fare sarebbe stato lungo e che la complessità del progetto avrebbe richiesto un impegno full time. Per questo motivo abbiamo aspettato la fine degli studi di tutti e quattro: a marzo 2016 dopo la laurea abbiamo concretamente iniziato a lavorare al progetto, investendo inizialmente 15.000 euro che ci avrebbero garantito la possibilità di avvalerci delle competenze di altri collaboratori necessarie per effettuare una fase esplorativa durata 4 mesi.

Essendo quattro giovani ragazzi appena usciti dal percorso universitario le difficoltà non sono mancate. All’inizio, ci siamo dovuti appoggiare ad una casa che era il nostro ufficio durante il giorno e un Airbnb di notte (dovevamo pur sempre pagare le bollette!). Non è stato facile, anzi, sono stati mesi duri ma il nostro progetto ha cominciato a prendere forma.

Mentre, lato tech, si scriveva notte e giorno il codice sorgente, io e Stefano, lato business, partecipavamo a numerosi bandi. Le soddisfazioni sono arrivate presto a ripagare gli sforzi di tutti noi. Prima abbiamo vinto il bando di Aster, poi il Myllennium Award, ottenendo 10.000 euro di premio e un viaggio al Boston Innovation Gateway che ci ha permesso di entrare in contatto con lo stimolante ambiente hi-tech statunitense. A dicembre 2016 è poi arrivata la “consacrazione” del progetto con la vittoria del Premio Nazionale Innovazione.

Da lì non ci siamo più fermati, e anzi abbiamo continuato a presentare il nostro progetto anche in ambienti internazionali. Siamo stati finanziati dall’Unione Europea tramite il programma Horizon2020 e subito dopo siamo stati i primi italiani ad essere investiti e accelerati da Barclays, banca UK, e Techstars a Tel Aviv in Israele, un ecosistema straordinario per le startup tecnologiche nascenti e che cerca sempre di premiare tecnologie che siano veramente “​distruptive​”.

Negli anni abbiamo ricevuto diverse proposte di trasferire la nostra sede all’estero (es. Tel Aviv) ci hanno detto spesso che spostandoci dall’Italia le nostre chance di successo sarebbero aumentate ma noi vogliamo dare il nostro contributo al nostro Paese. Siamo profondamente legati a questo: ci ha offerto un’ottima formazione e tante opportunità di crescita. Siamo convinti che il futuro del cloud possa essere made in Italy, e per questo abbiamo scelto di gettare le nostre basi a Bologna.

Ci piace pensare che il futuro del cloud possa essere made in Italy.

A inizio articolo ti parlavo del 2006 perché è proprio da lì che parte il team, volendo infatti riassumere le tappe più importanti della crescita del progetto Cubbit si potrebbe determinare una timeline di questo tipo:

  • Marzo 2016 – Cubbitnasce da quattro founders: Marco Moschettini, Lorenzo Posani, Alessandro Cillario e Stefano Onofri.
  • Dic 2016 Cubbit vince il premio nazionale italiano per l’innovazione (PNI), la ricompensa più significativa per le startup hi-tech del paese. Il mondo inizia a conoscere la nostra tecnologia, anche se è ancora scritta in C ++ e questo cambierà presto.
  • Febbraio 2017​– Cubbit va a Boston. Come parte del Myllennium Award vinto un paio di mesi prima, seguiti da un team internazionale di esperti in innovazione entriamo in contatto con lo stimolante ambiente hi-tech statunitense.
  • Giugno 2017​– Il software Cubbit è pronto per essere testato: viene lanciato un primo alpha test! Il primo neonato swarm di Cubbit è composto da 50 Raspberry Pi 3 sparsi per l’Italia.
  • Dicembre 2017 ​– Alla European MakerFaire di Roma comunichiamo pubblicamente il nostro alpha test e raccogliamo adesioni di appassionati di informatica e tecnologia che vogliono aiutarci a rimodellare il futuro del cloud. Il nostro stand è sopraffatto dalla folla e l’ultimo giorno di fiera ci viene assegnato il premio ​Maker of Merit​.
  • Gennaio 2018​– Più di 250 persone provenienti da 8 paesi si uniscono allo sciame degli Alpha tester. Grazie alla loro disponibilità e collaborazione i nostri programmatori riescono a testare il servizio e a migliorare l’user experience del software.
  • Apr 2018 L’Unione Europea riconosce l’innovazione e l’eco-sostenibilità del nostro cloud distribuito: Cubbit vince la prima fase del prestigioso programma Horizon2020.
  • Maggio 2018 Una grande notizia!. Dopo un lungo processo di selezione, Cubbit è stata scelta come innovazione all’avanguardia su cybersecurity da Techstars, uno dei 3 migliori acceleratori di startup al mondo, e Barclays, banca UK che sceglie di investire sul progetto. Il team vola a Tel Aviv per 4 mesi di un programma di altissimo livello condotto da mentor globali.
  • Ottobre 2018​– Un anno dopo, scegliamo ancora la Maker Faire Rome come luogo per annunciare il prossimo grande passo: la campagna di crowdfunding di Cubbit prevista per fine febbraio 2019.
  • Febbraio 2019 Lancio della campagna di crowdfunding su Kickstarter

In attesa della campagna

In attesa che la campagna abbia inizio (sarà mia cura aggiornare questo articolo e rilanciarlo su Twitter, LinkedIn e Reddit), quello che io posso fare è invitare uno dei lettori a provare la versione Alpha del software, a patto che questa persona abbia già a sua disposizione un Raspberry Pi 3 e un disco USB esterno, o almeno una chiave (sempre USB) con qualche GB di spazio da utilizzare esclusivamente per Cubbit (non meno di 16 ti direi, capirai in seguito il perché).

Ti inviterò all’interno di un forum attualmente privato dove troverai tutte le istruzioni per installare Cubbit sul Raspberry, così da poter cominciare da subito a giocare con il software e creare il tuo spazio sicuro in Cloud. Credo fermamente che i contributi possano aiutare a migliorare qualsiasi tipo di esperienza o prodotto, un paio di occhi e mani in più non possono certamente fare male. Ho un solo invito disponibile, dimmi perché dovrei scegliere proprio te, lascia un commento a questo articolo 😉 (mi rendo conto che il tempo è poco e che alcuni lettori vedranno questo articolo in seguito, mi spiace davvero, ma presto Cubbit sarà disponibile per tutti!).

A questo punto non mi resta che augurare a tutti un buon inizio di settimana.

26/2/19

L’ora della campagna KickStarter è stata annunciata!

Il tempo è terminato, non ti resta che partecipare alla campagna KickStarter che verrà lanciata ufficialmente oggi, alle 17:30! Se anche tu come me ti sei mosso “prima del dovuto” registrandoti sul sito di Cubbit per ottenere novità e promozioni in questa fase della campagna, allora potrai accedere a un particolare vantaggio sicuramente graidito. Copio e incollo riportando dalla mail originale (ovviamente evitando di fornire ulteriori dettagli per non sminuire ciò che è stato fatto dai “precursori“:

Siamo felici di annunciarti un vantaggio esclusivo, riservato solo a coloro che come te hanno deciso di entrare in contatto con Cubbit ancora prima di Kickstarter.

Scegli il pledge della tua Cubbit Cell su Kickstarter entro le prime 24h dal lancio e otterrai 50GB di spazio cloud extra sul tuo account!

Cubbit è pronto a lanciare la campagna di Crowdfunding 2

Per non arrivare tardi all’ora di lancio puoi tenere d’occhio il canale Telegram ufficiale del progetto (go.gioxx.org/cubbit-telegram) o decidere di farti recapitare i messaggi all’interno del tuo Facebook Messenger (go.gioxx.org/cubbit-messenger).

26/2/19

La campagna è Live!

Ci siamo, la campagna KickStarter è partita ufficialmente e le offerte per i Super Early Bee sono davvero molto allettanti (€199 per la Cubbit Cell con 512 GB di spazio disco a tua disposizione, €279 per quella da 1 TB). Puoi consultare tutti i dettagli all’indirizzo kickstarter.com/projects/cubbit/cubbit-reinventing-the-cloud.

In bocca al lupo ragazzi :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

La prima volta che ho sentito parlare di Cubbit ho pensato si trattasse dell’ennesima soluzione di Cloud Storage fedele a una formula tanto vincente quanto vecchia, quella strettamente legata alla citazione There is No Cloud: It’s just someone else’s computer (e lo stesso dicasi per Babbo Natale o il coniglietto di Pasqua, mi spiace). Nonostante io affidi al Cloud molti dei miei dati ai quali tengo particolarmente (e che mantengo in backup anche su un NAS locale), sono sufficientemente consapevole che un attacco ben congegnato ai danni degli utilizzatori di uno o più servizi molto conosciuti possa fare reali e importanti danni (come già dimostrato e parzialmente successo in passato).

Cubbit è il Cloud distribuito che parla italiano

In cosa differisce quindi questo progetto nato in Italia? Nel fatto che quell’else’s computer si trasforma in una moltitudine di nodi distribuiti all’interno dei quali nessuno può sbirciare secondo quanto dichiarato, Cubbit viene presentato come un cloud peer-to-peer: zero necessità di conoscenze tecniche, zero abbonamenti ed ecocompatibile, da un team che ha sede a Bologna e Tel Aviv (in Israele) e che si ritrova a collaborare anche con il CERN. La compagnia è finanziata da Techstars, Barclays e dalla Commissione Europea tramite il programma H2020, così come dal progetto europeo “Climate Kic” dedicato all’ecosostenibilità.

Cubbit è il Cloud distribuito che parla italiano 3

Decentralizzazione

Cubbit è il Cloud distribuito e sicuro che parla italiano

È questa la parola chiave di un progetto che mira a eliminare quell’intermediario costituito oggi da una miriade di Data Center sparsi per il globo, all’interno dei quali trovano spazio i server che contengono i dati di ciascun utente che utilizza servizi competitor come Dropbox, Box o OneDrive di Microsoft (ma non solo, la lista è ormai lunga). La privacy è generalmente garantita da chi il servizio lo rende disponibile e si accerta che rimanga al riparo da ogni possibile abuso, accertandosi così che i dati di ciascun utente non vadano a finire in mano a degli sconosciuti non autorizzati, ma allo stato attuale nessuno può realmente garantire che questo accada (con la GDPR qualcosa si muove, almeno in Europa).

Ciò che Cubbit afferma di voler raggiungere è un rimescolamento delle carte, una decentralizzazione dei Data Center grazie a un hardware che chiunque può ospitare tra le mura di casa propria, risparmiando risorse inutilizzate (CPU, banda e storage) e garantendo una privacy dei dati che sta a cuore ormai a noi tutti.

Cubbit a oggi è poco più di un sito web e una sperimentazione software nell’attesa che la campagna KickStarter parta nel corso di questo mese e permetta di raccogliere i fondi necessari per la preparazione dell’hardware che consentirà a tutti di costruirsi il proprio Cloud in maniera alternativa, tramite le Cubbit Cell; è grazie a questa che – una volta collegata alla rete – si potrà iniziare a utilizzare il servizio in maniera completamente gratuita (sì, per sempre).

La Cubbit Cell

Cubbit è il Cloud distribuito che parla italiano 2

La cella permette di entrare a far parte della rete p2p di Cubbit e necessita di alimentazione e connessione di rete stabile (LAN) per funzionare. Premesso ciò, si avrà così accesso a:

  • (fino a) 4 account: all’utente vengono garantiti fino a 4 account (l’esigenza media di una famiglia). Nell’eventualità tu non avessi necessità di tutti gli account potrai sempre pensare di acquistare in gruppo la Cubbit Cell e dividere le spese, che male non fa.
  • Espandibilità: la Cubbit Cell è espandibile fino a 4 TB di spazio cloud semplicemente collegando un altro Hard Disk via USB. Per ogni GB di spazio fisico che l’utente aggiunge alla Cubbit Cell, metà di quello viene trasformato in cloud e reso disponibile all’utente. Occhio, è un passaggio importante per fare il giusto calcolo, ottenere 4 TB di spazio in Cloud ti costerà 8 TB di disco fisicamente attaccato alla cella. Questo è un passaggio attualmente obbligato che in futuro prossimo potrebbe però cambiare.
  • Zero-knowledge: la Cubbit Cell non salva i file dell’utente nella loro interezza, ma solo pezzi criptati dei dati che sono stati caricati (secondo un ragionamento che ti viene spiegato meglio qualche riga più in basso). Per completezza occorre specificare che la Cubbit Cell non salva neanche la tua password, da nessuna parte, il tutto per garantire un più alto livello di sicurezza.

Cubbit è il Cloud distribuito che parla italiano 4

Allo stato attuale Cubbit garantisce l’uso della sua soluzione tramite un’applicazione web che è chiaramente compatibile con Desktop e Mobile (lo stretto indispensabile per poter operare a oggi). Seppur non esista ancora nulla di pubblicamente accessibile, un video su YouTube ti permette di dare una sbirciata a ciò che c’è in cantiere (già funzionante).

Privacy

Leggo e riporto qui di seguito:

Con Cubbit, la privacy è un diritto fondamentale, non un optional a pagamento. Ogni file caricato sulla Cubbit Cell è criptato con AES-256, un protocollo di sicurezza militare, e poi spezzettato e distribuito in modo sicuro attraverso la rete p2p attraverso canali criptati end-to-end. Solo l’utente la chiave per decifrare e accedere ai suoi file. Inoltre, Cubbit rende i dati dell’utente indistruttibili, dal momento che essi risiedono su una rete distribuita, non in una banca dati centralizzata. Infine, l’architettura è 10 volte più ecocompatibile di un servizio di cloud storage tradizionale, con profonde implicazioni sull’inquinamento globale: per ogni 1000 terabyte di dati salvati su Cubbit, il mondo risparmia 100 tonnellate di CO2 ogni anno. In altre parole, ogni 4 terabyte Cubbit risparmia l’energia consumata da un frigo.

“È ora di alzare l’asticella del cloud – dice Stefano Onofri, CEO di Cubbit – con Hotmail abbiamo smesso di pagare per le email, con WhatsApp abbiamo smesso di pagare per gli sms. Con Cubbit smetteremo di pagare per il cloud storage.” Una visione realizzabile grazie alla tecnologia di Cubbit. “L’architettura dell’intero sistema è zero-knowledge – dice Marco Moschettini, CTO – perché è progettato per non avere accesso alla password dell’utente. Grazie a questo, i dati dentro Cubbit non possono essere rubati dal momento che sono distribuiti e protetti dai più avanzati strumenti crittografici.”

“Cubbit cambia l’infrastruttura del cloud” aggiunge Alessandro Cillario, COO. “Il nostro data center distribuito schiaccia le piattaforme cloud tradizionali in termini di costi, sicurezza ed efficienza energetica. Questa è la ragione per cui il nostro servizio cloud può contare su grandi vantaggi competitivi rispetto a giganti come Dropbox. “Grazie al nostro algoritmo di machine learning” commenta Lorenzo Posani, CSO, “evitiamo trasferimenti di dati sulle lunghe distanza che, in molti casi, consumano tanto quanto lo stesso storage. Paragonati con le piattaforme cloud centralizzate, Cubbit ha un impatto ambientale estremamente ridotto: -90% (dieci volte meno) sul mantenimento dati e – 50% (due volte meno) sul loro trasferimento. Fornisce dunque un esempio di come un cambio radicale di paradigma può beneficiare sia il consumatore finale che la società nel suo insieme.”

TL;DR per chi non vuole perdersi in quanto scritto nel comunicato stampa: Cubbit utilizza il protocollo AES-256 per proteggere i dati caricati online, i quali potranno essere decodificati esclusivamente tramite una chiave in possesso del solo proprietario dei dati stessi. Quei dati, per evitare il più classico dei Single Point of Failure, saranno spezzettati e caricati nella rete p2p creata dalle varie Cubbit Cell collegate a Internet e sparse per il globo, assicurandoti così che non si possano distruggere a causa di una rottura disco (cosa assai comune ai tempi d’oggi).

In conclusione

Tante domande e voglia di mettere alla prova questa tecnologia e la relativa applicazione, ancora poco a disposizione se non la speranza di avere tra le mani una Cubbit Cell appena possibile. Dopo aver preso contatto con il team di Cubbit dovrei avere presto accesso alla WebApp e a qualche GB a mia disposizione per iniziare a operare sulla piattaforma, così da capire pregi e difetti di un prodotto che vuole davvero rivoluzionare il modo di intendere il Personal Cloud, offrendo la possibilità a tutti di entrare in famiglia e rispettando la privacy dei dati.

A questo punto non mi resta che rimandarti al sito web ufficiale dove potrai – ancora per poco – iscriverti alla newsletter e ricevere un codice sconto che ti permetterà di risparmiare 100€ sull’acquisto della tua cella su Kickstarter (199€ anziché 299€). Sempre sul sito web della società troverai anche una serie di domande e risposte che potrebbero già oggi darti qualche informazione in più sul funzionamento di Cubbit e sulla sopravvivenza della rete p2p dedicata alla distribuzione, conservazione e protezione dei tuoi dati.

Se fai parte di coloro che sono già pronti ad acquistare la Cubbit Cell su KickStarter fammelo sapere con un commento a questo articolo, io dal canto mio tenterò di riportare aggiornamenti e novità sul progetto appena queste saranno disponibili! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Niente panico, non c’è nulla di nuovo sotto alla luce del sole per ciò che riguarda il noto provider di proprietà svizzera, e non ti sei perso nessuna eclatante novità. Si parla del FASTGate di Fastweb, il modem che la società consegna ai suoi clienti che sottoscrivono oggi un nuovo abbonamento, oppure a un vecchio abbonato che richiede un upgrade alla rete Gigabit che necessita di un diverso apparato rispetto a quello usato precedentemente per una FTTH di livello inferiore (questo è il mio caso, nda).

Dopo averci giocato un po’ posso parlartene e capire se anche tu (se sei cliente Fastweb) mugugni pensando ai miei stessi dubbi e problemi.

Una panoramica sul FASTGate di Fastweb

Doverosa premessa: mi sento parte dell’idea e movimento #modemlibero, quindi tieni conto del fatto che tra un modem imposto e uno che scelgo io, preferirò sempre e comunque il secondo citato. È il motivo principale per il quale da anni ho scelto di installare e configurare un router a cascata allacciato a quello scelto dal provider (a prescindere dal provider, che –esulando dal mio caso– non è sempre stato Fastweb). Qui trovi gli aggiornamenti in merito alla petizione.

FASTGate

Grosso, davvero. Abituato al precedente Technicolor TG1100 che occupava lo spazio considerato standard nel mondo dei modem, il nuovo FASTGate di Fastweb è davvero molto grande (Askey RTV1907VW, nda). Sicuramente più slanciato perché pensato per stare fronte sala (posizionamento verticale, si volta pagina rispetto a quel passato fatto di orizzontalità), mette in bella mostra il suo logo corporate e i led ad alta luminosità che sei pressoché costretto a spegnere durante le ore serali per evitare di illuminare a giorno i pressi della posizione che hai scelto per lui.

Una panoramica sul FASTGate di Fastweb 1

Dotato di ogni comfort, propone sulla parte posteriore più nascosta alla vista (in basso, più vicino alla sua base di appoggio) quattro porte di collegamento ethernet gigabit (la quarta può essere utilizzata come porta WAN), due prese telefoniche che serviranno per altrettanti terminali in casa (ammesso tu abbia un contratto voce e ti interessi essere martoriato da chi vuole vendere la qualsiasi), un attacco ADSL / FTTC Rj45 (per chi non è raggiunto ancora da FTTH) e due porte USB 3.0 che puoi utilizzare per condividere / mostrare sul televisore (ammesso sia connesso alla rete di casa) contenuti multimediali da un disco esterno (o una chiave USB), o magari fungere da “NAS” basilare (personalmente sconsigliato, a ognuno il suo mestiere). Volutamente vicini troverai l’attacco dell’alimentazione e il pulsante di accensione. Considera che una volta alimentato il modem partirà automaticamente, quel pulsante non lo utilizzerai praticamente mai e finirai per dimenticartene.

Una panoramica sul FASTGate di Fastweb 2

immagine originale: alessioligabue.it

Non stai sbagliandoti, hai notato bene, non esiste l’attacco nativo in fibra per FTTH che nel Technicolor era presente all’appello proprio nella parte posteriore, già pronto per l’uso. Il FASTGate ha l’attacco in fibra diretto, ma è laterale, e richiede un connettore SFP (qui c’è una base documentale di networking per tutti, anche se sei completamente a digiuno) che ti verrà fornito insieme al modem, evitandoti un’ulteriore spesa. Esteticamente è un vero pugno in un occhio, senza considerare la possibilità che qualcuno in famiglia strappi sbadatamente quel delicato cavo in fibra ottica, che –forse lo saprai già bene– è estremamente sensibile ai maltrattamenti.

Una panoramica sul FASTGate di Fastweb 3

stavolta la foto è originale, ho anche approfittato stupidamente del mio riflesso :-)

Configurazione

In sintesi: tutto molto lineare e abbastanza semplice per chiunque. Per alcune voci in particolare la facilità è realmente troppa (e limitante per chi invece è abituato a plasmare le proprie preferenze), ma posso comprendere che si voglia dare modo a tutti di poter mettere le mani dentro al cofano. Per questo motivo appena riportato, ci sono impostazioni che non potranno essere toccate, come la modifica dei DNS distribuiti via DHCP, oppure la possibilità di fare un aggiornamento del firmware, un backup delle proprie impostazioni e un restore in futuro (si può sempre errare e rimediare in autonomia, ma non è questo il caso). Tutta una serie di dettagli che non passano certamente inosservati all’occhio un pelo più attento e più schizzinoso (in pratica ai rompiscatole come il sottoscritto).

Un riepilogo a colpo d’occhio

La home page del modem ti presenta un resoconto di quello che riguarda la tua connessione: velocità di allineamento, dispositivi online, stato delle spie LED e Parental Control. Ogni funzione è immediatamente richiamabile dalla colonna di sinistra e, almeno nel riepilogo, potrai tu stesso scegliere l’ordine dei box mostrati, così da dargli un tocco di priorità secondo tuo gusto:

Una panoramica sul FASTGate di Fastweb 4

WiFi

Dual band a 6 antenne, 802.11n (2×2@2,4GHz) e 802.11ac (4×4@5GHz) con possibilità di trasmettere un solo nome rete e quindi lasciare ai tuoi dispositivi il compito di spostarsi tra la rete a 2,4 GHz e quella a 5 GHz secondo disponibilità, dove quest’ultima è la più performante (nonché libera, considerando la moltitudine di canali disponibili) ma anche quella più schizzinosa sulla distanza.

Ho disabilitato entrambe le WiFi di Fastweb (rinunciando così anche al WOWFI fuori casa, forse unica pecca) perché preferisco che se ne occupi il mio router a cascata. Posso però dirti che durante i test eseguiti, la rete ha funzionato bene così come il passaggio tra i due segnali, sempre rapido e corretto, pur non superando di molto i 200Mbit/s in download e altrettanti in upload (quest’ultimo quindi più pronto al suo esame, considerando che che ha raggiunto il massimo picco disponibile di banda).

Il router permette inoltre di creare una rete ospiti per tenere fuori dalla risorse locali coloro che verranno a trovarti e ti chiederanno un accesso veloce a internet per evitare di consumare i GB del loro piano dati. Anche la rete ospiti può trasmettere un solo SSID ma andare sui canali a 2,4 e 5 GHz.

Puoi, dalla schermata “Connessione“, dare un’occhiata al canale selezionato automaticamente per la tua rete (sia principale, sia ospiti, per entrambe le tecnologie 802.11xx), scelto in base all’occupazione da parte delle altre reti senza fili che ti circondano. Puoi ovviamente scegliere di imporre tu un tuo canale, ma a quel punto perdi il vantaggio di rimanere in quello un po’ più scarico, rischiando di ottenere maggiore disturbo e meno resa della tua linea.

Promosso.

Dispositivi

Una schermata dedicata ai dispositivi di ogni rete configurata sul FASTGate (sia essa cablata o senza fili, escludendo ciò che viene riservato per WOWFI, nda), un riepilogo che ti permette immediatamente di capire chi sfrutta la tua connessione, con in più il vantaggio di poter velocizzare la connessione del singolo dispositivo o fermarla completamente secondo un proprio criterio precedentemente stabilito (vale anche sul momento). Per esempio potresti decidere di impedire al PC di tuo figlio di navigare in un determinato intervallo di tempo, oppure dedicare priorità e maggiore “gas” alla console mentre decidi di giocare online in multiplayer.

Messa così, sembra tutta rose e fiori, e invece no. Già qui individuo un qualcosa per me fastidioso, ovvero l’impossibilità di rimuovere dalla rete un dispositivo che magari non è più in uso da tempo (o che prevedi non tornerà dalle tue parti per molto tempo). Puoi rimuovere un dispositivo dal gruppo Famiglia, ma non cancellarlo completamente dalla storia del FASTGate. Vorrei che la società lasciasse decidere me, permettendomi di gestire come preferisco i dispositivi associati almeno una volta al mio modem.

Bocciato.

Avanzate

Il vero cuore pulsante di qualsiasi dispositivo tecnologico, che dovrebbe permettere alle persone un pelo più pratiche di modificare il comportamento del prodotto, tenendo le altre a debita distanza se non “accompagnate“, un po’ come i bollini dei film che Mediaset applicava (o applica tutt’oggi, è una vita che io e Ilaria non guardiamo la TV tradizionale).

Oltre al Parental Control (che viene qui riproposto perché è laddove realmente trovano spazio le sue opzioni e personalizzazioni), trovi anche la restrizione degli accessi per determinati MAC Address (puoi impedire quindi a determinati device di utilizzare la connessione del FASTGate), la configurazione delle porte (Port Mapping, sia semplice che avanzato, il primo differisce dal secondo per una serie di proposte già confezionate da Fastweb), comprese quelle USB (DLNA, Print Server o disco di rete da condividere) e Mobile backup, per permetterti di utilizzare il piano dati di una SIM in caso di down della rete Fastweb (sarà necessario usare un modem USB compatibile).

Una panoramica sul FASTGate di Fastweb 5

Trovi, sempre nella stessa sezione, la configurazione della tua LAN ed eventuali reservation DHCP che ti permetteranno di assegnare sempre lo stesso IP a dispositivi ben precisi, come ho fatto io con il router a cascata (un Fritz!Box 7590 di cui presto ti parlerò). Minimo essenziale senza troppa personalizzazione, alcune impostazioni sono decise a tavolino dal provider e tu non potrai toccarle, male.

Promosso, con il più classico dei debiti formativi.

Modem

Una panoramica sui led di servizio, eventuali errori e verifiche delle reti WiFi (2,4 e 5 GHz) e delle porte in uso, con relativa velocità per quelle di rete. È qui che potrai inoltre trovare la possibilità di schedulare lo spegnimento dei led del modem per un certo intervallo di tempo (oppure h24/365 giorni all’anno).

Non preoccuparti per l’errore lamentato dall’interfaccia nel caso in cui tu abbia deciso di non usare le reti WiFi di FASTGate, ovviamente si tratta di un falso allarme e l’errore non esiste, se sei stato tu a decidere questa configurazione:

Una panoramica sul FASTGate di Fastweb 6

Promosso (?), non si poteva inserire queste informazioni nello specchietto riepilogativo iniziale e la gestione dell’illuminazione nelle Avanzate?

Informazioni

Scheda tecnica e possibilità di riavvio del modem. Nulla più. Non una possibilità di portare il modem alle impostazioni di fabbrica, di fare backup delle proprie personalizzazioni, di fare un upgrade del suo firmware che potrà quindi essere eseguito solo dall’assistenza tecnica del provider, che per limpidi motivi non la farà mai se non necessario e/o interpellata dal cliente, per la legge del “se funziona, lascia che continui così“. Non puoi fare un restore nel caso in cui tu abbia sbagliato a effettuare una o più personalizzazioni e necessiti quindi un salto nel passato.

È un po’ un messaggio del tipo “puoi fare poco, ma stai attento lo stesso, altrimenti ti arrangi o ti affidi al supporto, con i suoi tempi e modi“, e spero che tu lo colga molto bene se non sai cosa stai per fare, anche se di danni grossi non puoi certo combinarne. Mi manca poter mettere mano ai DNS, potermi salvare una configurazione certamente funzionante, dare una regolata al motore oltre quanto fatto lato provider.

Bocciato.

Varie & Eventuali

Se volessi raccontarti qualcos’altro di FASTGate potrei dirti che c’è chi –evidentemente confuso dalle voci non spiegate e ingannevoli per chi non è abituato a masticare di networking– pensa che il Gigabit offerto dal provider arrivi a essere simmetrico nelle velocità di upload e download (storia vera, vissuta sulla mia pelle), dato affatto veritiero considerando che l’attuale migliore offerta è costituita dal Gigabit (ben specificando “fino a“) in download e 200 Mbit/s in upload, un’accoppiata che comunque merita massimo rispetto in una nazione digitalmente divisa per questione di metri (ancora sorrido pensando all’appartamento dove io e Ilaria abitavamo prima, non raggiunto da fibra contrariamente al civico successivo e precedente).

Io il Gigabit l’ho richiesto e aspettato parecchi mese per averlo, continuando a usufruire di una rete a 100Mbit/s in download (FTTH) che non ha mai perso un colpo e che raggiungeva nel 99% dei casi il suo apice massimo, mantenendo poi l’upload a 50Mbit/s anch’essi sempre presenti all’appello. Da quando ho questa nuova fibra (lavori Open Fiber) sono sì soddisfatto, ma deluso sul piano del rapporto prestazionale che avevo messo sul piatto della bilancia per confrontarlo con quanto fatto dalla precedente offerta fino a oggi.

In WiFi non supero i 150Mbit/s (e se lo faccio, accade raramente), nonostante non ci siano limitazioni lato router (né principale, né a cascata) o dispositivi utilizzati per i test (tutti provvisti di schede / chip WiFi perfettamente compatibili con il 5GHz e che in altri contesti superano tranquillamente le quote di questo abbonamento), e via cavo non supero i 600 Mbit/s, nonostante tutto il cablaggio sia nuovo di pacca e i lavori “profumano ancora di fresco“, con un allineamento che sfiora i 930Mbit/s simmetrici.

E quindi? E quindi bene, ma non benissimo. Quello che non posso certamente fare è aprire una richiesta di supporto per segnalare una linea malfunzionante, perché

Ora tocca a te. Sei cliente Fastweb? Se sì, come ti trovi? Hai potuto anche tu approfittare dell’offerta FTTH Gigabit o magari della rete 100Mbit/s VULA (FTTC, in collaborazione con altri provider del nostro territorio)? Parliamone, sono curioso di conoscere il tuo parere in merito alla rete e al FASTGate che ti è stato affidato (occhio però, parliamone civilmente, senza scaldare troppo gli animi e senza offendere nessuno, che non serve a nulla se non a fare sterile polemica!) :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

La quantità di materiale a disposizione dei possessori di NAS Synology è impressionante. Ci sono community in grado di utilizzarlo per cuocerci due uova e una bistecca al sangue, persone che non si arrendono certo davanti a una commerciale impossibilità (o mancata volontà) di integrare alternative a software ufficiali supportati dalla casa madre. A tutto questo io aggiungerei un “per fortuna“.

Qualche mese dopo l’acquisto del mio Synology DS216j, posso ritenermi tutto sommato soddisfatto di quanto messo in piedi (fa forse eccezione la scelta –sbagliata– del taglio disco da mettere in RAID 1, potendo tornare indietro metterei nel carrello da subito due dischi da 4 TB anziché da 2), e soprattutto sono molto contento di quanto si possa personalizzare il prodotto secondo le proprie esigenze. In questo articolo, ti voglio spiegare come passare a un eMule Adunanza, distribuzione custom dedicata agli abbonati Fastweb e certamente più rapido dell’eMule presente di fabbrica sul prodotto Synology (non solo il mio DS216j).

Synology: nuovi repository e file di ricerca 2

aMule AdunanzA

Ricorda che tutto il mio test (e relativo articolo) hanno fatto leva su un NAS con processore ARM, non posso quindi fare test (e darti istruzioni) per un’architettura diversa, basata per esempio su Intel. Detto ciò, basandomi sulla guida originale del 2016 ancora disponibile nel forum di AdunanzA (forum.adunanza.net/t/installare-amule-adunanza-su-synology-arm/9392), ho fatto accesso al mio NAS e sono passato all’utente di root.

Per farlo (con le versioni di DSM attuali) dovrai accedere al NAS in SSH e utilizzare il sudo -i, comando che richiederà di inserire la password dell’amministratore che solitamente utilizzi per entrare sull’interfaccia web.

ATTENZIONE: io, se posso darti un consiglio, eviterei di utilizzare l’utente root e creerei un account a parte, da utilizzare per installare e poi gestire aMule AdunanzA anche in seguito. Ho fatto così in seguito ai test eseguiti da root.

Se è la prima volta che utilizzi l’utente di root, riceverai un messaggio di Synology che ti inviterà a fare attenzione a ciò che tocchi:

We trust you have received the usual lecture from the local System
 Administrator. It usually boils down to these three things:
 #1) Respect the privacy of others.
 #2) Think before you type.
 #3) With great power comes great responsibility.

Appurato ciò, si passa all’installazione degli aggiornamenti dei pacchetti IPKG:

AduUser@Syno:~# feed=http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable
AduUser@Syno:~# ipk_name=`wget -qO- $feed/Packages | awk '/^Filename: ipkg-opt/ {print $2}'`
AduUser@Syno:~# wget $feed/$ipk_name
--2017-05-01 16:41:55--  http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/ipkg-opt_0.99.163-10_arm.ipk
Resolving ipkg.nslu2-linux.org... 140.211.169.161
Connecting to ipkg.nslu2-linux.org|140.211.169.161|:80... connected.
HTTP request sent, awaiting response... 200 OK
Length: 74474 (73K) [text/plain]
Saving to: 'ipkg-opt_0.99.163-10_arm.ipk'

100%[==========================================================>] 74,474       219KB/s   in 0.3s

2017-05-01 16:41:56 (219 KB/s) - 'ipkg-opt_0.99.163-10_arm.ipk' saved [74474/74474]
AduUser@Syno:~# tar -xOvzf $ipk_name ./data.tar.gz | tar -C / -xzvf -
./data.tar.gz
./
./opt/
./opt/bin/
./opt/bin/ipkg
./opt/bin/ipkg-opt
./opt/bin/update-alternatives
./opt/etc/
./opt/etc/ipkg.conf
./opt/lib/
./opt/lib/libipkg.so
./opt/lib/libipkg.so.0
./opt/lib/libipkg.so.0.0.0
./opt/share/
./opt/share/ipkg/
./opt/share/ipkg/intercept/
./opt/share/ipkg/intercept/depmod
./opt/share/ipkg/intercept/ldconfig
./opt/share/ipkg/intercept/update-modules
AduUser@Syno:~# mkdir -p /opt/etc/ipkg
AduUser@Syno:~# echo "src cross $feed" > /opt/etc/ipkg/feeds.conf
AduUser@Syno:~# /opt/bin/ipkg update
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/Packages
Updated list of available packages in /opt/lib/ipkg/lists/cross
Successfully terminated.

Quindi si scarica e si installa aMule AdunanzA, pacchetto disponibile anch’esso sul forum (l’ho scaricato precedentemente e messo in una cartella del NAS, la “Download“, così da raggiungerlo facilmente via SSH). Tu puoi ottenerlo da qui o in alternativa prendendo la copia che ho caricato su box (app.box.com/s/bcrnvq0m9uegrsvcf3q03oqdwn3jyub9):

AduUser@Syno:~# cd /volume1/Download/
AduUser@Syno:/volume1/Download# /opt/bin/ipkg install amuleadunanza-svn_rev531-2014.1_arm.ipk
Installing amuleadunanza-svn (rev531-2014.1) to AduUser...
package libupnp suggests installing ushare
Installing libstdc++ (6.0.9-6) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/libstdc++_6.0.9-6_arm.ipk
Installing wxbase (2.8.12-1) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/wxbase_2.8.12-1_arm.ipk
Installing expat (2.0.1-1) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/expat_2.0.1-1_arm.ipk
Installing zlib (1.2.5-1) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/zlib_1.2.5-1_arm.ipk
Installing libpng (1.2.44-1) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/libpng_1.2.44-1_arm.ipk
Installing libgd (2.0.35-6) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/libgd_2.0.35-6_arm.ipk
Installing libjpeg (6b-3) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/libjpeg_6b-3_arm.ipk
Installing freetype (2.3.6-1) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/freetype_2.3.6-1_arm.ipk
Installing fontconfig (2.8.0-0) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/fontconfig_2.8.0-0_arm.ipk
Installing gconv-modules (2.5-1) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/gconv-modules_2.5-1_arm.ipk
Installing libupnp (1.6.6-1) to AduUser...
Downloading http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/libupnp_1.6.6-1_arm.ipk
Configuring amuleadunanza-svn
Configuring expat
Configuring fontconfig
Configuring freetype
Configuring gconv-modules
Configuring libgd
Configuring libjpeg
Configuring libpng
Configuring libstdc++
Configuring libupnp
Configuring wxbase
Configuring zlib
Successfully terminated.

Il primo avvio di aMule AdunanzA servirà a verificare che tutto sia andato a buon fine ma, soprattutto, a permetterti di generare i file di configurazione che andranno in seguito modificati per poter ottenere un software che rispetti le tue esigenze e i tuoi criteri d’uso (cambio di porte da utilizzare, attivazione dell’interfaccia web, ecc.):

AduUser@Syno:/opt/bin# ./amuled -f
2017-05-01 16:50:17: Initialising aMuleDAdunanzA MOD based on aMule SVN compiled with wxBase v2.8.12 and Boost 1.56 (Snapshot: rev. 531) AdunanzA 2014.1b1
2017-05-01 16:50:17: Checking if there is an instance already running...
2017-05-01 16:50:17: No other instances are running.
2017-05-01 16:50:17: ListenSocket: Ok.
2017-05-01 16:50:17: amuled: forking to background - see you

Torna sul forum e dai un’occhiata al paragrafo 7 (7. CONFIGURAZIONE amuleAdunanza) per capire come procedere e cosa toccare. Io ho configurato il mio aMule per partire su porti differenti rispetto allo standard (già utilizzate da un altro client in casa). Ricorda che dovrai sempre e comunque toccare la configurazione del tuo router per permettere una corretta comunicazione con l’esterno, ma quello è un altro discorso e spero tu lo conosca già (la stessa sorte vale per il firewall integrato in Synology, se lo utilizzi, nda).

Per snellirla un po’, puoi evitare di scaricare le liste server e nodi, non ti servono, puoi sempre caricarle in un secondo momento o appoggiarti a quelle già disponibili, ti basteranno per partire.

Trovi ulteriori riferimenti ai file di configurazione (per poter utilizzare aMule senza GUI) all’indirizzo stefano.dscnet.org/a/amuled_amule_senza_gui. Ora, ammesso che non ci siano errori, sei pronto per avviare ancora una volta il demone di aMule, e subito dopo quello della sua interfaccia di amministrazione web (altrimenti diventa più difficile amministrarlo per chi non si destreggia più di tanto con la riga di comando, nda). Ammesso che tu ti sia spostato già nella /opt/bin, dove hai installato aMule AdunanzA, i comandi per lanciare ciò che ti serve sono ./amulewed -f e ./amuleweb.

Al comando che avvia amuleweb ho notato che serve indicargli la password come parametro da riga di comando, la stessa che ti servirà per accedere poi all’interfaccia web (appunto). Per facilitarmi la vita, ho preparato un piccolo script da tenere a portata di mano sul NAS, il quale può avviare, spegnere o riavviare i servizi dedicati ad aMule:

Update

Ho aggiornato lo script includendo anche la possibilità di riavviare il solo servizio relativo all’interfaccia web di aMule, talvolta capita che questa vada in crash a causa delle elevate risorse richieste. Ho aggiunto il comando restartweb (già che c’ero ho anche messo a posto qualcosina, pura estetica e nulla più) :-)

L’utilizzo (se sei abituato a convivere con questo genere di roba) è semplice. Lo richiami tramite ./aMuleStart.sh (dopo averlo reso eseguibile, nda), seguito da start (per far partire i processi che ti servono), stop (per terminarli) o restart (per fermare e avviare da zero i processi). Lo script è chiaramente da tenere a portata di mano per poterlo richiamare facilmente da prompt SSH (la cartella home dell’utente che hai creato per installare e far partire aMule AdunanzA può essere la giusta scelta).

Se –ancora una volta– non ci sono stati errori, potrai finalmente aprire il tuo browser e puntare all’IP del tuo NAS, porta 4711 (a meno che tu non l’abbia cambiata, cosa che ti consiglio di fare) :-)

Synology qualche mese dopo: Adunanza, nuovi repository e file di ricerca

Da qui in poi, nonostante si tratti di un’interfaccia molto più spartana rispetto a quella del client proposto sui sistemi Microsoft (e per certi versi anche più di quella proposta da Synology), potrai aggiungere download da eseguire, nuovi server, ecc. Ci sono alcuni bug, le statistiche non sono sempre ben visibili, ma il suo lavoro lo porta a termine correttamente, e se hai fatto tutto questo perché sei cliente Fastweb con necessità di far lavorare AdunanzA, noterai seri miglioramenti rispetto a quanto fatto con il modulo integrato nel DSM.

Nuovi repository

Che poi è un po’ un tornare all’introduzione di questo articolo, e capire sin da subito che il mondo va ben oltre quello che propone Synology tramite il Centro Pacchetti “di base“. Ci sono decine di porting per applicazioni che siamo abituati a vedere funzionare su sistemi Linux non embedded come quello di questo NAS, ed è assolutamente facile varcare quella soglia volutamente (e giustamente, aggiungerei) imposta dal produttore.

Allo stato attuale, i contributi scaricabili dalla comunità arrivano a superare i 100 pacchetti, tutti alla portata di clic (e successiva configurazione secondo proprie esigenze), tutti raggiungibili andando a modificare quella lista di repository che tu stesso puoi popolare andando nel Centro PacchettiImpostazioniPacchetti sorgente:

Synology qualche mese dopo: Adunanza, nuovi repository e file di ricerca 1

Trovi diversi riferimenti in internet dove è possibile capire cosa propongono i repository Synology amatoriali (e non), prova a dare un’occhiata al sito italiano dedicato (qui trovi una discussione ad-hoc), o magari a quello ufficiale (qui in particolare un post di un thread che raccoglie diverse fonti ancora funzionanti).

In realtà poco tempo fa funzionava perfettamente anche il monitor messo a disposizione da dottoremoe.com, utile per tenere d’occhio tutti i repository e relativi tempi di up & down (vedi dottoremoe.com/synomon-3rd-parties-package-list-update), sfortunatamente però a ora sembra non funzionare più (credo ci siano stati problemi con il provider che ospita quel sito web, in attesa quindi che vengano risolti), era davvero utile.

Sì, ma i file di ricerca?

Quasi dimenticavo. I file di ricerca servono ad aggiungere motori (appunto) di ricerca (ma va?) a quelli già disponibili sul DSM. Naviga verso synoboost.com, ed esplora la quantità di alternative messe a disposizione. Scarica e installa ciò che ti serve all’interno del Download Manager, le istruzioni sono fornite per ogni pacchetto aggiuntivo scaricato, dai un’occhiata a queste due immagini catturate durante i test eseguiti sul mio NAS, giusto per farti un’idea:

In conclusione

Un mondo tutto da esplorare e da migliorare costantemente. L’importante è dedicargli il giusto tempo, provare (e riprovare), cercando però di evitare danni irreparabili (occhio, che qui i backup non sono poi così semplici da tirare in piedi, non si torna indietro in un batter d’occhio), ma soprattutto da tenere sempre in sicurezza (non aprire verso l’esterno porte che non ti servono e tieni sempre up-to-date il tuo DSM, giusto qualche giorno fa è stata resa pubblica la patch che ha corretto il bug relativo a WannaCry), trovi le note di rilascio sul sito di Synology:

Version: 6.1.1-15101-4
(2017/05/25)

Important Note

  1. The update is expected to be available for all regions within the next few days, although the time of release in each region may vary slightly.

Fixed Issues

  1. Fixed a security vulnerability regarding samba service (CVE-2017-7494).

vedi: synology.com/en-us/releaseNote/DS216j

E anche per stavolta è tutto.

Buon inizio di settimana! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Pogoplug è un piccolo prodotto attraverso il quale potrete creare e gestire uno spazio cloud completamente personale (i file sono fisicamente presenti sui vostri dischi, ndr) con il vantaggio dell’avere un software già ben avviato (e abbastanza aggiornato), sempre disponibile sul web e raggiungibile tramite applicazione o interfaccia navigabile da browser. Uno spazio potenzialmente “infinito” (con le dovute pinze, ovviamente) grazie alle porte USB ed eSata presenti sul Pogoplug stesso al quale potrete ovviamente collegare dischi esterni. Questo articolo è dedicato alla quarta versione del prodotto acquistata a un prezzo decisamente inferiore al suo listino grazie ad un’offerta su Amazon (US), pacco consegnato in pochissimi giorni e con un ricarico minimo di tasse per un totale di spesa inferiore ai 40 € (impossibile non essere soddisfatti delle performance del big del commercio elettronico), considerando che il prezzo di listino si aggira ufficialmente intorno al centinaio di euro.

Pogoplug-series4-hero_Fotor

Il Pogoplug diventa ancora più interessante se si pensa che con un minimo di lavoro si riesce a modificare il comportamento di default previsto dalla casa madre poiché basato su una distribuzione essenziale di Linux chiamata Busybox:

/etc # uname -a
Linux Pogoplug 2.6.31.8 #5 Wed Sep 28 12:09:12 PDT 2011 armv5tel GNU/Linux

Di risorse ne esistono davvero tante e nel corso del tempo sono saltati fuori articoli in grado di spiegare passo-passo tutte le possibili modifiche o aggiunte al sistema; dall’installazione di Samba per la condivisione dei file in rete LAN su Windows al client Torrent da poter controllare anche da remoto con il minimo sforzo. Stavolta si affronta la prima citata con una piccola parentesi dedicata a OS X, ne ho raccolte diverse su delicious.com/gioxx/pogoplug.

Per partire

Procuratevi una scheda SD (anche da 1 GB, basta e avanza), un client che possa collegarsi in SSH al Pogoplug (terminale di OS X o Linux o PuTTY su Windows) e un cavo di rete direttamente connesso al vostro router (il Pogoplug non integra un chip WiFi e il cavo resta in ogni caso più stabile e affidabile, ndr). Se sapete di cosa sto parlando consiglio una reservation sul DHCP basata sul Mac Address del Pogoplug che trovate direttamente sulla sua etichetta.

A corredo suggerisco le applicazioni per iOS e Android se prevedete di effettuare il backup dei vostri dispositivi sul disco fisso connesso al prodotto (o nei 5GB messi a disposizione dall’account gratuito online).

Pogoplug
Pogoplug
Price: Free+

Da ora in poi (e per alcuni vale già quanto scritto fino a qui) occhio a ciò che fate. Se non vi sentite sicuri utilizzate l’area commenti per chiedere lumi o rinunciate, nessuno ve ne farà una colpa ;-)

SD: formattazione su OS X

Questo è quel paragrafo che potete saltare a piè pari nel caso in cui stiate lavorando sotto Microsoft Windows. Tasto destro sulla lettera che identifica la vostra scheda SD, Formatta, scegliete FAT32 tra le voci disponibili in File System ed è fatta (occhio alla formattazione veloce, basta e avanza per quello che andremo a fare). Su OS X la storia cambia, non si traduce con un paio di clic, aiuta decisamente più il Terminale. A SD inserita lanciatelo e cercate la scheda tra le memorie disponibili con il comando:

diskutil list

Una volta identificata (date un’occhiata allo spazio totale, così la facciamo più semplice) si parte con la formattazione in FAT32:

sudo diskutil eraseDisk FAT32 POGO MBRFormat /dev/disk4

dove “POGO” è il nome che ho scelto per la scheda SD (quindi potete usarne un altro) e disk4 è la scheda individuata tramite il “list“, questo il risultato:

Neptune:~ gioxx$ sudo diskutil eraseDisk FAT32 POGO MBRFormat /dev/disk4
Password:
Started erase on disk4
Unmounting disk
Creating the partition map
Waiting for the disks to reappear
Formatting disk4s1 as MS-DOS (FAT32) with name POGO
512 bytes per physical sector
/dev/rdisk4s1: 15485368 sectors in 1935671 FAT32 clusters (4096 bytes/cluster)
bps=512 spc=8 res=32 nft=2 mid=0xf8 spt=32 hds=255 hid=8192 drv=0x80 bsec=15515648 bspf=15123 rdcl=2 infs=1 bkbs=6
Mounting disk
Finished erase on disk4
Neptune:~ gioxx$

Potete quindi smontare la scheda SD e inserirla nel Pogoplug, che accenderete subito dopo collegandolo alla rete elettrica.

Installazione di Samba

Il mio articolo si basa sull’ottimo originale pubblicato da Razvan Rosca e disponibile su razva.ro/how-to-install-samba-on-pogoplug-4 (lo stesso ha scritto come installare Arch Linux pur mantenendo le caratteristiche del salvataggio in cloud di My Pogoplug: razva.ro/install-arch-linux-pogoplug-samba-pogoplug-4). Qui voglio raccogliere il da farsi localizzato in italiano basandomi sulla mia personale esperienza (nel mio caso ho utilizzato una scheda SD e un disco USB attaccato a una delle porte USB 3.0), suggerendovi altre fonti che ho avuto modo di scoprire e leggere durante le svariate ricerche fatte.

La scheda SD è formattata e dentro al Pogoplug, abilitate il prodotto a farvi accedere via SSH dalla pagina web del servizio (my.pogoplug.com, Settings, Security):

Schermata 2015-01-27 alle 22.09.14

Scegliete una password che potrete ricordare semplicemente ma che non sia banale (soprattutto se il vostro Pogoplug sarà accessibile dall’esterno della vostra rete casalinga tramite IP pubblico!). Usate ora un Terminale (OS X o Linux) o PuTTY su Windows (ne avevamo già parlato, ricordate?) e puntate all’IP del Pogoplug, entrate come root e con la password che avete stabilito sull’interfaccia web. Da ora in poi è tutto un comando o un file di configurazione, procedete con ordine, non fate confusione, nel caso aveste dei dubbi utilizzate l’area commenti!

Montate la “/” in lettura e scrittura e create la cartella /opt

mount -o remount,rw /
mkdir /opt

prima di poter montare la scheda SD nella /opt sarà necessario capire chi è la SD e chi il disco fisso collegato alla porta USB, per farlo basterà andare in /tmp/.cemnt e lanciare un ls della cartella:

cd /tmp/.cemnt/ls | grep mnt

questo il mio risultato:

/tmp/.cemnt # ls -la | grep mnt_
drwxr-xr-x    6 root     root   4096 Jan  1  1970 mnt_mmcblk0p1
drwxr-xr-x    1 root     root   8192 Jan 14 02:18 mnt_sda1
/tmp/.cemnt #

e si scopre che mnt_mmcblk0p1 è la scheda SD (basta entrare nella cartella e lanciare un ulteriore ls per controllare che file contiene, riconoscerete cosa avete messo dove, no? :-)). A questo punto si potrà procedere con il montare in lettura e scrittura la SD nella /opt:

mount -o exec,remount /tmp/.cemnt/mnt_mmcblk0p1/ /opt

Sostituiamo il wget originale del Pogoplug con quello ufficiale che siamo abituati a vedere sulle macchine Linux più comuni (ma anche su Windows, usato in diversi miei script):

cd /opt
mkdir work
cd work
wget http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/wget_1.12-2_arm.ipk
tar xf wget_1.12-2_arm.ipk
tar xf data.tar.gz
mv /usr/bin/wget /usr/bin/wget.bak
mv /opt/work/opt/bin/wget /usr/bin/

a questo punto procediamo con un po’ di pulizia per poter lavorare meglio, basta un semplice

rm -rf /opt/work/*

Ora si passa all’installazione di IPKG che permetterà in seguito di installare pacchetti binari tra cui Samba, da spostare subito dopo nella /opt:

cd /opt/work
wget http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable/ipkg-opt_0.99.163-10_arm.ipk
tar xf ipkg-opt_0.99.163-10_arm.ipk
tar xf data.tar.gz
cd /opt/work/opt
mv * /opt

pulizia, ancora una volta:

rm -rf /opt/work/*

A questo punto occorrerà preparare la directory all’interno della quale far lavorare IPKG e aggiungere i repository ai quali “bussare” per cercare e scaricare i pacchetti:

mkdir -p /opt/etc/ipkg
echo "src cross http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/cross/unstable" > /opt/etc/ipkg/armel-feed.conf
echo "src native http://ipkg.nslu2-linux.org/feeds/optware/cs08q1armel/native/unstable" >> /opt/etc/ipkg/armel-feed.c

e coprire i file delle dipendenze per poi lanciare l’aggiornamento di IPKG:

cp /opt/lib/libipkg.so.0.0.0 /opt/lib/libipkg.so.0
/opt/bin/ipkg update

Siamo pronti per installare libnsl ed in seguito Samba:

/opt/bin/ipkg install libnsl
cp /opt/lib/libnsl-2.5.so /opt/lib/libnsl.so
cp /opt/lib/libnsl-2.5.so /opt/lib/libnsl.so.1
/opt/bin/ipkg install samba2

A questo punto bisognerà mettere da parte il file di configurazione di default di Samba per poterne creare uno nuovo che andremo a personalizzare in seguito:

mv /opt/etc/samba/smb.conf /opt/etc/samba/smb.conf.bak
touch /opt/etc/samba/smb.conf
vi /opt/etc/samba/smb.conf

premendo “i” sulla tastiera si entrerà in modalità di inserimento e potrete copiare e incollare ogni singola riga (qui di seguito), una alla volta, occhio a non fare copia e incolla totale perché non vi riuscirà e dovrete ricominciare (consiglio per i più temerari: tasto ESC e poi scrivete q! per uscire da vi senza salvare ciò che avete combinato):

[global]
        workgroup = workgroup
        server string = Pogoplug
        hosts allow = 192. 127. 10.
        null passwords = yes
        guest account = root
        log file = /opt/var/log/samba/log.%m
        max log size = 50
        security = share
        encrypt passwords = yes
        smb passwd file = /opt/etc/samba/smbpasswd
        dns proxy = no
        preserve case = yes

[sda1]
        comment = USB1
        path = /tmp/.cemnt/mnt_sda1/
        available = yes
        public = yes
        writable = yes
        printable = no
        create mask = 0777
        guest ok = yes
        browseable = yes

Il file (tradotto in soldoni) permetterà il collegamento al disco gestito da Samba dalle reti 192. e 10. (oltre il classico localhost 127.(0.0.1)). Al posto del path sotto sda1 mettete il puntamento al vostro disco collegato alla porta USB 3 (vi ricordate quanto verificato qualche paragrafo più su? mnt_sda1 corrispondeva al mio disco esterno, lo richiamo adesso). Al posto di sda1 nelle parentesi quadre inserite il nome da dare alla cartella condivisa sotto Samba.

Se tutto vi sembra in ordine premete il tasto ESC e scrivete “wq” (write and quit) per salvare e uscire da vi. A questo punto potrete testare la validità della configurazione del vostro Samba:

/opt/bin/testparm

questo è grosso modo il risultato che dovrebbe spuntare fuori:

/opt/etc/samba # /opt/bin/testparm 
Load smb config files from /opt/etc/samba/smb.conf
Processing section "[DiscoDatiUSB3]"
Loaded services file OK.
Press enter to see a dump of your service definition

in caso contrario c’è un problema. Niente panico, potete buttare via il file di configurazione Samba (rm -rf /opt/etc/samba/smb.conf) e rifarlo (tornate al vi /opt/etc/samba/smb.conf). Se tutto è filato liscio potrete lanciare Samba:

/opt/etc/init.d/S80samba start

Godetevi il risultato esplorando l’unità da una qualsiasi macchina Windows nella rete, avviate un esplora risorse e puntate a \\IPPogoplug, dovreste trovare la cartella condivisa (corrispondente al disco USB) pronta per essere utilizzata:

Schermata 2015-01-27 alle 22.53.43

Ho dimenticato qualcosa? Pensate che ci sia qualcosa che non quadra? L’area commenti è a vostra totale disposizione!

OS X 10.10.1 e smb://, Support deprecated

Andate nel Finder e quindi nelle applicazioni, entrate nella cartella delle Utility e avviate Console. Da questo spostatevi sulla voce “system.log” sotto FILE (colonna di sx, ndr) per leggere gli ultimi errori di sistema tracciati nel file di log, dovreste trovare qualcosa di molto simile a questo:

Jan 21 22:10:05 Neptune kernel[0]: smb1_smb_negotiate: Support for the server POGOPLUG has been deprecated (PreXP), disconnecting

Come avrete capito il supporto per il Samba installato sul Pogoplug non è più affare di Apple in quanto considerato vecchio e abbondantemente superato. Cercando nel web si arriva a diversi risultati che spesso però non aiutano (come questo vecchio consiglio per Lion: support.apple.com/en-us/HT200158). Ho provato a sbatterci la testa per diverso tempo ma nessuno dei test eseguiti ha portato al risultato sperato. Poco male, l’applicazione di backup ufficiale per OS X integra ancora la funzione di mappatura dinamica dei dischi collegati al Pogoplug, questo vi permetterà di vederli e amministrarli come se fossero collegati direttamente al vostro Macbook (e famiglia).

La si scarica dal sito ufficiale ma potete trovarne una copia qui (in caso di necessità): app.box.com/s/gi3s3wiilgkdkr4ob9w26v5twmant6mi (anche se dovesse diventare obsoleta, al primo avvio richiederà l’aggiornamento). La modifica va operata da “Settings” e funzionerà solo ad applicazione avviata sul sistema:

Schermata 2015-01-26 alle 20.42.19

Chiaramente all’interno delle unità montate nel sistema troverete anche la stessa SD sulla quale avrete installato i pacchetti aggiuntivi tramite IPKG, potete espellere l’unità così da evitare ogni possibile errore ;-)

Riavviare il Pogoplug ed il Samba installato

Questa è forse la pecca più fastidiosa del prodotto. Se viene riavviato sarà necessario ricordarsi di dare un “giro di chiave” anche alla modifica operata: occorrerà montare l’unità SD e avviare Samba. Poco male, si può sempre creare uno script ad-hoc (che nell’esempio ho chiamato startengine.sh) da tenere a portata di mano nella /etc e far fare a lui il lavoro sporco:

touch /etc/startengine.sh
vi /etc/startengine.sh

e includere al suo interno:

mount -o remount,rw /
mount /tmp/.cemnt/mnt_mmcblk0p1 /opt
/opt/etc/init.d/S80samba

Dove (ve lo ricordo ancora una volta) mnt_mmcblk0p1 corrisponde alla mia scheda SD e va sostituita con il nome assegnato alla vostra. Salvate il file e lanciate un chmod 0755 startengine.sh per renderlo eseguibile ed il gioco è fatto, basterà ovviamente collegarsi in SSH al Pogoplug e lanciare lo script con /etc/startengine.sh.

In conclusione

Una spesa tutto sommato affrontabile per riutilizzare i propri dischi USB esterni permettendo ai client di una stessa rete di accedervi facilmente in qualsiasi momento, copiare / spostare dati e fare backup dei propri dispositivi iOS, Android, OS X o Windows. Una soluzione che seppur modificata manterrà le funzionalità previste dalla fabbrica permettendovi di avere un punto unico di accesso ai vostri file e -se volete- un server DLNA accessibile anche da console (non ve ne ho parlato perché generalmente utilizzo Plex, lo stesso accede ai file contenuti sul disco collegato al Pogoplug, ndr). L’unico limite è dettato dall’hardware del prodotto e dalla vostra fantasia ma anche dalla vostra pazienza.

Buon divertimento! ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: