Archives For Hard Disk

×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Time Machine, quando opportunamente configurato, lavora un po’ come un orologio svizzero. Intervalli da lui stabiliti, backup quando la macchina è alimentata e collegata alla rete (WiFi o LAN poco importa) e con la funzione di Power Nap attiva, in pratica è un po come emulare il backup sui dispositivi portatili (iPhone o iPad). Tutto fa brodo e serve a proteggersi quanto più possibile da perdite di dati che possono cogliere impreparati. Ma se il backup su Time Machine diventa oneroso per le risorse della tua macchina durante le ore di lavoro più stressanti, cosa puoi fare per cambiare la situazione? Un metodo c’è, ed è anche di semplice percorrenza.

macOS: modificare la schedulazione di Time Machine

Il metodo ha un nome, e per fartela quanto più semplice possibile lo si applica sotto forma di applicazione gratuita, si chiama TimeMachineEditor:

TimeMachineEditor is a software for OS X that lets you change the default one-hour backup interval of Time Machine. You can change the interval or create a more sophisticated scheduling (see screenshots below).
This is useful if you don’t need to backup every hour and don’t want the performance penalty. This is also especially useful if you manipulate lots of data within one hour as you would spend the whole day backing up.
tclementdev.com/timemachineeditor

TimeMachineEditor

TimeMachineEditor, una volta installato e avviato, ti permette di mettere mano alla schedulazione dei tuoi backup eseguiti tramite Time Machine, facendo entrare in funzione quest’ultimo quando vuoi tu, e non quando deciso dal sistema operativo (come normalmente avviene).

Per quello che mi riguarda, se non lamenti rallentamenti di macchina dovuti al processo di backup, ti sconsiglio di modificarne allora le schedulazioni originali, permetti a Time Machine di fare il suo lavoro quando lo desidera. In caso contrario, TimeMachineEditor può essere la giusta soluzione per operare su qualcosa di così delicato senza però grandi e irreparabili danni, perché tutto sommato ti trovi in “ambiente controllato” e con possibilità di tornare indietro in qualsiasi momento:

macOS: modificare la schedulazione di Time Machine 1

La finestra è basilare così come la vedi qui sopra, puoi decidere tu stesso quando far entrare in funzione Time Machine, mantenendo se vuoi il parametro “Quando inattivo” (così come proposto in maniera predefinita dal programma), oppure agendo sul calendario (specificando quindi giorni precisi e ora in cui far partire Time Machine), o ancora impostando intervalli più regolari (ogni ora / settimana / mese), mantenendo -io l’ho fatto- la creazione locale di snapshot che ti faranno da ancora di salvataggio in caso di emergenza, sono come delle ciambelle che potrai usare in caso il Time Machine non avesse effettuato backup nell’intervallo in cui tu hai danneggiato o perso qualche dato importante.

Qualsiasi tua modifica sarà immediatamente operativa nel momento in cui farai clic sul pulsante Applica in basso a destra nella finestra principale del programma.

E per tornare indietro?

Dalla finestra principale di TimeMachineEditor ti basterà togliere il segno di spunta all’opzione “Back up“, questo permetterà a Time Machine di tornare a operare così come in origine.

Questo è quanto, mi sembra (e spero) di averti detto tutto :-)

Cheers.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Già con Windows 7, Microsoft ha fatto passi da gigante in materia di deframmentazione dei dati automatizzata, pulizia e ottimizzazione dello spazio disco utilizzato per i suoi file e per quelli che scarica nel corso della sua “vita“, eppure ci sono ancora delle corde di violino parecchio tese quando si tira in ballo lo spazio disco residuo e la necessità di trovarne un po’ per qualcosa di personale, della quale abbiamo assoluta necessità. La C:\Windows\Installer fa parte di quelle cartelle viste di cattivo occhio quasi da chiunque, quando si ricerca quello “spazio mancante“.

SSD HDD C:WindowsInstaller troppo grande, perché?

Il problema è figlio della nuova generazione SSD, perché –siamo seri– credo poco al fatto che tu, con un disco meccanico da un tera o più, ti sia mai posto il problema delle cartelle di Windows ingrassate dopo le feste. Un disco SSD, anche visto il costo, viene generalmente acquistato in taglio più limitato, con i 256 GB che vanno per la maggiore e che lasciano solo ultimamente spazio ai 500 GB, perché il tera è ancora inaccessibile per molti (la media prezzo si aggira intorno ai 300 euro, nda).

Ciò detto, perché la cartella C:\Windows\Installer è così ben nutrita? L’articolo è vecchio ma è ancora tutt’oggi valido, ti propongo questo passaggio:

Along the same lines as removing items from the Windows component store to save space, we have recently seen a couple of questions come in about the Windows\Installer directory. This is a hidden system directory; it is used by the Windows Installer service to cache installer data files for various applications. Over time, this directory will grow and can eventually take up an amount of space that might cause pressure on thinly provisioned storage, such as virtual hard disks.

blogs.technet.microsoft.com/joscon/2012/01/18/can-you-safely-delete-files-in-the-windirinstaller-directory

Lo stesso articolo risponde anche alla domanda che viene da porsi pressoché immediatamente: posso cancellare i file all’interno di quella cartella? La risposta semplice e concisa è no. Quel no può diventare un “ni” dopo un paio di operazioni, di cui una assolutamente contemplata dal sistema operativo.

Clean Manager

Esegui il Clean Manager integrato di Windows (tasto Windows + R, scrivi cleanmgr e premi invio, oppure entra in Computer, tasto destro sul disco C: → ProprietàPulizia disco). Nella schermata che ti si presenterà a video, potrai scegliere di passare alla pulizia avanzata (detta Pulizia file di sistema), la quale permetterà di mettere mano anche a quegli aggiornamenti che è possibile cancellare dal disco in tranquillità. Per capirci, questa è una rapida occhiata alla situazione della mia macchina Windows:

Come tu stesso puoi notare, la differenza tra il calcolato in cartella e quello cancellabile c’è, ma si tratta di poca roba, superiore alla cartella C:\Windows\Installer perché evidentemente ci ricade dentro anche dell’altro che è possibile rimuovere. Scegli cosa cancellare, quindi procedi e recupera quello spazio che potrebbe tornarti utile per altro.

Il Clean Manager integrato di Windows può inoltre essere pilotato via PowerShell. Ho trovato alcuni riferimenti utili in merito che ho poi messo in pratica per verificare la bontà dell’automatizzazione. Parti dando un’occhiata a questo articolo (mentre qui trovi un riferimento ufficiale nei documenti di supporto Microsoft). Il risultato, appena modificato rispetto alla proposta di Greg Ramsey, permette di portare a termine il lavoro su Windows 7, 8 (quindi 8.1) e 10, l’ho pubblicato su Gist.

L’alternativa: PatchCleaner

Tool gratuito disponibile sulla pagina ufficiale homedev.com.au/Free/PatchCleaner, permette di spostare o cancellare definitivamente le patch che popolano la cartella C:\Windows\Installer, ma anche di cercare file orfani che sono stati abbandonati al loro destino, completamente ignorati anche da Windows e dal suo Clean Manager. Disponibile anche in versione Portable (su SourceForge), accetta anche comandi da prompt (così può essere integrato e richiamato all’interno di altri script). Trovi qui le risposte ad eventuali domande o errori che potresti notare durante l’utilizzo dell’applicazione.

Quello che ti consiglio di fare, nel caso in cui tu abbia a disposizione un disco meccanico interno o esterno al PC, è di spostare e tenere lì le patch per qualche tempo, prima di scegliere di eliminarle definitivamente. Questo perché, in caso di anomalie di sistema, potrai facilmente ripristinare i file spostati sempre tramite PatchCleaner, andandoli a ripescare e portandoli là dove sono stati inizialmente memorizzati, per evitare di dover reinstallare un intero Windows solo per una distrazione o una necessità impellente di altro tipo.

In conclusione

Lo spazio disco (su memorie SSD) non è mai abbastanza, per questo motivo è opportuno effettuare una pulizia dei file inutilizzati / inutili (non sono la stessa cosa, nda) di tanto in tanto. Farlo con gli strumenti messi a disposizione da Windows è certamente la soluzione migliore, per evitare possibili problemi da dover poi analizzare e risolvere in seguito, ma in casi di emergenza c’è sempre qualche tool che può occuparsi del lavoro sporco, evitandoti facili errori di distrazione.

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Da anni sono cliente Paragon e scarico regolarmente aggiornamenti di NTFS for Mac, prodotto che permette di lavorare su dischi fissi e chiavette USB formattate per Windows, senza necessità di impazzire o di trovare work-around che non promettono la giusta stabilità (o che comunque possono mettere in difficoltà gli utenti meno esperti). Dato che Paragon sviluppa un software a pagamento, oggi ti suggerisco un’alternativa gratuita funzionante, Mounty.

macOS e NTFS: Mounty

Capiamoci: il software va a fare quello che ho già spiegato anni fa, senza però la necessità che tu sappia cosa c’è dietro ma, soprattutto, senza effetti collaterali dovuti a qualche svista.

Mounty –come già detto– è gratuito e lo si scarica dal sito web ufficiale, o più semplicemente da qui. Da avviato, farà comparire la sua icona nella barra degli strumenti del sistema, utilizzando diversi colori per indicare visivamente il suo stato, e permetterà di montare o smontare un’unità USB formattata in NTFS secondo tua esigenza.

Provato su un diverso Mac rispetto al mio (altrimenti lo manderei in conflitto con Paragon) esegue il suo compito colmando la lacuna di un macOS non modificato, senza necessità di installare ulteriori pacchetti e senza richiedere ulteriore sforzo. Tieni solo conto che un’unità viene montata in NTFS e fatta apparentemente sparire dalla vista del sistema operativo perché non più gestibile direttamente da Finder, ma questa funzionerà, potrà essere esplorata passando da Mounty e spostando dati sull’unità di memoria senza più limitazioni.

Trovi sullo stesso sito web ufficiale dell’utility, delle FAQ nel caso in cui qualcosa vada storto (c’è anche un’area commenti a cui l’autore dell’utility risponde di tanto in tanto).

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Tutti noi facciamo backup delle nostre macchine, giusto? Bravo, vedo che sei convinto della tua risposta mentre continui ad annuire fintamente con la testa. Ora, archiviato questo piccolo dettaglio (non sto scherzando, il backup è fondamentale, dannazione), passiamo all’argomento chiave di questo articolo: snellire il backup di Time Machine.

macOS: come dare una snellita la backup di Time Machine

Time Machine è uno strumento eccezionale sui sistemi di casa Apple, permette di congelare lo stato di file e configurazioni ogni volta che si avvia e che fa backup su un disco esterno (che sia di rete o collegato via USB) ma, salvo diversa configurazione impostata da te, escluderà ben poca roba del sistema su cui sta girando, di certo non andrà a non considerare programmi e cartelle che possono essere facilmente scaricati in caso di rifacimento macchina (o di reinstallazione software). Sto parlando di materiale magari salvato su Dropbox, oppure degli eseguibili della suite Office, giusto per fare un paio di esempi abbastanza facili.

Si tratta infatti di GB che potrebbero mancare su un disco esterno, un NAS o un Time Capsule, ma che sono nulla per una connessione in fibra lasciata lì a fare dei download diretti da internet. O magari non si tratta neanche di spazio mancante, ma di questioni di tempo per andare a terminare il lavoro iniziato.

Te la faccio semplice: hai una buona connessione internet? Bene. Che senso ha allora fare un backup di qualcosa già in backup (Dropbox, nda)? Fermo! Prima di partire in quarta ricorda però una cosa. Una risposta possibile a questa domanda esiste, e si tratta della “profondità di versioning“. Dropbox salva infatti ogni versione modificata di un tuo file, facendola però scadere nei successivi 30 giorni di vita, oltre i quali non sarà più possibile recuperarla dai loro server a meno di avere il servizio aggiuntivo chiamato EVH (Extended Version History). Se per te questo non è un problema, allora sei a cavallo. Se invece non sono stato chiaro, prova a dare un’occhiata qui.

Andare per esclusioni

Bando alle ciance, ne abbiamo fatte abbastanza, passiamo all’esempio pratico. Ho modificato la mia configurazione di Time Machine per fare un test e rendermi conto dell’effettivo guadagno in termini di velocità di backup (lo spazio disco per il momento non è un problema). Ho escluso in un primo step la suite di Office, facilmente scaricabile per me che sono abbonato Office 365. Dalle Opzioni di Time Machine (il pulsante è in basso a destra nella finestra delle impostazioni di backup) si può andare ad aggiungere (o rimuovere) dati “ignorabili“, così:

macOS: come dare una snellita la backup di Time Machine 1

Senza troppa fatica, ho tolto 8 GB dal monte dati da mandare in backup ogni volta che macOS si trova in modalità standby, collegato alla WiFi (o al cavo cablato) e alla rete elettrica (il requisito minimo per far lavorare Time Machine mentre non si è davanti al PC).

E nel caso questo non basti, si può sempre pensare di escludere tutta la ~/Dropbox (nel mio caso altri 15 GB circa, su questo MacBook).

Chi occupa cosa / quanto

Tutto qui? No, non necessariamente. Nessuno conosce (in teoria) meglio di te il tuo Mac, ed è per questo motivo che teoricamente dovresti essere sempre tu a sapere cosa escludere e cosa no. Per aiutarti nel compito, io posso dirti cosa occupa più spazio all’interno del tuo hard disk (e quindi nel tuo backup), grazie all’utilizzo di uno strumento di terza parte. Si chiama Disk Inventory X, e si scarica gratuitamente dal sito web derlien.com.

Una volta installato e lanciato, ti permetterà di avviare una scansione di tutti i dati salvati sul tuo disco, generando poi un report visuale che ti consentirà di renderti subito conto di chi sta occupando spazio:

macOS: come dare una snellita al backup di Time Machine

Va da sé che immagini (Libreria di Foto in primis), video e musica la fanno generalmente da padrone, e tocca a te capire se vuoi tenerli in backup o meno (nel mio caso Spotify mi permette di non avere musica salvata su disco, i video li tengo già in una diversa cartella del NAS e la Libreria di Foto è un “guai a chi la tocca“, quella è fondamentale che resti sempre sotto la protezione di Time Machine). Poi magari hai una macchina virtuale (come me), una libreria giochi di Steam o chissà cos’altro.

Grazie a Disk Inventory X puoi facilmente individuare questi file e cartelle, e con la scusa approfittarne per fare una pulizia manuale, seguita eventualmente da un’esclusione nelle impostazioni di Time Machine.

Tutto chiaro? Sei già pronto a ritoccare la tua configurazione di backup? :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Cos’è un VHD? È un disco virtuale (da lì Virtual Hard Disk), riconosciuto nativamente da Windows 7 o versione più recente. Emula in tutto e per tutto un disco fisico, puoi crearlo, montarlo sul tuo PC caricandolo magari da rete, o altro dispositivo esterno / portatile. Sorvolando sulla sua storia e sul suo possibile utilizzo, questo è il classico “articolo appunti“.

Montare un disco VHD con un clic destro del mouse

Ho trovato un paio di alternative valide, che ho sfruttato su un PC dove avevo la necessità di montare sporadicamente un file VHD dedicato a un backup di posta elettronica. Una soluzione un po’ più home-made (in realtà quella che ho preferito, basata su batch e diskpart), l’altra esteticamente più bella e sicuramente più comoda per un utilizzatore meno spartano, il suo codice sorgente è disponibile su Github.

Batch & Diskpart

Tutto descritto in un articolo neanche tanto giovane di How-to-Geek (si parla del 2010), che trovi all’indirizzo howtogeek.com/51174/mount-and-unmount-a-vhd-file-in-windows-explorer-via-a-right-click. Volendolo riassumere brevemente, ti basterà creare due file batch all’interno del menu SendTo di Windows (quello che vedi tu stesso quando fai clic con il tasto destro su un file e poi ti sposti in “Invia a“). Il primo batch servirà a montare il file VHD, il secondo a smontarlo.

Per il mount lo script è questo:

SETLOCAL
SET DiskPartScript="%TEMP%\DiskpartScript.txt"
ECHO SELECT VDISK FILE="%~1" > %DiskPartScript%
ECHO ATTACH VDISK >> %DiskPartScript%
DiskPart /s %DiskPartScript%
ENDLOCAL

per smontare il file (unmount) è invece:

SETLOCAL
SET DiskPartScript="%TEMP%\DiskpartScript.txt"
ECHO SELECT VDISK FILE="%~1" > %DiskPartScript%
ECHO DETACH VDISK >> %DiskPartScript%
DiskPart /s %DiskPartScript%
ENDLOCAL

Dovrai quindi individuare il file VHD (ovunque lui sia), farci clic sopra con il tasto destro del mouse, selezionare “Invia a” e scegliere lo script di montaggio o smontaggio in base all’azione desiderata.

VHD Attach

L’altro metodo non differisce poi molto in quanto a clic destro del mouse (le voci saranno sempre lì), ma non sarà necessario andare nel menu “Invia a” e potrai inoltre installare e disinstallare il tool direttamente da Pannello di controllo, oltre che sfruttare la sua GUI dalla quale puoi gestire anche più file VHD contemporaneamente. Si chiama VHD Attach e viene sviluppato e rilasciato gratuitamente. Lo trovi su medo64.com/vhdattach. Lo trovo estremamente intuitivo, sufficientemente accattivante nella sua basilare grafica, con opzioni che si mostrano solo in base a ciò che puoi fare (per capirci, facendo clic con il tasto destro su un disco virtuale montato, ti mostrerà solo un Detach, per smontarlo).

Dallo stesso programma potrai analizzare le statistiche e informazioni più approfondite del file VHD, potrai farlo montare automaticamente e molto altro ancora. È certamente l’alternativa meno spartana e più indicata per essere utilizzata dalle masse.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: