Archives For Telegram

Non di sola strada in discesa è fatta la tecnologia, chi ci gioca quotidianamente lo sa bene, ed è per questo motivo che sono solito giocare con qualsiasi cosa mi capiti a portata di mano, a prescindere da quello che succederà, mal che vada avrò fatto un “incauto acquisto” che mi porterà probabilmente all’inutilizzo dell’oggetto, seconda faccia di una medaglia unica in questo campo, cosa tra l’altro capitata anche di recente. Dato che ciò non mi ha mai fermato, ecco arrivare sul banco prova il Mi Band 3 NFC, versione “completa” non ancora commercializzata in Italia rispetto al suo fratello minore Mi Band 3. Dopo aver sbattuto il muso contro l’inesistenza della localizzazione italiana e di quella inglese attivabile solo in “particolari condizioni“, ho mosso le giuste corde per arrivare al traguardo nonostante quanto stabilito da Xiaomi.

Xiaomi Mi Band 3 NFC: traduzione italiana 1

Per “particolari condizioni” (in riferimento alla lingua inglese di cui ti parlavo qualche parola fa) intendo l’avere lo smartphone localizzato in lingua inglese, sì tutto, non solo per ciò che riguarda l’applicazione Mi Fit che puoi scaricare da Play Store. Dato però che questo non è il mio di caso, ho scelto di percorrere una differente strada e perdermi nell’abbondante documentazione che parla di Mi Band 3, a cavallo tra il sito (e forum) di GizChina e tutto il vasto mondo di GitHub. Tutto facile? Affatto. Si parla abbondantemente di Mi Band 3, non della sua versione NFC.

Quindi che si fa?

Ci si affida a chi è solito fare questo mestiere ma che –a corto di cavie– non è riuscito a rendere disponibile il firmware in italiano fino a ora. Il team è quello di “ilgruppotester“, quelli che hanno questo canale YouTube e che rilasciano pubblicamente firmware e applicazioni modificate anche tramite il loro bot su Telegram. La cavia di turno è il sottoscritto, ho prestato alla scienza il mio Mi Band 3 NFC e tanta sacrosanta pazienza per effettuare tutte le sovrascritture firmware e installazione file di risorse e font, fino ad arrivare al risultato finale che permette di ottenere un prodotto con software localizzato in italiano seppur un pelo più indietro rispetto all’ultimo disponibile ufficialmente da Xiaomi (ma credimi, non manca nulla).

Mi Band 3 NFC in italiano

La premessa qui è doverosa prima di cominciare:

ATTENZIONE: Prima di partire, il solito consiglio: occhio sempre a quello che tocchi e che modifichi, ogni operazione spiegata qui di seguito invalida la garanzia e potrebbe causare il brick del prodotto, rendendolo inutilizzabile. Una piccola ancora di salvezza c’è e te la spiego un paio di paragrafi più giù (mi sembra il minimo), ma fa attenzione e segui attentamente le istruzioni fornite.

Occhio: nulla di quanto spiegato qui di seguito può essere applicato a Mi Band 3 senza NFC, quel modello è già pienamente supportato in italiano, a prescindere dallo store dal quale lo hai acquistato (o acquisterai in futuro).

Detto ciò, quello che ti serve è uno smartphone Android, un software gratuito e Open Source chiamato GadgetBridge (utile per caricare i file sul tuo Mi Band) e alcuni file modificati che ti permetteranno di raggiungere la meta sperata. Per concludere, una versione modificata (dal team de “ilgruppotester“) di Mi Fit ti permetterà di evitare che arrivino degli aggiornamenti firmware da Xiaomi a rendere inutile tutti i tuoi sforzi. Ti fornisco tutto io per sicurezza:

Prima di intraprendere qualsiasi altra operazione, entra in Mi Fit (che dovresti ancora possedere in versione ufficiale rilasciata da Xiaomi), spostati nel menu relativo al tuo Mi Band 3 NFC e sblocca la visibilità bluetooth (Profilo → Mi Band 3 NFC → Visibile → Attivato), così sarà più facile rilevare il prodotto anche da altre applicazioni. Fatto ciò, attendi che finisca la sincronizzazione e disaccoppia il bracciale dall’applicazione.

Il primo passo è compiuto. Disinstalla ora Mi Fit originale e installa la versione modificata. Le due non possono convivere sul medesimo smartphone perché la versione modificata mantiene quasi tutto dell’originale, e per il tuo smartphone è come se Mi Fit Mod fosse identica all’originale. Fatto ciò apri Mi Fit Mod, collegati con il tuo account e NON ricollegare subito il tuo Mi Band 3 NFC.

Installa e apri GadgetBridge, fai partire una ricerca dei dispositivi bluetooth nei paraggi e procedi con l’accoppiamento con Mi Band 3 NFC (un po’ come sei abituato già a fare con Mi Fit). Fatto ciò, vai a ripescare i file modificati che ti ho fatto scaricare precedentemente e seguendo uno specifico ordine, dalli in pasto a Mi Band 3 NFC passando da GadgetBridge in questa maniera:

L’ordine da rispettare è prima font (file ft), poi file res e infine il firmware modificato (file fw). Per ciascuno di questi, utilizzando il File Manager originale del proprio smartphone (nel mio caso ho usato Galaxy S8) dovrai “condividere” il file e poi farlo aprire da GadgetBridge che ti permetterà di caricarlo sul dispositivo.

Contrariamente al file del font e quello delle risorse, effettuare il flash del firmware richiederà il riavvio di Mi Band 3 NFC, che verrà eseguito in maniera del tutto automatica, pazienta qualche secondo prima di provare a riaccendere il suo piccolo monitor (premendo l’unico pulsante a tua disposizione). Salvo errori, avrai caricato un firmware completamente in italiano, che ti permetterà di goderti il tuo nuovo prodotto come fosse stato acquistato ufficialmente nella nostra nazione. Unico neo è costituito dai caratteri particolari o dalle condizioni climatiche non del tutto complete, ma questo –ho notato– dipende poi dall’applicazione ponte utilizzata (intendo Mi Fit o un’equivalente, per esempio Notify), ed è qualcosa che posso sopportare (in pratica, rispetto a un Mi Band 3 con firmware ufficiale, manca il dirti se è nuvoloso, se ci sono piogge, cose che puoi comunque sapere guardando l’icona subito sopra i gradi).

Xiaomi Mi Band 3 NFC: traduzione italiana 10

Foto un pelo sfocata, sorry!

Escluso questo minuscolo bug, il resto è davvero tutto in ordine. Avvia ora Mi Fit Mod, associa il tuo Mi Band 3 NFC e comincia a utilizzarlo come hai sempre fatto con un Mi Band precedente e l’applicazione Mi Fit originale, almeno fino a quando Xiaomi non renderà disponibile la lingua italiana senza trucchetto alcuno, tramite il proprio software.

Sorry Sir, can I speak english?

Yeah, sure, e ci mancherebbe. Il primo firmware modificato che ho provato sulla mia Mi Band 3 NFC era in inglese, e già così –a mio modesto parere– era spanne avanti rispetto alla localizzazione originale del Sol Levante, mi sarebbe bastato. Senza toccare il file font e res che ha già provveduto a caricare sul tuo dispositivo, puoi scegliere di lanciare un nuovo flash firmware utilizzando questo file fw che ti metto a disposizione: go.gioxx.org/mb3nfc-fwen. Il tuo Mi Band 3 NFC parlerà inglese, se lo preferisci (attendi giusto il solito riavvio a operazione terminata):

Credo di aver rotto tutto, che si fa?

Ecco, il paragrafo più difficile, quello che si spera sempre non debba servire ma che sfortunatamente può tornarti utile in caso di emergenza. Può succedere che l’operazione di flash del firmware si sia interrotta per qualsivoglia problema (non mi interessa quale) e che il tuo Mi Band 3 NFC mostri a video un’icona che ti invita a collegarlo a un’applicazione per il restore del software originale. Se questo non fosse per te possibile, ma il Mi Band 3 NFC riuscisse ancora a collegarsi a GadgetBridge, ti metto a disposizione i file originali di Xiaomi (res e fw) che dovrai sovrascrivere a quelli ora danneggiati.

Trovi tutto all’indirizzo go.gioxx.org/mb3nfc-stock, l’ordine rimane lo stesso riportato prima (res, poi firmware). Se ti stai chiedendo come recuperare in autonomia i file più aggiornati rispetto a questo mio articolo (che magari leggerai tra tre mesi o chissà quando), è molto semplice. Scarica l’ultima versione (APK) di Mi Fit originale Xiaomi (esempio pratico: apkmirror.com/apk/anhui-huami-information-technology-co-ltd/mi-fit/mi-fit-3-5-5-4-release/mi-fit-3-5-5-4-android-apk-download), scompattala per ottenere le cartelle e i file di programma, esplora la cartella “assets” e tira fuori da lì i file Mili_chongqing.res e Mili_chongqing.fw, Chongqing è il nome in codice di Mi Band 3 in versione NFC.

Salvo danneggiamenti più complicati rispetto a quello citato, dovresti riuscire a far “resuscitare” il tuo prodotto, scongiurandone la perdita. Ora però noterai che la lingua sarà tornata quella originale, puoi tentare di seguire nuovamente la procedura per trasformare il prodotto in italiano.

Dovrei aver riportato tutto il necessario. Se dovessi avere bisogno di assistenza, puoi certamente lasciare un commento all’articolo oppure fare un salto nel gruppo Telegram dedicato al mondo del firmware modding per i dispositivi Xiaomi: t.me/joinchat/BUSoOUHsp_V3WXG4pXamKQ.

Buon divertimento e buon inizio settimana :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Sono davanti al PC a dare un’occhiata alle offerte dell’11+11 di MediaWorld, una pena infinita dovuta al sovraccarico di un sito web evidentemente non concepito per scalare a dovere, ma questo è solo uno sterile sfogo di apertura articolo che poco c’entra con il succo del discorso che voglio intavolare con te. Tornando all’argomento principale, quello di oggi è un pezzo basato sulla preparazione per l’imminente Black Friday di Amazon, previsto per venerdì 23 novembre prossimo, seguito poi dal Cyber Monday del 26 novembre. Ne abbiamo già discusso in passato, ma è giusto rifare una panoramica sui metodi e software che puoi utilizzare per non perderti gli affari che più ti interessano e che vorresti comprare a prezzo inferiore rispetto all’attuale.

Amazon Black Friday: come arrivare preparati

Amazon Black Friday e Cyber Monday

Una rapida ricerca su internet ti permetterà di accedere già a una moltitudine di articoli che trattano l’argomento, alcuni dei quali in grado di proporti già una parte di lista offerte (o presunte tali) che andrà in vetrina in una delle due occasioni (venerdì / lunedì), a te tocca esclusivamente fare il lavoro sporco tenendo d’occhio ciò che ti interessa, facendo una sorta di “lista della spesa” che vorresti concludere al termine delle due giornate di sconti. Per fare questo puoi usare degli strumenti dei quali ti ho già parlato in passato, ancora oggi disponibili (e in alcuni casi nettamente migliorati), spesso integrati all’interno del tuo browser o con i client di messaggistica istantanea.

Keepa

Capo saldo del controllo dei prodotti Amazon che vorrei acquistare e delle liste desideri, Keepa è fedele compagno di viaggio ormai da qualche tempo, te ne ho parlato per la prima volta in un articolo del 2016, anche se avevo iniziato a utilizzarlo alcuni mesi prima (fine 2015). Quello che devi fare è semplicemente registrare un account gratuito su keepa.com, quindi installare il componente aggiuntivo per Firefox, Chrome, Opera o Edge, il quale ti permetterà di tenere sott’occhio le evoluzioni prezzi dei prodotti che ti interessano di più:

Keepa.com - Amazon Price Tracker
Keepa.com - Amazon Price Tracker
Keepa - Amazon Price Tracker
Keepa - Amazon Price Tracker
Developer: keepa.com
Price: Free
Install Chrome Extensions
Install Chrome Extensions
Developer:
Price: Free
Keepa
Keepa
Developer: Keepa
Price: Gratis

Un esempio pratico? Sto tenendo d’occhio il WD Red per il mio NAS, vorrei fare un upgrade da 2 a 4 TB, questo il suo grafico prezzi Amazon nel corso del tempo:

Amazon Black Friday: come arrivare preparati 1

Ho chiesto a Keepa di avvisarmi quando il prezzo sfiorerà i 100€ circa, come già successo in passato senza alcuna offerta lampo (Keepa le segnala con un pallino rosso sul grafico), a me non resta che aspettare perché ho aggiunto al mio account –oltre che la mail, ovviamente– il mio account di Telegram e le notifiche push sul mio Firefox.

Tracciare un prodotto è assolutamente semplice: una volta installata l’estensione per il browser (per facilitarti la vita eh, altrimenti puoi fare tutto anche da sito web di Keepa senza aggiungere null’altro al tuo browser), apri la pagina dell’articolo che ti interessa su Amazon, quindi usa il grafico per controllare l’andamento prezzi e mettere sotto tracking il prodotto, ho catturato e pubblicato su YouTube i passaggi ripresi dal mio Firefox:

Importare una lista desideri intera

Sì, è possibile. Il lavoro maggiore è proprio quello di individuare una serie di prodotti per te interessante, cosa che solitamente fai tramite la lista desideri di Amazon (la predefinita così come qualsiasi altra creata successivamente). Keepa può importare in qualsiasi momento una lista intera di prodotti tramite il suo URL, per poi permetterti di impostare una percentuale di prezzo sotto al quale ognuno di quei prodotti deve scendere per poter scatenare l’evento di invio alert al tuo account.

Una volta effettuato il login su Amazon, spostati nelle liste desideri (amazon.it/wishlist?ref_=ya_d_l_lists) e seleziona quella che vorresti importare su Keepa, assicurati che questa sia Pubblica, in caso contrario non potrai procedere (dovrai inserire manualmente i tracking prodotto), quindi copia l’URL della lista (l’indirizzo che trovi nella barra del browser!) e incollalo in Keepa, più precisamente qui: keepa.com/#!import. Ti basterà a questo punto dichiarare che percentuale di prezzo al ribasso vuoi tenere monitorata, al resto ci pensa il tool.

C’è altro da sapere?

Diciamo di no, tutto il resto appartiene un po’ all’argomento esplorazione e configurazione secondo i propri desideri. Se hai fatto tutto correttamente, avrai popolato la lista di tracking di Keepa relativa al tuo account, quella che troverai all’indirizzo keepa.com/#!manage, da qui potrai modificare il singolo monitoraggio variando il prezzo desiderato, o potrai decidere di rimuovere del tutto il tracking. Modifica la vista secondo tua comodità, io sto già usando la loro visualizzazione beta (e non è niente male), cioè quello che tutti vedranno (volenti o nolenti) tra qualche tempo. Keepa è uno strumento tanto potente quanto versatile, giocaci, scoprilo, utilizzalo al meglio per esaudire i tuoi desideri, è completamente gratuito e questo fa di lui Re incontrastato sul mercato software di monitoraggio Amazon.

Alternative: Pagomeno e WhenItDrop

Della prima ti ho parlato davvero poco tempo fa, ti posso rimandare direttamente all’articolo che viene ancora proposto nella colonna di destra del mio blog, troverai tutti i dettagli sulla piattaforma e la possibilità di tenere monitorati più fornitori, non fermandoti quindi ad Amazon o eBay (anch’esso tracciato da Keepa).

Pagomeno può essere un’alternativa a Keepa: come sfruttarla

C’è poi WhenItDrop, progetto nato evidentemente negli ultimi tempi (agosto 2018) e dietro al quale c’è uno sviluppatore italiano (Gabriele Castoro). Nulla di più semplice e banale da capire: se il prezzo di un prodotto che intendi seguire cala anche solo di un centesimo, ti viene immediatamente consegnata una nuova mail all’interno della casella di posta elettronica associata al tuo account Google, unico metodo di registrazione e login attualmente disponibile sul sito web (scelta molto secca e discutibile, ma tant’è).

Amazon Black Friday: come arrivare preparati 2

Ancora in uno stadio iniziale, WhenItDrop permette di inserire in lista di tracking i prodotti venduti da Amazon Italia e UK, senza permetterti di specificare il prezzo desiderato, vale la regola del “ti avviso se il prezzo cambia, a prescindere da quale sia“, caratteristica che in realtà esiste ma che è possibile sbloccare solo portando i propri amici e conoscenti a registrarsi al sito (puoi farlo da qui passando dal mio referral, se ti va). Ho quindi messo alla prova il prodotto e gli ho dato in pasto un paio di monitoraggi che seguo già via Keepa. Il tutto ha funzionato correttamente già nella giornata del 10 novembre scorso, durante la quale Red Dead Redemption 2 per Xbox One è passato dai 67 ai 61€ circa richiesti per l’acquisto:

Amazon Black Friday: come arrivare preparati 3

20/11/18

Aggiornamento: mi sembra giusto modificare l’articolo e segnalare che WhenItDrop aggiunge al link prodotto Amazon il proprio codice di affiliazione. Questo gli permette di guadagnare una piccola commissione in caso di acquisto confermato da parte dell’utente. Non c’è nulla di male, lo scrivo solo per massima trasparenza (è quello che generalmente succede anche con i prodotti che ti segnalo direttamente io negli articoli di questo blog!).

In conclusione

Inizia a preparare la carta di credito e la lista di tutto ciò che potrebbe tornarti utile, per il resto ti toccherà incrociare le dita e sperare che Amazon scelga di proporre i prodotti che desideri a un prezzo più basso dell’attuale. Oltre quanto riportato dal mio articolo c’è certamente dell’altro, mi viene in mente CamelCamelCamel (di cui ti ho parlato qui) solo per citarne uno, ma lì fuori è pieno di altri software in grado di offrirti la possibilità di non perdere d’occhio i prezzi di ciò che ti interessa acquistare. L’area commenti è a tua totale disposizione per parlare di questo argomento, proporre alternative, chiedere maggiori informazioni e tanto altro ancora.

Buono shopping! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

La prima volta che ti ho parlato di Keepa è stato in occasione dell’Amazon Prime Day 2016 e, a distanza di due anni, si tratta di un pezzo assolutamente attuale, ancora valido, che ti parla di un componente aggiuntivo che non solo esiste ancora, ma che continua a migliorare in ogni suo aspetto, coadiuvato da un sito web molto ricco di funzioni e che ti fornisce davvero una quantità enorme di informazioni riguardo i prodotti ai quali sei interessato. Dato però che di quell’articolo non si può salvare l’ultima parte (quella relativo al bot Telegram, nel frattempo dismesso), cerco di porre rimedio oggi, parlandoti di una possibile alternativa, un monitor che puoi attivare tramite Pagomeno.

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa

Pagomeno

Pagomeno, in breve:

Pagomeno è un servizio completo per il confronto di prezzi e prodotti il cui scopo è aiutare i consumatori a fare le proprie scelte d’acquisto nel modo più informato possibile. Confronta prima di acquistare: su Pagomeno trovi di tutto, dai frigoriferi ai computer portatili!

Continua su: pagomeno.it/info.php?t=about_company

Un comparatore di prezzi che, tra le altre cose, prende in esame anche Amazon ed eBay, target principali di Keepa, ciò che forse interessa di più a te. Pagomeno è stato già citato in altri miei articoli, è un buon sito web che permette di tenere d’occhio il mercato e l’andamento prezzi dei prodotti più interessanti e “mainstream“, il suo database è già molto ricco e cresce sempre più con il tempo. Anche lui permette di dare un’occhiata ai grafici più immediati da digerire, di farsi un’idea dei costi comprensivi di spedizione (utile per chi vende al di fuori di Amazon ed eBay), di monitorare ciò che più ricerchi.

Pagomeno come possibile alternativa a Keepa

Seppur sprovvisto di strumenti di alert su più fronti (Keepa ti mette a disposizione pressoché qualsiasi tipo di comunicazione, dalla mail al messaggio pubblico via Twitter, passando per feed RSS, Facebook Messenger e Telegram), Pagomeno ti dà la possibilità di impostare alcune condizioni che –se dovessero verificarsi– farebbero partire immediatamente una mail verso il tuo account di posta, associato a un utente registrato sulla piattaforma, in alternativa potrai usare il feed RSS o l’applicazione per smartphone.

Pagomeno
Pagomeno
Price: Free
Pagomeno
Pagomeno
Developer: Prisjakt
Price: Free

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa 1

Ecco quindi che per tenere d’occhio la testa termostatica aggiuntiva di Tado (l’esempio qui sopra) ti basterà attivare l’avviso e impostare le tue condizioni:

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa 2

Una volta effettuato il salvataggio, Pagomeno terrà d’occhio il prodotto come da norma del servizio stesso, ma si ricorderà di inviarti una notifica in caso quel prezzo vari secondo le specifiche impostate. È semplice, veloce, immediato da comprendere, la registrazione dell’account è gratuita e ti permetterà di impostare gli avvisi di calo prezzo ma anche di creare liste di prodotti che possono interessarti, effettuare confronti e altro ancora.

Ti ricordo ancora una volta che l’area commenti è a tua totale disposizione se vuoi chiacchierare in merito all’articolo e al prodotto di cui parlo, altrimenti puoi proporre una tua alternativa (che magari non conosco e che mi farebbe certamente piacere provare).

Cheers.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Xiaomi Mi Band 3

Gioxx  —  01/10/2018 — Leave a comment

Raccogliere l’eredità pesante del predecessore non è mai cosa semplice, capiamoci: per me Mi Band 2 è stato il prodotto che ha cambiato il personale punto di vista sui dispositivi indossabili di fascia bassa, quelli che portano a casa il risultato, la sostanza, senza metterci di mezzo la leggenda popolare che narra: “il buon prodotto deve costare per forza caro“. Mi Band 3 è quindi un approdo dovuto ma mai certo, che deve poter dimostrare di saper fare di meglio rispetto a prima, convincere chi si è affezionato e non vuole staccarsi da Mi Band 2 o l’alternativa più elegante costituita da Amazfit.

Xiaomi Mi Band 3

Xiaomi Mi Band 3

È la forma dell’evoluzione quella che vedi: un monitor più grande e più tondo, caratteri più grandi e più chiari, maggiori informazioni mostrate, cinturino indubbiamente migliorato rispetto al passato seppur non cambi la forma mentis e la realizzazione tecnica di base, una culla di ricarica di poco modificata, la vecchia ancora utilizzabile (ma che va per forza di cose sotto sforzo), costringendoti a comprarne un’altra di scorta se sei solito averne almeno un paio in giro. Mi Band 3 non cambia il prezzo sul mercato ma arriva ufficialmente in Italia, tra store fisici e virtuali, in attesa di poter mettere le mani sulla sua variante completa di chip NFC.

Pilastri fondamentali di una generazione solida, Mi Band 3 continua a pesare circa una ventina di grammi (praticamente inesistente) e nonostante la grandezza del sensore sia cresciuta, continua a non dare fastidio alcuno sul polso, merito anche del cinturino e del nuovo sistema di blocco, il salto in avanti c’è ma non si vede, e non è necessariamente un male, il passaggio al nuovo prodotto è del tutto trasparente. Risponde all’appello anche la batteria da 110mAh, durata dichiarata da laboratorio 20 giorni circa (un pelo più capiente per supportare il nuovo hardware, nda); nonostante io ci sia abituato con Mi Band 2, Mi Band 3 non supera la prova alla prima ricarica completa, arrivando a un 9% residuo dopo soli 14 giorni di utilizzo, ma è certamente un risultato figlio della novità e della voglia di mettere alla prova il bracciale, sono certo che andrà meglio con il prossimo ciclo (sto aspettando che si scarichi completamente per provare a fare una carica completa partendo dallo zero):

Xiaomi Mi Band 3 1

Cambia invece la resistenza all’acqua, che migliora e arriva a sopportare 50mt di profondità (contro la resistenza agli spruzzi IP67 di prima, che concedeva comunque l’ingresso in piscina senza troppi problemi, bastava non andarci giù pesante con le profondità), un dettaglio affatto trascurabile è inoltre la scelta di non tagliare il pulsante per attivare il monitor (quello del Mi Band 2 era separato rispetto al resto del display), bensì ricavarlo dal pezzo unico che copre il display (è sagomato e spancia verso il basso), permettendo finalmente di controllare orario e ulteriori informazioni anche quando si sta in piscina, senza necessità di aspettare che quel paio di gocce d’acqua infilatesi nel pulsante del Mi Band 2 smettessero di mettere i bastoni tra le ruote.

Un monitor più grande e tante informazioni in più

Che poi è questo il reale cambiamento rispetto al passato. Mi Band 2 permetteva di ottenere notifiche con pochissime informazioni annesse, ho dovuto / voluto modificare quel comportamento appoggiandomi a un’applicazione di terza parte che ne aumentava (e parecchio) le capacità (te ne parlo tra un po’), cosa che su Mi Band 3 non è praticamente più necessaria (ma io il test l’ho rifatto, trovando una giusta via di mezzo che ho preferito mantenere).

Il monitor permette di contenere 24 caratteri all’interno della schermata, propone non solo la sorgente di notifica, ma anche il contenuto del testo (parlo di messaggi WhatsApp o Telegram, giusto per fare un paio di esempi), ti consente di scorrere tra più schermate per arrivare a leggere fino in fondo, è comodo, fuori da ogni dubbio, potrai addirittura andare a recuperare le notifiche “perse” (quelle che non hai fatto in tempo a leggere quando ti sono arrivate in diretta) semplicemente facendo swipe verso il basso un paio di volte (fino alla schermata dedicata alle notifiche) e spostandoti verso destra, perché Mi Band 3 è full touchscreen, curiosa tra i menu, troverai diverse novità (previsioni meteo, possibilità di mettere in modalità Non disturbare il bracciale, cercare il tuo smartphone facendolo vibrare, ecc.).

È sempre il pulsante centrale ricavato sul monitor a poterti riportare indietro rapidamente (un po’ come succede da sempre con il pulsante Home di Android, quello centrale, se sai di cosa sto parlando), così come la capacità di cancellare tutte le notifiche o confermare operazioni che necessitano di un tuo assenso esplicito (rifiuto di una telefonata, avvio del cronometro o misurazione precisa del battito del cuore, per farti qualche esempio). A proposito di battito: puoi ancora una volta tenerlo disattivato completamente, tracciarlo ogni tanto (magari impostandolo per funzionare puntualmente solo durante la fase di sonno, come ho scelto di fare io) o costante nell’arco delle 24 ore, tutti comportamenti che influenzano chiaramente i consumi batteria del prodotto, sta a te valutare qual è la strada da intraprendere e quanto sei disposto a ricaricare Mi Band 3 nel corso del mese (una volta ogni 10, 15 o 20 giorni circa).

Dato che però non di soli giudizi positivi si può comporre un articolo (o almeno, non così semplicemente), tocca arrendersi ancora una volta davanti al peggiore tallone d’Achille di Mi Band, a prescindere dalla sua versione (3 compresa): non riuscirai a leggere nulla sul monitor sotto la luce diretta del sole. Questo è un difetto che ci si trascina dalla precedente generazione, e che continua a caratterizzare –male– un prodotto che diversamente sarebbe quasi del tutto inattaccabile nel suo rapporto tra qualità e prezzo, dove comunque vince a mani basse rispetto a tanti altri competitor diretti.

Mi Fit

Nulla cambia (o quasi) quando si parla dell’applicazione per tracciare risultati e pilotare Mi Band 3: Mi Fit, un costante miglioramento in usabilità e ricchezza di contenuti che ti permetterà di configurare ogni dettaglio del tuo nuovo amico di polso, del quale ti avevo già parlato nella recensione dedicata al Mi Band 2.

Ciò che troverai oggi, dedicato a Mi Band 3, è la voce relativa alla Modalità notte (che abbassa automaticamente la luminosità della band in base agli orari di tramonto e alba, o pianificabile in base a tue specifiche esigenze), l’ordine delle voci da visualizzare su Mi Band 3 (che puoi finalmente ritoccare), le impostazioni del Meteo (che puoi modificare manualmente, impostandole su una diversa città rispetto a quella rilevata dal tuo GPS), ma non solo.

Xiaomi Mi Band 3 15

La modifica: Tools & Mi Band

Tools & Mi Band
Tools & Mi Band
Price: 3,39 €

Acquistato circa 3 mesi dopo aver torturato Mi Band 2 e aver già apprezzato l’ottima base di partenza, ho configurato ad-hoc Tools & Mi Band per rispondere alle mie esigenze e necessità di avere maggiori informazioni rispetto a quelle mostrate dal bracciale Xiaomi di precedente generazione, rimanendo più che soddisfatto del risultato. Tools & Mi Band è volutamente rimasto disattivo per i primi 10 giorni di test del nuovo Mi Band 3, per poi essere tirato nuovamente fuori dal cilindro, puntato al nuovo MAC Address e riconfigurato per incontrare e abbracciare le novità costituite dal nuovo display più capiente, che ora mi permette di leggere agilmente il contenuto del testo di un messaggio, di una mail, di un appuntamento di calendario.

Xiaomi Mi Band 3 18

Ho disattivato le notifiche native di Mi Fit, lasciando solo le notifiche di chiamata (e relativo chiamante) e le sveglie attive e insostituibili, passando alla configurazione pilotata dall’applicazione terza parte, la quale trasmette al mio bracciale gli appuntamenti della mia agenda, i messaggi SMS e le chat di WhatsApp e Telegram, il tutto condito di personalizzazione per vibrazione, ripetizioni, disabilitazione delle stesse a schermo acceso (cosa oggi possibile anche attraverso l’applicazione nativa Mi Fit, per la cronaca), icona personalizzata e corretta (rispetto a quella proposta da Mi Fit, con il suo generico “App”):

Questo mi permette di risparmiare alcuni caratteri che l’applicazione nativa inserisce, concedendomi inoltre un pieno controllo delle informazioni che trasmetto a bracciale, seguendo le mie esigenze anziché quelle generiche dettate dal comunque ottimo lavoro della società cinese. Ti condividerei più che volentieri il file di configurazione usato per Mi Band 3, ma non sapendo se all’interno del file d’esportazione vengano immessi dati personali o di licenza (è tutto criptato aprendolo con un normale editor di testo), passo e mi scuso per la “non completezza del gesto“.

In conclusione

Un salto generazionale certamente importante per ciò che riguarda il monitor, un pelo meno per tutto il resto dei dettagli. Si continua in ogni caso a portare freschezza e calma ragionata in un mercato dove altri tentennano o tentano di gridare alla terra promessa con funzionalità spesso superflue o che calcolano male dettagli fondamentali come possono essere passi semplici e attività fisiche da palestra o aria aperta. Xiaomi immette quindi sul mercato una novità con il sapore del vecchio, quello a cui personalmente sono affezionato e che speravo di non dover abbandonare del tutto. Non stupisce, conferma, e spesso, per ciò che mi riguarda, credo possa essere un risultato soddisfacente e più che sufficiente.

Per qualsiasi dubbio o ulteriore informazione, l’area commenti è ora pronta ad accoglierti :-)

 

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Xiaomi, tornerà all'ovile al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Di come creare un bot di Telegram per poterlo utilizzare come ponte tra il tuo blog e il gruppo / canale che preferisci, te ne avevo già parlato qualche tempo fa. Quello di cui ti parlo oggi è un modo diverso per consegnare le ultime novità del blog (o qualsiasi altro sito web fornito di feed RSS) a Telegram, e va un po’ in contrasto con quanto ammesso nel 2016, perché nel frattempo le cose su IFTTT sono cambiate (e si sono stabilizzate e velocizzate).

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT

In funzione ormai da diversi mesi (quasi un anno, a dirla tutta), il bot di Gioxx’s Wall consegna –in un gruppo di amici “non aperto al pubblico”– le ultime pubblicazioni che compaiono qui dove tu stesso stai leggendo adesso l’articolo, prendendo URL e immagini di copertina dal feed RSS pubblico. Questo genera un’anteprima immediatamente selezionabile su Telegram, che i frequentatori del gruppo possono utilizzare per puntare il browser alla pagina dell’articolo, in attesa dell’approvazione del template di apertura rapida che ho finalizzato e sottoposto lo scorso gennaio.

L’applet

L’applet di IFTTT si basa su Webhook, e ricostruisce quindi un’azione scatenata da una nuova voce disponibile nel feed di cui ti parlavo prima, per poi catturarla e trasformarla in un URL da richiamare (e in quel caso, passo dalle API di Telegram).

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 1

Cosa ti serve conoscere:

  • il token HTTP API che ti viene rilasciato da @BotFather (fai riferimento sempre a questo articolo se non hai ancora creato il tuo bot, paragrafo “Creazione del bot“),
  • l’ID del gruppo o del canale (chat_id), di cui ti parlo adesso.

Ricavare il chat_id

Fino a qualche tempo fa era il dato più ostico da ricercare per chi non è abituato a giocare con API e output JSON, oggi è facilmente ricavabile grazie all’utilizzo di un bot (giusto per rimanere in tema) :-) Io ti parlo di entrambi i metodi utilizzabili, scegli tu la via preferita. La prima è più manuale, la seconda è immediata ed evidentemente più comoda per tutti.

Manualmente

Invita il tuo bot all’interno del canale o gruppo che ti interessa “servire“, quindi collegati all’indirizzo https://api.telegram.org/bot<Token del bot>/getUpdates dove <Token del bot> andrà sostituito con il token HTTP API di cui si parlava poco fa. Un esempio pratico potrebbe essere questo: https://api.telegram.org/botjbd78sadvbdy63d37gda37bd8/getUpdates (quel token non esiste e otterrai un output di errore, è solo per fare un esempio). Accedendo alla pagina, ammesso che il token sia giusto, ti ritroverai davanti a una serie di dettagli in JSON che mostreranno i dettagli di ciò che il bot ha visto negli ultimi minuti, compreso l’ingresso nel gruppo / canale che hai portato tu a termine:

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 2

Quell’ID evidenziato in rosso è proprio quello che identifica il gruppo / canale, dettaglio che a te serve per completare il lavoro, compreso di quel “” davanti, come fosse un numero negativo. Copialo negli appunti.

Automaticamente

Inserisci il bot @RawDataBot all’interno del tuo gruppo / canale. Appena entrato, questo risponderà fornendoti proprio quei dettagli JSON che tu avresti potuto vedere manualmente (spiegato sopra). Ti basterà individuare la riga id in corrispondenza di chat, quindi copiare il numero negativo riportato.

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 3

IFTTT: completare la configurazione

Hai i due dettagli fondamentali che servono per completare la configurazione dell’Applet su IFTTT. Attiva (su IFTTT, se non lo hai già fatto) il servizio di RSS e anche quello di web request, quindi crea la nuova Applet con questi dettagli:

  • New feed item: indica l’URL del tuo feed (es. https://gioxx.org/feed)
  • Make a web request: inserisci all’interno dell’URL il richiamo alle API di Telegram (un po’ come fatto prima se hai scelto il metodo manuale per ricavare il chat_id) ma stavolta citando l’azione di invio nuovo messaggio, https://api.telegram.org/botjbd78sadvbdy63d-37gda37bd8/sendMessage.
    Il Method dovrà essere di tipo POST e il Content Type di tipo application/json.
    All’interno del Body potrai finalmente specificare il contenuto di ciò che il bot dovrà inviare all’interno del gruppo / canale, io ho inserito questo contenuto:
{"chat_id":"-123456789","text":"{{EntryTitle}} - {{EntryUrl}}/?utm_source=telegram&utm_medium=group"}

Dovrai chiaramente sostituire -123456789 con il vero chat_id ricavato precedentemente, mentre il resto potrebbe anche rimanere identico. L’articolo verrà infatti servito nella modalità “Titolo – URL“, quest’ultimo seguito da alcuni parametri per me utili a fini statistici (e monitorati da Google Analytics, nda).

Ti propongo alcuni ritagli della schermata di IFTTT per permetterti di capire meglio i vari passaggi (in realtà si tratta di un grande blocco in pagina unica):

Salva ora la tua configurazione e attiva l’Applet (se IFTTT non lo ha già fatto autonomamente), quindi attendi che il tutto cominci a funzionare (dovrai pubblicare un nuovo articolo sul tuo blog).

Se vuoi effettuare un test

Ho messo insieme qualche riga di PHP per permetterti di effettuare dei test prima di andare “in produzione“, trovi il risultato all’indirizzo mobile.gfsolone.com/tgram_public.php:

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 7

Compila il form con i veri dettagli del tuo bot (Token) e del canale / gruppo che vuoi raggiungere (ChatID), quindi inserisci il testo che vuoi inviare e fai clic su “Invia messaggio“. Salvo errori, vedrai comparire il tuo messaggio su Telegram.

Da WordPress a Telegram, passando per IFTTT 8

Lo so, il messaggio è stupido, era per dire che ho migrato mobile.gfsolone.com a HTTPS :-p

Ora dovresti praticamente avere tutto a tua disposizione per replicare una configurazione funzionante, non ti resta che iniziare a sperimentare.

Buon inizio settimana breve! :-)


credits: stackoverflow.com/questions/32423837/telegram-bot-how-to-get-a-group-chat-id

Un doveroso ringraziamento anche a Napolux che tempo addietro mi aveva suggerito di adottare questo metodo passando da IFTTT.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: