Archives For Bluetooth

Lascia che te ne parli chi il telefono non lo riceve da Xiaomi ma lo compra direttamente su Amazon al Day-1 (che si fa molto prima), con tutta l’intenzione di utilizzare questo regalo di non compleanno per andare a sostituire un ormai acciaccato seppur glorioso e mai troppo apprezzato Samsung Galaxy S8, che personalmente ringrazio per quanto dato in questi anni. Xiaomi Mi 9 è lo smartphone che ho dallo scorso 1 marzo, un top di gamma per l’azienda cinese, un ottimo terminale che mostra talvolta un fianco che si può certamente giustificare per il prezzo di listino, un po’ meno per il segmento di mercato che va a occupare.

Xiaomi Mi 9: è davvero la terra promessa? 1

Xiaomi Mi 9

Non è la prima volta che porto uno Xiaomi in famiglia, anzi, a dirla tutta io sono l’ultimo componente che ancora non aveva scelto uno dei loro prodotti come terminale principale da tenere in tasca (giro sempre con due smartphone, ho un iPhone aziendale per tenere separate le due vite), la decisione è stata presa sicuramente sulla base delle caratteristiche tecniche dichiarate, mescolate a un pizzico di avventatezza e tranquillità mentale concessa da Amazon (che permette la restituzione semplice dell’acquisto nel primo mese di vita). Prezzo del carrello: 448,96€.

Un ottimo processore, tanta RAM (ne avevo bisogno, capirai il perché tra qualche riga) e una memoria libera a disposizione che va a ricalcare fedelmente quella del mio vecchio S8, non ho necessità alcuna dei 128 GB di spazio, ho molti dati in cloud (fotografie) e ascolto musica direttamente da Spotify, diciamo che riesco a rimanere sotto il tetto dei 40 GB occupati.

Costruzione

Il cuore che batte sotto la scocca di Mi 9 è Qualcomm, per la precisione si tratta dello Snapdragon 855: un octa-core che spinge fino a 2,84 GHz con GPU Adreno 640, 6GB LPDDR4x di RAM a 2133MHz in dual-channel, 64 i GB (della mia configurazione, come già scritto poco fa) di spazio disponibile a tua disposizione (esiste il modello da 128GB, entrambi montano memorie flash UFS2.1).

Il display è davvero molto bello, viene prodotto da Samsung e si tratta di un AMOLED Full Screen da 6.39″ con risoluzione 2340×1080 FHD+ e 403 PPI, una misura importante che in mano fa certamente la differenza rispetto al mio passato, che mi fa un po’ tornare alla memoria quei terminali di Sony che occupavano davvero del gran spazio (anche in tasca). La luminosità è giusta, anche contro luce diretta del sole, ho solo notato che in alcuni casi il sensore adattivo può fare confusione e cambiare le carte in tavola in maniera non sempre precisa, qualche sbavatura qua e là da controllare manualmente tramite il menu a tendina di Android. Sempre nel display segnalo il notch a goccia che non dà fastidio alcuno all’estetica complessiva dello smartphone, io arrivo da un terminale senza notch e ti assicuro che per Mi 9 è come non fosse lì.

Il lettore di impronte è posto sotto al vetro, luce verde pulsata come quella che ci si ritrova degli smart band per la misurazione del battito cardiaco. Nonostante le promesse fatte il lettore è lento, spesso impreciso, nulla che abbia a che fare con il lettore di impronte fisico al quale ero abituato e che tutto sommato non mi sarebbe dispiaciuto ritrovare pure su Mi 9 (a meno di proporre qualcosa di effettivamente più veloce, almeno tanto quanto quello classico). Sono molto deluso da questo punto, non sto dicendo che sia un completo fallimento (direi il falso, la lettura va a buon fine molto spesso e in alcuni casi anche molto rapidamente), ma talvolta preferisco inserire il codice di sblocco numerico per fare prima.

Per un lettore di impronte che vira verso un’evoluzione, un connettore cuffie fa esattamente il contrario: manca all’appello. C’è un adattatore ormai per tutto, mi sembra di ribadire quel concetto fatto proprio da Apple per dire alla clientela che “c’è un’app per tutto“. Passeremo la nostra vita ad adattare la qualunque, per accontentare un’industria che difficilmente sa mettersi d’accordo sul cosa utilizzare e quando. Xiaomi Mi 9 ha un unico attacco USB-C, servirà quindi per caricare la batteria, scambiare dati con un PC oppure ascoltare la musica (o chiacchierare con un proprio contatto) attraverso l’uso di auricolari non più tradizionali. A mio parere questo resta un punto a sfavore nonostante ciò che vuole farci pensare il mercato. Non si parla di drive ottico sui laptop, ormai scarsamente utilizzati, si parla di un paio di auricolari economici e che si possono trovare ovunque, che non potrai usare a meno di adattarli e trasformarli in USB-C.

La batteria è quella che mi sta dando forse più soddisfazioni rispetto agli ultimi smartphone messi in campo. Offre 3300mAh e sulla carta non dovrebbe essere la scelta vincente e definiva, eppure funziona molto bene e l’ottimizzazione in alcuni casi troppo violenta del software Xiaomi la preserva nel corso della giornata, permettendoti di arrivare di toccare durate anche di due giorni se non martelli il tuo smartphone con applicazioni molto esose di risorse come Facebook e affini. La batteria supporta la ricarica rapida via cavo USB-C (27W) e senza fili (20W) con protocollo QuickCharge 4.0. Il caricabatterie incluso nella confezione non è però all’altezza delle aspettative, fermandosi a 18W erogati (io l’ho lasciato praticamente in scatola).

In mano lo si tiene abbastanza tranquillamente ma con qualche difficoltà nella maneggevolezza e scivolosità da “nudo“, il consiglio è quello di utilizzare da subito la custodia gommata trasparente che troverai nella scatola di Mi 9, e di comprarne una che ti piace un po’ di più alla prima occasione utile (io l’ho già fatto, e pensa che nei primi tempi su Amazon non esistevano custodie per Mi 9!).

Software

Xiaomi Mi 9: è davvero la terra promessa? 61

Android 9 Pie, le patch a oggi sono quelle di febbraio 2019 ma è chiaro che mi aspetto un allineamento sempre molto rapido nel primo anno di vita del dispositivo (e spero in quelli futuri). La MIUI è la 10.2 Global, interfaccia grafica e launcher costruito in Xiaomi che è certamente fluido e buono come base di partenza per chi non pretende più di tanto, ma continua a essere all’opposto delle mie abitudini e della rapidità che solo Nova è in grado di darmi a oggi (ho resistito un paio di settimane, sono ora a bordo della beta di Nova, come mio solito).

Come anticipato è la MIUI a fare il lavoro sporco per ciò che riguarda ottimizzazioni della batteria e pulizia del sistema, in alcuni casi esagerando e necessitando di intervento da parte tua per rimettere a posto le cose. Mi è capitato infatti di dover modificare le impostazioni di Waze, Spotify e Android Auto. Quest’ultimo ha dato diversi problemi in vettura fino a quando non ho chiesto allo smartphone di ignorare i consumi della batteria e permettere alle applicazioni di partire da sole quando necessario.

Xiaomi Mi 9: è davvero la terra promessa? 62

Questo problema (se non hai ancora ritoccato le impostazioni batteria e avvio automatico) è il medesimo che può causare un errore simile su Android Auto quando si vuole far partire la musica direttamente dal monitor dell’automobile:

Xiaomi Mi 9: è davvero la terra promessa?

La soluzione è arrivata tramite il forum della Community, fortunatamente: en.miui.com/thread-1491073-1-1.html.

Altro grande assente è parte del comparto Google, del quale fanno certamente parte Google Smart Lock e Google AR. Il primo citato viene eseguito come modulo e funziona parzialmente, ma non sarà modificabile e richiamabile in alcun modo da parte tua (scelta che onestamente non capisco e non condivido con gli sviluppatori Xiaomi), il secondo manca completamente all’appello (vedi developers.google.com/ar/discover/supported-devices, e qui vai a capire cosa stanno aspettando considerando che nell’elenco compare il vecchio Mi 8). Non ho potuto godermi il lancio in beta chiusa delle mappe di Google (a piedi) in realtà aumentata, spero di poter sfruttare questa bellissima funzione (che nel frattempo ho testato grazie a S8) quando sarà disponibile per tutti.

Multimedia

Il comparto sul quale Xiaomi ha certamente convogliato tutte le forze del suo reparto Marketing e in parte di quello sviluppo. Fotocamera tripla Sony ultra-grandangolare da 48MP, una sporgenza abbastanza esagerata che bisogna in qualche maniera controllare solo tramite una buona custodia.

La fotocamera principale porta con sé 48MP grazie al sensore Sony IMX586 con apertura 0,8μm ƒ/1,75, il quale supporta la registrazione video in HD. La seconda fotocamera è in realtà un teleobiettivo da 12 megapixel con apertura 1,0μm ƒ/2,2 e supporto alla fotografia macro. Si conclude con l’obiettivo ultra-grandangolare da 16MP con apertura 1,0μm ƒ/2,2. Lo zoom è di tipo ottico 2x in modalità triple camera, al quale si associa lo zoom digitale 10x. La messa a fuoco è laser con rilevamento di fase e rilevamento a contrasto.

La fotocamera frontale porta con sé 20MP con apertura ƒ/2.0 da 0,9μm.

È un comparto di tutto rispetto con grandi punteggi su DxO, ma che messo in seria difficoltà ogni tanto mostra il fianco caricando un pelo troppo i colori e talvolta non ricalcando fedelmente la realtà, ma non c’è poi così tanto da lamentarsi a guardare i risultati che vado a mostrarti qui di seguito. Non ho avuto occasione di caricare alcun video, ma la registrazione è fluida e non mette il terminale in difficoltà (anche in termini di riscaldamento).

Illuminazione normale

Fotografie realizzate tra Milano e Como, con condizioni di luce normali (in alcune occasioni anche ottimali) e dei soggetti catturati con e senza zoom, con e senza grandangolare.

Scarsa illuminazione

Fotografie scattate qua e là a Milano, con condizioni di luce poco ottimali, soggetti talvolta in movimento catturati con e senza zoom, con e senza grandangolare, nella quasi totalità delle occasioni ho scelto di mettere in campo il profilo Notte offerto da Xiaomi e della sua applicazione Foto ufficiale.

Lascio trarre a te le conclusioni in merito ad ambo le situazioni.

In conclusione

Xiaomi Mi 9 è un terminale molto completo, veloce e dal prezzo indubbiamente competitivo rispetto agli altri top di gamma proposti dai maggiori protagonisti di mercato. Ha caratteristiche evidentemente da primo della classe ma in alcuni casi non si impegna esattamente come detto nella più classica delle situazioni professori-genitori. Sporadici talloni d’Achille ti fanno storcere il naso, su quelli avrei preferito maggiore attenzione.

Non pensavo, ma devo ammettere che un po’ mi manca l’impermeabilità e la spensieratezza di portare vicino all’acqua lo smartphone senza dovermene preoccupare. A questa ci aggiungerei certamente la nota storta sul sensore di luminosità così suscettibile, che viene totalmente ignorato quando si lancia un’applicazione che fa uso del lettore impronte nelle ore serali, causando l’uscita forzata dalla bassa luminosità ed eliminazione della luce blu, per permetterti la corretta lettura della tua impronta.

Tanto per non farci mancare nulla, segnalo che in un paio di casi ho dovuto riavviare Mi 9 dopo essere stato in posti dove non c’era ricezione di segnale alcuna (dei veri e propri bunker!), perché una volta uscito da lì lo smartphone non è stato più in grado di ricercare la prima antenna disponibile, condizione dalla quale non sono uscito neanche mettendolo manualmente in modalità aereo e riportandolo allo stato normale.

Trovi la scheda tecnica completa di Mi 9 sul sito web ufficiale di Xiaomi, punta il browser all’indirizzo mi.com/it/mi9/specs. Per tutto il resto dovresti già saperlo: l’area commenti è a tua disposizione, usala per chiedermi tutto quello che vuoi sapere sul prodotto 🙂

Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)
× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato di tasca mia su Amazon. Preordinato quando annunciato e arrivato con un giorno di ritardo rispetto alla promessa fatta (consegna al Day-1), e ora eccoci qui!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Tutto parte da un computer. È piccolo, consuma poco, è affidabile in linea con la capacità di poter rimanere acceso ininterrottamente e perdersi per strada quasi sempre non per colpa sua, quanto per la fragilità che può avere una tradizionale scheda microSD sulla lunga distanza. Si chiama Raspberry Pi (raspberrypi.org) e se non hai mai sentito prima questo nome, vuol dire che tutto sommato dell’argomento tecnologia e informatica forse non sei realmente appassionato (e qui qualche fischio in fondo alla sala lo sento arrivare eccome).

Raspberry Pi: la base di partenza

RPi3

Eppure secondo me è proprio così, non prenderla sul personale o come attacco diretto. Di Raspberry Pi se ne parla ormai da tanti anni (è stata presentata come single-board computer nel 2011, nda) e oggi siamo ormai arrivati a poter sfruttare la sua terza generazione, nel modello B+ (che è quello che inizia a diffondersi sempre più). Io ci ho giocato in passato, ma non ne ho mai posseduto e tenuto uno in casa, fino a ora. Per “colpa” (se così si può chiamare) dei ragazzi di Cubbit ho deciso di acquistare proprio un RPi3 B+ da mettere in casa e nascondere nel ripostiglio, dove tengo anche il vecchio Media Center basato su Windows 7 e Plex (che tutto sommato svolge ancora il suo lavoro) e dove ho potuto portare dei cavi di rete che comunicano direttamente con il mio router (7590).

Starter Kit

Ho acquistato un modello completo, che propone anche il case, la scheda microSD e ulteriori accessori, lo prepara la ABOX, lo puoi trovare anche tu su Amazon:

Io ho scelto lo Starter Kit un pelo più costoso, ma con la scheda di memoria da 32 GB, così da non avere problemi di spazio per qualche tempo (sì, scoprirai che con RPi quei GB di spazio possono essere anche più che sufficienti). Tutto arrivato con i soliti rapidi tempi di Amazon, quindi montato e preparato per la prima installazione (che tra breve ti spiegherò come modificare rispetto all’originale prevista). RPi, se volessi fartela molto breve e chiara, è un ambiente di laboratorio, test, sviluppo, nuove scoperte.

Non è e non potrà mai sostituire il tuo PC di casa o il tuo laptop, ma potrà certamente farti da concentratore per la gestione della domotica, da server DNS con possibilità di oscurare le pubblicità invasive (e di questo ne parliamo in un prossimo articolo), da server Plex (con diverse limitazioni, occhio) o da piattaforma di gioco retrò e chissà quanta altra roba ancora, tutto racchiuso nel palmo di una mano e con una spesa tutto sommato limitata.

Partendo dal presupposto che tu abbia scelto un RPi3 B+, le caratteristiche della single-board dovrebbero più o meno essere queste:

  • CPU Broadcom BCM2837B0, Quad-Core a 64-bit 1.4 GHz con 1 GB di SDRAM LPDDR2.
  • WiFi e Bluetooth a doppia banda (2,4 GHz e 5 GHz IEEE 802.11.b/g/n/ac, versione bluetooth 4.2, BLE).
  • Velocità massima dell’attacco ethernet 300 Mbps, supporto Power-over-Ethernet (PoE) tramite HAT PoE separato rispetto allo Starter Kit.

A ciò va sempre associato un alimentatore capace di erogare 5V/ 3A per rimanere tranquilli e non incorrere nel più classico degli alert a video che lamentano una scarsa alimentazione (che potrebbe non essere sufficiente per servire anche hard disk esterni USB e simili) e, per le configurazioni un pelo più complesse in grado di tenere in piedi software più esosi, un paio di dissipatori in rame da poter installare secondo esigenza (tieni quindi a portata di mano la cara vecchia pasta termoconduttiva se pensi di voler fare cose turche con il tuo nuovo giocattolo!).

Cerca di avere sempre a che fare con microSD di qualità, classe 10 di nuova generazione possibilmente. Nel caso tu stessi acquistando il mio stesso Starter Kit, questo arriverà con una microSD sulla quale troverai già installato NOOBS (New Out Of Box Software), “an easy operating system installation manager for the Raspberry Pi“, in pratica è un bivio verso il tuo Sistema Operativo preferito, ma senza che questi ti obblighi a sceglierne per forza uno.

Io la microSD però l’ho formattata, e ci ho messo esclusivamente Raspbian:

Raspbian is a free operating system based on Debian optimized for the Raspberry Pi hardware. An operating system is the set of basic programs and utilities that make your Raspberry Pi run. However, Raspbian provides more than a pure OS: it comes with over 35,000 packages, pre-compiled software bundled in a nice format for easy installation on your Raspberry Pi.

Puoi farlo anche tu: è supportata, è parecchio comune tra proprietari di RPi e quindi gode di una comunità in grado di aiutarti e di portarci sopra sempre più software e utilità che potrebbero tornare utili anche a te, senza considerare la moltitudine di progetti che per la propria installazione consigliano e preparano procedure semplici proprio per questa distribuzione Linux ottimizzata. Io ti spiego quindi che fare se anche tu vuoi seguire il mio percorso.

Prima installazione

Inserisci la microSD nel tuo PC (io ho utilizzato il mio MacBook, ma i software che ho utilizzato sono disponibili anche per gli altri sistemi operativi), quindi scarica l’immagine di Raspbian che intendi utilizzare, io ho scelto quella completa di interfaccia grafica e qualche software di base (pesa un pelo di più ma ti permette di andare oltre l’uso del terminale e della connessione e amministrazione via SSH): raspberrypi.org/downloads/raspbian (il collegamento diretto alla versione che ho utilizzato è questo: downloads.raspberrypi.org/raspbian_full_latest).

Scarica ora il software gratuito balenaEtcher, ti permetterà di portare l’immagine di Raspbian su microSD e renderla avviabile, gli darai i pasto il file ZIP che hai scaricato qualche secondo fa. Non è necessario installarlo se usi Windows, puoi scaricare la versione portable (mentre su macOS io l’ho installato). Avvialo, ti si presenterà davanti la sua schermata principale, tu dovrai solo indicargli dove prendere il file ZIP contenente il sistema operativo da portare su microSD, selezionare quest’ultima e poi fare clic su Flash, è una procedura estremamente semplice (devi solo portare la necessaria pazienza affinché termini l’operazione).

Senza rimuovere la microSD dal PC, una volta chiuso balenaEtcher, dobbiamo abilitargli la possibilità di connetterci in SSH al Raspberry quando questo sarà in funzione. Per farlo hai metodi diversi in base al tuo sistema operativo. Come già detto, io ho eseguito tutta la procedura da macOS, ma ti fornisco anche un’alternativa Windows.

Abilita SSH

  • Se hai macOS, apri un Terminale e spostati nella microSD (cd /Volumes/NomeScheda, aiutati con il tabulatore), quindi – una volta dentro – crea un file vuoto chiamato ssh (touch ssh). Rimuovi correttamente la microSD da macOS, inseriscila nel Raspberry e avvialo.
  • Se hai Windows, apri un Prompt dei comandi e spostati nella microSD (verifica che lettera di unità è stata assegnata da Computer, quindi nel prompt digitala seguita dai due punti, esempio e:, premi invio), quindi – una volta dentro – crea un file vuoto chiamato ssh (echo ""> ssh). Rimuovi correttamente la microSD da Windows, inseriscila nel Raspberry e avvialo.

Cerca il Raspberry e collegati

Che tu abbia macOS o Windows poco importa, scarica PiFinder, un’utilità gratuita che cerca all’interno della tua rete il Raspberry e ti permette di collegarti rapidamente tramite un terminale. La trovi su GitHub all’indirizzo github.com/adafruit/Adafruit-Pi-Finder/releases/latest. Non si installa, si avvia e si utilizza immediatamente, in maniera del tutto semplice: cerchi e ti colleghi.

La password di default di una nuova installazione è sempre raspberry, ti verrà chiesto di cambiarla al primo accesso. Il sistema è immediatamente funzionante, noterai che collegandoti con un VNC potrai già operare sull’interfaccia grafica di Raspbian, modificare le proprietà del Desktop e lanciare i programmi installati. Sei a bordo.

E ora?

C’è un mondo davanti a te. RPi è collegato nella tua rete ed è pronto a lavorare per te. Solo facendo qualche ricerca Google arriverai a mille possibili utilizzi del nuovo giocattolo, l’importante è metterci della pazienza, della testa e della voglia di imparare. Nei prossimi articoli ti parlerò certamente di alcune delle possibilità che hai a tua disposizione, dal backup dei dati fatto tramite Raspberry e un NAS disponibile nella tua rete (io ho montato le unità del mio Synology) all’utilizzo come DNS server veloce e in grado di ripulire il web da possibili minacce, proteggendo te, la tua famiglia e sicuramente i più piccoli. Io attualmente lo sto usando come nodo Cubbit (per sperimentare il software in attesa delle Cubbit Cell) ma non solo, presto ne saprai di più.

Per me il Raspberry è certamente un giocattolo molto divertente in grado di portare via del lavoro al Media Center e forse anche al NAS, consumando meno risorse e dandomi la possibilità di imparare cose nuove. È un “esperimento” che sento di consigliare a tutti i patiti della materia che ancora non hanno fatto l’incauto acquisto.

Sei possessore anche tu di Raspberry? Cosa gli fai fare? Utilizziamo insieme l’area commenti per parlarne, e ricorda che non serve registrarsi a Disqus per poter lasciare il tuo contributo, dai un’occhiata qui.

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato di tasca mia su Amazon, esattamente un giorno prima che lo Starter Kit andasse in forte sconto (la mia solita botta di fortuna).
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Poco importa se si tratta di Chillout, Pop, Rock o Jazz, nessuno è qui per giudicare i tuoi gusti musicali e tanto meno schierarsi nelle zone dedicate ai fanboy, qui si torna a parlare dell’hardware che quella musica, quella che piace a te, te la fa ascoltare esattamente come desideri, senza nessuno attorno: tu, la tua concentrazione massima e l’assoluta tranquillità garantita dall’abbattimento di rumori e più in generale suoni che ti accerchiano. Sony mi ha permesso di andare in vacanza (quelle di Natale) e godermi ancora un po’ quello splendido prodotto che porta il nome di WH-1000XM3.

SONY WH-1000Xm3: bentrovate mie care!

Gli ho fatto il filo, e dirlo di un paio di cuffie può sembrare una becera battuta, ma ti giuro che in realtà è la verità applicata a ciò che probabilmente faresti con una donna da corteggiare, che vuoi assolutamente conquistare perché sai che è lei quella giusta. Credo che Sony mi abbia dato un po’ retta per sfinimento, e parto quindi con il ringraziare per la pazienza che ogni volta ci mettete con me, ne serve tanta, ne sono consapevole. La musica è il veicolo migliore per provare delle belle sensazioni, per rilassarsi dopo una giornata frenetica o mantenere un certo savoir-faire durante le ore di lavoro, quando in realtà probabilmente vorresti strozzare chi continua a non permetterti di portare a termine i tuoi compiti al meglio delle tue capacità, distraendoti continuamente. Ecco, è qui che continuano a metterci lo zampino le WH-1000XM3.

Sony WH-1000XM3

Sono tornate, e sono inconfondibilmente loro. La struttura robusta, l’archetto morbido ma non per questo debole, i padiglioni avvolgenti e quei controlli a sfioro che ti ricordano che in alcuni casi o è amore a prima vista, oppure finirai per litigarci per delle stupidate che mai avresti immaginato potessero richiedere più di due minuti della tua attenzione. Bluetooth, rigorosamente, ma anche il cavo non scherza affatto, e ti assicuro che se non ti da fastidio alcuno lo amerai certamente (un po’ per il risparmio energetico, un po’ per l’assoluta perfezione e continuità del suono, senza interferenza alcuna).  L’audio è quello di alta qualità che ti meriti, con le confermate tecnologie DSEE HX e LDAC, il basso è pieno, avvolgente, caldo e dal colpo secco, è potente quanto basta ma non sfocerà in nessun caso nel fastidioso, anche a volume mediamente sostenuto.

La batteria è quella che ti permette di ascoltare ciò che preferisci in modalità senza fili per 30 ore (che possono ovviamente variare in base alle condizioni di ascolto, ma che arrivano anche a 38 se non vuoi utilizzare l’eliminazione del rumore!), con una velocità di ricarica a rapporto “10 minuti:5 ore circa” utilizzando un adattatore da muro (o una batteria portatile, per esempio) con uscita da 1,5 A o più, cosa ormai sempre più comune in casa e mobilità (opzionale rispetto alla scatola del prodotto, occhio!). Se invece hai più tempo a disposizione, una ricarica completa del prodotto richiede solo 3 ore.

Costruzione e attenzione al dettaglio

Le WH-1000XM3 pesano poco meno rispetto alle sorelle ormai più anziane (si parla di circa 255 grammi contro i precedenti 275), portano con sé il solito cavo lungo 1,2mt (poco più corto rispetto al 1,5mt precedente) e una rinnovata sensibilità e risposta in frequenza che ti invito a consultare direttamente da specifiche complete (che qui sul blog non ho solo lettori fissati, e capisco che asciugarli non è proprio buona pratica) ;-)

Versione del bluetooth utilizzata è la 4.2, sicuramente ottimizzata e dai consumi più ridotti rispetto a tanti altri competitor, ma è anche vero che si tratta di una tecnologia già superata dal mercato e che ci si poteva aspettare “qualcosa di più” (occhio, non serve, non è necessario, è solo giusto specificarlo), nell’arco dei 10 metri di distanza dalla sorgente non noterai problema o esitazione alcuna nel trasmettere un suono corretto senza interferenze, ma ricorda bene che allontanarti “così tanto” richiederà maggiore energia da investire nel tenere stabile il collegamento.

In questo paio di mesi di test circa, ore di ascolto si sono susseguite senza il minimo fastidio, è certamente merito dei cuscinetti auricolari in uretano espanso (sono morbidi, parecchio), i quali allentano la pressione senza però mai mollare la giusta presa per ottenere il contatto più corretto con i padiglioni, una stabilità affatto scontata per chi porta –come me– degli occhiali da vista (i quali con parecchi altri modelli di cuffie risultano troppo stancanti dopo poco tempo). La struttura è ancora una volta pieghevole e comoda da riporre facilmente nell’astuccio incluso nella scatola delle WH-1000XM3, che ti permetterà di trasportare in sicurezza il prodotto (anche perché con il sacrificio che si fa per acquistarle, ti scoccerebbe alquanto rovinarle, anche fosse per un invisibile graffio sulla scocca).

NC

La cancellazione del rumore, che poi è chiaramente il fiore all’occhiello di queste Sony WH-1000XM3, è qualcosa di assolutamente fantastico, io amo questa tecnologia, ed è un naturale completamento di ciò che gira intorno a una qualità del suono ineccepibile (ma che già ti aspetti da un vendor come Sony, sbagliando certamente nel darlo per scontato, forse colpa dell’educazione alla stessa ricevuta negli anni passati). Hai un interruttore rapido per attivare e disattivare il Noise Cancelling secondo tua esigenza (padiglione di sinistra, nda), il tutto coadiuvato da un sistema automatico in grado di riconoscere l’ambiente che ti circonda e di adattarsi al meglio alla situazione, con una “scappatoia” sempre utilizzabile, costituita dalla modalità di “Rapida attenzione” (ti basterà poggiare la mano sul padiglione di destra per riuscire a sentire cosa ti sta dicendo la moglie o il vicino di scrivania, per poi tornare nel silenzio tombale della tua musica) non appena la allontanerai nuovamente. Il processore su cui si basa questo rinnovato sistema di Noise Cancelling è proprietario Sony, si tratta del QN1 HD, il quale –essendo dedicato– non intaccherà in alcun modo la lavorazione dell’audio in ingresso dalla tua sorgente, che continuerà a scorrere fluido verso i tuoi timpani.

SONY WH-1000Xm3: bentrovate mie care! 7

Al solito, Sony consiglia di scaricare, installare e personalizzare l’esperienza tramite la propria applicazione Headphones Connect disponibile per Android e iOS:

Di comandi da padiglione e collegamento non credo di dovertene parlare ancora, d’altronde li avevo già ampiamente descritti nell’articolo dedicato alle WH-1000XM2, lo trovi qui: SONY WH-1000Xm2: esisti solo tu e la musica nelle tue orecchie.

In conclusione

Cosa vuoi che ti dica rispetto a quanto già abbondantemente riportato nelle righe che hai letto fino a qui? Le Sony WH-1000XM3 sono cuffie pensate e realizzate per chi dalla musica pretende tutto, un trasporto totale, un’esperienza che vuole e deve farti isolare da tutto il resto del mondo (se è quello che stai cercando), senza rinunciare pressoché a niente, forse solo a qualche risparmio che hai volutamente tenuto da parte, perché il costo è tutto fuorché popolare, si parla di 380€ di listino, ma la qualità ha un costo, sempre, e tu questo lo sai. A me questo prodotto è piaciuto, e pure tanto considerando a che livello di gradimento ero arrivato con le precedenti. Il voto è pressoché scontato.

Se intendi risparmiare qualcosa e pensi di voler rimanere in famiglia, puoi sempre pensare all’acquisto postumo del top di gamma scorso (WH-1000XM2), che di certo ti permette di cadere sempre in piedi, rinunciando a qualcosina.

A questo punto a me non resta che dirti altro, devo solo prepararmi alla nota dolente della inevitabile restituzione, a malincuore più di quanto già non sia capitato in passato. Grazie ancora una volta a Sony per la collaborazione, a te lascio spazio nell’area commenti o in Reddit per porre domande in merito al prodotto :-)

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Sony. Dovrà tornare all'ovile al termine dei test e conseguente pubblicazione di questo articolo (sfortunatamente!).
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Non di sola strada in discesa è fatta la tecnologia, chi ci gioca quotidianamente lo sa bene, ed è per questo motivo che sono solito giocare con qualsiasi cosa mi capiti a portata di mano, a prescindere da quello che succederà, mal che vada avrò fatto un “incauto acquisto” che mi porterà probabilmente all’inutilizzo dell’oggetto, seconda faccia di una medaglia unica in questo campo, cosa tra l’altro capitata anche di recente. Dato che ciò non mi ha mai fermato, ecco arrivare sul banco prova il Mi Band 3 NFC, versione “completa” non ancora commercializzata in Italia rispetto al suo fratello minore Mi Band 3. Dopo aver sbattuto il muso contro l’inesistenza della localizzazione italiana e di quella inglese attivabile solo in “particolari condizioni“, ho mosso le giuste corde per arrivare al traguardo nonostante quanto stabilito da Xiaomi.

Xiaomi Mi Band 3 NFC: traduzione italiana 1

Per “particolari condizioni” (in riferimento alla lingua inglese di cui ti parlavo qualche parola fa) intendo l’avere lo smartphone localizzato in lingua inglese, sì tutto, non solo per ciò che riguarda l’applicazione Mi Fit che puoi scaricare da Play Store. Dato però che questo non è il mio di caso, ho scelto di percorrere una differente strada e perdermi nell’abbondante documentazione che parla di Mi Band 3, a cavallo tra il sito (e forum) di GizChina e tutto il vasto mondo di GitHub. Tutto facile? Affatto. Si parla abbondantemente di Mi Band 3, non della sua versione NFC.

Quindi che si fa?

Ci si affida a chi è solito fare questo mestiere ma che –a corto di cavie– non è riuscito a rendere disponibile il firmware in italiano fino a ora. Il team è quello di “ilgruppotester“, quelli che hanno questo canale YouTube e che rilasciano pubblicamente firmware e applicazioni modificate anche tramite il loro bot su Telegram. La cavia di turno è il sottoscritto, ho prestato alla scienza il mio Mi Band 3 NFC e tanta sacrosanta pazienza per effettuare tutte le sovrascritture firmware e installazione file di risorse e font, fino ad arrivare al risultato finale che permette di ottenere un prodotto con software localizzato in italiano seppur un pelo più indietro rispetto all’ultimo disponibile ufficialmente da Xiaomi (ma credimi, non manca nulla).

Mi Band 3 NFC in italiano

La premessa qui è doverosa prima di cominciare:

ATTENZIONE: Prima di partire, il solito consiglio: occhio sempre a quello che tocchi e che modifichi, ogni operazione spiegata qui di seguito invalida la garanzia e potrebbe causare il brick del prodotto, rendendolo inutilizzabile. Una piccola ancora di salvezza c’è e te la spiego un paio di paragrafi più giù (mi sembra il minimo), ma fa attenzione e segui attentamente le istruzioni fornite.

Occhio: nulla di quanto spiegato qui di seguito può essere applicato a Mi Band 3 senza NFC, quel modello è già pienamente supportato in italiano, a prescindere dallo store dal quale lo hai acquistato (o acquisterai in futuro).

Detto ciò, quello che ti serve è uno smartphone Android, un software gratuito e Open Source chiamato GadgetBridge (utile per caricare i file sul tuo Mi Band) e alcuni file modificati che ti permetteranno di raggiungere la meta sperata. Per concludere, una versione modificata (dal team de “ilgruppotester“) di Mi Fit ti permetterà di evitare che arrivino degli aggiornamenti firmware da Xiaomi a rendere inutile tutti i tuoi sforzi. Ti fornisco tutto io per sicurezza:

Prima di intraprendere qualsiasi altra operazione, entra in Mi Fit (che dovresti ancora possedere in versione ufficiale rilasciata da Xiaomi), spostati nel menu relativo al tuo Mi Band 3 NFC e sblocca la visibilità bluetooth (Profilo → Mi Band 3 NFC → Visibile → Attivato), così sarà più facile rilevare il prodotto anche da altre applicazioni. Fatto ciò, attendi che finisca la sincronizzazione e disaccoppia il bracciale dall’applicazione.

Il primo passo è compiuto. Disinstalla ora Mi Fit originale e installa la versione modificata. Le due non possono convivere sul medesimo smartphone perché la versione modificata mantiene quasi tutto dell’originale, e per il tuo smartphone è come se Mi Fit Mod fosse identica all’originale. Fatto ciò apri Mi Fit Mod, collegati con il tuo account e NON ricollegare subito il tuo Mi Band 3 NFC.

Installa e apri GadgetBridge, fai partire una ricerca dei dispositivi bluetooth nei paraggi e procedi con l’accoppiamento con Mi Band 3 NFC (un po’ come sei abituato già a fare con Mi Fit). Fatto ciò, vai a ripescare i file modificati che ti ho fatto scaricare precedentemente e seguendo uno specifico ordine, dalli in pasto a Mi Band 3 NFC passando da GadgetBridge in questa maniera:

L’ordine da rispettare è prima font (file ft), poi file res e infine il firmware modificato (file fw). Per ciascuno di questi, utilizzando il File Manager originale del proprio smartphone (nel mio caso ho usato Galaxy S8) dovrai “condividere” il file e poi farlo aprire da GadgetBridge che ti permetterà di caricarlo sul dispositivo.

Contrariamente al file del font e quello delle risorse, effettuare il flash del firmware richiederà il riavvio di Mi Band 3 NFC, che verrà eseguito in maniera del tutto automatica, pazienta qualche secondo prima di provare a riaccendere il suo piccolo monitor (premendo l’unico pulsante a tua disposizione). Salvo errori, avrai caricato un firmware completamente in italiano, che ti permetterà di goderti il tuo nuovo prodotto come fosse stato acquistato ufficialmente nella nostra nazione. Unico neo è costituito dai caratteri particolari o dalle condizioni climatiche non del tutto complete, ma questo –ho notato– dipende poi dall’applicazione ponte utilizzata (intendo Mi Fit o un’equivalente, per esempio Notify), ed è qualcosa che posso sopportare (in pratica, rispetto a un Mi Band 3 con firmware ufficiale, manca il dirti se è nuvoloso, se ci sono piogge, cose che puoi comunque sapere guardando l’icona subito sopra i gradi).

Xiaomi Mi Band 3 NFC: traduzione italiana 10

Foto un pelo sfocata, sorry!

Escluso questo minuscolo bug, il resto è davvero tutto in ordine. Avvia ora Mi Fit Mod, associa il tuo Mi Band 3 NFC e comincia a utilizzarlo come hai sempre fatto con un Mi Band precedente e l’applicazione Mi Fit originale, almeno fino a quando Xiaomi non renderà disponibile la lingua italiana senza trucchetto alcuno, tramite il proprio software.

Sorry Sir, can I speak english?

Yeah, sure, e ci mancherebbe. Il primo firmware modificato che ho provato sulla mia Mi Band 3 NFC era in inglese, e già così –a mio modesto parere– era spanne avanti rispetto alla localizzazione originale del Sol Levante, mi sarebbe bastato. Senza toccare il file font e res che ha già provveduto a caricare sul tuo dispositivo, puoi scegliere di lanciare un nuovo flash firmware utilizzando questo file fw che ti metto a disposizione: go.gioxx.org/mb3nfc-fwen. Il tuo Mi Band 3 NFC parlerà inglese, se lo preferisci (attendi giusto il solito riavvio a operazione terminata):

Credo di aver rotto tutto, che si fa?

Ecco, il paragrafo più difficile, quello che si spera sempre non debba servire ma che sfortunatamente può tornarti utile in caso di emergenza. Può succedere che l’operazione di flash del firmware si sia interrotta per qualsivoglia problema (non mi interessa quale) e che il tuo Mi Band 3 NFC mostri a video un’icona che ti invita a collegarlo a un’applicazione per il restore del software originale. Se questo non fosse per te possibile, ma il Mi Band 3 NFC riuscisse ancora a collegarsi a GadgetBridge, ti metto a disposizione i file originali di Xiaomi (res e fw) che dovrai sovrascrivere a quelli ora danneggiati.

Trovi tutto all’indirizzo go.gioxx.org/mb3nfc-stock, l’ordine rimane lo stesso riportato prima (res, poi firmware). Se ti stai chiedendo come recuperare in autonomia i file più aggiornati rispetto a questo mio articolo (che magari leggerai tra tre mesi o chissà quando), è molto semplice. Scarica l’ultima versione (APK) di Mi Fit originale Xiaomi (esempio pratico: apkmirror.com/apk/anhui-huami-information-technology-co-ltd/mi-fit/mi-fit-3-5-5-4-release/mi-fit-3-5-5-4-android-apk-download), scompattala per ottenere le cartelle e i file di programma, esplora la cartella “assets” e tira fuori da lì i file Mili_chongqing.res e Mili_chongqing.fw, Chongqing è il nome in codice di Mi Band 3 in versione NFC.

Salvo danneggiamenti più complicati rispetto a quello citato, dovresti riuscire a far “resuscitare” il tuo prodotto, scongiurandone la perdita. Ora però noterai che la lingua sarà tornata quella originale, puoi tentare di seguire nuovamente la procedura per trasformare il prodotto in italiano.

Dovrei aver riportato tutto il necessario. Se dovessi avere bisogno di assistenza, puoi certamente lasciare un commento all’articolo oppure fare un salto nel gruppo Telegram dedicato al mondo del firmware modding per i dispositivi Xiaomi: t.me/joinchat/BUSoOUHsp_V3WXG4pXamKQ.

Buon divertimento e buon inizio settimana :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Xiaomi Mi Band 3

Gioxx  —  01/10/2018 — Leave a comment

Raccogliere l’eredità pesante del predecessore non è mai cosa semplice, capiamoci: per me Mi Band 2 è stato il prodotto che ha cambiato il personale punto di vista sui dispositivi indossabili di fascia bassa, quelli che portano a casa il risultato, la sostanza, senza metterci di mezzo la leggenda popolare che narra: “il buon prodotto deve costare per forza caro“. Mi Band 3 è quindi un approdo dovuto ma mai certo, che deve poter dimostrare di saper fare di meglio rispetto a prima, convincere chi si è affezionato e non vuole staccarsi da Mi Band 2 o l’alternativa più elegante costituita da Amazfit.

Xiaomi Mi Band 3

Xiaomi Mi Band 3

È la forma dell’evoluzione quella che vedi: un monitor più grande e più tondo, caratteri più grandi e più chiari, maggiori informazioni mostrate, cinturino indubbiamente migliorato rispetto al passato seppur non cambi la forma mentis e la realizzazione tecnica di base, una culla di ricarica di poco modificata, la vecchia ancora utilizzabile (ma che va per forza di cose sotto sforzo), costringendoti a comprarne un’altra di scorta se sei solito averne almeno un paio in giro. Mi Band 3 non cambia il prezzo sul mercato ma arriva ufficialmente in Italia, tra store fisici e virtuali, in attesa di poter mettere le mani sulla sua variante completa di chip NFC.

Pilastri fondamentali di una generazione solida, Mi Band 3 continua a pesare circa una ventina di grammi (praticamente inesistente) e nonostante la grandezza del sensore sia cresciuta, continua a non dare fastidio alcuno sul polso, merito anche del cinturino e del nuovo sistema di blocco, il salto in avanti c’è ma non si vede, e non è necessariamente un male, il passaggio al nuovo prodotto è del tutto trasparente. Risponde all’appello anche la batteria da 110mAh, durata dichiarata da laboratorio 20 giorni circa (un pelo più capiente per supportare il nuovo hardware, nda); nonostante io ci sia abituato con Mi Band 2, Mi Band 3 non supera la prova alla prima ricarica completa, arrivando a un 9% residuo dopo soli 14 giorni di utilizzo, ma è certamente un risultato figlio della novità e della voglia di mettere alla prova il bracciale, sono certo che andrà meglio con il prossimo ciclo (sto aspettando che si scarichi completamente per provare a fare una carica completa partendo dallo zero):

Xiaomi Mi Band 3 1

Cambia invece la resistenza all’acqua, che migliora e arriva a sopportare 50mt di profondità (contro la resistenza agli spruzzi IP67 di prima, che concedeva comunque l’ingresso in piscina senza troppi problemi, bastava non andarci giù pesante con le profondità), un dettaglio affatto trascurabile è inoltre la scelta di non tagliare il pulsante per attivare il monitor (quello del Mi Band 2 era separato rispetto al resto del display), bensì ricavarlo dal pezzo unico che copre il display (è sagomato e spancia verso il basso), permettendo finalmente di controllare orario e ulteriori informazioni anche quando si sta in piscina, senza necessità di aspettare che quel paio di gocce d’acqua infilatesi nel pulsante del Mi Band 2 smettessero di mettere i bastoni tra le ruote.

Un monitor più grande e tante informazioni in più

Che poi è questo il reale cambiamento rispetto al passato. Mi Band 2 permetteva di ottenere notifiche con pochissime informazioni annesse, ho dovuto / voluto modificare quel comportamento appoggiandomi a un’applicazione di terza parte che ne aumentava (e parecchio) le capacità (te ne parlo tra un po’), cosa che su Mi Band 3 non è praticamente più necessaria (ma io il test l’ho rifatto, trovando una giusta via di mezzo che ho preferito mantenere).

Il monitor permette di contenere 24 caratteri all’interno della schermata, propone non solo la sorgente di notifica, ma anche il contenuto del testo (parlo di messaggi WhatsApp o Telegram, giusto per fare un paio di esempi), ti consente di scorrere tra più schermate per arrivare a leggere fino in fondo, è comodo, fuori da ogni dubbio, potrai addirittura andare a recuperare le notifiche “perse” (quelle che non hai fatto in tempo a leggere quando ti sono arrivate in diretta) semplicemente facendo swipe verso il basso un paio di volte (fino alla schermata dedicata alle notifiche) e spostandoti verso destra, perché Mi Band 3 è full touchscreen, curiosa tra i menu, troverai diverse novità (previsioni meteo, possibilità di mettere in modalità Non disturbare il bracciale, cercare il tuo smartphone facendolo vibrare, ecc.).

È sempre il pulsante centrale ricavato sul monitor a poterti riportare indietro rapidamente (un po’ come succede da sempre con il pulsante Home di Android, quello centrale, se sai di cosa sto parlando), così come la capacità di cancellare tutte le notifiche o confermare operazioni che necessitano di un tuo assenso esplicito (rifiuto di una telefonata, avvio del cronometro o misurazione precisa del battito del cuore, per farti qualche esempio). A proposito di battito: puoi ancora una volta tenerlo disattivato completamente, tracciarlo ogni tanto (magari impostandolo per funzionare puntualmente solo durante la fase di sonno, come ho scelto di fare io) o costante nell’arco delle 24 ore, tutti comportamenti che influenzano chiaramente i consumi batteria del prodotto, sta a te valutare qual è la strada da intraprendere e quanto sei disposto a ricaricare Mi Band 3 nel corso del mese (una volta ogni 10, 15 o 20 giorni circa).

Dato che però non di soli giudizi positivi si può comporre un articolo (o almeno, non così semplicemente), tocca arrendersi ancora una volta davanti al peggiore tallone d’Achille di Mi Band, a prescindere dalla sua versione (3 compresa): non riuscirai a leggere nulla sul monitor sotto la luce diretta del sole. Questo è un difetto che ci si trascina dalla precedente generazione, e che continua a caratterizzare –male– un prodotto che diversamente sarebbe quasi del tutto inattaccabile nel suo rapporto tra qualità e prezzo, dove comunque vince a mani basse rispetto a tanti altri competitor diretti.

Mi Fit

Nulla cambia (o quasi) quando si parla dell’applicazione per tracciare risultati e pilotare Mi Band 3: Mi Fit, un costante miglioramento in usabilità e ricchezza di contenuti che ti permetterà di configurare ogni dettaglio del tuo nuovo amico di polso, del quale ti avevo già parlato nella recensione dedicata al Mi Band 2.

Ciò che troverai oggi, dedicato a Mi Band 3, è la voce relativa alla Modalità notte (che abbassa automaticamente la luminosità della band in base agli orari di tramonto e alba, o pianificabile in base a tue specifiche esigenze), l’ordine delle voci da visualizzare su Mi Band 3 (che puoi finalmente ritoccare), le impostazioni del Meteo (che puoi modificare manualmente, impostandole su una diversa città rispetto a quella rilevata dal tuo GPS), ma non solo.

Xiaomi Mi Band 3 15

La modifica: Tools & Mi Band

Tools & Mi Band
Tools & Mi Band
Price: 3,39 €

Acquistato circa 3 mesi dopo aver torturato Mi Band 2 e aver già apprezzato l’ottima base di partenza, ho configurato ad-hoc Tools & Mi Band per rispondere alle mie esigenze e necessità di avere maggiori informazioni rispetto a quelle mostrate dal bracciale Xiaomi di precedente generazione, rimanendo più che soddisfatto del risultato. Tools & Mi Band è volutamente rimasto disattivo per i primi 10 giorni di test del nuovo Mi Band 3, per poi essere tirato nuovamente fuori dal cilindro, puntato al nuovo MAC Address e riconfigurato per incontrare e abbracciare le novità costituite dal nuovo display più capiente, che ora mi permette di leggere agilmente il contenuto del testo di un messaggio, di una mail, di un appuntamento di calendario.

Xiaomi Mi Band 3 18

Ho disattivato le notifiche native di Mi Fit, lasciando solo le notifiche di chiamata (e relativo chiamante) e le sveglie attive e insostituibili, passando alla configurazione pilotata dall’applicazione terza parte, la quale trasmette al mio bracciale gli appuntamenti della mia agenda, i messaggi SMS e le chat di WhatsApp e Telegram, il tutto condito di personalizzazione per vibrazione, ripetizioni, disabilitazione delle stesse a schermo acceso (cosa oggi possibile anche attraverso l’applicazione nativa Mi Fit, per la cronaca), icona personalizzata e corretta (rispetto a quella proposta da Mi Fit, con il suo generico “App”):

Questo mi permette di risparmiare alcuni caratteri che l’applicazione nativa inserisce, concedendomi inoltre un pieno controllo delle informazioni che trasmetto a bracciale, seguendo le mie esigenze anziché quelle generiche dettate dal comunque ottimo lavoro della società cinese. Ti condividerei più che volentieri il file di configurazione usato per Mi Band 3, ma non sapendo se all’interno del file d’esportazione vengano immessi dati personali o di licenza (è tutto criptato aprendolo con un normale editor di testo), passo e mi scuso per la “non completezza del gesto“.

In conclusione

Un salto generazionale certamente importante per ciò che riguarda il monitor, un pelo meno per tutto il resto dei dettagli. Si continua in ogni caso a portare freschezza e calma ragionata in un mercato dove altri tentennano o tentano di gridare alla terra promessa con funzionalità spesso superflue o che calcolano male dettagli fondamentali come possono essere passi semplici e attività fisiche da palestra o aria aperta. Xiaomi immette quindi sul mercato una novità con il sapore del vecchio, quello a cui personalmente sono affezionato e che speravo di non dover abbandonare del tutto. Non stupisce, conferma, e spesso, per ciò che mi riguarda, credo possa essere un risultato soddisfacente e più che sufficiente.

Per qualsiasi dubbio o ulteriore informazione, l’area commenti è ora pronta ad accoglierti :-)

 

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Xiaomi, tornerà all'ovile al termine del test.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: