Archives For Shopping

Sono davanti al PC a dare un’occhiata alle offerte dell’11+11 di MediaWorld, una pena infinita dovuta al sovraccarico di un sito web evidentemente non concepito per scalare a dovere, ma questo è solo uno sterile sfogo di apertura articolo che poco c’entra con il succo del discorso che voglio intavolare con te. Tornando all’argomento principale, quello di oggi è un pezzo basato sulla preparazione per l’imminente Black Friday di Amazon, previsto per venerdì 23 novembre prossimo, seguito poi dal Cyber Monday del 26 novembre. Ne abbiamo già discusso in passato, ma è giusto rifare una panoramica sui metodi e software che puoi utilizzare per non perderti gli affari che più ti interessano e che vorresti comprare a prezzo inferiore rispetto all’attuale.

Amazon Black Friday: come arrivare preparati

Amazon Black Friday e Cyber Monday

Una rapida ricerca su internet ti permetterà di accedere già a una moltitudine di articoli che trattano l’argomento, alcuni dei quali in grado di proporti già una parte di lista offerte (o presunte tali) che andrà in vetrina in una delle due occasioni (venerdì / lunedì), a te tocca esclusivamente fare il lavoro sporco tenendo d’occhio ciò che ti interessa, facendo una sorta di “lista della spesa” che vorresti concludere al termine delle due giornate di sconti. Per fare questo puoi usare degli strumenti dei quali ti ho già parlato in passato, ancora oggi disponibili (e in alcuni casi nettamente migliorati), spesso integrati all’interno del tuo browser o con i client di messaggistica istantanea.

Keepa

Capo saldo del controllo dei prodotti Amazon che vorrei acquistare e delle liste desideri, Keepa è fedele compagno di viaggio ormai da qualche tempo, te ne ho parlato per la prima volta in un articolo del 2016, anche se avevo iniziato a utilizzarlo alcuni mesi prima (fine 2015). Quello che devi fare è semplicemente registrare un account gratuito su keepa.com, quindi installare il componente aggiuntivo per Firefox, Chrome, Opera o Edge, il quale ti permetterà di tenere sott’occhio le evoluzioni prezzi dei prodotti che ti interessano di più:

Keepa.com - Amazon Price Tracker
Keepa.com - Amazon Price Tracker
Keepa - Amazon Price Tracker
Keepa - Amazon Price Tracker
Developer: keepa.com
Price: Free
Install Chrome Extensions
Install Chrome Extensions
Developer:
Price: Free
Keepa
Keepa
Developer: Keepa
Price: Gratis

Un esempio pratico? Sto tenendo d’occhio il WD Red per il mio NAS, vorrei fare un upgrade da 2 a 4 TB, questo il suo grafico prezzi Amazon nel corso del tempo:

Amazon Black Friday: come arrivare preparati 1

Ho chiesto a Keepa di avvisarmi quando il prezzo sfiorerà i 100€ circa, come già successo in passato senza alcuna offerta lampo (Keepa le segnala con un pallino rosso sul grafico), a me non resta che aspettare perché ho aggiunto al mio account –oltre che la mail, ovviamente– il mio account di Telegram e le notifiche push sul mio Firefox.

Tracciare un prodotto è assolutamente semplice: una volta installata l’estensione per il browser (per facilitarti la vita eh, altrimenti puoi fare tutto anche da sito web di Keepa senza aggiungere null’altro al tuo browser), apri la pagina dell’articolo che ti interessa su Amazon, quindi usa il grafico per controllare l’andamento prezzi e mettere sotto tracking il prodotto, ho catturato e pubblicato su YouTube i passaggi ripresi dal mio Firefox:

Importare una lista desideri intera

Sì, è possibile. Il lavoro maggiore è proprio quello di individuare una serie di prodotti per te interessante, cosa che solitamente fai tramite la lista desideri di Amazon (la predefinita così come qualsiasi altra creata successivamente). Keepa può importare in qualsiasi momento una lista intera di prodotti tramite il suo URL, per poi permetterti di impostare una percentuale di prezzo sotto al quale ognuno di quei prodotti deve scendere per poter scatenare l’evento di invio alert al tuo account.

Una volta effettuato il login su Amazon, spostati nelle liste desideri (amazon.it/wishlist?ref_=ya_d_l_lists) e seleziona quella che vorresti importare su Keepa, assicurati che questa sia Pubblica, in caso contrario non potrai procedere (dovrai inserire manualmente i tracking prodotto), quindi copia l’URL della lista (l’indirizzo che trovi nella barra del browser!) e incollalo in Keepa, più precisamente qui: keepa.com/#!import. Ti basterà a questo punto dichiarare che percentuale di prezzo al ribasso vuoi tenere monitorata, al resto ci pensa il tool.

C’è altro da sapere?

Diciamo di no, tutto il resto appartiene un po’ all’argomento esplorazione e configurazione secondo i propri desideri. Se hai fatto tutto correttamente, avrai popolato la lista di tracking di Keepa relativa al tuo account, quella che troverai all’indirizzo keepa.com/#!manage, da qui potrai modificare il singolo monitoraggio variando il prezzo desiderato, o potrai decidere di rimuovere del tutto il tracking. Modifica la vista secondo tua comodità, io sto già usando la loro visualizzazione beta (e non è niente male), cioè quello che tutti vedranno (volenti o nolenti) tra qualche tempo. Keepa è uno strumento tanto potente quanto versatile, giocaci, scoprilo, utilizzalo al meglio per esaudire i tuoi desideri, è completamente gratuito e questo fa di lui Re incontrastato sul mercato software di monitoraggio Amazon.

Alternative: Pagomeno e WhenItDrop

Della prima ti ho parlato davvero poco tempo fa, ti posso rimandare direttamente all’articolo che viene ancora proposto nella colonna di destra del mio blog, troverai tutti i dettagli sulla piattaforma e la possibilità di tenere monitorati più fornitori, non fermandoti quindi ad Amazon o eBay (anch’esso tracciato da Keepa).

Pagomeno può essere un’alternativa a Keepa: come sfruttarla

C’è poi WhenItDrop, progetto nato evidentemente negli ultimi tempi (agosto 2018) e dietro al quale c’è uno sviluppatore italiano (Gabriele Castoro). Nulla di più semplice e banale da capire: se il prezzo di un prodotto che intendi seguire cala anche solo di un centesimo, ti viene immediatamente consegnata una nuova mail all’interno della casella di posta elettronica associata al tuo account Google, unico metodo di registrazione e login attualmente disponibile sul sito web (scelta molto secca e discutibile, ma tant’è).

Amazon Black Friday: come arrivare preparati 2

Ancora in uno stadio iniziale, WhenItDrop permette di inserire in lista di tracking i prodotti venduti da Amazon Italia e UK, senza permetterti di specificare il prezzo desiderato, vale la regola del “ti avviso se il prezzo cambia, a prescindere da quale sia“, caratteristica che in realtà esiste ma che è possibile sbloccare solo portando i propri amici e conoscenti a registrarsi al sito (puoi farlo da qui passando dal mio referral, se ti va). Ho quindi messo alla prova il prodotto e gli ho dato in pasto un paio di monitoraggi che seguo già via Keepa. Il tutto ha funzionato correttamente già nella giornata del 10 novembre scorso, durante la quale Red Dead Redemption 2 per Xbox One è passato dai 67 ai 61€ circa richiesti per l’acquisto:

Amazon Black Friday: come arrivare preparati 3

20/11/18

Aggiornamento: mi sembra giusto modificare l’articolo e segnalare che WhenItDrop aggiunge al link prodotto Amazon il proprio codice di affiliazione. Questo gli permette di guadagnare una piccola commissione in caso di acquisto confermato da parte dell’utente. Non c’è nulla di male, lo scrivo solo per massima trasparenza (è quello che generalmente succede anche con i prodotti che ti segnalo direttamente io negli articoli di questo blog!).

In conclusione

Inizia a preparare la carta di credito e la lista di tutto ciò che potrebbe tornarti utile, per il resto ti toccherà incrociare le dita e sperare che Amazon scelga di proporre i prodotti che desideri a un prezzo più basso dell’attuale. Oltre quanto riportato dal mio articolo c’è certamente dell’altro, mi viene in mente CamelCamelCamel (di cui ti ho parlato qui) solo per citarne uno, ma lì fuori è pieno di altri software in grado di offrirti la possibilità di non perdere d’occhio i prezzi di ciò che ti interessa acquistare. L’area commenti è a tua totale disposizione per parlare di questo argomento, proporre alternative, chiedere maggiori informazioni e tanto altro ancora.

Buono shopping! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

La prima volta che ti ho parlato di Keepa è stato in occasione dell’Amazon Prime Day 2016 e, a distanza di due anni, si tratta di un pezzo assolutamente attuale, ancora valido, che ti parla di un componente aggiuntivo che non solo esiste ancora, ma che continua a migliorare in ogni suo aspetto, coadiuvato da un sito web molto ricco di funzioni e che ti fornisce davvero una quantità enorme di informazioni riguardo i prodotti ai quali sei interessato. Dato però che di quell’articolo non si può salvare l’ultima parte (quella relativo al bot Telegram, nel frattempo dismesso), cerco di porre rimedio oggi, parlandoti di una possibile alternativa, un monitor che puoi attivare tramite Pagomeno.

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa

Pagomeno

Pagomeno, in breve:

Pagomeno è un servizio completo per il confronto di prezzi e prodotti il cui scopo è aiutare i consumatori a fare le proprie scelte d’acquisto nel modo più informato possibile. Confronta prima di acquistare: su Pagomeno trovi di tutto, dai frigoriferi ai computer portatili!

Continua su: pagomeno.it/info.php?t=about_company

Un comparatore di prezzi che, tra le altre cose, prende in esame anche Amazon ed eBay, target principali di Keepa, ciò che forse interessa di più a te. Pagomeno è stato già citato in altri miei articoli, è un buon sito web che permette di tenere d’occhio il mercato e l’andamento prezzi dei prodotti più interessanti e “mainstream“, il suo database è già molto ricco e cresce sempre più con il tempo. Anche lui permette di dare un’occhiata ai grafici più immediati da digerire, di farsi un’idea dei costi comprensivi di spedizione (utile per chi vende al di fuori di Amazon ed eBay), di monitorare ciò che più ricerchi.

Pagomeno come possibile alternativa a Keepa

Seppur sprovvisto di strumenti di alert su più fronti (Keepa ti mette a disposizione pressoché qualsiasi tipo di comunicazione, dalla mail al messaggio pubblico via Twitter, passando per feed RSS, Facebook Messenger e Telegram), Pagomeno ti dà la possibilità di impostare alcune condizioni che –se dovessero verificarsi– farebbero partire immediatamente una mail verso il tuo account di posta, associato a un utente registrato sulla piattaforma, in alternativa potrai usare il feed RSS o l’applicazione per smartphone.

Pagomeno
Pagomeno
Price: Free
Pagomeno
Pagomeno
Developer: Prisjakt
Price: Free

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa 1

Ecco quindi che per tenere d’occhio la testa termostatica aggiuntiva di Tado (l’esempio qui sopra) ti basterà attivare l’avviso e impostare le tue condizioni:

Pagomeno può essere un'alternativa a Keepa 2

Una volta effettuato il salvataggio, Pagomeno terrà d’occhio il prodotto come da norma del servizio stesso, ma si ricorderà di inviarti una notifica in caso quel prezzo vari secondo le specifiche impostate. È semplice, veloce, immediato da comprendere, la registrazione dell’account è gratuita e ti permetterà di impostare gli avvisi di calo prezzo ma anche di creare liste di prodotti che possono interessarti, effettuare confronti e altro ancora.

Ti ricordo ancora una volta che l’area commenti è a tua totale disposizione se vuoi chiacchierare in merito all’articolo e al prodotto di cui parlo, altrimenti puoi proporre una tua alternativa (che magari non conosco e che mi farebbe certamente piacere provare).

Cheers.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

3, 2, 1, mi tuffo! Una volta tanto metto da parte la più classica delle modalità di pubblicazione del lunedì mattina (generalmente dedicato al #BancoProva, salvo impegni che mi tengono ben distante dal blog), sostituendo i miei soliti giocattoli con qualcosa di forse meno impegnativo e certamente ben diversi dai canoni ai quali ti ho abituato: si parla di vita di casa e prodotti che possono tornarti utili, si parla di macchine per il sottovuoto e in particolare della FoodSaver 13X (FFS013-01).

Foodsaver 13X: non di soli gadget è fatta la casa!

Perché una macchina per il sottovuoto? La domanda vera è “Perché no?“. Ti parlo generalmente di cuffie, videogiochi (presto si torna su questi lidi, rimani sintonizzato), smartphone e mille altri gadget tecnologici che generalmente hanno ben poco a che fare con la casa, eppure la sera torni sempre lì, hai bisogno di lei e –nel caso in cui tu non vivessi più con i genitori che pensano a tutto– la arricchisci di strumenti ogni volta che ne hai bisogno. Ecco quindi il motivo per il quale ti parlo di un prodotto diverso e rimando alla prossima settimana la sostituta di quelle Logitech Wireless Headset H800 che mi hanno alquanto deluso (sì, le ho rimandate indietro e sostituite con qualcosa di decisamente migliore).

FoodSaver 13X

È passato circa un anno da quando con Ilaria ho cominciato a dare un’occhiata a questo mondo (quello delle macchine sottovuoto intendo), spinti entrambi dal voler evitare di perdere prodotti desiderati, acquistati e poi finiti in un pattume solo perché tra un invito e l’altro (aperitivo, cena o voglia zero di cucinare a causa della stanchezza) si finiva per superare i giorni limite per poter cenare a casa con quell’alimento fresco. A questo aggiungici pure il constatabile fatto che per i single (ma anche per le coppie) le porzioni su misura costano un occhio della testa al confronto con quelle pensate per la famiglia più allargata.

FoodSaver 13X: non di soli gadget è fatta la casa! 4

La soluzione è semplice: acquistare un prodotto fresco anche in quantità maggiore rispetto al fabbisogno (ammesso che il rapporto qualità-prezzo valga il gioco) e conservarne una parte sottovuoto, cosa che ormai facciamo regolarmente da novembre dello scorso anno, quando ho approfittato di un’offerta del Black Friday Amazon per portarmi a casa la FoodSaver 13X dopo diverse valutazioni. Il prezzo di listino per questo oggetto -oggi- è di 106,15€ (i 15 centesimi sono certamente fondamentali, vero Amazon?), quando l’offerta mi ha permesso di completare l’acquisto per 76€ (all’epoca la macchina costava 120€, quindi il risparmio era di 44€, nda), con un valore dell’usato (Warehouse Deals, nda) che si aggira sulla cinquantina di euro.

FoodSaver è una marca americana storica che da sempre si occupa di questo tipo di prodotti e con rivenditori sparsi un po’ ovunque. Io e Ilaria avevamo notato queste macchine in Esselunga, ho poi approfondito la questione dando un’occhiata in giro (siti web specializzati e non), per cercare di capire se potesse essere un acquisto papabile. Poco male in ogni caso, con l’abbonamento Prime (ma credo anche senza) è sempre possibile restituire un acquisto entro 30gg nel caso in cui non fosse all’altezza delle aspettative, quindi il salto è stato sì nel vuoto (anche se ci eravamo informati parecchio prima), ma con cuscino di emergenza in fondo al tunnel.

Set iniziale e sacchetti

Macchina principale in imballo su misura, forme armoniose, cavo di alimentazione lungo circa 80cm (ho letto diverse lamentele in merito, ma nel nostro caso abbiamo diverse prese a portata del piano di lavoro della cucina, quindi per me è un punto in assoluto favore), due rotoli goffrati da 28cm di larghezza (per 3 metri di lunghezza) da tagliare su misura e sigillare con la macchina, 10 sacchetti da 940ml e altri 10 da 3,78 litri, anche loro goffrati ma già sagomati e pronti da chiudere.

Nella scatola trovi anche un tubicino per creare il vuoto in altri contenitori con valvola non forniti nel set iniziale, insieme all’adattatore per coperchi originali FoodSaver (da comprare quindi a parte). Questo ha fatto presto ritorno nell’imballo perché allo stato attuale non abbiamo acquistato i contenitori.

FoodSaver 13X: non di soli gadget è fatta la casa! 1

I sacchetti (ti anticipo già) sono parecchio più comodi rispetto al rotolo nel caso in cui tu debba conservare cibi dalle esigenze non troppo esagerate (carne e pesce fresco, ma di certo non una fiorentina da 1,2 Kg, per dire, così come verdure e frutta), ma chiaramente costano un pelo di più rispetto al rotolo. Sono solito tenere d’occhio le offerte e l’ultima volta abbiamo ordinato un paio di pacchi già sagomati e goffrati passando dal sito web di MediaWorld, solo perché leggermente più economico di Amazon (incredibile ma vero, ogni tanto accade anche questo).

I sacchetti di FoodSaver, giusto per aggiungere un’informazione importante, possono essere riutilizzati (una volta lavati) o buttati in acqua bollente / nel microonde per cuocere l’alimento conservato. Inutile forse dirlo ma: se hai conservato pesce o carne fresca ti consiglio caldamente di evitare il riutilizzo (serviva davvero dirlo?).

In funzione

Una volta collegata alla corrente, la macchina è già accesa e pronta a lavorare. Dovrai semplicemente imbustare l’alimento che ti serve conservare e inserirlo in maniera sufficientemente precisa in posizione di sigillatura (tutto davvero più semplice da fare che da spiegare, credimi). Chiudi la macchina facendo pressione nei due lati esterni (dovrà fare clic e far uscire i due pulsanti a pistoncino a conferma della reale chiusura), quindi decidi che tipo di sottovuoto chiedere, hai la possibilità di scegliere quello tradizionale o quello che mantiene più umidità, adatto alla carne fresca (e in alcuni casi anche al pesce).

Nel caso in cui l’alimento messo sottovuoto rilasci molto liquido, verrà raccolto dalla piccola vaschetta estraibile che si trova nella FoodSaver 13X, puoi estrarla e lavarla (anche in lavastoviglie) in qualsiasi momento, poi rimetterla al suo posto.

FoodSaver 13X: non di soli gadget è fatta la casa! 5

La creazione del vuoto e la sigillatura vengono gestite in totale autonomia dalla macchina, non dovrai preoccuparti di nulla (se non di sbloccarla quando ha terminato il lavoro, per recuperare il tuo sacchetto sigillato e sottovuoto), potrai sempre controllarne l’avanzamento tramite i LED che si trovano sulla parte frontale del prodotto.

In conclusione

Dopo così tanti mesi di utilizzo te la faccio molto semplice: se riuscissi a tornare indietro nel tempo ne comprerei un’altra e la regalerei ai miei genitori (e credo anche ai miei suoceri, per sostituirne una che hanno oggi e che di strada da fare ne ha parecchia per arrivare a questo livello).

Nel frattempo sono usciti nuovi modelli e il prezzo di listino della FoodSaver 13X ha subito variazioni (verso il basso, chiaro). Trovarla oggi a meno di 80€ (nuova) è certamente un affare, ma se ne hai bisogno in tempi relativamente rapidi, posso provare a consigliarti anche l’usato di Amazon (attualmente disponibile a 51€), perché generalmente controllato e nuovamente garantito (e ricorda che hai sempre l’eventuale copertura che ti permette di rimandare indietro un prodotto non soddisfacente o difettoso).

Pur essendo in pressoché totale fuori linea con i soliti articoli del blog, lascio spazio all’area commenti e a eventuali tuoi dubbi o curiosità in merito, sia mai che andare fuori dal mio seminato porti bene e allarghi il bacino di lettori interessati! :-)

×

Milano Real Life (MRL)

È il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: comprato di tasca mia su Amazon approfittando di un Black Friday. Dovessi tornare indietro, ne comprerei un'altra.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Volevo farlo già la scorsa settimana, ma poi non mi è riuscito. Qualcuno forse se lo ricorderà: tanti anni fa ero solito raccogliere delle letture alle quali dare un’occhiata durante il weekend, abitudine poi persa nel corso del tempo. Ammesso che ci siano notizie degne di nota e compatibilmente con il mio sempre poco tempo libero, vorrei riprendere quell’abitudine per parlare delle cose più interessanti accadute nell’arco della settimana, proponendoti riferimenti ai quali dare un’occhiata perché meritevoli di attenzione (valutazione chiaramente soggettiva, quindi non condivisibile!).

#LaSettimanaDi è dedicata ad Amazon e Cambridge Analytica.

Il #BlackFriday di Amazon è arrivato, occhio ai prezzi! 2

Amazon Prime

Gentile Cliente Prime,
Ti ringraziamo di essere un fedele cliente Amazon Prime.

Ti contattiamo per informarti di un imminente cambiamento al tuo abbonamento.
Il prezzo dell’abbonamento annuale aumenterà a EUR 36/anno (equivalente a EUR 3/mese) a partire dal 4 aprile 2018 per le nuove iscrizioni e, per dare notifica del cambiamento con adeguato anticipo, a partire dal 4 maggio 2018 per i clienti già iscritti. Il nuovo prezzo verrà applicato a partire dal tuo prossimo rinnovo in data 15 novembre 2018.

Le tue preferenze di rinnovo automatico dell’abbonamento rimangono invariate. Puoi scegliere di ricevere un promemoria via email prima della tua prossima data di pagamento o cancellare l’abbonamento quando vuoi. Puoi gestire il tuo abbonamento ad Amazon Prime da “Il mio account”.

Amazon Prime è una combinazione unica di benefici su spedizioni, shopping e intrattenimento, e continueremo ad investire per aumentarne ancora di più il valore per i clienti. L’abbonamento ti offre spedizioni illimitate in 1 giorno su oltre 2 milioni di prodotti e in 2-3 giorni su molti altri milioni. Continueremo ad aggiungere nuovi titoli alla selezione di Prime Video, incluse serie TV esclusive come McMafia, Philip K. Dick’s Electric Dreams e The Marvelous Mrs. Maisel. I clienti Amazon Prime beneficiano inoltre di Prime Photos, che offre spazio di archiviazione illimitato per conservare tutti i tuoi ricordi, e dell’accesso anticipato alle Offerte lampo, che ti permette di acquistare le tue offerte preferite con 30 minuti di anticipo. Puoi trovare la lista completa di tutti i benefici alla pagina Amazon.it/Prime.

Cordiali saluti,
Il Team Amazon Prime

Cosa fare quindi? Conviene ancora? Non c’è una risposta che possa andare bene a tutti i clienti Prime di oggi. Amazon non è brutto e cattivo per partito preso, e l’aumento era tutto sommato annunciato da tempo, o per lo meno ce lo si poteva aspettare considerando i prezzi che puoi trovare a listino per un abbonamento di pari livello nelle altre nazioni (ne ha parlato Luca qui, per renderti la vita più facile).

Io posso limitarmi a dire la mia, riportando il pensiero che ho già espresso nel corso della giornata dell’annuncio insieme agli amici, nella più classica delle formule “da bar“: dopo anni di sapiente costruzione e modellazione del mercato (non senza perdite economiche sopportate dai bilanci di altre sedi del colosso di Bezos, nda), Amazon ci ha fatto capire le sue potenzialità e la comodità di una consegna nell’arco di poche ore (su Milano) o nel corso della giornata lavorativa successiva all’ordine (e qui si infila anche la consegna al sabato), creando una nuova esigenza che fino a qualche tempo prima nessuno di noi aveva. Eravamo disposti ad attendere qualche giorno perché un prodotto ordinato arrivasse, tempi ben dilatati considerando l’epoca eBay o quella (questa esiste ancora oggi) del materiale importato da Cina e Giappone. Ai vantaggi già riportati dovrai aggiungere un servizio di assistenza clienti pressoché impeccabile (salvo qualche raro caso isolato), una garanzia sull’acquistato che dura due anni e durante la quale si può quasi sempre arrivare a ottenere il rimborso o la sostituzione completa del prodotto in caso di difetto (non procurato da te) e sconti / estensioni dell’abbonamento Prime in caso di mancata consegna nei tempi prestabiliti o –peggio– per un pacchetto perso nel tragitto.

Puoi accorpare più prodotti insieme raggiungendo la quota minima per evitare di pagare le spese di spedizione? Puoi attendere 48 ore per una consegna? Hai un monte ordini totale che non arriva alle 10 unità nell’arco dell’anno? Sono tutte domande (e relativi numeri alla mano) che dovrai porti.

Considera che una spedizione fuori dal programma Prime richiede 5,99€ (se non si raggiunge la quota minima per abbattere questo costo) e impiega 48 ore per raggiungerti. 36€ spalmati su 12 mesi equivalgono a circa 6 spedizioni, vuol dire almeno 6 prodotti ordinati singolarmente e consegnati nell’arco delle due giornate successive. Se in quelle 6 spedizioni sei capace di accorpare più prodotti, è chiaramente una cosa positiva perché potresti abbattere i 5,99€ richiesti (ma continueresti ad aspettare 48 ore per ottenere l’acquisto), diversamente supereresti invece la cifra richiesta per l’abbonamento, rendendo quindi il gesto della cancellazione dell’iscrizione molto stupido. L’asticella del commercio online è stata alzata, inutile negarlo, e riportarla dov’era prima può non essere così semplice per l’organismo ormai abituatosi ad avere il meglio in poco tempo.

Nota: in tutto questo non ho mai parlato dei servizi accessori (Prime Video, Prime Photos, Twitch Prime, ecc.), perché per me il core business di Amazon resta la vendita, la consegna e l’assistenza (pre e post) al cliente, tutto il resto è solo contorno che –volendo– si potrebbe anche fatturare a parte, togliendolo all’abbonamento Prime “nudo e crudo“. Se poi tu fai parte dei “fortunati” utenti con scadenza dell’abbonamento Prime prima del 4 maggio prossimo, non devi neanche pensarci, il rinnovo a 19,99€ durerà un anno ancora (sei a posto fino al 2019).

Da che parte della barricata ti schieri? Se sei una brutta persona come il sottoscritto, troverai molto divertenti (al limite del compassionevole) buona parte dei commenti all’articolo di DDay (uno dei primi che ha parlato dell’aumento, almeno in Italia).

Cambridge Analytica

Faccenda certamente spinosa e che lascia ampio spazio a fazioni di pensiero con le quali non ho alcuna voglia di confrontarmi (si finirebbe probabilmente in sterili flame con vicolo cieco all’orizzonte). Io una mia idea ce l’ho, e sono abbastanza d’accordo con quanto affermato da Matteo (video) e da Azael (articolo al seguito) in un pezzo che è un’evidente e spensierata analisi fondata sulla risata a mezzi denti, senza mandare sotto sforzo quella materia grigia che occorre invece metterci quando si parla di argomenti che analizzano la sicurezza e la privacy dei dati altrui.

View story at Medium.com

Il ragionamento di base è sempre lo stesso. I tuoi dati devono essere custoditi più o meno gelosamente in base all’interlocutore che hai dall’altra parte del monitor (fisico o virtuale, singolo o gruppo che sia), e più in generale bisognerebbe ricordarsi che Facebook non è alienamento dalla realtà che ci circonda, non è un esclusivo mondo virtuale distaccato dalla vita di tutti i giorni. In strada non risponderesti (probabilmente) al primo pirla che ti chiede dettagli riguardo la tua vita privata, gli amici, le preferenze di genere, sesso, politica, religione o chissà cos’altro, perché pensi che su Facebook invece questo vada fatto? Davvero vuoi conoscere il tuo nome nelle precedenti tre vite o il tuo possibile destino nel caso in cui tu fossi stato vampiro?

Usa la testa, usiamola tutti, sempre e comunque, che a fare i leoni da tastiera nessuno può davvero guadagnarci.

Oggi mi trovi al MERGE-it di Torino. Se vuoi, passa a prendere un caffè, sarò nell’aula dedicata a Mozilla Italia.

Buon fine settimana!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ho un paio di componenti aggiuntivi di cui ti voglio parlare molto rapidamente, per darti il buongiorno al sabato mattina, con calma, una (forse non tanto) tipica lettura da caffellatte e cereali. Il primo di cui ti parlo è per Firefox, il secondo per Chrome, ma per quest’ultimo ti rimando a sabato prossimo. Il nome di oggi è Temptation Blocker, si tratta di un un rimedio alle distrazioni e alle tentazioni (con molta fantasia).

Addons: Temptation Blocker

Il mestiere di chi vive e campa di internet è assai difficile. C’è da districarsi in mezzo a centinaia di siti web che permettono di perdere facilmente tempo, a tutto discapito dal focus e dalla mai troppo breve ToDo list. Scadenze, interventi da chiudere, concentrazione che dopo qualche tempo scarseggia. Solo 5 minuti mamma, cosa vuoi che sia? Mi sembra di essere tornato ai tempi di scuola e quel letto sempre caldo e maledettamente convincente quando si voleva rimanere sotto le coperte a combattere il freddo su quell’autobus verso l’inevitabile.

Il David Lloyd Clubs ha pubblicato un componente aggiuntivo che strizza l’occhiolino alla tecnica Pomodoro (per chi ancora non la conoscesse, rimando qui) e ne cavalca un po’ l’onda, sfruttando elenchi di siti web e termini facilmente riconoscibili, per evitare di cadere in tentazione, amen.

Temptation Blocker
Temptation Blocker
Developer: DevStars
Price: Free

Installando Temptation Blocker avrai accesso a una serie di “impedimenti” che metterai tu stesso sulla tua via, senza più complesse configurazioni di DNS personalizzati o prodotti di protezione (antivirus in primis) che permettono di far funzionare black e whitelist. Dal menu di Temptation Blocker potrai gestire le tue barriere, in maniera estremamente semplice:

Addons: Temptation Blocker 1

Scegli i paletti, fai clic su Blocca e ottieni conferma (Opzioni salvate, nda), ora prova a visitare un qualsiasi sito web legato a ciò che hai chiesto di bloccare (vale anche passare da una ricerca di Google!), il risultato dovrebbe essere grosso modo questo:

Addons: Temptation Blocker 2

Non c’è altro da sapere. Ora tocca solo a te, non distrarti! :-)

Per sbloccare una categoria dovrai semplicemente andare a disattivare la voce precedentemente selezionata, quindi fare clic su Blocca (lo so, ha poco senso, questo poteva essere pensato un attimo meglio, almeno sul piano logico).

Nota a marine prima di chiudere l’articolo: fanno sorridere i due (più che giusti e normali) pulsanti dedicati alla condivisione di Temptation Blocker su Twitter e Facebook. Se tra i tuoi blocchi hai incluso i Social Media, saranno completamente inutili (mi sarei aspettato quasi quasi il contrario, e invece il componente aggiuntivo non transige e non fa sconti a nessuno, neanche a sé stesso!).

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: