Archives For Google

Se con Outlook e più in generale con i client di posta elettronica installati sul tuo PC è certamente più semplice, con GMail e la sua interfaccia web, programmare l’invio di una mail (o più) non è certamente permesso by-design. Ne ho avuto necessità per andare incontro all’esigenza di rispettare un determinato orario di invio, tutto ha funzionato e ho utilizzato poi il trucco ancora un paio di volte. Ti basta un addon.

SMTP di GMail: l'utilizzo tramite app 2

L’articolo ha circa un anno di vita ed è del solito Amit Agarwal, che di componenti aggiuntivi costruiti su base fogli elettronici di Google Drive (e non solo) ne fa una religione. Ha realizzato uno scheduler (in versione gratuita limitata, perfetta per l’utilizzo casalingo, ma anche in versione completa a pagamento) facile da utilizzare e che farà lo sporco lavoro a partire dalle bozze della proprio casella di posta elettronica.

Tutto dettagliato all’interno dell’articolo originale (in inglese) che trovi all’indirizzo labnol.org/internet/schedule-gmail-send-later/24867. Te la faccio più semplice:

  • il vantaggio di questo addon è che funziona a prescindere dal tuo browser e dalla tua presenza online quando hai bisogno di far partire la tua mail, non è un’estensione installata a bordo macchina (come succede invece per Boomerang o Sidekick).
  • Il codice di base è pubblico (puoi quindi controllarne la bontà e che non “nasconda alcunché ai tuoi occhi“), lo trovi su ctrlq.org/code/19716-schedule-gmail-emails.
  • Puoi installare lo Scheduler andando su chrome.google.com/webstore/detail/email-scheduler/jnieijnfljjknbiniealpiihfjhmglkn e facendo clic su Installa (in alto a destra, nda), occorrerà dargli i permessi per accedere alla tua casella e per effettuare delle operazioni in autonomia (lettura e invio di posta, per l’appunto).

A questo punto il più è fatto. Troverai il componente aggiuntivo all’interno del tuo Drive, potrai lanciarlo in qualsiasi momento con un semplice doppio clic. Una volta aperto il “foglio di calcolo” fai clic sulla voce “Componenti aggiuntivi” (nella barra menu), quindi Email SchedulerConfigure. Ci sei, seleziona dal popup di destra la mail che ti interessa spedire (il componente aggiuntivo va a controllare le tue bozze, è lì che dotrai tenere ferme le mail in attesa di invio), scegli giorno e ora di spedizione, conferma il tutto. Verrà aggiunta una linea di log al foglio (non modificarla manualmente, pena il mancato funzionamento dello script) e troverai la schedulazione tra quelle fissate, sempre nel popup di destra:

Schedulare l'invio della posta (se usi GMail)

Salvo problemi (che fino a oggi non ho riscontrato), la tua mail partirà con circa 15 minuti di anticipo o ritardo in base alla tua schedulazione, ma nulla più di questo compromesso.

Ricorda di, nel momento in cui questo tool non ti servirà più, andare a disattivare i permessi che hai precedentemente concesso, mai lasciare porte aperte che non sfrutti più: myaccount.google.com/permissions

Schedulare l'invio della posta (se usi GMail) 1

Ora ti lascio alla tue schedulazioni :-)

Buon lavoro!

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Ci hai mai pensato? Utilizzi una casella di Google come principale. Probabilmente ci fai arrivare qualsiasi tua e-mail, che sia personale o di lavoro, senza pensarci su due volte. È capitato solo una manciata di giorni fa che una mia collega di lavoro si sia chiusa la porta dietro le spalle. Un banale cambio password che, per un motivo o l’altro, dopo un soffio è scappato via. Ha dimenticato quella password appena modificata perché il processo non era andato a buon fine al primo colpo. Una scemenza? Certo che sì. Una cosa che non potrebbe mai capitare a te? Forse. C’è modo di rimediare al detto “il backup è quella cosa di cui ti preoccupi dopo aver fatto il danno“? Si.

SMTP di GMail: l'utilizzo tramite app 2

Prima di arrivare alla situazione attuale ho provato diverse alternative. Non vorrei perdere da un giorno all’altro l’accesso al mio indirizzo e alla cronistoria scritta. Per il primo non c’è problema (il dominio è mio, posso facilmente reindirizzare la posta in ingresso), per il secondo un po’ meno, serve giusto il tempo di fare restore verso una diversa casella. Questo grazie a Gmvault, programma gratuito che funziona su più sistemi.

Senza scendere troppo nel dettaglio, puoi scaricare e installare facilmente Gmvault sul tuo PC. A quel punto dovrai semplicemente autenticarti e iniziare la prima sincronizzazione che creerà una copia di tutte le tue e-mail all’interno di una directory da te scelta.

Autenticazione

Una volta avviata la shell di Gmvault, potrai semplicemente lanciare un gmvault sync tuoaccount@gmail.com per chiedere al software di far partire una nuova finestra del browser tramite la quale autenticarti sul tuo account di posta elettronica, quindi tornare indietro con il token che autorizza l’azione e procedere con la prima sincronizzazione. Tutto viene riportato nella documentazione ufficiale, e nello specifico all’indirizzo gmvault.org/in_depth.html#authentication

Un backup in locale di GMail con Gmvault

Se hai un’autenticazione in due fattori e preferisci passare da una password specifica per applicazione, puoi lanciare un gmvault sync tuoaccount@gmail.com -p, ti verrà richiesto di inserire la password a video subito dopo. Aggiungendo in coda il parametro --store-passwd potrai chiedere a Gmvault di salvare quella password nelle sue impostazioni così da non doverla specificare successivamente (basterà un -p senza null’altro, Gmvault utilizzerà la password memorizzata), ma ricorda che seppur offuscata è pur sempre rischioso.

Dove salvare

Gmvault, salvo diversa specifica da parte tua, salverà ogni singola mail in formato eml, con un ulteriore file .meta in cui inserirà ulteriori informazioni (utili per un successivo restore, se mai dovesse servire), il tutto all’interno di una cartella predefinita chiamata gmail-db che troverai nella tua cartella utente di Windows. Per questo motivo ho preferito sin da subito modificare il puntamento di quella cartella, stessa cosa che puoi fare anche tu con il parametro -d. Tanto per farla completa, potrai lanciare Gmvault passandogli il giusto parametro per l’autenticazione e modificare la directory dove effettuare il salvataggio, per esempio gmvault sync tuoaccount@gmail.com -p -d C:\BackupGmail

Da qui in poi è solo attesa e velocità della connessione per scaricare tutto il contenuto della tua casella di posta elettronica.

Un backup in locale di GMail con Gmvault 1

Ora manca solo uno step, quello che riguarda la costanza.

Schedulazione

Ammirevole voler effettuare un backup ora che il disastro è stato sfiorato (nel caso della mia collega abbiamo fatto un redirect temporaneo verso un’altra casella grazie a un’ultima sessione viva collegata ancora al suo account principale, poi recuperato l’accesso dopo circa tre settimane di attesa e innumerevoli tentativi di farsi riconoscere da Google), ma ciò che è davvero importante è continuare a essere costanti, ripetere l’operazione nel tempo, basta una schedulazione :-)

Sul PC dove è stato installato e utilizzato per la prima volta Gmvault, ti basterà aprire l’Utilità di Pianificazione di Windows, quindi creare una nuova attività di base. Pubblico qui di seguito una galleria che ti permette di vedere tutti i passaggi, dopo riporto ciò che c’è da sapere / copiare per rendere tutto più semplice:

Crea una nuova attività di base e programmala per partire quando credi di averne necessità (io, visto il carico di posta ricevuta e inviata, ho programmato un job alle 20:30, 4 volte alla settimana), seleziona l’avvio di un programma e scegli gmvault.bat, lo trovi in %LocalAppdata%\gmvault (ti ricordo che %LocalAppData% corrisponde alla cartella C:\Users\TUONOME\AppData\Local), aggiungi un comando in coda (quindi specificalo nella riga “Aggiungi argomenti”) che permette al batch di lanciare la sincronizzazione:

sync -t quick TUOACCOUNT@gmail.com -d C:\BackupGMail

Tranne la prima parte (dove ritoccare solo il tuo indirizzo di posta elettronica), la seconda è del tutto modificabile. Il -d dovrà essere utilizzato solo per variare la directory dove salvare le nuove mail trovate sul tuo account. Ovviamente, alla stessa maniera, potrai specificare il -p se hai inserito e memorizzato precedentemente una password, e così via (vale quanto già raccontato nel paragrafo relativo al backup, ma anche ogni diverso riferimento riportato nella documentazione ufficiale del programma).

Se vuoi verificare di aver fatto tutto per bene, puoi provare ad avviare manualmente il job (tasto destro sull’operazione schedulata, un clic su Esegui), quindi dare un’occhiata alla finestra che ti comparirà a video, la quale dovrebbe portare a termine il lavoro in maniera del tutto automatica, per poi chiudersi.

Tutto funziona bene, i file EML li puoi aprire con Outlook (o altri programmi compatibili) e il tutto è fatto perché un domani tu possa recuperare ciò che hai perso eseguendo un restore con la stessa facilità del backup, anche se non te lo auguro! ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)

Ci riproviamo? Te lo ricordi l’articolo sull’Asus Zenfone Max? Non ne era uscito proprio a testa alta, ero stato in grado di evidenziare dei pro e dei contro, è quello che succede con ogni prodotto, nel suo caso la conclusione era stata semplice: un ottimo compagno di avventure quotidiane per l’utente medio, da non acquistare assolutamente a causa del suo maledetto problema con il GPS (i commenti all’articolo sono ancora tutti lì, ogni tanto ne arriva uno nuovo, ci sono molti clienti scontenti, è evidente, e lo credo bene).

Asus Zenfone 3 Max

Il grande produttore ci riprova però, e tira fuori il suo Asus Zenfone 3 Max, basato ovviamente sul fratello maggiore (di alta gamma) Zenfone 3 (sul quale spero di mettere mano prima o poi, ehi Asus, mi leggi?). La mia intenzione? Partire da dove ci eravamo lasciati l’altra volta, mettendo in evidenza l’evoluzione di un prodotto che parte avvantaggiato dalla sua grande carica a disposizione dello stesso e di altri dispositivi che si possono eventualmente ricaricare :-)

ASUS ZenFone 3 Max (ZC520TL-4J016WW) 1

Rapidissima panoramica: ha ancora i 3 tasti principali di Android a monitor (virtuali) che rispondono con i loro tempi e che (chiaramente) verranno illuminati / messi in ombra dal sistema stesso, ha la batteria che levati, ha quello stampo tipico di Asus, nel bene e nel male. Ah si, ha Android 6.0 a bordo, fermo con il patching ad agosto dello scorso anno, giusto perché non bisogna mai avere una gioia, anche se Nougat è previsto per il primo quadrimestre di quest’anno (senza però una data specifica, pur cercando informazioni in giro).

È ancora di fascia medio-bassa?

Beh, si. Squadra che vince (?) non si cambia, ed è giusto che all’utente vengano sottoposte più scelte possibili, compresa quella che veste bene l’Asus Zenfone 3 Max. Il costo è relativamente basso (meno di 200€ su più siti web, su Amazon si parla di EUR 167,00 ).

È una cifra che in tanti sono disposti a spendere per portarsi a casa un nuovo smartphone (di poco inferiore al suo predecessore, nda), dalle caratteristiche comunque più che accettabili, si parla in ogni caso di un Quad Core (MediaTek, a differenza dello SnapDragon che montava il suo predecessore) con 3 GB di RAM e 32 GB di memoria (utilizzabile solo 24,02 però, il resto servono al sistema e alla ZenUI della società), espandibile tramite microSD (massimo 32 GB), 5 GB in cloud su Asus Web Storage (per sempre) e ulteriori 100 GB su Google Drive (per due anni!).

Assente (e meno male) quella sensazione che avevo avuto con il precedente modello e che sembrava portare un piccolo lag nell’uso di una qualsiasi applicazione durante l’aggiornamento da Play Store (ricordi? No? Poco male, lo ricordo io).

In tutto questo cala di poco l’ampiezza del display (5,2″), ma quasi non si nota (la risoluzione massima è 1280×720), Asus Zenfone 3 Max si maneggia abbastanza comodamente anche con una sola mano (e mal che vada si può sfruttare la funzione ad-hoc che puoi attivare rapidamente dal menu notifiche, che non fa altro che ridimensionare la schermata così come faresti con due applicazioni da tenere attive contemporaneamente sullo stesso monitor).

Comparto fotografico

L’accoppiata 5-13 (MegaPixel) non è cambiata, cambiano ovviamente i sensori e le tecnologie utilizzate, per cercare di migliorare il risultato finale, che poi è quello che interessa l’utente finale che deve acquistare il prodotto, che per i tecnicismi bastano già le chilometriche pagine di specifiche tecniche sul sito web del produttore o le testate ultra-specializzate che ti parleranno di come sia possibile catturare uno scatto d’autore tramite l’occhiello della porta di casa, pronto per essere esposto al museo.

Ti basti sapere che la fotocamera frontale è una 5 MP, f/2.0, e che quella posteriore è una 13 MP, f/2.2, con autofocus, flash a LED singolo (scatta fotografie con risoluzione 4128 x 3096 pixel), la stessa registra video da 1080p a 30fps. La resa è buona ma la messa a fuoco è maledettamente lenta, soprattutto in condizioni di luce scarsa. Ho provato a fare qualche scatto senza un soggetto ben preciso a fuoco, altri sono invece più ravvicinati, li ho caricati qui sul blog.

Mettiamola così: bene, non benissimo. Se vuoi scattare qualche fotografia cogliendo “l’attimo fuggente” ecco beh, l’attimo è già fuggito e tu non hai ancora aperto l’applicazione stock proposta e arricchita da Asus. L’esatto opposto? Il sensore che riconosce le impronte digitali per lo sblocco dello smartphone (o l’autenticazione integrata in diverse applicazioni). So benissimo che non c’entra nulla con il comparto fotografico, ma viene naturale citarlo in questo momento perché è la cosa più rapida che ci sia dentro questo dispositivo. Al confronto con quello montato da Samsung per il suo Galaxy S6 (il mio attuale smartphone principale, facile trovare le differenze), è un altro pianeta, lo trapianterei molto volentieri, non sbaglia un colpo anche posizionando il dito in maniera ogni volta diversa (sul Samsung invece evito di commentare).

A proposito di applicazioni

Cambiamo discorso. Sì perché –come detto nelle prime righe dell’articolo– squadra che vince (qualcuno la ritiene tale), non si cambia, per questo motivo ci si deve beccare un set di applicazioni che non mi sognerei di mettere su uno smartphone da far finire nelle mani di chissà quale tipo di cliente. D’accordo la forzatura sul launcher e UI principale (ZenUI 3.0, un salto in avanti, su questo non c’è dubbio, ma continuo a preferire altro), ma perché condire ulteriormente un sistema custom che assomiglia ben poco a quello originale di Google con giochi e (dis)utility non richieste?

ASUS ZenFone 3 Max (ZC520TL) 1

Troverai ASUS ZenUI 3.0 (già citato), ZenMotion, ASUS Splendid (che ogni volta mi ricorda la marca di caffè), Kids Mode, PhotoCollage, MiniMovie, My Asus Service, Procedura guidata, Share Link, Themes, ZenFone Care, ZenCircle e ZenTalk, escludendo ovviamente le Google Apps (e ci mancherebbe) così come il tool per prendere appunti rapidi, il Meteo (carine le animazioni nella schermata di blocco, nulla però di fondamentale) e un File Manger tutto sommato accettabile. Aggiungi alla torta due o tre giochi e la completerai (mi sono ritrovato in download Need for Speed No Limit, Rayman e SimCity, nda).

Oltre alle applicazioni spesso non desiderate, Asus Zenfone 3 Max propone a monitor i pulsanti virtuali principali di Android, in alcuni casi scomodi, ma che finalmente possono non soffrire più dei problemi dovuti al mancato controllo di quell’area da parte di applicazioni come Blue Light Filter, grazie alla funzione Night Shift integrata nel sistema (ti avevo parlato di questo argomento qui, sul blog). Certo è che con loro, la ZenUI 3.0 e la tastiera originale del prodotto, di spazio a monitor ne rimane molto poco.

Consiglio spassionato? Un diverso launcher, una tastiera molto più personale (una vale l’altra, ti devi basare sulle tue esigenze e sulle tue abitudini, per me l’accoppiata ormai standard è Nova Launcher e SwiftKey), e via che il problema è risolto da subito.

Cos’altro manca?

Beh si, il peso, importante fattore per un telefono (secondo me). Nella precedente versione era un pelo eccessivo, cosa che in questo caso è sparita. Solo 148 grammi, certo lo si sente, ma meno rispetto al passato, è una buona cosa. L’eleganza dello smartphone poi, altro aspetto nettamente migliorato, con quella cornice dal giusto spessore, la buona scelta di colori della scocca, attacco microUSB, tutto è al posto giusto.

Batteria da 4130mAh (circa giorni di utilizzo, senza esagerare con applicazioni pesanti o giochi), è un pensiero in meno rispetto alla carica quotidiana da dare al proprio smartphone abituale, si sente in ogni caso la differenza con il suo predecessore, che era capace di fare di meglio (anche se questo soffre di problemi apparentemente in fase di risoluzione da parte di Asus). Memoria espandibile o doppio alloggiamento SIM (una SIM e una scheda microSD, altrimenti due micro SIM), gestite ovviamente in contemporanea (dovrai giusto scegliere la principale per la connessione dati, ma poco male). La connettività LTE è garantita fino a un massimo di 150/50 (rispettivamente megabit in download e in upload). Ho notato però una titubanza poco piacevole nell’allacciarsi alla rete mobile, pensavo si trattasse di qualcosa legato alla SIM, poi ne ho provata un’altra e ho ottenuto il medesimo risultato.

Ma ora sa dove andare?

Te lo ricordi il problema legato al GPS? Io si, parecchio bene, te ne ho parlato a inizio articolo ed era doveroso includere una parentesi dedicata. L’Asus Zenfone Max perdeva la triangolazione con i satelliti in pochissimi secondi, e non era in grado di trovare la via di casa anche per parecchio tempo (non parlo di minuti, ma di ore). Ti abbandonava in piena città a Milano, nelle sue tangenziali, persino in A1 (messo alla prova in uno dei svariati viaggi verso la Romagna) dove nulla poteva realmente impedirgli di triangolare in maniera corretta.

ASUS ZenFone 3 Max (ZC520TL) 7

Asus Zenfone 3 Max corregge il problema, ma senza troppa fretta. Sarà colpa della rete dati (utilizzo una SIM dell’operatore virtuale Ringo Mobile, che sto mettendo alla prova), sarà colpa della congiunzione astrale con Marte e Saturno, sarà che a una certa ora lo smartphone vorrebbe smettere di lavorare e andare a riposare, ma la velocità di aggancio dei satelliti non è proprio così rapida come con altri competitor. Google Maps ti poterà a destinazione (messo alla prova, scongiurando la possibilità che l’errore fosse ancora presente in questo nuovo modello) ma dovrai avere la pazienza di attendere un attimo fermo in attesa della giusta indicazione in avvio, oppure puoi metterti in marcia se conosci almeno il primo tratto di strada da affrontare.

In conclusione

Quindi in conclusione cosa potrei dire? Che dagli errori si impara e si tende a correggere, questo è certo (ma non è mai scontato). Siamo sulla buona strada ma ancora non è quella definitiva e perfetta, sono nati nuovi problemi al posto dei vecchi ma sono (per certi versi) più sopportabili. Il costo del dispositivo è quello giusto, ci si porta a casa un buon prodotto, adatto a molti possibili utilizzatori.

Il telefono è già pronto a tornare all’ovile, ma se posso rispondere a qualche tua domanda beh, lascia pure il tuo commento e cercherò di fare del mio meglio. Nel frattempo ringrazio ancora una volta Asus per la collaborazione sempre graditissima, sperando –davvero– di poter mettere le mani su qualche loro giocattolo di alta fascia, prima o poi :-)

Disclaimer per un mondo più pulito
Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" riportano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistare il prodotto e decidere di pubblicare un articolo ad-hoc in seguito, solo per il piacere di farlo e condividere con voi i miei pensieri. Ogni articolo rispetta -come sempre- il mio standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Asus, tornato all'ovile.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Terza domenica, ormai il Natale si avvicina, hai già tutti i regali pronti sotto l’albero oppure sei ancora alla ricerca di quello perfetto per famiglia e amici? Nel frattempo, torna il #4WeekendApps :-)

Di cosa si tratta?

4 settimane per 4 app: Contatti Fidati di Google4 settimane per 4 app (#4WeekendApps) è la classica iniziativa a tempo che ti propone un articolo leggero, adatto al sabato alla domenica (stavolta), alle tue letture da viaggio, senza l’abuso di quel povero neurone messo sotto torchio durante i giorni feriali passati in ufficio (o altrove, ma pur sempre #PerLavoro!).

Perché Android? Perché è il sistema operativo che utilizza il mio smartphone personale, che sfrutto principalmente, perché lo preferisco spesso a iOS. Questo non vuol dire che le applicazioni di cui ti parlo esistono solo su Play Store (anzi, tutto il contrario), vuol solo dire che immagini e riferimenti sono stati catturati da Android, #Gomblottoh!

Oggi ti parlo di: Contatti fidati

Google ne ha fatta un’altra. Siamo arrivati allo stadio del non plus ultra dello stalking, quello del “ommioddio Google sa anche dove sono adesso“. Non è proprio così. Google sa già dove sei (aggiungi una risata satanica di sottofondo a questa frase), a meno di non aver modificato alcune impostazioni del tuo account (e in alcuni casi anche del sistema operativo mobile). Le posizioni recenti sono il fulcro e la base di ciò che (ripeto: se non hai modificato alcunché) riuscirai a navigare (come storico) se punti all’indirizzo google.com/maps/timeline.

Ora, fatte le dovute presentazioni (?), passiamo alla ciccia. Contatti fidati è un’applicazione che permette di ottenere la posizione di uno o più contatti considerati familiari o amici stretti. Un tempo su iPhone era Trova i miei amici (lo è ancora, volendo). Contatti fidati svolge il semplice mestiere di pre-autorizzare uno o più familiari a richiedere la posizione uno dell’altro, con possibilità di bloccare la condivisione in qualsiasi momento (o anche rifiutarla quando richiesta e notificata dall’altro lato), tenendo il tutto aggiornato a intervalli regolari, basati sull’individuazione dello smartphone di parte di Google (questo vede la posizione e la condivide con chi di dovere).

L’applicazione è chiaramente gratuita e utilizzarla è assolutamente semplice e logico, ci prenderai immediatamente confidenza, è disponibile a oggi solo su Android (non so se Google la porterà mai su iOS dove esiste già l’alternativa da tempo, nda):

Contatti fidati
Contatti fidati
Developer: Google Inc.
Price: Free

Utile per avvisare la moglie sul rientro a casa (o viceversa), senza star lì a pensare male (a qualcuno potrebbe venire del tutto naturale). Altrettanto utile (ma forse non perfetto) per tenere sotto controllo la prole, fermo restando però che potrebbe andare a disattivare la localizzazione in qualsiasi momento. Un suggerimento per Google potrebbe essere quello di non permettere di bloccare l’invio dati a meno di inserire un codice stabilito precedentemente, così da eseguire quanto richiesto da un genitore.

Al solito: per suggerimenti, commenti e alternative (anche metodi particolari per la misurazione o hardware che esula da applicazioni installabili sul proprio smartphone), l’area commenti è a tua totale disposizione.

Buona domenica! ;-)

G

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Colpo 2 di 4: il #4WeekendApps torna anche questa domenica per provare a farti scoprire una nuova applicazione, o magari parlare della tua preferita. Io continuo a curiosare e provare novità, alternative, un po’ per capire cosa mette a disposizione il mercato, un po’ per tenermi sempre una porta di emergenza aperta in caso di necessità.

Di cosa si tratta?

4 settimane per 4 app: Prime Foto4 settimane per 4 app (#4WeekendApps) è la classica iniziativa a tempo che ti propone un articolo leggero, adatto al sabato alla domenica (stavolta), alle tue letture da viaggio, senza l’abuso di quel povero neurone messo sotto torchio durante i giorni feriali passati in ufficio (o altrove, ma pur sempre #PerLavoro!).

Perché Android? Perché è il sistema operativo che utilizza il mio smartphone personale, che sfrutto principalmente, perché lo preferisco spesso a iOS. Questo non vuol dire che le applicazioni di cui ti parlo esistono solo su Play Store (anzi, tutto il contrario), vuol solo dire che immagini e riferimenti sono stati catturati da Android, #Gomblottoh!

Oggi ti parlo di: Amazon Prime Foto

Non so voi, ma io utilizzo Google Foto da quando è nato. Lo trovo perfetto per le mie esigenze, sempre pronto a tenere al sicuro le fotografie scattate dal mio smartphone (evitando sterili polemiche su quanto sicure possano essere nelle mani di big G.), accessibili anche da browser (un plus che mi torna utile quando scatto screenshot per il blog, da recuperare direttamente da Mac), che mi libera spazio nella memoria del telefono (mai abbastanza) e molto altro ancora. È un’applicazione che continua a evolversi visto il forte interesse da parte dell’utenza finale, bene così e avanti tutta.

Ma perché diamine sto allora parlando di Amazon? Perché l’applicazione Prime Foto è rimasta in sordina, nascosta, al buio, ma è già lì da tempo. È un’alternativa ed è giusto -secondo me- darle una possibilità e un’occhiata. Ho quindi deciso di installarla e avviarla per la prima volta, per fargli recuperare gli scatti che avevo lasciato sul telefono (molti li avevo già spazzati via grazie alla funzione che libera spazio, inclusa -appunto- in Google Foto):

Prime Foto di Amazon
Prime Foto di Amazon
Price: Free
Prime Foto di Amazon
Prime Foto di Amazon
Developer: AMZN Mobile LLC
Price: Free

La formula è sempre quella, spazio gratuito illimitato per le fotografie, limitato invece per i video personali che non possono evidentemente essere ottimizzati e resi più agili da tenere a bada, ricevi 5 GB di spazio se sei già cliente Amazon.

Il tutto si basa sul servizio Drive del grande dell’e-commerce, il quale ti consentirà di liberare (anche lui) spazio sul telefono (utile soprattutto a chi ha tagli di memoria non espandibili e bassi dalla nascita), come riportato (insieme a molti altri dettagli) nella pagina ufficiale all’indirizzo amazon.com/clouddrive/learnmore.

Impossibile però non star lì a cercare ogni singola differenza con l’applicazione di Google, ed è così che si arriva a notare che il riconoscimento dei volti non funziona poi così bene (non tanto quanto la più utilizzata alternativa), che gli album devono essere creati in modalità manuale senza suggerimento alcuno o proposta basata sul giorno e sul luogo in cui sei stato rilevato, non ci sono momenti riproposti o disegni “a mano” da salvare nella galleria, non c’è alcuna reale lavorazione in background che possa dare quel qualcosa in più, quella sciocchezza che colpisce senza troppa fatica e sudore della fronte. Esiste anche qui la possibilità di condividere i propri scatti con la propria famiglia (amici, conoscenti, ecc.).

Amazon Prime Foto è un’applicazione per il backup delle fotografie di smartphone e tablet (ma non solo, vale quanto fatto per Google Foto grazie al client da installare sul proprio PC per inviare in cloud altre immagini e archivi fotografici mai passati dai propri dispositivi mobili), null’altro. È volutamente (credo) spartana, un esperimento di Amazon sul quale forse non è stato puntato un grandissimo investimento e che lentamente evolve, ma che fa già il suo mestiere, quello principale per lo meno. Volendo la si può tenere installata insieme a Google Foto per avere un paio di uscite di emergenza sempre pronte, ridondate, forse per alcuni superflue ma chissenefrega.

Al solito: per suggerimenti, commenti e alternative (anche metodi particolari per la misurazione o hardware che esula da applicazioni installabili sul proprio smartphone), l’area commenti è a tua totale disposizione.

Buona domenica! ;-)

G

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: