Archives For Test Hw/Sw

Tra le varie utility sviluppate e pubblicate da EaseUS ce n’è una in particolare che può tornarti utile nel caso in cui tu debba recuperare dei dati “persi” sui tuoi dispositivi Apple, si tratta di EaseUS MobiSaver. Gratuita (nella sua versione più basilare), disponibile per Windows e macOS, in grado di analizzare e recuperare dati partendo dal tuo dispositivo, da un backup iTunes o direttamente da iCloud.

EaseUS MobiSaver recupera i dati dei tuoi dispositivi iOS

EaseUS MobiSaver

Sai bene che qualsiasi dato tu vada a cancellare non è in realtà eliminato in maniera completa dai tuoi dispositivi. Passa solitamente in un limbo con durata limitata di giorni entro i quali potrai recuperare ciò che probabilmente hai rimosso per sbaglio e, anche quando quell’intervallo di giorni è ormai passato, c’è ancora qualche possibilità di recuperare il file ormai perso.

EaseUS MobiSaver svolge questo mestiere e tenta il recupero di quei dati apparentemente persi per sempre, provandoci con iOS (quindi direttamente con il tuo smartphone o tablet), con un backup di iTunes o collegandosi direttamente al tuo account iCloud. Va un po’ a fare l’esatto contrario di quanto ti ho raccontato qualche tempo fa con tool di tutt’altro tipo (e occhio, quelle non le recuperi più da iCloud, puoi provarci solo da iOS o da file generato tramite iTunes).

Il software è disponibile in versione gratuita e non (dedicata ai professionisti).

Nello specifico

Una volta installato e avviato (io ho eseguito i miei test su macOS High Sierra e iPad personale, nda) probabilmente ti ritroverai davanti al messaggio di non piena compatibilità con il più aggiornato sistema operativo di Apple (quindi bene, ma non benissimo per cominciare):

EaseUS MobiSaver recupera i dati dei tuoi dispositivi iOS 1

Tolto il dente (e anche il primo dolore), si passa all’interfaccia vera e propria del programma, la quale chiederà di collegare il dispositivo e di autorizzare il PC per poterci lavorare sopra (il tutto con una localizzazione che nonostante anni di rapporti anche con l’Italia, fatica a migliorare), ciò a cui sei già abituato nel panorama degli “iDevice“. Dovrai ora lanciare la scansione e dare il tempo all’applicazione di eseguire una verifica completa del dispositivo, alla ricerca di tutto il materiale attualmente disponibile misto quello che probabilmente hai eliminato ma che ancora potresti / vorresti recuperare:

EaseUS MobiSaver cerca di portare fuori tutti i più classici dati solitamente conservati sullo smartphone o sul tablet, si parla quindi di fotografie e messaggi in primis, comprese le chat di WhatsApp che nessuno vuole perdere, resta fuori ovviamente Telegram perché basato totalmente sul Cloud. Dentro invece quei dati che solitamente non consideriamo nell’equazione, come fotografie e video che si trovano all’interno di altre applicazioni che permettono loro di rimanere lì fino a dimenticarcene (penso ai vari lettori video che accettano materiale passato in upload tramite iTunes o non solo). Si possono arrivare a recuperare anche memo (testuali o vocali), appuntamenti di calendario e preferiti di Safari (cosa alquanto intelligente considerando che cancellare un segnalibro mi è già accaduto per sbaglio in passato).

Se non iOS è a poterti dare soddisfazione o risposte alle tue domande, sappi che EaseUS MobiSaver permette anche di analizzare backup completi effettuati tramite iTunes (come già detto sopra) o collegandosi direttamente a iCloud tramite il tuo account (a prescindere che abbia o meno protezione a due fattori, che dovrai chiaramente superare):

Io non sono solito usare iTunes (meno lo uso, meglio sto) e cerco di mandare tutto in backup esclusivamente su iCloud (considerando che la libreria fotografica è disattivata e preferisco passare da Google Photos e dal mio account di Google), dal quale però sono solito cancellare in maniera definitiva i file ancora fermi nel limbo, rendendo di netto più difficile (se non impossibile) il lavoro di questo tipo di programmi (fortunatamente per la privacy dell’utente finale).

Il test è stato quindi eseguito con successo sul mio iPad direttamente, recuperando un evento di calendario precedentemente cancellato per mettere alla prova EaseUS MobiSaver, e quelli non passano per il famoso limbo di cui ti parlavo, generalmente dedicato alle fotografie e ai tuoi video (che effettivamente necessitano di un cestino che possa salvarti da brutti scherzi dovuti alla fretta o alla distrazione).

EaseUS MobiSaver è un’applicazione che puoi tenere a portata di mano qualora dovesse mai servirti, non costa nulla e tentare (il recupero dei dati) non può nuocere più di quanto non lo abbia già fatto la perdita. Resta capo saldo quanto già specificato in apertura articolo: occhio a quello che si sviluppa e poi non si mantiene, l’errore in apertura applicazione e un paio di crash durante i test fanno storcere (e parecchio) il naso, non si vive di solo Windows al mondo (anzi, tutto il contrario considerando che si parla di Apple e ci sono tanti Mac lì fuori) ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

OS X: formattare un disco in FAT32 direttamente da Terminale 1Non ti ho mai parlato prima di InkScape perché, al contrario di GIMP, lo uso molto meno, lo prediligo per lavorare più facilmente delle immagini vettoriali o dei file SVG, prevalentemente su Windows e pressoché zero su macOS. Eppure qualche giorno fa ho avuto la necessità di creare rapidamente un file PNG partendo da un SVG sul MacBook, e l’ho fatto con una finestra di Terminale e InkScape senza necessità di lanciare l’interfaccia grafica.

InkScape

Lo scarichi gratuitamente dal sito web ufficiale e, contrariamente a GIMP, ha ancora bisogno di un sistema di finestre X, questo si appoggia nello specifico a XQuartz (che quindi ti tocca scaricare e installare a parte, anche lui gratuitamente).

Una volta fatto (sia il primo che il secondo pacchetto DMG), non avviare neanche InkScape.

Da Terminale

Supponendo che la tua immagine SVG si trovi nella cartella Download (e il programma sotto la classica /Applications), aprendo Terminale potrai richiamare script --without-gui dalle risorse di InkScape, in questa maniera:

macOS: trasformare un SVG in PNG con Terminale e InkScape

Spiegata in soldoni, il comando ti permette di richiedere a InkScape di esportare un file PNG partendo dal file SVG, specificando ovviamente l’una e l’altra cartella su cui lavorare (sorgente e destinazione, chiaramente), aggiungendo ulteriori parametri di cui potresti aver bisogno, tutti disponibili da documentazione linux.die.net/man/1/inkscape.

Nel mio caso (quello dell’immagine poco sopra), ho estratto prima un PNG a risoluzione intera, poi ho tenuto a bada la larghezza, portandola a 1000px. Ti riporto il codice qui di seguito:

/Applications/Inkscape.app/Contents/Resources/script --without-gui --export-png=/Users/gioxx/Downloads/raster-image.png /Users/gioxx/Downloads/Logo-TeamViewer-2016.svg

e:

/Applications/Inkscape.app/Contents/Resources/script --without-gui --export-png=/Users/gioxx/Downloads/raster-image.png /Users/gioxx/Downloads/Logo-TeamViewer-2016.svg -w 1000

Ovviamente la cartella dovrai modificarla (in ambo i casi) con quella che corrisponde alla tua situazione attuale, il resto è un colpo di invio e il risultato servito su un piatto d’argento.

Cheers :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

TeamViewer è uno strumento tutto sommato fantastico e universalmente riconosciuto per essere un giusto partner nell’assistenza remota verso PC diversamente non raggiungibili. In passato brillante per il suo modo di saltare a piè pari le limitazioni imposte dai firewall o dai NAT di rete, oggi cerca di fare bella mostra di sé per alcune finezze e servizi accessori (come la giovane assistenza remota su iOS 11+) che conquistano altre fette di mercato.

Kace: TeamViewer Remote Host Switch 3

TeamViewer è anche lo strumento utilizzato per fare assistenza remota in ufficio e, nel corso del tempo, ho costruito una serie di script che mi hanno facilitato la vita nella gestione delle sue autorizzazioni e comportamenti. Attivazione o disattivazione del popup di conferma al collegamento da parte dell’utente finale, blocco o sblocco (quindi disattivazione o attivazione) della creazione password a video (quella specificata sotto il tuo ID), possibilità di inibire il collegamento via internet lasciando solo quello da rete locale. Un piccolo coltellino svizzero in VBS, da richiamare comodamente da riga di comando in base alle esigenze.

Qualche giorno fa ho “tradotto” uno di quegli script in istruzioni per Kace. In particolare parlo dello script che abilita o disabilita l’accesso con conferma al TeamViewer di qualsiasi macchina (x86/x64) controllata all’interno del dominio / parco macchine gestito da Kace. Se la conferma di accesso è abilitata la disabilita, diversamente la abilita.

Lo script

Eseguito come Local System, si basa su due Task, si tratta rispettivamente di quello per un sistema installato a 64 bit, l’altro a 32. Basta controllare se esiste una chiave di registro partendo dalle voci di registro x64 (le Wow6432Node) e variare un valore in base alla condizione attuale, quindi passare al Task 2 nel caso si avesse a che fare con un Windows x86, a 32 bit.

Ti riporto qui di seguito i passaggi che ho salvato nel mio script.

Task 1

Verify

Verifica che la chiave di registro HKLM\SOFTWARE\Wow6432Node\TeamViewer\AccessControl esista, e che il valore AC_Server_AccessControlType sia impostato a 3 (il popup di conferma al collegamento remoto, che compare a video dell’utente finale quando ci si è autenticati dall’altro lato), tradotto quindi con:

Verify that HKLM\SOFTWARE\Wow6432Node\TeamViewer\AccessControl!AC_Server_AccessControlType is equal to “3”

Kace: TeamViewer Remote Host Switch

On Success

In caso di successo, dovrai terminare il processo relativo al servizio di TeamViewer, il client di TeamViewer stesso e modificare quel valore di chiave prima di poter riavviare il servizio di TeamViewer. Tradotto, si ottiene quindi:

Kill the process “TeamViewer_Service.exe”
Kill the process “TeamViewer.exe”
Set “HKLM\SOFTWARE\Wow6432Node\TeamViewer\AccessControl!AC_Server_AccessControlType” to “0”
Restart service “TeamViewer”

Dove lo 0 equivale a un lasciapassare che non richiede conferma alcuna da parte dell’utente finale, in pratica si va a emulare quella condizione di limbo (che permette la connessione senza conferma) di quando ci si trova nella schermata di login di Windows (CTRL+ALT+CANC).

Remediation

La Remediation serve come faultback, permettendoti quindi di riportare la situazione allo stadio precedente, perché il primo passaggio (quello di Verify, nda) ha evidentemente rilevato che il valore di AC_Server_AccessControlType era impostato su qualcosa di diverso dal 3. Quindi non farai altro che terminare il processo relativo al servizio di TeamViewer, il client di TeamViewer stesso e ritoccare quel valore di chiave prima di poter riavviare il servizio dell’applicazione. Traduco:

Kill the process “TeamViewer_Service.exe”
Kill the process “TeamViewer.exe”
Set “HKLM\SOFTWARE\Wow6432Node\TeamViewer\AccessControl!AC_Server_AccessControlType” to “3”
Restart service “TeamViewer”

Kace: TeamViewer Remote Host Switch 1

La procedura su sistemi a 64 bit è completa. Salvo errori, questa parte sarà già funzionante, a prescindere dallo stato d’uscita dello script in console (potrebbe anche dirti di aver fallito, ma mente, dall’altro lato la modifica è stata eseguita e potrai metterla subito alla prova).

Task 2

Verify

Non pensare che io lo faccia apposta, ma nulla cambia rispetto a prima. Il Task 2 serve esclusivamente nel caso in cui il primo fallisca, perché evidentemente non ci si trova davanti a una installazione di Windows a 64 bit. Questo primo passaggio pensa perciò a verificare che la chiave di registro HKLM\SOFTWARE\TeamViewer\AccessControl esista, e che il valore AC_Server_AccessControlType sia impostato a 3 (il popup di conferma al collegamento remoto, che compare a video dell’utente finale quando ci si è autenticati dall’altro lato), tradotto quindi con:

Verify that “HKLM\SOFTWARE\TeamViewer\AccessControl!AC_Server_AccessControlType” is equal to “3”

On Success

Anche in questo caso, se la ricerca ha successo, dovrai terminare il processo relativo al servizio di TeamViewer, il client di TeamViewer stesso e modificare quel valore di chiave prima di poter riavviare il servizio di TeamViewer. Tradotto, si ottiene quindi:

Kill the process “TeamViewer_Service.exe”
Kill the process “TeamViewer.exe”
Set “HKLM\SOFTWARE\TeamViewer\AccessControl!AC_Server_AccessControlType” to “0”
Restart service “TeamViewer”

Remediation

Con la Remedetion chiudi il cerchio e anche le operazioni di ambo i Task, riportando la situazione a quella considerata standard, prevedendo che sia l’utente a darti l’autorizzazione al collegamento al suo PC, senza che tu possa entrarci senza controllo alcuno:

Kill the process “TeamViewer_Service.exe”
Kill the process “TeamViewer.exe”
Set “HKLM\SOFTWARE\TeamViewer\AccessControl!AC_Server_AccessControlType” to “3"
Restart service “TeamViewer”

Lo script è utile per casi di emergenza nel caso in cui tu stia lavorando sul PC dell’utente senza presidio dall’altro lato (tipicamente quando ti lascia a fare il tuo lavoro e si allontana per una pausa, un tempo variabile non sempre ben definito), e tu ne perda il controllo per un qualsivoglia motivo, chiudendoti quindi la porta alle spalle (e senza le chiavi di casa). Non andrebbe mai utilizzato come passe-partout all’insaputa dell’utente.

Buon lavoro.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
×

Pillole

Le pillole sono articoli di veloce lettura dedicati a notizie, script o qualsiasi altra cosa possa essere "divorata e messa in pratica" con poco. Uno spazio del blog riservato ai post "a bruciapelo"!

Che in pratica è già la risposta conclusiva di un articolo che vuole essere estremamente leggero per tutti coloro che –forse– si sono potuti permettere il lusso di godersi un ponte molto lungo (qualcuno era in ferie dal 23 aprile, e non sono io, maledizione!), le trasmissioni vere e proprie (quelle più pallose perché più lunghe da leggere, me ne rendo conto) ricominceranno da domani. Bando alle ciance: cos’è ATOM? L’editor di testo avanzato che può davvero colmare la grave lacuna lasciata da Notepad++ sui sistemi macOS.

L'alternativa a Notepad++ su macOS è ATOM

Completo, personalizzabile, con una vasta documentazione a supporto dell’utilizzatore. ATOM è quel progetto che mancava quando anni fa cercavo una reale alternativa al mio amato Notepad++ rifugiandomi in progetti come TextWrangler (poi BBEdit) con la stessa felicità di un bambino che deve mangiare i broccoli. No dico, i broccoli, hai capito di che sto parlando? Del non-plus-ultra dello “no, grazie“.

ATOM è la risposta che cercavo su macOS, ma è in grado di accontentare ogni palato essendo stato pensato e progettato per ogni Sistema Operativo. Nato in casa GitHub ascoltando gli sviluppatori (e non solo) nell’ormai quasi lontano 2014, è arrivato oggi a quella condizione di robustezza e affidabilità che può permettersi di avere a che fare un po’ con tutti, esperti e non. Il fatto di essere realizzato su base Chromium (insieme poi a CoffeeScript, JavaScript, CSS, C++ e TypeScript) ne permette l’estrema flessibilità e personalizzazione (anche sotto al cofano motore), i pacchetti disponibili sono ormai abbondanti (così come i temi, anche se a quelli non do peso) e possono fare quasi qualsiasi cosa.

ATOM è parte di una lista che ho usato diversi mesi fa ormai per cambiare editor di testo (mi ero ridotto a virtualizzare Notepad++ passando da VMware Fusion, giusto per rendere l’idea) e che trovi qui: webeeky.com/alternatives-of-notepad-mac-os (una lettura in più non può fare mai male). Altra lettura che ti consiglio (una delle prime portate a casa dal sottoscritto) è anche quella relativa agli shortcut da tastiera, arma per me fondamentale per evitare di usare quanto più possibile il mouse: blog.bugsnag.com/atom-editor-cheat-sheet.

La mia scelta l’ho ormai fatta, ora tocca a te dirmi se sei diventato anche tu utilizzatore ATOM oppure se vuoi dire la tua in merito e segnalare un diverso programma per chi sviluppa (a livello amatoriale e non) o comunque chi necessita di un editor più avanzato del semplice TextEdit sul Sistema Operativo di Cupertino.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)

Quando ho deciso di spendere quei 40€ per l’acquisto di una Amazon Fire TV Stick, l’intenzione era quella di provarla e capire se potesse fare al caso dell’ambiente cucina e living poco smart dei miei genitori, con televisori collegati –fino a oggi– ai piccoli Roku targati e personalizzati NOW TV, abbastanza limitati nei movimenti, ormai non al passo con i tempi. Ti racconto com’è andata e perché potresti farci anche tu un pensierino, se l’intenzione è quella di poter personalizzare (di molto, rispetto al semplice Cast) il tuo rapporto con il televisore e i contenuti video.

Amazon Fire TV Stick | Basic Edition: ha senso l'acquisto? 1

Amazon Fire TV Stick

Parto con il dirti che sono stato utilizzatore di Google Chromecast per anni, e ancora prima di Apple TV (subito prima che il TvOS lasciasse il giusto spazio allo Store e alle applicazioni di terze parti, quando statisticamente in casa Android ha preso il sopravvento), questo mi è sempre bastato, streaming diretto dai miei dispositivi e decoder satellitare per tutto il resto. Amazon Fire TV Stick non era prevista, così come un qualsiasi altro box TV Android più carrozzato e specifico. Amazon Fire TV Stick può collocarsi in una fascia di mercato medio-bassa, dedicata a chi vuole rendere smart il proprio televisore, completandolo con applicazioni che sei abituato a usare quotidianamente su smartphone o tablet (entro i limiti hardware imposti dal prodotto).

Nella sua versione Basic Edition, Amazon Fire TV Stick propone la chiave da collegare alla porta HDMI del televisore (con relativa prolunga, per farla un pelo più assomigliare a Chromecast e per aiutare chi ha posizionato il televisore a corta distanza dal muro), un cavo microUSB e un comune adattatore da inserire in una presa per l’alimentazione, inclusi anche telecomando Fire TV e 2 batterie AAA (il telecomando può essere “sostituito” dall’applicazione Fire TV per Android e iOS).

App Telecomando Fire TV
App Telecomando Fire TV
Amazon Telecomando Fire TV
Amazon Telecomando Fire TV

Ho iniziato a configurarlo, installare nuove applicazioni approfittando delle proposte Amazon in primo piano, per poi perdermi in un mondo di personalizzazioni fatto perlopiù di alternative realizzate da terzi, ben distanti dalla raccolta organizzata in malo modo dal big del commercio (sì, non sopporto davvero l’organizzazione delle categorie e suddivisione delle applicazioni proposte da Amazon, oltre il “Primo piano” si entra in un pozzo di confusione più unico che raro).

Acquistare una Amazon Fire TV Stick oggi vuol dire riuscire a portare sullo schermo di casa Amazon Prime Video, servizio altrimenti non “castabile” (fa schifo, lo so, è per fartela rapida) a causa della solita annosa questione legata all’antipatia tra Google e Amazon (la stessa che ha causato la magica sparizione dell’applicazione YouTube proprio da Fire TV Stick, ora accessibile solo tramite browser, nda). Fino a oggi, l’unico modo che avevo per guardare Prime Video oltre l’utilizzo dell’iPad Mini (limitato quindi dalla sua massima diagonale di monitor) era accendere la Xbox One X e utilizzare l’applicazione installata dallo Store di Microsoft:

Amazon Prime Video
Amazon Prime Video
Developer: Amazon Development Centre (London) Ltd
Price: Free

L’interfaccia, fatta eccezione per l’organizzazione delle applicazioni installabili in un secondo momento (come già detto qualche riga più su), è sufficientemente valida e semplice da utilizzare, si può intuire quanto basta come e dove muoversi, ma si potrebbe fare di gran lunga meglio (qui Netflix può solo fare scuola, così come in generale un qualsivoglia buon launcher per Android).

Posso dirti che rispetto a Chromecast, Amazon Fire TV Stick è certamente più comoda per una questione di libertà rispetto ai dispositivi posseduti, ma scomoda per quello che riguarda il controllo dello streaming (un Plex che trasmette a Chromecast può essere facilmente controllato dall’area notifiche dello smartphone, per mettere in pausa o muoversi in avanti / indietro rispetto al momento che si sta visualizzando con un solo clic), con però il minimo comune denominatore dovuto alla compatibilità con un numero limitato di applicazioni, cosa che con Amazon Fire TV Stick si nota molto meno, grazie alla possibilità di personalizzazione (più ampia rispetto al concetto espresso da Amazon stessa).

Personalizzazione

È forse questo il paragrafo più interessante per il cliente finale, soprattutto con quello che adora mettere le mani sotto al cofano senza accontentarsi di ciò che che viene proposto dal libretto di istruzioni. Ciò che ti serve avere a disposizione per poter procedere con questa parte di articolo è uno smartphone o tablet Android (ultima spiaggia è un emulatore installato sul tuo PC, come BlueStacks), che ti renda la vita maggiormente comoda grazie all’applicazione Apps2Fire:

Apps2Fire (Original)
Apps2Fire (Original)
Developer: Koni
Price: Free

Prima di partire: modalità sviluppatore

Per poter operare su Fire TV Stick in totale (o quasi) libertà, ti servirà attivare la modalità sviluppatore e la comunicazione ADB (quest’ultima fondamentale per lo scambio dati via IP con Apps2Fire). Per effettuare la modifica dovrai andare nel menu Impostazioni, spostarti in Dispositivo, quindi Opzioni sviluppatore, e infine attivare Debug ADB e Applicazioni da fonti sconosciute.

Configurazione di Apps2Fire

Ora che la Fire TV Stick è pronta, apri Apps2Fire così da poterla configurare. Spostati nella schermata di Setup (l’ultima) e inserisci l’indirizzo IP della tua Fire TV Stick. Se non conosci quest’ultimo, vai nelle Impostazioni di Fire TV Stick, spostati sotto DispositivoInformazioni → Rete, leggi sulla destra i dettagli e riporta l’indirizzo IP nell’applicazione:

Fai clic su Save, verrà tentata la connessione alla tua Fire TV Stick. Fatto ciò, si può procedere con qualche piccolo esperimento.

Mediaset Infinity

Altro servizio che ho sempre mandato in streaming via Chromecast e che, con l’aiuto di Apps2Fire, è possibile installare su Fire TV Stick anche se non dichiarato compatibile (e quindi non disponibile nelle applicazioni proposte nell’elenco ufficiale di Amazon). Tutto nasce da un thread all’interno del forum di XDA, dicembre dello scorso anno: forum.xda-developers.com/fire-tv/themes-apps/app-mediaset-infinity-apk-android-tv-t3715377.

Sky Online o Mediaset Infinity? La verità sta sempre nel mezzo 5

La procedura di installazione è semplice e te la riporto qui di seguito (già verificata con successo).

Via Smartphone (e Apps2Fire)

  • Scarica tramite smartphone (tablet o Android su PC) il file APK di Infinity per TV che trovi su XDA. Per tua comodità, ne ho salvato una copia all’indirizzo gioxx.org/fire/apk/Infinity_1.0.5.apk.
  • Apri Apps2Fire, spostati sotto Fire TV Apps e fai clic sull’icona Upload (quella con la freccia rivolta verso l’alto) per iniziare la procedura di caricamento APK. Salvo errori, il pacchetto di Infinity si troverà all’interno della cartella Download del tuo smartphone, fai clic su di esso e lascia che Apps2Fire faccia il resto, caricando sulla Stick Infinity e installandola.

Avvia l’applicazione ed effettua il login, goditi ora il catalogo Mediaset al quale hai accesso.

Via Fire TV Stick

  • Installa Downloader (programma suggerito già alla prima installazione di Amazon Fire TV Stick), aprilo e puntalo all’indirizzo go.gioxx.org/infinityapk, questo ti permetterà di scaricare l’APK di Infinity nella memoria di Fire TV Stick, dovrai solo installare manualmente l’applicazione.

C’è solo Infinity?

Amazon Fire TV Stick (Basic Edition): è un acquisto sensato? 3

Affatto. C’è TIMVision, ma anche SkyGo o RaiPlay, APK che trovi facilmente tramite GitHub, puntando il browser all’indirizzo github.com/TheMiguelBi/APP_for_Amazon-Fire-Tv-Stick_BasicEdition e che puoi installare con gli stessi metodi che ti ho riportato sopra per Infinity.

La RAI, per esempio, preferisco richiamarla tramite Kodi (e insieme a lei anche La7, Mediaset On Demand e altro ancora).

Kodi per Fire TV Stick

Il mondo che include altri mondi, Kodi è il Media Player che da anni monopolizza i Media Center di molti salotti o semplici postazioni da lavoro portatili. Puoi installarlo anche su Fire TV Stick, è semplice e puoi farlo rapidamente tramite Downloader. Ti ho creato un collegamento rapido che punta alla giusta versione per l’architettura utilizzata dalla Stick di Amazon: go.gioxx.org/firekodi.

Amazon Fire TV Stick (Basic Edition): è un acquisto sensato? 4

Una volta installato, puoi espandere i confini del semplice Media Player locale arricchendolo di plugin che puoi facilmente reperire online, chiaramente aggiungendo sorgenti sorgenti esterne.

Prima di continuare

Ti tocca abilitare l’installazione di plugin di terze parti da fonti sconosciute, un po’ come fatto prima per l’installazione degli APK in Fire TV Stick. Vai nelle Impostazioni e spostati in Add-ons, quindi abilita l’opzione Fonti sconosciute (nella parte di destra, come in immagine di seguito seppur in lingua inglese):

Amazon Fire TV Stick (Basic Edition): è un acquisto sensato? 6

Ora puoi procedere

Per farlo vai nelle ImpostazioniFileAggiungi Sorgente, quindi fai clic su <Nessuno> e imposta l’URL verso il repository dei plugin (e non solo) da installare, per esempio https://gioxx.org/fire, spazio personale che ho creato per raccogliere alcuni plugin sicuramente funzionanti e testati, messi anche a tua disposizione. Una volta dato un nome e aggiunta la sorgente esterna, potrai richiamarla per l’installazione di file ZIP.

Spostati nella schermata degli Add-on e scegli di installarne da Repository (Installa da repository), quindi fai clic su “..” (è la prima voce in alto in ordine alfabetico, servirà per salire di un livello) → Installa da un file zip.

Amazon Fire TV Stick (Basic Edition): è un acquisto sensato? 5

Scegli ora il repository esterno che hai precedentemente inserito in Kodi e seleziona il file ZIP da installare. Nella sorgente esterna che ti ho messo a disposizione troverai alcuni plugin potenzialmente interessanti anche per te, come quello dedicato alla Rai, Mediaset On-Demand, La7 e altri ancora, devi solo prenderti un po’ di tempo per effettuare i tuoi test.

In conclusione

Da qui in poi, ti basterà qualche ricerca Google e del tempo libero perché di grandi limiti associati a Kodi io non ne ho trovati. C’è tanto da scoprire, e Amazon Fire TV Stick ti offre la possibilità di farlo a un giusto prezzo, per lo meno fino a quando non deciderai di crescere (alzare l’asticella dai, mica mi riferisco alla tua età anagrafica!) e guardare con interesse al mercato dei box Android che offrono maggiori prestazioni (processori, RAM e memoria disponibile dai tagli decisamente più alti rispetto alla configurazione comunque valida di Fire TV Stick).

Acquistare Amazon Fire TV Stick per un cliente Prime vuol dire spendere circa 40€ (39,99€), che diventano 60 (59,99€) per chi cliente Prime non lo è. Il mio consiglio è quello di acquistare il prodotto se sei cliente Prime, o farlo fare al collega di lavoro (o amico) che lo è e che potrà acquistarne fino a due con il proprio account, perché per 60€ probabilmente punterei su altro (o conserverei quel budget per aggiungerci qualcosina e acquistare un box più performante).

Di certo c’è che l’esperienza rispetto a Google Chromecast cambia parecchio, e devo rimangiarmi la parola (basata un po’ sulla fiducia) verso coloro ai quali avevo detto che acquistare Amazon Fire TV Stick era inutile se si possedeva già Chromecast. Si possono fare maggiori esperimenti e far funzionare applicazioni non compatibili con Chromecast, senza metterci di mezzo una terza parte costituita dagli smartphone o tablet che mandavano il loro Cast verso il televisore, talvolta rimettendoci in qualità e stabilità di segnale (con Plex queste cose si notavano parecchio, soprattutto su flussi streaming esosi).

Per qualsiasi dubbio o ulteriore informazione inerente l’articolo, ti ricordo che l’area commenti è a tua totale disposizione :-)

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato di tasca mia per capire se potesse fare al caso dei miei genitori, ho finito per tenerlo, personalizzandolo per le esigenze di casa mia e di Ilaria!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: