Archives For VitaMilano

Se ti sei perso la “precedente puntata” ti invito a dare un’occhiata al mio vecchio articolo datato 10 luglio scorso, all’interno del quale ti parlo del recupero pagamenti in eccesso per le TARI del Comune di Milano (in particolare, nel mio caso), ma non solo (perché di Comuni che hanno commesso qualche “errore” ce ne sono stati altri):

TARI 2018: recupero dei pagamenti in eccesso degli anni scorsi

Mi scrive Alessandro, un lettore del blog che saluto e ringrazio per lo scambio di mail e che invito anche a commentare questo nuovo articolo nel caso lo ritenesse opportuno (e lo stesso vale per qualsiasi altro lettore del blog, te compreso!), il quale mi ha segnalato alcune novità riguardanti il provvedimento, non esattamente allegre per coloro che hanno già versato più del dovuto:

Sono solo due delle svariate altre fonti che hanno sì parlato del problema e delle poco gradevoli novità, ma passando in sordina senza dare troppo risalto a quanto accaduto, un po’ a voler evitare di fare troppo baccano. Ti propongo un estratto del secondo articolo segnalato:

Secondo la sentenza infatti «per gli anni in esame», appunto quelli compresi fra il 2014 e il 2017, «era dovuta anche per i box di pertinenza la quota variabile, come applicata dal Comune».
Secondo la Commissione tributaria l’amministrazione comunale «ha correttamente proceduto – come si legge nella sentenza – visto anche che il legislatore non ha mai precisato il concetto di pertinenzialità». Di conseguenza la circolare del ministero dell’Economia e delle Finanze del novembre 2017, che puntava il dito contro un errore di calcolo della tassa, «è ininfluente».

Alessandro mi scrive a tal proposito che:

Altroconsumo mi ha anche spiegato il motivo di questo ritardo, ma grazie alla mia fantastica memoria ora le esatte parole non le ricordo, se ho capito bene loro sono in contatto con la ragioneria (se si chiama così) del Comune, che deve dare l’ok e ha accennato che dovrebbero avere risposta a breve, comunque al più tardi entro fine dicembre.
[…]

Quello che mi lascia un po’ dubbioso è che ha accennato ad una eventuale class action in caso di rifiuto, su cui non ho voluto approfondire, ma ripensandoci ora, spero non si arrivi a tanto.

Ciò a cui lui fa riferimento è un intervento che evidentemente Altroconsumo vuole avviare nel caso in cui le porte chiuse inizino a diventare più del dovuto, cosa non ancora accaduta se si fa riferimento a quanto riportato nel loro articolo (quello che puoi trovare al medesimo indirizzo segnalato nel mio primo pezzo: altroconsumo.it/soldi/imposte-e-tasse/news/errore-calcolo-tari):

Errore calcolo Tari: primo round al Comune di Milano. Ma la battaglia continua

[…] Tuttavia sono da poco uscite le prime sentenze di primo grado della Commissione tributaria provinciale, presentate da acluni cittadini milanesi: l’esito è purtroppo favorevole al Comune di Milano. Noi comunque continuiamo a chiedere che venga fatta giustizia e ci batteremo in tutti gli altri gradi di giudizio: la battaglia infatti non è affatto conclusa perché l’iter è ancora lungo.

Ho aspettato a pubblicare l’articolo per capire quali sviluppi ci potessero essere in merito ma, come anche tu stesso puoi vedere, dicembre volge ormai al suo giro di boa, i giorni che ci separano dal Natale sono sempre meno e lo saranno anche quelli da qui alla fine del 2018. Stapperemo quasi certamente lo spumante senza sapere alcunché in merito ai rimborsi che –forse?– non ci spettano più, dipende chiaramente da chi riuscirà a uscirne vincitore dall’ennesimo errore che si trasforma per magia in azione intrapresa lecita e conseguente svista del consumatore che pretende ciò che non gli spetta.

Nel caso in cui ci fossero novità non esiterò ad aggiornare questo nuovo articolo. Nel frattempo tocca pazientare, come sempre (lo diceva mio nonno, lo ripete sempre mia madre e non posso fare altro che pensarlo anche io: a chiedere e prendere i soldi si fa sempre tanto in fretta, è a restituirli che ci si mette sempre un sacco di tempo!).

×

Milano Real Life (MRL)

È il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Cosa c’entro io con dei tulipani? Assolutamente nulla e no, non ho il pollice verde o qualsivoglia specializzazione in scienze agrarie.

Tulipani-Italiani a Cornaredo

Quello di oggi è solo un articolo personale, un ringraziamento a quei ragazzi che hanno pensato di poter portare un po’ di Olanda in Italia, a due passi da Milano, realizzando un fantastico campo che ha ospitato (tutto terminerà tra qualche giorno) una vasta quantità di specie di boccioli, diventati splendidi tulipani in grado di colorare diversamente quello che solitamente è uno sfondo cittadino decisamente meno allegro e acceso.

In una giornata di sole e caldo (quello scoppiato ormai un paio di settimane fa), dopo il solito carico di ore di lavoro che possono buttarti giù quanto vuoi, ma senza toglierti quella voglia di andare a dare un’occhiata a qualcosa di diverso, il campo dei tulipani è stata una piacevole scoperta che consiglio a tutti di scoprire a propria volta (magari dal prossimo anno, considerando che ormai siamo agli sgoccioli e molti dei tulipani sono stati già raccolti o hanno terminato il loro ciclo di vita). Ho portato con me solo lo smartphone e tanta voglia di catturare qualche bel momento nel migliore dei modi, ho pubblicato gli scatti che ho scelto di tenere su Flickr, creando un album ad-hoc che ti propongo all’indirizzo flic.kr/s/aHskx1t6HH. Spiace solo (detto in tutta onestà, da visitatore comunque soddisfatto di quanto visto e raccolto, poi portato a casa per ricordarci di quel tardo pomeriggio passato al campo) che quegli attrezzi, quelle auto e quella gru abbiano in qualche maniera invaso una scena così tanto bella da sembrare una rappresentazione che forse siamo abituati a vedere solo negli sfondi di Windows! :-)

Per qualche riferimento in più ti rimando al sito web ufficiale dell’iniziativa, tulipani-italiani.it.

×

Milano Real Life (MRL)

È il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine. Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa. La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Che è un po’ un titolo “tirato per il collo“, me ne rendo conto, perché in realtà la porta OBD comunica allo smartphone ciò che la nuova versione del gadget automobilistico Vodafone, il V-Auto, rileva. Esso permette, tra le altre cose, di non perdere mai d’occhio la tua automobile, dandoti la possibilità di ritrovarla in un grande parcheggio oppure di seguirla in caso di furto (facendo i dovuti scongiuri), ma anche di lanciare un segnale SOS in caso di incidente. Il costo del prodotto è di 79€ e può essere sfruttato pagando un abbonamento di 5€ (ogni 4 settimane) che puoi disattivare quando desideri.

V-Auto by Vodafone: la porta OBD comunica con lo smartphone

Magari non te lo ricordi, ma qualcosa di simile esisteva già, e parlo sempre di un prodotto Vodafone, anche se i tempi erano quelli del “lab” e il gadget si chiamava “Driverxone” (si trova ancora qualcosa in giro, come questo vecchio thread sul forum della community). Avevo anche provato (nel 2014) a chiederne un sample, ma trattandosi di un prodotto in beta chiusa veniva venduto agli interessati e non c’è stato un vero e proprio lancio stampa, quindi ho dovuto rimandare il tutto e arrivare –finalmente!– oggi ad avere tra le mani la versione rivista e perfezionata, ufficialmente lanciata sul mercato.

V-Auto

V-Auto è un accessorio che si attacca alla porta OBD dell’automobile (cos’è la porta OBD?) e ne cattura alcune informazioni che possono tornare utili durante un’ispezione di officina, ma anche all’applicazione ufficiale del prodotto che è possibile scaricare dagli store di riferimento:

V-Auto by Vodafone
V-Auto by Vodafone
Developer: Vodafone
Price: Free
V-Auto by Vodafone
V-Auto by Vodafone
Developer: Vodafone
Price: Free

L’installazione si fa tutta tramite procedura guidata e richiede che si utilizzi una SIM ricaricabile Vodafone, limitazione importante che nel mio caso non avrei potuto superare senza l’aiuto di una SIM di test fornita dall’operatore stesso (ho una SIM business Vodafone, attualmente non compatibile con il servizio).

V-Auto by Vodafone: la porta OBD comunica con lo smartphone 4

C’è un nutrito elenco di marche e modelli selezionabili dall’elenco compatibilità di V-Auto, anche se ho notato che in alcuni casi mancano all’appello vetture certamente compatibili ma tenute fuori per altri motivi (per esempio, un restyling che manca all’appello, come nel mio caso):

Cosa fare in questi casi? Seppur non si tratti di qualcosa di certificato e sicuramente compatibile, puoi provare a selezionare un modello successivo al tuo, verificando in seguito (entro qualche giorno) che l’applicazione faccia correttamente il suo lavoro, per evitare di pagare a vuoto il servizio. Generalmente il work-around funziona se si tratta di modelli vicini tra di loro (data di produzione), perché i dati rilevati dal V-Auto sono “pochi” e facili da recuperare da quella porta nella tua vettura, non dovresti incontrare grandi difficoltà.

Procedi quindi con la compilazione dei dati richiesti a video (una volta superata la fase della scelta veicolo, nda) e dai la conferma a procedere con il pagamento dei primi 5€ (fatturazione ogni 4 settimane, te lo ricordo!) che verranno scalati direttamente dal credito residuo della SIM. Una volta ricevuta la conferma, dovrai spostarti verso l’automobile, si procede con l’installazione vera e propria.

Questa richiede:

  • che tu conosca dove si trova la porta OBD della tua vettura (non ti preoccupare, l’applicazione propone fotografie e istruzioni dettagliate per ogni modello compatibile!).
  • Che la tua automobile si trovi fuori dal garage (se sotterraneo), perché in caso contrario non ci sarebbe rilevazione della posizione via GPS (quello di V-Auto, nda), né tanto meno sarebbe possibile agganciarsi a una cella Vodafone.

Ciò che devi fare è parcheggiare l’automobile in una piazzola di sosta scoperta e NON accendere il motore.

V-Auto possiede infatti una batteria tampone al litio che può durare anche diverse settimane in assenza di energia (presa dalla batteria auto quando quest’ultima è accesa e in movimento), così da garantire il pieno funzionamento dell’alloggiamento SIM e del suo GPS integrato. Ciò sarà fondamentale in caso di incidente o di fermi prolungati della vettura (e inserirei anche i casi di furto).

Uso dell’applicazione

C’è ancora poco, ed è tutto sommato intuitivo, sicuramente ci sarà spazio in futuro per aggiungere nuovi dati e funzionalità a un oggetto che potrebbe per esempio dirci il livello di carburante nel serbatoio, o magari se c’è qualche altro errore o avviso che ci siamo persi quando abbiamo guardato l’ultima volta il cruscotto. Vodafone ha esperienza in questo settore, la sua tecnologia è già a bordo di vetture di tipo premium (come BMW o Porsche), ma anche in qualche modo connessa a qualcosa di più “terra“, come le FIAT 500 del servizio Enjoy, il potenziale c’è quindi tutto, si tratta solo di capire quanto spingersi in là e quanto questo servizio faccia reale breccia nei cuori dei suoi utilizzatori.

Ciò che certamente non mi è piaciuto è l’insistenza e lo scadere rapido delle sessioni di login che richiedono un’autenticazione a due fattori che passa necessariamente da un SMS inviato sul numero che paga l’abbonamento (lo considero ormai superato, e preferirei un’applicazione 2FA più rapida per confermare la mia identità, come Authy e soci), ma anche la scarsità di dettagli della schermata di Guida Sicura (un livello calcolato sulla base del proprio stile di guida, velocità media, chilometri percorsi), c’è certamente ampio margine per arricchire il tutto, ma ci vuole tempo.

Essenziale invece, ma già corretta, la schermata riepilogativa che propone i percorsi fatti con relativo giorno, velocità media, tempo impiegato e tappe toccate. Ti propongo qualche schermata catturata dall’applicazione di V-Auto:

In conclusione

V-Auto è un bell’accessorio, lo ammetto, ero curioso già della sua prima versione nel 2014, questa nuova progettazione basata su 3 anni di feedback e ulteriore sviluppo è stata pensata e realizzata per un pubblico certamente più ampio, rimodulando anche il prezzo del servizio (i 3€ dell’epoca sono diventati oggi 5, con fatturazione ogni quattro settimane anziché mensile), che diventa parte importante di un monte spesa annuale che va a sommarsi con qualsiasi altro costo a rinnovo (Spotify, Netflix, ecc.).

Può essere il giusto alleato per accompagnare la vettura che compri per tuo figlio, ma anche una finestra sui tuoi spostamenti con possibilità di tracciare facilmente tempi e chilometraggi (comodissimo soprattutto per i rimborsi spese), con un occhio di riguardo alla sicurezza costituita dal plus del servizio SOS di Vodafone che viene gestito da sede, che interviene autonomamente in caso di incidente grave, mandando soccorsi nel più breve tempo possibile (cosa della quale io mi devo fidare rispetto a quanto mi ha detto Vodafone, perché di certo non ho intenzione di provarla volontariamente!).

Il gioco può valere la candela? Ciascun caso va analizzato a compartimenti stagni, non ho un parere secco che possa calzare in maniera universale. L’applicazione può e deve migliorare, credo che già a livello firmware (aggiornando il V-Auto connesso alla porta OBD) si possa fare più di quanto a disposizione oggi, ma sono certo che le carte verranno scoperte con il tempo.

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: fornito da Vodafone, ho potuto tenerlo al termine dei test. Anche la SIM di test è stata fornita da Vodafone, viste le attuali limitazioni legate all'operatore (questa torna all'ovile).
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Articolo strano, lo so benissimo, ma potrebbe tornarmi utile in futuro, prendo quindi qualche appunto (sia mai che torna utile anche a qualche altro lettore lì fuori).

Se sei cliente Q8 e hai un codice cliente registrato (si fa tutto da sito web o applicazione, è semplice e puoi dare un’occhiata a questo vecchio articolo), nel caso in cui tu scelga di pagare in contanti e il serbatoio non riesca a contenere tutto il carburante da erogare, verrà generato un codice di rimborso da poter attivare e riscattare in un secondo momento (senza scadenza, se non lo attivi).

Risalire a una pompa di benzina Q8 dal suo codice PdV

Il problema è che –se quel codice è condiviso con la tua famiglia, come nel mio caso– potresti non riuscire a riscattare il credito a disposizione, perché in quel caso il codice è attivabile e utilizzabile solo sulla pompa di origine. Chi avrà fatto quel pieno? Io? Mio padre? Mia sorella? Il codice del punto vendita lo si vede dall’area personale:

Risalire a una pompa di benzina Q8 dal suo codice PdV 1

Ho provato a fare una ricerca sull’osservatorio di Fabio ma senza successo, ho quindi fatto una rapida ricerca in rete e ho trovato un file PDF che raccoglie i PdV aggiornati che fanno parte del circuito “Cartissima“. Pur non interessandomi lo scopo di Cartissima, quel documento torna comodo proprio per avere la corrispondenza tra pompa di benzina e indirizzo sul territorio. Puoi consultarlo puntando il browser all’indirizzo q8.it/pdf/Elenco_pv_Cartissima.pdf.

Per comodità e sicurezza, ne ho salvato una copia qui.

In caso di PdV lontano

Mi è capitato di fare rifornimento ben distante da casa o comunque in zone di Milano che uso frequentare poco, per questo motivo ho cercato come riscattare un credito presso una diversa pompa di benzina rispetto all’originale. L’assistenza clienti Q8 è in grado di generare un codice valido su qualsiasi pompa, basta fornire loro i dettagli in merito al credito da recuperare, ti mostro una mia mail di qualche tempo fa:

Passo e chiudo (e buona domenica).

 


Immagine di copertina: Wikimedia.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: