Archives For Blogosfera

La domanda che non ha risposta, non una almeno. Chi decide oggi di aprire un blog, o magari un canale YouTube, sceglie di scendere in campo con le proprie competenze (e/o la propria faccia), provando a ritagliarsi una fetta di pubblico che nel corso dei giorni e delle pubblicazioni lo seguirà, con la speranza che quella fetta possa crescere rapidamente, stabilizzandosi più in là possibile, ottenendo così maggiore audience e feedback che aiutano (inutile negarlo) a crescere e migliorare (pur se non sempre costruttivamente).

Chiaramente ci si arriva a chiedere: è solo spesa? Ci rimetto di tasca mia? Io posso solo dirti la mia, basandomi sui tanti anni di esistenza di questo blog, e prima di lui anche di altri.

È possibile farsi sostenere online?

Prima di Gioxx’s Wall era GxWare, prima di GxWare era semplicemente un nickname riservato su chissà quale servizio di hosting gratuito, e gli anni cominciano a farsi sentire parecchio se consideri che sommando tra loro questi fattori si arriva a superare i 20 anni di attività online. Avevo da poco abbandonato le scuole medie quando decisi di mettere in piedi le prime quattro schifezze inguardabili realizzate con Microsoft FrontPage (dapprima, poi modificate a mano per renderle un pelo più appetibili non appena ne ho avuto le capacità, solo perché non volevo affidarmi a Dreamweaver), mi ero stancato di essere solo visitatore.

Di acqua sotto ai ponti ne è passata tanta e, per esperienza personale, la raccolta fondi non forzata (quella che non ti viene ricordata in maniera invasiva) non è una via certa verso un sostentamento (anche minimo) delle tue attività e dei tuoi acquisti (quelli fatti a fini di studio e realizzazione degli articoli). Inutile negare che qualcuno in questi anni mi ha offerto una birra (virtuale, tramite donazione), un caffè o –per chi non voleva metterci del denaro diretto– pensieri, gadget, roba assolutamente gradita e che in alcuni casi porto ancora oggi con me (fatico a ricordare chi mi ha regalato anni fa una splendida maglietta che ancora uso e adoro durante il cambio di stagione tra “non troppo freddo e non troppo caldo“), ma mai abbastanza per coprire quelle spese vive con le quali si ha a che fare per mantenere tutto online e disponibile per chiunque passi (per abitudine o per caso).

Ultimamente ho cominciato a giocare anche con alcuni nuovi strumenti, provo a parlartene brevemente, raccogliendo (se ti va) anche tuoi pareri in merito, sia che tu li abbia usati in passato come “creatore” (colui che è da sostenere), sia se hai “fatto parte del pubblico” (chi sostiene).

Patreon

È possibile farsi sostenere online? 1

Patreon è una piattaforma Internet che permette ai creatori di contenuti di realizzare il proprio servizio di contenuti con sottoscrizione. È diffuso tra i produttori video di YouTube, artisti web, scrittori, autori di podcast, musicisti e altre categorie di utenti che necessitino di pubblicare regolarmente propri contenuti on line. Permette agli artisti di ricevere direttamente i finanziamenti dai propri fan definiti patrons (“patroni”, “benefattori”). Questi possono finanziare in maniera continuativa e regolare o su singola opera. La società è nata da un’idea del musicista Jack Conte e dello sviluppatore Sam Yam nel 2013, e ha sede a San Francisco.

it.wikipedia.org/wiki/Patreon

Ho deciso di creare un account Patreon dopo averne visti tanti altri attivi in giro, mi incuriosiva e ho deciso di provare a creare una pagina che potesse raccogliere alcuni papabili obiettivi del blog, includendo –quando possibile– aggiornamenti per coloro che sono già presenti sul noto sito web e che preferiscono ricevere gli aggiornamenti tramite feed Patreon. Il funzionamento è estremamente semplice, e prevede che gli utenti inizino a sostenere uno o più creatori di contenuti tramite un pagamento mensile di una quota che può essere stabilita dal creatore di contenuti stesso. Inutile dire che cercare di ottenere da subito grandi quote è fuori di discussione, ed è sempre bene lasciare la possibilità di un sostentamento dal peso molto ridotto sulla tasca del proprio budget mensile.

Ho deciso di creare due obiettivi principali per il blog, di cui uno è quello che in ogni caso cerco di fare grazie ai tuoi commenti e alle tue idee, cioè ricercare e sviluppare articoli che possano attrarre la tua attenzione, che possano tornarti utili, che possano aiutarti nella quotidianità tecnologica che ti ritrovi ad affrontare (per lavoro, per passione o per “democratica decisione” di un genitore che crede che tu sia sempre il mago dei PC):

  • Raggiungere i 15 dollari mensili mi permette (tolte le spese di Patreon e di PayPal) di mettere da parte ciò che serve per pagare le spese di hosting del blog e della casa virtuale dei miei progetti personali. Sarebbe già un gran bel traguardo.
  • Con 100 dollari mensili non solo pagherei le spese dell’hosting del blog (e del restante annesso, noads.it compreso), ma potrei anche pensare di girare parte di quei fondi verso una collaborazione esterna, qualcuno in grado di darmi una mano a rispondere a più domande poste dai lettori come te, parte integrante e fondamentale senza la quale non avrebbe per me senso continuare a fare con passione ciò che faccio tutti i giorni :-)

Per raggiungere gli obiettivi, ho deciso di creare queste quote:

  • Ci prendiamo un caffè?
    $2 or more per month
    Seppur solo virtualmente vicini, il prendersi un caffè è il gesto forse più comune tra italiani. Permette di fare due chiacchiere, sentire quell’aroma inconfondibile, stringere nuove amicizie. Bevo caffè regolarmente, me ne offri uno per quello che realizzo?

  • Birra stasera?
    $5 or more per month
    Non so tu, ma io più del vino preferisco la birra, animale anomalo di una terra che esalta tutto ciò che gira attorno al prelibato chicco d’uva. Un salto al pub, la scelta di una bionda, o magari di una rossa, le chiacchiere, il divagare come se non ci fosse quel domani che ti vedrà tornare operativo in ufficio, in fabbrica, in qualsiasi altro luogo svolgi quotidianamente il tuo dovere. Con 5 dollari al mese offrirai quel giro di birra e io, per ricambiare, ti dedicherò un ringraziamento pubblico sul blog, oppure se preferisci finirai tra i sostenitori dei miei progetti personali, X Files o FIREFOX:DICT, parliamone insieme, mi trovi facilmente su Telegram.

  • Ai confini della pazzia, sei tu che sostieni me e decidi che carta giocare!
    $10 or more per month
    Sono certo che una quota simile non arriverà mai, ma sperare non costa nulla (tanto per rimanere in tema). Con 10 dollari al mese avrai la possibilità di chiedermi un articolo su un tema a tua scelta. Le ricerche richiedono tempo, così come la stesura, la verifica e la pubblicazione di ogni mio singolo articolo, perché in tanti anni che porto avanti questa mia creatura ho capito che guadagnare un lettore costa sudore, sangue e fatica, ma perderlo è un battito di ciglia.

    Parlami di ciò che vorresti approfondire, avrai un canale diretto con me (usiamo Telegram? La mail? Whatsapp? Decidi tu), ragioneremo insieme sull’articolo, io cercherò di dare risposta alla tua curiosità.

    Occhio, non sono bravo a parlare di vini o di shampoo contro la forfora, rimaniamo nel mio ambito, la tecnologia è il mio mestiere, il web il mio pane quotidiano, i videogiochi una delle passioni che più adoro da quando ho memoria.

Riguardo l’argomento commissioni e spese da sostenere, ti consiglio la lettura di un articolo pubblicato da un altro creatore (Free Playing), in seguito a un cambio di regole stabilito proprio da Patreon a fine del 2017: patreon.com/posts/nuove-regole-su-15813276.

Credo che questo sia anche il momento giusto per ringraziare Andrea, primo a volersi aggiungere alla quota del caffè mensile, è pur sempre un buon auspicio!

Passa a trovarmi all’indirizzo patreon.com/gioxx! :-)

PayPal

È possibile farsi sostenere online? 2

Difficile pensare che tu non lo conosca, considerando che si tratta di uno dei metodi di pagamento forse più conosciuti sulla faccia della Terra. PayPal è nato per altri motivi, vero, ma integra al suo interno un sistema di donazione che può essere facilmente utilizzato da tutti (dove quel tutti corrisponde al bacino utenti che ha almeno un account registrato sul servizio, chiaro). PayPal.me è quella pagina web essenziale, gateway per passaggio di denaro immediato e senza la necessità di istruzioni molto dettagliate.

Non ci sono “goal“, non ci sono quote, c’è la totale libertà da parte dell’utente di sostenere il lavoro fatto, in passato è stato il metodo scelto da qualche lettore per offrirmi una birra virtuale, un ringraziamento sempre apprezzato.

Nell’impostazione “Amici e familiari“, è gratuito per i tuoi amici e familiari inviarti denaro in euro all’interno dell’Unione europea, se usano il saldo PayPal o un conto bancario. Diversa la questione se si sceglie di utilizzare una carta di credito, ti rimando alle domande frequenti per capire qualcosa in più su commissioni e spese da sostenere.

Passa a trovarmi all’indirizzo paypal.me/gioxx! :-)

Buy me a coffee

È possibile farsi sostenere online? 3

Una ventata d’aria fresca in mezzo ai colossi intoccabili. Buy Me a Coffee è un sito web semplice, alla stregua di PayPal.me, per offrire un caffè al creatore di contenuti che preferisci. È tutto maledettamente semplice, dovrai esclusivamente scegliere di offrire uno, tre o cinque caffè (rispettivamente 3, 9 e 15 dollari), “one-shot“, vale solo per quello sparo singolo che potrai certamente ripetere ogni volta che vorrai, ma che in nessuna maniera ti legherà a qualcosa di schedulato e ripetitivo a cadenza regolare nel tempo.

Ho registrato la mia pagina personale e ricevuto in maniera anonima un caffè (grazie), anche qui –come in Patreon– potrai pubblicare aggiornamenti di stato per tenere aggiornati coloro che –iscritti al medesimo servizio– decideranno di seguirti come fosse un qualsiasi feed.

Passa a trovarmi all’indirizzo buymeacoffee.com/gioxx! :-)

Last but not least: Amazon

È possibile farsi sostenere online? 4

Sì perché se c’è un metodo per sostenere i creatori di contenuti che nulla costa a te, quello è proprio Amazon. Il colosso dell’e-commerce conquista e regna pressoché sovrano sul web di oggi, partner affidabile e per certi versi insostituibile per tutti coloro che necessitano di acquistare il prossimo gadget tecnologico o ciò che più banalmente serve in cucina, a casa. Amazon si è costruito negli anni una posizione difficilmente sostituibile, e con il suo abbonamento Prime consente in alcuni casi (in diverse città) di fruire di consegne entro due ore dall’ordine.

Ogni volta che ti parlo di prodotti nelle mie recensioni, tendo a proporti collegamenti verso Amazon che integrano il codice referral, il quale permetterà di guadagnare delle piccole commissioni sulla vendita andata a buon fine. Questo non altera in nessun caso il prezzo finale dell’oggetto che stai acquistando, è una transazione che avviene tra il sottoscritto e Amazon, per questo motivo è la forma di ringraziamento e sostentamento forse più conveniente e comoda per chiunque. Potresti pensare di sostituire il tuo segnalibro con quello che integra già il referral così da darlo per scontato per ogni tuo acquisto da postazione fissa o mobile!

Fai i tuoi acquisti partendo da questo collegamento: spendi.li/gioxx/me :-)

In conclusione

Tanti i metodi disponibili, forse poca l’intenzione di far sentire il proprio contributo quando leggi o usi qualcosa di creato apposta per renderti la vita più semplice, risolvere problemi che avrebbero richiesto molto più tempo o uso di risorse esterne (anche a pagamento), ci sono articoli scritti anni fa e che ancora oggi riscuotono un grande successo (e relativi ringraziamenti, mi viene da pensare a questo solo per fare un esempio), c’è (da sempre, non solo in questo mio specifico caso, ci mancherebbe) una sommaria convinzione che tutto ciò che c’è online sia e debba rimanere gratuito, che si possa ottenere con due clic e via, senza capire bene cosa c’è dietro.

Da circa un ventennio io metto a budget quelle che sono le spese per tenere in piedi questo blog e gli altri siti web che ci gravitano intorno, lo spazio in Cloud che –tra le varie– serve a tenere disponibili h24 file richiamati negli articoli e nei programmi distribuiti in giro, lo faccio molto più che volentieri e per quella grande passione che continuo a nutrire per questo ambito, per il mio modo di essere e di vedere la tecnologia, per il mio lavoro (quello vero, quello stipendiato). Per tutto il resto, e per il futuro non ancora scritto, credo di essere assolutamente d’accordo con quanto scritto da Emanuele qualche giorno fa.

E tu? Cosa ne pensi? Ti piace scrivere online? Hai un blog? Un canale YouTube? Chi sostiene le spese? Che metodi di sostentamento hai usato o continui a usare per raccogliere le donazioni dei tuoi lettori? Pensi che sia giusto limitare la tua creatività e la diffusione dei contenuti offrendoli ai lettori interessati a versare una quota per ciò che crei?

L’area commenti è a tua totale disposizione per discuterne insieme :-)


immagine di copertina: unsplash.com / author: Fabian Blank

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Un logo tutto mio

Gioxx  —  12/03/2018 — Leave a comment

È lì in bella vista già da un po’, anche se non tutti lo hanno ancora notato, perché tanti lettori mi seguono via feed RSS, forse anche tu che stai leggendomi in questo preciso istante, eppure c’è, ed è tutto mio, cucito addosso per mettere in evidenza quello che forse è il segno più distintivo del mio essere digitale, quell’iniziale del nome che si trasforma in un interruttore, perché di tecnologia mi circondo, parlo, vivo. È la mia passione, ne ho fatto un lavoro che mi dà grandi soddisfazioni nonostante i tanti alti e bassi comuni a chiunque debba affrontare le otto e più ore lavorative nel quotidiano.

Gioxx’s Wall si è rifatto il trucco (no, il template non c’entra nulla, a quello sono ancora fedele), e il nuovo logo a me piace tantissimo.

Un logo tutto mio

Il verde è da sempre il mio colore preferito, il font è minimale, pulito, elegante, riporta il titolo dato tanti anni fa al blog da un caro amico ormai scomparso, al quale ogni tanto il mio pensiero va sperando che lo raggiunga lassù tra le nuvole (ciao Giuliano), non serve altro. Cambia così l’identità, la favicon del sito, ma anche il suo richiamo sui Social Network e chissà su quanta altra roba ancora che andrà messa a posto nel tempo (e sicuramente dimenticherò qualche briciola per strada, mi sembra ovvio). Roberto ha saputo cogliere la sfida, vincendola e modellando qualcosa di personale e unico.

A lui va il mio più grande grazie per questo bellissimo regalo, a te va il suo sito web, al quale puoi certamente dare un’occhiata nel caso in cui servisse una spuntatina anche ai tuoi progetti ;-)

Buon inizio settimana a tutti!


P.S. Probabilmente oggi ti aspettavi il solito articolo dedicato al Banco Prova. Non temere, arriva alle 14:30 ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Era agosto quando ho cominciato a curiosare nel sito web di Fabio Disconzi, approdato lì grazie a un consiglio di lettura riguardo gli Open Data e la difficile adozione da parte di alcune mentalità “brillanti“, quelle che difficilmente comprendono che si tratta di dati ufficialmente accessibili in maniera pubblica, al massimo rimaneggiati da chi ne ha le giuste capacità e che, talvolta, li propone in maniera parecchio più “user-friendly“, come fa Fabio. L’articolo di cui parlo è questo (e ti consiglio a mia volta la lettura): fabiodisconzi.com/webzine/opendata/30/societa-opendata-trasparenza-problemi/index.html

Perché ne parlo oggi? Perché chiacchierando con un amico è saltato fuori l’eterno discorso del prezzo della benzina nella pompa italiana, e del suo costante modificarsi nel tempo a causa di accise e scelte del governo non troppo chiare al comune mortale come me. È per questo motivo che mi è tornato in mente il sito web di Fabio, ed è per questo che ho consigliato di farci un salto per rendersi conto della curva di crescita (e decrescita, in rari casi) che il litro ha subito.

L'Open Carburanti di Fabio Disconzi

Si chiama Open Carburanti ed è solo uno degli osservatori messi a disposizione, nati grazie alla disponibilità degli Open Data resi pubblici dal Governo Italiano (vedi qui: mise.gov.it/index.php/it/open-data), plasmati affinché l’utente finale potesse leggerli e ordinarli secondo le proprie esigenze. Il progetto –completamente libero e aperto a tutti– è accessibile all’indirizzo fabiodisconzi.com/open-carburanti.

Da qui potrai navigare nei prezzi medi storici del carburante (non solo gasolio o benzina verde, ma anche GPL e metano), cercare la pompa di benzina economica più vicina a te, ma anche capire quanto ti è costato un pieno di benzina (basato sulla media dei 40 litri, occhio) rispetto all’ultimo aggiornamento dei prezzi, confrontando il tutto tra le diverse bandiere presenti sul mercato. Questo particolare riguardo le accise ha risposto alla domanda principale della chiacchierata di cui ti parlavo all’inizio, ma c’è tanto che si può imparare semplicemente dando una forma ai dati grezzi.

Questo più che un articolo è uno di quei consigli e “Segnalibro” che puoi salvare anche tu nel tuo browser, perché sono certo che possa tornarti utile per rispondere a qualche tua domanda. Dal canto mio, ringrazio Fabio per il lavoro svolto e gli faccio un grande in bocca al lupo per un futuro meno denso di mentalità chiuse che pretendono solo di essere rimosse / oscurate da quanto da lui messo online. Tutti abbiamo il sacrosanto diritto della maggiore trasparenza di quanto è già nato pubblico.

Buon fine settimana!


Photo by Gab Pili on Unsplash
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Avete presente “quei momenti che” il blog deve tornare a fare il blog, anche se per poco? Il blog, quello vero, quello che è nato ormai tanti anni fa come mia valvola di sfogo e che oggi è il mio blocco appunti preferito, utilizzato per condividere con voi quello che è il mio lavoro e la mia passione. Sono sempre più rari i momenti in cui apro e chiudo parentesi che nulla c’entrano con l’informatica, il gaming o argomenti legati alla quotidianità. Questo è uno di quelli.

Tazza Avengers Iron Man

Ho conosciuto Massimo dal vivo a un evento in comune nel periodo natalizio passato. Lo seguivo già da tempo tramite canali social, è vero, ma nulla è come una stretta di mano e due chiacchiere dal vivo, è utile per capire meglio com’è fatta una persona, cosa pensa, come ragiona, su cosa ci si becca e cosa no. Massimo ha un blog, ma è rimasto fermo allo scorso anno. Massimo ha un utente Twitter, salta fuori qualche perla a metà tra serio e faceto di tanto in tanto, roba che riguarda poi una cultura musicale che mi ha fatto scoprire gruppi di cui ignoravo assolutamente l’esistenza. Massimo ha creato una newsletter settimanale che ha chiamato Dietnamite e che racconta tutto ciò che gli passa per la testa, qualsiasi cosa. Riporta episodi della sua quotidianità, gusti, consigli, cazzate.

Perché ne parlo? Perché leggo quella newsletter, mi piace, vorrei che la scopriste anche voi, a prescindere che conosciate o meno Massimo. Imparerete a conoscerlo leggendolo, rispondendo alla sua stessa newsletter, dandogli nuovi spunti o semplicemente dicendogli la vostra. State continuando a chiedervi perché dedicargli questo spazio? Perché lo invidio. Ha saputo ritagliarsi in una sola mail (seppur settimanale) quel piccolo spazio dove parlare di ogni cosa, senza la necessità di un filo logico, come se ci si trovasse al bar a bere una birra con rutto libero e risate per la minima cazzata. Perché mi piace, mi ricorda tempi passati che vorrei tanto far tornare a galla (seppur cambiati, a ragion veduta ed esperienza guadagnata). Vorrei ritagliare anche io quello spazio di tanto in tanto, basta volerlo, probabilmente.

Cosa c’entra la tazza nell’immagine inserita a inizio articolo? Assolutamente nulla, è l’ultimo acquisto che ho infilato nel carrello all’Esselunga di straforo, mentre Ilaria non mi teneva d’occhio. Sentirsi bambini a 30 anni, check. Ora possiamo tornare a quello che si fa di solito.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

The Godfather: la BlogosferaBlogosfera: è un argomento che ciclicamente –un po’ come la moda– torna in auge, viene discusso, viene criticato e continuamente preso come centro della polemica da chi i blog li vive, li porta avanti (con fatica, posso assicurarvelo) o li legge semplicemente, da quei giornalisti che sputano sentenze senza conoscere bene l’argomento o che pensano di avere in mano il pieno controllo della comunicazione su carta stampata (e qui hanno senza dubbio ragione) e sul web (ed è qui che casca l’asino, la presunzione non aiuta in questo campo).

Non è fortunatamente il caso di Valerio Visintin e del suo articolo-intervista che trovate all’indirizzo mangiare.milano.corriere.it/2013/06/18/foodblogger-opere-e-omissioni e che mi ha riportato alla mente le infinite discussioni con conoscenti e amici riguardo questo mondo, quello di chi possiede un blog, contatti e visibilità nel web, delle agenzie che ti cercano così come le aziende a patto (non scritto e spesso neanche detto, sottinteso, per l’appunto) che tu sia il loro volto, le parole, la credibilità nel quartiere della città, nella discussione al bar tra amici, quella tra colleghi, nella vita insomma.

L’articolo fa riferimento al mondo del foodblogging, ha preso molto piede negli ultimi tempi creando una sempre più grande macchia d’olio che probabilmente come tale verrà pulita tra qualche tempo, un po’ com’è successo con il blog tradizionale, quello dove sto scrivendo io, che di anni sulle spalle ne ha tanti e che è stato genericamente dichiarato morto molto spesso, e un po’ è vero, se penso a quanti “colleghi” avevo in passato e quanti ne ritrovo oggi, quelli che non demordono e decidono di investire il proprio tempo libero in scrittura e pensieri liberi che come tali vengono affidati al web, nella speranza di incontrare quelli dei propri lettori fedeli o occasionali che siano, così da instaurare un rapporto, lanciare una discussione.

Ciò che più mi lascia perplesso (e che ho poi ritrovato nei commenti dell’articolo originale, ndr) è lo stupirsi o lo “scoprire solo adesso” quanto le aziende e le grandi agenzie siano disponibili a mandare prodotti da testare con la speranza (spesso la quasi certezza) di ottenere tutto ciò che si lega al nuovo modo di fare informazione: tweet, stati di Facebook, fotografie su Instagram, articoli sui blog o su Tumblr o chissà cos’altro, in unico pacchetto facilmente “acquistabile“. Lo stesso dicasi per aperitivi, serate, viaggi fuori porta e chi più ne ha, più ne metta, cose che i giornalisti della carta stampata (o televisivi) conoscono bene già da molto tempo. Dato che come ho già detto l’argomento non è affatto nuovo seppur da poco (relativamente) applicato al foodblogging (inutile dire che la stessa cosa viene applicata ad ogni campo trattato dalle voci del web), la vera onestà sta tutta nelle mani (nelle dita, se penso alla tastiera ed al mouse) di chi quelle fotografie, quegli articoli e quegli stati li scatta o li scrive.

Da sempre ho voluto personalmente mettere in chiaro una costante valida con qualsiasi agenzia e qualunque azienda: parlerò di un prodotto solo ed esclusivamente se lo ritengo opportuno e in ogni caso il mio giudizio sarà imparziale ed in grado di mettere in evidenza pregi e difetti, mai e poi mai permetterò a nessuno di acquistare l’articolo su misura perché ho lettori che si fidano di me, del mio nome, della mia firma. Il blogger o “influencer“, come va molto di moda etichettarlo ultimamente, dovrebbe avere bene fisso in testa che per guadagnarsi una piccola o grande platea di lettori serve tanto sudore, tempo, costanza e qualità di ciò che viene prodotto, è un crescendo che non finisce mai (se vado a leggere i post del 2007 ho roba di cui vergognarmi, mi piace pensare che questo calderoni dimostri una maturità guadagnata proprio nel tempo) ma che a perdere quella platea bastano pochi minuti e un articolo falso, costruito, facilmente smentibile da qualcuno che ha la forza di commentare e dire la sua, e non è certo cancellando il commento o moderando quelli che vengono al seguito che si risolve il problema.

Non facciamo di tutta l’erba un fascio, cerchiamo di premiare le persone vere che qui sul web possono davvero generare un valore aggiunto per le aziende, le stesse che possono così porsi meglio e rendersi più raggiungibili, più a portata di cliente, è il cliente infatti che fa la loro vera forza.

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: