#LoveMi 2022

| |

#LoveMi 2022 1

Era il 1996 quando la zia più giovane che ho arrivò nel giorno del mio compleanno a consegnarmi questo album custodito nella carta regalo. Non era la prima volta che sentivo nominare gli Articolo 31 ma non avevo mai avuto modo di ascoltarli granché perché non passavano così spesso in radio. Non c’erano strumenti così avanzati come Spotify e non esistevano neanche gli Mp3, Napster sarebbe arrivato un pelo più tardi e con lui sarebbe poi cominciata l’ascesa del file musicale fruibile ovunque e con pressoché qualsiasi strumento (qualcuno ha detto iPod in fondo alla sala?).

Non ero abituato ad ascoltare quel tipo di musica, è stata una novità e lentamente è entrata nelle mie corde, mi ha iniziato a quella che è stata poi la scena rap italiana che i vecchi non più giovanissimi come me oggi conoscono e canticchiano ancora sporadicamente, permettendomi di allargare un po’ gli orizzonti rispetto a ciò che ero solito ascoltare in casa o in macchina tra musicassette, decisamente più comuni del Compact Disc, e stazioni radio. Quello dell’altra sera in Piazza Duomo a Milano è stato uno spettacolo organizzato per beneficenza, e già questo dovrebbe bastare a dire “Ehi, Ok, bello, è andato bene e dobbiamo essere tutti contenti nella speranza che tanti abbiano donato“.

Come al solito invece leggo grandi pareri negativi e lamentele tipiche da boomer allo stadio più avanzato. Io il mio parere non richiesto l’ho pubblicato la sera stessa al termine dell’evento, in tutta onestà – conduzione un po’ da migliorare a parte – non mi è dispiaciuto per buona parte delle 6 ore circa trasmesse (no, non le ho viste tutte):

Sono però onesto nel dirti che ho atteso con ansia la parte finale del concerto per poter ascoltare ancora una volta la coppia scoppiata e “riaccoppiata” composta da Fedez e J-AX. Il signor Alessandro Aleotti (Milano, 5 agosto 1972), dai più conosciuto appunto come J-Ax, è quello che – salito sul palco – ha certamente letto la maggior parte dei testi delle canzoni eseguite insieme a Federico e agli altri ospiti della parte conclusiva dello spettacolo, ma è anche vero che io sfido ad arrivarci così all’alba ormai dei 50 anni. Nel 2018 a quel concerto “finale” di San Siro c’ero (no dai, scherzi? Eri davvero lì? , e mi sono anche divertito un mucchio) e posso solo dirti che poter cantare ancora una volta la Spirale Ovale e gli altri pezzi “cult” dei bei tempi mi ha strappato un gran bel sorriso con spensieratezza annessa.

Quindi grazie ragazzi, è stato davvero bello, vedete di non scoppiare ancora una volta, please! ❤

#StaySafe

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Milano Real Life (MRL)

MRL: Milano Real Life

È il nome di una raccolta di articoli pubblicati sul mio blog, raccontano la vita di un "perfetto nessuno" che ha deciso di spostare abitudini e quotidianità in una differente città rispetto a quella di origine.
Alla scoperta della caotica capitale lombarda mai tanto amata e odiata allo stesso tempo, per chi è nato qui e ancora oggi continua a viverci per volere o necessità, per le centinaia di persone che invece vengono da fuori e vedono Milano come una piacevole alternativa o una costrizione imposta dalla propria vita lavorativa.
La rubrica "leggera" di approfondimento alla quale però non fare l'abitudine, non siamo mica così affidabili da queste parti!
Se vuoi leggere gli altri articoli dedicati alla "vita milanese" fai clic qui.

#LoveMi 2022 1 GWall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Puoi usare Satispay, PayPal, Buy Me A Coffee o Patreon :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Subscribe
Notify of
guest

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments