Un anno insieme a MClips

| |

Questo mio vuole essere un post estremamente leggero, giusto per buttare giù un paio di riflessioni e magari strappare un sorriso, per trarre le somme di un anno passato a leggere il blog collaborativo di Microsoft. 68 professionisti raccolti sotto lo stesso tetto, ciascuno di loro con la sua storia, con il suo sapere, con la voglia di raccontare al vasto pubblico della rete quello che accade quotidianamente negli uffici della nota azienda informatica. Nessuna cadenza regolare, nessun argomento trattato in particolare. Generalista, con un linguaggio comprensibile, in grado quindi di essere percepito da chiunque.

MClips è bello, è vivace, raggiunge però in parte lo scopo che si è prefissato circa 365 giorni fa:

Da oggi prende vita MClips,  la nuova piattaforma di blogging per i colleghi di Microsoft Italia  che hanno mostrato e mostreranno interesse per il dialogo con la blogosfera. E’ un po’ come aprire le porte (anche se nel nostro caso sarebbe più opportuno dire le finestre) di casa Microsoft, per consentire a chiunque abbia piacere di commentare, discutere, dare feedback positivi o negativi su quanto le persone di Microsoft proporranno nei loro post in queste pagine. Io sono tra questi, e lo dico un po’ sentendomi un  “Ivo il tardivo”, un po’ con l’entusiasmo di chi parte per un viaggio.

Vedete? Si parla di un interesse per l’avvicinamento alla blogosfera italiana, cosa per la quale il team ha lavorato molto bene ed è riuscito come da previsione. Microsoft Italia, in più occasioni, ha incontrato i componenti della “sfera” approfondendo argomentazioni valide, parlando anche del più e del meno, sempre e comunque in perfetto stile collaborativo, documentato, aperto a tutti, come “buona tradizione vuole“.

Si parla inoltre di un’apertura completa alla discussione ed al confronto diretto con gli utenti, ed è proprio qui che ha parzialmente fallito il progetto. Vi chiedete perché? Semplice. Ciò che si diceva un anno fa è tranquillamente “copiancollabile” qui di seguito:

I commenti sono aperti, ma possono postare solo gli utenti registrati (serve lasciare nome e e-mail). Personalmente ritengo più pratico moderare i commenti (bloccando quelli offensivi, volgari o semplicemente off topic), piuttosto che imporre all’utente una registrazione peraltro facilmente aggirabile.

Ecco questo per me è un difetto, un non volersi confrontare realmente con una rete libera e nata anonima, fatta anche –appunto– di individui anonimi. E’ ciò che fino ad ora mi ha bloccato, il motivo per il quale non ho mai lasciato una traccia nonostante ci fosse tutta la voglia di farlo. Ciò non toglie che si tratta di un progetto davvero valido, un prodotto di qualità, un blog da seguire nei prossimi mesi e (speriamo) nei prossimi anni.

Certo è che se di tanto in tanto continuano a spuntare fuori post che raccontano la giornata tipo del dipendente Microsoft fatta solo ed esclusivamente di prodotti “della casa, l’utente potrebbe sbuffare e iniziare a pensare che da quelle parti li si tiri fuori (o li si faccia diventare in seguito) tutti cloni. Qualche pratico esempio?

  • Una mia giornata tipo
  • Un giorno da TSP

Dite la verità, quanto sconto vi fanno se decidete di comprate la console di casa MS al Duty-free shop che avete in sala relax anziché passare alla concorrenza? :mrgreen: ;)

Scherzi a parte, nonostante il ritardo di questo mio post, tanti auguri a voi di MClips ed in bocca al lupo per il futuro, con la speranza che possiate migliorare sempre più!

×

Attenzione

Un anno insieme a MClips 1Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: