Cellulare, ADSL & Soldi che vanno via…

| |

Stavo leggendo una news su TGFin e mi è venuto dapprima da ridere, poi da pensare… cerchiamo di capire bene quello che accadrà secondo la notizia linkata:

Dal primo settembre 2005 al primo luglio 2008, Tim e Vodafone ridurranno le tariffe del 13% annuo, Wind del 16%. Tagli che permetteranno ai consumatori di risparmiare circa 2 miliardi di euro nel prossimo triennio.

Partendo dal presupposto che TGFin abbia sbagliato a scrivere l’anno di “avvio lavori” (penso volessero dire 2006), che cosa vorrebbero tagliare? Il 13% su una popolazione estesa come quella italiana, dove i lavoratori girano con 2 o più cellulari (nel mio caso 2) provvisti di sim dedicata (molte volte di gestori diversi)… il 13% rappresentano bruscolini insignificanti che permetteranno di risparmiare poco e nulla a fine anno (per come la vedo io), loro continuano ovviamente a guadagnarci ampiamente.

Passiamo ora alla connettività ADSL:

Lo prevede … [cut] … aggiungendo che anche i prezzi di accesso Adsl sono scesi mediamente in 6 mesi del 50%, e “possono diminuire ancora“.

N.d.r. Confrontate i prezzi tra:

Non credo di dover aggiungere altro no? Ed infine, la chicca riguardante i costi delle attuali ricariche telefoniche per cellulari:

Sui costi di ricarica dei cellulari è stata avviata un’analisi.

Avviata un’analisi? Cosa c’è da analizzare in un semi-furto autorizzato ogni volta che entri in tabaccheria/ricevitoria/ecc per ricaricare il tuo cellulare? Signora TIM e signora OMNITEL si prendono la bellezza di 5 euro (quasi 10.000 vecchie lire) solo ed esclusivamente per fare una banale operazione di accredito sul numero di cellulare desiderato. In parole povere … 5 euro per muovere il mouse, selezionare un taglio di ricarica, inserire il numero desiderato e cliccare su “Conferma… porca miseria che fatica!

Questo dei costi di ricarica e dell’abbonamento ADSL, è un argomento che non va giù da troppo tempo, ma nessuno ha mai avuto il coraggio di tirarlo fuori in modo consono, discuterne seriamente e fare in modo che cadano determinate barriere che abbiamo solo in Italia … siamo antichi… paesi meno sviluppati di noi la pensano in modo migliore e hanno già adottato tecniche e metodi migliori dei nostri … a quando il nostro turno?

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:
Subscribe
Notify of
guest

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments