MySQL di grandi dimensioni: importazione ed esportazione

| |

MySQL di grandi dimensioni: importazione ed esportazione 1

Avere a che fare con grandi dump MySQL può costituire un problema soprattutto quando si ha a che fare con hosting condiviso, nessun accesso terminale e phpMyAdmin limitato da tempi o numero di istruzioni da eseguire.

Avete mai avuto la necessità di ovviare al problema? Io ho provato qualche tool trovato in rete e alla fine ho fatto la mia scelta: Sypex Dumper, il giusto compromesso tra qualità e velocità di installazione, configurazione ed utilizzo.

Cos’è e come configurarlo

Un semplice pacchetto di file PHP da caricare sullo spazio web di destinazione, quello del provider sul quale dovrete importare il DB MySQL di grandi dimensioni.

Sypex Dumper (SXD per comodità) è disponibile gratuitamente sul sito web ufficiale: sypex.net/en/. Ne esiste anche una versione PRO a pagamento, ma non è ciò che serve allo scopo basilare dell’importare un database grande senza andare contro il timeout di phpMyAdmin. Il collegamento diretto alla versione gratuita più aggiornata è sypex.net/files/SypexDumper_2010.zip.

Scompattate e caricate la cartella “sxd” sul vostro spazio web, quindi modificate i permessi della cartella “backup” portandoli a 777 (lettura, scrittura ed esecuzione completa per tutti) e dei file cfg.php e ses.php a 666 (lettura e scrittura per tutti). Prima di concludere entrate nella cartella backup e caricate il file SQL che dovete andare a ripristinare. Ho avuto qualche problema con il file compattato in ZIP, ho notato invece che non ci sono anomalie dandogli in pasto direttamente il .sql.

Siete ora pronti ad accedere al software ed effettuare le operazioni desiderate!

Accesso e utilizzo

Da qualsiasi browser puntate all’URL del vostro spazio web, quindi alla cartella dove avete caricato SXD. Nel mio caso si tratta di un semplice dominio.tld/sxd. Comparirà così la finestra di login del software:

MySQL di grandi dimensioni: importazione ed esportazione 2

Ho volutamente evidenziato la voce “Details” che vi permetterà di accedere alle opzioni di collegamento host e porta, altrimenti non disponibili (verrebbe preso “localhost” di default). Compilando tutti i campi richiesti e facendo clic su Enter, Sypex vi permetterà di gestire il database e di operare una serie di modifiche direttamente dalla sua interfaccia.

Quella che a noi interessa in questo caso è proprio l’importazione di un backup all’interno di un diverso database, anche se già utilizzato e popolato da altre tabelle. Per fare questo basterà andare nella schermata “Import“, dove dovrebbe già essere visibile il database di produzione e il backup pronto nella colonna di sinistra:

MySQL di grandi dimensioni: importazione ed esportazione 3

Inutile dire che nel caso in cui ci siano più backup disponibili nella cartella “/backup” dello spazio FTP vi basterà selezionare il menu a tendina sotto “File” per scegliere quello adatto al restore.

Per lanciare l’operazione sarà quindi sufficiente fare clic sul pulsante “Execute” in basso a destra:

MySQL di grandi dimensioni: importazione ed esportazione 4

e attendere che il software faccia il resto :-)

Avrete così aggirato i limiti di phpMyAdmin e dell’esecuzione degli script più in generale, dovrete solo avere pazienza affinché tutto termini. Potete seguire costantemente l’avanzamento tra percentuale e MB macinati tenendo d’occhio il Total status della finestra.

Lascio a voi l’esplorazione delle (neanche tanto) poche altre opzioni messe a disposizione dalla versione gratuita di Sypex, tutte a portata di clic :-)

Buon lavoro!

×

Attenzione

MySQL di grandi dimensioni: importazione ed esportazione 5Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: