Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi

Gioxx  —  08/10/2018 — Leave a comment

Estasiato credo possa essere il termine più adatto da cucire al petto di quella che è la serie automobilistica che regna sovrana nella mia personale classifica di gradimento, da anni ormai, in maniera grosso modo incontrastata. Playground Games e Microsoft tornano a far parlare di sé grazie all’arrivo di Forza Horizon 4, l’ultimo nato dalle sapienti mani dello studio di sviluppo britannico che dopo così tanti anni decide finalmente di farci approdare nella propria terra natia. Horizon 4 ci lascia sfrecciare sulle strade inglesi, attraversando sterrato, asfalto, laghi ghiacciati e chi più ne ha più ne metta, lasciandoci alle spalle il correre del tempo e il susseguirsi delle 4 stagioni che compongono il periodo freddo e caldo, con in mezzo le burrascose situazioni impreviste e la caduta delle foglie con quei colori spettacolari e accattivanti.

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi

Forza Horizon 4

Benvenuto in Gran Bretagna

Tutto comincia dalla novità principale del gioco: le Stagioni. Potrai (in realtà dovrai) metterti immediatamente alla guida di alcuni modelli di quattro ruote che incontrerai nel corso del festival, iniziando a prenderci la mano, cercando di capire e carpire tecniche di guida che cambiano in base alle condizioni climatiche e il tipo di strada. Sarai protagonista di cambi repentini tra primavera, estate, autunno e inverno, assaggerai il sapore della strada libera e dritta in grado di farti scaricare a terra tutti i cavalli che hai sotto quel cofano motore, ti ritroverai a derapare nel momento in cui la pioggia decide di rendersi inopportunamente ospite della prossima curva, darai tutto te stesso quando la neve cadrà e metterà a dura prova la tua capacità di controllo del mezzo, cercando di non colpire nulla di ciò che ti circonda, tutto ti può rallentare e tu non vuoi certo farlo, ma tranquillo, è solo una dimostrazione di cosa è capace di trasmettere Forza Horizon 4, il festival non è ancora cominciato e tu non hai certo scelto la tua prossima compagna di viaggio, lo farai tra un po’.

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 2

Metti a posto il tuo look, scegli il tuo avatar, personalizzalo per renderlo quanto più somigliante al tuo vero io, o per lo meno a colui che vestirà i panni di pilota durante l’intero arco del festival, in ogni tappa, gara regolare o non (si fa riferimento alle corse clandestine che scoprirai quasi subito), sfida di mezzi di trasporto che difficilmente potrebbero essere realmente comparati all’automobile (anche se Top Gear prima, e Grand Tour dopo, ha insegnato per anni che questa cosa è possibile). Parti dal basso, profilo entry-level, dovrai farti notare, mettere in mostra le tue capacità e dimostrare che meriti un posto alla festa, guadagna notorietà e influenza, un concetto ormai adottato da molti giochi (vedi la stessa serie Forza o The Crew 2, anche se quest’ultimo calca un pelo troppo la mano), solo così potrai sbloccare nuove gare e round, ma soprattutto nuove sfide esibizione che ti permetteranno di mettere la parola fine a una stagione, per poterti mettere alla prova con quella successiva.

Insieme è più bello (?)

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 1

Che non è né una domanda, né una affermazione. Forza Horizon 4 porta all’interno della serie Horizon quello che viene definito Mondo Condiviso, una simbiosi tra esperienza di gioco single-mode e multiplayer, andando a inserire all’interno di uno stesso mondo giocatori collegati nel tuo stesso momento al Live di Xbox, che stanno anch’essi giocando a Forza Horizon 4, esplorando magari le tu stesse strade, intraprendendo sfide o carovane che possono essere sfruttate per affrontare insieme il gioco. Nulla di tutto questo è però obbligatorio, una notizia che può rassicurare quelli che -come me- preferiscono guidare da soli, alla ricerca della prossima sfida senza una precisa meta, vagando anche un po’ per la sconfinata mappa messa a disposizione dagli sviluppatori che -aggiungo- hanno realizzato un fantastico lavoro riguardante l’interazione con gli oggetti all’interno della stessa. Potrai abbattere muretti e tronchi di piccolo taglio (quelli più grandi ti metteranno ancora una volta alle strette portando da 100 a 0 la tua velocità, in un solo bruttissimo colpo che però non danneggerà la vettura più dell’estetica esteriore).

Ogni giocatore collegato alla nostra sessione non interagisce direttamente con noi a meno che non lo vogliamo, accentando per esempio di partecipare a una gara organizzata sul momento (tutti con lo stesso mezzo, per non creare disparità), o lanciandogli un guanto di sfida da consumare su una parte di mappa decisa nello specifico momento dalla IA; sì insomma, meno Drivatar (che hanno sempre e comunque caratterizzato in maniera molto positiva il gioco) e più umani a giocare sul medesimo server, il tutto senza notare rallentamento alcuno, anche durante le gare lanciate sul momento, cosa che costituisce chiaramente punto a favore del team di sviluppo e di Microsoft che mantiene la struttura tecnologica su cui appoggia Forza Horizon 4.

Anche le gare comprese nella storia della mappa (quindi le tappe del Festival) possono essere giocate contro altri utenti reali, o magari in collaborazione con loro. La scelta ti viene proposta ogni volta che ne avvii una, puoi quindi combinare più modi di vivere Forza Horizon 4 secondo il tuo umore del momento.

Un’occhiata agli eventi Live

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 4

Live che tornano a essere protagonisti della tua storia solo nel momento in cui, dopo qualche ora di gioco, andrai a chiudere il primo ciclo stagionale. Questo ti permetterà di far prendere vita al tuo mondo Horizon, un susseguirsi rinnovato delle stagioni, che ora saranno sincronizzate con gli altri giocatori della tua sessione, permettendoti di partecipare ai nuovi Forzathon e guadagnare crediti che potranno essere spesi in uno shop di nuova concezione, presso il quale potrai sbloccare nuove auto, accessori, potenziamenti. Ti accorgerai di tutto questo grazie al comparire di alcuni messaggi sul tuo schermo, potrai accettare di entrare a far parte di un evento e raggiungere il luogo stabilito entro un tempo limite, accodandoti poi a una serie di altri giocatori (fino a un massimo di 11) con i quali dovrai collaborare per ottenere il risultato sperato.

Ogni evento live è suddiviso in tre stage uno in fila all’altro, con una durata massima di 15 minuti in totale, le regole verranno dettate dal gioco e tu dovrai solo cercare di rispettarle e portare a termine il compito richiesto. Preparati a sfrecciare davanti a un autovelox o concatenare una serie di spettacolari derapate (senza perdere il controllo dell’auto o distruggere i punteggi sbattendo dove non devi), ma non solo.

Tutti i tuoi risultati andranno a comporre uno schema “Vita Horizon” che riepilogherà i risultati raggiunti nelle varie categorie, costruendo così una tua personalità all’interno del gioco (tutto concorre al miglioramento del tuo Drivatar, che continuerà comunque a esistere e farsi vedere all’interno delle sessioni di gioco dei tuoi amici di Live). Più punti guadagni in ogni categoria, più potrai ambire a diventarne il re, portando progressivamente a casa crediti, ruote della fortuna (in questo capitolo del gioco anche in versione “Super” con 3 premi per ciascun giro) e novità da dedicare alle tue vetture o al tuo personaggio.

Casa è dove puoi avere il tuo garage a portata di mano

Forza Horizon 4 ti catapulta nelle 4 stagioni inglesi 3

Altra novità del gioco, in Forza Horizon 4 potrai “mettere radici” in svariati punti della mappa, grazie all’acquisto di case (dalla più modesta a quella più assurda e costosa) che ti permetteranno così di accedere al tuo garage e mettere a punto facilmente le vetture, ma anche di avanzare nelle stagioni (inizialmente) a sfide esibizione concluse, come se ci si spostasse in auto verso il Festival Horizon che però spesso si troverà più lontano rispetto a queste abitazioni.

Ogni casa porta con sé un bonus, il quale potrà essere sbloccato portando lì la propria residenza (c’è infatti la possibilità di scegliere dove trasferirsi in pianta più stabile, condizione che sfrutta il bonus e non cambia null’altro ai fini della propria storia e dell’avanzare del Festival). La casa, così come l’epicentro del Festival Horizon, costituisce un punto di spostamento rapido, che però andrà sbloccato in ogni caso con qualche credito (in media i soliti 8000 se ben ricordo, non lo uso praticamente mai). Sia la propria casa che il Festival Horizon permettono l’accesso, oltre che al proprio garage, al salone d’auto (per comprarne di nuove) e alla casa d’asta, per provare ad aggiudicarci qualche pezzo raro (ammesso che i crediti offerti bastino) oppure vendere i propri gioielli inutilizzati, metodo certamente utile per fare una robusta base crediti da utilizzare per migliorare ciò che si è soliti guidare di più.

C’è altro?

C’è tanto, tantissimo, come sempre. Ci sono i gioielli dimenticati che potrai scoprire e recuperare in posti della mappa generalmente ben nascosti, c’è la modalità Drone che può aiutarti a scoprirne di nuovi e che permette ancora una volta di scattare splendide fotografie da salvare e condividere nella galleria personale, c’è la possibilità di personalizzare ogni vettura del proprio garage grazie all’utilizzo di design splendidi già realizzati e messi a disposizione dalla community o di partire da zero creandone uno proprio, c’è la messa a punto delle vetture che ti consentirà di migliorarne le prestazioni (o anche solo l’estetica esteriore fatta di paraurti, spoiler, cerchi e molto altro ancora). C’è un mondo intero racchiuso in circa 60 GB di gioco (non considerando i pacchetti auto extra, i nuovi contenuti che arriveranno, le espansioni, ecc.) che ho potuto cominciare ad apprezzare un pelo prima del dovuto grazie all’edizione Ultimate che ho comprato (con un buono sconto, che non si scherza mica considerando il prezzo di listino!).

Ho catturato circa tre di ore di gioco (le prime), senza tagli, con una marea di errori e con alcune perdite di tempo dovute alla scoperta dei menu e delle funzionalità. Le ho mandate in streaming come sempre sul mio account Mixer e caricate successivamente sul mio canale YouTube, il risultato è questo:

In conclusione

Forza Horizon 4 è un capolavoro della tecnica e del divertimento, è un risultato sotto al quale Playground Games non è ormai capace di abbassarsi, e il giocatore finale solo sa quanto questa sia cosa buona e giusta. La contemporaneità dei giocatori connessi e degli elementi caricati, le sfide, le mille sfaccettature dovute al cambio stagionale e ai panorami che questo porta con sé, i paesaggi sempre in movimento e “distruttibili” con i quali interagire, gli animali (ai quali non potrai fare del male, fortunatamente), le vetture dell’intelligenza artificiale che aggiungo quel tocco di piccantezza alla guida spericolata con la quale vuoi portare a casa alti punteggi.

Tutto di Forza Horizon 4 racconta una storia, si vive ciascuna rotonda o taglio netto come fosse l’ultimo, freno a mano tirato e giù con una derapata quanto più spettacolare possibile (ma la figura becera con incidente annesso è sempre dietro l’angolo, ne so qualcosa), poi giù tutto il piede a chiedere gas, fino alla prossima sfida. Questo gioco rappresenta il meglio che l’azienda videoludica ha offrire, non me ne vogliano i puristi di GT e simili, per me il racing game per eccellenza è Forza, Horizon è l’espressione più scanzonata e libertina, ma è probabilmente questo (in concomitanza con la mancanza di errori tecnici) a renderla assolutamente perfetta, con quel 99,9% di risultato raggiunto, perché lo 0,01% voglio tenermelo (e ci tengo particolarmente) da parte, per quando decideranno -se mai lo faranno- di reintegrare la lingua italiana nei dialoghi, dato che tutto il resto del gioco è perfettamente localizzato.

Dal canto mio non posso quindi fare altro che consigliarti l’acquisto del titolo, a prescindere dalla versione che sceglierai ti divertirai comunque come un pazzo.

Novità, proprio a partire da questa recensione, è il nuovo sistema di Rating interno, che darà finalmente un voto (da 1 a 5) ai prodotti provati :-)

Valutazione finale: 5

× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: comprato di tasca mia, non potevo non averlo, possiedo tutti i capitoli di Forza nonostante Microsoft abbia deciso di interrompere la collaborazione con il sottoscritto.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: