Pompe bianche: benzina al risparmio

| |

Pompe bianche: benzina al risparmio 1Problema sempre più attuale: la benzina costa tanto nonostante l’euro sia particolarmente forte sul dollaro. La principale motivazione fornita per giustificare il problema si basa sul fatto che i barili di greggio vengono ormai acquistati in Euro che, mantenendo la propria superiorità sulla moneta americana, faccia schizzare i prezzi del prodotto finito nelle pompe cittadine e autostradali (ed in tantissimi altri settori). Solo negli ultimi giorni si è notato un lieve ribasso dei prezzi che però non accennano a tornare alla situazione di qualche mese fa.

Per venire incontro alla clientela che di soldi ne ha pochi e tutti da organizzare al meglio sono nate delle pompe di benzina dette “bianche“, gestite da società sicuramente poco conosciute (piccole “formiche” in mezzo a marchi come Eni, Esso e simili) ma comunque valide nella produzione e distribuzione del prodotto nell’area cittadina.

Ne esistono in tutta Italia, propongono prezzi nettamenti inferiori alla media consentendo un risparmio di circa 20 / 30 centesimi a litro (nei casi più fortunati). Solo in Emilia Romagna ne esistono 22, in Lombardia 34 (le due regione nelle quali mi sposto più frequentemente con il mezzo a due e quattro ruote).

Emilia Romagna

Lombardia

La Federconsumatori pubblica sul proprio sito web una lista ufficiale delle Pompe Bianche costantemente aggiornata, in PDF, liberamente scaricabile da chiunque, ne consiglio caldamente il download “a cadenza sporadica“, l’ultimo update risale allo scorso 4 agosto!

Buon pieno! :)

L'articolo potrebbe non essere aggiornato

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall

Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: