Thunderbird 3 e l’anomalo consumo di CPU e RAM

Gioxx  —  19/04/2010 — 2 Comments

Casistica che non avevo mai visto prima, capitata sul netbook di Ilaria durante il fine settimana. Mozilla Thunderbird 3.0.4 aggiornato giusto una manciata di tempo fa, forti rallentamenti causati da CPU costantemente fissata al 50% di utilizzo per il processo thunderbird.exe e RAM in costante aumento con picchi di quasi 700 MB!

Una veloce ricerca su Google mi ha permesso di arrivare a diversi post che descrivono lo stesso identico problema su GetSatisfaction.com. Il sunto? La funzione di indicizzazione dei messaggi di posta elettronica è sicuramente comoda (soprattutto quando si va a cercare una particolare mail in un mare di posta), un mezzo disastro invece per coloro che hanno decine di migliaia di mail da scaricare dai server di Google (in IMAP) dopo la prima configurazione del programma. Non è proprio il caso di Ilaria ma l’operazione (valida per alcune centinaia di messaggi) metteva comunque in difficoltà CPU e RAM della macchina.

A questo punto, se non si ha necessità di impiegare pochissimi secondi durante la ricerca di una particolare mail, si potrà tranquillamente disabilitare l’indicizzazione preventiva dei messaggi, facendo rientrare completamente lo spreco di memoria e di potenza di calcolo della macchina. Per poterlo fare basterà andare in Strumenti / Opzioni / Avanzate / Generale e togliere il segno di spunta dalla voce:

Attiva la ricerca globale e l’indicizzazione

Per poter completare l’operazione si potrà anche cancellare il DB con l’indicizzazione eseguita fino a quel punto. Chiudere Thunderbird e –nella cartella del proprio profilo– andare a rimuovere il file:

global-messages-db.sqlite

Ora sarà possibile riaprire Mozilla Thunderbird  e godersi quei pochi MB di RAM consumata, CPU al 2% massimo (e non sempre) ;-)

Buon lavoro.

×

Attenzione

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: