L’Open Carburanti di Fabio Disconzi

Gioxx  —  30/12/2017 — Leave a comment

Era agosto quando ho cominciato a curiosare nel sito web di Fabio Disconzi, approdato lì grazie a un consiglio di lettura riguardo gli Open Data e la difficile adozione da parte di alcune mentalità “brillanti“, quelle che difficilmente comprendono che si tratta di dati ufficialmente accessibili in maniera pubblica, al massimo rimaneggiati da chi ne ha le giuste capacità e che, talvolta, li propone in maniera parecchio più “user-friendly“, come fa Fabio. L’articolo di cui parlo è questo (e ti consiglio a mia volta la lettura): fabiodisconzi.com/webzine/opendata/30/societa-opendata-trasparenza-problemi/index.html

Perché ne parlo oggi? Perché chiacchierando con un amico è saltato fuori l’eterno discorso del prezzo della benzina nella pompa italiana, e del suo costante modificarsi nel tempo a causa di accise e scelte del governo non troppo chiare al comune mortale come me. È per questo motivo che mi è tornato in mente il sito web di Fabio, ed è per questo che ho consigliato di farci un salto per rendersi conto della curva di crescita (e decrescita, in rari casi) che il litro ha subito.

L'Open Carburanti di Fabio Disconzi

Si chiama Open Carburanti ed è solo uno degli osservatori messi a disposizione, nati grazie alla disponibilità degli Open Data resi pubblici dal Governo Italiano (vedi qui: mise.gov.it/index.php/it/open-data), plasmati affinché l’utente finale potesse leggerli e ordinarli secondo le proprie esigenze. Il progetto –completamente libero e aperto a tutti– è accessibile all’indirizzo fabiodisconzi.com/open-carburanti.

Da qui potrai navigare nei prezzi medi storici del carburante (non solo gasolio o benzina verde, ma anche GPL e metano), cercare la pompa di benzina economica più vicina a te, ma anche capire quanto ti è costato un pieno di benzina (basato sulla media dei 40 litri, occhio) rispetto all’ultimo aggiornamento dei prezzi, confrontando il tutto tra le diverse bandiere presenti sul mercato. Questo particolare riguardo le accise ha risposto alla domanda principale della chiacchierata di cui ti parlavo all’inizio, ma c’è tanto che si può imparare semplicemente dando una forma ai dati grezzi.

Questo più che un articolo è uno di quei consigli e “Segnalibro” che puoi salvare anche tu nel tuo browser, perché sono certo che possa tornarti utile per rispondere a qualche tua domanda. Dal canto mio, ringrazio Fabio per il lavoro svolto e gli faccio un grande in bocca al lupo per un futuro meno denso di mentalità chiuse che pretendono solo di essere rimosse / oscurate da quanto da lui messo online. Tutti abbiamo il sacrosanto diritto della maggiore trasparenza di quanto è già nato pubblico.

Buon fine settimana!


Photo by Gab Pili on Unsplash
×

Attenzione

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: