Provare le nuove versioni di iOS (e non solo) con un clic

Gioxx  —  27/07/2018 — Leave a comment

L’apertura mentale e pratica di Apple da qualche tempo a questa parte, prevede che ci possa iscrivere a programmi di beta testing pubblici relativi ai nuovi firmware realizzati per i vari dispositivi della mela.

Questi, contrariamente a quelli riservati agli sviluppatori, seguono un filone ovviamente più lento e sicuro, per evitare di incorrere in brutti scherzi generalmente addossati agli “early-adopters“, persone disposte a sopportare il disservizio pur di mettere mano immediatamente alle novità che il marchio di Cupertino ci riserva per il futuro (con -generalmente- segnalazione e log dell’anomalia riscontrata così da permetterne la correzione). Essere sviluppatori ha però un costo annuale e non tutti sono disposti a coprire quelle spese. Per questo esistono alternative come thuthuatios.com e il suo portale dedicato all’installazione delle beta non pubbliche.

Provare le nuove versioni di iOS (e non solo) con un clic

È tutto molto semplice: tramite l’installazione di un certificato generalmente riservato agli sviluppatori, Apple permette al dispositivo che stai usando (iPhone, Mac, AppleTV, ecc.) di accorgersi della presenza di un nuovo firmware (quello beta, non pubblico), lasciandoti così procedere con l’installazione. Il sito web è di origine vietnamita, ed è l’equivalente nostrano delle community più conosciute che parlano del mondo Apple (tipo melamorsicata.it, tanto per citarne una); lo stesso ha messo online la pagina protagonista del mio screenshot pubblicato poco sopra, raggiungibile all’indirizzo beta.thuthuatios.com/en (o, più semplicemente, go.gioxx.org/ios-beta).

Visita il collegamento con Safari installato sul dispositivo interessato, così da poter immediatamente scaricare e installare il profilo che desideri, ti verrà richiesto un riavvio non appena portata a termine questa operazione (che non funziona con altri browser, giusto per completezza).

La pagina è in continua evoluzione (puoi vederlo tu stesso dando un’occhiata al changelog), seguendo l’onda dei rilasci Apple per i suoi dispositivi. Il metodo è testato e funzionante al 100%, ma come al solito il mio consiglio è quello di evitare di abusarne se non hai la benché minima idea di cosa tu stia facendo, peggio ancora se credi di poter ottenere subito le nuove caratteristiche di sistemi non ancora ufficialmente rilasciati, quindi potenzialmente instabili.

Giusto giocare e dare in pasto quanta più esperienza possibile alla propria curiosità, ma sempre con l’ancora di salvataggio e l’esser pronti a tornare sui propri passi ;-)

Condividi l'articolo con i tuoi contatti: