GBridge: VPN / Share / Assistenza Remota

Gioxx  —  09/12/2008 — Leave a comment

L’idea è buona e mette insieme più servizi sotto lo stesso tetto. Si tratta di GBridge, progetto che pretende di fare da ponte tra prodotti tutti ottimi, gratuiti e ben rodati. Sto parlando di un’unica piccola applicazione che mette insieme UltraVNC, RDC (Remote Desktop Connection) e OpenVPN, il tutto modificato a regola d’arte per poter funzionare tramite account Google (GMail a voler essere precisi) ed un server di appoggio fornito dallo stesso produttore dell’applicativo.

Ho voluto fare un test tra il portatile dell’ufficio ed il PC fisso a casa (Uranus & Saturn, bella coppia eh? :P). Ricordo a chi volesse fare test dal proprio ufficio un piccolo dettaglio non trascurabile: GBridge non supporta ancora la connessione  tramite Proxy. Si parla di sviluppo e rilascio entro un paio di mesi, giusto in tempo per la release successiva dell’applicativo. Il mio test è stato effettuato solo dopo aver nattato fuori Uranus (in pratica dandogli un IP pubblico anziché quello dei firewall perimetrali aziendali).

#1 Installazione & OpenVPN

Funzionante su Windows XP e Windows Vista, GBridge si scarica gratuitamente dalla home page ufficiale:

gbridge.com (che rimanda poi a Download.com: download.com/Gbridge/3000-7240_4-10877073.html)

GBridge crea una nuova connessione VPNutilizzando OpenVPN– all’interno delle Connessioni di rete. Questo gli permetterà di stabilire una comunicazione protetta tra la macchina interessata ed il server dell’azienda produttrice. Così come per LogMeIn (alcuni miei lettori sicuramente lo conoscono) viene quindi dato un nome tipo “nomemacchina.nomeaccountGoogle.gbridge.net” (mentre in LogMeIn viene generato randomicamente).

ATTENZIONE: Gli utilizzatori di Windows XP possono tenere il flag sull’opzione che permette di nascondere gli avvisi di sicurezza del sistema operativo. I driver VPN, non essendo firmati, verranno intercettati dal sistema e segnalati come potenzialmente pericolosi, nulla di preoccupante, potete tranquillamente procedere con l’installazione.

Al primo avvio GBridge chiederà nome utente e password dell’account Google ed il nome della macchina locale da collegare al loro network. Si collegherà dopo qualche secondo al server GBridge e si metterà in condizione di Standby fino a  quando un’altra macchina non si collegherà nella nostra VPN. Ecco perché, per effettuare un test, occorrerà utilizzare una seconda macchina (nel mio caso Saturn, Vista SP1).

#2 Stessa VPN, condivione di risorse

Installando e avviando GBridge su Saturn ho potuto effettivamente constatare la bontà del prodotto.Una volta effettuate le configurazioni del VNC built-in (un UltraVNC personalizzato). Grazie all’applicativo si potrà:

  • condividere il proprio Desktop e ottenere / fornire assistenza remota
  • condividere una cartella (con al suo interno tutto ciò che si desidera) in modo sicuro
  • sincronizzare una o più cartelle mantenendo entrambe costantemente aggiornate
  • effettuare il backup di ciò che si desidera conservando il tutto su una delle macchine facenti parte della VPN
  • chattare con tutti i contatti che hanno GBridge e che si trovano nella lista contatti del proprio GTalk
  • condividere foto e immagini attraverso la galleria già disponibile nel programma (che crea immediatamente delle miniature per un più veloce caricamento)

clicca sull’immagine per ingrandire

Si potrebbe quasi parlare di un LogMeIn PRO completamente gratuito e trasformato in client da installare sui propri PC senza la necessità di creare ulteriori account (al 90% avrete già a disposizione una casella di posta GMail, altrimenti è sempre possibile crearne una gratuitamente). La bellezza è infatti il poter superare anche la NAT imposta da Fastweb, molte volte cruccio dei clienti.

#3 In conclusione

Un test molto veloce che però mi ha soddisfatto abbastanza. La velocità di connessione iniziale non è certo delle migliori ma stiamo parlando di un software ancora troppo giovane e quasi sicuramente non pronto a sopportare la mole di lavoro che il popolo internet può generare e caricargli sul “groppone“. La fluidità della comunicazione tra ufficio e casa è stata ottima, il VNC rispondeva in tempi brevi, idem il protocollo RDP, estremamente comoda la possibilità di condivdere i dati tra un PC e l’altro semplicemente con due clic.

A questo punto non resta che attendere la giusta maturazione del software affinché possa diventare ancora più appetitoso rispetto ad oggi :)

Buon lavoro.

×

Attenzione

Questo post è stato scritto più di 5 mesi fa, potrebbe non essere aggiornato. Per qualsiasi dubbio ti invito a lasciare un commento per chiedere ulteriori informazioni! :-)

Gioxx's Wall Se hai correzioni o suggerimenti puoi lasciare un commento nell'apposita area qui di seguito o contattarmi privatamente.
Ti è piaciuto l'articolo? Offrimi un caffè! Satispay / PayPal / Buy Me A Coffee / Patreon
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: